Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 223
Totale: 223
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: coppermine
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Forums
09: coppermine
10: News
11: Home
12: coppermine
13: Home
14: Home
15: News
16: Stories Archive
17: coppermine
18: News
19: Home
20: coppermine
21: Stories Archive
22: Home
23: Stories Archive
24: Home
25: Home
26: coppermine
27: Home
28: coppermine
29: coppermine
30: coppermine
31: Home
32: Home
33: News
34: coppermine
35: Home
36: coppermine
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: News
42: Home
43: coppermine
44: Search
45: coppermine
46: News
47: coppermine
48: Home
49: coppermine
50: coppermine
51: coppermine
52: Home
53: coppermine
54: Home
55: Home
56: News
57: coppermine
58: Home
59: Home
60: coppermine
61: Stories Archive
62: Home
63: Forums
64: coppermine
65: Home
66: coppermine
67: coppermine
68: Home
69: Home
70: Home
71: coppermine
72: Home
73: coppermine
74: coppermine
75: Statistics
76: Home
77: coppermine
78: coppermine
79: coppermine
80: News
81: Search
82: coppermine
83: Home
84: coppermine
85: coppermine
86: Home
87: Search
88: News
89: Home
90: Home
91: Home
92: Search
93: News
94: Home
95: Home
96: Stories Archive
97: coppermine
98: coppermine
99: Stories Archive
100: Home
101: Home
102: coppermine
103: News
104: Home
105: coppermine
106: Home
107: Search
108: Stories Archive
109: Forums
110: coppermine
111: Home
112: coppermine
113: Stories Archive
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: News
122: News
123: coppermine
124: News
125: coppermine
126: Home
127: Home
128: News
129: Home
130: coppermine
131: coppermine
132: Home
133: coppermine
134: coppermine
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Search
141: Home
142: coppermine
143: Home
144: Home
145: coppermine
146: Home
147: Home
148: Search
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Forums
156: Home
157: coppermine
158: Home
159: Home
160: Home
161: News
162: Home
163: Home
164: coppermine
165: Search
166: coppermine
167: Home
168: coppermine
169: Home
170: News
171: Home
172: Home
173: News
174: Home
175: Home
176: Stories Archive
177: Home
178: Stories Archive
179: Stories Archive
180: coppermine
181: Home
182: Home
183: Home
184: coppermine
185: News
186: Home
187: Home
188: coppermine
189: coppermine
190: Home
191: Home
192: News
193: Home
194: News
195: Home
196: Home
197: News
198: Home
199: Search
200: Search
201: Home
202: coppermine
203: coppermine
204: Home
205: News
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Search
211: Home
212: coppermine
213: News
214: Stories Archive
215: Home
216: Search
217: Home
218: Stories Archive
219: Home
220: Home
221: coppermine
222: Home
223: Forums

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8588
  · Viste: 1314374
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Tra l’anno 2015 e 2016
Postato da Grazia01 il Sabato, 12 dicembre @ 20:25:52 CET (252 letture)
Le poesie di Pegaso III









Tra l’anno 2015 e 2016


L’uomo ricorda quando è nato il Bambino
25 dicembre di un nuovo mondo
non è leggenda ma antica memoria
ora sento campane, suonano al vento
un suono oggi senza senso
indifferenti le note risuonano d’echeggi
loro non sanno di un profondo mutamento.


Guarda, l’ultima all'orizzonte è la mia stella
sotto la sua luce scrivo tutte le mie poesie
la stella da sempre è li, non sa chi sono
ugualmente mi compiaccio della sua approvazione
viali di salici carichi d’acqua
dai rami lievemente scorrono gocce
come lacrime bagnano questo mio tempo
è inutile aggiungere anche le mie
solo la storia lo può fare.


Non posso fermare il tempo
confesso: m’è scivolata una lacrima
mentre vi stringo, miei Cari, sento che
siete il mio meraviglioso specchio
chiudo gli occhi rincorro ogni attimo
una delicata linea dove riempio anche i vuoti.

Di certo ci saranno molti giorni nuovi
dove il sole rincorre la notte
dove il mio cuore cesserà di battere
no importa se il sonno s’allunga nell'eterno
nell'esistere colmerò tutti miei sogni
in concentrici cerchi s’allargano sull'acqua
da dove lentamente si leva velata foschia
che sale in cielo dissolvendosi nello spazio che sovrasta.


Bruno Gasparri



Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


RICORDI DI NATALE
Postato da Grazia01 il Sabato, 12 dicembre @ 19:57:52 CET (254 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II








RICORDI DI NATALE



Ricordo la neve gelata negli angoli delle finestre,

ricordo un passero sul davanzale

chiedere le briciole per il pranzo di Natale.

Ricordo otto piedini davanti alle brace del focolare,

ricordo le faville silenziose salire nel buio del camino.

Avevo pochi amici pastori e qualche pecorella

con tre gambe.

Eppure quei bimbi li vedevo bene dall’angolo

sopra la legnaia :

sono il Presepio e ricordo tutto.



r.chesini

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


LA CASA SULL'ALBERO
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 dicembre @ 19:28:59 CET (225 letture)
Poesie di Baldo Bruno








LA CASA SULL'ALBERO



Un luccichio affiorava tra le fronde del giardino , l'elmetto correva di qua e di là e Marco con la sua spada sembrava un generale che passava in rassegna il suo esercito.
-Bellissima! Non pensavo di essere così bravo! Mi sento orgoglioso per quello che ho fatto ma devo ammettere che è stato un lavoro faticoso !
Ormai il dado era tratto.
Una voce dal balcone chiamava Marco a pieni polmoni, ciò lo ricondusse alla realtà : era l'ora di pranzo e smise di galoppare con la sua fantasia per annusare quel buon odore che veniva dalla cucina.
Erano da poco passate le tre del pomeriggio , i quaderni del generale erano ancora nella cartella e nemmeno le raccomandazioni della professoressa di italiano erano servite…il pensiero andava lì , alla sua creazione , nient'altro in quel momento poteva attirare l'attenzione di Marco. Aveva compiuto da poco tredici anni e con la tre sorelline non andava d'accordo , era stato costretto ad un simile lavoro su quell'albero perché la casa era troppo piccola e le gemelline non lo lasciavano in pace. Almeno lassù avrebbe potuto divertirsi giocando alla guerra con i suoi soldatini senza essere disturbato.
- Meravigliosa...meravigliosa - continuava a dire pensando a quello che avrebbe fatto lassù.
Quella casa sull'albero sembrava veramente un lavoro solido e forse poteva invitare anche un suo amico in quel paradiso lontano dagli schiamazzi delle sorelle.
Le cose ,però , non andarono per il verso giusto. Era di sera quando il demonio si scatenò : i tuoni erano come delle cannonate ed i fulmini si susseguivano a ripetizione illuminando il cielo come se fossero dei fuochi d'artificio. Marco era là , alla finestra, attaccato ai vetri ; la madre lo richiamava per fargli spegnere la luce ma le furie del vento combattevano contro di lui : - Vigliacco ! Vigliacco!
Queste voci tuonavano nelle sua mente e teneva la sua spada tra le mani . Chissà che avrebbe fatto il generale quella sera ?
Purtroppo per un destino fatale un fulmine cadde proprio sull'albero del giardino incenerendo la casa di legno appena completata.
Era affranto , sembrava un cane bastonato , la sua spada era là a terra e lui sul letto ad occhi aperti con qualche lacrima che non riusciva a staccarsi dalle sue guance ; quelle perle cadevano lentamente ,come la neve, e si depositavano dolcemente sul suo cuscino che stringeva fortemente per la rabbia.La notte passò così…e neanche il giorno lo scosse più di tanto.
I genitori erano preoccupati. Marco non riusciva a rassegnarsi e a pranzo i bocconi gli scendevano giù con forza ; nemmeno nello studio riusciva a concentrarsi per la delusione subita , anzi la madre da diversi giorni lo stava accompagnando a scuola fino alla porta come se fosse un moccioso di sei anni.Il padre , però, aveva capito tutto e alla fine , dopo un colloquio con la moglie, prese un'importante decisione : avrebbe comprato una casa nuova e Marco avrebbe avuto una cameretta tutta per sé.
Il ragazzo non poteva credere ai suoi occhi ma una cosa era certa : aveva dei genitori meravigliosi.

Baldo Bruno

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I MONACI E IL SECCHIO
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 dicembre @ 19:22:39 CET (299 letture)
Racconti IV







I MONACI E IL SECCHIO

Uno dei monaci del monastero di Sceta commise una grave mancanza, e così fu chiamato l'eremita più saggio perché potesse giudicarla. L'eremita si rifiutò, ma i monaci insistettero tanto che lui finì per andare. Prima, però, prese un secchio e lo forò in vari punti. Poi, lo riempì di sabbia e s'incamminò verso il convento. Il superiore, vedendolo entrare, gli domandò che cosa fosse.
"Sono venuto a giudicare il mio prossimo - disse l'eremita -. I miei peccati stanno scorrendo dietro di me, come scorre la sabbia di questo secchio. Ma, siccome non mi guardo alle spalle e non mi rendo conto dei miei stessi peccati, sono stato chiamato a giudicare il mio prossimo!"
I monaci allora rinunciarono alla punizione all'istante.

PAULO COELHO

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ascoli Piceno
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 dicembre @ 17:59:06 CET (250 letture)
Racconti IV







Ascoli Piceno

Il modo migliore per iniziare la giornata è affacciarsi dalla finestra della casa dei miei genitori ad Ascoli Piceno.
Il paesaggio è straordinario e, per me che vivo a Milano tra cemento e palazzi, piuttosto insolito.
Mi piace starmene tranquillo a osservare il fiume Tronto che scorre nel bosco. Subito dopo faccio colazione, sempre la stessa da anni e sempre a casa: un bicchiere di latte freddo con il Nesquik sciolto dentro e una ciambella.
Non esco volentieri e nella mia città natale vengo soprattutto per ricaricare le batterie.
Piazza del Popolo ad Ascoli Piceno è una delle più belle piazze d'Italia. Mi piace perché è un salotto a cielo aperto dall'eleganza straordinaria.
Quattro passi di notte, tra le "rue" del centro storico di Ascoli Piceno che formano il fitto e antichissimo reticolato cittadino e le torri medievali, simbolo del potere delle famiglie nobiliari del capoluogo piceno. Hanno un fascino incredibile.
Io ci andavo da ragazzino; ora che sono diventato una celebrità non esco molto di casa.
Mi rilassa stare sul palco. In realtà sono sempre all'erta e in agitazione. Il lavoro che svolgo, la composizione musicale, avviene prima di tutto nella mia testa, e questo significa che non stacco mai, salvo quando - appunto - mi esibisco in concerto. Sento l'attenzione del pubblico, che è grandissima, e l'interesse prepotente per l'arte e per tutto ciò che è nuovo e fresco.
La Sacher? Non ne vado pazzo, a causa della marmellata... preferisco i bignè al cioccolato del Caffè Meletti di Ascoli, in piazza del Popolo.
Mi rilassa mangiare una fetta di torta al cioccolato poco prima di esibirmi.
Non trovo niente che non mi piaccia di Ascoli: è bella, raccolta, la si gira bene.
Una volta pensavo che non offrisse molte opportunità musicali, ma poi mi sono reso conto che non era possibile chiedere tanto a un luogo così tranquillo e misurato. Dovevo spostarmi io, a New York e a Milano, dove vivo oggi.
Ascoli è una città che nel suo passato ha dichiarato guerra a tutti, persino a Roma, nel 98 d. C., due anni prima che la radesse al suolo.
Questo spirito combattivo rende gli ascolani gente simpatica e particolarmente buffa.
Di Ascoli mi piace l'essenzialità della sua architettura medievale, con le sue torri semplici e squadrate che mi suggeriscono l'idea di fierezza e grandezza del passato. E poi trovo che gli ascolani abbiano uno straordinario senso dell'umorismo: cattivo al punto giusto, esilarante e straordinariamente graffiante.

Giovanni Allevi


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le stelle
Postato da Grazia01 il Sabato, 05 dicembre @ 18:21:19 CET (223 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II









Le stelle


Le stelle sono là

dove gli sguardi degli innamorati

s'incontrano

là dove il pensiero si affievolisce

là dove la fede ingigantisce

là dove l'uomo impuro

non arriva.



r.chesini



--
Postato da IP: 93.34.87.84
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ogni giorno nasce un poeta : 29 novembre
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 novembre @ 22:25:18 CET (282 letture)
Ricerche d'autore




Giuseppe Colli
scrittore e poeta italiano, nato il 29 novembre del 1924.

Nel secondo dopoguerra fu uno dei più intraprendenti artefici della ricostruzione culturale torinese, partecipando alla fondazione di alcune associazioni, collaborando a vari giornali con articoli di argomento letterario, artistico, storico, e fondando (1952) il periodico letterario Il Solitario (a significare la solitudine creativa dello scrittore) che sotto la sua direzione si meritò la collaborazione e il plauso dei più importanti scrittori dell’epoca.
Negli stessi anni esordì come poeta e scrittore con vari volumi di poesia e prosa. Contemporaneamente alla sua attività di scrittore diresse l’ufficio stampa della casa editrice S.E.I., della quale più tardi assunse l’incarico di redattore capo. Per tale editrice il Colli diresse alcune enciclopedie di cultura e un dizionario italiano e varie collane di narratori italiani per le scuole, Giuseppe Colli ha sinora pubblicato cinque raccolte di poesie e diciotto libri in prosa. La sua attività letteraria è ancor oggi impegnata a testimoniare la vitalità della sua vocazione di scrittore, che ha dato un importante contributo alla letteratura italiana, alla cultura e alla editoria regionale piemontese. Al Monferrato, sua indimenticata terra di origine, il Colli dedicò un libro storico-artistico e descrittivo che riscosse larghi consensi critici. Per tale volume, nel 1970, gli venne concesso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri un Premio della Cultura.
Le sue opere di poesia comprendono : Il cielo dell’isola (edizioni Momenti, 1950); La voce muta (Ed . La cittadella, 1968); L’età breve (Ed. Rattero, 1950); Poesia a due voci (Società editrice internazionale, 1951); Ricerca d’approdo (Ed.Vallecchi, 1965).





La barca a vela

Solca il mare
la barca
a vela,
come il vomere
la terra,
e la variopinta tela
gonfia
di vento,
si piega
ad ogni soffio
più violento
quasi volesse fuggire,
volare lontano,
come un solitario gabbiano.

Giuseppe Colli



Fraternità

lo non vorrei
udire mai
piangere
nessuno,
perché ogni dolore
mi fa male
al cuore,
aperto
per consolare
ogni fratello
triste. ..
lo vorrei
su tutte le bocche
scorgere il sorriso,
in tutte le pupille
la sincerità,
sentire in tutti i cuori
la speranza,
in ogni mano la fraternità.
lo vorrei avere
ogni fratello amico,
compagno
nella gioia e nel dolore,
e amare
con lo stesso cuore
la vita,
dura, eppure cosi bella.

Giuseppe Colli




Il 29 novembre 1926 nacque anche il poeta e drammaturgo algerino Jean Sénac.


(Beni Saf, Algeria, 1926-Algeri 1973). Pubblicò le sue prime poesie nel 1945, ispirandosi a A. Rimbaud e a P. Verlaine. Aderì in seguito alla causa della liberazione algerina militando attivamente nella clandestinità. Le poesie di quel periodo sono raccolte in Matinales de mon peuple (1961). Preoccupazioni più personali emergono in Avant corps (1968). Le sue ultime pubblicazioni postume sono le raccolte poetiche Vivant (1981), Dérision et Vertige (1983), L'homme poème (1983) e il romanzo Ebauche du Père (1989).






La bellezza era qui, per il primo offerente, a portata di mano,

Vulnerabile e selvaggia, un frutto in equilibrio
Tra lo sguardo e la fame.
E io
Degli uccelli, degli ucceli
In picchiata, le parole prendevano
I loro sandali per camminare.
Rivoluzione,
Che bel mattino!
Ho visto il popolo più bello della terra
Sorridere al frutto e ho visto il frutto che si offriva.

Perché il frutto, se lo inviti alle feste dell’uomo,
Accorre.
Brilla come una pupilla.
Tu pensi che stia nel disordine, lui nuota con bracciate ordinate.

Ascolta il riccio di mare, la medusa

Che si mostrano per difendersi:
Una melodia dello spazio- e il cosmonauta risponde.
Il tuo cuore non scoppia di gioia, si arrotonda, si smussa.




Estratto di una poesia di Jean Sénac
traduzione di Andrea Verga

Se cantare il mio amore è amare il mio paese,
io sono un combattente che non nega.
Indosso il cuore il suo nome come un mazzo di ortiche,
io condivido il suo letto e cammino il suo no.


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Senza tempo
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 novembre @ 19:55:22 CET (229 letture)
Le poesie di Pegaso III










Senza tempo


Al vento ho affidato la voce

l’utile arpeggio l’avvolge

folletti gioiosi danzano

mentre Lei sull’altalena dondola, dondola

solo il vento la spinge.



Un gioco di un tempo ora sogna una donna

lo sguardo s’allunga tra il verde e fiori

poi cattura le stelle per i suoi desideri

come d’incanto il senso dell’eterno sovrasta

dove Io del tutto maestro

in cielo dipingo il sole fermo nel tempo

il blu del mare e spumeggianti onde

per condurti sull’isola dove l’amore

non ha tempo per morire.


Bruno Gasparri


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il 26 novembre del 1922 nacque Charles M. Schulz
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 novembre @ 20:24:03 CET (234 letture)
Ricerche d'autore





« Se poesia vuol dire capacità di portare tenerezza, pietà, cattiveria a momenti di estrema trasparenza, come se vi passasse attraverso una luce e non si sapesse più di che pasta sian fatte le cose, allora Schulz è un poeta »
(Umberto Eco, introduzione alla prima raccolta in italiano dei Peanuts)




Charles Monroe Schulz (Minneapolis, 26 novembre 1922 – Santa Rosa, 12 febbraio 2000) è stato un fumettista statunitense, conosciuto in tutto il mondo per aver creato le strisce dei Peanuts. Nasce, coma abbiamo visto, a Minneapolis nel Minnesota, cresce a Saint Paul. Figlio unico di Carl Schulz, nato in Germania, e Dena Halverson, nata in Norvegia.[1] Fu lo zio che gli diede (al terzo giorno di vita) il soprannome "Sparky" dal cavallo Spark Plug del fumetto Barney Google di Billy DeBeck.
Schulz amava disegnare e talvolta rappresentava il cane di famiglia, Spike, con particolari inusuali. Nel 1937, Schulz disegnò un'immagine di Spike e la spedì a Ripley's Believe It or Not!; il disegno venne pubblicato da Robert Ripley con la didascalia "A hunting dog that eats pins, tacks and razor blades is owned by C. F. Schulz, St. Paul, Minn." e "Drawn by 'Sparky'"(C.F. erano le iniziali di suo padre Carl Fred Schulz). Frequentò la scuola elementare Richards Gordon a St. Paul, saltando due semestri: in questo modo, quando frequentò la scuola superiore anni dopo, si trovò ad essere il più piccolo della classe. Questo potrebbe spiegare il suo carattere schivo e timido.



Schulz alle superiori, 1940

Alle superiori gli furono rifiutati dei disegni da pubblicare sull'annuario della scuola. Sessanta anni dopo, nell'atrio della stessa scuola è stata posta una statua alta un metro e ottanta che raffigura Snoopy. Dopo la morte della madre, nel 1943, fu arruolato e mandato a Camp Campbell in Kentucky. Due anni dopo fu mandato in Europa per combattere nella Seconda guerra mondiale. Dopo aver lasciato l'esercito nel 1945, lavorò come insegnante. Fu anche predicatore laico di una Chiesa protestante.

La sua prima striscia a fumetti con cadenza regolare fu pubblicata nel 1947 dal St. Paul Pioneer Press, e si intitolava Li'l Folks. Anche il Saturday Evening Post accettò di pubblicare alcune vignette dei Li'l Folks. Fu in queste strisce che apparve per la prima volta Charlie Brown, così come un cane somigliante a Snoopy. Nel 1950 Schulz propose i suoi lavori alla United Features Syndicate, e i Peanuts furono pubblicati per la prima volta il 2 ottobre 1950. Per breve tempo disegnò anche una striscia ispirata allo sport chiamata It's Only a Game (1957-1959), aiutato anche dal suo amico e già collaboratore per i Peanuts Jim Sasseville, ma la serie non prese piede e fu chiusa.





Con l'andare degli anni, i Peanuts divennero uno dei fumetti più popolari di tutti i tempi. Parte della sua esperienza viene riflessa nei Peanuts attraverso le somiglianze con Charlie Brown, il personaggio principale; alcuni esempi:
anche il padre di Schulz era barbiere e sua madre casalinga
anche Schulz da piccolo aveva un cane (il suo cane Spike però era un pointer)
anche Schulz era timido e introverso
la ragazzina dai capelli rossi di Schulz era Donna Johnston, con cui aveva avuto una relazione. Schulz le chiese di sposarlo, ma lei rifiutò. Rimasero comunque sempre amici.
Schulz, pur essendo un cristiano convinto, si sposò due volte: la prima volta nel 1951 con Joyce Halverson dalla quale ebbe cinque figli e divorziò nel 1972 ed, in seguito, con Jean Forsyth Clyde che sposò nel 1973 e con la quale visse il resto della vita.
Il padre di Schulz morì nel 1966 mentre era andato a trovarlo, lo stesso anno in cui il suo studio in California bruciò in un incendio.



Nel novembre 1999 Schulz ebbe un ictus; più tardi gli venne diagnosticato un cancro. A causa della chemioterapia e per il fatto che non riusciva a leggere o vedere con chiarezza, il 14 dicembre 1999 annunciò il suo ritiro, all'età di settantasette anni. Schulz morì il 12 febbraio 2000 a Santa Rosa in California a causa di un attacco cardiaco. Il giorno dopo fu pubblicata la sua ultima striscia, in cui lasciava a Snoopy il compito di congedarsi dai suoi lettori con queste parole:

« "Cari amici,
ho avuto la fortuna di disegnare Charlie Brown e i suoi amici per quasi cinquant'anni. È stata la realizzazione del sogno che avevo fin da bambino. Purtroppo, però, ora non sono più in grado di mantenere il ritmo di lavoro richiesto da una striscia quotidiana. La mia famiglia non desidera che i Peanuts siano disegnati da qualcun altro, quindi annuncio il mio ritiro dall'attività. Sono grato per la lealtà dei miei collaboratori e per la meravigliosa amicizia e l'affetto espressi dai lettori della mia "striscia" in tutti questi anni. Charlie Brown, Snoopy, Linus, Lucy... non potrò mai dimenticarli...
Charles Schulz" »




(corriere.it, 13 febbraio 2000)

Schulz ha richiesto nel suo testamento che i personaggi dei Peanuts rimanessero genuini e che non si disegnassero nuove strisce basate sulle sue creature. Peanuts è stato pubblicato per quasi cinquant'anni praticamente senza interruzioni ed è apparso su 1600 quotidiani in 75 paesi. Fino ad oggi le sue volontà sono state rispettate, e le vecchie strisce continuano a essere ripubblicate su quotidiani e riviste. Il quotidiano londinese The Times lo ha ricordato, il 14 febbraio 2000, con un necrologio che terminava con la seguente frase: "Charles Schulz leaves a wife, two sons, three daughters, and a little round-headed boy with an extraordinary pet dog". ("Charles Schulz lascia una moglie, due figli, tre figlie e un piccolo bambino dalla testa rotonda con uno straordinario cane"). Dal 17 agosto 2002 il museo a lui dedicato a Santa Rosa è aperto al pubblico.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 26 novembre 1864 nacque Herman Gorter
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 novembre @ 20:11:12 CET (284 letture)
Ricerche d'autore


Il 26 novembre 1864 nacque Herman Gorter



Herman Gorter (Wormerveer 1864 - Bruxelles 1927), poeta olandese,
fu uno degli esponenti più importanti del movimento dei Tachtigers (Ottantisti) che
puntava a un rinnovamento in senso impressionista e naturalista della letteratura.
Raggiunse il successo con il lungo poema Mei (Maggio), a cui seguì la raccolta Verzen (Versi),
dove l'enfasi data al colore e alla sonorità della parola si accompagna a una sorprendente ricerca linguistica.

Traduzione di Maurizio Brancaleoni



Gli alberi ondeggiano sulle colline

Gli alberi ondeggiano sulle colline
chiome silenziose nella nebbia
chiara luce soave di primavera.
La torre con il suo viso
al centro continua solenne a segnare le ore,
immagina ore, ore, ore che passano –
è da soffocare
in questi istanti,
non posso più sopportare
l'irritante risata,
soffoco
in questo folle, chiaro, solenne istante.



Di notte poi la vita le appare lucente e rossa

Di notte poi la vita le appare lucente e rossa,
quando petali di rosa volteggiano nel rosso lucente
nero brillante tra le mura, la camera rosso lago
e i giacimenti di sangue lago zampillano.

Come boccioli di rosa lei si sente crescere
occhi chiusi, fresco rosso sanguigno,
la sua testolina fiorita come campane rosse
di rose in un rosaio rosso intenso, così intenso.

La mattina quando si sveglia le rimane ancora
il desiderio che sia sempre e mai finita.

Herman Gorter

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nato il 26 novembre 1731 - William Cowper
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 novembre @ 19:44:59 CET (596 letture)
Ricerche d'autore








William Cowper, poeta inglese nacque il 26 novembre del 1731 e morì il 25 aprile del 1800

Figlio di un ecclesiastico, da giovane si dedicò per un breve periodo all'avvocatura.
La natura di William Cowper, soggetta fin dall'infanzia a crisi depressive che lo portarono ad un tentato suicidio nel 1763 ed a un biennio trascorso in manicomio, e ad un forte senso del peccato tipicamente calvinista, lo portò ad abbandonare la vita di città potendo così riallacciarsi alla antica tradizione anti-urbana e anti-cortigiana della poesia latina di Orazio, grazie ad un soggiorno presso l'ambiente rurale di Huntingdon.
Tuttavia nell'opera Verses supposed to be written by Alexander Selkirk, during his abode in the island of Juan Fernandez, il poeta manifestò profondo timore di fronte alla solitudine e la presenza della divinità e di poca consolazione; sebbene nel suo regno Selkirk non abbia rivali, egli non ha nemmeno «...society, friendship and love». Nella poesia troviamo anche violente accuse all'ingiustizia e all'oppressione coloniale, che comprende ovviamente il tema della schiavitù. Negli anni immediatamente successivi, Cowper pubblicò le due sue opere più famose, ossia The diverting history of John Gilpin (La spassosa storia di John Gilpin, 1782) e The task (Il compito, 1785), ispirate dalla sua compagna Lady Austen. Nell'opera poetica (6 libri) The Task, a sfondo moralistico, politico e religioso, la denuncia di Cowper si estese anche alla povertà in Inghilterra, alla corruzione di Londra e alle tendenze belligeranti dei popoli. Se lo stile e i toni in alcuni passi mostrarono qualche influenza sia miltoniana sia di Alexander Pope, nell'insieme le liriche di Cowper si caratterizzarono per l'immediatezza del suo gusto epistolare





Le nubi che temete così tanto
sono colme di misericordia»
Ci ha guidato attraverso il fuoco.
Dio agisce in maniera misteriosa,
Per realizzare le sue meraviglie;
Fissa i suoi passi nel mare,
E cavalca la tempesta.
Dalle sue insondabili miniere
D’invincibile abilità,
Custodisce splendidi disegni,
E compie la sua sovrana volontà.
Voi santi impauriti, attingete nuovo coraggio,
Le nubi che temete così tanto
Sono colme di misericordia e si dissolveranno
In benedizioni sul vostro capo.
Non si giudichi il Signore col senno umano,
Confidate in lui per la sua grazia;
Dietro una torva provvidenza
Egli cela un sorriso radioso.
I suoi disegni presto si realizzeranno,
Svelandosi ad ogni istante;
Il bocciolo può avere un sapore amaro,
Ma dolce sarà il frutto.
Il sorriso nascosto di Dio
Di certo erra la cieca incredulità,
Scrutando invano l’opera divina;
Dio è l’unico interprete di se stesso,
E a suo tempo tutto svelerà





Pioppo

Hanno abbattuto i pioppi, addio all’ombra
e al mormorio del fresco colonnato,
il vento piu' non gioca ne' canta tra le foglie,
la loro immagine piu' l’Ouse non riceve.
Dodici anni fa scoprii un giorno
l’amato boschetto e la riva dei pioppi,
e ora nell’erba sono affondati,
e sedile mi fa chi ombra mi diede.
Il merlo fuggito ad altro riparo,
tra noccioli ha trovato rifugio alla calura,
piu' non risuona la sua dolce voce
sulla scena che tanto mi aveva incantato.
Brevi scompaiono i miei anni,
presto coi pioppi dovro' giacere,
una zolla sul petto, una pietra sul capo,
prima che un bosco sul posto rinasca.
La vista m’invita, piu' d’ogni altra cosa,
a meditare sugli effimeri piaceri umani:
la vita e' sogno, ma il piacere si consuma
piu' rapido del respiro di un uomo.


William Cowper

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ghianda
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 novembre @ 22:43:36 CET (200 letture)
Poesie e prosa di Gibran II








In un campo ho veduto una ghianda: sembrava così morta, inutile.
E in primavera ho visto quella ghianda mettere radici e innalzarsi,
giovane quercia verso il sole.
Un miracolo, potresti dire:
eppure questo miracolo si produce mille migliaia di volte nel sonno di ogni autunno
e nella passione di ogni primavera.
Perchè non dovrebbe prodursi nel cuore dell'uomo?

Gibran

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie in milanese di Mario Migliavacca
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 novembre @ 20:33:11 CET (405 letture)
Milano mia I









ALL 'AMICO CLAUDIO

Riessi no a capi
se l'è avarizia
o se l'è pigrizia

Quand a g 'ho besogn
el rizettari

tiri semper tardi
che nOn gh 'è pari

Ma pazienza
gh'è semper
ona provvidenza


"con sommo gaudio"
la mia provvidenza
la se ciama "Claudio"

A dit grazie, car amis
a l'è on poo trop pocch

Per sto servizi
el Signor
el te daga tanti benefizzi

pas e salut
che per la verità
ti je propri meritaa





LA PARTENZA DEL TRENO


Ai soreii, alle dame, ai barelier, volontari dell'U.N.I.T.A.L.S.I. che per
la loro granda dedizion hin la testimonianza viva e continua del
Miracolo di Lourdes.


Che confusion
in su quell bastion:
la par una gincana
li su el scalo
de Porta Romana.

Machin che va e che ven
un de fa de S. Ouintin
per trova el post che convien
per malaa e pelegrin.

Ghe vor pazienza
per capi se l'è
l'ariv o la partenza:
la gioia e el fervour
però, a hinn semper quei
de gent che se voren ben
come fradeii.

Se brazzen su
se basen a ripetizion
se fan un badalucch de compliment
se troven minga cambia
anca se un an a l'è passaa.

Con la divisa
lustra e ben stirada
soreii e barelier
paren pront per una sfilada.

Le dame, quei che gris g'han i caveii
cont la scuffia
paren pusseé bei: "
i tosan invece, "poverine"
cont la divisa
Cl hin propri un poo "bruttine".

Mario Migliavacca





commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Natale è lontano
Postato da Grazia01 il Martedì, 17 novembre @ 21:02:41 CET (245 letture)
Un pensiero al giorno








Manca più un mese a guardare il calendario. Ma facendo due passi tra vetrine dei negozi e prodotti in vendita nei supermercati, è ufficialmente già Natale. In molte strade sono state già montate le luminarie e un po’ ovunque si possono acquistare le decorazioni per albero e presepe, dalle palle di ogni dimensione ai casalinghi a tema. Lucine ma anche piatti, tovaglie, tazze e bicchieri rigorosamente rossi, oro o bianchi e decorati con renne e babbi Natale. Dalla grande distribuzione di bricolage e attrezzatura per casa e giardino, ai supermercati, passando per i negozi del centro e non solo, molte vetrine sono già allestite in tema di fiocchi e pacchetti. E che dire degli scaffali dei supermarket che mettono in bella mostra pandori e panettoni, torroni e ogni tipo di cioccolata, cotechini e zamponi. La carta del Natale un po’ ovunque viene giocata in anticipo. Effetto della crisi che per far ripartire i consumi si muove quest’anno per tempo. Della serie, nessuno venga colto impreparato. Anche perché se per Natale ogni famiglia in media dovrebbe spendere un po’ meno di 400 euro, è importante iniziare a mettere da parte i risparmi e intanto farsi un’idea di quello che vorremmo acquistare.
Non solo, con l’ultima domenica di novembre comincerà il tour de force fino al 25 dicembre. A me danno fastidio questi sfavillii anticipati, ogni anno prima. Va bene, il commercio..., speriamo almeno che un po' di giovani trovino lavoro in questo periodo.

Grazia

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sfide
Postato da Grazia01 il Lunedì, 16 novembre @ 18:01:49 CET (210 letture)
Le poesie di Pegaso III














Sfide

Cerco parole per replicare immagini,
emergono e scompaiono
semplicemente per lasciare posto ad altre
fugaci istantanei fotogrammi
sempre trascengono la realtà.

L'immagine diventa parola
nasce per narrare la storia
la maggior parte è biografia
la stessa si afferma nell'estinzione
comunicando notizia quando è già trascorsa.

Aleggia nel passato
riemergendo non è più la stessa
il presente la corrompe
resta solo una fragile sensazione.

Il tempo deve mantenersi in movimento
non replica mai se stesso
solo il ricordo cerca di farlo
parole/immagini esistono
ne certifica il loro trascorrere.

In questo modo il "narrarsi"
diventa dramma, felicità e tristezze
eredità acquisite, insegnamenti
esperienze vissute da altre vite
con esse l'attimo iberna si perde
nei limiti invalicabili delle capacità.

Così razionalizzo sfide
il divenire in un esistere
oltre il luogo dell'essere
supera il coniugare
passato, presente e futuro.

Bruno Gasparri

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi mi hanno dichiarato guerra.
Postato da Grazia01 il Domenica, 15 novembre @ 11:25:51 CET (394 letture)
Un pensiero al giorno







Oggi mi hanno dichiarato guerra.
Hanno usato il nome di Dio e del Profeta per giustificare l’ingiustificabile. Da afroeuropea e da musulmana io non ci sto.

‪#‎Notinmyname‬ dice un famoso slogan, e oggi questo slogan lo sento mio come non mai. Sono stufa di essere associata a gente che uccide, massacra, stupra, decapita e piscia sui valori democratici in cui credo e lo fa per di più usando il nome della mia religione. Basta! Non dobbiamo più permettere (lo dico a me stessa, ai musulmani e a tutti) che usino il nome dell’islam per i loro loschi e schifosi traffici.

Vorrei che ogni imam in ogni moschea d’Europa lo dicesse forte e chiaro. Sono stufa di veder così sporcato il nome di una religione. Non è giusto. Come non è giusto veder vilipesi quei valori di convivenza e pace su cui è fondata l’Unione europea di cui sono cittadina. Stufa di vedere ogni giorno, da Parigi a Peshawar, scorrere sangue innocente. E ho già il voltastomaco per i vari xenofobi che aspettano al varco. So già che ci sarà qualcuno che userà questo attentato contro migranti e figli di migranti per qualche voto in più. C’è sempre qualche avvoltoio che si bea delle tragedie.

È così a ogni attentato.

A ogni disgrazia cresce il mio senso di ansia e di frustrazione. A ogni attentato vorrei urlare e far capire alla gente che l’islam non è roba di quei tizi con le barbe lunghe e con quei vestiti ridicoli. L’islam non è roba loro, l’islam è nostro, di noi che crediamo nella pace. Quelli sono solo caricature, vorrei dire. Si vestono così apposta per farvi paura. È tutto un piano, svegliamoci.

Per questo dico che mi hanno dichiarato guerra.
Anzi, ci hanno dichiarato guerra.

* Igiaba Scego *

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


13 novembre, stragi per le strade di Parigi
Postato da Grazia01 il Sabato, 14 novembre @ 22:54:22 CET (269 letture)
Un pensiero al giorno






C’è anche una volontà di potenza dei piccoli, quella dell’attentatore isolato, del minuscolo gruppo terroristico, di colui che getta una bomba dove c’è folla perché muoia il maggior numero possibile di gente innocente, in una banca, in un treno affollato, nella sala d’aspetto di una stazione. È volontà di potenza di chi si riconosce in questa auto-apologia: «Io, piccolo uomo insignificante e oscuro, uccido l’uomo importante, un protagonista del nostro tempo e in quanto lo uccido sono più potente di lui; oppure uccido in un solo colpo molti uomini insignificanti e oscuri come me, ma assolutamente innocenti; uccidere un colpevole è un atto di giustizia, uccidere un innocente è la suprema manifestazione della volontà di potenza».

Norberto Bobbio, Elogio della mitezza, 1994

Sgomento e terrore a Parigi

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Miraggio
Postato da Grazia01 il Venerdì, 13 novembre @ 21:03:04 CET (248 letture)
Le poesie di Pegaso III









Miraggio



Ho inseguito un sogno

è solo riflesso d’amore

sciolto nelle pieghe del vespro del giorno.

Ora sono qui a raccontare del suo mare

del suo vento, del suo essere.

Fallace debole ricordo

il cuore batte l’attimo, saturo, stanco,

nel nulla accompagna l’anima

in frammenti scompone la luce

candida ovattata manifesta l’esistere

velato nel bianco il piacere della bellezza.

Respira lento il battito del tempo

il pensiero trina inconfessabili desideri

ricordi si immergono, turbinano intensi

non trovano voce o perché a pudori nascosti

solo silenzi carichi di vergogna.

A volte l’io vola troppo in alto

abbagliato da troppi riflessi d’amore

rinchiuso, gelosamente custodito nella mia oasi

dove la duna solitaria dialoga con le stelle

vive nel voluto miraggio

dove la vita è solo poesia.


Bruno Gasparri

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Nuda Terra
Postato da Letty il Sabato, 07 novembre @ 19:30:52 CET (474 letture)
Le poesie di Letty - II








Sono nuda terra
Foglie secche come mantello
In estate il sole mi bacia così tanto da screpolarmi l'anima
La primavera mi regala una corona verde mi accarezza di pioggia e vento
Accolgo i semi della vita in me e la canto
L'accarezzo
La cullo
Sono figlia d'un dio addormentato sotto la neve dell'inverno
Sono sporca di vita
Vita.

Letty


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 31 ottobre 1795 nacque John Keats
Postato da Grazia01 il Sabato, 31 ottobre @ 21:34:08 CET (1670 letture)
Poesie di Keats


Nonostante il mancato successo presso i suoi contemporanei,
John Keats è oggi unanimemente considerato
uno dei più grandi poeti del Romanticismo inglese e alcune delle sue opere, le odi soprattutto,
hanno raggiunto la fama immortale che gli è stata negata in vita.
Molti scrittori e artisti sono stati profondamente influenzati dalla sua poetica,
primo fra tutti Jorge Luis Borges, per il quale il primo approccio a Keats rappresentò
la più importante esperienza letteraria di tutta la sua vita




La dolcezza di quel viso


Lo sfavillio del suo sguardo splendente
E quel seno, terrestre paradiso.

Mai più felice sarà la vista mia,
Ché ha perso il visibile ogni sapore:
Perduto è il piacere della poesia,
L'ammirazione per il classico nitore.

Sapesse lei come batte il mio cuore,
Con un sorriso ne lenirebbe la pena,
E sollevato ne sentirei la dolcezza,
La gioia, mescolata col dolore.

Come un toscano perduto in Lapponia,
Tra le nevi, pensa al suo dolce Arno,
Così sarà lei per me in eterno
L'aura della mia memoria.





Fulgida stella


Fulgida stella, come tu lo sei
fermo foss'io, però non in solingo
splendore alto sospeso nella notte
con rimosse le palpebre in eterno
a sorvegliare come paziente
ed insonne Romito di natura
le mobili acque in loro puro ufficio
sacerdotale di lavacro intorno
ai lidi umani della terra, oppure
guardar la molle maschera di neve
quando appena coprì monti e pianure.

No, eppure sempre fermo, sempre senza
mutamento sul vago seno in fiore
dell'amor mio, come guanciale; sempre
sentirne il su e giù soave d'onda, sempre
desto in un dolce eccitamento
a udire sempre sempre il suo respiro
attenuato, e così viver sempre,
o se no, venir meno nella morte.



All’Autunno


Stagione di nebbie e morbida abbondanza,
tu, intima amica del sole al suo culmine,
che con lui cospiri per far grevi e benedette d’uva
le viti appese alle gronde di paglia dei tetti,
tu che fai piegare sotto le mele gli alberi muscosi del casolare,
e colmi di maturità fino al torsolo ogni frutto;
tu che gonfi la zucca e arrotondi con un dolce seme
i gusci di nocciola e ancora fai sbocciare
fiori tardivi per le api, illudendole
che i giorni del caldo non finiranno mai
perché l’estate ha colmato le loro celle viscose:

chi non ti hai mai vista, immersa nella tua ricchezza?
Può trovarti, a volte, chi ti cerca,
seduta senza pensieri sull’aia
coi capelli sollevati dal vaglio del vento,
o sprofondata nel sonno in un solco solo in parte mietuto,
intontita dalle esalazioni dei papaveri, mentre il tuo falcetto
risparmia il fascio vicino coi suoi fiori intrecciati.
A volte, come una spigolatrice, tieni ferma
la testa sotto un pesante fardello attraversando un torrente,
o, vicina a un torchio da sidro, con uno sguardo paziente,
sorvegli per ore lo stillicidio delle ultime gocce.

E i canti di primavera? Dove sono?
Non pensarci, tu, che una musica ce l’hai.
Nubi striate fioriscono il giorno che dolcemente muore,
e toccano con rosea tinta le pianure di stoppia:
allora i moscerini in coro lamentoso, in alto sollevati
dal vento lieve, o giù lasciati cadere,
piangono tra i salici del fiume,
e agnelli già adulti belano forte del baluardo dei colli,
le cavallette cantano, e con dolci acuti
il pettirosso zufola dal chiuso del suo giardino:
si raccolgono le rondini, trillando nei cieli.


John Keats

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Accanto a te
Postato da Grazia01 il Venerdì, 23 ottobre @ 09:16:07 CEST (1776 letture)
Le poesie di Pegaso III











Accanto a Te


In questa mia stanza dove il buio accarezza il silenzio

incantato dai tuoi respiri, fluttuo tra le pieghe del tempo

lentamente mi stendo accanto a Te

attento a non alterare l'incanto

m'inebrio del profumo che alleggia dal manto

mentre il battito del cuore accompagna il tuo.



Furtiva, dall'anta socchiusa, brilla la stella

ricordandomi che sotto lo stesso cielo ho respirato l'eterno

nel fragore di dirompenti passioni

nell'inutile ricerca del perché dell'amore.



Ora nello stesso silenzio t'accarezzo

l'onda del mio mare dolcemente ti avvolge

ricamo l'aria in un sospiro, notte

in ansimanti attimi ho annullato i tuoi vuoti

ora che il tempo non ha più valore

accanto a Lei, cerco il sogno, dove il tutto è un fulgido domani.


Bruno Gasparri

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


I ricordi
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 21 ottobre @ 19:36:02 CEST (2217 letture)
Poesie tematiche III




Da anni gli scienziati stanno studiando una pillola per cancellare i ricordi negativi, lasciando intatti i bei ricordi. Un simile farmaco sarebbe capace, cancellando i brutti ricordi, di aiutare le vittime di eventi traumatici a vivere meglio. Ma non tutti sono d’accordo… Che cosa succederebbe se questa pillola venisse assunta da chiunque?







I ricordi, rappresentano il nostro passato, sono pagine della nostra vita, scritte nella nostra mente e nel cuore, una piccola eternita', essi custodiscono momenti di felicità, di tristezza... belli o brutti che siano, non si potranno mai cancellare dalla nostra mente e dal nostro cuore, sono la nostra storia, fanno parte del cammino della nostra vita, basta un profumo, una canzone o altro per ricordare e provocare nei nostri pensieri sensazioni ed emozioni indescrivibili.




Che siano d’amore, d'amicizia, di incontri, sulla famiglia, sulla natura o altro, rappresentano il passato e le esperienze fatte, ci aiutano a superare i momenti tristi, a sentirci meno soli, e a volte, rappresentano la molla per andare avanti, per sorridere e far tesoro delle esperienze, ma anche, per voltare pagina, per ricominciare, per non commettere gli stessi errori, per incontrarsi, per sentirsi vivi, per continuare ad esistere...



Andare a caccia di ricordi non è un bell’affare. Quelli belli non li puoi catturare e quelli brutti non li puoi uccidere.
(Giorgio Faletti)

Abbi cura dei tuoi ricordi perché non puoi viverli di nuovo.
(Bob Dylan)





La memoria di ogni uomo è la sua letteratura privata.
(Aldous Huxley)





Ognuno ha il proprio passato chiuso dentro di sé come le pagine di un libro imparato a memoria e di cui gli amici possono solo leggere il titolo.
(Virginia Woolf)





Abbiamo tutti le nostre macchine del tempo. Alcune ci riportano indietro, e si chiamano ricordi. Alcune ci portano avanti, e si chiamano sogni.
(Jeremy Irons)




I ricordi battono dentro di me come un secondo cuore.
(John Banville)

Non esiste separazione definitiva finché esiste il ricordo.
(Isabel Allende)





"Alla luna"

O graziosa luna, io mi rammento
Che, or volge l'anno, sovra questo colle
Io venia pien d'angoscia a rimirarti:
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparia, che travagliosa
Era mia vita: ed è, né cangia stile,
O mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l'etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso,
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l'affanno duri!

Giacomo Leopardi





"Nel fumo"

Quante volte t’ho atteso alla stazione
nel freddo, nella nebbia. Passeggiavo
tossicchiando, comprando giornali innominabili,
fumando Giuba poi soppresse dal ministro
dei tabacchi, il balordo!
Forse un treno sbagliato, un doppione oppure una
sottrazione. Scrutavo le carriole
dei facchini se mai ci fosse dentro
il tuo bagaglio, e tu dietro, in ritardo.
poi apparivi, ultima. E’ un ricordo
tra tanti altri. Nel sogno mi perseguita.


Eugenio Montale





"Un ricordo"

Io non sapea qual fosse il mio malore
né dove andassi. Era uno strano giorno.
Oh, il giorno tanto pallido era in torno,
pallido tanto che facea stupore.

Non mi sovviene che di uno stupore
immenso che quella pianura in torno
mi facea, cosí pallida in quel giorno,
e muta, e ignota come il mio malore.

Non mi sovviene che d'un infinito
silenzio, dove un palpitare solo,
debole, oh tanto debole, si udiva.

Poi, veramente, nulla piú si udiva.
D'altro non mi sovviene. Eravi un solo
essere, un solo; e il resto era infinito.


Gabriele D'Annunzio


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dove è nato il sole
Postato da Grazia01 il Venerdì, 16 ottobre @ 18:41:41 CEST (1686 letture)
Le poesie di Pegaso III










Dove è nato il sole


Non è svanito, diluito nel tempo, il ricordo

nitido compone il vivere nell’essere

l’interesse affidato al blu orizzonte

il chiedere all’uomo il profumo del suo riflesso.

Temprato spirito espanso nell’universo

l’incanto e armonia di questi miei versi

sia diffusa come profezia tra gli uomini.

Allora il mio pensiero alleggerà sull’ombra

solo allora vestirò i giorni d’invisibili sospiri

l’assenza sprofonda nell’agonia del sogno.

Respirando l’eterno nel manto stellato

sussurri di vita travolti da libertà occulte

in notti e notti avare d’eco e speranza.

Percorrerò a ritroso, sulle spalle del tempo

avvolto dalla solitudine e abissi oscuri

abbracciando l’attimo la dove nasce il sole.


Bruno Gasparri


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Sale
Postato da Letty il Mercoledì, 14 ottobre @ 22:32:12 CEST (2889 letture)
Le poesie di Letty - II







La vita mi ha reso sale
ogni volta che tocco le ferite dell'anima esse bruciano di nuovo!
Dirai che faccio male...
eppure non comprendi che il dolore che porto, sana e sa di tutto l'amore del mare.

Letty


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Creatura
Postato da Letty il Mercoledì, 14 ottobre @ 22:17:43 CEST (1463 letture)
Le poesie di Letty - II










Ti ho portato in grembo come un figlio
nelle notti in cui viaggiavi nel tuo te stesso malandato
ti ho visto andare a fuoco nei ricordi
ho passeggiato lenta nel tuo dolore
lenendo quel che potevo...

Ti ho portato in grembo come un figlio
nelle notti senza luna
senza toccarti
ti ho solo parlato di fiori e colori
ti ho accompagnato fin dove hai voluto
e ti ho lasciato andare
come si fa con un figlio cresciuto
ma sappi che non smetterò di esser madre del tuo dolore
perché in esso sono nata anche io, mia Creatura.

Letty

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Johan Erik Stagnelius nacque il 14 ottobre 1793
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 ottobre @ 21:36:57 CEST (1409 letture)
Ricerche d'autore







Vedi il mare?


Vedi il mare?
tende le smaniose braccia azzurre
e si stringe al petto la testa,
sotto le luci del cielo immenso.

Guarda, arriva.
Il cuore gonfio di desiderio,
le braccia fremono.
Invano. Non esiste desiderio
sotto la luna cui sia concesso
realizzarsi.
Anche la luna dura un istante.
Il mare affonda nella sua delusione,
e le onde fuggono la riva sospirando.

Senti? Sussurra il vento nel bosco
fra le cime alte dei pioppi.
Con il linguaggio crescente dei sospiri
grida, si strugge, implora
un corpo, per unirsi
alla figlia dell'estate.

Ma le voci già svaniscono,
sull'arpa eolia delle fronde muore
l'eco, e il canto dei cigni.

Se vuoi capire la vita, ascoltami uomo!
Un duplice principio ti governa:
la smania del desiderio
e il bisogno di rinuncia.
Dona libertà a questo bisogno:
così che tu, consacrato in pace,
sopra l'orbita dei pianeti possa
innalzarti come un arco di trionfo.

Erik Johan Stagnelius
poeta svedese




commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Per te una rosa
Postato da Grazia01 il Domenica, 04 ottobre @ 12:30:14 CEST (1393 letture)
Le poesie di Pegaso III











PER TE UNA ROSA


Al rintocco di ogni nuova stagione
ricordami di indossare l’abito adatto
il cuore è stanco di scandire vuoti minuti
ogni ardore affido al vento
mentre il cielo piange iridescenti gocce.

Cosa resterà di me in questo mondo?
già l’anima cavalca l’onda
silente spumeggia nel buio mare
forse un gesto o solo vuote parole
ugualmente le voglio dipingere
arricchite con versi e strofe
colmi di sfavillanti metafore e d’amore.

Di profumata aurora intensi ricordi
tutto sembra solo un sogno
immerso in un intimo attimo
gelosamente avvolgo il piacere della bellezza
a volte parole volano alte
poi si perdono nel silenzio che ammalia.

Ma ora ci sei Tu
leggiadra consapevole nell'appartenenza
con gioia offri la tua mano
trasformando autunni stanchi e freddi inverni
in fiorite primavere preludio di calda estate.

Nuovo ardito è il vivere con te
respirando intensi nuovi profumi
il sorriso e la tua voce
diluiscono regole e destino
semplicemente, in questo collegiato mattino
sussurrarti:” buon giorno amore “
per te questa rosa.



Bruno Gasparri

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Buon ottobre
Postato da Grazia01 il Venerdì, 02 ottobre @ 22:14:33 CEST (2084 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI










La natura comincia a imbiondire, le mattine si fanno umide e i pomeriggi pigri, i passi hanno il rumore delle foglie cadute o delle prime piogge: nostalgico e odoroso autunno. Ottobre è forse il mese più dolce dell'anno. Con la sua mitezza lentamente ci congeda definitivamente dell'estate, offrendoci nuovi frutti da cucinare adagio, magari riscoprendo vecchi sapori: è il mese dei funghi, delle castagne e del cavolo nero. Si torna a desiderare piatti caldi: risotti, polente, minestroni e zuppe...a chi piacciono. Che sia un buon autunno per tutti, tranquillo e sereno.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Così
Postato da Letty il Venerdì, 02 ottobre @ 20:08:27 CEST (4277 letture)
Le poesie di Letty - II









Tu abiti da nessuna parte
e cammini senza lasciare tracce
Ti insinui, tocchi, scompigli ma non resti
Tu vaghi e non ritorni
non sei onda
non sei mare
arrivi solo per andare
non sei treno
né destinazione
da te non si arriva si può solo partire...
vuoto
vuoto
che promette e non mantiene
si
tu sei così.

Letty

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il 2 ottobre del 1944 nacque Abdulah Sidran poeta e sceneggiatore bosniaco
Postato da Grazia01 il Venerdì, 02 ottobre @ 20:06:15 CEST (2948 letture)
Ricerche d'autore



Abdulah Sidran, poeta e sceneggiatore bosniaco nacque il 2 ottobre 1944






le nostre ardenti preghiere per la pace?
Se ne infischia la Morte della lacrima della ragazza,
se ne infischia la Morte delle preghiere dell’uomo »
Abdulah Sidran, Pianeta Sarajevo







L’INCUBO


Che stai facendo, figlio?

Sogno, madre mia, sogno che sto cantando,
e tu mi chiedi, nel sogno: che stai facendo, figlio?

Cosa canti nel sogno, o figlio?

Canto, madre mia, che avevo una casa.
E adesso la casa non ce l’ho. Questo canto, madre mia.

Avevo la mia voce, o madre, e la mia lingua avevo.
E ora non ho né voce né lingua.

Con la voce che non ho, nella lingua che non ho,
dalla casa che non ho, io canto la mia canzone, o madre.





Le lacrime delle madri di Srebrenica
di Abdulah Sidran

Sarebbe meglio non fosse
piuttosto che sia
così
come oggi è
la nostra Srebrenica
Nulla di morto né di vivente
in lei
può più abitare
Sotto un cielo plumbeo
l'aria di piombo
mai nessuno
ha imparato
a mettersi nei polmoni

Da lei fugge tutto
ciò che ha gambe
con le quali possa
e sappia dove
fuggire
Da lei fugge tutto
anche ciò che da nessuna parte
se non sotto la terra nera
può fuggire
Gli ortodossi fuggono
i nuovi come i vecchi
i musulmani fuggono
i vecchi come i nuovi
E chi in qualche modo
è rimasto vivo
andato via e poi tornato
neppure un inverno con l'estate
ha messo insieme
né un autunno
con la primavera
ma ha cercato
quanto prima
di andarsene da Srebrenica
E quei cattolici
nostri vicini
e per loro Srebrenica
per centinaia d'anni
è stata l'amata
e bellissima
sede principe
della loro buona
e nobile comunità
se ne sono andati da tempo
Come se
nella loro saggezza avessero
saputo che sarebbe arrivato un tempo
in cui non ci sarebbe più stata
la buona Srebrenica
Ci dicono
da dieci anni ce lo dicono
che in Bosnia
la guerra è finita
A noi spiegano
e inviano istruzioni scritte
che nel nostro Paese
Bosnia Erzegovina
la guerra è finita
e che nessuno
deve più
guardare al passato
Credono forse
davvero
che siamo vivi
noi che stiamo qui
e da questo luogo
parliamo così
come se davvero fossimo vivi
Davvero pensano che si chiami salute
davvero pensano che si chiami ragione
ciò che in noi è rimasto
della salute e della ragione di un tempo?
Non vedono, non sentono forse
non sanno forse che noi,
quelli rimasti, siamo più morti di tutti
i nostri morti, e che qui oggi, con la loro voce,
la voce dei nostri morti, dalle loro gole,
gridiamo e con il loro grido - noi parliamo?
Non ci permettete di
guardare al passato!
E noi non lo guardiamo, ma è lui a guardarci!
Voi dite:
guardate al futuro!
Ma noi, nessun
futuro in nessun luogo
riusciamo a vedere
né vediamo che lui
con un sol occhio
guardi noi
e neppure che ci veda
e che di noi si preoccupi.

Abdulah Sidran










Abdulah Sidran (Sarajevo, 2 ottobre 1944) è un poeta e sceneggiatore bosniaco, figura emblematica della letteratura bosniaca. Collaboratore per alcuni anni di Emir Kusturica, è intervenuto poeticamente nel testo de “Il cerchio perfetto” (1997) di Ademir Kenovic. Tema dominante di alcuni suoi versi è stato il travaglio della sua città durante l'assedio.


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Siediti al sole [ 0 commenti - 11 letture ]
 Friedrich-von-Amerling [ 0 commenti - 9 letture ]
 Mare nostro [ 0 commenti - 11 letture ]
 Incidente stradale [ 0 commenti - 16 letture ]
 Fernanda Pivano [ 0 commenti - 25 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy