Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 235
Totale: 235
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: coppermine
03: coppermine
04: coppermine
05: News
06: Home
07: Stories Archive
08: Home
09: Home
10: Home
11: coppermine
12: Home
13: coppermine
14: Home
15: Forums
16: coppermine
17: Home
18: coppermine
19: Home
20: Home
21: Home
22: Your Account
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: News
35: Home
36: coppermine
37: coppermine
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: News
45: Groups
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: coppermine
55: Home
56: Home
57: News
58: Home
59: News
60: Home
61: Home
62: Home
63: Forums
64: News
65: Stories Archive
66: coppermine
67: Home
68: News
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: coppermine
74: coppermine
75: Your Account
76: Home
77: Home
78: News
79: Home
80: coppermine
81: coppermine
82: Your Account
83: News
84: Home
85: Home
86: Forums
87: Home
88: Home
89: Forums
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: coppermine
96: coppermine
97: Home
98: coppermine
99: News
100: Home
101: News
102: Forums
103: News
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: News
110: Home
111: coppermine
112: coppermine
113: Forums
114: Forums
115: coppermine
116: Home
117: Home
118: News
119: Search
120: Home
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: coppermine
125: Home
126: Home
127: News
128: Home
129: Home
130: coppermine
131: Home
132: Home
133: coppermine
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: coppermine
141: News
142: coppermine
143: Forums
144: Home
145: Home
146: Home
147: Search
148: Home
149: Stories Archive
150: Home
151: Your Account
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Stories Archive
159: Stories Archive
160: Forums
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Search
166: Search
167: coppermine
168: Stories Archive
169: News
170: News
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: News
176: coppermine
177: Home
178: News
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: News
185: Home
186: Home
187: Search
188: Forums
189: Home
190: Home
191: News
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: Search
198: News
199: Home
200: News
201: Home
202: Home
203: Stories Archive
204: Home
205: Stories Archive
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Forums
211: Home
212: News
213: Home
214: Home
215: News
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: News
221: Home
222: Home
223: News
224: coppermine
225: coppermine
226: Forums
227: Home
228: Home
229: Stories Archive
230: Home
231: Your Account
232: Home
233: Home
234: Home
235: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8988
  · Viste: 1918095
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Anche i cartoni animati hanno uno scheletro
Postato da Grazia01 il Giovedì, 11 gennaio @ 15:03:06 CET (1626 letture)
Siti interessanti e strani

Di artisti stravaganti (per non dire peggio) nel Web ce ne sono parecchi. Chi dipinge con le natiche, chi affresca pezzi del muro di Berlino per poi venderli, chi crea mini incidenti con modellini d'auto schiantati su bonsai, chi fa ritratti con il chewing-gum ... .

Oggi vogliamo aggiungere alla lista di questi fenomeni il buon Michael Paulus, sedicente artista multimediale dell'Oregon. La sua immersione totale nei mezzi di comunicazione di massa, dalla televisione alla radio, passando per giornali e computer, gli ha ispirato dei capolavori che potrete ammirare recandovi al sito www.michaelpaulus.com/gallery/character-Skeletons.
Per illustrarveli adeguatamente, dobbiamo partire dagli Anni '60. Durante quel mitico decennio, Michael Paulus era soltanto un bambino che adorava la tivù e stravedeva in particolar modo per i cartoni animati. Come tutti i bambini, nel vedere quei disegni che prendevano vita sullo schermo, trovò. ulteriori motivi per scatenare la propria già fertile immaginazione. Per l'epoca, si trattava certo di una novità straordinaria, al punto che Michael faceva i raggi X a Betty Boop, la foca Shmoo, Baby Huey, Little Lotta, Hello Kitty e, negli anni a seguire, a Marvin il Marziano, Fred e Barney, CharIie Brown, Lucy, Patty Peppermint, Linus, il canarino Tweety, Dexter, Buttercup e decine di altri eroi indimenticabili.
Come ben sapete, tutti questi personaggi hanno corpi dalle dimensioni e caratteristiche assolutamente assurde, o meglio innaturali.
Leggi Tutto... | 1998 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.5


Costi di ricarica, il ministro Bersani dice basta
Postato da spalato il Mercoledì, 10 gennaio @ 20:32:58 CET (754 letture)
Attualità I

I costi di ricarica dovranno essere tagliati e fatti pagari per quanto valgono

Mirella Castigli, vnunet 10-01-2007


Anche il ministro Bersani, famoso per le liberalizzazioni, dice basta all'anomalia italiana dei costi di ricarica dei cellulari. Aboliamoli.eu aveva lanciato una petizione, approdata sul tavolo dell'Authority. AgCom ha già chiesto una rimodulazione, definendo i costi di ricarica sono troppo alti e un'anomalia italiana. Oggi anche Bersani dice basta: gli operatori mobili dovranno farli pagare per il loro effettivo valore, dunque vanno tagliati. Forse siamo alla vigilia di provvedimenti concreti? Vedremo.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


«I continenti si fonderanno di nuovo»
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 10 gennaio @ 11:20:00 CET (1742 letture)
Ecologia e ambiente I Uno scienziato Usa: «Si riformerà la Pangea». Ricercatori divisi
«Il primo passo: Europa e Africa unite, il Mediterraneo sparirà»


MILANO — L'Africa si muove verso l'Europa, sino a fondersi in un unico grande continente battezzato Afrasia. Il Mar Mediterraneo scomparirà e al suo posto si alzerà la catena dei Monti Mediterranei: accadrà fra cinquanta milioni di anni, ma già oggi ci sono movimenti della crosta terrestre che testimoniano come cambierà il panorama della Terra e non soltanto nelle nostre zone. La previsione di come si trasformerà il globo con lo scorrere del tempo è diventata la specialità del professor Christopher R. Scotese dell'università del Texas (Usa). Anzi, alla speculazione scientifica ha associato anche una passione per la diffusione dele sue ricerche, creando persino un sito Internet ( www.scotese.com) diventato un riferimento prezioso per scuole e musei scientifici. Ed è in Rete che diffonde le sue elaborazioni sulle caratteristiche che assumerà il pianeta, frutto del «Paleomap Project». La prima tappa studiata è il mondo fra 50 milioni di anni quando, oltre alla scomparsa del Mediterraneo, vedremo anche, tra le altre cose, la California del Sud migrare verso l'Alaska. «Andare al di là di questo primo obiettivo — confessa Scotese — diventa rischioso, perché potrebbero succedere cose inaspettate». Ma la consapevolezza da scienziato non gli ha impedito di estendere ben oltre la sua previsione. Nei passi successivi egli immagina l'Australia proiettarsi verso Nord sino a scontrarsi con Indonesia e Malesia, per finire in una grande fusione con Filippine e Asia. La storia poi continua fra cento milioni di anni, quando toccherà all'Antartide scivolare sempre in direzione Nord, incuneandosi tra Madagascar e Indonesia. E proseguendo il viaggio nel tempo, fra duecento milioni di anni l'Oceano Atlantico si chiuderà e il Sudamerica si congiungerà al Sudafrica. La fine della storia che ci racconta Scotese è collocata fra 250 milioni di anni e sarà un ritorno alle origini. Perché allora tutti i continenti si ritroveranno riuniti in un'unica grande terra che lui ha battezzato «Pangea Ultima».

Leggi Tutto... | 1869 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Padova metafisica studia De Chirico
Postato da Grazia01 il Martedì, 09 gennaio @ 21:09:16 CET (2227 letture)
Mostre e spettacoli Cento opere del massimo pittore italiano del '900, che girava con i libri di Nietzsche sotto il braccio. Autore di una tendenza estetica e intellettuale che battezzò con un termine filosofico.



Autoritratto nudo,
1945, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna

L'uomo canuto che, seduto a un tavolino del Caffè Greco di Roma, rispondeva all'ammirazione di qualche signora, incerta se chiamarlo oppure no maestro, con un classico: «Chiamami Peroni, sarò la tua birra», era un genio. Non per la battuta, degna del divertito cinismo di Andy Warhol. Ma perché Giorgio De Chirico è stato di gran lunga il massimo pittore del '900 italiano. Nonché l'autore di una delle più emozionanti scoperte estetiche e intellettuali della modernità europea. La chiamò Metafisica. Termine pomposo precipitato dai cieli della filosofia sui tavolacci spaesanti e teatrali, e poi sui mari-parquet, di una pittura indimenticabile. Tra piazze vastissime e vuote e i toc toc di manichini lignei che si urtano e si abbracciano come stralunati Pinocchi, decisi però a non diventare umani, ma enigmatici e divini.

Chi voglia farsene oggi un'idea, la più completa possibile in tutte le sue fasi, svolte, giravolte e ripicche, deve andare a Padova. A Palazzo Zabardella, dal 20 gennaio al 27 maggio, Paolo Baldacci e Gerd Roos hanno raccolto 100 opere del Pictor optimus sotto un titolo secco, De Chirico (catalogo Marsilio).
Mentre un altro grande Giorgio (Morandi) ci parla dalla sua cella monacale e si presenta come l'immobilità fatta pittura, De Chirico entra nella nostra vita fantastica a vele spiegate. Simile a un Ulisse che, nato in Grecia (Volos 1888) da genitori italiani, è attratto dalla sua patria originaria e costretto, subito, al viaggio. Sono pochi gli artisti che, come lui, hanno fatto coincidere l'estro con la geografia. Arrivare a Monaco di Baviera da Atene, dopo essere passati per Venezia, Milano e Firenze, voleva dire, nel 1906, soffiare tutta l'aria greca che si aveva raccolta nei polmoni sopra il nebbioso paesaggio dei miti e dei sogni di re Ludwig II, e di pittori come Arnold Böcklin e Max Klinger. Tenendo per di più, nella mano ispirata, i libri di Friedrich Nietzsche e Arthur Schopenhauer.




Il figliol prodigo,
1926, Collezione Etro
Leggi Tutto... | 3084 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lo sguardo del poeta
Postato da Grazia01 il Martedì, 09 gennaio @ 20:51:39 CET (1076 letture)
Poesie sulla vita I

Dove la terra fu inutilmente arata
e i campi fuano ancora, e le ombre
lontane chiamano inascoltate dai passanti
o dove qualcuno si fermò per un istante e poi scomparve,
linea rovente, rasoterra del tempo,
traccia, impronta di vita che comunque fu,
in qualunque ora e in qualunque modo,
li guardano, e lo chiamano orizzonte,
da cui nasce il tempo, il viaggio, l'avventura
oltre la siepe, il meridiano, il magico
confine dell'atlante.
Li, ascoltami, cadde lo sguardo,
ma non fu a caso, nulla accade per nulla,
fu la tua voce, la voce che sale dalle sponde abitate,
questo è il nostro unico margine,
confine e fuoco,
questa è la direzione dello sguardo.


Roberto Mussapi
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Citazioni di Marcel Proust
Postato da Grazia01 il Martedì, 09 gennaio @ 14:28:54 CET (3462 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni II

In molte persone ci sono strati diversi e dissimili (in lei, il carattere di suo padre e quello di sua madre): se ne traversa uno, poi un altro; ma il giorno dopo l'ordine delle stratificazioni e' invertito, e alla fine non si sa chi separera' le le diverse parti, di chi ci si possa fidare per la sentenza. Gilberte era come quegli stati con i quali non si osa allearsi perche' mutan governo troppo spesso. Ma, in fondo, sbagliamo. La memoria anche della persona piu' mutevole fissa in lui una specie di identita' e fa si' ch' essa non manchera' di onorare promesse di cui serbi il ricordo, anche se non le abbia controfirmate.
Leggi Tutto... | 1955 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Canto 94
Postato da Grazia01 il Lunedì, 08 gennaio @ 14:31:25 CET (1097 letture)
Poesie e altro di Dickinson

Angeli vedi nella prima luce
tra la rugiada curvarsi,
Cogliere e volar via con un sorriso:
crescon per loro i fiori?

Angeli vedi quando il sole infuria
tra le sabbie roventi,
cogliere e volar via con un sospiro:
ed i fiori avvizziti con sé portano.

Emily Dickinson
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Al di là della speranza
Postato da Grazia01 il Domenica, 07 gennaio @ 18:49:21 CET (1063 letture)
Milano mia I

Non ti dico speranza. Ma è
speranza.
Questa parola che ti porgo è niente,
la sperde il giorno e me con essa. E
niente ti consola di essere sostanza
delle cose sperate. In queste lente
sere di fumo e calce la città
che mi porta s'intorbida nei viali
sui battistrada di autotreni, muore
fra ponti di bitume, fari, scorie ...
Qui sarò io stato vivo; e ai generali
destini che mi struggono, l'errore
che fu mio, e il mio vero, resterà.


di Franco Fortini
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Saper ascoltare la gente: arte o imbroglio?
Postato da Grazia01 il Domenica, 07 gennaio @ 14:54:41 CET (1301 letture)
Psicologia e salute I

Ho letto che a Milano c'è un ingegnere che nei fine settimana mette su un banchetto in un parco e si offre di ascoltare gratis la gente. La prima cosa che ho pensato è: il banchetto di Lucy Van Pelt nei Peanuts - "Psychiatric help 5 cents". In fondo, anche quell'aiuto in altro non consiste se non nell'ascoltare i problemi degli altri, con però due fondamentali differenze. Una: non è gratis. Due: incapace com'è per carattere di provare pietà per gli altri, Lucy finisce sempre per sparare qualche giudizio cinico o sarcastico che si abbatte come un randello sul suo piccolo paziente. E se la prima differenza è minima, perché in fondo la cifra pretesa da Lucy è molto vicina al nulla richiesto dall'ingegnere milanese, la seconda differenza è enorme.
Leggi Tutto... | 1447 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Harold Pinter - Nobel 2005
Postato da Antonio il Domenica, 07 gennaio @ 13:53:20 CET (5491 letture)
I Nobel della letteratura I

Harold Pinter, drammaturgo, regista e attore teatrale britannico. Ha scritto per teatro, radio, televisione e cinema. I suoi primi lavori sono considerati fra i capolavori del teatro dell'assurdo.

Pinter nacque a Hackney, Londra e studiò alla Hackney Downs Grammar school e, per breve tempo, alla Royal Academy of Dramatic Art (RADA). Pubblicò da giovane alcune poesie e iniziò a recitare in teatro col nome d'arte di David Baron. La sua prima commedia, The Room, fu rappresentata per la prima volta dagli studenti dell'università di Bristol nel 1957.
The Birthday Party (1958) fu inizialmente un fiasco, nonostante la recensione positiva sul Sunday Times fattagli dal critico teatrale Harold Hobson ma il successo del suo lavoro successivo, The Caretaker (1960), la riportò in auge e questa volta riscosse successo. Queste commedie ed altri dei suoi primi lavori, come The Homecoming (1964), sono a volte etichettate come "commedia della minaccia". Di solito cominciano con una situazione apparentemente innocente che diventa assurda e minacciosa poiché gli attori si comportano in modo inspiegabile sia per il pubblico che, a volte, per gli altri personaggi. Questo stile ha ispirato l'aggettivo "Pinteresque". Le opere di Pinter sono segnate dall'influenza di Samuel Beckett fin dall'inizio e i due divennero presto buoni amici.
Leggi Tutto... | 3243 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 2.5


Il catino di zinco di Margaret Mazzantini
Postato da Antonio il Domenica, 07 gennaio @ 13:38:43 CET (2316 letture)
Recensioni III

«Il catino di zinco è un romanzo che ha durata. Chi l'ha letto non lo dimentica, chi l'ha nella sua biblioteca lo riprenderà in mano ogni tanto. Il rapporto figlia-famiglia, nipote-nonna, è rievocato con una tal precisione di memoria che è come se la Mazzantini avesse conservato un'intera epoca surgelata nel cervello: la scongela in questo momento e la fa vivere sulle pagine, per te, sotto i tuoi occhi»
Ferdinando Camon
Leggi Tutto... | 547 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Paura
Postato da Grazia01 il Domenica, 07 gennaio @ 00:10:40 CET (1189 letture)
Poesie sulla vita I

L'alba mi fa paura;
dal buio ovattato della notte
mi partorisce a un giorno sconosciuto.
Ieri, leggera, mi libravo:
Oggi, con passo greve,
calco un selciato piatto
fra grigie mura senza alcuna svolta;
ed è paura, sempre più paura.


Chiara Cremonesi
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Paese d'inverno
Postato da Grazia01 il Sabato, 06 gennaio @ 09:39:50 CET (1431 letture)
Poesie di Bertolucci

Che il sole dopo la neve
appaia, e le nuvole si tingano di rosso
come schiave: la neve sui tetti
un rossore colorirà, guancia di principessa.
S'alzi un leggero vento
e spenga l'acqua, che s'era addormentata,
con assonnata voce di pastore;
escano fanciulle con scialli,
lampeggiando gli occhi neri,
e improvvisamente corrano punte dall'aria
simili a uccelli che s'alzino a volo.
E gli zingari rubino ragazzi.


Attilio Bertolucci

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gruppo fotografico autoscatto
Postato da Miriam il Giovedì, 04 gennaio @ 23:50:00 CET (1506 letture)
Mostre e spettacoli Appiano Gentile, 1980.
Quattro persone, appassionate di fotografia, istituiscono il gruppo fotografico Autoscatto.


Leggi Tutto... | 1668 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Vi auguro di trovare la ricchezza interiore
Postato da Grazia01 il Giovedì, 04 gennaio @ 20:41:08 CET (1905 letture)
Psicologia e salute I

Vi auguro di trovare la ricchezza interiore: vale più di una lotteria


Con l'anno nuovo si scatena il popolo delle lotterie. In fondo a noi piace vivere di illusioni. "Se vinco cambio vita, compro la casa, sistemo i figli, smetto di lavorare, mi metto a viaggiare». Pochi sanno che la stragrande maggioranza dei vincitori finisce male. Parenti e amici diventano "interessati" e non si capisce chi vuole bene per davvero e chi per denaro. Di fronte a una montagna di soldi ci si butta su investimenti spesso fallimentari.
L'improvvisa ricchezza fa sentire onnipotenti, si parte alla ricerca di nuove avventure e di nuovi amori che poi non si sanno gestire, col risultato di ritrovarsi poveri e senza famiglia. Eppure, sognando la ricchezza, stiamo tutti incollati al video, in attesa dei risultati.
Leggi Tutto... | 678 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Quanta emozione nelle parole dei poeti
Postato da Grazia01 il Giovedì, 04 gennaio @ 14:17:15 CET (1150 letture)
Psicologia e salute I

I versi di Neruda, Ungaretti, Montale ci fanno stare bene, allargano la mente, dicono che non si è mai soli.
E insegnano il senso della vita.


«lo non vengo a risolvere nulla. lo sono venuto qui per cantare e per sentirti cantare con me». Questo è il poeta Ricardo Neftali Reyes Basoalto, nato nel 1904 a Temuco nel Cile, che a 16 anni scrisse i suoi primi versi col nome di Pablo Neruda. «lo non vengo a risolvere nulla». Questo voleva dire Neruda, il poeta.
Leggi Tutto... | 2001 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Una gara speciale
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 03 gennaio @ 20:22:42 CET (1540 letture)
Racconti IV

A quel tempo mio figlio frequentava la prima media e abitavamo a Milano. Lui non voleva saperne di ginnastica o di sport. Al corso di nuoto, le sue urla di terrore si sentirono anche fuori della piscina. Provai all' Arena con l'atletica: il primo giorno si fece venire mal di pancia; idem alla prima lezione di judo (vomito e febbre); con l'oratorio e relative partite di pallone era la stessa solfa, per quel pigrone.
Non sapevo cos'altro escogitare, insieme al padre, per allenare i muscoli del nostro «maschione»! Trascorreva le sue ore libere a leggere, ascoltare musica disco (orrenda), oppure andava a fare compagnia a un ragazzino che abitava vicino a noi, Michele
.
Leggi Tutto... | 2969 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Buon 2007
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 03 gennaio @ 15:20:13 CET (845 letture)
Messaggi I
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Una Befana rivista: tutta solidale e pacifista
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 03 gennaio @ 15:16:42 CET (1382 letture)
Attualità I

Roma.
Torna la Befana in Città con l'undicesima edizione della manifestazione di solidarietà "La Befana Cittadina del Mondo" a Roma. Una Befana scenderà dal cielo per tutti i bimbi del mondo alle 15,30 al teatro Il Cantiere in via Gustavo Modena 92 a Trastevere. Si raccoglieranno, inoltre come consuetudine, i giocattoli, che devono essere nuovi o seminuovi nel centro di raccolta entro il 5 gennaio: tutti i pomeriggi presso lo stand dell´associazione Aina al mercatino sul lato esterno dei giardini di piazza Vittorio. Sono escluse dalla raccolta le armi giocattolo in adesione alla campagna di Mago Sales per "Disarmare i Bambini". L'iniziativa è promossa dalla "Scuola di Pace" in collaborazione con il "Forum delle Comunità Straniere" e il Teatro "Il Cantiere". La Direzione Artistica è di Italo Cassa.
Leggi Tutto... | 1291 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Talvolta la mia gioia
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 03 gennaio @ 10:02:07 CET (1049 letture)
Poesie di Tagore

Talvolta
la mia gioia
ti spaventa
amore mio
nasce dal nulla
e si nutre di poco
di larve invisibili
che il vento trasporta
di frammenti di paura
che si fondono in tepore
di briciole di serenità
cadute
dalla mensa dei poveri
di un raggio di sole
che risveglia lucciole
addormentate
in gocce di rugiada
se mi ami
amore mio
perdona la mia gioia.


Tagore
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


SPALATO (mia città) - acrostico
Postato da spalato il Martedì, 02 gennaio @ 23:24:54 CET (1397 letture)
Le poesie e i racconti di Spalato

Sono andata via da te
pensando di tornarci presto.
Ancora posso ricordare
lunghe passeggiate al tramonto,
armoniose onde, e anche la bora.
Trentatré anni sono già passati;
ormai è tardi per ritorno.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3.5


Mostra fotografica di Aldo Colnago
Postato da Grazia01 il Martedì, 02 gennaio @ 23:16:37 CET (983 letture)
Mostre e spettacoli

A C Q U A vita, cultura, affare
Vi invitiamo all’inaugurazione che si terrà:
sabato 20 gennaio 2007 alle ore 16.00
in Villa Rosnati ad Appiano Gentile (CO)

Mostra fotografica di Aldo Colnago (gruppo “Autoscatto”)

Mostra di ex libris “Acque, alle sorgenti della vita”
a cura di Mauro Mainardi
Scultura di Massimo Ballabio
Leggi Tutto... | 522 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Spalato - storia di una città
Postato da Antonio il Martedì, 02 gennaio @ 01:58:50 CET (2601 letture)
Storia

La Spalato romana non fu altro che la sede della sfarzosa villa-palazzo dell'imperatore Diocleziano, fatta costruire nel 293 d.C.
Nei secoli successivi, gli abitanti della vicina Salona, già colonia greca e in seguito popolosa città romana, per sfuggire alle incursioni degli Avari e degli Slavi, si rifugiarono nelle sue rovine, fondando così la città di Spalatum.

Successivamente si susseguirono vari domini: l'Impero Bizantino, nel quale la città riuscì man mano a ritagliarsi una certa autonomia, quindi il Regno Croato, nel quale era la capitale della Croazia. Poi fu nel Regno Magiaro-Croato, nel contesto del quale la città mantenne la sua autonomia comunale, ebbe pochi anni d'indipendenza, quindi fu nella Repubblica di Venezia, la cui influenza durò per quattro secoli sino il 1797, lasciando in eredità numerose vestigia; fu nell'Impero di Francia poi nell'Impero Asburgico. L'Impero Ottomano invece mai riuscì a conquistarla.
Leggi Tutto... | 5949 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3


La rosa bianca
Postato da Grazia01 il Martedì, 02 gennaio @ 01:42:10 CET (3858 letture)
Poesie di Bertolucci

Coglierò per te
l'ultima rosa del giardino,
la rosa bianca che fiorisce
nelle prime nebbie.
Le avide api l'hanno visitata
sino a ieri,
ma è ancora così dolce
che fa tremare.
E' un ritratto di te a trent'anni,
un po' smemorata, come tu sarai allora.


Attilio Bertolucci

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3


Risanamento
Postato da Grazia01 il Domenica, 31 dicembre @ 15:02:17 CET (1331 letture)
Milano mia I

La stazione
Angelo Morbelli 1912

Di tutto questo non c'è più niente (o forse
qualcosa s'indovina, c'è ancora qualche strada
acciottolata a mezzo, un'osteria ... ).
Mio padre diceva che la gente di qui,
di piazza della Vetra, dietro a San
Lorenzo, era gente da uscir di casa col coltello
alle sette di sera.
Eh sì, il Naviglio
è a due passi, la nebbia era più forte
prima che lo coprissero,
la piazza piena di bancarelle
con le luci a acetilene, le padelle nere delle castagne
arrosto, i mangiatori di chiodi e di stoviglie
non era certo un posto da passarci
insieme a una ragazza. Ma così
come hanno fatto, abbattere case,
distruggere quartieri, qui e altrove (la Vetra, Fiori Chiari, il Bottonuto),
a cosa serve? Il male non era in quelle scale,
in certi portoncini con la spia, nei cortili soffocati
dai ballatoi: lì semmai c'era umido
da prendersi un malanno. Se mio padre
fosse vivo, chiederei anche a lui: ti sembra che serva?
è il modo? A me sembra che il male
non è mai nelle cose, gli direi.


Giovanni Raboni
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Perché amo questa città
Postato da Grazia01 il Domenica, 31 dicembre @ 14:53:57 CET (2152 letture)
Milano mia I

Disco in Largo Greppi a Milano
Arnaldo Pomodoro

Un giorno amavi la città
perché fu la tua giovinezza.
Ma che ti scalda
ora in un tuffo al cuore se svolti l'angolo
con ali di bitume ai calcagni?
Non quel volto selvaggio e patetico
che conobbero gli amici,
ma la brace discreta che ti consuma
con il tempo, non-eterna salamandra.
Qui sto più a mio agio che dentro un vecchio
abito, è il mio corpo che sente usure
e morsi, s'intorpidisce con il sonno, si stira la mattina
in un grigio fumoso delicato come una perla.
In una parola: è la città dove invecchio, dove imparo
ogni giorno a tendere al centro.


Giuliano Gramigna
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Via Scarlatti
Postato da Grazia01 il Domenica, 31 dicembre @ 14:41:44 CET (3567 letture)
Milano mia I

Carlo Carrà
Paesaggio con camion 1920

Con non altri che te è il colloquio.
Non lunga tra due golfi di clamore
va, tutte case, la via;
ma l'apre d'un tratto uno squarcio
ove irrompono sparuti monelli
e forse il sole a primavera.
Adesso dentro lei par sempre sera.
Oltre anche più s'abbuia,
è cenere e fumo la via.
Ma i volti non so dire:
ombra più ombra di fatica e d'ira.
A quella pena irride
uno scatto di tacchi adolescenti
l'improvviso sgolarsi d'un duetto
d'opera a un accorso capannello:
E qui t'aspetto.


Vittorio Sereni
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 1


La casa del Petrarca
Postato da Grazia01 il Domenica, 31 dicembre @ 14:32:19 CET (1420 letture)
Milano mia I

Angelo Morbelli
Dalla Terrazza 1914

Ho bussato per là terza volta
alla sua piccola casa, e non mi ha aperto.
E non era Vaucluse, solo Linterno, o Inferno, Cassina Interno,
dove dal suo giaciglio, il poeta,
assisteva alla messa.
Destino, ho pensato, o ancora poco amore.
Polle paludose, fontanili,
un improvviso sciogliersi in trasparenza fresca
nel terreno friabile dopo la sbarra di passaggio.
C'erano i pavoni appollaiati in faccia al lago
e volavano insieme i corvi coi gabbiani.
C'era il coniglio tranciato davanti al cancello del poeta,
la gallina randagia che giocava col gatto
nell'immondizia del recinto
e il fumo del concime sul sentiero fangoso.
In quel pomeriggio di domenica invernale,
gli umani erano pochi.
Le due donne e il pescatore, la famiglia in bici,
noi due viaggiatori, esploratori,
che già sognavamo Quarto Cagnino,
cercando, di fronte al baseball,
la casa incerata del sudicio erborista,
il fiero don Giuseppe, el pret de Ratanà.


Maurizio Cucchi
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Capodanno a Milano
Postato da Grazia01 il Domenica, 31 dicembre @ 14:24:56 CET (1198 letture)
Poesie di Erba

Umberto boccioni - Rissa in Galleria 1920
Pinacoteca di Brera

Si credeva a Milano che a vedere
per primo un uomo sulla soglia di casa
andando a messa il primo di gennaio fosse
segno di prospero futuro.
Erano figure nere di pastrani
incerte nella nebbia del mattino sciarpe bianche,
cappelli, flosci e duri rintocchi di bastone, passi lontani.
Or dove siete, uomini augurali?
L'onda lunga del vostro presagio
si frange ancora alla riva degli anni?
. Dentro una nebbia tra noi sempre più fitta
mi sembra talvolta intravedere un volo di profetici mantelli.

Luciano Erba

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


AUGURISSIMISSIMISSIMISSIMISSIMI
Postato da Tony-Kospan il Domenica, 31 dicembre @ 09:44:28 CET (1681 letture)
Post di Tony Kospan I

AUGURO
UN FELICISSIMO



AI GESTORI GLI ISCRITTI ED I LETTORI DI QUESTO SITO...

CHE SIA INNANZITUTTO UN ANNO DI PACE...

DI SOGNI CHE SI REALIZZANO...

E DI SALUTE E SERENITA'...





Non ti auguro un dono qualsiasi,
Ti auguro soltanto quello che i più non hanno.
Ti auguro tempo, per divertirti e ridere;
se lo impiegherai bene, potrai ricavarne qualcosa.
Ti auguro tempo, per il tuo Fare e il tuo Pensare,
non solo per te stesso, ma anche per donarlo agli altri.
Ti auguro tempo, non per affrettarti e correre,
ma tempo per essere contento.
Ti auguro tempo, non soltanto per trascorrerlo,
ti auguro tempo perchè te ne resti:
tempo per stupirti e tempo per fidarti
e non soltanto per guardarlo sull'orologio.
Ti auguro tempo per contare le stelle
e tempo per crescere, per maturare.
Ti auguro tempo, per sperare nuovamente e per amare.
Non ha più senso rimandare.
Ti auguro tempo per trovare te stesso,
per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come un dono.
Ti auguro tempo anche per perdonare.
Ti auguro di avere tempo,
tempo per la vita.

Poesia indiana...






E PER FESTEGGIARE L'ARRIVO DEL NUOVO ANNO...



BRINDIAMO DUNQUE TUTTI INSIEME...



CIN CIN...



TONY KOSPAN
Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il cuore mi batte troppo forte [ 1 commenti - 115 letture ]
 L'ombra [ 0 commenti - 38 letture ]
 La rabbia senza l'orgoglio [ 1 commenti - 66 letture ]
 La vita al tempo del covid 19 [ 0 commenti - 66 letture ]
 INFANZIA LONTANA [ 0 commenti - 50 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 19
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy