Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 617
Totale: 617
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: Home
03: Home
04: Home
05: News
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: News
17: Home
18: Home
19: News
20: Home
21: Home
22: Home
23: coppermine
24: Home
25: coppermine
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Stories Archive
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Groups
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Search
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: coppermine
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: coppermine
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: News
66: coppermine
67: Home
68: Search
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: News
74: Home
75: Home
76: coppermine
77: News
78: Home
79: coppermine
80: coppermine
81: Home
82: Search
83: Home
84: Home
85: News
86: Home
87: Home
88: Home
89: News
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: Home
102: News
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Forums
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: News
125: Surveys
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Stories Archive
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: coppermine
138: Home
139: Home
140: Home
141: News
142: Home
143: Home
144: News
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: coppermine
152: Forums
153: Home
154: Stories Archive
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Stories Archive
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Stories Archive
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: coppermine
178: Home
179: Statistics
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: coppermine
191: Home
192: Home
193: Home
194: coppermine
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: News
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: News
211: coppermine
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: News
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: News
229: Topics
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: coppermine
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Forums
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: Stories Archive
263: Home
264: Home
265: coppermine
266: Home
267: Home
268: coppermine
269: Home
270: News
271: Home
272: Home
273: Home
274: Home
275: Home
276: Home
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: coppermine
282: Home
283: Forums
284: Home
285: Home
286: Home
287: Home
288: Home
289: Home
290: Home
291: News
292: Home
293: Home
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: Home
300: coppermine
301: coppermine
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: coppermine
313: News
314: Home
315: Home
316: Home
317: Home
318: Home
319: Home
320: Your Account
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: Forums
327: Home
328: coppermine
329: News
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: Home
337: coppermine
338: Home
339: Home
340: Stories Archive
341: Home
342: Home
343: Home
344: News
345: Home
346: Your Account
347: Home
348: Home
349: Stories Archive
350: Home
351: Forums
352: Home
353: Home
354: Home
355: Home
356: Home
357: News
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: Home
364: News
365: Home
366: Forums
367: Home
368: coppermine
369: coppermine
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: Home
376: Groups
377: Home
378: Home
379: Home
380: Home
381: Home
382: Home
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Home
389: Search
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: Home
395: coppermine
396: Home
397: Home
398: Home
399: Home
400: Home
401: News
402: Home
403: Forums
404: Home
405: News
406: Home
407: Home
408: coppermine
409: Home
410: Home
411: Home
412: Home
413: coppermine
414: Home
415: Home
416: Home
417: News
418: News
419: coppermine
420: Home
421: Home
422: Home
423: Home
424: Home
425: Home
426: Forums
427: News
428: Home
429: Home
430: Home
431: Home
432: Home
433: Home
434: Home
435: Home
436: Home
437: Home
438: Home
439: Home
440: Home
441: Home
442: Home
443: Home
444: Home
445: News
446: News
447: Stories Archive
448: Home
449: Home
450: Home
451: Home
452: Home
453: Home
454: Home
455: Home
456: Home
457: Home
458: Home
459: Home
460: coppermine
461: Home
462: Home
463: Home
464: Home
465: Home
466: Home
467: Home
468: Home
469: Home
470: Home
471: Home
472: coppermine
473: Home
474: Home
475: Home
476: coppermine
477: Home
478: Home
479: Home
480: Home
481: Home
482: Home
483: Home
484: Home
485: coppermine
486: Home
487: News
488: Home
489: Home
490: Home
491: Home
492: Home
493: Home
494: Home
495: Home
496: Home
497: Forums
498: Forums
499: Home
500: Home
501: Home
502: Home
503: Home
504: coppermine
505: Home
506: Home
507: Home
508: Home
509: News
510: Home
511: Home
512: Forums
513: Home
514: Home
515: Home
516: Home
517: Home
518: Home
519: Home
520: News
521: Home
522: News
523: Home
524: Home
525: Home
526: Home
527: Home
528: Home
529: Home
530: Home
531: Stories Archive
532: Home
533: Home
534: Home
535: Home
536: Home
537: Home
538: Home
539: Forums
540: Home
541: Home
542: Home
543: Home
544: coppermine
545: Home
546: Home
547: Home
548: Home
549: Home
550: Home
551: Home
552: Home
553: Home
554: Your Account
555: Home
556: News
557: Home
558: Home
559: Home
560: Home
561: Home
562: Forums
563: Home
564: Home
565: Home
566: News
567: Home
568: Home
569: Home
570: Home
571: Home
572: Home
573: Home
574: Home
575: Home
576: Home
577: Home
578: Home
579: Home
580: Home
581: Home
582: coppermine
583: coppermine
584: Home
585: coppermine
586: Home
587: Home
588: coppermine
589: Home
590: coppermine
591: Home
592: Home
593: News
594: Home
595: Stories Archive
596: Home
597: Home
598: Home
599: Forums
600: Home
601: News
602: Home
603: Home
604: Home
605: Home
606: Home
607: Home
608: Home
609: Home
610: Home
611: News
612: Home
613: Home
614: Home
615: Home
616: Home
617: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9064
  · Viste: 1924420
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Piove
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 12 novembre @ 20:39:38 CET (564 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








Potrà piovere lì fuori, sulla terra, sulla strada, sulle cose… non temere la pioggia che bagna, ma quella che porta la tristezza nel tuo cuore. Se piove, indossa il migliore impermeabile, il tuo SORRISO. Una cosa è certa, la pioggia passerà, ed il sole, lui è sempre presente dietro le nuvole. Sempre.

Stephen Littleword



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Proverbio irlandese
Postato da Grazia01 il Martedì, 11 novembre @ 21:25:11 CET (596 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







" Se riuscirai a mantenere vivo un ramo verde nel tuo cuore nell'ora dell'oscurità,
allora il Signore verrà e manderà un uccello a cantare da quel ramo all'alba del giorno"

(proverbio Irlandese)

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


San Martino
Postato da Grazia01 il Martedì, 11 novembre @ 21:00:05 CET (596 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno









11 novembre: Martino


Deriva dal latino e significa "dedicato a Marte".
Martino nacque in Pannonia, l'attuale Ungheria, intorno al 315, da genitori pagani. Suo padre era ufficiale dell'esercito romano, quindi, suo malgrado, all'età di quindici anni, dovette anch'egli diventare soldato e fu mandato in Gallia. A lui si ispirarono molte leggende. La più famosa narra che, in un giorno d'autunno, mentre usciva dalle porte della città di Amiens, incontrò un povero che tremava per il freddo. Senza indugio, con la spada tagliò il suo mantello e ne donò metà al povero. Subito il sole scaldò la terra come se fosse estate. Nella notte Martino sognò Gesù che gli rivelava di essere il povero che lui aveva aiutato e gli restituiva il mantello. Molto colpito da quel sogno, decise di farsi immediatamente battezzare, lasciò l'esercito e diventò monaco. Si ritirò nelle vicinanze di Poitiers e fondò quello che fu considerato il primo monastero dell'Europa occidentale. Nel 371 fu eletto vescovo di Tours. Si dedicò all'evangelizzazione dei Galli, operò soprattutto nelle campagne, diventando difensore dei più poveri. La sua popolarità si diffuse velocemente nell'Europa occidentale e, dopo la sua morte, avvenuta probabilmente l'11 novembre 397, migliaia di paesi e chiese presero il suo nome. In Italia l'11 novembre si ricorda "l'estate di San Martino". Egli è considerato protettore dei militari, dei mendicanti e degli albergatori. Inoltre è patrono di Belluno, di Magenta in provincia di Milano, di Soncino in provincia di Cremona, di Monte Colombo in provincia di Rimini.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 10 novembre del 1891 mori Arthur Rimbaud
Postato da Grazia01 il Lunedì, 10 novembre @ 19:52:19 CET (955 letture)
Biografie VIII







Poeta maledetto francese, Arthur Rimbaud fece a pezzi tutte le convenzioni sociali e letterarie di un'epoca (tardo '800) placidamente assopita fra i rassicuranti guanciali della tradizione. Anima irrequieta e sovversiva, attraversò come una meteora decadentismo, simbolismo, surrealismo, contribuendo a produrne le espressioni più nobili e rivoluzionarie. Scrisse poesie dai 15 ai 19 anni, denigrò il perbenismo del suo paese natale, scappò di casa, attaccò Stato e istituzioni, irruppe nel mondo artistico del tempo in un impeto distruttivo, indignò la borghesia, sbeffeggiò la religione, sconfessò la morale, instaurò una relazione scandalosa col poeta Verlaine, finì in carcere, ripudiò i canoni formali della poesia, forse partecipò alla Comune parigina, vagabondò per mezza Europa e teorizzò la funzione sociale del «poeta veggente». All'improvviso abbandonò la letteratura e gli ideali di «cambiare la vita» rinnegandoli per sempre. Continuò tuttavia a viaggiare approdando alfine in Africa, dove si diede al commercio di armi, pellami e spezie. Colpito a un tumore al ginocchio destro, a 37 anni fu costretto a tornare in patria e gli venne amputata la gamba. Morì poco dopo a causa dello stato avanzato del male. Da quel momento cominciò la leggenda. Sconosciuto all'avanguardia letteraria, noto soltanto a ristrette élite di intellettuali, la fama di Rimbaud prese ad ingigantirsi a dismisura in una marcia travolgente che arriva fino ai giorni nostri influenzando scrittori, musicisti, artisti. Mistico allo stato selvaggio (Paul Claudel), primo poeta di una civiltà non ancora nata (René Char), Rimbaud ha incendiato una a una tutte le generazioni e quei gruppi politici e movimenti artistici che autoproclamandosi gli autentici depositari del suo «messaggio» non hanno esitato a contendersi un'eredità spirituale mai tanto ambita. Agli albori del terzo millennio l'astro di Arthur Rimbaud continua ad avvampare imperioso, tuonando furiosamente, non scalfito dalla patina del tempo, monito e speranza per chi ancora è in cerca di una inimmaginabile alternativa.



Voglio essere poeta, e lavoro a rendermi Veggente:
lei non ci capirà niente, e io quasi non saprei spiegarle.
Si tratta di arrivare all'ignoto mediante
la sregolatezza di tutti i sensi.
Le sofferenze sono enormi, ma bisogna essere forti,
essere nati poeti, e io mi sono riconosciuto poeta.
Non è affatto colpa mia. È falso dire: Io penso,
si dovrebbe dire: mi si pensa.
Scusi il gioco di parole.
IO è un altro.


Arthur Rimbaud
lettera al prof. G. Izambard,

Leggi Tutto... | 2519 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sarò capace di amare
Postato da Grazia01 il Lunedì, 10 novembre @ 09:39:46 CET (587 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








Sarò capace di amare, al di sopra di tutte le delusioni.
Di donare, anche quando sono stata privata di tutto.
Di lavorare felicemente, anche quando mi trovo in mezzo a mille ostacoli.
Di asciugare le lacrime, anche quando sto ancora piangendo.
Di credere, anche quando sono stata discreditata.

Paulo Coelho

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La casa
Postato da Grazia01 il Domenica, 09 novembre @ 19:28:57 CET (641 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno





Guardava quella casa, davanti a sé, e pensava alla misteriosa permanenza delle cose nella corrente mai ferma della vita. Stava pensando che ogni volta, vivendo con loro, si finisce per lasciare su di loro come una mano leggera di vernice, la tinta di certe emozioni destinate a scolorare, sotto il sole, in ricordi.

Alessandro Baricco

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Luce
Postato da Grazia01 il Domenica, 09 novembre @ 19:18:51 CET (576 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







Disse che bisognava stare attenti quando si è giovani perché la luce in cui si abita da giovani sarà la luce in cui si vivrà per sempre.Così bisognava stare attenti alla cattiveria perché da giovani sembra un lusso che ti puoi permettere, ma la verità è un’altra, e cioè che la cattiveria è una luce fredda in cui ogni cosa perde colore, e lo perde per sempre.

Alessandro Baricco

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il torrone
Postato da Grazia01 il Domenica, 09 novembre @ 17:32:00 CET (699 letture)
Argomenti vari III







TORRONE


In questo periodo si svolgono Sagre e Feste dedicate a questo dolce, specialmente a Milano e a Cremona. Si gusta principalmente nel periodo natalizio, e quindi ci ricorda le Feste.
Il torrone è un dolce molto apprezzato: la base è costituita da zucchero, miele, frutta secca il tutto raccolto sotto un sottile strato di ostie ma ormai ne esistono molte varietà impreziosite da essenze, cioccolato e rum.
L'origine del torrone è dibattuta. Una tradizione risale all'epoca romana e vede l'origine latina della parola che si rifà alla tostatura delle nocciole e delle mandorle. Altra corrente ci parla di Oriente e del dolce "turun" di miele e sesamo. La versione lombarda trova le radici a Cremona nell'occasione del matrimonio tra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza: al pranzo di nozze fu servito un dolce con la forma di torrazzo per richiamare la torre del Duomo.



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Migrazioni delle rondini
Postato da Grazia01 il Domenica, 09 novembre @ 17:12:10 CET (611 letture)
Racconti IV







Migrazione delle rondini

Molte rondini erano partite; altre partivano.
Tutti i nidi erano abbandonati, vacui, esanimi.! Qualcuno era infranto, e su gli avanzi della creta tremolava qualche piuma esile. L'ultimo stormo era adunato sul tetto lungo le gronde, e aspettava ancora qualche compagna dispersa. Le migratrici stavano in fila su l'orlo del canale, talune rivolte
col becco, altre col dorso, per modo che le piccole code forcute e i piccoli petti candidi si alternavano. E, così aspettando, gettavano nell'aria calma i richiami.
E di tratto in tratto, a due, a tre, giungevano le compagne in ritardo. E s'approssimava l'ora della dipartita. I richiami cessavano.
Un'occhiata di sole languida scendeva su la casa chiusa, su i nidi deserti. Nulla era più triste di quelle esili piume morte che qua e là, trattenute dalla creta, tremolavano.
Come sollevato da un colpo di vento subitaneo, da una raffica, lo stormo si levò con un gran frullo di ali, sorse nell'aria in guisa d'un vòrtice, rimase un istante a perpendicolo sulla casa; poi, senza incertezze, quasi che davanti gli si fosse disegnata una traccia, si mise compatto in viaggio, si allontanò, si dileguò, disparve.

Gabriele D'Annunzio

Leggi Tutto... | 12 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sembra ieri
Postato da Grazia01 il Domenica, 09 novembre @ 08:21:49 CET (836 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II












Sembra ieri


Sembra ieri

ma il tempo non si è fermato.

Ho guardato nel mio passato

e rivedo te

con i tuoi occhi aperti al nuovo mondo

che cercavano , che chiedevano

perché :

perché ti abbiamo cercato

perché avevamo bisogno di te

della tua vita, del tuo esser figlia

del tuo amore.

Ma cos’è l’amore senza la persona da amare

senza un domani

senza poter abbracciarla.

E così il tempo se ne è andato

ma ora sei qui con noi

nel nostro presente

dove possiamo dirti che ti vogliamo bene

non come ieri ma più di ieri.



r.chesini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il senso della vita
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 novembre @ 20:29:57 CET (482 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







Il senso della vita

Quelli che comandano il popolo non sono meno stupidi : solo che invece di obbedire a uomini, obbediscono a principii, che non possono essere che sciocchi, sterili e falsi, per il fatto stesso di essere principii, cioè idee giudicate, certe e immutabili, in questo mondo in cui non si è sicuri di niente, perché la luce è un’illusione, perché il rumore è un’illusione.


Guy de Maupassant

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L’uguaglianza fra uomini
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 novembre @ 20:26:18 CET (704 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







L’uguaglianza fra uomini

“In conseguenza della differenza di climi, di energia, di gusti e di età, l’uguaglianza fra gli uomini è fisicamente impossibile. Ma l’uomo civile riesce a rendere innocua questa disuguaglianza, proprio come ha fatto con le paludi e gli orsi. C’è uno scienziato che è riuscito a ottenere che in casa sua un gatto, un topo, uno sparviero e un passero mangiassero dallo stesso piatto; possiamo sperare che l’educazione porti agli stessi risultati fra gli uomini. La vita continua, la cultura ottiene grandiosi successi sotto i nostri occhi ed evidentemente arriveremo al momento in cui, per esempio, la situazione odierna degli operai delle fabbriche si rivelerà tanto assurda quanto ci pare oggi la servitù della gleba, quando le ragazze si barattavano con i cani”.

“Ce ne vorrà del tempo, ce ne vorrà, ” disse Kostja con un sorrisetto, ” ce ne vorrà tanto, prima che Rothshild consideri un’assurdità i propri sotterranei pieni d’oro, e intanto l’operaio continui pure a piegare la schiena e a crepar di fame. Eh no, ragazzo mio. Non bisogna aspettare, ma lottare. Il gatto mangia dallo stesso piatto del topo: e tu pensi che sia una scelta cosciente? Ci mancherebbe altro. Lo hanno costretto con la forza”.

Anton Cechov

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pierre
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 novembre @ 20:24:48 CET (565 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







Pierre

L’indomani ripresi a camminare nel parco. Ero felice, pensavo in tutta sicurezza che quel giorno avrei trovato l’amore. Ma l’amore che io immaginavo apparteneva a qualche cosa di inconsistente, qualche cosa che forse stava solo nella mia immaginazione. Invece ad un tratto un uomo piccolo dai tratti delicatissimi dalla pelle diafana mi si avvicinò e sorridendomi mi allungò la mano.

“Chi sei “, gli chiesi.

“Sono Piero” rispose, “semplicemente Piero e sono malato, come te.” Gli sorrisi, capii subito che Pierre non domandava nulla, non avrebbe voluto nulla.

Alda Merini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Imparare ad amare
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 novembre @ 20:22:51 CET (424 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







Imparare ad amare

Tutti i bambini vogliono essere amati, è un loro bisogno primario.
Il desiderio smodato di protezione e di accudimento è innato e universale.
Esso costituisce una parte necessaria dello schema evolutivo dell’immaturità protetta.
Ma l’accudimento può assumere molte forme diverse, e le idee dei bambini sull'amore
possono variare in maniera decisiva.

Alison Gopnik
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Amores
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 novembre @ 20:21:26 CET (486 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno





Amores

Odio, e non posso non desiderare, e odio proprio quello: ah, ciò che cerchi di lasciare,
com'è duro sopportarlo! Sì, mi mancano le forze e una legge per governarmi;
son trascinato come una barca da acque in tempesta.
Non c’è una forma certa che attiri le mie passioni:
cento cause mi fanno innamorare in continuazione.

Ovidio


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Canti
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 novembre @ 20:19:35 CET (560 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







Canti

Odio e amo.
Forse chiederai come sia possibile;
non so, ma è proprio così, e mi tormento.

Catullo

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Petrolio
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 novembre @ 20:18:44 CET (686 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








Petrolio

Non c’era più curiosità per niente.
Tutto era obbligatoriamente noto.
C’era solo l’ansia nervosa
– che rendeva brutti e pallidi –
di consumare la propria fetta di torta.

Pier Paolo Pasolini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le piccole virtù
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 novembre @ 18:09:57 CET (439 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno






Le piccole virtù

Per quanto riguarda l’educazione dei figli, penso che si debbano insegnar loro non le piccole virtù, ma le grandi. Non il risparmio, ma la generosità e l’indifferenza al denaro; non la prudenza, ma il coraggio e lo sprezzo del pericolo; non l’astuzia, ma la schiettezza e l’amore per la verità; non la diplomazia, ma l’amore al prossimo e l’abnegazione; non il desiderio del successo, ma il desiderio di essere e di sapere.

Natalia Ginzburg

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


MUTO DOLORE
Postato da rosarossa il Sabato, 08 novembre @ 16:37:50 CET (514 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX








MUTO DOLORE

Son passati tanti tanti anni, dal giorno in cui
al mondo son venuto.
Ora in un angolino in disparte accantonato
mentre in compagnia si chiacchiera felici
sono solo, in silenzio obbligato.
Se sbaglia un giovane nel conversare
basta dica: “Sono un po' confuso”.
Di conseguenza è subito scusato;
Io converso si, ma
con i miei ricordi e i miei pensieri! .
Quando un vecchio sbaglia, non c'è perdono.
L' anziano deve sol tacere, a lui tutto è proibito!
Quei sorrisini, ove leggo la pietà e lo scherno e
poi sottovoce sento sussurrare:
Quanto lui dice non ha senso è
solamente un vecchio rimbambito!
Di lui non ti curare...
Umiliato nel muto mio dolore. Lo stringo
al cuore che fa tanto male!!!

Rosarossa


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Buonanotte
Postato da Grazia01 il Venerdì, 07 novembre @ 21:51:52 CET (693 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno












Adesso abbraccia forte un pensiero felice
e portalo a dormire con te.
Non aver paura della notte,
qualcuno ti vuole bene
e ti protegge, anche se non lo sai.






Buonanotte e buon fine settimana.

Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Contavo ogni passo
Postato da Grazia01 il Giovedì, 06 novembre @ 17:35:29 CET (650 letture)
Poesia al femminile II










Contavo ogni passo

Contavo ogni passo
prima che la nebbia scendesse
contavo ogni battito
prima che la neve cadesse.
Non può trovare
via d’uscita il dolore:
in una lacrima non riesce a fuggire
e restando ti soffoca il cuore.
Ma il mio cuore non vuole capire:
vuole soltanto smettere
… di soffrire
vuole vivere d’amore,
vuole respirare ad ogni costo
sentimenti veri, buoni e forti.
Credevo in un mondo più giusto
che non avrebbe chiesto rabbia
né concesso torti.
Pensavo ad una vita tanto diversa…
ma poi, sai è rimasta un castello di sabbia.
È già stata terribile la strada percorsa:
come respirare fiamme gelide di fuoco taglienti…
… e non immaginavo che arrivassi davvero:
come gocce di stelle sorridenti
in un cielo oramai già spento.
Ma non chiedermi dov’ero:
ascolta con me il respiro
di questo mondo che non sento…
ti troverò dove non sei mai stato
e ti starò accanto…
nel nostro pianeta mai esisti

Laura Garavaglia


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Parole
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 05 novembre @ 12:44:46 CET (495 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








Sono le parole più silenziose,
quelle che portano la tempesta.
Pensieri che incedono con passi
di colomba guidano il mondo.

Friedrich Nietzsche


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


E' sera
Postato da Grazia01 il Martedì, 04 novembre @ 20:38:50 CET (600 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI











E' sera.
Sento il respiro calmo della pace.
Assaporo poco a poco le emozioni del giorno.
Rilasso le membra stanche.
Lascio che il respiro esca più lento
Il vento che oggi gridò forte si è chetato.
Si adegua al buio, anche lui.
Su rami quasi spogli carezze di foglie lievi
gialle, rosse, arancioni sfuggite alla pioggia
insistente e pesante, del giorno.
M'avvolgo in coltri leggere e ascolto la notte.
Scivolando lentamente in un sonno sereno.

Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La morte non è niente
Postato da Grazia01 il Sabato, 01 novembre @ 20:32:40 CET (687 letture)
Poesie generiche









La morte non è niente

Sono solamente passato dall'altra parte:
è come fossi nascosto nella stanza accanto.
Io sono sempre io e tu sei sempre tu.
Quello che eravamo prima l'uno per l'altro lo siamo ancora.
Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare;
parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.
Non cambiare tono di voce, non assumere un'aria solenne o triste.
Continua a ridere di quello che ci faceva ridere,
di quelle piccole cose che tanto ci piacevano
quando eravamo insieme.
Prega, sorridi, pensami!
Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima:
pronuncialo senza la minima traccia d'ombra o di tristezza.
La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto:
è la stessa di prima, c'è una continuità che non si spezza.
Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista?
Non sono lontano, sono dall'altra parte, proprio dietro l'angolo.
Rassicurati, va tutto bene.
Ritroverai il mio cuore,
ne ritroverai la tenerezza purificata.
Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami:
il tuo sorriso è la mia pace.

Henry Scott Holland


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Arrivederci
Postato da Grazia01 il Sabato, 01 novembre @ 17:56:19 CET (716 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II










ARRIVEDERCI


Cos’è la Morte

se non un arrivederci.

Mi manca solo la tua voce

ma sento la tua presenza

mentre gli occhi ti cercano

nell’azzurro infinito.

Un giorno ci ritroveremo

e sarà una grande festa

e ricorderemo queste lacrime di dolore

ma che nell'incontrarti diventeranno 

lacrime di gioia.

Grazie a te e alla Signora Morte

che mi consola perché mi fa

sentire la tua presenza.


Roberto Chesini

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Penso...
Postato da Grazia01 il Giovedì, 30 ottobre @ 21:21:54 CET (610 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno









Penso che un pensiero
che arrivi alla mente
senza passare dal cuore
sia come un'immagine
sbiadita.

Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Attesa
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 ottobre @ 22:16:51 CET (494 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








VITTORIO MARIA CORCOS
- Attesa alla fontana (1897)



Io semino a piene mani, ed il grano aspetti pure se il tempo
non è propizio; spesso, il migliore è quello
più lungo atteso.

ANDRE' GIDE



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ode al cane
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 ottobre @ 13:13:18 CET (647 letture)
Poesie di Neruda II











Ode al cane

Il cane mi domanda
e non rispondo.
Salta, corre pei campi e mi domanda senza parlare
e i suoi occhi sono due richieste umide,
due fiamme liquide che interrogano
e io non rispondo, non rispondo perché non so,
non posso dir nulla.
In campo aperto andiamo uomo e cane.
Brillano le foglie come se qualcuno le avesse baciate a una a una,
sorgono dal suolo tutte le arance a collocare piccoli planetari
su alberi rotondi come la notte, e verdi,
e noi, uomo e cane, andiamo a fiutare il mondo, a scuotere il trifoglio,
nella campagna cilena, fra le limpide dita di settembre.
Il cane si ferma, insegue le api, salta l'acqua trepida,
ascolta lontanissimi latrati, orina sopra un sasso,
e mi porta la punta del suo muso, a me, come un regalo.
E' la sua freschezza affettuosa, la comunicazione del suo affetto,
e proprio lì mi chiese con i suoi due occhi,
perchè e' giorno, perchè verrà la notte, perchè la primavera
non portò nella sua canestra nulla per i cani randagi,
tranne inutili fiori, fiori, fiori e fiori.
E così m'interroga il cane
e io non rispondo.
Andiamo uomo e cane uniti dal mattino verde,
dall'incitante solitudine vuota nella quale solo noi esistiamo,
questa unità fra cane con rugiada e il poeta del bosco,
perchè non esiste l'uccello nascosto,
ne' il fiore segreto, ma solo trilli e profumi per i due compagni:
un mondo inumidito dalle distillazioni della notte,
una galleria verde e poi un gran prato,
una raffica di vento aranciato,
il sussurro delle radici,
la vita che procede,
e l'antica amicizia,
la felicità d'essere cane e d'essere uomo trasformata in un solo animale
che cammina muovendo
sei zampe e una coda
con rugiada.

PABLO NERUDA


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lascia il peso
Postato da Grazia01 il Martedì, 28 ottobre @ 19:27:47 CET (445 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno











Un uccello non può volare alto o lontano con una pietra legata sul dorso.
Ma lascia andare l’impedimento e sarai libero di librarti ad altezze senza precedenti.

Alan Cohen

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Abitudine
Postato da Grazia01 il Martedì, 28 ottobre @ 08:27:35 CET (577 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








Girando sempre su se stessi, vedendo e facendo sempre le stesse cose,
si perde l'abitudine e la possibilità di esercitare la propria intelligenza.
Lentamente tutto si chiude, si indurisce e si atrofizza come un muscolo.
.
ALBERT CAMUS

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Nell’uovo [ 0 commenti - 8 letture ]
 A tutte le donne [ 0 commenti - 8 letture ]
 "Fazzoletti Rossi" di Maria Facci [ 1 commenti - 29 letture ]
 Milano [ 0 commenti - 20 letture ]
 A volte [ 0 commenti - 14 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 21
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy