Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 184
Totale: 184
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: News
03: coppermine
04: News
05: Stories Archive
06: News
07: coppermine
08: Home
09: Home
10: coppermine
11: Home
12: Home
13: Home
14: coppermine
15: coppermine
16: News
17: coppermine
18: News
19: Home
20: Home
21: News
22: Search
23: coppermine
24: Home
25: Home
26: Stories Archive
27: coppermine
28: coppermine
29: Home
30: Home
31: coppermine
32: Home
33: News
34: Home
35: coppermine
36: coppermine
37: News
38: coppermine
39: coppermine
40: Search
41: Home
42: News
43: coppermine
44: coppermine
45: coppermine
46: coppermine
47: Home
48: coppermine
49: Search
50: coppermine
51: coppermine
52: coppermine
53: coppermine
54: Home
55: Home
56: coppermine
57: Search
58: coppermine
59: Stories Archive
60: Search
61: coppermine
62: coppermine
63: Home
64: Stories Archive
65: Home
66: coppermine
67: Home
68: Search
69: Home
70: Stories Archive
71: coppermine
72: Search
73: Forums
74: coppermine
75: coppermine
76: Home
77: Home
78: coppermine
79: coppermine
80: News
81: Stories Archive
82: News
83: coppermine
84: Home
85: Home
86: Home
87: coppermine
88: News
89: coppermine
90: Home
91: coppermine
92: Stories Archive
93: Home
94: coppermine
95: Search
96: coppermine
97: Home
98: News
99: coppermine
100: coppermine
101: Home
102: Home
103: Stories Archive
104: News
105: Home
106: Stories Archive
107: Home
108: News
109: News
110: Your Account
111: News
112: coppermine
113: Home
114: News
115: Home
116: News
117: Home
118: Home
119: coppermine
120: coppermine
121: Statistics
122: Search
123: coppermine
124: Home
125: News
126: Home
127: coppermine
128: Home
129: Stories Archive
130: coppermine
131: coppermine
132: Home
133: coppermine
134: Stories Archive
135: coppermine
136: coppermine
137: Home
138: Forums
139: News
140: coppermine
141: Home
142: coppermine
143: Forums
144: Home
145: News
146: Home
147: coppermine
148: coppermine
149: coppermine
150: Stories Archive
151: coppermine
152: coppermine
153: Home
154: Home
155: Forums
156: Stories Archive
157: Search
158: coppermine
159: Home
160: Home
161: coppermine
162: Statistics
163: coppermine
164: News
165: Stories Archive
166: News
167: Stories Archive
168: Stories Archive
169: Home
170: coppermine
171: coppermine
172: coppermine
173: coppermine
174: coppermine
175: Home
176: coppermine
177: coppermine
178: Stories Archive
179: Home
180: Stories Archive
181: Home
182: coppermine
183: Home
184: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8588
  · Viste: 1314960
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Lettere

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

Amore vero
Postato da giamacista il Sabato, 08 ottobre @ 08:46:50 CEST (112 letture)
Lettere










Il mio amore illumina la tua vita
più vera di quando ci siamo conosciuti
adesso oggi è il giorno della messa
e tu ti commuovi serena fino alla fine.

Lo sento sei lontana da me
come ciò che persi albero e verità
solo la tua voce commuove il mio cuore
risplende il tuo viso nel giorno della separazione.

Tutto ciò che cambia i miei giorni
senza chiacchiere come vento nella campagna
io la chiamerò Afrodite
e i tuoi baci più dolci saranno.

Giamacista

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Un pensiero felice?
Postato da Grazia01 il Martedì, 16 aprile @ 08:20:32 CEST (547 letture)
Lettere



Per un pensiero felice?




LETTERA
Il sogno (e non il sonno) della ragione genera i mostri


Un pomeriggio d'estate la mia mente decide di volare libera nel flusso dei pensieri. L'ha deciso lei. Mi lascio portare. Con una progressiva benefica sensazione, come di "risveglio della coscienza", comincia a configurarsi un'idea. Immagino. I mercatini dei bambini, nella festa di paese: giocano il loro mondo spensierato. Dentro il mondo degli adulti. Però, a guardare meglio, il primo pare proprio la riproduzione in miniatura del secondo. Mi stonano le parole "spensierato" e "mercato" associate qui. Che c'entrano i bambini con le logiche del "dio Denaro"? Nel loro spazio di gioco, nelle loro relazioni bambino-bambino, non dovrebbero insinuarsi le dinamiche del mercato! Forse è un po' troppo presto per il loro "addomesticamento" a questa realtà. Perché i bambini imparano già a scambiare oggetti con altri oggetti attraverso la mediazione del denaro? Illuminazione. Perché invece non scambiare fantasie! Passarsi tra le mani sogni, desideri, impressioni, illusioni, fantasticherie, utopie, idee, pensieri. Mettersi lì, un banchetto in mezzo al parco, alla piazza, a commerciare pensieri. La gente che si ferma potrebbe acquistare tutti i pensieri che altri hanno scambiato in precedenza. Acquistarli nel senso di acquisirli, farli propri, dentro di sé. E venderli a loro volta, esprimerli, per metterli a di-sposizione dello scambio futuro. Pensieri. Pensieri felici, come diceva il buon Peter Pan. "Per volare devi aggrapparti al tuo Pensiero Felice". E se puoi volare, allora prima o poi riuscirai a raggiungere la famosa Isola Che Non C'è. Il segreto è che tutti possiamo volare perché tutti sappiamo volare. Solo, ce lo siamo dimenticati. O abbiamo smesso di crederci. Se tutti ci mettessimo in volo, si riuscirebbe a pensare un altro mondo. Quello che immaginiamo, esattamente come ce lo immaginiamo. Spesso mi capita di chiedermi dove stia scritto che il mondo deve andare così. Forse, se cominciassimo a mangiare idee, potremmo davvero farla la nostra rivoluzione. Lei non crede? Con grandissima stima e affetto,
Chiara M. Ferrara
Leggi Tutto... | 3357 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lettera di Tiziano Terzani a Oriana Fallaci
Postato da Grazia01 il Martedì, 22 gennaio @ 12:39:10 CET (961 letture)
Lettere




LETTERA DA FIRENZE
Il sultano e san Francesco

Firenze, 4 ottobre 2001

ORIANA,
dalla finestra di una casa poco lontana da quella in cui anche tu sei nata, guardo le lame austere ed eleganti dei cipressi contro il cielo e ti penso a guardare, dalle tue finestre a New York, il panorama dei grattacieli da cui ora mancano le Torri Gemelle. Mi torna in mente un pomeriggio di tanti, tantissimi anni fa, quando assieme facemmo una lunga passeggiata per le stradine di questi nostri colli argentati dagli ulivi. Io mi affacciavo, piccolo, alla professione nella quale tu eri già grande e tu proponesti di scambiarci delle "Lettere da due mondi diversi": io dalla Cina dell'immediato dopo-Mao in cui andavo a vivere, tu dall'America. Per colpa mia non lo facemmo. Ma è in nome di quella tua generosa offerta di allora, e non certo per coinvolgerti ora in una corrispondenza che tutti e due vogliamo evitare, che mi permetto di scriverti. Davvero mai come ora, pur vivendo sullo stesso pianeta, ho l'impressione di stare in un mondo assolutamente diverso dal tuo. Ti scrivo anche - e pubblicamente per questo - per non far sentire troppo soli quei lettori che forse, come me, sono rimasti sbigottiti dalle tue invettive, quasi come dal crollo delle due Torri. Là morivano migliaia di persone, e con loro il nostro senso di sicurezza; nelle tue parole sembra morire il meglio della testa umana, la ragione; il meglio del cuore, la compassione. Il tuo sfogo mi ha colpito, ferito e mi ha fatto pensare a Karl Kraus. "Chi ha qualcosa da dire si faccia avanti e taccia", scrisse, disperato del fatto che, dinanzi all'indicibile orrore della prima guerra mondiale, alla gente non si fosse paralizzata la lingua. Al contrario, gli si era sciolta, creando tutto attorno un assurdo e confondente chiacchierio. Tacere per Kraus significava riprendere fiato, cercare le parole giuste, riflettere prima di esprimersi. Lui usò di quel consapevole silenzio per scrivere Gli ultimi giorni dell'umanità, un'opera che sembra essere ancora di un'inquietante attualità. Pensare quel che pensi e scriverlo è un tuo diritto. Il problema è però che, grazie alla tua notorietà, la tua brillante lezione di intolleranza arriva ora anche nelle scuole, influenza tanti giovani, e questo mi inquieta. Il nostro di ora è un momento di straordinaria importanza. L'orrore indicibile è appena cominciato, ma è ancora possibile fermarlo facendo di questo momento una grande occasione di ripensamento. È un momento anche di enorme responsabilità perché certe concitate parole, pronunciate dalle lingue sciolte, servono solo a risvegliare i nostri istinti più bassi, ad aizzare la bestia dell'odio che dorme in ognuno di noi e a provocare quella cecità delle passioni che rende pensabile ogni misfatto e permette, a noi come ai nostri nemici, il suicidarsi e l'uccidere. "Conquistare le passioni mi pare di gran lunga più diffìcile che conquistare il mondo con la forza delle armi. Ho ancora un diffìcile cammino dinanzi a me", scriveva nel 1925 quella bell'anima di Gandhi.
Leggi Tutto... | 26535 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lettera da Benjamin Franklin a Madame Brillon
Postato da Grazia01 il Giovedì, 09 febbraio @ 21:48:12 CET (630 letture)
Lettere






Lettera da Benjamin Franklin a Madame Brillon


10 Novembre 1779

Che differenza, cara amica, fra voi e me. Voi trovate in me innumerevoli difetti, laddove io ne vedo in voi solo uno (ma forse è colpa dei miei occhiali). Voglio dire questa specie di avarizia che vi porta a cercare il monopolio su tutti i miei affetti, e non concedermene alcuno per le gentili signore del vostro paese.Pensate che sia impossibile per il mio affetto (o la mia tenerezza) essere diviso senza essere sminuito ? Vi ingannate, e dimenticate il piacevole modo in cui mi avete placcato.Rinunciate ed escludete tutto quello che può essere carnale dal vostro affetto, permettendomi solo alcuni baci, civili e onesti, come potreste permettere ai vostri cuginetti. Che cosa ricevo di cosi speciale da impedirmi di dare lo stesso alle altre, senza togliere quello che appartiene a voi?… Il dolce suono che le vostre abili mani traggono dal pianoforte può essere goduto da venti persone allo stesso tempo senza per nulla diminuire il piacere che voi cosi cortesemente intendete per me, e io potrei, con altrettanta ragione, domandare al vostro affetto che a nessun altro orecchio se non al mio sia concesso il fascino di questi dolci suoni.

Benjamin Franklin
Leggi Tutto... | 279 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UNA LETTERA DI ASSUNZIONE SCRITTA DA LEONARDO
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 18 gennaio @ 19:52:41 CET (747 letture)
Lettere
Nel 1482 Leonardo lascia Firenze e si trasferisce a Milano, alla corte di Ludovico Sforza detto il Moro: ha trent’anni, è un artista affermato, ed è alla ricerca di forti stimoli professionali (come la realizzazione di un colossale monumento equestre in bronzo per il padre di Ludovico, Francesco). Ci resterà fino al 1499. Prima di trasferirsi, l’artista aveva inviato al duca una lettera che è stata definita una vera e propria domanda d’assunzione. Una specie di curriculum, in cui si elencano tutte le sue abilità ordinate in dieci punti… nove dei quali sono usati per illustrare quanto sia bravo nell’ideare letali armi e macchine da guerra e solo uno, il decimo, presenta sinteticamente le sue qualità di artista. Un po’ strano per un uomo che è stato considerato un pacifista. Infatti nei suoi scritti ha definito più volte la guerra una “pazzia bestialissima”; e vicino al suo progetto di sottomarino, ideato per affondare le navi nemiche, ha scritto “e questo non lo pubblico o divulgo per le male nature delli omini”. C’è quindi chi pensa che nella lettera Leonardo abbia insistito sulle armi solo per far colpo sul duca, che in quegli anni turbolenti poteva considerare utile avere al suo servizio un esperto di macchine da guerra e strategia militare. In ogni caso ecco la lettera, trovata tra gli scritti del Codice Atlantico, conservato nella Biblioteca Ambrosiana di Milano. Accanto al testo leonardesco c’è un libero adattamento in italiano corrente.



Avendo, signor mio Illustrissimo, visto et considerato ormai ad sufficienzia le prove di tutti quelli che si reputano maestri et compositori de instrumenti bellici, et che le invenzione e operazione di dicti instumenti non sono niente alieni dal comune uso, mi exforzerò, non derogando a nessuno altro, farmi intender da V. Excellentia, aprendo a quella li secreti miei, et appresso offrendoli ad omni suo piacimento in tempi opportuni, operare cum effecto circa tutte quelle cose che sub brevità in parte saranno qui sotto notate (et anchora in molte più secondo le occurrentie de’ diversi casi etcetera):
Leggi Tutto... | 3039 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Testo della lettera a Francesco Vettori, orator della Repubblica Fiorentina
Postato da Grazia01 il Giovedì, 17 novembre @ 15:01:55 CET (779 letture)
Lettere



Magnifico oratori Florentino Francisco Vectori apud Summum Pontificem et benefactori suo. Romae (A Francesco Vettori, Magnifico ambasciatore fiorentino presso il Sommo Pontefice, proprio benefattore. In Roma)


Magnifico ambasciatore. Tarde non furon mai grazie divine. Dico questo, perché mi pareva haver perduta no, ma smarrita la grazia vostra, sendo stato voi assai tempo senza scrivermi; ed ero dubbio donde potessi nascere la cagione. E di tutte quelle mi venivono nella mente tenevo poco conto, salvo che di quella quando io dubitavo non vi havessi ritirato da scrivermi, perché vi fussi suto scritto che io non fussi buon massaio delle vostre lettere; e io sapevo che, da Filippo e Pagolo in fuora, altri per mio conto non le haveva viste. Hònne rihaùto per l'ultima vostra de' 23 del passato, dove io resto contentissimo vedere quanto ordinatamente e quietamente voi esercitate cotesto ufizio publico; e io vi conforto a seguire così, perché chi lascia i sua comodi per li comodi d'altri, e’ perde e’ sua, e di quelli non li è saputo grado. E poiché la fortuna vuol fare ogni cosa, ella si vuole lasciarla fare, stare quieto e non le dare briga, e aspettar tempo che la lasci fare qualche cosa agl’huomini; e all’hora starà bene a voi durare più fatica, vegliar più le cose, e a me partirmi di villa e dire: eccomi. Non posso pertanto, volendo rendere pari grazie, dirvi in questa mia lettera altro che qual sia la vita mia; e se voi giudicate che sia a barattarla con la vostra, io sarò contento mutarla.
Leggi Tutto... | 6700 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Franz Kafka a Felice Bauer
Postato da Grazia01 il Lunedì, 17 ottobre @ 18:34:56 CEST (807 letture)
Lettere


da Franz Kafka a Felice Bauer

Praga, 20 Settembre 1912


Gentile Signorina,
Per il caso facilmente possibile che Lei possa ricordarsi più minimamente di me, mi presento un'altra volta: mi chiamo Franz Kafka e sono quello che la prima volta la salutò a Praga quella sera in casa del direttore Brod, poi le porse da un lato all'altro della tavola fotografie di un viaggio da Talia, l'una dopo l'altra, e infine con questa mano, che ora batte i tasti, tenne la Sua con la quale Lei confermò la promessa di fare con lui l'anno venturo un viaggio in Palestina. Se é ancora dell'idea di intraprendere quel viaggio.
Lei disse allora di non essere di carattere volubile né io notai qualcosa di simile in Lei, sarà non solo opportuno, ma assolutamente necessario che fin da ora cerchiamo di intenderci per questo viaggio. Dovremo infatti sfruttare fino in fondo le nostre ferie, troppo brevi per un viaggio in Palestina, e lo potremo fare soltanto se ci saremo preparati nel miglior modo possibile e se saremo d'accordo su tutti i preparativi. Devo soltanto confessare una cosa, per quanto suoni male e oltre a ciò male si adatti a quanto ho scritto: io non sono puntuale nello scrivere lettere. Anzi sarebbe peggio di quanto non sia già se non possedessi la macchina per scrivere; infatti se qualche volta il mio umore non fosse sufficiente per una lettera, ci sono in fin dei conti pur sempre le punta delle dita che possono scrivere. In compenso non mi aspetto mai che le lettere arrivino puntualmente; perfino quando ne aspetto una con ansia ogni giorno nuova, non resto mai deluso se non arriva, e quando infine arriva rimango facilmente scosso. Nell'infilare ogni foglio noto che mi sono presentato forse più difficile di quanto non sia. Ben mi starebbe se avessi commesso questo errore: infatti perché mi metto a scrivere questa lettera dopo sei ore d'ufficio e con una macchina alla quale non sono molto avvezzo? Eppure, eppure - é l'unico svantaggio dello scrivere a macchina quello di sviarsi così - se anche ci dovessero essere dubbi, dubbi pratici intendo, per prendermi in un viaggio come accompagnatore, guida, zavorra, tiranno e quello che ancora potessi diventare, contro di me in quanto corrispondente (e solo di questo si tratterebbe per il momento) non ci dovrebbe essere da fare alcuna obiezione decisa e Lei potrebbe probabilmente tentare con me.
Suo cordialmente devoto

Dott. Franz Kafka



Quando Franz Kafka (1883/1924) e Felice Bauer si incontrano in casa di Max Brod, lui ha ventinove anni e lei venticinque. E' un amore lungo e tormentato, dura dal 1912 al 1917 con fidanzamenti, rotture, riunioni e l'addio definitivo. Nel 1915, Felice su suggerimento di Kafka, offre la sua collaborazione volontaria alla Casa del Popolo ebraica per i figli degli ebrei orientali che vivevano a Berlino in condizioni estremamente precarie.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Victoria Ocampo a Rabindranath Tagore
Postato da Grazia01 il Venerdì, 16 settembre @ 10:18:57 CEST (961 letture)
Lettere





Victoria Ocampo a Rabindranath Tagore

San Isidro, 6 gennaio 1925

Caro Gurudev,
Ieri sono andata a casa tua ( Miralrio ). Lo ammetto, non è stata una cosa molto saggia. Il tramonto faceva capolino sopra la scala e sapevo che mi stava aspettando nella tua stanza vuota. Uno spaventoso senso di solitudine mi ha perseguita da quando ho lasciato te e la Giulio Cesare, e speravo di raccogliere alcune briciole della mia recente felicità nella casa dove avrei vissuto. Ma le cose non possono confortare. Rendono tutto peggio.
Leggi Tutto... | 2158 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


da Manon Balletti a Giacomo Casanova
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 07 settembre @ 08:25:10 CEST (816 letture)
Lettere





da Manon Balletti a Giacomo Casanova

(Parigi, fine Agosto 1757)


Domenica a mezzanotte

Mi rendo sempre più conto della tenera amicizia che provo per voi, mio caro Casanova; ora più che mai. La vostra lontananza mi dà un grande dolore che non so esprimere a parole.
Sono cosi accasciata da non averne la forza. Non so rassegnarmi alla triste idea che siate lontano da me, che per due interi mesi non vi potrò vedere e non avrò neppure vostre notizie.
Queste melanconie mi opprimono, mi gelano il cuore. Non devo pensarci; ahimè!, mio caro amico, se lo facessi mi priverei della gioia di testimoniarvi la mia amicizia.
Leggi Tutto... | 2895 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


da Giovanni Verga a Dina
Postato da Grazia01 il Venerdì, 02 settembre @ 18:35:41 CEST (782 letture)
Lettere

Mendrisio, 29 Agosto 1900

Tante, tante cose ti vorrei dire che mi si affollano alla mente e mi gonfiano in cuore e che diventano fredde e sciocche nella carta.
Questo solo ti dico, che ti ho ancora e sempre dinanzi agli occhi, e ti accompagnano in ogni ora della tua giornata, e sento che mi manca la più cara e la miglior parte di me stesso.
Leggi Tutto... | 1806 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A Robert Schumann da Clara Wieck
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 24 agosto @ 18:56:49 CEST (787 letture)
Lettere

A Robert Schumann da Clara Wieck

Lipsia 15 agosto 1837
Mi chiedi solo un semplice "si"? Una parola cosi' piccola - ma cosi' importante.
Come potrebbe un cuore colmo di amore ineffabile qual'e' il mio non dire questa piccola parola con tutte le sue forze?
La dice e la mia anima piu' segreta non fa che bisbigliarti.
Potessi descriverti le pene del mio cuore, le molte lacrime - oh no! Forse il destino vorra' che ci rivediamo presto e allora...
Le tue proposte mi paiono rischiose, ma un cuore innamorato non tiene conto dei pericoli.
Ancora una volta ti dico "si" che Iddio voglia trasformare il mio diciottesimo compleanno in un giorno di afflizione? Oh no! Sarebbe troppo orribile. Inoltre da tempo sento che "deve essere cosi'", nulla al mondo mi persuadera' ad allontanarmi da cio' che ritengo giusto e dimostrero' a mio padre che un cuore giovanissimo puo' anche essere risoluto nei suoi propositi.

Clara
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lettera di Keats a Fanny Brawne
Postato da Grazia01 il Sabato, 13 agosto @ 10:04:02 CEST (1046 letture)
Lettere




Lettera di Keats a Fanny Brawne (1800-1865 -Frances fu la sua fidanzata) sono tra le più famose lettere d'amore mai scritte. Come i vicini della porta accanto, si sono scambiati numerosi brevi bigliettini, talvolta perfino appassionati. Delle lettere di Fanny a Keats nessuna sopravvisse. Keats pare, spesso sia stato sconvolto dal suo comportamento e incerto del suo affetto. La sua malattia li ha molto avvicinati, tanto che quando lui è partito per Roma, entrambi sono stati impegnati e almeno Keats, profondamente innamorato.
Leggi Tutto... | 1774 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lettera di Celine
Postato da Grazia01 il Venerdì, 12 agosto @ 13:05:19 CEST (1257 letture)
Lettere


Questa lettera è una delle 5 lettere che Elizabeth Craig,
presa da una crisi di coscienza, non ha distrutto delle centinaia ricevute da Céline.

Venerdì

Tesoro mio

Che cosa succede — ? Mi domando dove sei …se sei lontana... sto parlando alla luna?...
Dai! prova a scrivermi un po’ —Scoiattolo — ? Perduta? Consumata? o stai facendo fortuna? mi domando
Le fortune non si fanno in una settimana. Torna presto o te le suono. Troppo stanca?
Vado a cercare golo golo. Se non fai la brava ti —faccio il malocchio.. e parlo Corocoro —
Bene non fare troppi progetti se stai cominciando qualcosa di veramente preciso va benissimo
Non ci sono soltanto l’interesse e le speranze. Sono solo un aperitivo. Presto. Dimmi quando baci —
Louis


da: Louis Ferdinand Céline - lettere a Elizabeth
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lettera speciale
Postato da moirac il Domenica, 07 marzo @ 19:32:54 CET (1069 letture)
Lettere
Caro amico speciale,


Leggi Tutto... | 763 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.5


VENT'ANNI DOPO
Postato da Anonimo il Sabato, 29 novembre @ 23:11:51 CET (938 letture)
Lettere Ripresa da una lettera vera, ha partecipato -senza vincere- al Concorso YAMAMAY '08. Almeno un mese di lavoro.

Leggi Tutto... | 635 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LETIERA DI DON CHISCIOTIE A DULCINEA DEL TOBOSO
Postato da Grazia01 il Martedì, 28 ottobre @ 16:56:23 CET (1151 letture)
Lettere

LETTERA DI DON CHISCIOTIE A DULCINEA DEL TOBOSO

«Eccelsa e nobile signora:
Il ferito dalle punte della lontananza e il piagato nel più profondo del cuore, dolcissima Dulcinea del Toboso,
Leggi Tutto... | 837 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LETTERA AD UN AMORE LONTANO
Postato da claudiocisco il Domenica, 12 ottobre @ 08:45:06 CEST (4605 letture)
Lettere


È quasi Natale ormai

ma non è più festa per me,

ogni giorno è uguale all'altro.
Leggi Tutto... | 1794 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.66


Addio
Postato da moirac il Giovedì, 14 agosto @ 18:37:28 CEST (871 letture)
Lettere
Questo è l'epilogo del mio saggio "L'amicizia"

Leggi Tutto... | 1049 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


L'amicizia
Postato da moirac il Sabato, 10 maggio @ 10:57:54 CEST (1352 letture)
Lettere LETTERA A CUORE APERTO

QUESTA E’ LA STORIA DI UNA RAGAZZA UMILE E SEMPLICE CHE CREDE VERAMENTE NEI VALORI DELLA VITA E SOPRATTUTTO ALLA VERA AMICIZIA, PERCHE’ NELL’ARCO DELLA SUA VITA HA SCOPERTO TANTI TIPI DI PERSONE MA NESSUNA DELLE QUALI VERAMENTE UNICHE E SPECIALI.
FORSE L’UNICA VERAMENTE SPECIALE E’ QUELLA VISSUTA CON UNA RAGAZZA PIU’ GRANDE DI LEI, MA ALLA FINE LE HA DISTRUTTO IL VERO SENSO DELL’ AMICIZIA E FIDUCIA CHE AVEVA NEI SUOI RIGUARDI.


Leggi Tutto... | 14691 bytes aggiuntivi | 4 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.8


Floria Emilia a sant'Agostino
Postato da Grazia01 il Martedì, 16 ottobre @ 18:56:29 CEST (1587 letture)
Lettere Frammenti della lettera di Floria Emilia a sant'Agostino

Comunque non dimenticherò le tue mani desiderose di giochi e le tue battute argute.
Constato che ti sei smarrito fra i teologi.
Che occupazione meschina!
Come può il piccolo gestire il grande? Come può l’opera definire il maestro?



Si, come può l’opera decidere di cessare d’essere un’opera?
Veniamo creati esseri umani, Aurelio.
E veniamo creati uomo e donna.
Leggi Tutto... | 1904 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A Giuseppina Beauharnais
Postato da Antonio il Mercoledì, 19 settembre @ 22:49:50 CEST (1374 letture)
Lettere

A Giuseppina Beauharnais

primavera 1797

Non ti amo più; al contrario, ti detesto.
Sei una disgraziata, realmente perversa, realmente stupida, una vera e propria Cenerentola.
Leggi Tutto... | 1187 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Adele Sandrock a Arthur Schnitzler
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 luglio @ 22:51:26 CEST (1071 letture)
Lettere
Adele Sandrock, attrice e donna “ liberata” ed istrionica,
ricorda così a Schnitzler una loro gloriosa notte d’amore:

Leggi Tutto... | 785 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Johann Wolfgang Goethe a Charlotte Von Stein
Postato da Antonio il Mercoledì, 04 luglio @ 23:32:21 CEST (1022 letture)
Lettere


Johann Wolfgang Goethe a Charlotte Von Stein

Il tuo amore è per me come la stella della sera e quella dei mattino:
tramonta dopo il sole e sorge prima di esso.
Come la stella polare che non tramonta mai,
e intreccia sopra le nostre teste una corona eternamente viva.
Prego gli dèi che mi concedano di non veder mai oscurato il cammino della mia vita.
La prima pioggia di primavera sciuperà la nostra passeggiata:
ma rinverdirà le piante, e fra poco noi potremo rallegrarci del primo vento.
Non abbiamo, finora, mai goduto insieme di una così bella primavera:
Dio voglia che essa non si muti in autunno.
Addio. Verso mezzogiorno verrò a prendere sue notizie. Addio, cara, buona.

Wolfgang
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Zelda Fitzgerald
Postato da Grazia01 il Lunedì, 18 giugno @ 18:59:51 CEST (2087 letture)
Lettere

Zelda Fitzgerald
a
Francis Scott Fitzgerald


Scott, sei proprio spaventosamente sciocco - In primo luogo, non ho dato a nessuno il bacio d’addio, e in secondo luogo, nessuno è partito -
Leggi Tutto... | 972 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gino Strada
Postato da Antonio il Mercoledì, 13 giugno @ 18:25:41 CEST (2736 letture)
Lettere

"Ho lasciato l'Afghanistan pochi giorni fa. Quando sono partito, Fahim Khan era agonizzante nel reparto di rianimazione. Diciannove anni, dilaniato da una bomba non lontano dal palazzo reale di Kabul, mentre stava tentando di rimettere a posto la propria casa danneggiata dai bombardamenti.
Leggi Tutto... | 1866 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LUDWIG VAN BEETHOVEN A UNA DONNA SCONOSCIUTA
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 giugno @ 23:05:19 CEST (872 letture)
Lettere

Mio angelo, mio tutto, mio io. Solo poche parole per oggi e addirittura a matita (con la tua) — Non sarò sicuro del mio alloggio sino a domani; che inutile perdita di tempo è tutto ciò! — Perché quest'angoscia profonda, quando parla la necessità — il nostro amore può forse durare senza sacrifici, senza che ciascuno di noi pretenda tutto dall’altro; puoi tu mutare il fatto che tu non sei tutta mia, io non sono tutto tuo?
Leggi Tutto... | 1853 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lettera di Gesu' alla Madre
Postato da Antonio il Venerdì, 08 giugno @ 11:57:14 CEST (2278 letture)
Lettere

Cara Mamma,
e' notte.
Quando ti sarai alzata, me ne saro' gia' andato.
Voglio spiegarti perche' me ne vado.
Per trent'anni ho osservato la gente del paese e ho cercato di capire cio' che li preoccupa, li fa alzare ogni giorno, e cosa sognano la notte.
Leggi Tutto... | 1643 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Lettera d'amore di BAUDELAIRE
Postato da Grazia01 il Giovedì, 07 giugno @ 09:18:57 CEST (2244 letture)
Lettere

CHARLES BAUDELAIRE PER JEANNE DUVAL

Un emisfero in una chioma

Lasciami respirare a lungo, a lungo, l’odore dei tuoi capelli. affondarvi tutta la faccia, come un assetato nell’acqua di una sorgente, e agitarli con la mano come un fazzoletto odoroso, per scuotere dei ricordi nell’aria.
Se tu sapessi tutto quello che vedo!
Leggi Tutto... | 1414 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Siediti al sole [ 0 commenti - 11 letture ]
 Friedrich-von-Amerling [ 0 commenti - 9 letture ]
 Mare nostro [ 0 commenti - 11 letture ]
 Incidente stradale [ 0 commenti - 18 letture ]
 Fernanda Pivano [ 0 commenti - 27 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy