Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 240
Totale: 240
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: coppermine
03: Home
04: coppermine
05: Home
06: coppermine
07: Home
08: Home
09: Home
10: coppermine
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: News
17: News
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: News
24: coppermine
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Stories Archive
34: Home
35: News
36: Forums
37: Home
38: coppermine
39: Home
40: coppermine
41: Home
42: Search
43: Home
44: Home
45: Statistics
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: coppermine
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: coppermine
64: Home
65: Home
66: Stories Archive
67: News
68: News
69: Statistics
70: coppermine
71: coppermine
72: Stories Archive
73: Home
74: Home
75: News
76: Home
77: Home
78: coppermine
79: Home
80: coppermine
81: Home
82: Home
83: News
84: Home
85: News
86: coppermine
87: coppermine
88: coppermine
89: Home
90: Home
91: coppermine
92: News
93: coppermine
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: Home
99: Topics
100: Home
101: coppermine
102: Home
103: coppermine
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Stories Archive
115: Home
116: coppermine
117: News
118: Home
119: Stories Archive
120: Home
121: Home
122: Search
123: News
124: Home
125: Search
126: coppermine
127: Home
128: Forums
129: Home
130: Home
131: coppermine
132: Search
133: Home
134: coppermine
135: coppermine
136: Home
137: coppermine
138: Your Account
139: Home
140: Home
141: Home
142: News
143: News
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: coppermine
150: Home
151: Home
152: Home
153: coppermine
154: Home
155: coppermine
156: Home
157: Home
158: coppermine
159: Home
160: News
161: Home
162: coppermine
163: Home
164: coppermine
165: Tell a Friend
166: Home
167: Home
168: News
169: coppermine
170: coppermine
171: Home
172: Home
173: Home
174: Search
175: Home
176: coppermine
177: coppermine
178: Home
179: Home
180: coppermine
181: Statistics
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: coppermine
188: Home
189: Home
190: Home
191: coppermine
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: News
198: coppermine
199: News
200: Home
201: coppermine
202: coppermine
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Stories Archive
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Stories Archive
230: Home
231: coppermine
232: News
233: Home
234: Home
235: coppermine
236: Home
237: Home
238: Search
239: Home
240: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8706
  · Viste: 1428179
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Poesie e pensieri di Indiani d'America

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

Il 5 settembre 1877 moriva Cavallo Pazzo
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 05 settembre @ 20:42:18 CEST (814 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America
Cavallo Pazzo, in inglese Crazy Horse, in lingua lakota Tashunka Uitko o Tashunka Witko o Tȟašúŋke Witkó a seconda delle traslitterazioni, che significa letteralmente il suo cavallo è pazzo, era un nativo americano della tribù degli Oglala Lakota (Sioux).
Tecnicamente, in lingua lakota, Crazy Horse, è Tašunka Witko (Il suo cavallo è pazzo), ma ormai è di abitudine, anche negli Stati Uniti, chiamare il condottiero Oglala Crazy Horse (Cavallo Pazzo), erroneamente però, giacché il ta- iniziale di Tašunka rappresenta il pronome possessivo "suo" e di conseguenza la traduzione del nome è: "Il suo cavallo è pazzo".
Negli anni giovanili era conosciuto anche come riccetto o ricciuto a causa dei capelli particolarmente ricci e di colore castano chiaro (cosa rarissima tra i nativi americani).



La persona raffigurata in questa fotografia viene da molti identificata con Cavallo Pazzo


Nato nelle Black Hills (Paha Sapa in lingua lakota), presumibilmente intorno a metà anni '40, si salvò dalla distruzione del proprio villaggio ad opera dei soldati federali. Probabilmente a causa di questo trauma, da adulto, giunto alla guida dei Sioux Oglala, fu molto attivo nella resistenza allo sterminio dei nativi d'America da parte dei soldati federali statunitensi.
Cavallo Pazzo guidò, assieme a Toro Seduto, i 1.200 guerrieri che nella battaglia di Little Bighorn, il 25 giugno 1876, sconfissero i 250 cavalleggeri dell'esercito USA, guidati dal Ten. Col. George A. Custer, riportando pochissime perdite.
Il successo indiano fu però di breve durata: i federali si ripresero subito dal colpo e nello stesso anno registrarono importanti successi. Il 6 maggio 1877 Cavallo Pazzo alla testa di 900 Oglala stremati dalla fame e dalla fuga, si consegnò al tenente Philo Clark comandante di Fort Robinson. Morì poco prima della mezzanotte del 5 settembre 1877, ferito a morte con una baionetta, alla presumibile età di trentasette anni.
Leggi Tutto... | 1712 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Indiani d'America fra leggende e poesia
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 09 maggio @ 12:28:05 CEST (1005 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America




Sai che gli alberi parlano?
Tatanga Mani



Si parlano. Parlano l'un con l'altro,
e parlano a te, se li stai ad ascoltare.
Ma gli uomini bianchi non ascoltano.
Non hanno mai pensato
che valga la pena di ascoltare noi indiani,
e temo che non ascolteranno nemmeno
le altri voci della Natura.
Io stesso ho imparato molto dagli alberi:
talvolta qualcosa sul tempo,
talvolta qualcosa sugli animali,
talvolta qualcosa sul Grande Spirito.

Leggi Tutto... | 2210 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA DEVOZIONE QUOTIDIANA
Postato da Grazia01 il Martedì, 28 febbraio @ 20:39:52 CET (839 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America






LA DEVOZIONE QUOTIDIANA



E più necessaria del cibo d’ogni giorno.
Un Indiano si alza presto,
calza i suoi mocassini e va al fiume.
Si bagna il viso con l’acqua fredda,
quindi si tuffa completamente.
Dopo il bagno, rimane eretto
davanti allo spuntare dell’alba, il viso
al sole che danza sopra l’orizzonte,
ed offre la sua preghiera muta.
La sua compagna può averlo preceduto
o può seguirlo nella sua devozione,
ma non l’accompagna mai.
Ogni anima deve incontrarsi da sola
con il sole del mattino,
il grande silenzio !
Davanti alla bellezza della natura,
l’indiano si ferma in contemplazione
e non vede il bisogno di distinguere
un giorno tra i sette per farlo santo,
poiché per lui tutti i giorni
sono di Dio.



Ohiyesa Santee
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Non mi interessa
Postato da Grazia01 il Domenica, 05 febbraio @ 22:16:09 CET (1430 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America





Non mi interessa


Non mi interessa cosa fai per vivere,
voglio sapere per cosa sospiri
e se rischi il tutto per trovare i sogni del tuo cuore.

Non mi interessa quanti anni hai,
voglio sapere se ancora vuoi rischiare di sembrare stupido
per l'amore, per i sogni, per l'avventura di essere vivo.
Leggi Tutto... | 1738 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gli indiani d'America
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 novembre @ 23:14:21 CET (890 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America
CI FU UN TEMPO IN CUI IL NOSTRO POPOLO COPRIVA LA TERRA TANTO QUANTO LE ONDE DI UN MARE INCRESPATO DAI VENTI COPRIVAMO I LORO FONDALI COPERTI DI CONCHIGLIE ORA, PERO' QUESTO TEMPO E PASSATO E' DA MOLTO E CON ESSO E SVANITA ANCHE LA POTENZA E LA FORZA DI QUESTA TRIBU' OGGI QUESTE COSE SONO TRISTI RICORDI E BASTA

(Seattle)






Gli uomini vanno e vengono come le onde del mare.
Persino l’uomo bianco, il cui Dio cammina con lui e gli parla da amico ad amico,
non può essere esonerato dal destino comune.
Noi possiamo essere fratelli, dopotutto; staremo a vedere.
Una cosa sappiamo, che l’uomo bianco potrà forse scoprire un giorno:
il nostro Dio è lo stesso Dio.
Ora voi potete pensare che Egli vi appartenga,
così come volete possedere la nostra terra, ma non è così.
Egli è il Dio dell’uomo e la Sua compassione
è uguale sia per l’uomo rosso che per quello bianco.






FINCHE’ LE ROCCE
(Canto Sioux)



I miei parenti pensano di separarmi
dalla ragazza che amo.
Abbiamo giurato di amarci
Per tutta la vita.
I loro ordini sono inutili: noi ci vedremo
finché dura il mondo.
Si, dicano e facciano quello che vogliono,
noi ci vedremo finché le rocce restano.
Siedo qui, da dove posso vedere
l’uomo che amo.
La nostra gente vuol essere severa con noi,
ma io lo vedrò finché il mondo dura.
Qui rimarrò, a guardare
l’uomo che amo.

Leggi Tutto... | 1299 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie degli indiani d'america
Postato da Grazia01 il Martedì, 11 ottobre @ 20:08:58 CEST (1146 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America
Poesie degli indiani d'america







Una poesia si specchia in una pietra di turchese e
li si ferma per un attimo.
Poi ricomincia a vagare,
per dare vita forse ai colori di un disegno
ricamato su una coperta.
I giunchi, raccolti li vicino,
vengono intrecciati da abili dita e
diventano un cesto:
la sua forma ricorda la volta del cielo.
Un pezzo di legno è lavorato:
da lui si ricaverà un'opera che dimostrerà
quale armonia ci sia fra legno e
intagliatore.
Leggi Tutto... | 9845 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IO NE HO ANCORA
Postato da Grazia01 il Martedì, 04 ottobre @ 21:08:48 CEST (1098 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America
Il metodo sociale che distingue nettamente la cultura indiana da quella dell'uomo bianco è che la prima pone l'uomo come parte integrante dell'intero Creato in cui la Terra occupa un posto, così si attiene al rispetto delle leggi naturali e della Creazione.
La seconda invece pone l'uomo come "signore del creato" e di conseguenza lo autorizza ad assoggettare, sottomettere, addomesticare, tutto ciò che può;
fino ad arrivare a distruggere ciò che non è in grado di capire e di accettare.
Per capire appieno la loro sensibilità e l'armonia che li legava profondamente alla Terra, vi suggerisco di leggere attentamente le prossime liriche, tutte dedicate a momenti rituali collettivi di vita quotidiana e di preghiera, i cui confini non erano delimitati.




In questa lirica trovo sintetizzato lo spirito di questo grande e generoso popolo.


IO NE HO ANCORA

Non posso
immaginarmi
un popolo senza casa,
eppure io vedo
ogni giorno
come vagano senza meta,
come dei disperati
cercano radici e cose
che dovrebbero dare un senso alla loro vita.
Povero uomo bianco
nella tua violenza
nel tuo splendore
in tutto il tuo benessere
hai perduto la tua eredità
ora tu vuoi la mia
allora prendila,
io ne ho ancora.


John Twobirds Arbuckle
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il Po tra storia e leggenda [ 0 commenti - 17 letture ]
 Perdendomi nel tramonto [ 0 commenti - 15 letture ]
 RISUSCITAMI [ 0 commenti - 13 letture ]
 Dedicate alla mia adorata amica Dolly [ 0 commenti - 34 letture ]
 Luisa Anzoletti nacque a Trento il 9 aprile del 1863 [ 0 commenti - 30 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy