Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 399
Totale: 399
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: News
10: Home
11: Home
12: News
13: Home
14: Home
15: Home
16: News
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: coppermine
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: coppermine
39: Home
40: News
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Stories Archive
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: News
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: News
65: Home
66: News
67: Home
68: Home
69: Statistics
70: Home
71: Home
72: Home
73: Search
74: News
75: Home
76: Home
77: Forums
78: Stories Archive
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: News
84: Home
85: News
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Search
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Search
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: coppermine
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: News
121: News
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: News
136: Home
137: coppermine
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: coppermine
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: News
151: Home
152: Home
153: Home
154: News
155: Home
156: Home
157: News
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: coppermine
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Search
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: News
192: Surveys
193: Home
194: Search
195: Home
196: Home
197: Your Account
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: News
205: Stories Archive
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Stories Archive
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: coppermine
229: coppermine
230: Home
231: coppermine
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: Stories Archive
238: Home
239: Stories Archive
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Stories Archive
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: News
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Stories Archive
262: Home
263: Home
264: Home
265: News
266: News
267: Home
268: News
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Home
275: Home
276: Home
277: coppermine
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: coppermine
287: Home
288: Home
289: Home
290: Home
291: Home
292: Home
293: Home
294: coppermine
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: Home
300: Home
301: Home
302: coppermine
303: Home
304: Home
305: coppermine
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Search
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: coppermine
316: Search
317: Home
318: Home
319: Home
320: Home
321: coppermine
322: Home
323: Home
324: Search
325: News
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: Home
337: Home
338: Home
339: Home
340: News
341: Home
342: Home
343: Home
344: News
345: Home
346: Home
347: Stories Archive
348: Home
349: Home
350: Home
351: Home
352: Home
353: Home
354: Home
355: Home
356: News
357: Home
358: coppermine
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: Home
364: Home
365: Home
366: Home
367: Home
368: Home
369: Home
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: Home
376: Home
377: Home
378: Home
379: News
380: Home
381: Home
382: Home
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: Home
395: Home
396: Home
397: Home
398: News
399: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9054
  · Viste: 1924125
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › LA LUNA
LA LUNA
Postato da Grazia01 il Giovedì, 19 luglio @ 21:03:24 CEST (12884 letture)
POESIE TEMATICHE I°

Stavolta mentre la vera estate sta facendo
il suo regolare, caldo corso, sulla nostra penisola...
il tema delle poesie... è...
un astro che ci è molto vicino... il più vicino a noi...
il più romantico ed il più amato dai poeti...


Bè avete capito che parliamo dell'amica Luna...,
che in queste lunghe notti d'estate, per esser noi tutti
un pò più... insonni..., non possiamo non notare
e non possiamo non subirne il fascino...

Non ho scelto poesie notissime ,se non forse l'ultima di Lorca,
perché mi piace anche cercare poesie
d'autori sì non notissimi ma per me molto belle...

Come al solito... se vi va... mi farebbe piacere leggere
le poesie che parlano al vostro cuore...




LUNA DIMMI LA VERITA'
Marcella Boccia

Illumina la mia melanconia
con la tua sensuale rotondità
Luna accesa di passione
Luna dimmi la Verità
Tu che vegli sul cammino dei viandanti
tu che hai conosciuto santi
e ladroni
alte e basse le maree
venti a ponente e al Sol levante
Regalami un raggio della tua imperturbabilità
offrimi un granello di Verità
che io possa sentire sulle tempie
le vibrazioni del tuo nuovo plenilunio
ed esausta giacere
sul tuo corpo
fino all'implosione
sino al dissolversi di ogni mia passione

LA CURVA DELLA LUNA
Dolceluna

La curva della luna è una notte come questa,
che tutto concede e tutto soddisfa.
Notte di stelle e canto del mare.
La curva della luna è un calice di vino,
vino rosso e caldo
che corre nelle vene, inebriante.
La curva della luna è un'alcova di amanti,
dimenticati dal tempo e
lasciati lì a godere,
nel turbinio delle loro emozioni.
La curva della luna è un grembo sicuro
un rifugio, un nido,
dove non passa la cattiveria,
dove l'amore resiste, e anche la gioia.
E la curva della luna è passione che esplode
è desiderio che brucia nella pancia,
al ricordo di Te, amore,
della tua pelle e del tuo giovane corpo.
E' un'arancia selvatica da mordere e succhiare,
insieme... avidamente.
La curva della luna è un dolce ricordo
da trapiantare nel cuore,
per farlo resistere
all'usura del tempo.

E FU VIOLATA LA LUNA
Rino Passigato

E fu violata la luna...
Le scarpe di sughero,
il belletto sulle guance,
ogni sera entravi dalla finestra
a narrarmi le favole
vissute nel cosmo.
Ti specchiavi sulle acque del laghetto
ed attendevi le capriole
di qualche cavedano
per prenderlo nella rete.
Ora hai dovuto vendere
le tue fiabe all'asta
per esserti concessa
ai tuoi profanatori.
E non scendi più la sera
a raccontarmi dello gnomo
che, stanco di far legna nei tuoi boschi,
si addormentò in riva al torrente,
dove stavi facendo il bagno.
Non sa più di ciclamino il tuo profumo
e il tuo viso pallido
non si fa più vedere nello stagno.
Erano altri tempi,
quando puntuale
ti paracadutavi sulla terra
per muovere un sorriso
sulle bocche degli ammalati,
regalare foulards di seta alle ragazze
e bonbos fiabeschi ai più piccini.

POTESSERO LE MIE MANI SFOGLIARE
Federico Garcia Lorca

Pronunzio il tuo nome
nelle notti scure,
quando sorgono gli astri
per bere dalla luna
e dormono le frasche
delle macchie occulte.
E mi sento vuoto
di musica e passione.
Orologio pazzo che suona
antiche ore morte.
Pronunzio il tuo nome
in questa notte scura,
e il tuo nome risuona
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle
e più dolente della dolce pioggia.
T'amerò come allora
qualche volta? Che colpa
ha mai questo mio cuore?
Se la nebbia svanisce,
quale nuova passione mi attende?
Sarà tranquilla e pura?
Potessero le mie mani
sfogliare la luna!





Viene il tempo di fermarsi
di bagnarsi di poesia
di sentirsi parte di una sinfonia...
si raccolgono le stelle e una luna che non sai...
e la notte si fa bella, come mai,
un momento di infinito che si scomoda per te...

Renato Zero



Avete mai fatto un giro nella campagna di notte?
Proprio lassù, dove il profilo della collina fa da spiaggia a un mare di stelle,
in una quiete così assoluta che si può ascoltare il fruscio dell'erba nella brezza leggera.
Se tendete bene l'orecchio, in certe notti di luna piena potrete sentire anche altri fruscii,
e aguzzando la vista vi accorgerete delle ombre
che scivolano tra gli alberi e diventano tutt'uno con quelle dei cespugli.
Dicono ci sia una radura oltre i cespugli.
Nessuno l'ha mai vista perchè nessuno può vederla.
E' un luogo magico, riservato ai gatti,
che vi fanno capolino a ogni plenilunio e, seduti in cerchio,
si raccontano i loro segreti, e i segreti degli esseri umani.
Loro li conoscono tutti...e li confidano alla luna



La luna desolata
di Alfonso Gatto


La luna desolata
Sulle mie notti appare
luna bianca velata
dal cielo sopra il mare,
la luna desolata.

Come per eco incombe
nell'esule statura
il vento delle tombe.
Risorta alle sue mura

la luna volge all'oro
del pallido scirocco.
Si perde nell'affioro
degli alberi il rintocco

di un'aria sempre vana
e alla campagna intorno
trema dalla lontana
riva dei sogni il giorno.



Mi nasconda la notte
di Sandro Penna

Mi nasconda la notte e il dolce vento.
Da casa mia cacciato e a te venuto
mio romantico antico fiume lento.
Guardo il cielo e le nuvole e le luci
degli uomini laggiù così lontani
sempre da me. Ed io non so chi voglio
amare ormai se non il mio dolore.

La luna si nasconde e poi riappare
- lenta vicenda inutilmente mossa
sovra il mio capo stanco di guardare.



La luna che nel cielo era assopita
di Sandro Penna

La luna che nel cielo era assopita
entra nella mia stanza così viva
che il mio sesso sussulta e si nasconde.
Ride il fanciullo e candido si mostra
dicendomi «vergogna di una luna!».



O falce di luna calante
che brilli su l’acque deserte,
o falce d’argento,
qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù.

Gabriele D’Annunzio



Il vomere alla luna
di Rino Passigato

Il vomere della luna
fende le nubi.
Non più streghe a passeggio stanotte,
ma chiassosi rumori dall'officina,
dove si continua la fatica del giorno.

Getta la lenza
nelle acque del fiume il pescatore;
cattura fragranze d'alghe,
carezze di nuvole.

Il vento ha visitato
il cimitero delle falene,
portandovi petali azzurri e rossi
di prataioli.
Solitario un raggio di luna
si ferma a far luce.
Qualche insetto notturno
calpesta i petali
e piange;
ha perso le compagne di gioco.



La luna coperta
di Rino Passigato

Ho visto una saetta impigliarsi tra
siepi di nubi, la luna che
tentava di aprirsi un varco tra quella
baraonda di nembi e cumuli e ammassi
di nuvole; non ci riusciva,
tentava da un'altra parte, subito
accorreva un altro cumulo nembo
a tapparla nella sua tana.
Uno schiocco forte improvviso diede
Inizio alla pioggia, scrosci ispessiti
e radi copiosi e stantii. Era tutto
un correre a destra e a manca a salvare
i banchetti che restavano aperti
tutta la notte. Qualcheduno stava
in piedi dondolante, altri erano
crollati e giacevano in un mucchio
di roba zuppa bagnata. D'un tratto
la luna riuscì a passare per quell'ammucchiata
di nubi e a sistemarsi bella linda
tonda nel cielo; più morbida
ed evanescente, più tonda e bella
brillava nell'acqua del fiume,
dove un rapido vapore passando,
la sbrindellò.



Luna
di Isabella di Rosacroce


Il ventre gravido
Di luna pallido
Danza nella notte
Tra bianche sete
Per la sua regina
La luna vuole sue figlie
È ora di partorire
Le stelle



LUNA
Di Gianluca W. Cardile

Soltanto la luna sembra somigliarti
lassù fra le stelle domina il silenzio.
Decide se sia luce o ci colgano le tenebre.
Mi par di vederti solitaria tra le nuvole
e comparir di tanto in tanto a illuminar la notte.
A baciar di malinconia l'amor che si consuma
su freddi muretti di città.
Sei tu la loro dea che accoglie dolcemente
i loro sguardi la loro gioia le loro anime
perdute nell’immensità dell'amore che li ha colti.
Quella magia che tu hai donato loro
senza promettere il suo sostentamento.










Stavolta mentre la vera estate sta facendo
il suo regolare, caldo corso, sulla nostra penisola...
il tema delle poesie... è...
un astro che ci è molto vicino... il più vicino a noi...
il più romantico ed il più amato dai poeti...
LA LUNA.



Cosa resta fermo ed immobile nel cielo dei nostri anni se non l'amica...
direi di più... la sorella Luna che pur cambia sempre... ogni notte...
rimanendo però sempre uguale a se stessa con i suoi cicli continui
che influenzano i mari... le piante...
e forse anche i nostri pensieri ed i nostri cuori...?

Lei, ogni volta che volgiamo gli occhi al cielo,
è lì... con il suo volto che ben conosciamo...
e ci sarà accanto tutta la vita...

Il bianco globo ha affascinato l'umanità fin dagli albori
e soprattutto i poeti... (e gli innamorati)
in quanto simbolo della notte ma anche della luce...
che squarcia le tenebre... in eterna concorrenza col Sole...
simbolo del giorno...


A tal proposito ecco dei semplici versi della grande Saffo...
(640 a. C.)
Le stelle intorno alla luna bella
(Saffo)
Le stelle intorno alla luna bella
nascondono di nuovo l'aspetto luminoso,
quando essa, piena,
di più risplende sulla terra...

Come al solito... se vi va... mi farebbe piacere leggere le poesie
che parlano al vostro cuore...







LUCE DI LUNA
Baldo Bruno

Delle onde laggiù il palpito
lassù la luna quieta,
tace la notte e ti penso,
allora blandisce il mio respiro
il soffio di petunia delle tue guance.
La luna è là
quella luce m'inquieta gli occhi
inumiditi di cristalli di sogni
e scende illuminandomi dentro
quello che ho di te.
E ho voglia delle tue labbra
come nel buio è nascosto il desiderio di luce
come nelle onde l'ansia del moto continuo.
Ho voglia della tua voce
suono d'arpa dolce nel mio oceano libidinoso.
Tutto quello che ho di te
così mi brama nell'ombra.


ALLA LUNA
Percy Bysshe Shelley

Sei pallida perché
sei stanca di scalare il cielo
e fissare la terra
tu che ti aggiri senza compagnia
tra le stelle che hanno una differente
nascita, tu che cambi
sempre come un occhio senza gioia
che non trova un oggetto degno della
sua costanza?



AL CHIAR DI LUNA
R. Tagore

Calma, calma questo cuore agitato,
tu, notte tranquilla di luna piena.
Troppe gravi preoccupazioni,
più e più volte
gravano sul mio cuore.
Versa tenere lacrime
Sopra brucianti pene.
Con i tuoi raggi argentati,
portatori di sogno e di magia,
morbidi come petali di loto,
o notte, vieni, accarezza
tutto il mio essere
e fammi dimenticare
tutte le mie pene.

TRISTEZZA DELLA LUNA
Charles Baudelaire

Questa sera la luna sogna più languidamente;
come una bella donna che su tanti cuscini
con mano distratta e leggera
prima d'addormirsi carezza il contorno dei seni,
e sul dorso lucido di molli valanghe morente,
si abbandona a lunghi smarrimenti,
girando gli occhi sulle visioni bianche
che salgono nell'azzurro come fiori in boccio.
Quando, nel suo languore ozioso,
ella lascia cadere su questa terra una lagrima furtiva,
un pio poeta, odiatore del sonno,
accoglie nel cavo della mano
questa pallida lagrima dai riflessi iridati
come un frammento d'opale, e la nasconde
nel suo cuore agli sguardi del sole.



Ciao da Tony Kospan








LA LUNA IN POESIA E... NON SOLO...
a cura di Tony Kospan

Stavolta proseguendo nella trilogia astrale...
il tema delle poesie... è... un astro che ci è molto vicino...
il più vicino a noi...
il più romantico ed il più amato dai poeti...
LA LUNA.


Cosa resta fermo ed immobile nel cielo delle nostre notti
se non l'amica... direi di più... la sorella Luna
che pur cambia sempre... però la sua forma...
come una bella donna cambia sempre il suo vestito...?

Essa con i suoi cicli continui influenza certo i mari... le piante...
ma forse anche i nostri pensieri e le nostre emozioni...

Infatti ha affascinato tutta l'umanità fin dagli albori...
(soprattutto i poeti... e gli innamorati).


Tramontata è la luna
e le Pleiadi a mezzo della notte;
anche giovinezza già dilegua,
e ora nel mio letto resto sola.
Saffo

=======================

Per gli antichi simboleggiava il faro naturale che squarcia le tenebre... ed un eterno rincorrersi col Sole... simbolo del giorno...





Certo la sua conquista 41 anni fa da parte dell'Uomo
le ha fatto perdere un po' del suo affascinante mistero...
ma essa parla ancora ai nostri cuori...

Come al solito... se vi va... mi farebbe piacere leggere le poesie che, sul tema, parlano al vostro cuore...

A GIORNI ALTERNI...
Maria Luisa Spaziani

A giorni alterni sono io la luna
e tu l'immensa terra che mi attira,
e questa notte tu, tu sei la luna
- io ti tengo al guinzaglio -
so che mi stai sognando, mi accarezzi,
i globuli lo sanno del mio sangue,
ogni mio nervo teso come un arco
o un'arpa eolia che vibra al respiro.





CANZONE
Jimenez

Quando le tue mani erano luna,
colsero dal giardino del cielo
i tuoi occhi, violette divine.
Che nostalgia, quando i tuoi occhi
ricordano, di notte, il loro cespo
alla luce morta delle tue mani!
Tutta la mia anima, col suo mondo,
metto nei miei occhi della terra,
per ammirarti, moglie splendida!
Non incontreranno le tue due violette
il leggiadro luogo a cui elevo
cogliendo nella mia anima l'increato?



PLENILUNIO
Charles Baudelaire

Nei suoi sogni la luna è più pigra, stasera:
come una bella donna su guanciali profondi,
che carezzi con mano disattenta e leggera
prima d'addormentarsi i suoi seni rotondi,

lei su un serico dorso di molli aeree nevi
moribonda s'estenua in perduti languori,
con gli occhi seguitando la apparizioni lievi
che sbocciano nel cielo come candidi fiori.
Quando a volte dai torpidi suoi ozi una segreta
lacrima sfugge e cade sulla terra, un poeta
nottambulo raccatta con mistico fervore
nel cavo della mano quella pallida lacrima
iridescente come scheggia d'opale.
e, per sottrarla al sole, se la nasconde in cuore.



POTESSERO LE MIE MANI SFOGLIARE
Federico Garcia Lorca

Pronunzio il tuo nome
nelle notti scure,
quando sorgono gli astri
per bere dalla luna
e dormono le frasche
delle macchie occulte.
E mi sento vuoto
di musica e passione.
Orologio pazzo che suona
antiche ore morte.
Pronunzio il tuo nome
in questa notte scura,
e il tuo nome risuona
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle
e più dolente della dolce pioggia.
T'amerò come allora
qualche volta? Che colpa
ha mai questo mio cuore?
Se la nebbia svanisce,
quale nuova passione mi attende?
Sarà tranquilla e pura?
Potessero le mie mani
sfogliare la luna!



ALLA LUNA
Giacomo Leopardi

O graziosa luna, io mi rammento
che, or volge l'anno, sovra questo colle
io venia pien d'angoscia a rimirarti:
e tu pendevi allor su quella selva
siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
il tuo volto apparia, che travagliosa
era mia vita: ed è, nè cangia stile
o mia diletta luna. E pur mi giova
la ricordanza, e il noverar l'etate
del mio dolore. Oh come grato occorre
nel tempo giovanil, quando ancor lungo
la speme e breve ha la memoria il corso
il rimembrar delle passate cose,
ancor che triste, e che l'affanno duri!

TONY KOSPAN







LA LUNA IN POESIA E… NON SOLO (2011)
a cura di Tony Kospan

Dopo le poesie dedicate al sole… proseguiamo in questa che possiamo definire…piccola trilogia spaziale… dedicando il tema di questa domenica alla Luna…


La luna, nostra notturna compagna nel ciel, è forse, e senza forse, da sempre il corpo celeste più amato.

Certo… dopo la conquista della Luna, essa ha sì perso un pò del suo fascino… ma poi nemmeno tanto…ed è rimasta nell'immaginario collettivo dell'Umanità l'astro dell'amore e la bianca culla dei sogni…






In ogni caso nulla potrà modificare la constatazione che il nostro satellite è stato per millenni l’ispiratore di poeti, scrittori, pittori, musicisti, sognatori… e… innamorati…

Una riflessione sul nostro satellite può però magicamente racchiudersi in questi sublimi versi dell’immenso… Giacomo… nazionale…





Che fai tu Luna, in ciel?
dimmi, che fai, silenziosa Luna?
Giacomo Leopardi





Le poesie prescelte quest'anno partono dai notturni sospiri dell'antichissima Saffo, proseguono per una divertente (ma anche saggia) filastrocca di Rodari, e poi per i versi, quasi delle pennellate, del grande D'Annunzio e terminano con le pene di Tagore e la languida magia di Baudelaire…

Come sempre sarà bello leggere sul tema poesie vostre o di altri, ma anche commenti… riflessioni, o tutto quel che vi va di esprimere qui o nell'area discussioni del Fantastico Mondo della Poesia.





TRAMONTATA E' LA LUNA
Saffo

Tramontata è la luna
e le Peiadi a mezzo della notte;
anche la giovinezza già dilegua,
e ora nel mio letto resto sola.
Scuote l'anima mia Eros,
come vento sul monte
che irrompe entro le querce;
e scioglie le membra e le agita,
dolce amara indomabile belva.
Ma a me non ape, non miele;
e soffro e desidero.





SULLA LUNA
Gianni Rodari

Sulla Luna, per piacere,
non mandate un generale:
ne farebbe una caserma
con la tromba e il caporale.
Non mandateci un banchiere
sul satellite d’argento,
o lo mette in cassaforte
per mostrarlo a pagamento.
Non mandateci un ministro
col suo seguito di uscieri:
empirebbe di scartoffie
i lunatici crateri.
Ha da essere un poeta
sulla Luna ad allunare:
con la testa nella Luna
lui da un pezzo ci sa stare…
A sognar i più bei sogni
è da un pezzo abituato:
sa sperare l’impossibile
anche quando è disperato.
Or che i sogni e le speranze
si fan veri come fiori,
sulla Luna e sulla Terra
fate largo ai sognatori!






O FALCE DI LUNA CALANTE
D'Annunzio

O falce di luna calante
che brilli su l'acque deserte,
o falce d'argento, qual mèsse di sogni
ondeggia a 'l tuo mite chiarore qua giù!

Aneliti brevi di foglie
di fiori di flutti da 'l bosco
esalano a 'l mare: non canto, non grido,
non suono pe 'l vasto silenzio va.

Oppresso d'amor, di piacere,
il popol de' vivi s'addorme.
O falce calante, qual mèsse di sogni
ondeggia a 'l tuo mite chiarore qua giù!





AL CHIAR DI LUNA
R. Tagore

Calma, calma questo cuore agitato,
tu, notte tranquilla di luna piena.
Troppe gravi preoccupazioni,
più e più volte
gravano sul mio cuore.
Versa tenere lacrime
Sopra brucianti pene.
Con i tuoi raggi argentati,
portatori di sogno e di magia,
morbidi come petali di loto,
o notte, vieni, accarezza
tutto il mio essere
e fammi dimenticare
tutte le mie pene.





TRISTEZZA DELLA LUNA
Charles Baudelaire

Questa sera la luna sogna più languidamente;
come una bella donna che su tanti cuscini
con mano distratta e leggera
prima d’addormirsi carezza il contorno dei seni,
e sul dorso lucido di molli valanghe morente,
si abbandona a lunghi smarrimenti,
girando gli occhi sulle visioni bianche
che salgono nell’azzurro come fiori in boccio.
Quando, nel suo languore ozioso,
ella lascia cadere su questa terra una lagrima furtiva,
un pio poeta, odiatore del sonno,
accoglie nel cavo della mano
questa pallida lagrima dai riflessi iridati
come un frammento d’opale, e la nasconde
nel suo cuore agli sguardi del sole.

ORSO TONY








LA LUNA IN POESIA... IN MUSICA... E… NON SOLO…
a cura di Tony Kospan


Stavolta, mentre la tanto attesa estate è esplosa all’improvviso
lasciandoci sorpresi per il caldo esagerato ed anticipato,
proseguendo nella trilogia astrale…,
dopo aver trattato il tema del sole,
parleremo del corpo celeste a noi più vicino...
il più romantico ed il più amato dai poeti…
LA LUNA.

Perché si chiama così e cosa significa?

Il termine Luna viene dal latino
(anche se a sua volte deriva da lingue ancora più antiche)
e significa "Luce riflessa"
mentre il suo nome in greco era Selene e cioè "Splendente".



Così ci fa compagnia nel cielo delle nostre notti
se non l’amica… direi di più… la sorella Luna
che pur cambia sempre… però la sua forma…
proprio come una donna per farsi bella
cambia sempre il suo vestito…?





Essa poi con i suoi cicli continui influenza certo i mari… le piante…
ma forse anche i nostri pensieri e le nostre emozioni…

Il bianco astro con la sua luce notturna...
ed il suo giocar a rimpiattino col sole...
ha da sempre affascinato l’umanità
e soprattutto i poeti… e gli innamorati...
come ci ricordano questi versia di Saffo


Tramontata è la luna
e le Pleiadi a mezzo della notte;
anche giovinezza già dilegua,
e ora nel mio letto resto sola.
Saffo




Certo la sua conquista da parte dell’Uomo
le ha fatto perdere un pò del suo affascinante mistero…
ma essa parla ancora ai nostri cuori…


Come al solito… se vi va… mi farebbe piacere leggere le poesie che,
sul tema, parlano al vostro cuore…





A GIORNI ALTERNI…
Maria Luisa Spaziani

A giorni alterni sono io la luna
e tu l’immensa terra che mi attira,
e questa notte tu, tu sei la luna
- io ti tengo al guinzaglio -
so che mi stai sognando, mi accarezzi,
i globuli lo sanno del mio sangue,
ogni mio nervo teso come un arco
o un’arpa eolia che vibra al respiro.




CANZONE
Jimenez

Quando le tue mani erano luna,
colsero dal giardino del cielo
i tuoi occhi, violette divine.
Che nostalgia, quando i tuoi occhi
ricordano, di notte, il loro cespo
alla luce morta delle tue mani!
Tutta la mia anima, col suo mondo,
metto nei miei occhi della terra,
per ammirarti, moglie splendida!
Non incontreranno le tue due violette
il leggiadro luogo a cui elevo
cogliendo nella mia anima l’increato?





PLENILUNIO
Charles Baudelaire

Nei suoi sogni la luna è più pigra, stasera:
come una bella donna su guanciali profondi,
che carezzi con mano disattenta e leggera
prima d’addormentarsi i suoi seni rotondi,

lei su un serico dorso di molli aeree nevi
moribonda s’estenua in perduti languori,
con gli occhi seguitando la apparizioni lievi
che sbocciano nel cielo come candidi fiori.
Quando a volte dai torpidi suoi ozi una segreta
lacrima sfugge e cade sulla terra, un poeta
nottambulo raccatta con mistico fervore
nel cavo della mano quella pallida lacrima
iridescente come scheggia d’opale.
e, per sottrarla al sole, se la nasconde in cuore.



POTESSERO LE MIE MANI SFOGLIARE
Federico Garcia Lorca

Pronunzio il tuo nome
nelle notti scure,
quando sorgono gli astri
per bere dalla luna
e dormono le frasche
delle macchie occulte.
E mi sento vuoto
di musica e passione.
Orologio pazzo che suona
antiche ore morte.
Pronunzio il tuo nome
in questa notte scura,
e il tuo nome risuona
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle
e più dolente della dolce pioggia.
T’amerò come allora
qualche volta? Che colpa
ha mai questo mio cuore?
Se la nebbia svanisce,
quale nuova passione mi attende?
Sarà tranquilla e pura?
Potessero le mie mani
sfogliare la luna!



ALLA LUNA
Giacomo Leopardi

O graziosa luna, io mi rammento
che, or volge l’anno, sovra questo colle
io venia pien d’angoscia a rimirarti:
e tu pendevi allor su quella selva
siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
il tuo volto apparia, che travagliosa
era mia vita: ed è, nè cangia stile
o mia diletta luna. E pur mi giova
la ricordanza, e il noverar l’etate
del mio dolore. Oh come grato occorre
nel tempo giovanil, quando ancor lungo
la speme e breve ha la memoria il corso
il rimembrar delle passate cose,
ancor che triste, e che l’affanno duri!

Tony Kospan






«È tutta colpa della luna,
quando si avvicina troppo alla terra
fa impazzire tutti.»

William Shakespeare




e la luna è una palla
ed il cielo un biliardo,
quante stelle nei flipper
sembra quasi un biliardo" -

L.Dalla - Anna e Marco



non se ne adombri signora luna
se non ho amato
solo negli occhi
di chi è già stato
...veglia per me"

V.Capossela - Signora luna



Canto alla luna

La luna geme sui fondali del mare,
o Dio quanta morta paura
di queste siepi terrene,
o quanti sguardi attoniti
che salgono dal buio
a ghermirti nell'anima ferita.
La luna grava su tutto il nostro io
e anche quando sei prossima alla fine
senti odore di luna
sempre sui cespugli martoriati
dai mantici
dalle parodie del destino.
Io sono nata zingara, non ho posto fisso nel mondo,
ma forse al chiaro di luna
mi fermerò il tuo momento,
quanto basti per darti
un unico bacio d'amore.

Alda Merini






La luna coperta

Ho visto una saetta impigliarsi tra
siepi di nubi, la luna che
tentava di aprirsi un varco tra quella
baraonda di nembi e cumuli e ammassi
di nuvole; non ci riusciva,
tentava da un'altra parte, subito
accorreva un altro cumulo nembo
a tapparla nella sua tana.
Uno schiocco forte improvviso diede
Inizio alla pioggia, scrosci ispessiti
e radi copiosi e stantii. Era tutto
un correre a destra e a manca a salvare
i banchetti che restavano aperti
tutta la notte. Qualcheduno stava
in piedi dondolante, altri erano
crollati e giacevano in un mucchio
di roba zuppa bagnata. D'un tratto
la luna riuscì a passare per quell'ammucchiata
di nubi e a sistemarsi bella linda
tonda nel cielo; più morbida
ed evanescente, più tonda e bella
brillava nell'acqua del fiume,
dove un rapido vapore passando,
la sbrindellò.

Rino Passigato



Quale grido


Nelle sere d’estate,
spargendoti sorpresa,
lenta luna, fantasma quotidiano
del triste, estremo sole,
quale grido ridesti?

Luna allusiva, vai turbando incauta
nel bel sonno, la terra,
che all’assente s’è volta con delirio
sotto la tua carezza malinconica,
e piange, essendo madre,
che di lui e di sé non resti un giorno
neanche un mantello labile di luna.

Giuseppe Ungaretti



Il tema poetico e non, di questa domenica è la

LUNA



Le stelle intorno alla luna bella
nascondono di nuovo l'aspetto luminoso,
quando essa, piena, di più risplende sulla terra...

Saffo







Alla Luna
Giacomo Leopardi

O graziosa luna, io mi rammento
Che, or volge l’anno, sovra questo colle
Io venia pien d’angoscia a rimirarti:
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparia, che travagliosa
Era mia vita: ed è, né cangia stile
O mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l’etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l’affanno duri!








Potessero Le Mie Mani Sfogliare
Federico Garcia Lorca

Pronunzio il tuo nome
nelle notti scure,
quando sorgono gli astri
per bere dalla luna
e dormono le frasche
delle macchie occulte.
E mi sento vuoto
di musica e passione.
Orologio pazzo che suona
antiche ore morte.
Pronunzio il tuo nome
in questa notte scura,
e il tuo nome risuona
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle
e più dolente della dolce pioggia.
T'amerò come allora
qualche volta? Che colpa
ha mai questo mio cuore?
Se la nebbia svanisce,
quale nuova passione mi attende?
Sarà tranquilla e pura?
Potessero le mie mani.







Per un attimo
Carlo Bramanti

Per un attimo ,
o forse meno ,
la luna
apparterrà al tuo dito ,

proverai ad agire
pensando
come se qualcuno che ami , lassù ,
ti stesse osservando...

Per un attimo,
l'universo
racchiuso in te
sarà tuo .






La luna desolata
Alfonso Gatto

Sulle mie notti appare
luna bianca velata
dal cielo sopra il mare,
la luna desolata.

Come per eco incombe
nell'esule statura
il vento delle tombe.
Risorta alle sue mura

la luna volge all'oro
del pallido scirocco.
Si perde nell'affioro
degli alberi il rintocco

di un'aria sempre vana
e alla campagna intorno
trema dalla lontana
riva dei sogni il giorno.







Canto alla luna
Alda Merini

La luna geme sui fondali del mare,
o Dio quanta morta paura
di queste siepi terrene,
o quanti sguardi attoniti
che salgono dal buio
a ghermirti nell'anima ferita.
La luna grava su tutto il nostro io
e anche quando sei prossima alla fine
senti odore di luna
sempre sui cespugli martoriati
dai mantici
dalle parodie del destino.
Io sono nata zingara,
non ho posto fisso nel mondo,
ma forse al chiaro di luna
mi fermerò il tuo momento,
quanto basti per darti
un unico bacio d'amore.






NOTTE DI LUNA
Rabindranath Tagore

Notte di luna
come un viandante
passi dall’altra parte del mare
con la tua pallida lanterna oscillante.
Io sono uno straniero,
solitario e distratto;
sul balcone lontano
così tu mi incanti,
e porti via il mio cuore..."







Dopo le poesie dedicate al sole,
ecco quelle dedicate alla regina della notte,
la misteriosa e magica



La luna è l'anima, è il nostro modo di vivere le emozioni, i desideri, i sogni.
La terra è la realtà, il luogo in cui lottare con i rimpianti e le delusioni.

Romano Battaglia








La luna che nel cielo era assopita
entra nella mia stanza così viva
che il mio sesso sussulta e si nasconde.
Ride il fanciullo e candido si mostra
dicendomi «vergogna di una luna!.


Sandro Penna



CANTO ALLA LUNA
di Alda Merini

La luna geme sui fondali del mare,
o Dio morta paura
di queste siepi terrene,
o quanti sguardi attoniti
che salgono dal buio
a ghermirti nell'anima ferita.

La luna grava su tutto il nostro io
e anche quando sei prossima alla fine
senti odore di luna
sempre sui cespugli martoriati
dai mantici
dalle parodie del destino.

Io sono nata zingara, non ho posto fisso nel mondo,
ma forse al chiaro di luna
mi fermerò il tuo momento
quanto basti per darti
un unico bacio d'amore.

Alda Merini





C'ERA UNA VOLTA
di Giuseppe Ungaretti


Bosco Cappuccio
ha un declivio
di velluto verde
come una dolce
poltrona

Appisolarmi là
solo
in un caffè remoto
con una luce fievole
come questa
di questa luna




Un'alba
di Alfonso Gatto

Com'è spoglia la luna, è quasi l'alba.
Si staccano i convogli, nella piazza
bruna di terra il verde dei giardini
trema d'autunno nei cancelli.
È l'ora fioca in cui s'incide al freddo
la tua città deserta, appena un trotto
remoto di cavallo, l'attacchino
sposta dolce la scala lungo i muri
in un fruscìo di carta. La tua stanza
leggera come il sonno sarà nuova
e in un parato da campagna al sole
roseo d'autunno s'aprirà. La fredda
banchina dei mercati odora d'erba.
La porta verde della chiesa è il mare





La luna desolata
di Alfonso Gatto


Sulle mie notti appare
luna bianca velata
dal cielo sopra il mare,
la luna desolata.

Come per eco incombe
nell'esule statura
il vento delle tombe.
Risorta alle sue mura

la luna volge all'oro
del pallido scirocco.
Si perde nell'affioro
degli alberi il rintocco

di un'aria sempre vana
e alla campagna intorno
trema dalla lontana
riva dei sogni il giorno.




Alla Luna
di Percy Bysshe Shelley


Sei pallida perché
sei stanca di scalare il cielo
e fissare la terra
tu che ti aggiri senza compagnia
tra le stelle che hanno una differente
nascita, tu che cambi
sempre come un occhio senza gioia
che non trova un oggetto degno della
sua costanza?




La stella della sera
di Edgar Allen Poe


L' estate era al suo meriggio,
e la notte al suo colmo;
e ogni stella, nella sua propria orbita,
brillava pallida, pur nella luce
della luna, che piu' lucente e piu' fredda,
dominava tra gli schiavi pianeti,
nei cieli signora assoluta -
e, col suo raggio, sulle onde.
Per un poco io fissai
il suo freddo sorriso;
oh, troppo freddo - troppo freddo per me!
Passo', come un sudario,
una nuvola lanugiosa,
e io allora mi volsi a te
orgogliosa stella della sera,
alla tua remota fiamma,
piu' caro avendo il tuo raggio;
giacche' piu' mi allieta
l' orgogliosa parte
che in cielo svolgi a notte,
e di piu' io ammiro
il tuo fuoco distante
che non quella fredda, consueta luce.




È l'ora
di George Gordon Byron


È l'ora in cui s'ode tra i rami
La nota acuta dell'usignolo;
È l'ora in cui i voti degli amanti
Sembrano dolci in ogni parola sussurrata
E i venti miti e le acque vicine
Sono musica all'orecchio solitario.
Lieve rugiada ha bagnato ogni fiore
E in cielo sono spuntate le stelle
E c'è sull'onda un azzurro più profondo
E nei Cieli quella tenebra chiara,
Dolcemente oscura e oscuramente pura,
Che segue al declino del giorno mentre
Sotto la luna il crepuscolo si perde.








"LA LUNA" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre POESIE TEMATICHE I°

Articolo più letto relativo a POESIE TEMATICHE I°:
EMOZIONI

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sera d’ottobre [ 0 commenti - 9 letture ]
 Rotonda terra [ 0 commenti - 9 letture ]
 Verso Luino [ 0 commenti - 8 letture ]
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 27 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 89 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy