Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 153
Totale: 153
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: News
03: Forums
04: Home
05: coppermine
06: coppermine
07: Home
08: News
09: coppermine
10: News
11: Your Account
12: coppermine
13: coppermine
14: News
15: News
16: News
17: Forums
18: Home
19: Your Account
20: News
21: coppermine
22: News
23: News
24: Home
25: News
26: News
27: Home
28: News
29: Home
30: Stories Archive
31: coppermine
32: Home
33: News
34: News
35: News
36: Surveys
37: News
38: Home
39: News
40: coppermine
41: Stories Archive
42: News
43: News
44: News
45: Home
46: Forums
47: News
48: News
49: Home
50: News
51: Search
52: Home
53: Home
54: coppermine
55: coppermine
56: News
57: News
58: News
59: Home
60: Home
61: News
62: Home
63: coppermine
64: Search
65: News
66: Home
67: Home
68: Your Account
69: coppermine
70: Stories Archive
71: Your Account
72: coppermine
73: News
74: Home
75: News
76: News
77: coppermine
78: Home
79: Stories Archive
80: News
81: Home
82: News
83: Search
84: Search
85: Home
86: Home
87: News
88: News
89: Forums
90: Your Account
91: News
92: coppermine
93: News
94: Home
95: News
96: coppermine
97: News
98: News
99: News
100: Home
101: News
102: Home
103: Forums
104: Forums
105: coppermine
106: coppermine
107: News
108: Home
109: coppermine
110: News
111: Home
112: Home
113: Home
114: Stories Archive
115: News
116: Home
117: News
118: Forums
119: coppermine
120: Home
121: News
122: Home
123: coppermine
124: Forums
125: News
126: Forums
127: coppermine
128: News
129: News
130: coppermine
131: Home
132: News
133: Home
134: Statistics
135: Your Account
136: Surveys
137: News
138: coppermine
139: Home
140: Forums
141: News
142: coppermine
143: News
144: Home
145: Your Account
146: Home
147: Your Account
148: Home
149: Home
150: News
151: coppermine
152: Stories Archive
153: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8982
  · Viste: 1909142
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Poesie e prosa di Gibran II

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

La gioia e il dolore
Postato da dada il Domenica, 23 aprile @ 18:48:57 CEST (274 letture)
Poesie e prosa di Gibran II




La gioia e il dolore
...
La vostra gioia è il vostro dolore senza maschera.
E quello stesso pozzo che fa scaturire il vostro riso fu più volte colmato dalle lacrime vostre.
E come potrebbe essere altrimenti?
Più a fondo vi scava il dolore, più gioia potete contenere.
La coppa in cui versate il vostro vino non è la stessa coppa cotta nel forno del vasaio?
E il liuto che addolcisce il vostro spirito non è lo stesso legno intagliato dal coltello?
Quando siete felici, se scruterete il vostro cuore, troverete che è ciò che vi ha fatto soffrire a darvi ora la gioia,
E quando siete afflitti, guardate ancora nel cuore, e scoprirete che state piangendo solo per ciò che vi ha reso felici.

Alcuni di voi dicono, "La gioia è più grande del dolore" e altri affermano,
"No, il dolore è più grande".
Ma io dico a voi che sono inseparabili.
Essi giungono insieme, e quando l'una siede a tavola con voi, ricordate che l'altro dorme nel vostro letto.

In realtà, oscillate tra il dolore e la gioia come i piatti d'una bilancia.
Solo se vuoti, state fermi e in equilibrio.
E quando il tesoriere vi alzerà per pesare il suo oro e il suo argento, allora la gioia o il dolore dovranno per forza sollevarsi o cadere.

Da Il Profeta di Gibran Khalil Gibran
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il Lavoro
Postato da dada il Domenica, 23 aprile @ 18:46:00 CEST (410 letture)
Poesie e prosa di Gibran II






Il Lavoro

...

Voi lavorate per seguire il cammino della terra e con lo spirito della terra.
Poiché stare in ozio è diventare estraneo alle stagioni, e allontanarsi dal corteo della vita che avanza maestosa e con fiera sottomissione verso l'infinito.

Quando voi lavorate siete un flauto che attraverso la sua anima trasforma in musica il mormorio della vita.

Chi vorrebbe essere una canna muta, quando tutte le altre cantano all'unisono?

Vi è stato sempre detto che il lavoro è una maledizione e la fatica una sventura.
Ma io vi dico che quando lavorate compite una parte del sogno più avanzato della terra, che fu assegnata a voi quando quel sogno nacque.
E che sostenendo voi stessi col lavoro amate in verità la vita,
E che amare la vita nel lavoro è vivere intimamente con il più intimo segreto della vita.

Ma se nella vostra sofferenza dite che nascere è un tormento e sostentare la carne una maledizione scritta in fronte, io vi rispondo che nulla tranne il sudore della fronte laverà ciò che vi è scritto.
Leggi Tutto... | 2003 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ghianda
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 novembre @ 23:43:36 CET (378 letture)
Poesie e prosa di Gibran II








In un campo ho veduto una ghianda: sembrava così morta, inutile.
E in primavera ho visto quella ghianda mettere radici e innalzarsi,
giovane quercia verso il sole.
Un miracolo, potresti dire:
eppure questo miracolo si produce mille migliaia di volte nel sonno di ogni autunno
e nella passione di ogni primavera.
Perchè non dovrebbe prodursi nel cuore dell'uomo?

Gibran

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La Pazienza
Postato da Grazia01 il Lunedì, 24 agosto @ 21:59:45 CEST (3429 letture)
Poesie e prosa di Gibran II








Quando ho piantato il mio dolore nel campo della pazienza,
mi ha dato il frutto della felicità.

Kahlil Gibran


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La pioggia
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 24 settembre @ 19:20:10 CEST (533 letture)
Poesie e prosa di Gibran II










La pioggia


La nuvola e il campo sono due innamorati ed io sono tra loro un messaggero inviato per soccorrerli. Cadendo, sazio la sete del secondo e guarisco la malattia della prima. Salgo dal cuore del lago e navigo sulle ali dell'etere finché scorgo un variopinto campo sul quale cado per baciare le corolle dei fiori e abbracciare i loro steli. Sono il sospiro del mare, sono la lacrima del cielo, sono il sorriso del campo, come l'amore è un sospiro dal profondo dei mari dei sentimenti, una lacrima dal cielo del pensiero e un soave sorriso nel campo dell'anima.

Khalil Gibran

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Anniverario della nascita di Khalil Gibran
Postato da Grazia01 il Venerdì, 06 dicembre @ 22:16:15 CET (839 letture)
Poesie e prosa di Gibran II





Ricorre oggi l'anniversario della nascita di


°°°




egli nacque a Bisherri, una cittadina nel Libano settentrionale il 6 dicembre 1883






Voi siete nati insieme

Voi siete nati insieme
e insieme starete per sempre.
Insieme quando le bianche ali del tempo
sperderanno i vostri giorni.
Insieme nella silenziosa memoria di Dio.
Ma vi sia spazio nella vostra unità
e tra voi danzino i venti dei cieli.

Amatevi l'un con l'altra
ma non fatene una prigione d'amore;
piuttosto, vi sia un moto di mare
tra le rive delle vostre anime.
Riempitevi a vicenda le coppe,
ma non bevete da una coppa sola.
Datevi cibo a vicenda,
ma non mangiate dello stesso pane.

Cantate e danzate insieme
e siate giocondi, ma ognuno di voi sia solo,
come sole sono le corde del liuto,
sebbene vibrino di una musica eguale.
Datevi il cuore,
ma l'uno non sia rifugio all'altro.
Poiché soltanto la mano della vita
può contenere i vostri cuori.

Ergetevi insieme, ma non troppo vicini:
poiché il tempio ha colonne distanti
e la quercia e il cipresso non crescono
l'uno all'ombra dell'altro.




Non sono né un artista né un poeta

Non sono né un artista né un poeta.
Ho trascorso i miei giorni scrivendo e dipingendo,
ma non sono in sintonia
con i miei giorni e le mie notti.
Sono una nube,
una nube che si confonde con gli oggetti,
ma ad essi mai si unisce.
Sono una nube,
e nella nube è la mia solitudine,
la mia fame e la mia sete.
La calamità è che la nube, la mia realtà,
anela di udire qualcun altro che dica:
Non sei solo in questo mondo
ma siamo due, insieme,
e io so chi sei tu.



Per te

Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora
per la tua bellezza,
del mio petto un sepolcro
per le tue pene.
Ti amerò come le praterie amano la primavera,
e vivrò in te la vita di un fiore
sotto i raggi del sole.
Canterò il tuo nome come la valle
canta l'eco delle campane;
ascolterò il linguaggio della tua anima
come la spiaggia ascolta
la storia delle onde.



I figli

I figli non sono i vostri figli
Essi sono i figli e le figlie della vita che brama se stessa.
Vengono per mezzo di voi ma non da voi,
e benché essi siano con voi comunque non vi appartengono.
Potrete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri,
poiché essi hanno i loro pensieri.
Potrete ospitare i loro corpi ma non le loro anime,
perché le loro anime abitano la casa del domani,
che voi non potrete visitare,
neppure nei vostri sogni.
Potete tentare di essere simili a loro, ma non farli simili a voi.
La vita procede e non si attarda sul passato.
Voi siete gli archi da cui i figli,
come frecce vive,
sono scoccati in avanti.
L'Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell'infinito,
e vi tende con forza
affinché le sue frecce vadano rapide e lontane.
Affidatevi con gioia alla mano dell'Arciere,
Poiché come ama il volo della freccia,
così ama la fermezza dell'arco.

Leggi Tutto... | 5502 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sono come te, notte.
Postato da Grazia01 il Sabato, 26 ottobre @ 20:53:41 CEST (1507 letture)
Poesie e prosa di Gibran II








Sono come te, notte.


O notte degli amanti, dei poeti, dei cantori.
O notte dei fantasmi, delle anime e delle ombre.
O notte del desiderio, dell'amore ardente e delle memorie...

...Qui, notte, vedo te come tu vedi me; tu nel tuo tenore sei per me come un genitore, e nei miei sogni io sono per te un figlio, tra di noi non esistono più veli delle forme e ai nostri volti è stato strappato il velo del dubbio e della stima; mi sveli i tuoi segreti e i tuoi piani, e io ti mostro i miei desideri e le mie speranze; finché il tuo terrore non si trasforma in canti più dolci dell'essenza dei fiori, e i miei timori diventano un canto più soave del cinguettio degli uccelli, mi levi a te e mi posi sulle tue spalle, insegni ai miei occhi a vedere, alle mie orecchie a sentire, alla mia bocca a parlare, al mio cuore ad amare ciò che la gente non odia, poi sfiori con la punta delle dita i miei pensieri, rendendoli simili a un fiume che scorre cantando e spazzando via l'erba secca, poi baci con le tue labbra la mia anima e la mia anima ondeggia come una fiamma ardente che consuma le piante secche.

Sono tuo amico, notte, a tal punto da esserti simile; ti conosco a tal punto da confondere i tuoi desideri con i miei; ti amo a tal punto da trasformare i miei sentimenti nell'immagine riprodotta dei tuoi. E nella mia anima oscura brillano stelle luccicanti che l'amore sparge alla sera e che le paure raccolgono al mattino. Nel mio cuore vigile la luna talvolta procede nel firmamento coperto dalle nubi e talvolta nel vuoto solcato dalle processioni dei sogni. E nella mia anima vigile v'è una serenità che rivela i segreti degli amanti e che fa da eco alle preghiere dei credenti. Il mio capo e avvolto da coperte magiche strappate dall'agitarsi dei combattenti, poi rammendate dal canto dei cantori.

Sono uguale a te, notte, e vengo considerato un superbo quando dico di assomigliarti, quando chi mi accusa, è in prima persona superbo quando pretende di assomigliare alla luce del sole! .
Sono come te, siamo tutti e due accusati ingiustamente.
Sono come te nei miei desideri, nei miei sogni, nel carattere e nella mia natura.
Sono come te, anche se la sera non mi avvolge con le sue nubi dorate .
Sono come te, anche se il mattino non adorna i miei piedi con i suoi raggi rosati.

Sono come te anche se non sono avvolto dal sistema stellare, sono una notte amica, allegra, calma e ansiosa: la mia oscurità non ha inizio e il mio profondo non ha fine. E quando le anime si levano risplendenti alla luce dei tuoi festeggiamenti, la mia anima s'innalza gelida nell'oscurità del suo dolore.
Sono come te, notte, e il mio mattino giungerà al termine della mia esistenza.

Kahlil Gibran

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Una goccia d'acqua
Postato da Grazia01 il Sabato, 27 luglio @ 21:07:40 CEST (680 letture)
Poesie e prosa di Gibran II






Non vi è alcun confine fra noi e le cose più vicine così come la distanza
non è sufficiente a separarci dalle cose più lontane.
Ogni cosa, dalla più bassa alla più sublime, dalla più piccola alla più grande,
esiste dentro il tuo essere, senza differenze.
La goccia d'acqua contiene tutti i segreti dell'oceano.

K. Gibran

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


come le stagioni...
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 marzo @ 22:47:01 CET (802 letture)
Poesie e prosa di Gibran II






Il tuo dolore è lo spezzarsi del guscio che racchiude la tua capacità di comprendere.
E se potessi mantenere il cuore sospeso in costante stupore ai quotidiani miracoli della vita,
il dolore non ti sembrerebbe meno meraviglioso della gioia; e accetteresti le stagioni del tuo cuore,
come hai sempre accettato le stagioni che passano sui tuoi campi.

Kahlil Gibran

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensiero del giorno
Postato da Grazia01 il Lunedì, 04 febbraio @ 22:07:21 CET (586 letture)
Poesie e prosa di Gibran II





Uno sguardo che rivela il tormento interiore aggiunge bellezza al volto, per quanta tragedia e pena riveli, mentre il volto che non esprime, nel silenzio, misteri nascosti non è bello, nonostante la simmetria dei lineamenti. Il calice non attrae le labbra se non traluce il colore del vino attraverso la trasparenza del cristallo.

Khalil Gibran

Biografia



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'anima
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 novembre @ 10:23:44 CET (874 letture)
Poesie e prosa di Gibran II




L'anima

La mia anima si alza come l'alba dal mio interno.
Nuda e leggera.
È come il mare agitato.
Il mio cuore getta lontano da sé i frantumi dell'uomo e della Terra.
Non mi attacco a ciò che si attacca a me
poiché desidero raggiungere quello che oltrepassa
le mie capacità.

Khalil Gibran


Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ritornar bambini
Postato da Grazia01 il Sabato, 01 settembre @ 18:37:56 CEST (807 letture)
Poesie e prosa di Gibran II





Ritornar bambini

Le cose che il bambino ama
rimangono nel regno del cuore
fino alla vecchiaia.
La cosa più bella della vita
è che la nostra anima
rimanga ad aleggiare
nei luoghi dove una volta
giocavamo.

Kahil Gibran

Biografia


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pensiero della sera
Postato da Grazia01 il Lunedì, 16 aprile @ 17:45:11 CEST (913 letture)
Poesie e prosa di Gibran II









Se vuoi vedere le valli, sali in vetta ad una montagna;
se vuoi vedere la vetta ...di una montagna, sali su una nuvola;
se invece aspiri a comprendere la nuvola, chiudi gli occhi e pensa.


Kahlil Gibran


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'abito
Postato da fataorsetta il Sabato, 22 marzo @ 14:13:11 CET (1213 letture)
Poesie e prosa di Gibran II


Il vostro abito nasconde una gran parte della vostra bellezza,
tuttavia non maschera ciò che non è bello.
E benché cerchiate nell'abito un'intima libertà,
potreste trovare in esso le vostre catene.
Vorrei che la vostra pelle, e non il vostro abito,
fosse sfiorata dal sole e dal vento.
Poiché il soffio della vita è nella luce del sole
e la mano della vita è nel vento.
Alcuni di voi dicono:
"È il vento del nord che ha tessuto l'abito che indosso".
E io dico che, si, è stato il vento del nord,
Ma la vergogna è stata il suo telaio
e la mollezza la sua trama.
E a fatica compiuta,
il vento ha riso nella foresta.
Non dimenticate che la modestia vi è stata data
a scudo contro gli occhi dell'impuro.
Ma quando l'impuro sparirà,
che cosa sarà la modestia se non poltiglia che intorbida la mente?
E non dimenticate che la terra ama sentire i vostri piedi nudi
e il vento giocare con i vostri capelli

Khalil Gibran

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ALTRO
Postato da Grazia01 il Sabato, 15 marzo @ 01:02:35 CET (2231 letture)
Poesie e prosa di Gibran II L'ALTRO

Il tuo prossimo
è lo sconosciuto che è in te, reso visibile.
Il suo volto si riflette
nelle acque tranquille,


Leggi Tutto... | 706 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


O NOTTE
Postato da Grazia01 il Lunedì, 10 marzo @ 15:11:50 CET (998 letture)
Poesie e prosa di Gibran II

O NOTTE

O notte degli amanti, dei poeti, dei cantori.
O notte dei fantasmi, delle anime e delle ombre.
O notte del desiderio, dell'amore ardente e delle memorie. Ecco il gigante che si leva tra gli gnomi delle nubi dell'occidente e le ninfe dell'alba, possessore della spada del terrore, incoronato dalla luna, vestito con un abito di silenzio, che guarda con mille occhi nelle profondità della vita e ascolta con mille orecchie i gemiti della morte e del nulla.
Leggi Tutto... | 5132 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Farò della mia anima
Postato da fataorsetta il Lunedì, 11 febbraio @ 20:12:42 CET (1884 letture)
Poesie e prosa di Gibran II


Farò della mia anima

Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora
Leggi Tutto... | 582 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


I GIGANTI
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 09 gennaio @ 11:49:01 CET (974 letture)
Poesie e prosa di Gibran II

I GIGANTI

Scrivere con l'inchiostro non è come scrivere con il sangue del cuore.
E il silenzio con cui comunicano le religioni non è il silenzio che si trova nel dolore.
Io mantengo il silenzio perché il mondo non si accorge dei sospiri dei deboli e delle loro sofferenze, perché troppo impegnato a prestare ascolto ai lamenti dell'inferno e alle sue grida; è saggio che il debole taccia quando parlano le forze nascoste nel profondo dell'essere, quelle forze che approvano come ordigno solo la lingua e come detonatore solo le parole.
Ora stiamo vivendo un periodo più piccolo e allo stesso tempo più grande di quelli che l'hanno preceduto.
Leggi Tutto... | 5197 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un sorriso e una lacrima
Postato da Grazia01 il Martedì, 11 dicembre @ 18:27:46 CET (1213 letture)
Poesie e prosa di Gibran II

Un sorriso e una lacrima

Il Sole aveva ritirato i suoi deboli raggi dai giardini variopinti, e la Luna era salita nel grembo del cielo da dove versava i suoi bagliori, rischiarando ogni cosa.
Stavo seduto sotto un albero frondoso, a contemplare il manto della sera trapuntato di bagliori. Guardavo attraverso i rami le stelle sparse come monete su un tappeto azzurro e udivo in lontananza il mormorio dei ruscelli che scorrevano nella valle.
Leggi Tutto... | 4379 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'Insegnamento
Postato da Grazia01 il Lunedì, 26 marzo @ 12:33:48 CEST (1289 letture)
Poesie e prosa di Gibran II

Nessun uomo può rivelarvi altro se non quello
che giace semiaddormentato
nell'albeggiare della vostra conoscenza

Il maestro che cammina
all'ombra del tempio tra i suoi studenti
non offre il suo sapere,
ma piuttosto la sua fede e il suo amore
Leggi Tutto... | 534 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 INFANZIA LONTANA [ 0 commenti - 11 letture ]
 Ezio Bosso ci ha lasciato [ 0 commenti - 14 letture ]
 La trama di "Kim" di Rudyard Kipling [ 0 commenti - 20 letture ]
 Circolo di Lettura Vaccheria Nardi: Antonio Scurati [ 0 commenti - 51 letture ]
 La vita è come un caleidoscopio [ 0 commenti - 12 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 18
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy