Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 244
Totale: 244
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: Search
03: Home
04: Home
05: Home
06: Forums
07: Home
08: Home
09: Home
10: News
11: Home
12: News
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: News
18: coppermine
19: Home
20: Home
21: Home
22: News
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Forums
29: Home
30: Home
31: Home
32: News
33: News
34: Home
35: News
36: Stories Archive
37: Home
38: Search
39: coppermine
40: Your Account
41: Home
42: coppermine
43: Home
44: Home
45: Stories Archive
46: News
47: Search
48: Search
49: Forums
50: Statistics
51: Home
52: Home
53: Home
54: Search
55: News
56: Home
57: Home
58: Home
59: Stories Archive
60: coppermine
61: Home
62: Home
63: News
64: Stories Archive
65: Stories Archive
66: Home
67: Forums
68: Home
69: Home
70: Home
71: News
72: Home
73: Your Account
74: Home
75: Home
76: Tell a Friend
77: Home
78: Home
79: Home
80: News
81: Home
82: News
83: Home
84: Your Account
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: News
91: Home
92: Surveys
93: Home
94: Home
95: Forums
96: Home
97: Home
98: News
99: Home
100: News
101: Home
102: Home
103: News
104: Home
105: News
106: coppermine
107: Home
108: News
109: News
110: Stories Archive
111: Home
112: Home
113: Home
114: coppermine
115: Stories Archive
116: News
117: Home
118: Home
119: Stories Archive
120: News
121: Home
122: News
123: Home
124: News
125: Home
126: Forums
127: Home
128: News
129: Home
130: Home
131: Home
132: News
133: Home
134: coppermine
135: Home
136: coppermine
137: News
138: News
139: News
140: Stories Archive
141: coppermine
142: Home
143: Home
144: News
145: Home
146: Home
147: Home
148: Statistics
149: Home
150: News
151: Home
152: Stories Archive
153: Stories Archive
154: News
155: coppermine
156: News
157: Your Account
158: Home
159: News
160: coppermine
161: Home
162: Home
163: Home
164: News
165: News
166: coppermine
167: News
168: News
169: News
170: Search
171: Home
172: News
173: News
174: coppermine
175: News
176: News
177: Home
178: Stories Archive
179: Home
180: Home
181: News
182: Home
183: Home
184: Home
185: Contact
186: News
187: Stories Archive
188: coppermine
189: Home
190: News
191: Home
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: coppermine
198: Home
199: News
200: Home
201: Home
202: News
203: Home
204: Forums
205: News
206: Search
207: News
208: Stories Archive
209: Stories Archive
210: Home
211: Search
212: Home
213: Home
214: News
215: Forums
216: Tell a Friend
217: Home
218: News
219: Search
220: Home
221: News
222: Forums
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Search
230: Search
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: News
238: News
239: coppermine
240: News
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924737
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Racconti di Italo Calvino

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

L'inferno dei viventi
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 12 settembre @ 21:52:17 CEST (968 letture)
Racconti di Italo Calvino










"L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà;
se ce n'è uno, è quello che è già qui,
l'inferno che abitiamo tutti i giorni,
che formiamo stando insieme.
Due modi ci sono per non soffrirne.
Il primo riesce facile a molti:
accettare l'inferno e diventarne parte
fino al punto di non vederlo più.
Il secondo è rischioso
ed esige attenzione e apprendimento continui:
cercare e saper riconoscere chi e cosa,
in mezzo all'inferno, non è inferno,
e farlo durare, e dargli spazio. "

Italo Calvino
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Marcovaldo è uno di noi
Postato da Grazia01 il Domenica, 16 ottobre @ 18:48:07 CEST (1228 letture)
Racconti di Italo Calvino


È forse la forza della fantasia, dell'immaginazione. Marcovaldo mi ha sempre strappato un sorriso, da sempre, sin dalla prima volta, ormai molti anni fa, che ho letto delle sue avventure. L'ho sempre immaginato come una persona un pochino buffa, forse appena il retaggio di quando ero più piccolo e semplicemente Marcovaldo, e quelle che allora erano per me fiabe mi facevano divertire, mi facevano sorridere. In realtà, almeno dell'aspetto fisico, di Marcovaldo non sappiamo nulla. Immaginarcelo buffo in fondo è appena una proiezione dei nostri pensieri e immagino che Calvino sia, fosse, contento così, meglio un personaggio buffo che un ometto triste. E qualche ragione per esserlo, triste, Marcovaldo l'avrebbe. Una vita difficile, al limite della povertà, un lavoro pesante, sfruttato, Domitilla la moglie sempre pronta a lamentarsi, a rimproverarlo, una banda di figli, un appartamentino, una piccola mansarda o un umido seminterrato, in cui si sta stretti stretti. Ma Marcovaldo non è mai triste, solo forse qualche fugace ombra ogni tanto, e come potrebbe essere altrimenti, ma non è mai una persona triste. Conserva sempre un fondo di ingenuità, di speranza. Basta un nulla, appena un nulla, per farlo sperare, forse non per farlo sorridere, ma certo per dargli una speranza. Non sorride quasi mai Marcovaldo. Almeno io non me lo ricordo. Non che non sia felice, almeno in qualche momento. Ma non ce lo racconta mai tramite i sorrisi, piuttosto tramite aspettative, carichi momenti di attesa, che poi però sempre la natura o gli uomini gli fanno svanire. Quasi una sorte di triste fatalismo, quasi che Calvino voglia sempre ricordarci che per l'uomo è molto più facile essere sconfitti. Ma poi in realtà non è così. Marcovaldo per i canoni di oggi è certo una persona sconfitta. Però ha una sua forza. Ha la forza di ricominciare. Sempre gli basta davvero un nulla, dei funghi nell'aiuola, le api usate contro i reumatismi, la neve, per alimentare le sue speranze, i suoi sogni. Piccole speranze, piccoli sogni, però davvero la sua forza e forse anche la nostra. Quella di ricominciare sempre, e non è cosa da poco. Scriveva Calvino ne Le città invisibili nel 1972, già parecchi anni dopo Marcovaldo: "L'inferno è già qui. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e approfondimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio". Ecco forse è eccessivo dare a Marcovaldo questa forza, questa consapevolezza. Però in lui già vi sono alcuni di questi momenti, anche forse solo accennati. Lui non sa ancora di vivere nell'inferno e forse lui fa un po' tutte e due le cose. Accetta la sua vita con rassegnazione però al tempo stesso va alla ricerca di ogni piccolo spunto, di ogni piccolo attimo, che in mezzo all'inferno non sia inferno.
Leggi Tutto... | 9580 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Le città continue
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 28 maggio @ 16:45:17 CEST (1610 letture)
Racconti di Italo Calvino

Per parlarti di Pentesilea dovrei cominciare a descriverti l'ingresso nella città. Tu certo immagini di vedere levarsi dalla pianura polverosa una cinta da mura, d'avvicinarti passo passo alla porta, sorvegliata dai gabellieri che già guardano storto ai tuoi fagotti. Fino a che non l'hai raggiunta ne sei fuori; passi sotto un archivolto e ti ritrovi dentro la città; il suo spessore compatto ti circonda; intagliato nella sua pietra c'è un disegno che ti si rivelerà se ne segui il tracciato tutto spigoli.
Se credi questo, sbagli: a Pentesilea è diverso.
Leggi Tutto... | 2300 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Funghi in città di Italo Calvino
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 febbraio @ 14:14:33 CET (7565 letture)
Racconti di Italo Calvino

Il vento, venendo in città da lontano, le porta doni inconsueti, di cui s'accorgono solo poche anime sensibili. Come i raffreddati del fieno, che starnutano per pollini di fiori d'altre terre.
Un giorno, sulla striscia d'aiola di un corso cittadino capitò chissà donde una ventata di spore, e ci germinarono dei funghi. Nessuno se ne accorse tranne il manovale Marcovaldo che proprio lì prendeva ogni mattina tram.
Leggi Tutto... | 6292 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3.5


Leonia di Italo Calvino
Postato da Grazia01 il Lunedì, 11 febbraio @ 17:10:10 CET (3087 letture)
Racconti di Italo Calvino

La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti, estrae dal più perfezionato frigorifero barattoli di latta ancora intonsi, ascoltando le ultime filastrocche che dall'ultimo modello d'apparecchio.
Leggi Tutto... | 3330 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3.5


Pesci grossi, pesci piccoli di Italo Calvino
Postato da Grazia01 il Lunedì, 11 febbraio @ 15:30:16 CET (7621 letture)
Racconti di Italo Calvino

Pesci grossi, pesci piccoli

Il padre di Zeffirino non si metteva mai in costume da bagno. Stava in calzoni rimboccati e maglietta, con in capo il berretto di tela bianca, e non si staccava mai dalla scogliera. La sua passione erano le patelle, i piatti molluschi che stanno appiccicati allo scoglio, e fanno col loro durissimo guscio quasi tutt'uno con la pietra. Per staccarle il padre di Zeffirino adoperava un coltello, e ogni domenica col suo sguardo occhialuto passava in rassegna una per una le rocce della punta. Continuava finché la sua piccola cesta non era piena di patelle; qualcuna la mangiava appena colta, succhiandone la polpa umida ed agra come da un cucchiaio; le altre le metteva in una cesta. Ogni tanto alzava gli occhi, li girava un po' spersi sul mare liscio e chiamava: - Zeffirino! Dove sei?
Leggi Tutto... | 16434 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.66


Un bel gioco dura poco
Postato da Grazia01 il Venerdì, 08 febbraio @ 13:56:04 CET (1753 letture)
Racconti di Italo Calvino

Un bel gioco dura poco

Giovannino e Serenella giocavano alla guerra. C'era un torrente asciutto, con le rive tutte canne e il letto tutte massi grigi e gialli. Non c'erano nemici né vere e proprie battaglie che cominciassero e finissero, ma solo da andare giù per il torrente con una canna in mano, facendo scene di guerra così come veniva in mente.
Le canne erano tutte le armi: baionetta, e Giovannino si buttava all' assalto su di un greto sabbioso emettendo un versaccio gutturale; mitragliatrice, e la piazzava in una sella tra due scogli facendola girare intorno con rumori sussultanti; bandiera, e s'arrampicava, alfiere, a puntarla in cima ad una gobba d'isola e poi cadeva con la mano al cuore.
Leggi Tutto... | 11623 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La cura delle vespe di Italo Calvino
Postato da Grazia01 il Lunedì, 06 novembre @ 20:30:56 CET (9540 letture)
Racconti di Italo Calvino

L'inverno se ne andò e si lasciò dietro i dolori reumatici. Un leggero sole meridiano veniva a rallegrare le giornate, e Marcovaldo passava qualche ora a guardar spuntare le foglie, seduto su una panchina, aspettando di tornare a lavorare. Vicino a lui veniva a sedersi un vecchietto, ingobbito nel suo cappotto tutto rammendi: era un certo signor Rizieri, pensionato e solo al mondo, anch' egli assiduo delle panchine soleggiate. Ogni tanto questo signor Rizieri dava un guizzo, gridava - Ahi! - e si ingobbiva ancora di più nel suo cappotto. Era carico di reumatismi, di artriti, di lombaggini, che raccoglieva nell'inverno umido e freddo e che continuavano a seguirlo tutto l'anno. Per consolarlo, Marcovaldo gli spiegava le varie fasi dei reumatismi suoi, e di quelli di sua moglie e di sua figlia maggiore Isolina, che, poveretta, non cresceva tanto sana.
Leggi Tutto... | 7433 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.1


Il contadino astrologo di Italo Calvino
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 settembre @ 20:01:15 CEST (3867 letture)
Racconti di Italo Calvino

C'era una volta un re che aveva perduto un anello prezioso. cerca qua, cerca là, non si trova. mise fuori un bando che se un astrologo gli sa dire dov'è, lo fa ricco per tutta la vita.
C'era un contadino senza un soldo, che non sapeva né leggere né scrivere, e si chiamava Gàmbara. "sarà tanto difficile fare l'astrologo? -si disse- mi ci voglio provare". e andò dal re.
Il re lo prese in parola, e lo chiuse a studiare in una stanza. nella stanza c'era solo un letto e un tavolo con un gran libraccio d'astrologia, e penna carta e calamaio.
Leggi Tutto... | 2882 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 27 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 23 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 30 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 497 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 72 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 26
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy