Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 195
Totale: 195
Chi è online:
 Visitatori:
01: Stories Archive
02: Stories Archive
03: Stories Archive
04: coppermine
05: Home
06: coppermine
07: Search
08: Home
09: coppermine
10: Home
11: Forums
12: Search
13: coppermine
14: Home
15: Home
16: Stories Archive
17: Home
18: Home
19: News
20: Home
21: Search
22: coppermine
23: coppermine
24: Home
25: Home
26: Home
27: Stories Archive
28: Stories Archive
29: coppermine
30: Stories Archive
31: Forums
32: coppermine
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: coppermine
39: News
40: Home
41: Home
42: Home
43: Search
44: Home
45: Stories Archive
46: Home
47: Home
48: Home
49: Forums
50: Stories Archive
51: Home
52: Statistics
53: Home
54: coppermine
55: Your Account
56: Search
57: Stories Archive
58: News
59: News
60: coppermine
61: coppermine
62: Stories Archive
63: Home
64: Home
65: Search
66: Home
67: coppermine
68: coppermine
69: Home
70: Stories Archive
71: Stories Archive
72: coppermine
73: News
74: Home
75: Home
76: coppermine
77: Stories Archive
78: Home
79: News
80: Search
81: News
82: coppermine
83: Forums
84: Stories Archive
85: Home
86: Stories Archive
87: Home
88: Home
89: Stories Archive
90: Search
91: Home
92: Forums
93: Home
94: Home
95: Home
96: Search
97: coppermine
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: coppermine
102: coppermine
103: Home
104: Home
105: Home
106: coppermine
107: Forums
108: Forums
109: Forums
110: News
111: Stories Archive
112: Home
113: coppermine
114: Home
115: Stories Archive
116: Stories Archive
117: Stories Archive
118: Home
119: Stories Archive
120: coppermine
121: coppermine
122: Home
123: Stories Archive
124: coppermine
125: coppermine
126: Home
127: Home
128: coppermine
129: coppermine
130: Stories Archive
131: Home
132: Forums
133: coppermine
134: News
135: coppermine
136: coppermine
137: coppermine
138: Search
139: coppermine
140: Home
141: Home
142: coppermine
143: Home
144: Stories Archive
145: News
146: Stories Archive
147: coppermine
148: Stories Archive
149: Your Account
150: Home
151: Home
152: Search
153: coppermine
154: News
155: coppermine
156: coppermine
157: Search
158: Home
159: Home
160: Home
161: Search
162: Home
163: coppermine
164: Home
165: Home
166: coppermine
167: Home
168: News
169: Search
170: Stories Archive
171: Stories Archive
172: coppermine
173: Home
174: Search
175: coppermine
176: Search
177: Home
178: coppermine
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Forums
184: Home
185: Stories Archive
186: coppermine
187: Stories Archive
188: Stories Archive
189: Stories Archive
190: Home
191: Forums
192: coppermine
193: Stories Archive
194: Home
195: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9081
  · Viste: 1925361
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Avvento - 19 dicembre
Postato da Grazia01 il Martedì, 19 dicembre @ 11:38:54 CET (1476 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Betlemme

Una coppia di casti sposi
si incammina
dalla Galilea alla Giudea.
Bisogna adempier
il censimento
per ordine di Augusto,
il divino del momento.
Non c'è mai posto per i poveri
in una fissa e dignitosa dimora;
Leggi Tutto... | 597 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Auguri da Miriam Ballerini
Postato da Grazia01 il Lunedì, 18 dicembre @ 20:31:35 CET (1039 letture)
Messaggi I

Ogni Natale Cristo rinasce.

E con Lui, nasce la nostra nuova occasione
di essere uomini fra uomini.
Buon Natale


Miriam
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le separazioni ci insegnano a vivere
Postato da Grazia01 il Lunedì, 18 dicembre @ 13:45:29 CET (1156 letture)
Riflessioni di Francesco Alberoni I

Quando ci innamoriamo? " Noi tendiamo a innamorarci quando siamo pronti a cambiare. Perché siamo mutati interiormente, perché è cambiato il mondo attorno a noi, perché non riusciamo più realizzare i nostri desideri o a esprimere le nostre potenzialità. Allora cerchiamo qualcuno che ci indichi la strada e ci faccia assaporare un nuovo modo di essere. Possiamo perciò innamorarci a qualsiasi età, ma soprattutto nelle svolte della nostra vita.
Quando passiamo dalle scuole elementari alle medie, poi alle superiori, all'università, o quando cambiamo lavoro, o a quarant'anni quando inizia la maturità o a sessanta, quando si profila la vecchiaia.
Leggi Tutto... | 1822 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'Albero degli amici
Postato da Grazia01 il Lunedì, 18 dicembre @ 13:23:40 CET (1556 letture)
Letture varie II

Esistono persone nelle nostre vite che ci rendono felici per il semplice caso di avere incrociato il nostro cammino.
Alcuni percorrono il cammino al nostro fianco, vedendo molte lune passare, gli altri li vediamo appena tra un passo e l'altro.
Tutti li chiamiamo amici e ce sono di molti tipi.
Talvolta ciascuna foglia di un albero rappresenta uno dei nostri amici.
Il primo che nasce è il nostro amico Papà e la nostra amica Mamma, che ci mostrano cosa è la vita.
Dopo vengono gli amici Fratelli, con i quali dividiamo il nostro spazio affinché possano fiorire come noi.
Conosciamo tutta la famiglia delle foglie che rispettiamo e a cui auguriamo ogni bene.
Leggi Tutto... | 1588 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Avvento - 18 dicembre
Postato da Grazia01 il Lunedì, 18 dicembre @ 13:16:06 CET (1150 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Preghiera

"Dammi il supremo coraggio dell'amore,
questa è la mia preghiera,
coraggio di parlare,
di agire, di soffrire,
di lasciare tutte le cose, o di essere lasciato solo.
Temperami con incarichi rischiosi, onorami con il dolore,
e aiutami ad alzarmi ogni volta che cadrò.
Dammi la suprema certezza nell'amore, e dell'amore,
questa è la mia preghiera,
la certezza che appartiene alla vita
nella morte, alla vittoria nella sconfitta,
alla potenza nascosta nella più fragile bellezza,
a quella dignità nel dolore, che accetta l'offesa, ma disdegna di ripagarla
con l'offesa.
Dammi la forza di Amare sempre e ad ogni costo."


K.Gibran
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ENIGMA DEL WEEK END... - CARBONE CAROTA SCIARPA
Postato da Tony-Kospan il Domenica, 17 dicembre @ 21:56:29 CET (1297 letture)
Post di Tony Kospan I Ecco a voi anche se un pò in ritardo...

l'immancabile nostro enigma del week end



De Chirico

Su un prato sono sparsi cinque pezzi di carbone, una carota e una sciarpa.

Nessuno li ha messi li con intenzione...

ma esiste una ragione che giustifica la loro presenza.

Sapete spiegare la situazione?

Come al solito sono ammesse domande...

Cari amici indoviniate o no... partecipare aiuta comunque i nostri amici... neuroni...

Ciao all'Orso...
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il piccolo Josè e il senso dell'Amore
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 dicembre @ 20:36:31 CET (1141 letture)
Racconti II

Molti anni fa, talmente tanti che abbiamo ormai dimenticato la data precisa, viveva in un paese del sud del Brasile un bambino di sette anni, di nome José. Aveva perduto i genitori molto presto ed era stato adottato da una zia avara che, malgrado avesse molto denaro, per il nipote non spendeva quasi nulla. José, che non aveva mai conosciuto il significato dell'amore, pensava che la vita fosse proprio così, e non se ne addolorava. Poiché vivevano in un quartiere di gente ricca, la zia obbligò il direttore della scuola ad accettare suo nipote, pagando solo un decimo della retta mensile e minacciando di protestare con il sindaco se non lo avesse fatto. Il direttore non ebbe scelta,ma ogni volta che poteva istruiva gli insegnanti ad umiliare José, sperando che il bambino si comportasse male e loro avessero un pretesto per espellerlo.
Leggi Tutto... | 3462 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Io canto
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 dicembre @ 19:58:20 CET (1235 letture)
Testi canzoni II


La nebbia che si posa la mattina
le pietre di un sentiero
di collina
il falco che s'innalzerà
il primo raggio che verra`
la neve che si sciogliera`
correndo al mare
l'impronta di una testa sul cuscino
i passi lenti e incerti
di un bambino
lo sguardo di serenita`
la mano che si tendera`
la gioia di chi aspettera`
per questo e quello che verra`
Io canto
le mani in tasca canto
la voce in festa canto
la banda in testa canto
corro nel vento
Leggi Tutto... | 907 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Omero, una donna che acriveva per le donne
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 dicembre @ 10:53:04 CET (4290 letture)
Recensioni II


Secondo uno studioso inglese
«le figure femminili di Iliade e Odissea non possono essere state decodificate da un uomo»

NEW YORK
- Omero? Scordatevi tutto quello che vi hanno insegnato sull'aedo cieco. Un libro appena uscito negli Usa propone una tesi rivoluzionaria: secondo quanto sostiene Andrew Dalby, storico e linguista britannico in «Rediscovering Homer», il poeta, in realtà, era una donna. Che scriveva per le donne. In realtà Dalby non è il primo a sposare questa ipotesi. Già nell'età vittoriana, Samuel Butler, un altro anglosassone, aveva ipotizzato che l'autore dell'Odissea fosse una donna perchè il poema, ambientato in un mondo non militare, mostra empatia con i personaggi femminili.
Dalby però argomenta la tesi in modo più solido, attraverso un'analisi comparata e antropologica di come le donne conservano canzoni, storie e leggende popolari.
Utilizzando il lavoro di classicisti americani degli anni Trenta, Milman Parry e Albert Long, lo studioso nota che la cultura della tradizione orale dell'Iliade e dell'Odissea è preservata ancora oggi in aree remote dei Balcani, della Finlandia, dell'Irlanda, della Russia, dell'Asia Centrale.
Leggi Tutto... | 2326 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 2.6


Avvento - 17 dicembre
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 dicembre @ 01:16:06 CET (1194 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Un'esplosione nella notte

Tre solitarie figure si muovono con circospezione. Intorno a loro la notte è gelida, per buona sorte una luna grossa e piena non li lascia al buio.
- Tu ci credi? - esclama l’uomo con la pelle d’ebano
- Io devo crederci! - risponde il suo compagno col mento ornato da una folta, nerissima e ben curata barba
- E tu? - rivolto, con un sorriso che la pelle così nera fa sembrare così bianco, verso un altro compare.
- Io lo so - risponde il terzo uomo aggiustandosi il copricapo per non sentire troppo il freddo.
Il cielo orientale sopra di loro è così carico di stelle da far impallidire le luci di qualsiasi sfavillante città.
- Il freddo si fa pungente, andiamo allora; il piano lo conosciamo ormai bene tutti e tre vero?
Senza aspettare risposta, l’uomo dalla pelle scura s’incammina e il rumore dei suoi piedi, sui frammenti di selci di quello che forse un tempo poteva essere stato un sentiero, scandisce i suoi passi ai quali fanno eco e coro il rumore del cammino dei suoi compagni.
- Il piano? - pensa fra sé e sé l’uomo barbuto.
Leggi Tutto... | 2181 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Basta guanti da forno a Natale!
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 dicembre @ 01:06:34 CET (1323 letture)
Letture varie II

“In famiglia siamo in dodici. Ciascuno ha portato un pacchetto a ciascuno. Abbiamo scartato 144 pacchetti. Il pavimento era pieno di carta, c'erano fiocchi che a legarli tutti insieme ti calavi dal ventesimo piano. Un incubo”.
“Ho cucinato per quattordici ore, ho lavato piatti per due ore. Alla fine ero così stanca che mi sono addormentata seduta su uno sgabello. Quando mi sono svegliata loro volevano di nuovo mangiare. Un incubo”.
Leggi Tutto... | 3366 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il silenzio di Federico Garcia Lorca
Postato da Grazia01 il Sabato, 16 dicembre @ 18:22:25 CET (3258 letture)
Poesie originali e strane I

Ascolta, figlio, il silenzio.
E' un silenzio ondulato,
un silenzio,
dove scivolano valli ed echi
e che piega le fronti
al suolo.


Federico Garcia Lorca
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Avvento - 16 dicembre
Postato da Grazia01 il Sabato, 16 dicembre @ 10:00:21 CET (1545 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

E' Natale per ogni
bambino del mondo


Vorrei
almeno oggi che è Natale
vorrei del pane da mangiare
vorrei dell’acqua pulita da bere
un paio di scarpe
o un letto per dormire

Vorrei
poter andare a scuola e studiare
vorrei un casa
ed un tetto per potermi riparare
Leggi Tutto... | 511 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Lettera a Gesù Bambino
Postato da Grazia01 il Venerdì, 15 dicembre @ 14:44:29 CET (20019 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Carissimo Gesù Bambino, avrei voluto scriverti una lettera, come facevo tanto tempo fa, ma mi hanno detto che quest'anno, alla tua festa, tu non sei stato invitato. Che strano, eh? Ci saranno tutti: Babbo Natale, le slitte, le renne, le ghirlande, i pini, gli abeti, i nuovi paesaggi scandinavi, le cartoline elettroniche, i pupazzi che s'illuminano, i carillon di ogni forma e colore. Tutto molto bello, tutto molto allegro. Così allegro che, ci spiace molto, ma per te non c'è più posto. Lo sappiamo benissimo che sei il festeggiato e che non s'è mai vista una festa senza il festeggiato, però che ci vuoi fare? Non sai arrampicarti sui balconi come fa quel vecchio barbuto di Santa Klaus (hai visto l'ultima moda? Va fortissimo ... ). Non vesti nulla di rosso, che invece pare sia un colore molto trendy. E poi vai in giro con quel bue e quell'asinello, che in salotto non farebbero per nulla bella figura. Scusaci, sai, ma tu che prevedi tutto, non potevi farti riscaldare da un'iguana? Che ne so? Da una salamandra o da un armadillo? lo so:
magari non ti donavano lo stesso tepore. Ma t'immagini come sarebbe stato chic?
Leggi Tutto... | 2439 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3.90


Avvento - 15 dicembre
Postato da Grazia01 il Venerdì, 15 dicembre @ 14:12:02 CET (1105 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Si fa presepe il cuore

Il bianco soffitto, s’è animato di colori:
bagliori iridati, salendo in alto variopinti e lievi
brillano come stelle, suggestivi d’emozioni.
E rinasce d’un tratto, la magìa…
…è Natale: si fa presepe il cuore.


Luciana Bianchi

Col Natale nel cuore

I primi venti di dicembre erano sempre i giorni più belli dell'anno! Mio padre allestiva il gigantesco presepe, mia madre preparava i dolci di Natale in quantità industriale per regalarli poi ai numerosi parenti ed io giocavo coi pastori.
Erano tutti allineati sul tavolo e bisognava sceglierli ad uno ad uno, formare le famiglie e inventare storie nuove. I miei preferiti erano due bimbetti che avevo chiamato Vito e Sabrina e che diventavano spesso i protagonisti delle mie fantasie. Sabrina con la sua tunica rosa e lo scialle bianco; Vito coi calzoncini azzurri , una camiciola bianca ed il gilet rosso. Lei con le scarpette, lui a piedi nudi. Per lei sceglievo genitori "ricchi": il polentaio (che le somigliava pure un po'!) oppure l'oste o il grasso falegname con la barba scura. Per Vito un papà più povero: il fabbro oppure uno zampognaro senza scarpe. La mamma di Sabrina era sempre Caterina, la pastorella meglio vestita della collezione, mentre per Vito una donnina dolce ma scalza, con una pesante brocca d'acqua sulla spalla. Una sola sorellina per Sabrina, tanti fratelli per Vito.
Poi iniziava il gioco.
Leggi Tutto... | 4085 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pane
Postato da Grazia01 il Giovedì, 14 dicembre @ 14:19:28 CET (2399 letture)
Invenzioni e origini III

Il farro, assieme ai legumi e le verdure fu alla base della alimentazione dei Romani sin dalle origini, mentre i Greci preferivano l'orzo che, però, era meno nutriente del farro visto che conteneva meno proteine e più carboitrati. A protezione di tutti i cereali i Romani avevano posto la dea Cerere e seguivano il parere di un medico, Galeno che raccomandava di lasciare da parte l'orzo, ottimo solo per i cavalli e adottare il farro che era molto più nutriente. L'orzo fu utilizzato solo nei momenti di carestia. Il farro (triticum dicoccum) fu per circa tre secoli il cereale preferito dai Romani. Era un grano duro la cui spiga non aveva barbe, rivestito di glume molto aderenti e per queste ragioni non poteva essere trebbiato se prima non era tostato,seppure leggermente. La tostatura fu resa obbligatoria da Numa Pompilio secondo re di Roma.
Dal farro deriva il nome farina e con il farro gli sposi facevano offerte agli dei al momento del loro matrimonio. Questa unione veniva appunto chiamata confarreatio. Inizialmente il farro veniva macinato a mano usando due pietre o con il mortaio. La mola ruotante fu scoperta più tardi , fu azionata prima dagli schiavi , poi da asini e muli e, più raramente, da cavalli.
Il pane vero e proprio arrivò sulla mensa dei Romani molto tardi (IV sec a.C.) perchè, in origine, con il farro si preparava solo la notissima puls la polenta. Plauto afferma che i Greci chiamavano i Romani "polentoni" puliphagonides. La puls era l'alimento base e, di volta in volta, era arricchita con quel che si aveva sotto mano: legumi, formaggi, verdure, aromi, pesci sotto sale e pezzi di carne.
Con l'arrivo del frumento, che si poteva ridurre più facilmente in farina, nacque il pane; non solo, ma i soldati, e molti altri con loro, masticavano anche crudi, durante le lunghe marce, "questi nuovi granellini " che venivano dalla Sicilia e dalle coste settentrionali dell'Africa.
Leggi Tutto... | 5798 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Avvento - 14 dicembre
Postato da Grazia01 il Giovedì, 14 dicembre @ 13:21:00 CET (1239 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Un insolito regalo

Era Natale e Graziano, un ragazzino di undici anni, seduto vicino all’albero, insieme a tutta la sua famiglia scartava l’ennesimo regalo: un bambolotto di porcellana raffigurante Babbo Natale. Era contento perchè aveva già ricevuto quattro regali: la play station, un lettore MP3, un libro di storie horror e la TV in camera.
Ma appena vide il pupazzo disse: «Oh, no! Il mio ultimo regalo è da bambinetti di sei anni! Ehi, mamma, non ti sarai mica confusa? Magari questo era destinato a mia sorella!» «No, non mi sono sbagliata. E’ un bambolotto molto bello, l’ho comprato ieri in un mercatino d’antiquariato. Su, su! Non è un mostro!» rispose la mamma. «Ma…» «Niente “ma”! Lo metterai nella tua cameretta, ora vai a portare i regali di sopra e dopo vienimi ad aiutare a togliere le carte dei pacchetti sparse per tutto il salotto!». Graziano, rassegnato, salì le scale e andò in camera sua; mise i regali a posto, guardò il bambolotto perplesso e lo poggiò sopra il letto. Poi torno giù per cenare. Dopo cena ritornò in camera per andare a dormire, ma vide il bambolotto per terra «Sarà caduto» pensò, lo poggiò su una sedia e andò a letto. Quella notte fece uno strano sogno: vide il bambolotto che lo guardava in un modo innaturale, poi tutto intorno a lui e le immagini si dissolvevano e piano piano il mondo scompariva. Fu un “clack” a svegliarlo. Graziano si mise a sedere sul letto impaurito e si guardò intorno, il bambolotto era caduto di nuovo.
Leggi Tutto... | 5586 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA CONFESSIONE NELL'ANTICO EGITTO
Postato da Tony-Kospan il Giovedì, 14 dicembre @ 13:10:11 CET (1252 letture)
Post di Tony Kospan I



L'istituto della Confessione è davvero molto antico...
lo tratteremo qui sulla base della do(edited)entazione archeologica a noi giunta.

Un primo completo elenco di peccati o meglio ancora affermazione di non averli commessi
si trova tra gli Egizi... nel famoso Libro dei Morti.

Questo istituto però era già nella religione degli Ittiti che ebbero frequenti rapporti pacifici e bellicosi con gli Egizi.

Questi ultimi la fecero propria... però alla fine la ridussero ad una formula per passare alla vita ultraterrena...

Nella religione Ittita invece il peccato per eccellenza, anzi il "reato" data la sua punibilità,
era la trasgressione alle norme o agli ordini divini.

Al fine della ricerca dei peccati e per l'espiazione di eventuali trasgressioni,
essendo ciò di fondamentale importanza,
acquistò particolare rilievo dunque tra gli Ittiti l'istituto della confessione.
Leggi Tutto... | 3145 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3


Voglia d'allegria
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 13 dicembre @ 21:09:47 CET (1502 letture)
Poesie sulla vita I

Tristi briciole di vuoto
sul tavolo della mia vita
barcollo in nuvole di fumo
evasioni di un minuto

Amore vano ricordo
in un film ne ritrovo
l'effimero dolore
certa che esista ma chissà dove

Attori vivono pene d'amore
con l'adolescenziale leggerezza
mentre il peso dei miei anni
affonda in altri travagli
Leggi Tutto... | 376 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


13 dicembre - Santa Lucia
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 13 dicembre @ 09:49:34 CET (1114 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Nacque a Siracusa, ma non si conosce con certezza la data. La sua vita d'altra parte è intessuta di elementi leggendari, che stanno a testimoniare l'enorme venerazione di cui la santa ha goduto e gode.

La sua passio afferma che Lucia subì il martirio sotto Diocleziano, per cui si è voluto fissare la data di nascita al 283. Il più antico documento che la riguarda è un'iscrizione del V secolo in cui si parla di una certa Euskia, morta il giorno "della mia patrona Lucia".
Leggi Tutto... | 2770 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Avvento - 13 dicembre
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 13 dicembre @ 09:35:43 CET (1169 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

La Notte Santa
Guido Gozzano

- Consolati, Maria, del tuo pellegrinare!
Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei.
Presso quell'osteria potremo riposare,
ché troppo stanco sono e troppo stanca sei.

Il campanile scocca
lentamente le sei.

- Avete un po' di posto, o voi del Caval Grigio?
Un po' di posto per me e per Giuseppe?
- Signori, ce ne duole: è notte di prodigio;
son troppi i forestieri; le stanze ho piene zeppe

Il campanile scocca
lentamente le sette.

- Oste del Moro, avete un rifugio per noi?
Mia moglie più non regge ed io son così rotto!
- Tutto l'albergo ho pieno, soppalchi e ballatoi:
Tentate al Cervo Bianco, quell'osteria più sotto.

Il campanile scocca
lentamente le otto.
Leggi Tutto... | 1586 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UN SOGNO TRADITO
Postato da Tony-Kospan il Martedì, 12 dicembre @ 20:58:43 CET (1454 letture)
Le poesie di Tony-Kospan I

Se il mio sorriso più non ami
e nelle ombre del passato ti nascondi …
Se il mio sogno più non ami
e nel quotidiano ormai ti perdi …
Se il castello mio fatato più non ami
e nel nero tuo maniero ti richiudi …
Se la gioia del nostro incontro più non ami
e sol con altri vecchi amici ti rivedi …

Perché mai mi cercasti?
Perché mai t'ho incontrato?
Perché mai io t'ho amato?

Corridoi, ascensori, posti strani, posti stretti
come gatti noi ci amammo pur sui ... tetti ...

Eppur profetico fu quel sogno …
sciocco io a non capirlo …
tu le spalle mi voltavi …
e con un altro te ne stavi …

Ma ormai son guarito …
più non sanguina la ferita …
un segno resta … un lungo strappo…
sul mio cuore... c'è nero un drappo


Tony Kospan
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3


Il bisonte? E' il più gay degli animali
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 dicembre @ 20:54:31 CET (988 letture)
Scienze

Molti animali sono gay, il fatto è abbastanza assodato nel mondo degli studiosi. Meno assodato è che anche autentiche icone della virilità come i bisonti americani, siano stati sorpresi e immortalati in atteggiamenti e pose inequivocabili. Lunghi studi nelle mandrie delle praterie hanno portato ad una conclusione: tra i maschi, i rapporti omosessuali sono più comuni di quelli eterosessuali. Lo studio dei comportamenti e dei costumi sessuali negli animali ha portato a conclusioni sorprendenti: i maschi adulti dei trichechi, per esempio, sono bisex: durante la stagione degli amori si comportano come da copione con l'altro sesso, nel resto dell'anno si trastullano invece con esemplari più giovani.
L'intensa attività di campo di biologi sta cambiando gli orizzonti, sollevando la cortina su questi comportamenti considerati «deviati» da una parte della scienza e della società e rendendo sempre più labile il confine tra omosessualità e eterosessualità.
Leggi Tutto... | 1287 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I medici che curano la sete del mondo
Postato da Antonio il Martedì, 12 dicembre @ 20:37:53 CET (1067 letture)
Attualità I

Medici senza Frontiere, Msf, è una straordinaria organizzazione internazionale nata nel '71 in Francia.
Nel '99 ha avuto il premio Nobel per la Pace.
Dall'Italia partono circa 240 volontari l'anno, e fra tutte le regioni della penisola, la Lombardia è in prima linea. Da. Milano partono circa trenta medici l'anno, di cui più della metà sono donne. Se per i Paesi ricchi l'oro nero è il petrolio, per i Paesi poveri l'oro bianco è l'acqua. E di questo si stanno occupando I Medici senza Frontiere.
Paradossalmente, l'acqua costa più ai poveri che ai ricchi: cinquanta litri al giorno a persona è la minima quantità necessaria alla sopravvivenza.
Leggi Tutto... | 600 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Avvento - 12 dicembre
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 dicembre @ 10:22:27 CET (4022 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Le Ciaramelle
di Giovanni Pascoli

Udii tra il sonno le ciaramelle,
ho udito un suono di ninne nanne.
Ci sono in cielo tutte le stelle,
ci sono i lumi nelle capanne.

Sono venute dai monti oscuri
le ciaramelle senza dir niente;
hanno destata ne' suoi tuguri
tutta la buona povera gente.

Ognuno è sorto dal suo giaciglio;
accende il lume sotto la trave;
sanno quei lumi d'ombra e sbadiglio,
di cauti passi, di voce grave.

Le pie lucerne brillano intorno,
là nella casa, qua su la siepe:
sembra la terra, prima di giorno,
un piccoletto grande presepe.

Nel cielo azzurro tutte le stelle
paion restare come in attesa;
ed ecco alzare le ciaramelle
il loro dolce suono di chiesa;
Leggi Tutto... | 3744 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Gelato
Postato da spalato il Martedì, 12 dicembre @ 01:08:58 CET (3827 letture)
Invenzioni e origini III

Il gelato viene comunemente definito come una "preparazione alimentare ottenuta con una miscela di ingredienti portata allo stato solido o pastoso mediante congelamento e contemporanea agitazione".

In origine il gelato non era certamente quello che noi conosciamo. Nell'antichità, probabilmente, si refrigeravano frutta, latte e miele per farne cibo ghiacciato. Riferimenti a tale pratica si incontrano sia in testi antichi sia nelle cronache d'epoca più note. Pare addirittura che, già nella Bibbia si trovi un episodio in cui si parla di tale cibo quando si narra di Isacco che avrebbe offerto ad Abramo latte di capra misto a neve.

Durante il Medioevo, in oriente, si scoprì il modo di congelare i succhi di frutta ponendoli in recipienti circondati da ghiaccio, modalità di preparazione questa che fu ben presto appresa anche in Sicilia, qui perfezionata e poi diffusa in tutta la penisola.

Il gelato in senso moderno fu un'invenzione tutta italiana. Alcuni storici, attribuiscono l'onore di aver ripreso e reso celebre il gelato nella metà del 1500 a Caterina de' Medici e ad un certo Ruggeri, pollivendolo e cuoco a tempo perso che lo avrebbe preparato in occasione delle nozze della nobildonna. Trasferitasi In Francia, Caterina portò con sé il Ruggeri che divenne famoso anche oltralpe per le sue preparazioni. A prescindere dalla verità storica di questi fatti, l'origine italiana del gelato viene riconosciuta in gran parte del mondo (non è inusuale, nelle gelaterie estere, vedere indicazioni come "vero gelato italiano").
Leggi Tutto... | 2779 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Ivo Andric - Nobel 1961
Postato da Antonio il Lunedì, 11 dicembre @ 13:53:34 CET (2286 letture)
I Nobel della letteratura I

Croato di nascita, patriota bosniaco, scrittore serbo-croato, diplomatico e uomo politico al servizio della Iugoslavia, Ivo Andric (1892-1975), parallelamente alle sue attività di uomo di stato, ha prodotto un'immensa opera letteraria. In essa, si esprime, amplificata e approfondita, la sua accanita volontà di impedire alle barriere nazionali, ideologiche o di qualsiasi altro genere, di confondergli la vista. Il premio Nobel corona questo percorso nel 1961.
Leggi Tutto... | 1800 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Avvento - 11 dicembre
Postato da Grazia01 il Lunedì, 11 dicembre @ 13:35:04 CET (1622 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Luce, Pace, Amore

La pace guardò in basso
e vide la guerra,
"Là voglio andare" disse la pace.

L'amore guardò in basso
e vide l'odio,
"Là voglio andare" disse l'amore.

La luce guardò in basso
e vide il buio,
"Là voglio andare" disse la luce.

Così apparve la luce
e risplendette.

Così apparve la pace
e offrì riposo.

Così apparve l'amore
e portò vita.

L. Housman



IL PETTIROSSO

Nella stalla dove stavano dormendo Giuseppe, Maria e il piccolo Gesù, il fuoco si stava spegnendo. Presto ci furono soltanto alcune braci e alcuni tizzoni ormai spenti. Maria e Giuseppe sentivano freddo, ma erano così stanchi che si limitavano ad agitarsi inquieti nel sonno.
Nella stalla c'era un altro ospite: un uccellino marrone; era entrato nella stalla quando la fiamma era ancora viva; aveva visto il piccolo Gesù e i suoi genitori, ed era rimasto tanto contento che non si sarebbe allontanato da lì neppure per tutto l'oro del mondo.
Leggi Tutto... | 871 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Cerniera lampo
Postato da spalato il Domenica, 10 dicembre @ 23:24:49 CET (1406 letture)
Invenzioni e origini II

La cerniera lampo, detta anche zip, chiusura zip o bottega è un dispositivo formato da quattro elementi principali:

un fermo inferiore;
un fermo superiore;
un cursore con la linguetta
la cosiddetta catena dentata
La cerniera lampo è costituita da due fettucce di tessuto alle quali sono attaccate le catene dentate. Queste sono composte da denti, metallici o di plastica, che sulla parte superiore hanno un rilievo mentre nella corrispondente parte inferiore hanno un avvallamento, durante la chiusura i denti si inseriscono esattamente uno nell'altro.
All'apertura e alla chiusura provvede il cursore che viene mosso utilizzando il tiretto. All'interno del cursore si trova una sorta di cuneo con un'angolazione tale da permettere, durante lo scorrimento verso l'alto o verso il basso, l'incastro o l'apertura dei denti.
La cerniera lampo è delimitata da due pezzi terminali detti fermi che impediscono la fuoriuscita del cursore.

Storia

Il meccanismo precursore della moderna cerniera lampo fu inventato nel 1851 da Elias Howe, divenuto noto per l'invenzione della macchina da cucire, che brevettò una "chiusura automatica continua per abiti", composta da una serie di ganci uniti da un cordoncino che scorreva su dei denti metallici.
Leggi Tutto... | 1993 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 2.5


Cogli questo piccolo fiore
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 dicembre @ 22:14:14 CET (1576 letture)
Poesie sulla vita I

Io scrissi, un giorno, il suo nome sulla spiaggia,
ma vennero le onde a cancellarlo;
lo scrissi di nuovo, con l'altra mano;
ma venne la marea a depredare le mie fatiche.

"Uomo sciocco - mi disse Lei - che tenti invano
d'immortalare una cosa mortale:
poichè io stessa perirò allo stesso modo,
e persino il mio nome sarà cancellato".

"No - risposi - lascia che siano le cose meschine
a morire e farsi polvere; tu invece vivrai nella gloria:
i miei versi eterneranno le tue rare virtù
e scriveranno nei cieli il tuo nome glorioso.
E nei cieli, mentre la morte abbatterà il mondo intero,
vivrà il nostro amore, rinnovando un'altra vita"


Edmund Spenser
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Milano mia [ 0 commenti - 24 letture ]
 COME MUORE UN ANZIANO OGGI? [ 1 commenti - 53 letture ]
 Sono triste senza un motivo. Perchè? [ 0 commenti - 155 letture ]
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 51 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 47 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 27
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy