Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 167
Totale: 167
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Stories Archive
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: News
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: coppermine
22: News
23: Stories Archive
24: Home
25: coppermine
26: Home
27: Search
28: Forums
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: News
34: coppermine
35: Home
36: Home
37: coppermine
38: Stories Archive
39: News
40: coppermine
41: Home
42: Home
43: Stories Archive
44: Home
45: coppermine
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: coppermine
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: coppermine
73: coppermine
74: Home
75: Home
76: Home
77: coppermine
78: Home
79: Home
80: coppermine
81: Stories Archive
82: Home
83: Home
84: Forums
85: Home
86: coppermine
87: Home
88: News
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: coppermine
94: Home
95: Home
96: coppermine
97: News
98: News
99: Home
100: Home
101: coppermine
102: Home
103: News
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Stories Archive
110: Home
111: News
112: Home
113: Home
114: Home
115: Search
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: coppermine
125: Stories Archive
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: coppermine
137: Search
138: Home
139: Home
140: News
141: Home
142: Search
143: coppermine
144: Home
145: Home
146: News
147: coppermine
148: Home
149: Home
150: Home
151: News
152: Home
153: Home
154: News
155: coppermine
156: coppermine
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: coppermine
162: coppermine
163: Home
164: Home
165: News
166: coppermine
167: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8880
  · Viste: 1580207
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Che importa!
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 giugno @ 18:55:59 CEST (464 letture)
Ricerche d'autore






Che importa!


A notte
il cielo
apre la sua anima
alle stelle alla deriva
che
assetata di luce
sospirano
nel silenzio dell'Infinito.
Gli occhi
di ore remote
ricuciono
sorrisi a lacrime,
ma che importa
se ogni notte
i ricordi
si vestono di stelle
e ti regalano
baci di attimi... ma veri...


Vincenzo Bongiorno

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Difetti - No, non è una parola
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 giugno @ 19:08:12 CEST (412 letture)
Poesie di Teasdale









Difetti

Vennero ad elencarmi i tuoi difetti_
ad uno ad uno, li dissero tutti;
risi forte quando ebbero finito:
li conoscevo tutti a menadito.
Erano troppo ciechi per capire
che i tuoi difetti accrescono il mio amore.

Sara Teasdale




No, non è una parola


Oh no che non è una parola,
ben poco da dire ci resta:
e non è nemmeno una sola
occhiata, né un cenno di testa.
È solo un silenzio del cuore
che ha un carico troppo pesante,
è solo il risveglio di tante
memorie dal tenue sopore


Sara Teasdale

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IL COLORE DEI SOGNI
Postato da rosarossa il Domenica, 22 giugno @ 12:20:38 CEST (490 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX










IL COLORE DEI SOGNI

Brucia l’aria di una calda estate
il cuore trepidante attende, trema.
Incantevoli sogni, inebrianti profumi
svariati fiori, una miriade di colori
disegnano della felicità l’emblema!
E’ questo l’amore?
Brulica il sangue di emozioni.
Il cuore spera!
si apre il cielo, si apparta il sole
fanno spazio ai sogni e ai loro voli
fra i sogni danzanti appare Dio.
Se vuoi un consiglio, non t’innamorare!
L’eterno vero amore che non delude
sono Io.


Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 16 giugno 1890 nacque STAN LAUREL,
Postato da Grazia01 il Domenica, 15 giugno @ 17:06:04 CEST (1024 letture)
Cinema





Il 16 giugno 1890 nacque a Ulverston l’attore e comico inglese STAN LAUREL, noto in Italia come Stanlio, il cui vero nome era Arthur Stanley Jefferson, è stato un attore, comico, regista, produttore cinematografico e sceneggiatore inglese.
Stan Laurel, lo Stanlio del duo comico Stanlio & Ollio , "è considerato uno dei più grandi attori comici di tutti i tempi; agilissimo nella sua fisicità e geniale nell'invenzione comica, ha innovato profondamente il modo di recitare la comicità per le sue capacità di rendere ricco di particolari intriganti un individuo "apparentemente stupido. I suoi giochi di parole molto spesso erano frasi semplici, ma venivano espresse con variopinte e bizzarre combinazioni."




La sua famiglia era letteralmente immersa nel mondo dello spettacolo; il padre, Arthur J. Jefferson (1862-1949), era infatti un artista multiforme: attore, autore, regista, impresario di alcuni teatri inglesi; la madre, Madge Metcalfe, era un'attrice drammatica, molto apprezzata da pubblico e critica.
Il piccolo Stan, al secolo Arthur Stanley Jefferson, era un vivace bambino con una grande voglia di ridere e far ridere, a volte anche nei luoghi meno adatti come durante le lezioni a scuola: un comportamento questo che certo non giovò molto ai suoi studi. Stanley fu uno studente irregolare, anche perché la sua famiglia cambiava a volte città, seguendo la carriera zingaresca del padre, che mise fine al suo girovagare solo nel 1901, stabilendosi definitivamente a Glasgow, in Scozia. Un anno prima, nel 1900, Stan ebbe l'occasione di esibirsi a North Shields per la prima volta in pubblico, durante la parata militare per celebrare la liberazione della cittadina di Mafeking dall'assedio avvenuto durante la Seconda Guerra Boera (1899).
Stan dovette aspettare il 1906, quando aveva appena 16 anni, per un vero debutto in un teatro e per giunta di nascosto dal padre, che avrebbe preferito un figlio impresario e non attore, e soprattutto non attore comico. Grazie a Albert Pickard, proprietario del teatro Britannia Theatre di Glasgow, Stan ebbe l'opportunità di partecipare ad uno spettacolo di Music-Hall dove ricevette grandi applausi per un numero che secondo lui era invece "terribile".



Stan andò in America e tentare la fortuna. Si unì ad ex membri della compagnia di Karno, stavolta con una coppia di marito e moglie: Edgar ed Ellen (Wren) Hurley, con i quali formò il gruppo "The Three Comiques", nome poi cambiato in "The Keystone Trio": con quest'ultimo nome, Stan e gli Hurley portavano in scena le comiche di Charlot, con il ruolo del vagabondo affidato ovviamente a Stan, il quale conosceva benissimo, avendoci recitato insieme nel teatro di varietà, la mimica di Chaplin dei primi anni 1914-15.



La svolta avvenne nel 1917. Durante una tappa della tournée Stan conobbe una giovane cantante australiana, Mae Dahlberg, con la quale ebbe una relazione non solo artistica. Stan lasciò il trio per unirsi a lei formando lo "Stan and Mae Laurel". Le fonti concordano nel riferire che è grazie a lei se Stan cambiò il suo cognome (13 lettere - Stan Jefferson - un po' troppo per un attore superstizioso come lui) con "alloro" (Laurel, in inglese), scegliendolo per puro caso da un libro di storia. Stan girò molte comiche da uno-due rulli ottenendo un buon successo come "Nuovo comico", gettando nel dimenticatoio i suoi inizi nel cinema di pochi anni prima, in seguito fu scritturato come regista di serie avendo a disposizione attori come James Finlayson, Clyde Cook, persino Theda Bara, e Oliver Hardy, passato alla Roach dopo una lunga gavetta come "freelance". Il primo film che Stan diresse, Yes Yes Nanette, aveva Finlayson e Hardy come attori, e questo fu il primo film che Stan e Oliver fecero insieme alla Roach; è indubbio che questa loro collaborazione giovò molto al nascere della loro amicizia, cominciando a recitare assieme con grande complicità.



Il destino era ormai pronto a formare Stan e Oliver come attori di coppia. Nel 1926, a giugno, le riprese di Get 'Em Young con Stan regista non iniziarono bene: uno degli attori, Oliver, non poté parteciparvi perché a tre giorni del primo ciak si fece male a casa sua mentre cucinava un cosciotto d'agnello, ustionandosi seriamente un braccio. F. Richard Jones, supervisore e regista, chiese a Stan di prendere il suo posto, ma questi rifiutò, temendo per il suo ruolo di regista.
Un aumento di stipendio, e la sicurezza di conservare la parte "creativa" dei suoi film, lo convinsero a prendervi parte. In questo film Stan, nella parte del maggiordomo di Harry Myers, inaugurò il suo tipico pianto isterico: un manierismo infallibile per risolvere un punto morto della scena. Piaceva molto a Roach ma non era dello stesso parere Stan, che non amava le soluzioni facili, che detestava ricorrere a questa scenetta di ripiego.
Tornato attore, fu quasi inevitabile incontrare Hardy sul set. Il primo film girato insieme, Duck Soup (1927), era basato su un vecchio sketch (1908) del padre di Stan: i loro ruoli in coppia erano lontanissimi da quelli interpretati dai futuri Stanlio e Ollio, ma è ugualmente sorprendente il vederli già così definiti: nelle posizioni di vittima (Stan) e padrone (Ollie), salvo poi quest'ultimo a diventare vittima stessa della forza distruttrice del primo. Seguirono altri film girati insieme, ma divisi dalla trama: se Stan o Finlayson coprono il ruolo di protagonista, Oliver non va oltre il suo ruolo di "cattivo", o di caratterista ciccione (heavy).



Statua colossale dedicata a Stan Laurel

Si provò anche un film di coppia vero e proprio senza nulla di definitivo, come Do Detectives Think? (1927), dove debuttarono nei loro abiti poi diventati celebri: giacca, cravatta e bombetta. Il pubblico trovava più divertenti le loro scene insieme (come accadde in Slipping Wives o in Sailors, Beware!) che tutto il film da separati, e di questo se ne accorsero un po' tutti quanti, alla Roach.
Come andarono le cose è storia nota: nel giugno del 1927, con un copione di 19 pagine scritto da Leo McCarey, Stan Laurel e Oliver Hardy girarono il loro primo film in coppia, The Second Hundred Years. Questo coincise con il passaggio di Roach dalla Pathé (che distribuiva anche le comiche del suo grande rivale, Mack Sennett) alla Metro-Goldwyn-Mayer.
Per tutta la seconda metà del 1927, Laurel e Hardy formarono i due personaggi che oggi ben conosciamo: due ingenui, bistrattati da tutti, potenzialmente sciocchi ma candidamente volenterosi di unirsi al mondo esterno con un lavoro (che non sanno fare), con un matrimonio (che non sanno gestire), passando una giornata (che non sanno passare senza scatenare - non per primi - un litigio, una distruzione di un luogo etc.), vivendo insieme come due amici inseparabili nonostante la continua instabilità. Stanlio e Ollio sono due bambini nel corpo di adulti, impregnati da un'anima buona quanto distruttrice. La loro novità era nei caratteri dei loro personaggi, come due fumetti a cui è stata data la grande possibilità di prender vita: Stanlio, assente e piagnucoloso, è magro e non sa stare al suo posto, mentre Ollio, grasso e dal viso tondo con uno sguardo sconsolato, tiene molto alla sua dignità con gesti eleganti quanto ridicoli. Il loro successo esplose - letteralmente - come prima non era mai accaduto.




Il primo film sonoro fu Unaccustomed As We Are, uscito nel maggio del 1929. Accadde che se il parlato non fu un problema artistico, fu invece un problema economico: infatti il doppiaggio non era stato ancora inventato, e non era stata ancora trovata una soluzione per il mercato non americano. L'unica soluzione sembrò essere quella di girare i film nelle lingue interessate: Laurel & Hardy girarono così le loro comiche in spagnolo, italiano, tedesco e francese, scatenando però una maggiore ilarità per il pubblico straniero siccome i due facevano della lingua straniera un terribile pasticcio, storpiando parole e sbagliando gli accenti. Questo contribuì moltissimo alla loro popolarità in Europa, soprattutto in Italia che mantenne nel doppiaggio, adottato anche da noi nel 1932-1933, questo loro italiano buffissimo.
Da settembre a dicembre del 1940, la coppia girò dodici città americane facendo il tutto esaurito. Il cinema si affacciò a loro nel 1941: L&H firmarono un contratto non esclusivo con la 20th Century Fox, ignari del blocco creativo che avrebbero incontrato sin dal primo film, Great Guns. Finito il primo film della Fox, Laurel e Hardy tornarono sul palcoscenico visitando le basi americane nel novembre-dicembre 1941. Ripresero gli spettacoli di rivista tra gennaio e marzo del 1942.
Il 7 agosto 1957, all'età di sessantacinque anni, morì Hardy, e con lui finì una coppia irripetibile.
Laurel morì alle 13.45 del 23 febbraio 1965, all'età di 74 anni, in un appartamento dell'Hotel Oceana a Santa Monica. Dopo la cremazione, venne seppellito al cimitero di Forest Lawn Memorial Park (Hollywood Hills).
Stan Laurel è stato un vero genio della risata, capace di trarre da ogni spunto elementi per destare ilarità. Ironizzava in modo intelligente e raffinato sulla gente, sul mondo e sulla vita, ma prima di tutto su sé stesso. Si dice che egli, in punto di morte, si sia rivolto all'infermiera dicendole:

"Mi piacerebbe essere in montagna a sciare in questo momento!"
Infermiera:
" Le piace sciare Signor Laurel? "
Laurel:
"No, lo detesto... ma è sempre meglio che stare qui!"




commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Senza di te
Postato da Grazia01 il Domenica, 15 giugno @ 08:16:16 CEST (1268 letture)
Video
Questa canzone è stata scritta per il figlio,
a me emozionano sia le parole che la voce seppure
è di un autore che di solito non fa il cantante.

Buona domenica



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


SI OSCURA IL CIELO
Postato da rosarossa il Sabato, 14 giugno @ 19:29:16 CEST (858 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX











SI OSCURA IL CIELO



Un impetuoso temporale estivo!
rombi di tuoni fanno sussultare di paura,
lampi squarciano un cielo tenebroso
che all'istante sembra un oceano di luce, ma
di certo non appaiono le stelle!
Si cruccia ancora mostrando le sue ire
versa sulla terra, acqua a catinelle.
Dei campi piega le piante, strappa i fiori,
degli alberi le foglie fa languire,
ma viene la quiete, sorride ancora il cielo, è
solo lo scherzo di un estivo temporale.
Un maestoso arcobaleno allarga
le sue ali cince il cielo e lo
arricchisce con una miriade di colori,
un tenue sole si adagia sugli alberi,
un frizzante venticello spazza via residui di nuvole.
La terra sorbe piano piano l'acqua, si ricompone.
Estasiata guardo quei colori coi
quali si armonizza il mio pensiero
li vedo sfolgoranti, vivi, belli;
ma ne vedo tanti ombrati, alcuni sono
grigi, anche neri!
L'anima si trastulla fra bei ricordi e
tristi melanconici pensieri.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L’ABBRACCIO
Postato da rosarossa il Venerdì, 13 giugno @ 12:20:28 CEST (1188 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX







L’ABBRACCIO

Un abbraccio senza parole, racconta in pochi secondi
un immenso poema d’amore!
Si fondono reciproche emozioni e
canta il cuore.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Nessuna poesia potrebbe offuscare ...
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 giugno @ 20:23:18 CEST (631 letture)
Un pensiero al giorno








Nessuna poesia potrebbe offuscare
la bellezza d’una limpida sera di estate,
i grilli in lontananza, un buon libro tra le mani,
la luce di una candela e quella sensazione
che il mondo sia racchiuso in quell'istante.

STEPHEN LITTLEWORD




Buonanotte e serena settimana
Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Coltivo una rosa bianca
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 giugno @ 07:25:45 CEST (497 letture)
Ricerche d'autore









Coltivo una rosa bianca
a giugno come a gennaio
per l’amico sincero
che mi tende la sua mano.
E per il crudele che mi strappa
il cuore con cui vivo,
non coltivo né cardo né ortica;
coltivo la rosa bianca.

JOSE' MARTI'

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


O datemi qualcuno che mi ascolti
Postato da Grazia01 il Venerdì, 06 giugno @ 18:38:27 CEST (804 letture)
Ricerche d'autore









O datemi qualcuno che mi ascolti,
ché di parole straripo.. qualcuno
che mi prenda per mano e dei sepolti
dei fatti polvere e niente al raduno
mi porti... di occhi ho paura... di volti...
Non mi restava ormai niente e nessuno,
e come sanguinando intorno intorno
pesantemente in me cadeva il giorno.

Patrizia Valduga

Patrizia Valduga, poetessa italiana, nata nel 1953 a Castelfranco Veneto,
moglie del poeta e critico letterario Giovanni Raboni,
fondatrice della rivista mensile Poesia,
ha scritto diverse raccolte di poesie:
Medicamenta, La tentazione, Donna di dolori,
Requiem, Corsia degli incurabili, Cento quartine d'amore.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


MALEDETTO TRENO
Postato da rosarossa il Giovedì, 05 giugno @ 20:32:33 CEST (1141 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX








MALEDETTO TRENO

Mamma cara, tu sola hai condiviso il mio dolore. Vivo e vivrò sempre nel ricordo
di quella lontana mattinata di settembre!
Io, adolescente, la valigia in mano e il
il treno pronto per la mia partenza.
Era ancor buio, l'orologio batteva già le cinque, nel chiaro scuro fra la notte e il giorno, in cielo, ancora sfavillavano le stelle. Un fischio, un brivido e quel maledetto treno, mi staccò dal tuo abbraccio tremante, mentre lacrime amare solcavano le dune del tuo volto... Il treno si muove, pronto alla partenza, fai un disperato cenno, quasi per fermarlo.
Io ti sorrisi amaramente, poi guardai il cielo, le lontane stelle lentamente dileguarono bellezza e bagliore dirottando per sempre il mio destino! Uno sguardo d'intesa, l'ultimo saluto.
Mamma addio!
Obbligata fui a lasciare il vero amore.
Rassegnata vivrò la mia esistenza
nella delusione, nella tristezza, nel dolore...

Rosarossa

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Due cose riempiono l’animo di ammirazione...
Postato da Grazia01 il Giovedì, 05 giugno @ 20:15:27 CEST (830 letture)
Un pensiero al giorno











Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. Queste due cose io non ho bisogno di cercarle e semplicemente supporle come se fossero avvolte nell'oscurità, o fossero nel trascendente fuori del mio orizzonte; io le vedo davanti a me e le connetto immediatamente con la coscienza della mia esistenza. La prima comincia dal posto che io occupo nel mondo sensibile esterno, ed estende la connessione in cui mi trovo a una grandezza interminabile, con mondi e mondi, e sistemi di sistemi; e poi ancora ai tempi illimitati del loro movimento periodico, del loro principio e della loro durata. La seconda comincia dal mio io indivisibile, dalla mia personalità, e mi rappresenta in un mondo che ha la vera infinitezza, ma che solo l’intelletto può penetrare, e con cui (ma perciò anche in pari tempo con tutti quei mondi visibili) io mi riconosco in una connessione non, come là, semplicemente accidentale, ma universale e necessaria. Il primo spettacolo di una quantità innumerevole di mondi annulla affatto la mia importanza di creatura animale che deve restituire al pianeta (un semplice punto nell'Universo) la materia della quale si formò, dopo essere stata provvista per breve tempo (e non si sa come) della forza vitale. Il secondo, invece, eleva infinitamente il mio valore, come [valore] di una intelligenza, mediante la mia personalità in cui la legge morale mi manifesta una vita indipendente dall'animalità e anche dall'intero mondo sensibile, almeno per quanto si può riferire dalla determinazione conforme ai fini della mia esistenza mediante questa legge: la quale determinazione non è ristretta alle condizioni e ai limiti di questa vita, ma si estende all'infinito.

Immanuel Kant, Critica della ragion pratica

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Smile
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 28 maggio @ 11:53:13 CEST (525 letture)
Video



Sorridi anche se il tuo cuore soffre
Sorridi anche se sei triste
Quando ci sono nuvole nel cielo, spera nel futuro
Se sorridi attraverso la tua paura e il dolore
Sorridi e forse domani
Vedrai il sole splendere per te

Illumina il tuo viso con gioia
Nascondi ogni traccia di tristezza
Anche se una lacrima ti preme negli occhi
E'il momento di continuare a sperare
Sorridi, a che serve piangere?
Troverai che vale ancora la pena vivere
Se solo sorridi...

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ogni giorno nasce un artista - 26 maggio
Postato da Grazia01 il Lunedì, 26 maggio @ 19:13:26 CEST (718 letture)
Ricerche d'autore



Il 26 maggio nacquero




Aganòor Pompilj Vittoria. - Poetessa (Padova 26 maggio 1855 - Roma 1910); di famiglia d'origine armena, sposò nel 1901 il deputato e giurista umbro Guido Pompilj, che alla morte di lei si uccise. Ebbe a maestro G. Zanella, e poi, a guida letteraria, E. Nencioni, cui fu carissima. La sua poesia, di uno spiritualismo che, pur risentendo di una certa atmosfera decadente, è testimonianza di un'autentica ansia di ricerca, toccò le sue note più alte nei toni elegiaco-amorosi della prima raccolta, Leggenda eterna (1900),

Casimiro Piccolo nacque a Palermo il 26 maggio 1894, figlio del barone Giuseppe e di donna Teresa Tasca Filangeri di Cutò. Ebbe per fratelli Agata Giovanna, botanica e Lucio, poeta di fama. Era cugino di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Fin da giovane manifestò uno spiccato interesse per la pittura, la fotografia e, soprattutto per le dottrine occultiste. Aderì allo spiritismo propugnato da Allen Kardec e rimase affascinato dagli insegnamenti della Blavatsky. Frequentò i salotti della città ed i circoli della Società Teosofica. La separazione improvvisa dei genitori, nel 1932 a causa determinò il trasferimento dei figli con la madre a Capo d’Orlando. I Piccolo, solo apparentemente isolati, seppero tenersi in stretto contatto con le correnti più vive della cultura europea. Ne è dimostrazione la biblioteca di famiglia.



acquarello di Casimiro Piccolo

Vecchia casa lontana,
aperta su quel prato
che il fiumicel chiudea come monile
tremulo, rispecchiante
statue brune dal muscoso plinto;
e di là dal recinto,
di pennuti cantor reggia felice,
le folte, antiche piante,
verdi asili romiti,
per me già sognatrice,
di pensieri, di fascini, d' inviti….

Aganòor Pompilj Vittoria




acquarello di Casimiro Piccolo


Luna, i bei tempi andati
sempre mi stanno in cor
quando al tuo dolce albor
gli occhi volgea.


Laghi, montagne e prati
diffusi di seren
nel candido tuo sen
scorger credea.


Scorger credea la danza
d' alati abitator.
Oh come sogna il cor
quando è contento!

Aganòor Pompilj Vittoria



acquarello di Casimiro Piccolo


Triste, deserta stanza,
cupo cinereo mar
ora quel tuo m' appar
disco d' argento.


Ed or coi rai bagnati
di memore dolor,
Luna, il tuo mesto albor
seguo pel cielo.

Aganòor Pompilj Vittoria



acquarello di Casimiro Piccolo


Link Aquarelli di Casimiro Piccolo






Mike Bongiorno, può essere considerato un artista, un artista d'altro genere, un grande del piccolo schermo
Il Signore della TV avrebbe oggi compiuto oggi 90 anni

Una carriera longeva e con una qualità sempre alta che lo pone come il conduttore più presente nella storia della TV che ne ha seguito la crescita e l’evoluzione senza perdere mai la capacità di rimanere al passo con i tempi: ha inventato il format dei quiz televisivi che non ha abbandonato passando dal Rischiatutto a TeleMike fino all’intramontabile La Ruota della fortuna, quindi il passaggio alla televisione commerciale con la nascita di Mediaset e Fininvest, nonché l’arrivo in Sky dove Mike avrebbe condotto sul canale 109 SKY Uno proprio 12 puntate del famoso Rischiatutto, ribattezzato per l’occasione RiSKYtutto,
ma tale programma, a seguito della morte del conduttore, non vedrà mai la luce.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Intrecci d'acqua, terra e cielo
Postato da Grazia01 il Sabato, 24 maggio @ 21:45:18 CEST (752 letture)
Ricerche d'autore






eBook n. 155 :: Intrecci d’acqua, terra e cielo, di F. Porta - A. Piasecka
LaRecherche.it [Poesia e fotografia]

Alberto Becca - 26/03/2014
In questi intrecci di parole e immagini, intrecci che scavano nella profondità nell’ animo umano, toccando sentimenti e ricordi, l’ acqua (pioggia ?) diventa "ponte ideale" fra terra e cielo, fra umano e divino, fra finito e infinito, fra realtà e fantasia: da sempre l’ acqua è stata feconda fonte di ispirazione di poeti, pittori, musicisti e fotografi : in questo pregevole lavoro l’ intreccio, il connubio immagine - poesia si fa sempre piu’ stretto, fino a fondere le due entità, che si compenetrano, si completano, e proiettano il lettore nella dimensione dell’ acqua, metafora dell’ esistenza che scorre (come un fiume)e infine si perde(nel mare)attorniata dalla bellezza del creato. Una moderma e delicata ode all’ acqua, fonte di vita, di sogni, di speranze, ode alla sua sacralità e preziosità.


chi è interessato clicchi qui link
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sulle sabbie ...
Postato da Grazia01 il Giovedì, 22 maggio @ 20:49:03 CEST (476 letture)
Un pensiero al giorno






Sulle sabbie del deserto come sulle acque degli oceani non è possibile soggiornare,
mettere radici, abitare, vivere stabilmente.
Nel deserto come nell'oceano bisogna continuamente muoversi, e così lasciare che il vento,
il vero padrone di queste immensità, cancelli ogni traccia del nostro passaggio,
renda di nuovo le distese d'acqua o di sabbia, vergini e inviolate.

Alberto Moravia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lilly Manassero
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 21 maggio @ 19:20:57 CEST (980 letture)
Ricerche d'autore





LA STRADA

La strada che porta al paese
s’inerpica dentro il mio cuore,
mi costringe a girare il volante
per assecondare la linea bizzarra delle curve.

Il passato è un tiranno dalle ali di drago,
brucia dentro con il suo fuoco impietoso.
Anche stavolta avrei pianto, lo sapevo.
Dighe che rompono ogni indugio lavano il viso.

Nella vita non si torna mai a capo
si rincorrono profili di confini
illuminati dal sorgere del sole.
E pulsa di tamburi nelle vene
il sangue trafugato agli avi.

Un tempo, che non è più lo stesso,
c’era qualcuno dietro la porta
mai chiusa a doppia mandata.
Un tempo tornare era venire a casa.

Adesso le mura denudate di quella vita
sono ben poca cosa
che vien voglia di compiere
la strada a ritroso.

E scappare, scappare…
aspettando la fine.
Quella pace
dietro le colline.

Lilly Manassero



L’ALBA FUORI ALBA

Il rosso di quest’alba mi violenta
di bellezza.
Esplode e poi scolora.
Non serve correre,
affondare di piede sull’acceleratore.
Il rosso è già arancione
nel fondale di questa commedia
impazzita che è la vita.
Alba in galleria non vedrà quest’alba,
in platea il paese vede ma non capisce.

Lilly Manassero





Nata a Benevello, paese delle Langhe, Lilly Manassero vive da diversi anni ad Alba. Dopo aver esordito con due raccolte di poesie: “Di Langa, d’amore, di vita” e: “La moltiplicazione dei soli”, pubblicate dall’associazione culturale “Il nostro teatro di Sinio” è passata alla narrativa. Ha al suo attivo il romanzo d’esordio: “L’urlo nel pozzo” (vincitore del: “Premio Reis encreuse”) e “Soltanto un uomo”, entrambi editi da Araba Fenice. Attualmente sta lavorando al suo terzo romanzo.


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ritornare sui posti della vita passata
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 21 maggio @ 19:15:23 CEST (526 letture)
Un pensiero al giorno










Ritornare sui posti della vita passata a compiere verifiche e rievocazioni è sempre un passo sbagliato.
Non si aggiunge nulla ai ricordi e anzi si guasta il lavoro della memoria, si confondono le immagini già chiare
che il tempo ha composto e si smentisce la pura verità della favola nella quale tutto può ancora vivere.
Ma si vuole forse ritornare proprio per farla finita coi ricordi, per rimestarli, appesantirli,
metterli in condizione di colare a fondo e di perdersi finalmente nel passato.
È col ritorno che si pone per sempre una pietra sugli anni che non ci somigliano più.

Piero Chiara

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il bene e il male
Postato da Grazia01 il Lunedì, 19 maggio @ 20:13:56 CEST (368 letture)
Un pensiero al giorno








Adesso, che ho superato già tanti dolori e posso leggere il mio destino come una mappa piena di errori,
quando non sento nessuna compassione di me stessa e posso passare in rassegna la mia esistenza
senza sentimentalismi, perché ho trovato una relativa pace, lamento soltanto la perdita dell'innocenza.
Mi manca l'idealismo della gioventù, del tempo in cui esisteva ancora per me una chiara linea divisoria
tra il bene e il male e credevo che fosse possibile agire sempre in accordo con principi inamovibili.

ISABEL ALLENDE

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ambiguità delle nostre lingue
Postato da Grazia01 il Domenica, 18 maggio @ 21:12:46 CEST (618 letture)
Un pensiero al giorno









L'ambiguità delle nostre lingue, la naturale imperfezione dei nostri idiomi,
non rappresentano il morbo postbabelico dal quale l'umanità deve guarire,
bensì la sola opportunità che Dio aveva dato ad Adamo, l'animale parlante.
Capire i linguaggi umani, imperfetti e capaci nello stesso tempo di realizzare
quella suprema imperfezione che chiamiamo poesia,
rappresenta l'unica conclusione di ogni ricerca della perfezione.

Umberto Eco

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sempre, in tutta la mia vita
Postato da Grazia01 il Sabato, 17 maggio @ 19:25:59 CEST (573 letture)
Un pensiero al giorno







Sempre, in tutta la mia vita, ho avuto grande curiosità per ogni cosa,
non solo per l'uomo, che ho guardato vivere ai quattro angoli della terra,
o per la donna, che ho inseguito quasi dolorosamente tanto era forte,
e spesso lancinante, il bisogno di fondermi con lei;
ero curioso del mare e della terra,
che rispetto come un credente rispetta e venera il suo dio,
curioso degli alberi, dei più minuscoli insetti,
della più piccola creatura vivente, ancora informe,
che si trova nell'aria o nell'acqua.

Georges Simenon


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Maria Gaetana Agnese, scienziata o santa?
Postato da Grazia01 il Venerdì, 16 maggio @ 21:54:54 CEST (1269 letture)
In ricordo

Maria Gaetana Agnese, scienziata o santa?

Google le dedica la pagina nel suo 296° anniversario della nascita.



Le Instituzioni Analitiche ad uso della Gioventù Italiana, di D. na Maria Gaetana Agnesi Milanese appaiono “in Milano, MDCCXLVI Il, nella Regia Ducal Corte, con licenza de’ Superiori” e vengono presto tradotte in varie lingue. Il successo è immenso, nonostante la contemporanea pubblicazione di un’opera analoga di Eulero. I dotti dell’Accademia Reale di Francia lodano il libro dell’Agnesi come opera avanzatissima e la migliore mai apparsa nel genere. L’Europa intera è in ammirazione davanti alla giovane scienziata. Si scomoda perfino l’imperatrice Maria Teresa, che invia alla dotta suddita un anello di brillanti in un prezioso cofanetto: e questa volta l’inalterabile Gaetana si commuove davvero. Conserverà gelosissimamente quel dono e l’avrà caro più di ogni altra cosa al mondo... o quasi.
La gloriosa università di Bologna, all’unanimità, offre una cattedra di analisi matematica a “Caietana Agnesi Nobilis Virgo Mediolanensis”, ma la nobile signorina milanese, pur ringraziando dell’onore, non l’occuperà mai. Graditissimo le giunge il plauso del papa Benedetto XIV, accompagnato da benedizioni e doni preziosi. “Son contentissimo” scrive simpaticamente papa Lambertini “di vedere che venga impiegato il bel sesso alti progressi delle scienze e de’ talenti. Vi esorto a formare delle compagne che vi somiglino; affinché resti ognuno persuaso che voi valete quanto noi, quando volete studiare. L’anima diventa frivola quando non pensa che a nastri, e pennacchi; ma essa è sublime allorché sa meditare. Vi accerto che avrei gran piacere squadernando nelle librerie di trovare presso de’ nostri dottori delle donne stimabili, le quali avessero occultato il loro sapere colla modestia. In questo modo potrebbero le donne abitare nel palazzo de’ Papi”. Non c’è male, per un papa del settecento.
Ma quando la nobile signorina Agnesi è all’apice della gloria, ecco all’improvviso il colpo di scena. Tutti si aspettano nuove meraviglie, e lei, con grande semplicità, come chi ha compiuto un dovere ed è libero di passare ad altro, chiude il capitolo “scienza”, e volta pagina. “Appena ebbe soddisfatto al bisogno di alleviare la mente dalle raccolte cognizioni e scoperte, e commetterle alla società, più non vi pensò, e cesse solo al desiderio di carità e di beneficare gli uomini” commenta l’enciclopedista milanese.
E la matematica? La filosofia? Acqua passata, senza rimpianti. Qualcuno si ricorda della grande scienziata, ma viene cortesemente scoraggiato. L’Accademia di Torino, ad esempio, le ha chiesto di esaminare i lavori di Lagrange intorno al calcolo delle variazioni, ma lei se ne scusa adducendo “le sue serie occupazioni” (sappiamo quali). La grande Agnesi non ha però abdicato alla sua intelligenza; l’ha solo rivolta ad altre sfere. Silenziosamente, e senza titoli accademici, è diventata teologa. A chi si rivolge il cardinal Pozzobonelli, arcivescovo di Milano, per decidere sull’ortodossia di uno scritto sulla politica e la religione? A lei. Particolare poco noto, tiene anche lezioni pubbliche di catechismo. Donna e laica: un bel primato. Un altro primato.
Dio e il prossimo. Come altre grandi menti prima di lei, Gaetana è approdata all’unica “scienza” definitiva, a un infinito che nessun simbolo matematico può esprimere.
Gaetana Agnesi: “santa tutta milanese”. Cervello e cuore. E lavoro infaticabile. Ma non pare che sia nell’aria un processo di beatificazione. Vi farebbe ostacolo, burocraticamente, anche l’impossibilità di una “ricognizione” del corpo. Gaetana è sepolta chissà dove, in una fossa comune, confusa tra un gruppo di vecchiette del Pio Luogo. Erano le leggi del tempo, quelle che più tardi susciteranno lo sdegno poetico di Ugo Foscolo. “Morire alla Baggina”: i milanesi non sanno figurarsi, proverbialmente, una fine più umile di quella. Ma Gaetana è riuscita a fare anche di più, a scomparire del tutto. “Exinanivit semetipsam”.
La città ha dedicato a Gaetana Agnesi una breve via, fuori Porta Romana. A Ramiro Rampinelli nemmeno quella. C’è solo Via degli Olivetani, a San Vittore. Ma i bei chiostri in cui passeggiava don Ramiro ospitano oggi il Museo della Scienza e della Tecnica, e l’antico Ospedale Maggiore è sede dell’università milanese. A volte, la storia, tra le righe, fa un po’ di giustizia.

Elena Cristina Bolla
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Abbiamo tutti dentro un mondo di cose
Postato da Grazia01 il Venerdì, 16 maggio @ 12:22:38 CEST (570 letture)
Un pensiero al giorno
]










Abbiamo tutti dentro un mondo di cose: ciascuno un suo mondo di cose!
E come possiamo intenderci, signore, se nelle parole ch'io dico metto il senso
e il valore delle cose come sono dentro di me; mentre chi le ascolta,
inevitabilmente le assume col senso e col valore che hanno per sé,
del mondo com’egli l’ha dentro?
Crediamo di intenderci; non ci intendiamo mai!

Luigi Pirandello

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un giorno di luce
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 maggio @ 18:27:49 CEST (983 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II








Un giorno di luce

La notte viene prima del giorno
la luna sorge e se ne va
perché arriva lui il Sole
e la sua luce metterà in mostra
tutto ciò che la natura offre.
C'è una cosa però che non
può far vedere perché è dentro di te
nascosta tra i tuoi pensieri
e letta solo nei tuoi occhi.
Amore è una piccola parola
ma quante cose porta dentro di sé
che leggerai un po' alla volta
lungo tutto il percorso della tua vita.
Ed un giorno dirai......
.....c'ero anch'io vicino a te
ma tu
non mi sentivi e questo non solo nei tuoi
giorni felici ma anche quando i giorni
tristi hanno lambito la tua esistenza.
E allora vai, ama e sarai amata
ma io non dimenticherò mai il tuo amore.


r.chesini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Dammi il supremo conforto dell’amore
Postato da Grazia01 il Martedì, 13 maggio @ 18:19:49 CEST (865 letture)
Poesie d'autore II











Dammi il supremo conforto dell’amore,
questa è la mia preghiera.
Il conforto che mi permetterà di parlare,
agire, soffrire secondo la tua volontà,
e di abbandonare ogni cosa per non essere
lasciato a me stesso.
Fortificami nei pericoli, onorami con la tua sofferenza
aiutami a percorrere i cammini difficili
del sacrificio quotidiano.

Dammi la suprema confidenza dell’amore,
questa è la mia preghiera.
La confidenza nella vita che sfida la morte,
che cambia la debolezza in forza,
la sconfitta in vittoria.
Innalzami, perché la mia dignità, accettando l’offesa,
disdegni di renderla.

R. Tagore

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gli anni passano in silenzio
Postato da Grazia01 il Martedì, 13 maggio @ 07:23:33 CEST (935 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II








Gli anni passano in silenzio

e scrivono la storia.

Unito al presente c’è il futuro

che incomincia oggi

vicino a te che mi guardi

con i tuoi grandi occhi

pieni di mistero e di quel mondo

che tu solo conosci e che tieni dentro te.

Ma un giorno verrà che tu

aprirai il tuo cuore ed io sarò lì

ad aspettarti,nella speranza di essere

da te accolto.

Cercami e mi troverai

per scrivere insieme quel presente

che diventerà l’inizio della nostra storia.


r.chesini

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Auguri a tutte le mamme
Postato da Grazia01 il Domenica, 11 maggio @ 11:36:29 CEST (594 letture)
Messaggi II






Leggi Tutto... | 5172 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ogni giorno nasce un artista - Nati il 10 maggio
Postato da Grazia01 il Sabato, 10 maggio @ 20:34:07 CEST (1639 letture)
Ricerche d'autore




Nati il 10 maggio





Il 10 maggio 1914 nacque Umberto Bellintani, poeta italiano morto nel 1999
Il poeta era talmente legato alla sua terra mantovana da non riuscire a staccarsene né dopo l’esperienza della guerra in Africa e della prigionia in Germania e nemmeno dopo aver frequentato il mondo intellettuale milanese negli anni Cinquanta e Sessanta, che lo accoglie con entusiasmo ed esalta la sua originale voce poetica – pubblica la prima raccolta “Forse un viso tra mille” nel 1953 – ma che non risponde al suo profondo bisogno di verità. E presto lo abbandona per tornare al suo paese, S. Benedetto Po, dove resta sino alla fine della sua vita, e dove per vivere, lavora come segretario in una scuola. Una vita che segue la monotonia del quotidiano, ma si illumina nel sognare viaggi dall’altra parte del mondo, che si scontra con la durezza della povertà ma si intenerisce con la ricchezza dell’ispirazione poetica. Protagonista della prima raccolta poetica di Bellintani è la pianura mantovana, con il grande fiume, lungo le cui rive e dentro le cui acque si vive e si muore. Ricordi di giochi d’infanzia, di compagni d’avventure, di notti incantate si intrecciano ai lamenti delle madri di bimbi annegati, ai rimandi ad altri fiumi sugli scenari di guerra, alla memoria mitizzata di paesaggi e genti d’Africa, che impregna la sua poesia con immagini di virile nostalgia, ancor più suggestive in quanto evocatrici di atmosfere e paesaggi popolati di enormi animali esotici, quasi mitici, di uomini e donne “naturali”, in totale sintonia e comunione con la natura circostante, di vegetazione rigogliosa. E sopra tutto ciò il riconoscimento dell’esistenza di un Dio che spesso invoca e osanna ma contro il quale altrettanto spesso violentemente inveisce. Anche la sua formazione artistica – si diploma in scultura nel 1937 all’Istituto d’arte di Monza con il maestro Marino Marini – si riconosce nella plasticità di molte sue immagini poetiche, che non sono rarefatte come pitture metafisiche, ma si impongono come blocchi di granito, nei quali la mano, robusta e delicata, modella un coccodrillo, un’anfora, un galletto tra le corna di un toro. A volte però la stessa mano traccia figure spaventose, quasi oniriche, ossessive immagini interiori che hanno tratti umani e animaleschi. La poesia di Bellintani sfugge ad una collocazione in una scuola o in una corrente; è molto di più. La voce arcana e primitiva dell’uomo che il quotidiano scontro con la realtà rende consapevole della perdita di un’origine mitica, alla quale guarda con nostalgia, ma senza rimpianto. Concretezza e fragilità, umiltà e grandezza, crudeltà della vita e tenerezza di sguardo.









Per un bambino che non conosce più i passeri

Urlavan lungi dei cani (o eran gufi?).
Urlavan lungi dei cani e c'eran gufi;
e come assassini i morti si muovevano rasenti i muri del cimitero
quando il ragazzino si trovò
solo solo nella notte.

E allora egli aveva un urlo strozzato nella gola,
ché un fruscio d'erbe lo soffocava come un serpente
e la luna veramente era cupa tra le fronde degli alberi.
Come assassini i morti si muovevano rasenti i muri e i fianchi degli argini,

e fu allora che il bambino perse l'uso della parola,
e perse la vista comune delle viole e dei giocattoli
e il senso naturale delle cose.

Così ora tentenna il capo e nei suoi occhi è una nuvola,
ma pare un angelo divino contemplante
profonde luci assorte in se stesso.

Povera madre che lo sorvegli lungo i sentieri del tuo orto
e ora lacrimi al suo riso ebete sugli asparagi,
io non so dirti s'è sfortuna a lui toccata
o s'è migliore la sua sorte, più benigna
che al fanciullo intento a suddividere
in bianchi e neri i dadi del suo gioco.






Dolce chiude l'ora di sera

Forse non esiste Dio. Forse
solo il rapporto
fra noi esiste e gli alberi
annosi o appena d'anni
uno e le erbe
e i coccodrilli e il buon tepore
della sera. Non v'è
che poi la morte ed altro ancora
innanzi ad essa da soffrire. Ma poi tutto
per lei si placa; e in noi s'alterna
timore d'essa e quieta attesa
del suo riposo:
così
oggi è da porre questo giorno fra non quelli
di sofferenza e sgomento: dolce chiude
l'ora di sera col risorgere di una
ampia stellata. Dunque
forse soltanto un dolcissimo rapporto
fra noi e il tutto fa ponte e il tempo passa
lento e veloce.


Umberto Bellintani
Leggi Tutto... | 11979 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Chi sei tu, lettore che leggi
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 maggio @ 22:18:30 CEST (816 letture)
Poesie d'autore II








Chi sei tu, lettore che leggi
le mie parole tra un centinaio d'anni?
Non posso inviarti un solo fiore
della ricchezza di questa primavera,
una sola striatura d'oro
delle nubi lontane.
Apri le porte e guardati intorno.
Dal tuo giardino in fiore cogli
i ricordi fragranti dei fiori svaniti
un centinaio d'anno fa.
Nella gioia del tuo cuore possa tu sentire
la gioia vivente che cantò
in un mattino di primavera,
mandando la sua voce lieta
attraverso un centinaio d'anni.

Tagore





Buonanotte e buon fine settimana

Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensieri, utopie, idee
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 maggio @ 18:55:17 CEST (750 letture)
Un pensiero al giorno







Quando un artista, uno scrittore o un giornalista è costretto a inchinarsi ai voleri dei ricchi capitalisti o alle autorità di governo, la sua libertà artistica è compromessa e perduta. E quando, è obbligato dalla paura o dal ricatto sociale o economico, o peggio ancora, quando volutamente svende la sua opera al potente di turno, è come vivere un rapporto incestuoso, la sua arte si priva dell’energia che la creazione artistica pretende. I compensi che i potenti elargiscono a questi uomini sono tali che ne comportano la morte artistica. Tutto si atrofizza, e nella sua decadenza e decomposizione, trascina l’umanità intera verso il nuovo medioevo.

da "PENSIERI UTOPIE IDEE"
Gregorio Asero
copyright legge 22 aprile 1941 n. 63

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Ottimismo [ 0 commenti - 7 letture ]
 Il 2 febbraio: Festa della candelora [ 0 commenti - 22 letture ]
 Il 21 gennaio 1941 nacque a Madrid Placido Domingo [ 0 commenti - 40 letture ]
 "Dintorni" di Anna Parodi [ 1 commenti - 78 letture ]
 Roberto Murolo nasce a Napoli il 19 gennaio 1912 [ 0 commenti - 42 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 12
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy