Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 356
Totale: 356
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: coppermine
04: News
05: Home
06: Home
07: Home
08: Search
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: News
16: coppermine
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: coppermine
31: Search
32: News
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: News
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: coppermine
51: Home
52: coppermine
53: Home
54: Home
55: Search
56: Home
57: Stories Archive
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: Stories Archive
66: Home
67: Home
68: Home
69: News
70: Home
71: coppermine
72: coppermine
73: Home
74: Home
75: Home
76: coppermine
77: Home
78: coppermine
79: Home
80: Home
81: News
82: coppermine
83: Stories Archive
84: News
85: coppermine
86: Home
87: Search
88: Search
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: coppermine
95: Home
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: Home
100: News
101: Home
102: coppermine
103: News
104: Home
105: Home
106: Forums
107: Home
108: Topics
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: coppermine
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: News
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: News
132: Home
133: coppermine
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Stories Archive
141: Home
142: Home
143: Home
144: coppermine
145: Home
146: Home
147: News
148: Home
149: Your Account
150: coppermine
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Search
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: News
170: coppermine
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: coppermine
177: Home
178: coppermine
179: News
180: Home
181: Home
182: News
183: Home
184: Home
185: coppermine
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Search
191: Home
192: Home
193: Home
194: News
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: coppermine
207: Home
208: Home
209: Home
210: Stories Archive
211: Search
212: News
213: Home
214: Home
215: Stories Archive
216: Home
217: coppermine
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: coppermine
226: Home
227: Stories Archive
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: coppermine
237: Home
238: News
239: Home
240: coppermine
241: Home
242: Home
243: Home
244: coppermine
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Search
253: Home
254: News
255: Search
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: Stories Archive
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: Home
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Stories Archive
275: Search
276: Home
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Forums
284: coppermine
285: Home
286: Home
287: Home
288: Search
289: Home
290: Home
291: Home
292: Home
293: Home
294: Search
295: Home
296: Home
297: News
298: Home
299: Stories Archive
300: Search
301: Your Account
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: News
307: Home
308: coppermine
309: Home
310: Home
311: Home
312: News
313: Home
314: Home
315: Home
316: Stories Archive
317: Home
318: Home
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: coppermine
326: coppermine
327: Home
328: News
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Forums
336: Home
337: Home
338: coppermine
339: coppermine
340: Home
341: Home
342: Home
343: Home
344: Home
345: Home
346: News
347: coppermine
348: Home
349: Home
350: Home
351: Home
352: Home
353: Forums
354: Home
355: Home
356: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9049
  · Viste: 1924122
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Nati il 20 settembre - Sofia Loren
Postato da Grazia01 il Sabato, 20 settembre @ 13:50:43 CEST (687 letture)
Cinema





Una splendida ottantenne

Sophia Loren, nome d'arte di Sofia Villani Scicolone, è un'attrice e cantante italiana.





È riconosciuta universalmente come una delle più celebri attrici della storia del cinema mondiale.
Nacque il 20 settembre del 1934 a Roma



Buon compleanno Sofia



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nati il 20 settembre - Stevie Smith
Postato da Grazia01 il Sabato, 20 settembre @ 13:45:55 CEST (416 letture)
Ricerche d'autore




Stevie Smith (Kingston upon Hull, 20 settembre 1902 – Londra, 7 marzo 1971) è stata una poetessa e scrittrice inglese.
Mai legata a particolari scuole o movimenti, ha descritto l'insofferenza nei confronti del suo tempo. Tra le sue raccolte poetiche, spesso arricchite da foto e illustrazioni, vi sono Tender only to one (1938), Mother, what is a man (1942), Not waving but drowning (1957), The best beast (1969) e Collected poems (postuma, 1975). Ha realizzato anche disegni comici e ha scritto anche romanzi come Novel on yellow paper (1936) e The holiday (1949).





Dimenticato!

C'è una terribile solitudine
dentro all'ignara moltitudine,
e in campagna la situazione è simile,

rifletteva, e poi si rese conto
che la solitudine stava dentro;
desiderava un po' di chiasso interno:

qualche eco del tumulto del mondo
ad indicare un compartito fato,
qualche incombenza in cui impegnarsi a fondo —

si sentiva, oh!, proprio dimenticato.




A SCUOLA!

Si radunino in classe tutti i piccoli poeti
e vengan premiati da giurati idioti
e ci si accerti che la convocazione sia generale
e poi proceda al peggio ciò che è iniziato male.
Però non si pretendi che la Musa frequenti questa scuola.
Guarda che fuga ha fatto, mica è scema.

Stevie Smith
(traduzione di Gilberto Sacerdoti)




Madre, in mezzo a letame e spazzatura

Madre, in mezzo a letame e spazzatura
ho la misura della mia umanità, quasi una figura
della presenza di Dio. Sono sicura


Nel letame, nella spazzatura, nel gioco del gatto
c'è la presenza di Dio, e questo è un fatto.
lui c'è. Madre, tu ne prendi atto?


Anch'io ho sentito la presenza di Dio nella scopa
che stringo, nelle ragnatele della stanza,
ma più di tutto nel silenzio della tomba.


Ah, ma il pensiero che impronta la speranza umana
- che c'è dietro?- non è che cosa vana
solo la protesta di una mente inane


che non vuol morire. Questo è il pensiero che rimbalza
dentro una testa pretenziosa e spiazza
l'inchiesta. L'uomo è davvero frivolo quando sentenzia.


Bene madre, continuerò a pensarla a modo mio,
e penso saresti saggia a farlo anche tu
puoi dubitare della follia dell'uomo nel creare Dio?

Chi sei tu?

Stevie Smith

(traduzione del gruppo di Fiorenza Mormile)

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


l'aria della sera
Postato da Grazia01 il Sabato, 20 settembre @ 09:45:21 CEST (540 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno









“L'aria fresca della sera è il respiro del vento
che si addormenta placido tra le braccia della notte.”

UMBERTO ECO





Buon fine settimana

Grazia


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La poesia ha un compito sublime
Postato da Grazia01 il Giovedì, 18 settembre @ 21:08:38 CEST (633 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno





La poesia ha questo compito sublime: di prendere tutto il dolore che ci spumeggia
e ci rimbalza nell'anima e di placarlo, di trasfigurarlo nella suprema calma dell'arte,
così come sfociano i fiumi nella celeste vastità del mare.

ANTONIA POZZI

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Antica favola Cherokee
Postato da Grazia01 il Giovedì, 18 settembre @ 21:04:31 CEST (541 letture)
Racconti IV








"Nonno, perché gli uomini combattono?"
Il vecchio, gli occhi rivolti al sole calante
e al giorno che stava perdendo la sua battaglia con la notte,
parlò con voce calma.
"Ogni uomo, prima o poi, è chiamato a farlo.
...Per ogni uomo c'è sempre una battaglia che aspetta di essere combattuta,
da vincere o da perdere.
Perché lo scontro più feroce è quello che avviene fra i due lupi."
"Quali lupi, nonno?"
"Quelli che ogni uomo porta dentro di sé."
Il bambino non riusciva a capire.
Attese che il nonno rompesse l'attimo di silenzio che aveva lasciato cadere fra loro, forse per accendere la sua curiosità.
Infine, il vecchio che aveva dentro di sé la saggezza del tempo riprese con il suo tono calmo.
"Ci sono due lupi in ognuno di noi.
Uno è cattivo e vive di odio, gelosia, invidia, risentimento, falso orgoglio, bugie, egoismo."
Il vecchio fece di nuovo una pausa, questa volta per dargli modo di capire quello che aveva appena detto.
"E l'altro?"
"L'altro è il lupo buono. Vive di pace, amore, speranza, generosità, compassione, umiltà e fede."
Il bambino rimase a pensare un istante a quello che il nonno gli aveva appena raccontato.
Poi diede voce alla sua curiosità e al suo pensiero.
"E quale lupo vince?"
Il vecchio Cherokee si girò a guardarlo e rispose con occhi puliti:
"Quello che nutri di più."

- Antica favola Cherokee -

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Vivere le domande del cuore
Postato da Grazia01 il Martedì, 16 settembre @ 19:23:29 CEST (531 letture)
Poesie sulla vita III







Vivere le domande del cuore


Sii paziente verso tutto ciò
che è irrisolto nel tuo cuore e...
cerca di amare le domande, che sono simili a
stanze chiuse a chiave e a libri scritti
in una lingua straniera.
Non cercare ora le risposte che possono esserti date
poiché non saresti capace di convivere con esse.
E il punto è vivere ogni cosa. Vivere le domande ora.
Forse ti sarà dato, senza che tu te ne accorga,
di vivere fino al lontano
giorno in cui avrai la risposta.

Rainer Maria Rilke

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Quando gli emigranti eravamo noi
Postato da Grazia01 il Domenica, 14 settembre @ 19:59:09 CEST (4468 letture)
Storia




L'Isola delle lacrime
ovvero
uno dei volti di New York






Proprio di fronte a Manhattan, nella bellissima baia naturale in cui è situato il porto di New York, a pochi minuti di traghetto dall’isola principale che costituisce il cuore della Grande Mela, c’è Ellis Island, un isolotto, la prima tappa per oltre quindici milioni di immigrati che partivano dalle loro terre di origine sperando di stabilirsi negli Stati Uniti.
Ellis Island (chiamata in origine Gibbet Island dagli inglesi che la usavano per confinarvi i pirati sorpresi “con le mani nel sacco” e utilizzata poi come impianto di fortificazione e deposito di munizioni) è una delle quaranta isole delle acque di New York: divenne famosa dal 1894 in quanto stazione di smistamento per gli immigranti; venne adibita infatti a questa nuova funzione quando il governo federale assunse il controllo del flusso migratorio, resosi necessario per il massiccio afflusso di immigrati provenienti essenzialmente dall’Europa meridionale e orientale.



La facciata dell'edificio, oggi adibito a
Museo dell'Immigrazione,
a Ellis Island, con le navi traghetto
che raggiungono l'isola
da Manhattan e da Jersey City


La "casa di prima accoglienza-prigione" rimase attiva fino al 1954, quando fu chiusa e abbandonata alle intemperie. Oltre cento milioni di americani possono far risalire la loro origine negli Stati Uniti a un uomo, una donna o un bambino che passarono per la grande Sala di Registrazione a Ellis Island. Oggi è trasformata in Museo dell’Immigrazione: l’ho visitato e ne metto a parte i navigatori della rete



Una nave carica di emigranti giunge
nel porto di New York


Fino al 1850 circa non esistevano procedure ufficiali per l’immigrazione a New York. In questa data l’impennata del numero di immigrati europei che fuggivano dalle grandi carestie del 1846 e dalle rivoluzioni fallite del 1848 spinse le autorità ad aprire un centro di immigrazione a Castle Clinton in Battery Park, sulla punta meridionale dell’isola di Manhattan. Verso il 1880 le privazioni che si soffrivano nell’Europa orientale e meridionale e la forte depressione economica nell’Italia meridionale spinsero migliaia di persone ad abbandonare il Vecchio Continente. Al contempo in America stava prendendo il via la rivoluzione industriale, con un crescente processo di urbanizzazione.



Il locale mensa per donne
e bambini a Ellis Island


Ellis Island fu aperta nel 1894, quando l’America superò un periodo di depressione economica e cominciò a imporsi come potenza mondiale. In tutta Europa si diffusero le voci sulle opportunità offerte dal Nuovo Mondo e migliaia di persone decisero di lasciare la loro patria.

Quando le navi a vapore entravano nel porto di New York, i più ricchi passeggeri di prima e seconda classe venivano ispezionati a loro comodo nelle loro cabine e scortati a terra da ufficiali dell’immigrazione. I passeggeri di terza classe venivano portati a Ellis Island per l’ispezione, che era più dura. Il traghetto storico Ellis Island veniva usato dal Servizio Immigrazione per trasportare gli immigrati che arrivavano e il personale del centro di immigrazione.

Ogni immigrante in arrivo portava con sé un documento con le informazioni riguardanti la nave che l’aveva portato a New York. I medici esaminavano brevemente ciascun immigrante e marcavano sulla schiena con del gesso coloro per i quali occorreva un ulteriore esame per accertarne le condizioni di salute; se vi erano condizioni particolari di infermità ciò comportava che venissero trattenuti all’ospedale di Ellis Island.




Una veduta aerea di Ellis Island e del
grande complesso di edifici che costituivano
il luogo nel quale venivano fatti confluire tutti
gli immigranti sbarcati a New York


Dopo questa prima ispezione, gli immigrati procedevano verso la parte centrale della Sala di Registrazione dove gli ispettori interrogavano gli immigranti a uno ad uno. A ogni immigrante occorreva perlomeno una intera giornata per passare l’intero processo di ispezione a Ellis Island.

Le scene sull’isola erano veramente strazianti: per la maggior parte le persone arrivavano affamate, sporche e senza una lira, non conoscevano una parola di inglese e si sentivano estremamente in soggezione per la metropoli ammiccante sull’altra riva.



Immigrati in fila, in attesa dell'ispezione...

Agli immigrati veniva assegnata una Inspection Card con un numero e c’era da aspettare anche tutto un giorno, mentre i funzionari di Ellis Island lavoravano per esaminarli.
Dopo l’ispezione, gli immigranti scendevano dalla Sala di Registrazione per le “Scale della Separazione” che segnavano il punto di divisione per molte famiglie e amici verso diverse destinazioni. Il centro era stato progettato per accogliere 500.000 immigrati all’anno, ma nella prima parte del secolo ne arrivarono il doppio. Truffatori saltavano fuori da ogni dove, rubavano il bagaglio degli immigrati durante i controlli, e offrivano tassi di cambio da rapina per il denaro che questi erano riusciti a portare con sé. Le famiglie venivano divise, uomini da una parte, donne e bambini dall’altra, mentre si eseguiva una serie di controlli per eliminare gli indesiderabili e i malati. Questi ultimi venivano portati al secondo piano, dove i dottori controllavano la presenza di “malattie ripugnanti e contagiose” e manifestazioni di pazzia. Coloro che non superavano gli esami medici venivano contrassegnati, come già accennato, con una croce bianca sulla schiena e confinati sull’isola fino a diversa decisione, oppure venivano reimbarcati. I capitani delle navi avevano l’obbligo di riportare gli immigrati non accettati al loro porto di origine. Secondo le registrazioni ufficiali tuttavia solo il due per cento veniva rifiutato, e molti di questi si tuffavano in mare e cercavano di raggiungere Manhattan a nuoto o si suicidavano, piuttosto che affrontare il ritorno a casa.

Leggi Tutto... | 7179 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ricorre oggi l'anniversario della morte di Lucio Battisti
Postato da Grazia01 il Martedì, 09 settembre @ 20:25:56 CEST (4977 letture)
In ricordo


A sedici anni dalla morte restano le sue note



Ogni volta che un suo brano passa per radio o in un filmato televisivo riesce a calamitare l'attenzione, come una star musicale di oggi. Eppure, proprio oggi, ricorre il sedicesimo anniversario della morte di Lucio Battisti (nella foto in alto), originario di Poggio Bustone, scomparso appunto il 9 settembre del 1998. Sedici anni in cui, accanto al ricordo del cantautore, non sono mancate alcune polemiche. L'ultima, dello scorso anno, dopo la traslazione del corpo dal cimitero di Molteno, in provincia di Lecco, dove riposava da quindici anni, per la cremazione. Ma di Battisti rimane, indelebile, la sua grande produzione musicale, in gran parte insieme a Mogol, per successi «cult» della musica leggera italiana.
Numerose le iniziative che, più o meno indirettamente, si ispirano a Battisti. A Poggio Bustone, sono presenti «I Giardini di marzo», ovvero un'area che prende il nome di uno dei suoi successi più celebri. Proprio nel Paese reatino, Battisti era nato nel 1943, per poi andare via negli anni '60. Iniziative per questa sera sono programmate in diverse città italiane.




commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi nacque CESARE PAVESE
Postato da Grazia01 il Martedì, 09 settembre @ 19:48:29 CEST (766 letture)
Poesie di Pavese




Oggi ricorre l'anniversario della nascita di Cesare Pavese,9 settembre 1908.




Passerò per Piazza di Spagna

Sarà un cielo chiaro.
S'apriranno le strade
sul colle di pini e di pietra.
Il tumulto delle strade
non muterà quell'aria ferma.
I fiori, spruzzati
di colori alle fontane,
occhieggeranno come donne
divertite. Le scale
le terrazze le rondini
canteranno nel sole.
S'aprirà quella strada,
le pietre canteranno,
il cuore batterà sussultando
come l'acqua nelle fontane -
sarà questa la voce
che salirà le tue scale.
Le finestre sapranno
l'odore della pietra e dell'aria
mattutina. S'aprirà una porta.
Il tumulto delle strade
sarà il tumulto del cuore
nella luce smarrita.

Sarai tu - ferma e chiara.
-- Cesare Pavese


disse o scrisse...



Passare del tempo in silenzio,
ringiovanisce individui e popoli.


L'unica gioia al mondo è cominciare.
È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante.
Quando manca questo senso - prigione, malattia, abitudine, stupidità,
- si vorrebbe morire.


Non si ricordano i giorni, si ricordano gli attimi.




Segno certo d’amore è desiderare di conoscere,
di rivivere, l’infanzia dell’altro.

la vecchiaia è l’età più fastidiosa perché non si sa più che fare di sé,
come alla sera quando l’opera quotidiana è finita.




Alla lunga un dolore si svincola dall'ansia,
dal ricordo, dal sospetto che lo provocò,
e vige da solo nell'anima.


È bello scrivere perché riunisce le due gioie:
parlare da solo e parlare a una folla.

Cesare Pavese

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Amore
Postato da brunouk il Martedì, 09 settembre @ 19:45:14 CEST (783 letture)
Le poesie di Pegaso III






Una rosa rossa posata sul cuscino della mia bellissima e giovane moglie e ...
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensiero della sera
Postato da Grazia01 il Giovedì, 04 settembre @ 19:52:35 CEST (841 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno










Puoi anche stare a guardare il mondo dalla finestra,
l'essenziale è che tu abbia le ali.

Grazia

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I libri
Postato da Anonimo il Mercoledì, 03 settembre @ 20:47:24 CEST (473 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno












I libri ci danno un diletto che va in profondità,
discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi
con una sorta di familiarità attiva e penetrante.

Francesco Petrarca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La voce dal cielo
Postato da brunouk il Mercoledì, 03 settembre @ 18:36:41 CEST (746 letture)
Le poesie di Pegaso III

La voce dal cielo.

Il tuo profumo aleggia in questa mia stanza
sei lontana, mi manchi
strana brezza serale porta l’ombra
parallelo preludio a notte solitaria.

La, nell’eterno buio, compare la mia stella
il tempo l’ha ibernata nell’universo
il suo luccichio m’attrae, silente amica
a lei da sempre confido i miei sogni
mi assiste dal cielo, guida sicura alla meta.

Ora so, non è nella sua luce la pace che vorrei
troppo pesante l’abbandono
solo nascondermi nel buio
altre luci ammiccanti, illusioni d’amore
frammenti riflessi in un agitato di notte blu
di preciso manifesta solo il minuto celato
l’ora dei silenzi che produce solo dolore
l’ansia del divenire è come un dono improvviso
cambiano i momenti raccontati in poesia
era solo un’instante fa, un ieri fulgido d’amore.

Ora alla stella ho gridato “ti amo “
attendo paziente l’eco della voce che viene dal cielo.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


OMBRA
Postato da rosarossa il Martedì, 02 settembre @ 20:51:48 CEST (4739 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX








OMBRA

Non so se sono al mondo, o non esisto più.
Le capacità, le forze e il mio vigore
ho lasciato nel remoto alla mia gioventù.
Or sono un’ombra mossa dal vento e
nell’aria vago
non so dove mi porta,
ma lo seguo e vado.
Quando si calma, mi lascia
abbandonata e senza meta, mi guardo intorno
vedo tanto buio e tutto è fermo.
Altro non mi resta che pregare, affinché
il buon Dio mi accolga nel suo regno;
Il mondo eterno!

Rosarossa


Leggi Tutto... | 5 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


VECCHIAIA REALTA’ DI VITA
Postato da rosarossa il Martedì, 02 settembre @ 20:49:52 CEST (785 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX








VECCHIAIA REALTA’ DI VITA

Cammino a lenti faticosi passi
odo un mormorio di gente che
guarda i miei bianchi capelli e
additando il mio mantello rotto sussurra:
Guarda com’è invecchiato quello!
Com’è ridotto!
Eppure era un bell’uomo;
qualcuno ripete alzando un po’ la voce, odo;
traggo un sospiro amaro, poi rispondo:
Ognuno invecchia trascinando sulle spalle la sua croce!
Ricordo ancora gli anni miei ruggenti
ormai pesano gli anni come piombo,
anch’io ho camminato nella luce, nell’agiatezza e
sui tappeti rossi!
Quando gli anni sono veramente tanti,
ognuno sbiadisce e
perde lucentezza nel momento in cui;
tristemente, deve
salutare, questo mondo.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mi sono perso nella notte
Postato da brunouk il Martedì, 02 settembre @ 20:47:43 CEST (667 letture)
Le poesie di Pegaso III

Mi sono perso nella notte
semplicemente in un pensiero
di un nuovo risveglio
nell’emozione delle tue labbra
mentre mi baci.

Ho accarezzato il sogno
scorre lentamente
in momenti incontenibili
animati dal tuo profumo.

Cercami, amore mio,
in questo silenzio
prendimi la mano
rinnova attimi sussurrati
l’odore della tua eccitazione
inebria, non ha limite
nell’ombra vive di te.

Non lasciarmi
mie debolezze mi chiamano
un domani di fantasia
diluito in infiniti inutili attimi
d’epidermide incompleti amplessi.

Ti voglio stringere tra le braccia
per non perdere nemmeno
un solo attimo del tuo amore

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Fotografie
Postato da Grazia01 il Martedì, 02 settembre @ 20:46:41 CEST (631 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







Le immagini fotografate
non sembrano rendiconti del mondo,
ma pezzi di esso,
miniature di realtà
che chiunque può produrre o acquisire.

Susan Sontag

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La cura
Postato da Grazia01 il Domenica, 31 agosto @ 19:20:55 CEST (4260 letture)
Video






Un testo meraviglioso

La cura


Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via.
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore,
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
E guarirai da tutte le malattie,
perché sei un essere speciale,
ed io, avrò cura di te.
Vagavo per i campi del Tennessee
(come vi ero arrivato, chissà).
Non hai fiori bianchi per me?
Più veloci di aquile i miei sogni
attraversano il mare.

Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza.
Percorreremo assieme le vie che portano all'essenza.
I profumi d'amore inebrieranno i nostri corpi,
la bonaccia d'agosto non calmerà i nostri sensi.
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto.
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
Ti salverò da ogni malinconia,
perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te...
io sì, che avrò cura di te.


Franco Battiato

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sogni e risvegli
Postato da Grazia01 il Giovedì, 28 agosto @ 21:02:13 CEST (758 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








Mentre si spengono le luci e scende la notte,
attendo i sogni con una strana tenerezza,
questa interiorità che non conosco
e mi si svela mentre dormo,
come se fosse una seconda vita,
mi ha sempre stupita
e ogni alba è un'altra nuova piccola vita,
risvegliarsi è mettersi alla ricerca del mondo.



Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensieri
Postato da Grazia01 il Sabato, 23 agosto @ 12:47:50 CEST (645 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI










Pensieri

Pensieri sparsi
come nuvole
soffici e bianche
o pesanti e grigie
attendono
il soffio del vento
per volare immemori
come sogni violati
nello spazio azzurro.

Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ricordati
Postato da Grazia01 il Giovedì, 21 agosto @ 15:06:33 CEST (687 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II
 






Ricordati

La luna se ne è andata
ma di certo
tornerà
perché non è come una bugia
che nasconde una verità
ma è come l’amicizia
che ti aiuta a vivere.
Guarda le piante
guarda i fiori 
guarda i prati
ascolta il vento
che tra le pieghe
dei fiori si fa voce e sussurra :
vivi la tua vita giorno per giorno
ed ogni tuo sogno
verrà avverato.
Scopri la vita e raccontala
a chi non sa capirla.
Prendi un raggio di sole
e fallo volare là
dove regna la notte.
Dona parte di te
ma la parte che rimane
donala a chi già ti vuole bene .

r.chesini


 
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


DONNE MODERNE
Postato da rosarossa il Mercoledì, 20 agosto @ 13:08:03 CEST (699 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX





DONNE MODERNE

Le donne moderne sono come il cupo inverno
se non trovano marito… insultano
il Padre Eterno!





DONNE DEL PASSATO

Le donne del passato erano candide come un fiore…
se non trovavano marito, alzavano gli occhi al cielo e
pregavano il Signore!

Rosa rossa

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La notte appartiene a loro
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 agosto @ 20:40:45 CEST (594 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








Le persone che si amano possono essere separate dalle circostanze della vita ma,
anche se solo in sogno, la notte appartiene a loro.

Patti Smith

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sogno di Filadelfio Cappone
Postato da Grazia01 il Giovedì, 14 agosto @ 21:10:05 CEST (448 letture)
Ricerche d'autore










Sogno



Sogno?
Sì un sogno.
L'incontro di un'immagine
nella confusione d'idee
una realizzazione di sospiri e di paure
un ostracismo di pensieri
per dire che si è vivi
nel travaglio della vita.


Filadelfio Cappone


Filadelfio Cappone é nato a Bengasi e vive e lavora a Catania.
dove si è laureato in lingue e letterature straniere.
Come poeta ha gia pubblicato diversi sillogi.
Nel suo cammino poetico è la poesia di impegno civile a rappresentere
fino a un certo momento l'esito più efficace.
La sua è poesia dell'anima che chiede di uscire dalla clandestinità.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ultimo regalo
Postato da rosarossa il Giovedì, 14 agosto @ 12:16:01 CEST (829 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX









L’ULTIMO REGALO

Il regalo che ti posso offrire
è solo un fiore pallido e incolore
appassisce ma non vuol morire
nel tempo ha perso tutta la sua
freschezza ed il vigore.
Ingiallite sono quelle verdi foglie!
Secchi i petali cadono
sulla terra al suolo.
Flebilmente batte e resta vivo solamente
il cuore, per soffrire alimentato e
di vitale linfa, che si chiama:
Melanconia, tristezza o
nostalgia d’amore!

Rosarossa

Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Guido Battistello - poesie
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 agosto @ 19:36:01 CEST (740 letture)
Ricerche d'autore


Ricerche d'autore




Guido Battistello insegna all'Università della Terza Età della sua città (Torino?) ed è studioso di civiltà precolombiane. Ha scritto tre romanzi "L'ultima trincea", "La casa tra i pini", "La valle di Susquehanna" nonchè diversi racconti su giornali e riviste e due sillogi poetiche.





Se ci incontreremo


Se ci incontreremo ormai vecchi
a un crocicchio del mondo
forse non ci riconosceremo
perchè il tempo avrà cancellato
dai nostri volti
qualsiasi residuo di giovinezza.
Se ci incontreremo ormai vecchi
a un crocicchio del mondo
ancora una volta
mi basterà toccare le tue mani
e subito ti vedrò
come in quella notte lontana
col tuo viso bagnato di pioggia
mescolata alle lacrime.




L'amore

Gli imperi dell'odio sono crollati
civiltà millenarie coi loro
falsi dei sono caduti nella polvere
solo l'amore ha resistito all'erosione
dei millenni unica forza cosmica
che crea la vita e sostiene il mondo
che sa trasmutare il piombo in oro
la tristezza in gioia
il pianto in sorriso
che fa sembrare una rosa
più bella di un diamante.
L'amore si può leggere in un cielo
pieno di stelle
lo si può ascoltare nell'acqua
che si infrange contro una scogliera
esso è armonia e musica
l'unico perchè della vita.




Come si entra nel mondo

C'è chi entra nel mondo
a vele spiegate
spinto da un vento gagliardo
fra sorrisi di sirene
e placide onde,
altri invece
debbono navigare fra gli scogli
su mari in tempesta.
E' la vita che ci sceglie a caso
ed è inutile ribellarsi.




Le ore senza ritorno

Bisogna tener strette
le ore senza ritorno
e riempirle d'amore e di vita
prima che sia troppo tardi
per modellare la felicità
secondo i desideri del nostro cuore
prima che le lune incanutiscano
i nostri capelli.



Nessuno

Nessuno più tenta di accarezzare
il vento
nessuno riflette più
su una foglia morta
nessuno si ferma più
a guardare la luna riflessa
sull'acqua
In questo mondo egoista e crudele
ognuno si preoccupa
di cavalcare macchine potenti
credendo che la velocità
sia sinonimo di felicità.

Guido Battistello

Ho trovato poche notizie su questo autore, se qualcuno ne sapesse di più potrebbe contattarmi per favore? Gli sarei grata. Queste poesie sono semplici, pulite, fresche eppure incisive.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Una gita a San Nazzaro
Postato da Grazia01 il Lunedì, 11 agosto @ 12:42:57 CEST (813 letture)
ARTE II



L'Abbazia di San Nazzaro - S. Nazzaro Sesia






Facciata della Chiesa gotico-lombardo (sec. XV) e nartece a quadriportp romanico (sec. XI)

L'Abbazia di San Nazzaro Sesia è tra le più gloriose del Novarese e del Vercellese
ed è uno dei maggiori documenti d'arte romanica in Alta Italia.



Essa appartiene alla provincia di Novara ed ecclesiasticamente alla diocesi di Vercelli.


Fu fondata nel 1040 dal Vescovo di Novara Riprando unitamente ai suoi fratelli Conti di Biandrate,
il quale l'affidò, secondo consuetudine del tempo, ai monaci benedettini,
riservando alla famiglia il diritto di decima.



Il luogo su cui sorge il monastero è in prossimità di un guado del fiume Sesia,
in uso già in epoca romana, come lo testimoniano i resti archeologici di sepolture
e costruzioni romane, largamente impiegate per l'edificazione del monastero.




L'Abbazia condusse fra alterne vicende la tipica vita di "curtis" medioevale,
fino a che, nella prima metà del XV secolo all'Abate regolare si sostituì una abate Comandatario.



Croce posta nel cortile antistante costruita con gli scarti della fonderia e intitolata:"Il Cristo degli ultimi"

Primo e più illustre fu l'Abate Antonio Barbavara al quale si deve la ricostruzione della Chiesa e dei Chiostri (1429-1467).



Nel 1801 i beni badiali furano incamerati dal Demanio francese e venduti a privati affaristi.
Leggi Tutto... | 3683 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ci sentiamo piccoli...
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 agosto @ 21:47:22 CEST (489 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno











Talvolta il mondo ci appare così grande
che diventa difficile per noi riuscire ad abbracciarlo.
Si porta via tutte le cose sicure.
Ci sentiamo allora piccoli come un seme,
o sabbia su una spiaggia.

S. Fletcher

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Parlo al silenzio
Postato da brunouk il Sabato, 09 agosto @ 11:24:04 CEST (1299 letture)
Le poesie di Pegaso III











Parlo al silenzio

Insensata notte nel scorrere d’ore
compagno mi è questo foglio
paziente attende pensate parole
confuso è il ricordo che parla di noi
invisibile sulla fronte scorre silente.

La all’orizzonte il cielo piange
l’anima oramai fugge da questo mio cuore
mi trastullo con visioni fallaci
inabissano nel buio di un nulla d’illusioni
freme il mio corpo nel timore dell’abbandono.

Vera lacrima sul bianco cade
la guardo espandere, punto iridescente
vivo nel suo inutile riflesso
forse era tutto un sogno.

Dov’è finito l’entusiasmo nella bellezza
il piacere dell’alba profumata
il tuo dono profuso in un bacio
l’abbraccio all’albero che attende primavera
l’inno alla vita, nel canto soave d’usignolo
i colori d’artista dipinti sulla tela rimangono
la poesia nei libri rimane come un lusso d’autore.

Tutto passa senza ragione apparente
resta solo il silenzio che parla di se.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La vita è un viaggio
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 06 agosto @ 19:11:38 CEST (795 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno






La vita è un viaggio, viaggiare è vivere due volte.
Omar Khayyam







Sì, la vita di ognuno di noi è un grande viaggio. È il coraggio di osare e di fare scelte che le dà forma. Ognuno lo compie secondo l’impulso innato del proprio cuore: sarà un ideale… sarà la ricerca di risposte o il bisogno di lasciare un impronta del proprio passaggio prima di consegnare la propria vita all’oblio. Durante questo viaggio ci saranno molti che si lasceranno trascinare dall’onda, ma non sperimenteranno mai la forza della vita in tutto ciò che essa ha da offrire a chi osa aprirsi ad essa.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 9 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 10 letture ]
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 13 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 29 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 33 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy