Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 385
Totale: 385
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: Home
03: Stories Archive
04: Surveys
05: Home
06: Home
07: Forums
08: Home
09: Search
10: Home
11: Search
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Search
17: Home
18: coppermine
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: News
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: coppermine
29: Stories Archive
30: coppermine
31: Home
32: Home
33: Forums
34: Home
35: Home
36: Forums
37: coppermine
38: Stories Archive
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Forums
44: Home
45: coppermine
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: coppermine
51: News
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: coppermine
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: coppermine
62: Home
63: Forums
64: Home
65: Home
66: coppermine
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Stories Archive
72: Search
73: coppermine
74: Forums
75: Home
76: Forums
77: Home
78: Home
79: Home
80: Search
81: Home
82: Home
83: Home
84: Stories Archive
85: coppermine
86: Home
87: Home
88: Search
89: Home
90: Stories Archive
91: News
92: coppermine
93: Home
94: News
95: Home
96: News
97: Search
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: News
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: News
116: News
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: coppermine
122: Home
123: Home
124: Search
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: coppermine
131: Home
132: Home
133: Home
134: Your Account
135: Home
136: Home
137: Stories Archive
138: coppermine
139: Home
140: Forums
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: coppermine
146: Forums
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Forums
152: Home
153: Forums
154: Home
155: Home
156: Home
157: Stories Archive
158: Home
159: Home
160: coppermine
161: News
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Stories Archive
171: Home
172: Home
173: Search
174: Home
175: Home
176: coppermine
177: News
178: Home
179: Home
180: Stories Archive
181: Home
182: Home
183: coppermine
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: News
191: coppermine
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Search
201: Your Account
202: News
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Forums
214: Home
215: coppermine
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: News
221: Home
222: Home
223: coppermine
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: coppermine
236: Forums
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: Your Account
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: coppermine
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: News
262: Home
263: coppermine
264: Home
265: Your Account
266: Home
267: Home
268: Home
269: News
270: Home
271: Home
272: Forums
273: Home
274: coppermine
275: Stories Archive
276: Search
277: Home
278: Forums
279: Home
280: Home
281: Statistics
282: Home
283: coppermine
284: News
285: Home
286: Home
287: News
288: coppermine
289: Home
290: coppermine
291: Home
292: Stories Archive
293: News
294: Home
295: Home
296: Home
297: News
298: Search
299: News
300: Home
301: Home
302: Home
303: Search
304: Home
305: News
306: Home
307: Home
308: News
309: Your Account
310: Home
311: Home
312: Home
313: Stories Archive
314: Home
315: News
316: coppermine
317: News
318: Home
319: Home
320: Home
321: Home
322: Stories Archive
323: Home
324: Home
325: Home
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Stories Archive
336: Home
337: News
338: Home
339: Home
340: News
341: Home
342: Your Account
343: News
344: Home
345: Home
346: Home
347: Home
348: Home
349: Home
350: Home
351: News
352: Home
353: Home
354: Home
355: Home
356: Contact
357: Home
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: Stories Archive
364: Home
365: Home
366: Stories Archive
367: Home
368: Home
369: Home
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: Home
376: Home
377: Home
378: News
379: Home
380: Home
381: Home
382: coppermine
383: Home
384: Home
385: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9047
  · Viste: 1924120
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Milano mia I

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

ROGGIA VECCHIA (detta anche Rusa Végia)
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 aprile @ 17:38:31 CEST (99 letture)
Milano mia I
Molti di noi sono a conoscenza che Milano si sia creata, nei secoli, una efficientissima rete idrica di canali artificiali, ma molti ignorano che questa rete iniziò a propagarsi in tutta la pianura padana. La data spartiacque è intorno al 1100. Infatti fino a quella data il territorio, che adesso conosciamo come uno dei più avanzati d'Europa, era quasi una landa desolata dove in alcune zone c'era troppa acqua, stagnante, e altre zone erano invece troppo aride. Essere riusciti a "mettere in ordine" il disequilibrio idrico è stato un passaggio fondamentale che ci ha portato a creare l'hashtag "il pane dall'acqua". E' questo il motivo che mi spinge a farvi conoscere alcuni "protagonisti" anche fuori i confini milanesi.



ROGGIA VECCHIA (detta anche Rusa Végia)
Leggi Tutto... | 1274 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Milano e i suoi Navigli
Postato da Grazia01 il Venerdì, 19 ottobre @ 14:55:22 CEST (496 letture)
Milano mia I



I Navigli di milano




Risale alla seconda metà del XII secolo la realizzazione del primo tratto navigabile
Così i cinquanta chilometri del primo canale, (Ticinello), furono inaugurati nel 1179, dando il via alla costruzione del Naviglio grande. Grandi ingegneri misero mano al progetto e ancora oggi si può ammirare l'innovativo sistema di chiuse ideato da Leonardo verso la fine del Quattrocento.



Quale sia la magia di questi canali è difficile capirlo, se esiste una calamita per artisti d'ogni razza, questa è proprio l'acqua, né chiara né dolce, del naviglio.
Nel 1457 Francesco Sforza affidò a Bertola da Novate la costruzione del Naviglio della Martesana. In soli 35 anni, dal 1439 al 1475, nel territorio milanese furono costruiti ben 90 chilometri di canali resi navigabili dalla presenza di 25 conche. Un primato che nessun'altra città potrà mai avvicinare. Lo sviluppo del sistema, però, non si fermò solo a questo punto, anzi, con l'arrivo di Leonardo nel 1482, fu perfezionato il Martesana e si cominciò ad impostare un nuovo sistema di canali che permettessero la navigazione dalla Valtellina fino a Milano.
Leggi Tutto... | 5973 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Via Montenapoleone
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 febbraio @ 20:35:57 CET (891 letture)
Milano mia I



Milano sempre più capitale dello shopping di lusso. Tra le High Street internazionali, il cuore del Quadrilatero della moda, è diventata una meta turistica di alto livello con numeri da record: è la via europea con scontrino medio più alto: 1.800 euro circa. Battute Avenue Montaigne di Parigi, che si ferma a poco più di 1.700 euro, e Calle de Ortega y Gasset a Madrid, che supera di poco i 1.600 euro. Lo svela una ricerca che ha preso in esame dodici mesi da dicembre 2016 a novembre 2017.



Via Montenapoleone a Milano

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Zucch e melon a la sua stagion
Postato da dada il Martedì, 10 gennaio @ 13:19:35 CET (304 letture)
Milano mia I








Zucch e melon a la sua stagion

Ovvero...
Zucca e melone hanno la loro stagione


La traduzione significa: zucche e meloni alla loro stagione. Ma questo detto è sempre usato in senso figurato, per esprimere il concetto che ogni cosa va fatta a suo tempo e quando le circostanze lo consentono. Un caso consueto, di questo uso, riguarda le persone di "mezza età" che vogliono apparire giovani e che ostentano una giovinezza ormai perduta. Al giorno d’oggi poi, se si considera che uomini e donne non si rassegnano mai ad invecchiare e non esitano ad esibire le loro tardive velleità in imprese galanti o sportive agonistiche.
Questo vecchio detto milanese affiora facilmente alle labbra e ha trovato una sua rinnovata attualità.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


MILANO IN POESIA
Postato da dada il Domenica, 01 gennaio @ 18:30:24 CET (508 letture)
Milano mia I









LA CAZZOEULA" / LA "CAZZUOLA

Testo originale, in dialetto milanese:

In ògni region, seppur piscinina,
gh’è ’l sò moeud per fà la bòna cusina
con tanti savoiritt, specialità,
ògnidun i sò piatt voeur esaltà.

Mì, che son milanes, ma spettasciaa,
voraria fuss nò desmentegaa
la “Cazzoeula”, gran piatt che i milanes
mètten sui tavol senza guardà a spés.

Adèss ve spieghi quèll che se mètt dent
ò per mèi dì, i vari ingredient:
ona scigola a fètt la va tajada
con vint gramm de butter ben rosolada,

mèttegh di codegh, trii luganeghitt
poeu, del porscèll, ghe voeuren duu sciampitt.
D’acqua on cazzuu a quattaa-giò tusscòss,
se giunta poeu el saa, ma de quèll gròss.

Quand tutta l’acqua l’è sugada-sù,
mèzz chilo de costinn, minga de pù,
se trann dent a rostì ‘na mezzorèttra
con sèller e carottol tajaa a fètta.

Se ghe gionta on bèll verz, senza fuston,
se saggia e se rugga con attenzion.
Poeu se fa coeus tusscòss pianin, pianin,
fin che tacca a sentiss on profummin…

Quand l’è succia e minga sbrodolenta,
- la Cazzoeula la dev vèss on poo tacchenta –
portela in tavola, sarann content!
E per la Coeuga, el mèi di compliment

l’è vedè i piatt svoiaa… con denter nient!

Edoardo Bossi

Leggi Tutto... | 3925 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie in milanese di Mario Migliavacca
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 novembre @ 21:33:11 CET (743 letture)
Milano mia I









ALL 'AMICO CLAUDIO

Riessi no a capi
se l'è avarizia
o se l'è pigrizia

Quand a g 'ho besogn
el rizettari

tiri semper tardi
che nOn gh 'è pari

Ma pazienza
gh'è semper
ona provvidenza


"con sommo gaudio"
la mia provvidenza
la se ciama "Claudio"

A dit grazie, car amis
a l'è on poo trop pocch

Per sto servizi
el Signor
el te daga tanti benefizzi

pas e salut
che per la verità
ti je propri meritaa





LA PARTENZA DEL TRENO


Ai soreii, alle dame, ai barelier, volontari dell'U.N.I.T.A.L.S.I. che per
la loro granda dedizion hin la testimonianza viva e continua del
Miracolo di Lourdes.


Che confusion
in su quell bastion:
la par una gincana
li su el scalo
de Porta Romana.

Machin che va e che ven
un de fa de S. Ouintin
per trova el post che convien
per malaa e pelegrin.

Ghe vor pazienza
per capi se l'è
l'ariv o la partenza:
la gioia e el fervour
però, a hinn semper quei
de gent che se voren ben
come fradeii.

Se brazzen su
se basen a ripetizion
se fan un badalucch de compliment
se troven minga cambia
anca se un an a l'è passaa.

Con la divisa
lustra e ben stirada
soreii e barelier
paren pront per una sfilada.

Le dame, quei che gris g'han i caveii
cont la scuffia
paren pusseé bei: "
i tosan invece, "poverine"
cont la divisa
Cl hin propri un poo "bruttine".

Mario Migliavacca





commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Milano ancora violata
Postato da Grazia01 il Domenica, 03 maggio @ 12:24:45 CEST (627 letture)
Milano mia I








Basta con il buonismo, siamo stufi di leggere chi giustifica o prova a giustificare il dissenso. Questa non è critica, è solo il desiderio di distruggere. Questo è il comportamento di gente insulsa, inutile. Questa è gente che non dovrebbe avere libertà di espressione. Non dovrebbe essere libera. Parlavano di figuraccia di Expo: ecco invece la vera figuraccia. Avere una città messa a ferro e fuoco da un'orda di imbecilli venuti da chissà dove che rovinano anche una giornata di festa. E come loro tutti quelli che li hanno aiutati a scappare e a muoversi liberamente dentro il corteo. D'ora in avanti qui non tollereremo più nessun tipo di affermazione o pensiero in linea con quello di questi delinquenti.


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Milano mia
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 febbraio @ 22:07:59 CET (1492 letture)
Milano mia I


Vivo Milano da quando sono nata e più la esploro più la adoro. Sarà che con il sole è stupenda, sarà che sui Navigli la gente che incontri sembra sempre esser piena di storie da raccontare, sarà che in questa città ci sono le mie radici, sarà che qui mi sono innamorata e ho costruito la mia famiglia e la mia vita.







E poi c’è la poesia. A Milano si respira poesia. E anche una semplice passeggiata in una domenica sera con l'aria gelata mentre i sospiri formano nuvolette e le parole arrivano sussurrate attraverso la sciarpa, può regalarti una piccola dose di magia.
Camminando per Brera, tra chiacchiere e battibecchi, puoi vedere sui muri frasi di poeti rivoluzionari e ti torna in mente una poesia di Alda Merini, dedicata a questa piccola grande città:

Per Milano

Non è che dalle cuspidi amorose
crescano i mutamenti della carne,
Milano benedetta
Donna altera e sanguigna
con due mammelle amorose
pronte a sfamare i popoli del mondo,
Milano dagli irti colli
che ha veduto qui
crescere il mio amore
che ora è defunto.
Milano dai vorticosi pensieri
dove le mille allegrie
muoiono piangenti sul Naviglio.



Buonanotte e buona settimana

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un regalo per Milano
Postato da Grazia01 il Domenica, 18 gennaio @ 18:30:51 CET (1167 letture)
Milano mia I







Faccio un regalo a Milano, a questa odiosamata Milano che ogni giorno ci assilla, ci stanca, ci inquieta, che guardiamo correndo, brontolando, ansimando, alla quale chiediamo di aiutarci a vivere meglio, meno traffico, meno smog, più verde, lavoro, sicurezza, ma anche stile, pensiero, civismo, tutto quello che rimanda a un passato che brilla come un mito e rimbomba anche, come la gloria di sant' Ambrogio. Un regalo sentito, affettuoso, come certi scritti ispirati di molti cittadini che scrivono (con la tosse d' inverno e i suoi luoghi ai margini del caos), la amano davvero, e riescono ancora a sognare, quando girano di notte, avvolgendosi nella nebbiolina che non chiamano smog ma scighèra. Un penserò d'amore per la mia città. Non ha le bellezze di Roma, né il romanticismo di Venezia o Firenze, manca il mare di Napoli, ma lei, Milano, ha un fascino tutto suo che non può non arrivare all'anima di chi ci vive.

Grazia






Milano

"Non è che dalle cuspidi amorose
crescano i mutamenti della carne,
Milano benedetta
Donna altera e sanguigna
con due mammelle amorose
pronte a sfamare i popoli del mondo,
Milano dagli irti colli
che ha veduto qui
crescere il mio amore
che ora è defunto.
Milano dai vorticosi pensieri
dove le mille allegrie
muoiono piangenti sul Naviglio."

A. Merini, Tu sei Pietro, 1961.

MILANO

Fra le sue pietre e le tue nebbie faccio
villeggiatura. Mi riposo in Piazza
del Duomo. Invece
di stelle
ogni sera si accendono parole.

Nulla riposa della vita come
la vita.

(U.Saba) Fa parte di una raccolta intitolata “PAROLE”.
Successivamente confluita nel canzoniere.

Poesìi sénza pretés

Quell che me vègn in mént
ve'l disi in milanés:
hinn fòrse ròbb de niént,
poesìi sénza pretés,
però, paròlla mia,
gh'è dentr'on pòo de mi,
ve parli de cà mia
e quèll che voeùri dì
l'è on omàgg, el mén,
che pròpi pòdi fà
a chi ghe voeùr tant bèn
a sta bèlla cittàa!
©Vincenzo Migliavacca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Brera
Postato da Grazia01 il Giovedì, 16 ottobre @ 20:13:26 CEST (2099 letture)
Milano mia I





BRERA


È il cuore bohemien di Milano, il luogo dove l'ordine e l'efficienza tipiche della città meneghina maggiormente si sposano con l'estro artistico e la cultura dando vita a un'irripetibile armonia fatta di bellezze artichettoniche e storia paragonabile alla zona di Montmartre a Parigi. Il quartiere di Brera è una tappa irrinunciabile per chi vuole conoscere tutti i variegati aspetti dell'identità del capoluogo lombardo tra attrazioni da scoprire durante il giorno e una vita notturna molto vivace. Il quartiere di Brera si trova nella parte nord-ovest del centro di Milano, al centro di una sorta di quadrilatero dai confini irregolari e compreso tra via Pontaccio, via Fatebenefratelli, via dei Giardini, via Monte di Pietà, via dell'Orto e via Mercato.



Il suo nome deriva dal termine di origine germanica "braida", che serviva ad indicare un terreno incolto , e fa riferimento all'aspetto che la zona aveva nei tempi antichi. Ma la sua conformazione nei secoli si è trasformata, anche grazie all'influenza dei numerosi artsti che qui hanno gravitato a partire dal XIX secolo per la presenza di una famosa Accademia delle Belle Arti. Così oggi si presenta come un'affascinante dedalo che, a partire dal fulcro di via Brera si articola in vicoli acciottolati e strade più ampie costeggiate da un'alternanza di botteghe storiche, gallerie d'arte e negozi alla moda ai quali si affiancano numerosi locali (primo fra tutti lo storico bar Jamaica, grande ritrovo di intellettuali a partire dal secondo dopoguerra).




Una struttura che rende Brera, grazie anche al fatto di essere chiusa alla circolazione automobilistica, il luogo perfetto per una rilassanre passeggiata. Una possibilità da sfruttare sia di giorno, magari visitando anche il vivace mercatino di antiquariato e artigianato che qui si svolge ogni terza domenica del mese, sia quando scende la sera e le strade si popolano di musica e avventori che affollano i tavolini fin dall'ora dell'aperitivo, profumi di prelibate pietanze, artisti di strada e cartomanti pronti a svelare ai passanti il loro futuro.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nel Duomo di Milano
Postato da Grazia01 il Martedì, 30 settembre @ 19:03:27 CEST (1072 letture)
Milano mia I








Nel Duomo di Milano


Solenni
verticali preghiere
di pietra
in un cielo di penombra:
isola dello spirito
nel frastuono del mondo.
La fede qui non è ansia
e tormento
ma un cantico.
Vive
anche se l 'hai perduta.

Carlo Beghi

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un secolo fa…l’Expo di Milano
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 maggio @ 13:23:49 CEST (1154 letture)
Milano mia I


Un secolo fa…l’Expo di Milano

L’esposizione internazionale del 1906 dirò più di sette mesi e coinvolse 35 mila espositori da40 Nazioni.
Attirò 5 milioni di visitatori: un record per l’epoca.
Nel 1906 il capoluogo lombardo aveva già ospitato l'evento: ecco come andò tra maxi opere, roghi misteriosi ed esotismo egiziano.



Nel tunnel
28 aprile 1906: l’inaugurazione (alla presenza dei reali d’Italia) dell’Expo di Milano. Il padiglione d’ingresso, che riproduceva l’entrata del Traforo del Sempione, era dove oggi si trova il parco Sempione.



Telegrafo portatile.
Il collaudo della stazione mobile Marconi: "un'automobile" secondo la descrizione che ne fece all'epoca il Secolo Illustrato "che reca gli apparecchi per la telegrafia senza fili".



Belgio.
Il padiglione del Belgio, situato in piazza d'Armi (area che successivamente ospiterà la Fiera Campionaria). AII'Expo 1906 parteciparono circa 35 mila espositori provenienti da 40 nazioni.



Dal traforo.
L'arrivo a Briga (Svizzera) del treno che il 19 maggio 1906, con il re Vittorio Emanuele III a bordo, inaugurò il traforo del Sempione, una delle opere-simbolo a cui l'Expo 1906 era dedicata.
Leggi Tutto... | 2800 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I MESTIERI DELLA VECCHIA MILANO
Postato da Grazia01 il Giovedì, 03 maggio @ 18:47:00 CEST (5176 letture)
Milano mia I
TRA OTTOCENTO E NOVECENTO



Per i forestieri la locuzione "mestee de Milan" è sinonimo di affare al contempo grandioso, complesso e difficile: tale infatti doveva apparire la città col suo brulichio di uomini, le mille botteghe e mercati e il vociare continuo di gente indaffarata, a chi veniva dalla campagna o dalla modesta vita di paese. Eppure i mestieri di Milano sono i mestieri dell'uomo che è vissuto e vive in questa terra nel tempo; la dimostrazione in un'ampia panoramica storica, che prende le mosse dal Medioevo e giunge sino ai nostri giorni, della straordinaria forza e varietà inventiva dell'ingegno umano e della sua formidabile capacità di lavoro. Tocchi questa forza le vette dell'arte o si fermi all'umile traguardo di sbarcare il lunario come meglio si può, l'importanza è relativa. Conta la volontà di lasciare un segno, grande o piccolo che sia, ma certamente utile, di portare una bella pietra levigata o un sassolino alla costruzione di una positiva convivenza civile. E in questa Milano dai mille e più mestieri che continuano nei secoli, la civiltà del lavoro nasce e mantiene un'identità personale, che ha il sapore e il gusto dell'opera creata con felice impegno, con dura e amorosa fatica.



Questo modo concreto di dedicarsi, anzi di consacrarsi ad un lavoro personale per trasmettergli tutta la carica umana di cui si è capaci, entra nell'anima e nel sangue dei milanesi. Ancor oggi il milanese di nascita o di adozione quando lascia la casa per recarsi al lavoro non dice: "vado in fabbrica o in ufficio", ma proclama: "voo a bottega". La bottega, il laboratorio, "et mestee", è la sua patente di nobiltà.
haec tibi erunt artes
(Virgilio)



EL SCIOSTREE

Bottega tipica di Milano era quella del sciostree. La sciostra era un magazzino che vendeva un po’ di tutto dal carbone ai materiali da costruzione. Il termine potrebbe derivare dal latino sub strata (sotto la strada) visto che il luogo tipico della sciostra erano gli scantinati lungo i navigli, dove era più facile scaricare la merce che arrivava con i barconi.
Narra una leggenda che un vecchio carbonaio fece giurare al figlio di continuare a occuparsi di carbone. Giurò il figlio ma si innamorò della figlia del fornaio del negozio di fronte al suo. Che contrasto faceva il giovane tutto nero vicino alla giovane tutta bianca. Il fornaio che non amava questo contrasto gli disse” O cambi mestiere o cambi amore”. L’ingegno giunse in soccorso del giovane che, per salvare capra e cavoli, si mise a lavorare nel …carbone bianco dei fiumi e dei torrenti lombardi.
Leggi Tutto... | 8563 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.5


La mia Milano...storia
Postato da Grazia01 il Lunedì, 09 gennaio @ 15:34:30 CET (1309 letture)
Milano mia I
Zona 4 quella in cui vivo…storia



Prima di diventare Mediolanum, la città romana che con i suoi splendori era destinata a diventare Milano, il nostro territorio, una piana tra fiumi, rogge e acque risorgive, era abitato stabilmente da altre genti ancora più antiche. Proprio nella nostra Zona 4, in corso Indipendenza, sono state rinvenute tracce di un villaggio preistorico abitato da una popolazione preitalica a cui sono succeduti gli Etruschi, i Celti, i Liguri e altre popolazioni che si sono fuse a formare la nostra stirpe. In un trinceramento eseguito nel 1964 per la sistemazione idrica dei giardini di corso Indipendenza, sono stati ritrovati resti di manufatti - pietre levigate - riconducibili all'epoca Neolitica. A quando cioè l'uomo, che noi chiamiamo con una certa presunzione primitivo, conosceva il fuoco per cuocere le vivande e rendere più dure le punte delle lance e degli aratri e lavorava con cura e precisione le pietre di selce per foggiarne armi ed utensili. Accanto ai resti dell' insediamento neolitico scorreva uno dei numerosi fiumiciattoli tributari del Lambro che ancora in epoca tardo medievale veniva usato per scopi irrigui, appena fuori zona Monforte .Un primo richiamo storico è relativo all'area dell'attuale Porta Romana dove è stata accertata la presenza di una necropoli precristiana. Ma1a Porta della strada, che poi andrà come ora in direzione di Roma, era allora situata molto più verso il centro urbano, forse addirittura dove è l'attuale piazza Missori. Un altro riferimento storico, che risale forse agli ultimi anni dell'Impero Romano d'Occidente, è quello della Chiesetta di S. Giorgio "al pozzo bianco", di cui è documentata l'esistenza nel VI secolo. Se ne fa riferiento collocandone la presenza alla Noceta l'attuale Nosedo (latino nocetum, bosco di noci). Noceto era una località attraversata dalla via Romena, chiamata poi nel Medio Evo Strada Romea, l'antica arteria diretta a Roma in parte coincidente con l'attuale corso Lodi. Una menzione merita, per altri motivi, anche la località Porto di Mare: qui in epoca romana la roggia Vettabbia metteva in comunicazione la città con il mare attraverso il Lambro e il Po. Proprio nei pressi di dove è naufragato nel 1961 il "progetto del Consorzio del Porto e del canale navigabile Milano, Cremona, Po, Adriatico. Tornando ai riscontri storici della zona in epoca medioevale, è notevole il richiamo all' Arco di Porta Romana - trasformato in torre fortificata - teatro della lotta tra Comunali ed Imperiali nell'anno 1158. I primi, costretti alla resa, ricevono l'onore delle armi dell'Imperatore Barbarossa e possono poi tornare incolumi in Milano. Quando però la città, quattro anni più tardi, viene distrutta, molti milanesi si rifugiano a Nosedo, là proprio dove il Barbarossa farà edificare la sua zecca. Torneremo presto a parlare di quella Porta, con la sua storia millenaria.
Leggi Tutto... | 13529 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Milano di notte
Postato da Grazia01 il Venerdì, 22 ottobre @ 20:11:43 CEST (1332 letture)
Milano mia I




Milano di notte fa finta. Fa finta di dormire, perché domani si va a lavorare; fa finta di stare sveglia, perché la metropoli non si spegne mai. Fa finta di essere gentile, al semaforo, con chi chiede informazioni, perché quando non si è in tanti ci si guarda anche in faccia.
Leggi Tutto... | 1316 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


È così bello buttare giù due righe
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 novembre @ 10:18:18 CET (1200 letture)
Milano mia I
Ecco una delle poesie di Marco Saya dedicate ai meandri e ai drammi di Milano


Leggi Tutto... | 355 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La torre Branca
Postato da Grazia01 il Giovedì, 04 giugno @ 19:25:28 CEST (1606 letture)
Milano mia I La torre Branca



Anche Milano ha la sua piccola Tour Eiffel. Non è altrettanto alta, nemmeno tanto sontuosa e scenografica ma Il principio è lo stesso: una struttura aerea, che si sviluppa verticalmente, cilindrica. Sotto la torre, c’è il Just Cavalli Cafè.
Leggi Tutto... | 3246 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


RIEMPIRSI GLI OCCHI DI COLORI .....
Postato da Grazia01 il Domenica, 01 marzo @ 17:30:18 CET (984 letture)
Milano mia I



Continua il mio percorso, alla ricerca di angoli meno conosciuti della mia Milano.

RIEMPIRSI GLI OCCHI DI COLORI
E ASCOLTARE UN CONCERTO D'ORGANO A SAN MAURIZIO



Come diverse altre meraviglie di Milano (tra cui Santa Maria delle Grazie e Palazzo Litta) San Maurizio si trova in Corso Magenta: linea verde della metropolitana, fermata Cadorna, cento metri lungo via Carducci; al semaforo girate a sinistra, appunto sul corso, e attraversate la strada, proseguendo sul lato destro fino all'angolo con via Luini.
Leggi Tutto... | 4189 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


CAPIRE COS'È L'AMORE DAVANTI A UNA STATUA
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 febbraio @ 16:43:24 CET (2301 letture)
Milano mia I


CAPIRE COS'È L'AMORE DAVANTI A UNA STATUA IN LARGO MARINAI D'ITALIA

Largo Marinai d'Italia si trova in fondo a corso XXII Marzo.
Già il nome di questa piazzetta, verde, solare, che uno non si aspetta allo snodo di strade così trafficate,
per certi versi fa pensare all'amore; a un amore spensierato,
vissuto nel momento e poi eventualmente con nostalgia,
nell'unico per sempre che può esistere per chi passa la vita spostandosi da un porto all'altro.
Leggi Tutto... | 2555 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


SAN LORENZO MAGGIORE
Postato da Grazia01 il Sabato, 14 febbraio @ 10:47:35 CET (1840 letture)
Milano mia I


Contare le colonne di San Lorenzo Maggiore

Volendo parlare esclusivamente dell'edificio, anche San Lorenzo è più bella da dietro che dal davanti. Da dietro si raggiunge con la 94, che pur essendo mezzo non troppo affidabile fa un gran percorso attraverso tutta la parte più antica, a tratti anche medievale, della città.
Leggi Tutto... | 4019 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Vedere l'interno della Scala senza pagare il biglietto
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 febbraio @ 20:56:25 CET (1076 letture)
Milano mia I La leggenda di fondazione della Scala vede protagonista l'arciduca Ferdinando, allora governatore di Milano, preda di un attacco di gelosia nei confronti della moglie, Maria Beatrice Ricciarda D'Este.

Leggi Tutto... | 5858 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Si può amare Milano...
Postato da Grazia01 il Sabato, 07 febbraio @ 15:11:48 CET (9488 letture)
Milano mia I Non sono in molti ad apprezzare davvero Milano. Se vi trovate a passare di qui, fate una prova: attaccate bottone con qualcuno e cominciate a lamentarvi. L'ottanta per cento si dirà d'accordo e aumenterà il carico.

Leggi Tutto... | 6273 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Naviglio
Postato da Antonio02 il Lunedì, 29 settembre @ 08:09:44 CEST (1362 letture)
Milano mia I Naviglio

Dalla finestra in alto sulla ripa
fisso lo sguardo al flusso del naviglio


Leggi Tutto... | 525 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Rinasce il Savini
Postato da Antonio il Lunedì, 14 gennaio @ 14:01:43 CET (1484 letture)
Milano mia I

Rinasce il Savini
di MARIO PERAZZI

Quando, il 13 agosto 1943, durante il più devastante bombardamento subito da Milano nella Seconda guerra mondiale, le «dirompenti» alleate sventrarono anche la Galleria Vittorio Emanuele, del ristorante Savini rimase ben poco. Si salvò soltanto un bellissimo accendisigari ad alcol che Virgilio Savini, il fondatore, si era procurato per alcuni ospiti illustri: Puccini, Giacosa, Illica ... Alcuni dei tantissimi nomi che popolano quella che Dino Buzzati definiva la «Spoon River» di uno dei ristoranti più famosi del mondo.
Leggi Tutto... | 3376 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un centinaio di foto nel cuore di Milano
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 novembre @ 18:40:30 CET (1105 letture)
Milano mia I Un centinaio di foto nel cuore di Milano,
per consegnare il messaggio positivo che l'ambiente ci trasmette.


Una mostra fotografica organizzata da Anua, l’associazione per la natura, l’uomo e l’ambiente, in collaborazione con National Geographic.
Fino al 28 dicembre sarà possibile visitarla lungo tutta l’isola pedonale di via Dante a Milano.



Leggi Tutto... | 5569 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Preghiera disperata
Postato da Antonio il Lunedì, 17 settembre @ 21:26:51 CEST (1082 letture)
Milano mia I

Preghiera disperata

L’è ‘na preghiera fada in milanes
con umiltà, fervor, senza pretes:
te preghi madonnina, per on’ora
fa ritornà Milan ‘me l’era allora...
Leggi Tutto... | 1715 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dopo alcuni giorni afosi.....
Postato da Grazia01 il Sabato, 02 giugno @ 11:49:46 CEST (837 letture)
Milano mia I

Dopo alcuni giorni afosi sono arrivati gli acquazzoni ed ora l’aria è ridiventata tiepida.
I profumi terrestri che arrivavano fin qui da terrazze verdi e balconi fitti di gerani e rampicanti mi fanno compagnia.
Che strano inganno è ancora, per me, girare i viali di Milano in primavera avanzata.
Leggi Tutto... | 1744 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Milano riapre i suoi cortili
Postato da Antonio il Venerdì, 18 maggio @ 22:53:29 CEST (2462 letture)
Milano mia I Milano riapre i suoi cortili più belli
Torna il 20 maggio la XIV edizione di
"Cortili Aperti"
DALLE 10 ALLE 19


Leggi Tutto... | 2709 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Babele negli Ipermercati dove lo shopping è una medicina
Postato da Grazia01 il Domenica, 14 gennaio @ 22:10:19 CET (2006 letture)
Milano mia I

La mia eccellente insegnante di spagnolo, Teresa Martinez, mi ha detto un giorno che i centri commerciali, da noi, assumono spesso l'aspetto, incongruo, di sostituti di veri e propri centri sociali pubblici mancanti.
«Da noi, a Barcellona - mi diceva - gli anziani hanno i loro luoghi organizzati dal comune, per incontrarsi e passare tranquillamente insieme il tempo libero. Qui mi sembra, devono arrangiarsi come capita".
E mi portava l'esempio di alcuni ipermercati dove è facile vedere nei giorni feriali, gruppi di signori e signore di una certa età, muti e seduti, con la testa alzata a guardare la televisione appesa ad un pilastro.
Una scena che ho potuto anch'io vedere non senza un poco di tristezza, tanto che per sentirmi solidale e non essendo d’età molto diversa, mi sona aggregato al gruppo silenzioso e teleutente anch'io, per qualche minuto. Ora siamo in inverno, ma si sa che d'estate si arriva a raccomandare alle persone anziane di aggirarsi in supermarket e centri commerciali per godersi un po’ d'aria condizionata e non farsi ammazzare dalla giornata torrida.
Leggi Tutto... | 2595 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Al di là della speranza
Postato da Grazia01 il Domenica, 07 gennaio @ 18:49:21 CET (1100 letture)
Milano mia I

Non ti dico speranza. Ma è
speranza.
Questa parola che ti porgo è niente,
la sperde il giorno e me con essa. E
niente ti consola di essere sostanza
delle cose sperate. In queste lente
sere di fumo e calce la città
che mi porta s'intorbida nei viali
sui battistrada di autotreni, muore
fra ponti di bitume, fari, scorie ...
Qui sarò io stato vivo; e ai generali
destini che mi struggono, l'errore
che fu mio, e il mio vero, resterà.


di Franco Fortini
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 11 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 20 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 17 letture ]
 Mattino di settembre [ 0 commenti - 28 letture ]
 Un giorno tu ti sveglierai [ 0 commenti - 60 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy