Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 231
Totale: 231
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: coppermine
06: Home
07: Home
08: Forums
09: Search
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: News
27: News
28: Home
29: News
30: Home
31: coppermine
32: Home
33: Home
34: News
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: coppermine
42: Home
43: Home
44: Home
45: coppermine
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: coppermine
51: Home
52: Home
53: coppermine
54: Home
55: coppermine
56: Home
57: Home
58: coppermine
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: coppermine
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Stories Archive
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Search
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: coppermine
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Forums
94: Home
95: Home
96: Home
97: coppermine
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: Stories Archive
102: Home
103: Home
104: Home
105: coppermine
106: Home
107: Home
108: Home
109: News
110: Home
111: Home
112: coppermine
113: Home
114: News
115: Home
116: Home
117: coppermine
118: Home
119: Home
120: News
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: Home
125: Home
126: Home
127: News
128: Home
129: Home
130: Home
131: News
132: Home
133: Home
134: Home
135: Search
136: Search
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Search
142: Home
143: Stories Archive
144: News
145: News
146: Home
147: coppermine
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Search
159: News
160: coppermine
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Forums
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: News
173: Home
174: Home
175: Search
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: coppermine
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: coppermine
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: coppermine
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: Home
205: News
206: coppermine
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: News
225: Home
226: coppermine
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8849
  · Viste: 1576365
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Poesie e prosa di Erri De Luca

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

Mare nostro
Postato da Grazia01 il Sabato, 18 novembre @ 13:07:59 CET (332 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca







Mare nostro che non sei nei cieli
e abbracci i confini dell’isola e del mondo,
sia benedetto il tuo sale,
sia benedetto il tuo fondale.
Accogli le gremite imbarcazioni
senza una strada sopra le tue onde,
i pescatori usciti nella notte,
le loro reti tra le tue creature,
che tornano al mattino con la pesca
dei naufraghi salvati.
Mare nostro che non sei nei cieli,
all’alba sei colore del frumento,
al tramonto dell’uva di vendemmia,
ti abbiamo seminato di annegati
più di qualunque età delle tempeste.
Mare nostro che non sei nei cieli,
tu sei più giusto della terraferma,
pure quando sollevi onde a muraglia
poi le abbassi a tappeto.
Custodisci le vite, le visite cadute
come foglie sul viale,
fai da autunno per loro,
da carezza, da abbraccio e bacio in fronte
di madre e padre prima di partire.

Erri De Luca







Qua devi pensare solo alla montagna e a te, non devi portare pesi oltre quello dello zaino e il tuo.
Questo è un posto che pretende tutto [... ] Se questa salita, ora e adesso, non è la sola cosa che t'importa, non ce la puoi fare.
Questo è un posto insaziabile, vuole tutto e spesso neanche basta

Erri De Luca




Il male è irreparabile e non c’è modo di risanare un torto qualunque cosa si faccia dopo.
Non c’è rimedio al di fuori di non commetterli e non commetterli è opera la più ardua e segreta in mezzo al mondo




Due
Quando saremo due saremo veglia e sonno
affonderemo nella stessa polpa
come il dente di latte e il suo secondo,
saremo due come sono le acque, le dolci e le salate,
come i cieli, del giorno e della notte,
due come sono i piedi, gli occhi, i reni,
come i tempi del battito
i colpi del respiro.
Quando saremo due non avremo metà
saremo un due che non si può dividere con niente.
Quando saremo due, nessuno sarà uno,
uno sarà l'uguale di nessuno
e l'unità consisterà nel due.
Quando saremo due
cambierà nome pure l'universo
diventerà diverso.

Erri De Luca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le ali
Postato da Grazia01 il Domenica, 28 luglio @ 20:59:32 CEST (588 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca







Per forza vuoi trovare un santo? Non ce ne stanno, e nemmeno diavoli.
Ci sono le persone che fanno qualche mossa buona e una quantità di cattive.
Per farne una buona ogni momento è giusto, ma per farne una cattiva ci vogliono le occasioni, le comodità.
La guerra è la migliore occasione per fare le fetenzie.
Dà il permesso. Per una buona mossa invece, non ci vuole nessun permesso.
Vanno bene per gli angeli le ali, a un uomo pesano.
A un uomo per volare deve bastare la preghiera, quella sale sopra le nuvole e piogge, sopra soffitti e alberi.
La nostra mossa di volo è la preghiera.

Erri de Luca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Speciale è solo vivere
Postato da Grazia01 il Lunedì, 15 luglio @ 19:11:02 CEST (522 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca









La libertà uno se la deve guadagnare e difendere. La felicità no, quella è un regalo, non dipende se uno fa bene il portiere e para i rigori. La felicità: come mai mi permettevo di nominarla senza conoscerla? Suonava svergognata in bocca a me, come quando uno si vanta di conoscere una celebrità e la chiama col suo nome, dice Marcello, per indicare Mastroianni.

Erri de Luca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


il tempo e l'occasione
Postato da Grazia01 il Martedì, 23 aprile @ 15:12:58 CEST (630 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca








Vengono il tempo e l’occasione,
vengono quando due persone si fermano:
allora si incontrano

Erri De Luca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Emigranti
Postato da Grazia01 il Sabato, 19 gennaio @ 20:15:08 CET (659 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca


Questo è un racconto di Erri De Luca sulla piccola isola del Mediterraneo che per migliaia di disperati è diventata la porta dell'Occidente, simbolico luogo di incontro e di scontro di civiltà, di culture, di solidarietà e di razzismo.
Lo lesse l'autore a "Che tempo che fa" in occasione di una serata speciale dedicata all'accoglienza.



I poteri hanno visto nelle isole dei luoghi di reclusione, hanno piantato prigioni su ogni scoglio. Il mare nostro brulica di sbarre. Gli uccelli, invece, vedono nell'isola un punto di appoggio dove fermare e riposare il volo prima di proseguire oltre; tra l'immagine di un'isola come recinto chiuso - quella dei poteri - e l'immagine degli uccelli - di un'isola come spalla su cui poggiare il volo - hanno ragione gli uccelli.
Nel canale di Otranto e Sicilia i contadini di Africa e d'Oriente affogano nel cavo delle onde. Il pacco dei semi si sparge nei campi sommersi del mare. Un viaggio su dieci sprofonda; la terraferma Italia è terra chiusa: li lasciamo annegare per negare.
Il Novecento è stato il secolo in cui milioni di esseri umani si sono spostati da un continente all'altro, e così hanno spostato il peso del mondo... milioni di esseri umani, miriadi di esseri umani. Nel 1900 siamo stati noi, gli italiani, gli azionisti di maggioranza. Trenta milioni di noi si sono spostati. Dal porto del molo Beverello si staccavano le navi che portavano dall'altra parte dell'oceano. Era nero, il molo, di madri con quei loro fazzolettini bianchi che sembravano tante farfalline immobili, inchiodate verso la poppa che se andava lentamente, a motori bassi, verso la diga foranea. È stato il nostro 1900: ha spopolato terre e paesi, molto più di due guerre mondiali.




Lettera a casa, dall'altra parte dell'oceano, 1925


Mia cara madre, sta per venire Natale...
mia cara matre, sta pe' trasì Natale e a stà luntanu a vui me sape amaro.
Come vurria allummà due o tre bengala, come vurria sentì nu sampognaro.
Ai figli mei facitigli o presepe e a tavola mettete o posto mio.
Faciti quanno è a sera da vigilia comme se mmienzu a vui stessi pur'io.
Ce ne costa lacrime st'America a noi napulitani.
Nui ca ci chiagnimmo o cielo e Napuli, comm'è amaro sto pane.
Mia cara matre, che sò, che sò i denari. Per chi se chiagne a patria nun sò niente.
Mò tengo qualche dollaro e me pare che non sò stato mai tanto pezzente.
Ma non torno. Me ne resto fora. Resto a faticà per tutti quanti.
Io ch'aggio perso patria, casa, onore, io sò carne e maciello, so' emigrante.

*

Quelli di adesso invece partono sopra dei zatteroni, dei barconi a motore verso un nord sommario, purché non sia un porto. E si portano dietro tutto quello che hanno potuto salvare da un'espulsione, lasciandosi dietro un bucato in fiamme oppure una miseria infame. Ma quegli occhi sbarcheranno da noi e saranno rinchiusi dentro centri di permanenza temporanea. Chiamiamo così dei posti che sono campi di concentramento, con sbarre, filo spinato, guardiani: permanenza, un bel nome alberghiero, per non dire a noi stessi che facciamo i carcerieri di viaggiatori, colpevoli di viaggio. Quegli occhi sbarcheranno da noi e allora sì, si accorgeranno dello spariglio, della disparità delle carte in tavola. Ma finché stanno sul mare, quegli occhi ammirano la grazia infiocchettata del veliero, tutta nodi e corde tese al vento come i muscoli di un atleta; ammirano e godono del vantaggio del loro punto di vista, perché loro, dal barcone, vedono la sfilata piacevole e indifferente della fortuna, mentre quelli del veliero sono costretti a vedere - o a voltarsi per non vedere - la sfilata della mala sorte e della miseria del mondo.



Che dà allo straniero pane e vestito: questo dice di sé la divinità nella scrittura sacra, che dà allo straniero pane e vestito. E alla creatura umana dice: e amerai lo straniero, perché stranieri foste in terra d'Egitto. Circa cento volte la Bibbia scrive la tutela dello straniero, circa cento volte. Insiste la divinità col verbo amare, con il più forte sentimento e la più potente energia del corpo umano. Amare, che fa del bene prima di tutto a chi ama, prima ancora di far del bene all'altro, allo straniero. Amare: non tollerare, non respingere alla rinfusa donne incinte.
E nessuno dica: ma perché partono incinte queste benedette donne e ragazze! ... perché non partono incinte.
Vengono violate regolarmente a ogni frontiera africana.
Nasce tra i clandestini, il suo primo grido è coperto dal rumore del giro delle eliche. Gli staccano il cordone e senza fare il nodo lo affidano alle onde. I marinai li chiamano Gesù, questi cuccioli nati sotto Erode e Pilato messi insieme. Niente di queste vite è una parabola, nessun martello di falegname batterà le ore nell'infanzia e i chiodi nella carne. Nasce tra i clandestini l'ultimo Gesù, passa da un'acqua di placenta a quella del mare senza terra ferma, perché vivere ha già vissuto e dire ha detto, e non può togliere una spina dai rovi che incoronano le tempie: sta con quelli che esistono il tempo di nascere, va con quelli che durano un'ora.



Siamo gli innumerevoli - raddoppia ogni casella di scacchiera - lastrichiamo di corpi il vostro mare per camminarci sopra; non potete contarci: se contati aumentiamo, figli dell'orizzonte che ci rovescia a sacco. Nessuna polizia può farci prepotenza più di quanto già siamo stati offesi. Faremo i servi, i figli che non fate, le nostre vite saranno i vostri libri di avventura. Portiamo Omero e Dante, il cieco e il pellegrino, l'odore che perdeste, l'uguaglianza che avete sottomesso. Da qualunque distanza arriveremo a milioni di passi, noi siamo i piedi e vi reggiamo il peso. Spaliamo neve, pettiniamo prati, battiamo tappeti, raccogliamo il pomodoro e l'insulto. Noi siamo i piedi e conosciamo il suolo passo a passo, noi siamo il rosso e il nero della terra, un oltremare di sandali sfondati, il polline e la polvere nel vento di stasera.

Uno di noi, a nome di tutti, ha detto:
"Non vi sbarazzerete di me. Va bene, muoio, ma in tre giorni resuscito e ritorno."


Erri De Luca


* canzone "Lacrime napulitane" testo di Matio Merola

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Bobby
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 luglio @ 20:31:12 CEST (1573 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca


Lo chiamavano tutti Bobby perchè tutti i cani che si incontravano per strada nei paesi di provincia si chiamavano così.
Non aveva una casa, una cuccia nè un posto fisso dove stare. Una volta lo vedevi nell’angolo tra la farmacia e la strada che portava dal giornalaio, un’altra volta stava sui gradini della chiesa e appena cercava di seguire una di quelle vecchie che alle sei del pomeriggio si avviavano per iniziare a recitare il rosario, Ferdinando il sacrestano lo cacciava via battendo i piedi per terra. Bobby scappava via, ma non per paura, ne sono convinto. Scappava per far credere a Ferdinando che anche fare il sacrestano aveva la sua bella dose di responsabilità.
I bambini che giocavano in piazza a volte lo prendevano a calci. Alcuni di loro riempivano buste di plastica con l’acqua della fontanina della piazza per lanciargliele addosso. Il cane scappava, ma poi si lasciava stringere in un angolo e si faceva bagnare tutto: Bobby non soffriva per questo: sapeva di far divertire quei ragazzi che da grandi non avrebbero più tirato buste piene d’acqua addosso ai cani ma forse avrebbero incontrato una donna che avrebbe impedito loro anche di sorridere.
Era un cane intelligente Bobby lo sapeva e non pretendeva che qualcuno gli dicesse che era un cane intelligente.
Da una sera di novembre non fu più visto in quella piazza. Il bidello del circolo dei pensionati, per alcuni giorni, gli portò da mangiare come sempre verso le tre del pomeriggio. Non vedendolo più per qualche giorno, rinunciò. Anche Ferdinando il sacrestano chiese in giro del cane. Per un po’ fu così, ma Bobby era davvero un cane intelligente e sapeva che per non dare dolore a volte è meglio morire lontano da quelle persone che magari vorrebbero anche dispiacersi e dire : – però è un peccato, gli mancava la parola !-
Così una notte di novembre Bobby si lasciò infilare in un cassonetto dell’immondizia da alcuni giovani che avevano voglia di bere e divertirsi e quando si ritrovò catapultato nel buio di un camion tra lattine, cartoni e cattivi odori, non volle abbaiare per non dare un dispiacere nemmeno a chi per mestiere raccoglie immondizie.
Così anche quella notte volle sorridersi addosso e farsi contento.
Si finse carta senza abbaiare.

Erri De Luca
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ospite incallito
Postato da Grazia01 il Venerdì, 20 luglio @ 19:38:24 CEST (987 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca








L'ospite incallito


Bevo a chi è di turno, in treno, in ospedale,
cucina, albergo, radio, fonderia,
in mare, su un aereo, in autostrada,
a chi scavalca questa notte senza un saluto,
bevo alla luna prossima, alla ragazza incinta,
a chi fa una promessa, a chi l’ha mantenuta,
a chi ha pagato il conto, a chi lo sta pagando,
a chi non è invitato in nessun posto,
allo straniero che impara l’italiano,
a chi studia la musica, a chi sa ballare il tango,
a chi si è alzato per cedere il posto,
a chi non si può alzare, a chi arrossisce,
a chi legge Dickens, a chi piange al cinema,
a chi protegge i boschi, a chi spegne un incendio,
a chi ha perduto tutto e ricomincia,
all’astemio che fa uno sforzo di condivisione,
a chi è nessuno per la persona amata,
a chi subisce scherzi e per reazione un giorno sarà eroe,
a chi scorda l’offesa, a chi sorride in fotografia,
a chi va a piedi, a chi sa andare scalzo,
a chi restituisce da quello che ha avuto,
a chi non capisce le barzellette,
all’ultimo insulto che sia l’ultimo,
ai pareggi, alle ics della schedina,
a chi fa un passo avanti e così disfa la riga,
a chi vuol farlo e poi non ce la fa,
infine bevo a chi ha diritto a un brindisi stasera
e tra questi non ha trovato il suo.

Erri de Luca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


È bella di notte la città
Postato da Grazia01 il Lunedì, 18 giugno @ 20:05:59 CEST (902 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca






È bella di notte la città. C'è pericolo ma pure libertà. Ci girano quelli senza sonno, gli artisti, gli assassini, i giocatori, stanno aperte le osterie, le friggitorie, i caffè. Ci si saluta, ci si riconosce, tra quelli che campano di notte. Le persone si perdonano i vizi. La luce del giorno accusa, lo scuro della notte dà l'assoluzione. Escono i trasformati, uomini vestiti da donna, perché così gli dice la natura e nessuno li scoccia. Nessuno chiede conto di notte. Escono gli storpi, i ciechi, gli zoppi, che di giorno vengono respinti. È una tasca rivoltata, la notte nella città. Escono pure i cani, quelli senza casa. Aspettano la notte per cercare gli avanzi, quanti cani riescono a campare senza nessuno. Di notte la città è un paese civile.

Erri De Luca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensiero di Erri De Luca
Postato da Grazia01 il Lunedì, 28 maggio @ 21:44:35 CEST (853 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca








C'è in me quello che si trova in molti uomini del mondo, amori, spari, qualche frase piena di spine, nessuna voglia di parlarne. Siamo dozzina noialtri uomini. Speciale è solo vivere, guardarsi di sera il palmo di mano e sapere che domani torna fresco di nuovo, che il sarto della notte cuce pelle, rammenda calli, rabbercia gli strappi e sgonfia la fatica


Erri De Luca
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sorrideremo dei nostri vizi.
Postato da Grazia01 il Domenica, 15 gennaio @ 20:31:15 CET (877 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca


Sorrideremo dei nostri vizi. Quali? Quelli di darci per scontati, come se dovessimo esserci sempre come il suono delle campane, come se dovessimo morire insieme ed essere nati insieme, sempre: vizio venuto perché un piccolo spago di giorni si sgomitolava e ci faceva ritrovare.
Povera abitudine: raro che uno si accorgesse che l'altro era cambiato dalla sera prima. Raro che ci si accorgesse che il suo umore metteva una pausa diversa tra il giorno già pronto e il buongiorno scambiato, che un sogno aveva sforzato gli zigomi, che un'ombra mai avuta cadeva dalla lampada sulla guancia. Sorrideremo del vizio che ci fa vedere uguali e capiremo i fitti nostri mutamenti e stupiremo che siano stati così numerosi.

Erri De Luca
dal libro "Non ora, non qui"
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie di Erri De Luca
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 12 ottobre @ 19:59:57 CEST (1152 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca


Poesie di Erri De Luca




Due


Quando saremo due saremo veglia e sonno
affonderemo nella stessa polpa
come il dente di latte e il suo secondo,
saremo due come sono le acque, le dolci e le salate,
come i cieli, del giorno e della notte,
due come sono i piedi, gli occhi, i reni,
come i tempi del battito
i colpi del respiro.
Quando saremo due non avremo metà
saremo un due che non si può dividere con niente.
Quando saremo due, nessuno sarà uno,
uno sarà l'uguale di nessuno
e l'unità consisterà nel due.
Quando saremo due
cambierà nome pure l'universo
diventerà diverso.



Leggi Tutto... | 4005 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il senso della vita per Erri De Luca
Postato da Grazia01 il Giovedì, 01 settembre @ 20:25:12 CEST (813 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca

Le domande sono sassi buttati nell'acqua, producono risposte che si allontanano a onde dalla loro causa. La felicità è un agguato, uno può tenderlo tutta la vita e accorgersi alla fine che la felicità non stava nella cattura ma nella tensione di preparare la trappola dell'appuntamento. Oppure accorgersi che quello che ha chiamato felicità raggiunta, era una fregatura mascherata. Sulla felicità non si costruisce una polis e nemmeno una stanza, solo si possono produrre scintille brevi e irripetibili. Una felicità prolungata è una narcosi.
Leggi Tutto... | 2240 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Considero valore ogni forma di vita,
Postato da Grazia01 il Venerdì, 06 marzo @ 15:55:15 CET (1414 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca



Considero valore ogni forma di vita


Considero valore ogni forma di vita,
la neve, la fragola, la mosca.


Leggi Tutto... | 1600 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'uomo che si specchia nella contraffazione
Postato da Grazia01 il Giovedì, 24 gennaio @ 16:18:58 CET (1251 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca

maschere
Alnus Naga Khon Siam Muay Aurea Saga di Luigi Ontani

L'uomo che si specchia nella contraffazione
di ERRI DE LUCA

L'artista, pure se venale, è generoso, perché si priva dell'opera. La cede, per poco o per molto, ad altri. Se l'aliena e non ne dispone più. Uno scrittore invece resta proprietario della sua merce. Firma contratti a tempo, alla scadenza rientra nel possesso. In questa differenza c'è una generosità di principio. L'artista non possiede altro che l'invenduto. Ontani è un persecutore della propria immagine. Mi riguarda per opposizione.
Leggi Tutto... | 1607 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Pannis angelicus [ 0 commenti - 6 letture ]
 I Ragazzi della via Pal [ 4 commenti - 36 letture ]
 LA STORIA DEGLI ANGELI DELL’AVVENTO [ 1 commenti - 23 letture ]
 Dicembre [ 0 commenti - 15 letture ]
 L'infinito... [ 0 commenti - 13 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy