Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 88
Totale: 88
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Stories Archive
03: Home
04: coppermine
05: Home
06: Home
07: News
08: coppermine
09: Search
10: coppermine
11: coppermine
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: coppermine
17: Home
18: News
19: Stories Archive
20: Home
21: Search
22: Home
23: Home
24: News
25: News
26: Home
27: coppermine
28: Home
29: Home
30: Search
31: Home
32: Home
33: Home
34: coppermine
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: News
43: coppermine
44: Home
45: News
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: coppermine
55: coppermine
56: Home
57: coppermine
58: Home
59: Search
60: Home
61: coppermine
62: coppermine
63: Home
64: coppermine
65: Home
66: coppermine
67: News
68: Search
69: Home
70: Statistics
71: coppermine
72: Home
73: News
74: Stories Archive
75: Home
76: coppermine
77: coppermine
78: Home
79: Home
80: coppermine
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Search
86: Home
87: coppermine
88: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8875
  · Viste: 1577590
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Geordie- La leggenda del Signore Oscuro
Geordie- La leggenda del Signore Oscuro
Postato da triskell il Domenica, 29 marzo @ 09:13:07 CEST (1924 letture)
Le poesie e i racconti  di *Triskell* II George Gordon aveva 17 anni quando dalla barca salutò il suo amico Sam e cominciò la sua vita da fuggiasco. Da quell’addio in poi non avrebbe mai più dimenticato la condanna a morte firmata da re Edmond, e letta in pubblica piazza da un ragazzino biondo.





Zio Fred lo aveva salvato, con l’aiuto di Luna e Sam. Ormai ne era certo. Chi altro avrebbe potuto rischiare la vita per lui e lanciare l’oggetto incantato sul sul patibolo, se non la sua amata?
George lasciava che il servo ingaggiato da Fred e Sammy remasse verso l’altra sponda del lago Ilario, guardò alle sue spalle e d’improvviso sentì addosso tutto il peso degli ultimi avvenimenti. Un peso che sentiva troppo grande, impossibile, ma che non aveva altra scelta che portare.
I suoi grandi occhi scuri si velarono di tristezza, poi si chiusero e i pensieri di Geordie furono suoi, di Luna. Geordie ridisegnava nella mente il viso della donna che amava, per un attimo pensò con terrore alla concreta possibilità di non rivederla mai più. E se poi avesse dimenticato il suo viso? Promise a se stesso che non sarebbe mai passato neppure un giorno senza che lui ricostruisse con la mente ogni tratto del suo volto, il meraviglioso quadro del suo sorriso. Così, ne era certo, sarebbe per sempre rimasto scolpito in lui.
Si abbandonò al sogno del volto di Luna, ai suoi lunghi capelli biondi, gli occhi azzurri, le labbra rosa pesca.



La immaginò in un giardino, tra fiori gialli, mentre ne annusava il profumo. La immaginò con l’abito che indossava il giorno della festa di congedo di Sam, un vestito bianco, lungo fino alla caviglia, l’ampia gonna che si gonfiava ad ogni giro della dama. La immaginò al sicuro, tra le sue braccia. Fu così che il vogatore scosse la testa, quando sentì dire piano all’uomo sognante:”amore…”.

“Oh!” Esclamò il servo, “siamo arrivati. Io non ho mai visto te e tu me.”
“Chiaro”, rispose Geordie, prese arco e frecce, le portò in spalla, scese dalla piccola imbarcazione e si avviò verso l’interno della regione sconosciuta. Non aveva la più pallida idea della direzione da prendere, non aveva alcuna meta, nessun amico, nessun obiettivo. Semplicemente scelse una direzione a caso, poi cominciò a camminare.



Il signor Paddy chiese altro tacchino e il servo prontamente preparò il piatto.
“Figlia mia, noto un nuovo gioiello alla tua mano. Da dove proviene? E’ forse dono di uno dei ragazzotti che mandano lettere in continuazione?”, sorrise compiaciuto di sé, come se avesse appena fatto la più brillante osservazione del secolo.
“Non ti sfugge nulla, padre”, sorrise Leyla, “invero è solo una sciocchezza, un simbolo di amicizia di noi ragazze, abituate a bere il tè insieme. Niente di importante.”
“Piccola cara!” rispose mr. Paddy, “non so chi abbia scelto quella stella, insolito davvero come simbolo di amicizia! Meglio sarebbe stato un fiore”. La grossa risata del capo famiglia riempì ancora la stanza.
“Non capisco, anche la stellina mi sembra così carina, padre!”
Il signor Paddy era un uomo alto e magro, i capelli grigi sulla testa divenivano di anno in anno sempre più radi,sopra il grosso naso, gli occhi marroni si facevano certo notare, perché quello destro purtroppo era storto fin dalla nascita e sembrava sempre osservare il lato di destra. Chi lo conosceva da poco faceva fatica a guardarlo dritto negli occhi durante le conversazioni e così il signor Paddy spesso era abituato a chiacchierare con qualcuno che durante la conversazione guardava a terra o fuori dalla finestra. Certo non era il caso di chi conoscesse da molto tempo, o dei propri familiari. Ma nell’ingenuo sguardo della figlia Leyla, il signor Paddy non scorse nessun segreto mentre si discorreva dell’anello a cinque punte.
Ma si sbagliava.
Sir Paddy aveva paura di Birdofpray. Birdofpray aveva preso da un anno il ruolo di capo delle guardie, da quando il fratello del signor Paddy era morto in circostanze misteriose. In cuor suo sir Paddy sospettava che nell’improvvisa morte del fratello avesse un ruolo anche la losca figura di Birdofpray. Ma cercava, doveva fare buon viso a cattivo gioco e tentava di tenere dei buoni rapporti col capo delle guardie reali, colui che avrebbe cresciuto, educato il suo primogenito Sam.
Ma sir Paddy aveva motivo di preoccupazione dato anche dal fatto che informatori affidabilissimi avevano confermato la complicità di Birdofpray con il temuto e leggendario Signore Oscuro. Molti credevano che il Signore Oscuro non esistesse ma fosse soltanto una fantasia del popolo tramutatasi nel tempo in leggenda. Secondo l’opinione più diffusa esisteva eccome, e si trattava di un temibile essere demoniaco che nell’ora destinata avrebbe catturato l’anima di ogni creatura dell’intero pianeta Baatar! Taluni, in pochi, dicevano che si trattava di un grande mago, tanto sapiente di magia nera da essere in possesso lui soltanto tra gli umani del segreto dell’immortalità terrena. E non solo di quello.
Sir Paddy non sapeva chi o cosa fosse il Signore Oscuro. Quello che sapeva di sicuro è che di certo esisteva. Ed era in quotidiano contatto con Sir Birdofpray.
Ma Birdofpray non era il solo a coltivare questa particolare amicizia. Anche Leyla al calare del sole invocava il Signore Oscuro, e lo faceva tramite quello stesso anello di cui sir Paddy aveva appena sorriso! Se solo avesse potuto immaginarlo e se avesse potuto immaginare anche una sola delle conseguenze che ne sarebbero venute, allora avrebbe strappato quell’anello dal dito della figlia senza attendere un solo istante! Ma non sapeva nulla. E continuò a mangiare il suo tacchino.
La sedia di Sam era vuota, per la prima volta dopo tanto tempo.
“Ormai Sam è un soldato”, disse pensoso sir Paddy.
Leyla sbuffò rumorosamente.



Dopo cena Leyla si ritirò nella sua stanza e si chiuse a chiave. Nel buio più totale si inginocchiò al centro di un tappeto circolare di colore viola e pregò:

"Signore del Male, io ti invoco
accedi tramite la mia umile anima
al povero mondo dei vivi ignari.
Signore Oscuro io ti imploro
di prendere il mio sangue
come segno della mia anima
ceduta al tuo volere."

La pelle del colore della porcellana di Leyla imbiancò sempre di più, presto il suo corpo si accasciò sul tappeto. Forse svenuta, forse morta, il suo corpo stava lì immobile, sul tappeto.









Argomenti associati

Le poesie e i racconti  di *Triskell* ILe poesie e i pensieri di r.chesini I

"Geordie- La leggenda del Signore Oscuro" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Le poesie e i racconti di *Triskell* II

Articolo più letto relativo a Le poesie e i racconti di *Triskell* II:
Un gioco

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il 13 gennaio del 1915: terremoto in Marsisa 30.519 vittime [ 0 commenti - 18 letture ]
 La prima lotteria [ 0 commenti - 17 letture ]
 Buon 2019 [ 0 commenti - 12 letture ]
 Natale [ 0 commenti - 39 letture ]
 Buone Festa da Casatea [ 0 commenti - 29 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 11
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy