Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 362
Totale: 362
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: coppermine
04: News
05: Home
06: Home
07: Home
08: Search
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: coppermine
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: News
19: coppermine
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: coppermine
34: Search
35: News
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: News
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: coppermine
55: Home
56: Home
57: coppermine
58: Home
59: Home
60: Search
61: Home
62: Stories Archive
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Stories Archive
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: coppermine
77: Home
78: coppermine
79: Home
80: coppermine
81: Home
82: Home
83: Home
84: coppermine
85: Stories Archive
86: News
87: coppermine
88: Home
89: Search
90: Search
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: Home
99: coppermine
100: Home
101: Home
102: Home
103: coppermine
104: Home
105: News
106: Home
107: coppermine
108: News
109: Home
110: Home
111: Forums
112: Home
113: Topics
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: coppermine
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: News
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: News
137: Home
138: coppermine
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Stories Archive
146: Home
147: Home
148: Home
149: coppermine
150: Home
151: Home
152: News
153: Home
154: Your Account
155: coppermine
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Search
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: News
175: coppermine
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: coppermine
182: Home
183: coppermine
184: News
185: Home
186: Home
187: News
188: Home
189: coppermine
190: Home
191: Home
192: Home
193: coppermine
194: coppermine
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Search
200: Home
201: Home
202: Home
203: News
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: coppermine
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Search
221: News
222: Home
223: coppermine
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: coppermine
232: Home
233: Stories Archive
234: Home
235: Home
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: coppermine
243: Home
244: News
245: Home
246: coppermine
247: Home
248: Home
249: Home
250: coppermine
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Search
259: Home
260: News
261: Search
262: Home
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: Home
268: Stories Archive
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Home
275: Home
276: Home
277: Home
278: News
279: Home
280: Home
281: News
282: Home
283: Home
284: Home
285: coppermine
286: News
287: Home
288: Home
289: Forums
290: coppermine
291: Home
292: Home
293: Home
294: Search
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: coppermine
300: Search
301: Home
302: Home
303: News
304: Home
305: Stories Archive
306: Search
307: Your Account
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: News
313: Home
314: coppermine
315: Home
316: Home
317: Home
318: News
319: Home
320: Home
321: Home
322: Stories Archive
323: Home
324: Home
325: Home
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: coppermine
332: coppermine
333: Home
334: News
335: Home
336: Home
337: Home
338: Home
339: Home
340: Home
341: Forums
342: Home
343: Home
344: coppermine
345: coppermine
346: Home
347: Home
348: Home
349: Home
350: Home
351: Home
352: News
353: coppermine
354: Home
355: Home
356: Home
357: Home
358: Home
359: Forums
360: Home
361: Home
362: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9049
  · Viste: 1924122
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Modi di dire III
Postato da Grazia01 il Lunedì, 09 aprile @ 23:35:38 CEST (3671 letture)
Invenzioni e origini I

IL MULETTO NELLA FORMULA UNO
La definizione "muletto", riferito alla vettura di riserva nelle competizioni di Formula 1 nasce negli anni 30 in Italia.
Con questo termine si identificava un’auto usata nelle prove, nella ricognizione del percorso e a disposizione per eventuali emergenze qualora vi fossero stati problemi sulla vettura designata per la gara.
La parola era stata scelta per indicare (da il mulo, animale) qualcosa di meno nobile di un "purosangue" com’era, invece, considerata la vettura ufficiale, ma, nel contempo, estremamente resistente (appunto come un mulo).
Il termine ovviamente venne adottato dalla Ferrari. ed è ancor oggi in uso.
I team inglesi, invece, utilizzano il vocabolo Tear che significa vettura da allenamento.. Tear sta, infatti, per training car.

MINISTRO SENZA PORTAFOGLIO
Il portafoglio - che in questo caso non è quello che ognuno di noi ha per conservarvi soldi e documenti - è finito (l’origine non la si conosce) nel linguaggio politico-istituzionale e significa il complesso delle responsabilità e delle competenze riservate a un ministero dotato di poteri in un determinato campo e di possibilità di spesa. Ministro senza portafoglio sta, conseguentemente, a indicare il titolare di un….ministero che, però, non ha un proprio autonomo bilancio.
Leggi Tutto... | 3948 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 2


Modi di dire II
Postato da Grazia01 il Lunedì, 09 aprile @ 23:28:52 CEST (2323 letture)
Invenzioni e origini I

MAY DAY..... MAY DAY....
Il termine mayday è l’adattamento inglese del francese m’aider, aiutami, e si pronuncia mèd-ay.
È la parola usata internazionalmente nelle comunicazioni radiotelefoniche per chiedere aiuto, l’equivalente, in fonia, del SOS che è ormai andato in pensione nell’era delle comunicazioni satellitari.
Nel 1927 la Convenzione internazionale radiotelegrafica di Washington adottò il termine mayday quale segnale di soccorso radiotelefonico: va ripetuto esattamente tre volte di seguito e indica pericolo grave e imminente e deve avere la precedenza assoluta su qualsiasi altra comunicazione in frequenza. È seguito dall’indicazione del nome e/o della sigla del natante o dell’aereo, della sua posizione e, se possibile,, della natura del pericolo in atto.

IN BORGHESE
In genere, quando un militare non indossa la divisa si dice che è in borghese. Perché?
Borghese è parola di antichissima origine, il cui significato, nel corso dei secoli, è mutato più volte soprattutto in relazione alle situazioni politiche dei vari momenti storici.
Nel Medioevo, per esempio, erano chiamati borghesi gli abitanti del borgo che solitamente era un gruppo di case fuori della cinta muraria abitate per lo più da artigiani, piccoli commercianti e contadini.
Nel 1007, in Francia, borghesia significava l’insieme dei "villani", cioè dei contadini che avevano abbandonato la campagna.
Nel 1200, sempre in Francia, col termine borghesia si comincerà a indicare i membri delle classi popolari e, col passare degli anni, tutti coloro che non appartenevano alla nobiltà che, com’è ben noto, aveva, fra le altre, la caratteristica di un abbigliamento raffinato.
Nel Settecento, poi, borghese era colui che vestiva in una qualche maniera (cioè come capitava e secondo le sue disponibilità finanziarie), mentre la nobiltà aveva ancor più accentuato la cura del proprio abbigliamento che, specie per i nobili maschi, aveva assunto le caratteristiche quasi di una divisa.
È da quel momento - e siamo alla vigilia dalla Rivoluzione - che borghese è chi non indossa una divisa militare o…..nobile o ecclesiastica che fosse.
Questa concezione si trascinò nel tempo, con gli aggiustamenti del caso, e oggi, per l’appunto, un militare che non indossa la divisa si dice che veste in borghese.
I preti hanno risolto il problema eliminando l’abito talare e ora vestono come loro pare e piace. Personalmente ritengo che la loro non sia una scelta intelligente .

CUOCERE A BAGNOMARIA
La Maria cui il modo di dire allude è Maria l’Ebrea, un’alchimista egizia vissuta intorno al IV secolo avanti Cristo. In origine, pertanto, con bagnomaria non si indicava una pratica culinaria, bensì una tecnica consistente nello scaldare la materia filosofale in un recipiente, detto athanor, immerso a sua volta in un altro pieno d’acqua.
Il termine e la pratica passano in Occidente, e in particolare in Italia, nel Cinquecento, quando comincia a svilupparsi l’alchimia.
Per il bagnomaria in cucina bisognerà attendere l’Ottocento
Il termine e la pratica passano in Occidente, e in particolare in Italia, nel Cinquecento quando comincia a svilupparsi l’alchimia.
Per il bagnomaria in cucina bisognerà attendere l’Ottocento
Leggi Tutto... | 2731 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3


Modi di dire I
Postato da Grazia01 il Lunedì, 09 aprile @ 23:22:14 CEST (5299 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni III


FILIPPICA
Perché si dice "Filippica"? Il termine é derivato dalle orazioni di Demostene contro Filippo II di Macedonia. Lo adottò, per la prima volta nella storia della lingua, Cicerone che definì "filippiche" le sue 14 orazioni contro Antonio. Da qui, poi, i termini "catilinaria": le orazioni di Cicerone contro Catilina; dare vita a una diatriba (termine derivante dal greco): lungo discorso aspro e violento proprio delle polemiche degli antichi filosofi; fare una scena madre: che si dice d'un lungo discorso accorato, commovente oppure pieno d'ira o risentimento, ecc.
La "scena madre" é nel dramma quella più importante, più commovente, quella su cui s'impernia l'intreccio della vicenda o, se si preferisce, dell'opera teatrale "messa in scena.

DARSI LA ZAPPA SUI PIEDI
È un’espressione il cui significato dovrebbe essere ben noto a tutti. Significa nuocere a se stessi, oppure, in una discussione, portare argomenti o ragioni che alla fine vanno a proprio svantaggio, contraddicendosi involontariamente.
Più o meno sullo stesso piano stanno espressioni quali: darsi il dito nell’occhio, tagliare il ramo su cui si è seduti, scavarsi la fossa (con le proprie mani), pisciare controvento.

ANDARE A CANOSSA
Beh, la spiegazione dell'origine di questo modo di dire è di estrema facilità e credo che più o meno tutti l'abbiamo studiato a scuola: l’imperatore Enrico IV, scomunicato da Papa Gregorio VIII nel 1076, si recò l’anno successivo (gennaio 1077), vestito da penitente e con i piedi scalzi nonostante il gelo, al castello di Canossa (provincia di Reggio Emilia) a chiedere perdono al Papa che era ospite della famosissima Matilde, contessa, per l’appunto, di Canossa e marchesa di Toscana.
Il Papa (ma che buono!!!!! ma che misericordioso!!!) fece attendere l’imperatore, al freddo e al gelo, per ben tre giorni prima di riceverlo.
Andare a Canossa significa fare atto di sottomissione completa, oppure pentirsi per aver fatto o detto qualcosa che non andava né fatto né detto; ritirare accuse infondate; chiedere scusa magari per giudizi irresponsabilmente o incautamente espressi.
Perfino in una com bellissima come la nostra potrebbe capitare, talvolta, che qualcuno possa trovarsi nelle condizioni di dover andare anch’egli a Canossa, dopo essersi reso conto d’aver magari ecceduto nel tranciare giudizi, interpretare fatti, giudicare persone, valutare negativamente o polemicamente espressioni che nelle intenzioni di chi le aveva scritte volevano essere solo scherzose o ironiche.
Capita a volte di prendere delle solenni cantonate. Andare a Canossa in questi casi non umilia chi chiede scusa, ma lo eleva nella sua dignità di essere umano responsabile e cosciente. Insomma, detto chiaro e tondo, dimostra che uno ha le palle.
Leggi Tutto... | 3223 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


È in arrivo il wimax. e mette tutti in rete
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 aprile @ 23:07:47 CEST (1027 letture)
Invenzioni e origini I

Lo schema di funzionamento del Wimax (da Newton)

Una vera rivoluzione: porterà la banda larga e le connessioni senza fili ovunque. Perché non ha bisogno di cavi

Lo schema di funzionamento del Wimax (da Newton)
C’è qualcosa di nuovo nell’etere. Questa tecnologia promette di abbattere il «digital divide» (il divario digitale) portando le connessioni a banda larga ovunque, con costi ridottissimi per gli operatori e vantaggi per i consumatori. Dopo anni di promesse e sperimentazioni il WiMax è pronto per sbarcare in Europa. Germania e Francia hanno già concesso le licenze agli operatori. La Gran Bretagna, dopo una fase sperimentale, sarà pronta entro la fine del 2007. Anche Spagna e Grecia sono entrate nel club dei «tutti pazzi per il WiMax». E l’Italia? Nel nostro Paese lo sviluppo di questa tecnologia è rimasto bloccato da una disputa politica che è durata un decennio. Ma adesso le cose sembrano essersi sbloccate. La svolta, per rimettersi in pari, dovrebbe arrivare entro l’anno. Il ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, ha preso un impegno preciso: garantire entro la legislatura, cioè il 2011, la possibilità per tutto il Paese di connettersi in rete ad alta velocità. E dal WiMax, che a regime può coprire il 99% del territorio, può arrivare un grande aiuto.
Leggi Tutto... | 5719 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La storia dei colori
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 aprile @ 22:48:16 CEST (1151 letture)
Leggende e fiabe  I

Tanto tempo fa, il pappagallo non aveva colori; era tutto grigio, le sue piume erano corte come quelle di una gallina bagnata. Uno tra i tanti uccelli giunti chissà come nel mondo.
Gli Dei litigavano sempre; litigavano perché il mondo era assai noioso con due soli colori. Ed era motivata la loro ira, poiché solo due colori si alternavano nel mondo: uno era il nero che comandava la notte, l'altro era il bianco che camminava di giorno, il terzo non era un colore, era il grigio che dipingeva sere e mattine affinché non si scontrassero troppo.
Ma questi Dei erano litigiosi ma molto sapienti.
In una riunione giunsero all'accordo di rendere i colori più lunghi perché fosse allegro il camminare e l'amare di uomini e donne.
Leggi Tutto... | 3289 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ad una speranza
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 aprile @ 00:10:57 CEST (962 letture)
Poesie della buonanotte II


Come vorrei, ora,
che le velluate carezze
di parole confortanti
profonde s'imprimessero
nella tua anima e pelle.
Ho desiderato, prima,
che il sognante sguardo,
misterioso rivelatore
di parole mai dette,
accendesse in me la speranza.

Manterrò, domani,
questo novello ardore
tanto placido invero,
ma pur sorto e vivo
dal deserto di passioni.


Sunday
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Auguri di Buona Pasqua
Postato da Antonio il Sabato, 07 aprile @ 18:55:27 CEST (1105 letture)
Messaggi I
Leggi Tutto... | 853 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE
Postato da Grazia01 il Sabato, 07 aprile @ 09:06:44 CEST (1031 letture)
Psicologia e salute II Ginevra - Il tema della Giornata mondiale della salute 2007, che si celebra il 7 aprile, e' la sicurezza sanitaria internazionale.
L'evento sottolinea l'importanza di un coordinamento internazionale per affrontare le nuove emergenze sanitarie, sia per aiutare persone e Stati piu' bisognosi, sia per ridurre la vulnerabilita' rispetto ai rischi globali.
La Giornata mondiale della salute si celebra ogni anno il 7 aprile, per ricordare la fondazione, il 7 aprile 1948, dell'Organizzazione mondiale della salute (Oms).
I lavori non si limitano alla giornata del 7 aprile, ma saranno seguiti dalla pubblicazione del 2007 World Health Report, che analizzera' piu' approfonditamente gli argomenti della Giornata mondiale.
Leggi Tutto... | 2777 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La storia della Fata Morgana
Postato da Grazia01 il Sabato, 07 aprile @ 08:13:42 CEST (5229 letture)
Letture varie II

La leggenda ci tramanda che, dopo aver condotto suo fratello Artù ai piedi dell'Etna, Morgana si trasferisce in Sicilia tra l'Etna e lo stretto di Messina, dove i marinai non si avvicinano a causa delle forti tempeste, e si costruisce un palazzo di cristallo.
Sempre in base alla leggenda, Morgana esce dall'acqua con un cocchio tirato da sette cavalli e getta nell'acqua tre sassi, il mare diventa di cristallo e riflette immagini di città.
Leggi Tutto... | 613 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un viaggio per le ferie (possibilmente moooolto lunghe)
Postato da spalato il Venerdì, 06 aprile @ 22:57:15 CEST (1219 letture)
Siti interessanti e strani 1) vai su http://maps.google.it
2) scegli "indicazioni stradali" (menu in alto)
3) digita da Padova a New York
4) non importa che strade devi fare ma leggi al punto 38 del percorso......

buon viaggio
Leggi Tutto... | 4833 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Autovelox vacanze di Pasqua sono segnalati online
Postato da spalato il Venerdì, 06 aprile @ 19:26:20 CEST (860 letture)
Attualità I Autovelox vacanze di Pasqua sono segnalati online
Elenco postazioni fisse e mobili di controllo della velocità


StudioCelentano.it, 06-04-2007

La Polizia di Stato pubblica sul proprio sito internet, diviso per regione e per giorno, l'elenco delle postazioni fisse e mobili di
controllo della velocita' e le tratte stradali dove sono operative per la settimana sino al prossimo 8 aprile: autovelox, telelaser e provida.
Un modo per invitare gli automobilisti a moderare la velocita' rispettando i limiti e prevenire cosi' gli incidenti. Previsioni del tempo buone, molti si metteranno in viaggio per trascorre la festivita' pasquale lontano da casa:la Polizia stradale vigilera' con piu' di 1600 pattuglie sulla sicurezza degli automobilisti.


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Il 3D svela il segreto della Grande Piramide
Postato da spalato il Venerdì, 06 aprile @ 19:26:09 CEST (4538 letture)
Storia La Grande Piramide di Kheope, l'unica sopravissuta delle Sette Meraviglie del Mondo, rappresenta un vero mistero per gli studiosi che da secoli si interrogano su come sia stato possibile realizzarla.



Ora, il mistero sembra essere stato risolto dall'architetto francese Jean- Pierre Houdin, il quale nel 1999 formulò una ipotesi alla cui dimostrazione ha dedicato questi otto anni di studio e lavoro: e cioè che la costruzione del sito di Kheope fosse il primo esempio di costruzione a livello industriale e che la piramide stessa sarebbe stata costruita dall'interno .
Leggi Tutto... | 1315 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ricette pasquali
Postato da Grazia01 il Venerdì, 06 aprile @ 18:49:05 CEST (1243 letture)
Ricette golose

Con le uova

...CON SOUFFLE' di PARMIGIANO
- per 4 persone servono 40 gr di burro, 30 gr di farina, 1 dl di latte, 35 gr di parmigiano grattugiato, 4 uova, sale, pepe.

Elimina la parte a punta del guscio picchiettandola leggermente, raccogli albumi e tuorli a parte, lava e asciuga i gusci. Unisci in un pentolino al burro fuso, la farina e mescola bene, poi togli dal fuoco ed aggiungi il latte, rimetti il tutto sul fuoco e mescola fino ad ottenere una besciamella morbida. Fai raffreddare il composto ed insaporiscilo con sale e pepe, aggiungi 1 tuorlo poi il parmigiano e 2 albumi montati a neve, finisci con un pizzico di sale. Imburra l'interno dei gusci con il burro fuso e riempili per 2/3 con il composto, appoggia ognuno in un porta uovo di ceramica, cuocili a 160° per circa 20 minuti. Servi subito.

...A SORPRESA - per 4 persone servono: 4 vol-au-vent, 4 uova freschissime, sale, pepe, poca béchamel fatta con latte, farina, burro. In ogni vol-au-vent metti una nocciolina di burro e fai scivolare un uovo intero, senza che il tuorlo si rompa. Sala e pepa leggermente, poi completa con un cucchiaio di béchamel. Dieci minuti prima di andare a tavola passa il piatto di portata coi vol-au vent nel forno caldo: il piatto dovrà ovviamente reggere al calore del forno. Fai rapprendere e dora la béchamel e servi il tutto ben caldo.
Leggi Tutto... | 3561 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Luigi Comencini ci ha lasciato
Postato da Grazia01 il Venerdì, 06 aprile @ 12:46:37 CEST (1681 letture)
In ricordo Aveva 90 anni.
È deceduto il regista Luigi Comencini. Lo ha comunicato lo studio Lucherini, dove oggi la figlia Cristina avrebbe dovuto tenere una conferenza stampa, che è stata annullata. La camera ardente sarà allestita sabato dalle 10,30 alla Casa del cinema a Roma. I funerali del regista si svolgeranno sempre sabato nella chiesa di rito valdese in piazza Cavour a Roma.
Nato a Salò, in provincia di Brescia, l'8 giugno 1916, con Alberto Lattuada e Mario Ferrari fu il promotore della Cineteca Italiana, primo archivio di film in Italia. A trent'anni debutta alla regia con il documentario «Bambini in città», due anni dopo firma, con «Probito rubare», il suo primo lungometraggio. Il grande successo commerciale, però, arriva con «Pane, amore e fantasia»(1953) e «Pane, amore e gelosia» (1954), con i quali diventa uno dei principali autori del neorealismo rosa. Con «Tutti a casa» (1960) rievoca la divisione dell'Italia dopo l'8 settembre '43.



Lavorò molto anche a sceneggiati televisivi di grande successo come «Pinocchio» (1971) con Nino Manfredi e Gina Lollobrigida, e «Cuore» (1984). Dirige gli indimenticabili Alberto Sordi, Silvana Mangano e Bette Davis in «Lo scopone scientifico» (1972), ma anche un giovane Beppe Grillo in «Cercasi Gesù» (1981)
06 aprile 2007
Leggi Tutto... | 2927 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Curiosità sulla Pasqua
Postato da Antonio il Giovedì, 05 aprile @ 09:16:07 CEST (4355 letture)
Argomenti vari I

L'UOVO di cioccolata regalato in occasione della Pasqua è sicuramente
l'immagine che maggiormente ricorre nell'evento pasquale.
Già presso popolazioni e civiltà antiche l'uovo era considerato simbolo
di eternità, di nuova vita, di rinascita, e proprio con questo
significato venne a far parte della tradizione cristiana richiamando
alla risurrezione di Cristo.



Tra i diversi richiami pasquali che fanno bella mostra di sé nelle
vetrine dei negozi compare anche un simpatico comiglietto che porta
delle uova.
La sua presenza non è casuale ma si richiama alla lepre che sin dai
primi tempi del cristianesimo era presa a simbolo di Cristo.
Come Gesù stesso aveva detto di sé: "Le volpi hanno una tana e gli uccelli un
nido, ma il Figlio dell'uomo non ha un posto dove poter riposare" ,
così anche la lepre non ha tane né case, è un animale gentile che
simboleggia la nuova vita che ritorna ogni primavera.
Inoltre, la lepre, con la caratteristica del suo manto che cambia
colore secondo la stagione, venne indicata da sant'Ambrogio come
simbolo della risurrezione.
Leggi Tutto... | 3729 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3


Il vino triste
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 04 aprile @ 18:38:28 CEST (1477 letture)
Poesie di Pavese


E' un bel fatto che tutte le volte che siedo in un angolo
d'una tampa a sorbire il grappino, ci sia il pederasta
o i bambini che strillano o il disoccupato
una bella ragazza che passa di fuori,
tutti a rompermi il filo del fumo. «E' così, giovanotto,
ce lo dico davvero, lavoro a Lucento».
Ma la voce, la voce angosciata del vecchio
quarantenne - non so - che mi ha stretto la mano
nottetempo nel freddo e poi mi ha accompagnato
fino a casa, quel tono da vecchia cornetta,
non lo scordo, neanche se muoio.
Non diceva del vino, parlava con me
perché avevo studiato e fumavo la pipa.
«E chi fuma la pipa» esclamava tremando
«non può essere falso! » Approvai colla testa.
Leggi Tutto... | 1436 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.66


Primavera di Giovanni Verga
Postato da Antonio il Martedì, 03 aprile @ 23:25:34 CEST (1336 letture)
Racconti di Verga

Allorché Paolo era arrivato a Milano colla sua musica sotto il braccio - in quel tempo in cui il sole splendeva per lui tutti i giorni, e tutte le donne erano belle - avea incontrato la Principessa: le ragazze del magazzino le davano quel titolo perché aveva un visetto gentile e le mani delicate; ma soprattutto perch'era superbiosetta, e la sera, quando le sue compagne irrompevano in Galleria come uno stormo di passere, ella preferiva andarsene tutta sola, impettita sotto la sua sciarpetta bianca, sino a Porta Garibaldi. Così s'erano incontrati con Paolo, mentre egli girandolava, masticando pensieri musicali, e sogni di giovinezza e di gloria - una di quelle sere beate in cui si sentiva tanto più leggiero per salire verso le nuvole e le stelle, quanto meno gli pesavano lo stomaco e il borsellino -. Gli piacque di seguire le larve gioconde che aveva in mente in quella graziosa personcina, la quale andava svelta dinanzi a lui, tirando in su il vestitino grigio quand'era costretta a scendere dal marciapiedi sulla punta dei suoi stivalini un po' infangati. In quel modo istesso la rivide due o tre volte, e finirono per trovarsi accanto.
Leggi Tutto... | 18748 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Teatro non stop con gli emergenti
Postato da Antonio il Martedì, 03 aprile @ 22:33:50 CEST (1140 letture)
Mostre e spettacoli

Premio scenario
Teatro non stop con gli emergenti


Ingresso gratuito e teatro non stop da mattina a sera con i semifinalisti del Premio Scenario. Si tratta dell’iniziativa rivolta ogni due anni alle giovani generazioni, per selezionare progetti inediti destinati alle scene. Quest’anno i lavori candidati erano 290. Selezionati dalle varie commissioni locali, si sono ridotti a 52. Ora arrivano al vaglio delle tappe aperte al pubblico di Milano (dal 3 al 5 aprile, al Teatro dell’Arte) e L’Aquila (dal 9 all’11 maggio, nei teatri San Filippo e Sant’Agostino), da dove emergeranno i finalisti.
Leggi Tutto... | 469 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La tentazione di farsi amare in modo indelebile
Postato da Antonio il Martedì, 03 aprile @ 19:53:38 CEST (1451 letture)
Riflessioni di Francesco Alberoni I

Fernando Botero
Una famiglia

Un tempo i genitori avevano molti figli. Oggi ne hanno uno, al massimo due, su cui concentrano l’affetto. La notte la mamma si alza per vedere se il piccolo respira. Per la parità dei sessi, il padre non deve essere da meno. Alla nascita di un bimbo l’appassionato amore erotico degli sposi cede all’adorazione del nuovo nato. Aggiungiamo che la psicoanalisi gli spiega il pericolo dei traumi infantili. Bisogna evitarli a ogni costo. Se il bimbo piange ha un trauma, se è malcontento ha un trauma.
Se va male a scuola ha un trauma. Gli insegnanti sono visti come potenziali erogatori di traumi e spesso i genitori si schierano con i figli contro di loro. Un tempo l’amore dei figli per i genitori era dato per scontato. Oggi non più. Oggi si vedono molti genitori che temono di non essere amati dai figli e cercano di guadagnarsi il loro affetto con elogi, regali, concedendo immediatamente tutto quello che chiedono.
Leggi Tutto... | 1646 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


PREPARATI A UNA FESTA
Postato da Grazia01 il Lunedì, 02 aprile @ 19:57:07 CEST (1170 letture)
Poesie sulla natura e l'universo

L'inverno, con la sua fragilità di ramo secco
che un piede può spezzare, sta ormai per finire
senza che sia caduta la neve: e anche questo
screpola i cuori come le nostre labbra, li lascia
un poco aridi, esposti ai capricci di marzo
che nei suoi mulinelli trascina i ricordi.
Ma proprio per questo non devi temere, amata,
la nostra sia una storia spazzata dal vento,
ridotta in polvere, sospinta nel vicolo
dove spariscono gli amanti senza domani.
Leggi Tutto... | 721 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Perchè non siamo tutti belli e forti ?
Postato da Grazia01 il Lunedì, 02 aprile @ 19:49:48 CEST (1229 letture)
Scienze

Perchè non siamo tutti belli e forti se è vero che si dovrebbero selezionare e propagare i geni migliori?

La mancata riparazione di alcune mutazioni è vantaggiosa
Il mutevole mondo dell’evoluzionismo.


LONDRA - Se è valida la teoria di Darwin sull'evoluzione, se le femmine sono attratte da alcuni caratteri sessuali, come mai questi caratteri non si propagano a macchia d’olio tra la popolazione? In altre parole: se i maschi vengono scelti in base alla presenza di alcuni fenotipi (la manifestazione visibile del codice genetico, cioè l'aspetto), cui corrispondono dei geni, perché questi stessi geni, e quindi gli stessi fenotipi non sono diffusissimi? Perché ci sono ancora tutte queste differenza tra individui della stessa specie? Perchè, in altre parole, non siamo tutti belli e attraenti come la teoria dell'evoluzione vorrebbe?
Leggi Tutto... | 2015 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La storia di Cariddi
Postato da Grazia01 il Lunedì, 02 aprile @ 13:01:46 CEST (1346 letture)
Leggende e fiabe II

Tale mostro impersona, nell’immaginario collettivo, un vortice formato dalle acque dello stretto. Tale ninfa mitologica greca è figlia di Poseidone e di Gea ed era tormentata da una grande voracità. Giove la scaglia sulla terra insieme ad un fulmine.
Leggi Tutto... | 496 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Creme per Pasqua
Postato da Grazia01 il Sabato, 31 marzo @ 13:31:03 CEST (2423 letture)
Ricette dolci I E' quasi Pasqua
Cinque salse da servire con la colomba classica.


Leggi Tutto... | 2078 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L'albero degli amici
Postato da Grazia01 il Sabato, 31 marzo @ 08:51:29 CEST (4804 letture)
Poesie sulla vita II


Esistono persone nelle nostre vite che ci rendono felici
per il semplice caso di avere incrociato il nostro cammino.
Alcuni percorrono il cammino al nostro fianco,
vedendo molte lune passare,
gli altri li vediamo appena tra un passo e l'altro.
Tutti li chiamiamo amici e ce sono di molti tipi.
Talvolta ciascuna foglia di un albero rappresenta uno
dei nostri amici.

Il primo che nasce è il nostro amico Papà e la nostra
amica Mamma,
che ci mostrano cosa è la vita.
Dopo vengono gli amici Fratelli, con i quali dividiamo il
nostro spazio affinché possano fiorire come noi.
Conosciamo tutta la famiglia delle foglie che
rispettiamo e a cui auguriamo ogni bene.
Leggi Tutto... | 1718 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.71


Perchè alla fine....
Postato da Grazia01 il Venerdì, 30 marzo @ 23:37:57 CEST (1264 letture)
Poesie sulla vita II

«Perché alla fine che cos'è
tutto il genere umano a paragone
della natura e della universalità delle cose?»
I ragazzi corrono senza fiato.
Le pinete scricchiolano al sole.
Di qui la società è invisibile.
Ma se continuiamo a non volere la verità
sarà terribile la nostra via.
Leggi Tutto... | 490 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mostar 1993
Postato da Grazia01 il Venerdì, 30 marzo @ 23:23:35 CEST (1181 letture)
Letture varie II

La luce era dolce nel pomeriggio che lo sorprese, appena sveglio, sudato nel letto. Violenta quella di un'alba esasperata dal dolore.
La sua mascella sinistra maciullata, rigurgiti di vomito, il corpo dov'era?
Perduto, sezionato, sfondato. La mente soffocava e lui sprofondava.
Le ore del giorno nel torpore degli psicofarmaci, liquidi impastati nelle vene, aghi nel cervello, mascella addormentata.
Correva, fuori dalla casa, nei campi bagnati dalla pioggia, e gli veniva incontro l'uomo con il coltello.
Portava addosso la collana di perle di Maria.
Della sua Maria. L'aveva lasciata sul molo del porto, in una città sconosciuta. Forse perduta.
C'era stato un saccheggio nella città, dopo le bombe.
Leggi Tutto... | 1672 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Cuore o cervello?
Postato da Grazia01 il Giovedì, 29 marzo @ 23:28:35 CEST (1229 letture)
Psicologia e salute II

Immaginate che un uomo si trovi all'interno di una sfera e un altro al suo esterno.
Colui che si trova all'interno, naturalmente la vede concava, mentre colui che è all'esterno, convessa.
I due discutono e si azzuffano: è impossibile metterli d'accordo.
Interpretiamo ora questa immagine.
Colui che è all'interno della sfera è il cuore; egli osserva la vita dal dentro, soggettivamente, ovvero attraverso l'emozione, il sentimento e la sensazione.
Colui che è all'esterno, è l'intelletto che osserva le cose dal fuori, obiettivamente, razionalmente.
Per questo fra cuore e intelletto continuano a perpetuarsi discussioni interminabili e scontri secolari.
Chi dice il vero? Tutti e due, ma ciascuno al cinquanta per cento.
Se ora arrivasse un terzo osservatore che dicesse:
"La sfera è sia concava che convessa", i primi due, a questo punto, si inquieterebbero e lo considererebbero un insensato.
In realtà, quest'ultimo è un saggio che contempla la verità nella sua interezza.
Egli rappresenta l'intuizione che ha la capacità di riunire pensiero e sentimento
per vedere le cose contemporaneamente dall'interno e dall'esterno.
Per conoscere la vera realtà delle cose, bisogna essere contemporaneamente oggettivi e soggettivi, porsi contemporaneamente all'interno e all'esterno...
Leggi Tutto... | 13 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Due parole - ALFONSINA STORNI
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 28 marzo @ 19:20:05 CEST (1503 letture)
Poesia al femminile II

Questa notte all'orecchio
m'hai detto due parole.
Due parole stanche
d'esser dette. Parole
cosi' vecchie da esser nuove.
Parole cosi' dolci
che la luna che andava
trapelando dai rami
mi si fermo' alla bocca.
Cosi' dolci parole
che una formica passa sul mio collo
e non oso muovermi per cacciarla.
Cosi' dolci parole
Leggi Tutto... | 302 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.5


Galileo dipinse il volto della Luna
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 28 marzo @ 19:06:47 CEST (1463 letture)
Storia Scoperti cinque disegni acquerellati nella prima copia del Sidereus Nuncius.

Mostrano la Luna, e le velature ocra e marroncino spalmate sui crateri rendono viva l'immagine del satellite naturale della Terra.




La luna disegnata da Galileo


Sono cinque acquerelli, disegnati e colorati da Galileo Galilei direttamente negli spazi liberi di alcune pagine della prima copia del «Sidereus Nuncius», pubblicato per la prima volta a Venezia nel 1610. Mostrano la Luna, e le velature ocra e marroncino spalmate sui crateri rendono viva l'immagine del satellite naturale della Terra. Galileo con il suo cannocchiale aveva, per primo, violato i mari vuoti e polverosi. E il fascino che lo aveva colto scrutando nelle notti padovane lo voleva imprimere sulla carta andando oltre il segno, chiedendo aiuto al colore.
Leggi Tutto... | 4596 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le sorelle di Via Borgo Vecchio
Postato da Miriam il Mercoledì, 28 marzo @ 12:12:04 CEST (3168 letture)
Mostre e spettacoli Il dramma si svolge fra le mura della casa, riproponendo il modo di vivere e la mentalità di quegli anni.



fotografie di Aldo Colnago
Leggi Tutto... | 2133 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.33


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 9 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 10 letture ]
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 13 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 29 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 33 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy