Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 184
Totale: 184
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Search
04: coppermine
05: Home
06: coppermine
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: News
12: Home
13: coppermine
14: Home
15: Home
16: Home
17: News
18: Your Account
19: coppermine
20: coppermine
21: coppermine
22: coppermine
23: Home
24: Home
25: coppermine
26: Search
27: Search
28: coppermine
29: Home
30: Home
31: News
32: Home
33: News
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: coppermine
39: Home
40: coppermine
41: Home
42: Home
43: Home
44: News
45: coppermine
46: News
47: Home
48: coppermine
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: News
54: Home
55: Search
56: Home
57: Home
58: Home
59: coppermine
60: Home
61: Home
62: Home
63: coppermine
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: News
70: Home
71: coppermine
72: Home
73: Search
74: Stories Archive
75: Home
76: News
77: coppermine
78: coppermine
79: Stories Archive
80: Home
81: Search
82: Home
83: Home
84: Stories Archive
85: Home
86: Home
87: coppermine
88: coppermine
89: Home
90: Stories Archive
91: News
92: Search
93: Search
94: Home
95: Stories Archive
96: Home
97: News
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: coppermine
109: Home
110: coppermine
111: coppermine
112: coppermine
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: coppermine
119: Home
120: Home
121: coppermine
122: Home
123: Home
124: coppermine
125: News
126: Home
127: News
128: Home
129: coppermine
130: Home
131: Home
132: coppermine
133: coppermine
134: Home
135: Home
136: Home
137: Search
138: Home
139: Home
140: News
141: Home
142: Home
143: coppermine
144: News
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: coppermine
150: Home
151: coppermine
152: coppermine
153: coppermine
154: Home
155: Home
156: News
157: Home
158: Stories Archive
159: Home
160: coppermine
161: Home
162: Home
163: Home
164: Search
165: Home
166: coppermine
167: coppermine
168: Search
169: Home
170: coppermine
171: Home
172: News
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8706
  · Viste: 1425951
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
La città di Pablo Neruda
Postato da Grazia01 il Domenica, 29 ottobre @ 20:19:30 CET (4317 letture)
Poesie di Neruda I

E quando in Palazzo Vecchio,
bello come un'agave di pietra,
salii i gradini consunti,
attraversai le antiche stanze,
e uscì a ricevermi un operaio,
capo della città, del vecchio fiume,
delle case tagliate come in pietra di luna,
io non me ne sorpresi:
la maestà del popolo governava.
Leggi Tutto... | 1928 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 2.5


L'Alluvione di Firenze del 4 novembre 1966
Postato da Grazia01 il Domenica, 29 ottobre @ 20:08:06 CET (8629 letture)
Storia

In Via San Remigio, nella zona più altimetricamente bassa della città, esiste una targa dell'alluvione del 1333 dove una manina scolpita indica il livello raggiunto dalle acque; vi è stata posta ancora più in alto la targhetta che ricorda il livello raggiunto dalle acque nel 1966; le targe sono a circa quattro metri d'altezza.

L'Alluvione di Firenze del 4 novembre 1966 è l'ultima di una serie di esondazioni del fiume Arno che hanno nei secoli mutato il volto della citta di Firenze.

Avvenuta nella notte fra il 3 e il 4 novembre 1966, fu uno dei più gravi episodi causati da una eccezionale ondata di maltempo che causò forti danni in tutta Italia; oltre che a Firenze fu particolarmente grave a Venezia e nel Polesine. Contrariamente all'immagine che si ha in Italia ed all'estero, l'alluvione del 4 novembre 1966 non colpì solo il centro storico della città ma tutto il bacino dell'Arno a monte ed a valle della città. Le campagne furono allagate per giorni dopo il disastro e molti comuni minori isolati e danneggiati gravemente.

In meno di 24 ore le precipitazioni sulla zona di Firenze ammontarono a oltre 190 mm. (la media annua delle precipitazioni nella stessa zona è 823 mm). In tutto il bacino dell'Arno si ebbero precipitazioni simili
L'Osservatorio Ximeniano, che da secoli registra le condizioni metereologiche nella città comunicò che la pressione atmosferica calò subitaneamente di oltre 20 millibar, e che ci fu un repentino aumento della temperatura. Si ipotizzò quindi che un ciclone si fosse abbattuto sulla penisola convogliando una grande massa d'aria umida e calda.
L'ENEL diramò un dettagliato rapporto sull'accaduti nei giorni successivi (le dighe idrolelettriche di Levane e La Penna erano state indicate come possibili cause aggravanti) in cui stimava la quantità d'acqua che aveva colpito Firenze a circa 250 milioni di metri cubi, di cui 120 provenienti dall'alto corso dell'Arno, il resto dagli affluenti a Valle delle dighe. Un tecnico dei Lavori Pubblici stimò la quantità d'acqua in 400 milioni di metri cubi.
La portata del fiume al massimo della piena venne stimata in 4000-4500 metri cubi al secondo.
Leggi Tutto... | 12386 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3.5


La fucina dello scrittore, di Miriam Ballerini
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 ottobre @ 18:20:28 CEST (1067 letture)
Poesie e racconti di Ballerini Miriam II

Ottobre alla EEditrice.com
Contributo di: Redazione

Un romanzo è paragonabile a una ricetta, alla quale servono ingredienti genuini che ben dosati e miscelati fra loro, compongano un manicaretto gustoso.
Basandomi sulla mia esperienza personale su come nasca un libro, posso dire che una volta pensato all’argomento che voglio sviluppare, uno a uno i personaggi si presentano; quasi siano entità soprannaturali alle quali è rimasto ancora qualcosa da dire.
Attualmente sto scrivendo un libro sul carcere, un argomento che di sicuro non è facile da affrontare per le molteplici implicazioni emotive, e per le reazioni che andrà a suscitare in tipologie di lettori differenti.
Leggi Tutto... | 1932 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ho fatto un sogno
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 ottobre @ 13:34:11 CEST (1066 letture)
Poesie generiche

Ho sognato pace,
in ogni parte del mondo.
Ho sognato giustizia,
in ogni parte del mondo.
Ho sognato bambini gioiosi e non maltrattati,
in ogni parte del mondo.
Ho sognato donne sorridenti e non sfruttate,
in ogni parte del mondo.
Ho sognato uomini al lavoro,
in ogni parte del mondo.
Ho sognato pane per tutti,
in ogni parte del mondo.
Ho sognato amore per la natura,
in ogni parte del mondo.
Leggi Tutto... | 612 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Libri d'Europa
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 ottobre @ 11:47:09 CEST (908 letture)
Attualità I

Apre a Roma la prima biblioteca che raccoglie opere di tutti i paesi dell'Unione

Dato per scontato che l'Europa sia ormai fatta (o quasi) si tratta ora di fare gli europei. Un'ambizione facilmente condivisibile, ma di difficile realizzazione: far sviluppare e diffondere la coscienza di un'identità europea rientra nel novero delle imprese titaniche. Tuttavia, iniziative efficaci in questo senso sono possibili, soprattutto se arrivano dal mondo della cultura.
Leggi Tutto... | 1233 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'orgia di Philip Roth
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 ottobre @ 11:42:01 CEST (1304 letture)
Recensioni II

Nathan Zuckerman, scrittore americano di successo, ebreo, protagonista di altri tre romanzi di Philip Roth, alla metà degli anni Settanta riceve a New York un altro scrittore, un praghese esule insieme alla sua compagna, Eva, attrice nota in Cecoslovacchia. Costui, fra le tante cose che racconta sulla tragica situazione del suo paese sotto l'occupazione sovietica, rivela di avere avuto un padre, pure lui scrittore e autore di racconti in lingua yiddish, ucciso dai nazisti. Ora questi racconti li custodisce Olga, la donna che lui ha abbandonato per fuggire in America con l'attrice. Considerando l'antisemitismo sovietico, difficilmente verranno pubblicati in patria. Sarebbe importante impadronirsene, portarli negli Stati Uniti e stamparli lì, risarcendo, anche se tardi, una vita sventurata. E infatti Zuckerman, a un cambio di pagina, lo troviamo a Praga.
Leggi Tutto... | 1196 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


L'epistrofeo di Luca Goldoni
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 ottobre @ 23:12:11 CEST (2010 letture)
Letture varie II

Non sono mai riuscito a leggere un libro in poltrona: è una vita che leggo soltanto a letto. Ignoro le ragioni anatomiche o metaboliche per cui solo la posizione orizzontale si concilia con una lettura appena impegnata.
Ma so di non essere il solo ad avere questa abitudine e a dover affrontare i problemi connessi. Se il libro è un tascabile ci si pianta in mezzo il pollice e si procede senza complicazioni. Ma se è massiccio, bisogna ricorrere a tecniche defatiganti. Per esempio lo si appoggia a L sul cuscino e ci si mette sul fianco, però si legge solo la pagina verticale e per passare alla successiva bisogna trasferire la L dall'altra parte del cuscino e torcere il collo in quella direzione. Oppure, se la rilegatura lo consente si tenta di piegare il libro a tenda canadese.
Dopo una decina di pagine e di relativi esercizi, generalmente ci si mette supini e si alza il volume, impugnandolo a braccia tese come un volante.
Ma è una posizione in cui si resiste pochi minuti.
Leggi Tutto... | 1013 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Scritto e orale di Luca Goldoni
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 ottobre @ 23:06:33 CEST (1368 letture)
Letture varie II

Invitato in una scuola, età media dell'uditorio tredici anni, tema dell'incontro: «Leggo un libro o guardo la tele?».
Faccio una veloce introduzione e dico agli alunni che preferisco esser pilotato dalle loro domande. Si alza Annamaria, bionda, con efelidi e senza complessi. «Secondo me si impara di più a guardare la televisione che a leggere un libro. Quando leggo sono sola, triste e annoiata. La tele è allegra e si guarda tutti insieme.»
Le dico che leggere è più importante che ascoltare o seguire delle immagini. Sai perché? Perché, quando ascolti o guardi la televisione, sei un soggetto passivo, mentre quando leggi sei un soggetto attivo. Cosa significa? Significa che quando guardi un film assorbi una storia già completa in tutti i particolari: la faccia dei protagonisti, la loro voce, l'orologio che hanno al polso, l'ambiente in cui si muovono, la musica in sottofondo, ecc. Una storia può piacerti o non piacerti, comunque è già confezionata: prendere o lasciare.
Leggi Tutto... | 2550 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Romania: Bimbi offronsi per 200 Euro
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 ottobre @ 22:56:12 CEST (964 letture)
Attualità I

Tanto costa ai boss di Bucarest portare 3 mila ragazzini a mendicare in Italia.
Magazine ha ricostruito il loro viaggio.
A partire da un paesino della Transilvania > di Roberto Rizzo

FLORIN NON HA POTUTO FINIRE LA CASA.
Pensare che mancava poco, solo i dettagli. Chiamare il giardiniere per il prato all'inglese che avrebbe fatto morire d'invidia tutto il vicinato e aspettare la consegna dei mobili italiani. Della villa, qui a Bistrita in Transilvania, nel nord della Romania, se ne parlava da un pezzo. Costruita appena fuori città. è un misto di stili di un incredibile colore giallo fluorescente.
Leggi Tutto... | 1934 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Notte senza tempo
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 ottobre @ 22:49:58 CEST (1084 letture)
Poesie di Formaggio

Come nubi d'incenso
salgono note d'anima
mentre all'orizzonte il sole muore.
I capelli, scoloriti
mi ricordano che la vita è fragile vela
ma il cuore s'aggrappa, vive nello zaino
dell'immenso amore che mi dai.
Raccolgo in silenzio
il passaggio dei miei giorni
delle mie notti:
come un tempo mi interroghi
con l'ansia del tuo sguardo
come un tempo ti rispondo
inventando per te giochi di primavera.
Le nostre mani
anche stasera, sono un accordo di sole
addormentano dolori
che a volte sfiniscono.
Mi esce un fiume di poesia
ti guardo negli occhi
e un velo di arcobaleno ci avvolge
presagio di una notte senza tempo.


Giovanni Formaggio
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Giovanni Formaggio
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 ottobre @ 23:04:41 CEST (2318 letture)
Biografie II

Giovanni Formaggio è nato il 13 marzo 1939 ad Asigliano Veneto (Vi), ma abita a Canegrate (Mi). Pubblica dal 1967. Molte le poesie portate nelle scuole come materia d'esame; lette e commentate durante feste, convegni ecc. Membro d'onore di varie accademie italiane e straniere. Oltre duecentocinquanta riconoscimenti in Italia - Francia - Spagna - Germania - Austri - Malta - Stati Uniti, ecc. Quattro le poesie incise su targhe e collocate dalle autorità di Pero (Mi) nei posti più significativi del paese creando così un vero e proprio percorso poetico alle porte della fiera internazionale di Milano. È cavaliere della Repubblica italiana per meriti letterari; è inoltre insignito di altri titoli cavallereschi.
Leggi Tutto... | 848 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3


Stasera
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 ottobre @ 22:51:09 CEST (1085 letture)
Poesie di Formaggio

Come un'arpa,
il vento
muove dal mare
antiche armonie.
Vorrei essere conchiglia
lambita
da un velo di luna
stasera.
Lasciar
l'anima incolta
vagare come un veliero
tra silenzi di luce
mormorare
all'orecchio del cielo
un salmo.

Ma il destino dei sogni
è un campo di croci...

Giovanni Formaggio
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ritornerai di Bruno Lauzi
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 ottobre @ 19:11:47 CEST (1245 letture)
Testi canzoni I

Ritornerai
lo so ritornerai
e quando tu
sarai con me
ritroverai
tutte le cose che
tu non volevi
vedere intorno a te
e scoprirai
che nulla e' cambiato
che sono restato
l'illuso di sempre
E riderai
quel giorno riderai
ma non potrai
lasciarmi piu'
ti senti sola
con la tua liberta'
ed e' per questo che tu
ritornerai, ritornerai...
ti senti sola
con la tua liberta'
ed e' per questo che tu
ritornerai, ritornerai
ritornerai, ritornerai...


Bruno Lauzi
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Dalla terra all'altro mondo il passo è breve
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 ottobre @ 12:41:06 CEST (821 letture)
Attualità I

Ci hanno avvertito che nel 2050 potremmo aver finito di consumare tutto il consumabile. del nostro pianeta, Come sempre bisogna guardare alle cose con ottimismo: abbiamo ben 44 anni per abituarci all'idea. Altro spunto positivo: pensate alla faccia di quelli con la fissa di conquistare il mondo, quando scopriranno che non ce n'è più. Va meglio per quelli che predicono l'apocalisse per l'indomani: possiamo facilmente dir loro che c'è un sacco di tempo. Più preoccupante che qualcuno per descrivere la situazione dica che fra un po' ci ci servirà un altro pianeta. Ma vi figurate, se già è difficile trovare una casa decente, che macello sarà trovare un pianeta accettabile? Altro che cinque decenni, ci vorranno mille anni solo per leggere gli annunci. E poi più che un mondo rischiamo di prendere una fregatura: un "Pianeta nuovissimo, pentacontinenti, due oceani, luminoso, atmosfera tonificante" se tutto l'universo è paese potrebbe essere uno spuntone di roccia bersagliato di meteoriti e di raggi gamma, con atmosfera di metano e cianuro e oceani di ammoniaca. E poi chi ce lo prende in permuta questo pianeta? E il mutuo? Sarà astronomico per definizione. Insomma è meglio che impariamo a tenere questo mondo in ordine. A queste condizioni, anche in senso astronautico, credo che nessuno abbia molta voglia di andare all'altro mondo.

Chicco Gallus
*Scrittore satirico
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Addia al poeta dell'ironia
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 ottobre @ 12:38:51 CEST (1008 letture)
In ricordo

Quelli di Genova, che passione. Uno di loro, uno che a Genova non c'era proprio nato e che veniva dall'Eritrea, aveva i capelli tutti bianchi e i baffoni, sulla copertina della musicassetta dentro cui cantava Genova per noi, Bartali e «Il coniglio rosa che mi regalò quando mamma mia per sempre se ne andò. Ho questi ricordi in cuore, li dedico a te». Così se ne va Bruno Lauzi. Uno che aveva velluto fra, l'ugola e la laringe e mentre cantava accarezzava la percezione. Se n'è andato Lauzi, uno dei fondatori della scuola genovese, lui che assieme al suo compagno di classe, Luigi Tenco, e poi a gente come Umberto Bindi, Gino Paoli, Fabrizio De Andrè, Gianfranco e Giampiero Reverberi, Giorgio Calabrese e tanti altri, negli anni Sessanta aveva fatto della musica italiana luogo di poesia, spazio soffice in cui la vita si racconta mentre sembra di vederla passeggiare davanti.
Leggi Tutto... | 2801 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un altro giorno un'altra mosca
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 ottobre @ 23:44:42 CEST (1061 letture)
Racconti I

Era un’estate torrida, ma mai quanto quella precedente; eppure, da quando alloggiavo presso la piccola Emily, non avevo mai visto una quantità tale di agguerrite zanzare. Ve n’erano ovunque, piccole ed impudenti, sempre pronte a ronzarti addosso anche quando inutilmente, nella rabbia di una morsa, si scagliava, fulmineo, il palmo richiudendosi.
C’era una vasca con dei pesciolini rossi nel suo fiabesco giardino, contornato, qua e là, di gnomi e folletti adombrati tra la vegetazione. Da qualche mese Romeo e Giulietta, i due pesciolini, avevano prole al seguito, ovvero il piccolo Ughetto. Le condizioni ambientali dovevano, quantomeno per loro, essere più che mai favorevoli. In quanto a cibo, non ne mancava di certo. Larve di fresche e genuine zanzare abbondavano nello sfavillante equilibrio di un ecosistema rigenerato con le sole forze di madre natura.
Leggi Tutto... | 3152 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lacrima
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 ottobre @ 12:23:25 CEST (937 letture)
Poesie sulla vita I

È più grande una lacrima
sul suolo caduta
che tutto l'universo.

Non pestarla
perché prima di seccarsi
porta dentro il suo dolore.

Neppure il volto pulisce:
profonda più del sangue
lo approfondisce incerto.

La lacrima è un dio
a cui il poeta ricorre per esserlo.
Oh, lacrima che da sola in vita
con la morte lasci il volto deserto!

Fernando Rielo
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Il mezzorado di mio padre di Natalia Ginzburg
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 ottobre @ 12:37:09 CEST (2709 letture)
Racconti I

Mio padre s'alzava sempre alle quattro del mattino. La sua prima preoccupazione, al risveglio, era andare a guardare se il mezzorado era venuto bene. Il mezzorado era latte acido, che lui aveva imparato a fare, in Sardegna, da certi pastori. Era semplicemente yoghurt. Lo yoghurt, in quegli anni, non era ancora di moda: e non si trovava in vendita, come adesso, nelle latterie e nei bar. Mio padre era, nel prendere lo yoghurt come in molte altre cose, un pioniere. A quel tempo non erano ancora di moda gli sport invernali; e mio padre era forse, a Torino, l'unico a praticarli. Partiva, non appena cadeva un po' di neve, per Clavières, la sera del sabato, con gli sci sulle spalle. Allora non esistevano ancora né Sestrières, né gli alberghi di Cervinia. Mio padre dormiva, di solito, in un rifugio sopra Clavières, chiamato « Capanna Mautino ». Si tirava dietro a volte i miei fratelli, o certi suoi assistenti, che avevano come lui la passione della montagna. Gli sci, lui li chiamava «gli ski ».
Leggi Tutto... | 2338 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Locandina di Miriam Ballerini
Postato da Grazia01 il Lunedì, 23 ottobre @ 21:51:10 CEST (914 letture)
Mostre e spettacoli COMUNE di GRANDATE
La BIBLIOTECA COMUNALE

propone
28 ottobre 2006 ore 21.00
PROVINCIA DI COMO
www.comune.grandate.co.it
presso la Sala consiliare del Comune di Grandate
sabato
incontro con l’autrice
Miriam Ballerini
Leggi Tutto... | 2239 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ottobre
Postato da Miriam il Lunedì, 23 ottobre @ 21:20:59 CEST (940 letture)
Poesie e racconti di Ballerini Miriam

Mese padrino della mia nascita.
Con quel raschio secco
di foglie ancora utili.

OTTOBRE

Mese padrino della mia nascita.
Con quel raschio secco
di foglie ancora utili.
Cascate d’edera
rosso incendio.
Liane animate dal vento,
nell’avvinghio
dell’albero scelto.
Il cielo è tepore,
la pioggia lacrima.
Il pensiero si perde,
smarrendosi al di là
dei primi rami denudati;
delle foglie che si sfogliano:
pagine di un giornale già letto.


© Miriam Ballerini
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il mio cuore di Sergio Corazzini
Postato da Grazia01 il Lunedì, 23 ottobre @ 14:22:06 CEST (2076 letture)
Poesie crepuscolari

Il mio cuore è una rossa
macchia di sangue dove
io bagno senza possa
la penna, a dolci prove

eternamente mossa.
E la penna si muove
e la carta s'arrossa
sempre a passioni nove.

Giorno verrà: lo so
che questo sangue ardente
a un tratto mancherà,

che la mia penna avrà
uno schianto stridente...
... e allora morirò.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 2.5


Un giorno una mosca per caso
Postato da Grazia01 il Lunedì, 23 ottobre @ 14:12:02 CEST (1017 letture)
Racconti I

Giselle non era ancora morta, giaceva sul selciato, agonizzante, mentre si dissanguava lentamente, quando mia madre, una vecchia ma saggia mosca, deponeva, una ad una, le sue ultime uova feconde tra le feritoie delle piaghe ancora fresche. Il sole bruciava sul punto di liquefare l'asfalto, ma non sarebbe mai stato abbastanza caloroso da essiccare il sangue arrestando quella fatale emorragia; per mia fortuna la carne permaneva umida, ancora quel tanto che basta, assecondando con la temperatura un precoce e plurimo sviluppo delle future larve. Non ci furono corse all'ospedale, di quelle a sirene spiegate e che, troppo spesso, sembra che compromettano per sempre lo sviluppo del senso d'orientamento delle mosche.
Leggi Tutto... | 3899 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Mare delle verità di Andrea de Carlo
Postato da Grazia01 il Lunedì, 23 ottobre @ 13:40:20 CEST (1985 letture)
Recensioni II

Ancora prima di essere editi i libri di Andrea de Carlo sono richiesti con impazienza. E lo scrittore di nascita milanese,entrato nelle case di moltissimi lettori con Treno di panna, Uccelli da gabbua e da voliera, Due di due, Giro di vento, non delude certo le attese con l'ultima falica, Mare delle verità, edita da Bompiani (il libro sarà presentato a Milano, questa sera al Piccolo Teatro, alle 21).
Leggi Tutto... | 1155 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ungheria: '56 di sangue
Postato da Grazia01 il Lunedì, 23 ottobre @ 13:33:46 CEST (1003 letture)
Storia

Mille e duecento uomini armati presidiano piazza Kossuth, il parlamento e le istituzioni di Budapest nel timore di disordini. Intellettuali, ex prigionieri politici e cittadini rifiutano di stringere la mano al capo del governo socialista. È il 23 ottobre e l'aria è carica di tensione. L'Ungheria celebra così, con il premier Ferenc Gyurcsany contestato per le sue menzogne, i cinquant'anni dalla rivolta che, cominciata con 200 mila persone in strada, si concluse con un bilancio di 3.500 morti (2.800 ungheresi e 700 soldati russi) seguito all'intervento dei carri armati dell'Armata Rossa nella notte tra il 4e il 5 novembre del 1956.
Leggi Tutto... | 2515 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'insostenibile leggerezza dell'essere - Kundera
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 ottobre @ 18:46:43 CEST (1297 letture)
Recensioni II

Un libro molto noto e molto amato. Giustamente.
Tomáš è un chirurgo che ha nella vita due grandi passioni: il suo lavoro e le donne. A queste dedica tutto se stesso, senza dubbi o intime lacerazioni. "L'uomo vive ogni cosa subito per la prima volta, senza preparazioni. Come un attore che entra in scena senza aver mai provato. Ma che valore può avere la vita se la prima volta è già la vita stessa?" Tomáš conosce Tereza che, innamorata di lui, gli si offre con dedizione totale. Si amano, si sposano, si posseggono, ma in modo, per entrambi, diverso: Tereza è divorata dalla gelosia e dal desiderio di possesso totale, pur sapendo che Tomáš, tradendola spesso, le è sempre fedele. Dalla Cecoslovacchia, invasa dai Russi, sono costretti a fuggire, ma Tereza non resiste a lungo.
Leggi Tutto... | 6032 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Invito di Sergio Carazzini
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 ottobre @ 12:42:43 CEST (1192 letture)
Poesie crepuscolari

Anima pura come un'alba pura,
anima triste per i suoi destini,
anima prigioniera nei confini
come una bara nella sepoltura,

anima, dolce buona creatura,
rassegnata nei tristi occhi divini,
non più rifioriranno i tuoi giardini
in questa vana primavera oscura.

Luce degli occhi, cuore del mio cuore,
tenerezza, sorella nel dolore
rondine affranta nel mio stesso cielo,

giglio fiorito a pena su lo stelo
e morto, vieni, ho spasimato anch'io,
vieni, sorella, il tuo martirio è il mio.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Amaro e amore
Postato da Miriam il Sabato, 21 ottobre @ 08:56:51 CEST (1195 letture)
Recensioni II

Le poesie della Benaglia sono maturate nei contenuti, rimanendo al contempo letture semplici, non essendo testi costruiti né ricercati; ma restando nella sfera istintiva di parole gettate nelle braccia delle emozioni quotidiane.

VOGLIO CREDERTI
(dedicata a Nicola, un amico)-2004-

Da quanto tempo non la usi?
Per quanto tempo ci crederai?
Forse ne hai paura
e per questo non ne parli.
Dici che fa schifo
e sai che non è vero.
Me lo dice chi l’ha usata,
me lo dice chi non la userà mai più.
Leggi Tutto... | 2602 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.66


Sentiero
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 ottobre @ 08:18:33 CEST (954 letture)
Poesie crepuscolari

Dolce mio bene, dov'eri?
Ho chiamato per tutt'i sentieri

e portavo una ghirlandella
per te, mia triste sorella;

ma tu non c'eri, ma tu non venivi.
E i fiori si facean men vivi.

E taluno cadeva per via
a morirsene di nostalgia,

in fin che le mie mani pure
non strinsero che rame oscure.

Oh, dolce mio bene, dov'eri?
Ho chiamato per tutt'i sentieri,

ho battutto a tutte le porte...
ma dov'eri tu, dunque, sperduto?

- Oh? ma se non sei venuto
pe' 'l sentiero della morte!

Sergio Corazzini
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sergio Corazzini
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 ottobre @ 08:08:49 CEST (1742 letture)
Biografie II

Sergio Corazzini nacque a Roma nel 1886 da una famiglia benestante, ma caduta in disgrazia quando egli era ancora molto giovane.
Ha lasciato le raccolte poetiche "L'amaro calice" (1905), "Poemetti in prosa" (1906), "Piccolo libro inutile" (1906), "Libro per la sera della domenica" (1906).
Espresse una vena decadente dai toni languidi e sommessi, la sua poesia è dominata da un sentimento malinconico dell'amore, dalla percezione dello svanire delle cose, dal pensiero dal desiderio della morte.
Evidente l'influsso di Pascoli, D'Annunzio, Jammes, Maeterlinck, Laforgue, ma con una componente diversa e nuova: un ironico distacco che lo pone come originale punto di avvio del crepuscolarismo insieme a Gozzano.
Suo è anche un testo teatrale, "Il traguardo" (1905).
Malato di tisi dalla fanciullezza, morì a Roma nel 1907 a soli 21 anni.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un problema difficile
Postato da Grazia01 il Venerdì, 20 ottobre @ 19:24:45 CEST (1002 letture)
Racconti I

Avevano dato a mio figlio un difficile problema da risolvere, e il poveretto, che non era forte nelle matematiche, non se ne poteva cavare.
- Augusto non sa fare il compito - mi venne a dire Evangelina . - Questi maestri non so dove si abbiano la testa. La bella maniera di tormentare un povero ragazzo! E tutta la mattina che lo vedo ricurvo a tavolino: mi fa proprio pena: dovresti aiutarlo.
- Aiutarlo io! - esclamai - e allora che gli giova l'andare a scuola? Se i problemi glieli danno, è segno che deve saperli risolvere: e se non sa, è meglio che il maestro se ne avveda e rifaccia la spiegazione; e poi, sono tanto occupato!
Evangelina, meno scrupolosa, andò probabilmente a provarsi lei a fare quel che io non volevo fare, perché poco dopo ritornò a dirmi:
- E un problema difficilissimo; c'entra la geometria piana; Augusto non può risolverlo; piange ...
- Piange? ...
Leggi Tutto... | 3187 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il Po tra storia e leggenda [ 0 commenti - 13 letture ]
 Perdendomi nel tramonto [ 0 commenti - 9 letture ]
 RISUSCITAMI [ 0 commenti - 8 letture ]
 Dedicate alla mia adorata amica Dolly [ 0 commenti - 30 letture ]
 Luisa Anzoletti nacque a Trento il 9 aprile del 1863 [ 0 commenti - 18 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy