Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 182
Totale: 182
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: coppermine
08: Home
09: Home
10: Your Account
11: Home
12: Home
13: coppermine
14: Home
15: Home
16: Home
17: News
18: Home
19: Home
20: News
21: Home
22: coppermine
23: Stories Archive
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: coppermine
36: Home
37: News
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: News
43: Stories Archive
44: Home
45: Stories Archive
46: coppermine
47: Home
48: Stories Archive
49: Home
50: Home
51: Stories Archive
52: coppermine
53: Home
54: Home
55: coppermine
56: Home
57: Home
58: Home
59: coppermine
60: News
61: Contact
62: Home
63: Search
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Search
70: Home
71: coppermine
72: Home
73: Stories Archive
74: Stories Archive
75: Stories Archive
76: News
77: Home
78: News
79: coppermine
80: Home
81: Home
82: News
83: Home
84: Home
85: Stories Archive
86: Home
87: Home
88: Search
89: News
90: News
91: News
92: Stories Archive
93: News
94: coppermine
95: Home
96: coppermine
97: Home
98: Home
99: Home
100: Topics
101: coppermine
102: Home
103: Stories Archive
104: Stories Archive
105: coppermine
106: Forums
107: Home
108: Home
109: News
110: Home
111: Stories Archive
112: Home
113: coppermine
114: Forums
115: Home
116: Home
117: Home
118: Search
119: Search
120: Home
121: News
122: Home
123: Home
124: Home
125: Stories Archive
126: Home
127: coppermine
128: Your Account
129: Home
130: Stories Archive
131: Home
132: Search
133: Home
134: Home
135: News
136: Your Account
137: Home
138: Home
139: Home
140: News
141: Stories Archive
142: coppermine
143: Home
144: Forums
145: Home
146: News
147: Home
148: coppermine
149: Home
150: Home
151: Stories Archive
152: News
153: Forums
154: Home
155: News
156: Forums
157: News
158: Home
159: Home
160: News
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: coppermine
167: Stories Archive
168: Home
169: Home
170: Forums
171: Topics
172: Home
173: News
174: coppermine
175: News
176: Home
177: Home
178: Home
179: Stories Archive
180: Home
181: Home
182: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9071
  · Viste: 1924468
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
La ragazza d'acciaio
Postato da Grazia01 il Martedì, 04 giugno @ 18:57:39 CEST (812 letture)
Poesie di Prevert





La ragazza d'acciaio


Ragazza d'acciaio non amavo nessuno al mondo
Non amavo nessuno eccetto colui che amavo
Il mio innamorato il mio amante colui che mi attraeva
Ora tutto è cambiato è lui che ha cessato di amarmi
Il mio innamorato che ha cessato di attirarmi sono io?
Non lo so e poi cosa cambia?
Sono ora stesa sulla paglia umida dell'amore
Tutta sola con tutti gli altri tutta sola disperata
Ragazza di latta ragazza arrugginita
O amore amore mio morto o vivo
Voglio che tu ricordi del passato
Amore che mi amavi da me ricambiato.

Jacques Prévert


Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


PENSIERO ALATO
Postato da rosarossa il Lunedì, 03 giugno @ 11:42:15 CEST (766 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX










PENSIERO ALATO

E’ triste e angosciante invecchiare,
guardare il pensiero che vola
spiegando le ali e porta
lontana la vita che indietro
non può più tornare.
Triste e silenzioso lo sguardo segue il carico
sulle tue forti ali, ho! mio pensiero!
Sono ricordi, emozioni,
lenti vacillanti passi di un lungo cammino!
Qualche entusiasmo, illusioni, un barlume di luce,
speranze accese e presto spente.
Illusioni di una vita triste, sola e deludente.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La tua vita
Postato da Grazia01 il Venerdì, 31 maggio @ 19:22:48 CEST (959 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II










La tua vita



Dolce è quella vita

che da lontano sembra venire

mentre essa è già qui,

da sempre,

in mezzo a tante culle

dove sereno e fidente

succhiando il latte,

l'uomo di domani,

con occhi chiusi ascolta ,

mentre

i suoi pensieri volano incontro al Sole

senza sapere che questo Mondo

non sarebbe lo stesso senza la sua vita.

Ma la Luna lo guardò e mise

nella culla accanto

una piccola Stella di bianco vestita

…....ed il Mondo cambiò !!



r.chesini

Dedicato alle gentili Signore


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


No, non m’inganno
Postato da Grazia01 il Venerdì, 31 maggio @ 12:16:10 CEST (800 letture)
Poesie  e opere di Goethe






No, non m’inganno

No, non m'inganno; nei suoi occhi neri leggo un serio interesse per la mia persona. Lo sento, e mi fido del mio cuore, sento che lei ... devo in queste parole esprimere tutta la mia paradisiaca felicità? Sento che lei mi ama! Mi ama ... Come sono divenuto caro a me stesso! Con te posso esprimermi perché mi puoi capire; quanto mi adoro, da quando lei mi ama! E’ presunzione questa? O è invece la coscienza dei veraci sentimenti che ci legano? Non conosco l'uomo del quale temere l'influenza sull' animo di Carlotta. Eppure quando parla del suo fidanzato, con tanta simpatia e con tanto affetto, mi sento come un uomo che ha perduto i suoi onori e le sue dignità, a cui si tolga la spada. Un brivido mi corre nelle vene, quando per caso le mie mani sfiorano le sue, quando sotto la tavola i nostri piedi si toccano. Mi ritraggo come dal fuoco, mentre una forza misteriosa mi spinge di nuovo avanti; e una vertigine prende tutti i miei sensi. Ma la sua innocenza, la sua anima pura le impediscono di comprendere come queste piccole familiarità mi turbino. Se, mentre parliamo, la sua mano si posa sulla mia, se nella foga della conversazione mi si avvicina, tanto, che il suo alito sfiora le mie labbra, mi sento sprofondare, come colpito da un fulmine.

Da I dolori del giovane Werther
Johann Wolfgang Goethe
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


In fondo ai tuoi occhi
Postato da Grazia01 il Giovedì, 30 maggio @ 21:48:50 CEST (1202 letture)
Poesie di Saffo






In fondo ai tuoi occhi...


Cosa c'è
in fondo ai tuoi occhi
dietro il cristallino
oltre l'apparenza?
Dove il tempo
d'improvviso
si ferma
e
la mia anima
sulle tue labbra
resta
sospesa
?

Saffo

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA RIVOLTA DEGLI ANIMALI di Bartolomeo Di Monaco
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 maggio @ 12:10:49 CEST (805 letture)
Racconti IV







Sorgeva nella pianura lucchese, appena fuori delle mura della città, un bellissimo e grande castello.
Come si usava allora, appena si era varcato il ponte levatoio, prima di arrivare al palazzo vero e proprio, si incontravano altre costruzioni, quasi sempre di difesa e destinate ai soldati, ma anche casupole riservate ai contadini al servizio del signore.
Costoro allevavano animali soprattutto da cortile in gran quantità, anche se quasi tutti i giorni dal contado salivano altri servi a donare bestie, cacciagione e grano.
Maiali, oche, galline, conigli, fagiani, tacchini erano le vittime più ricercate.
Trascorrevano la loro giornata nell'ansia che fosse l'ultima della loro vita!
Quando il bifolco si avvicinava tremavano di spavento. C'era chi fuggiva, sperando di salvarsi, e c'era chi, invece, riusciva a nascondersi dentro la stalla tra le zampe del bue, e se ne restava lì immobile, illudendosi di farla franca.
Ma a qualcuno purtroppo ogni giorno toccava di morire.
A volte venivano a cacciarli anche in due o tre. E allora non c'era proprio speranza di cavarsela.
Così un giorno, mentre tutti insieme se ne stavano nel cortile a godersi il sole, alla gallina venne un'idea.
"Perché non scappiamo?"
"Ma che dici!" si risentì subito l'oca, alla quale faceva paura anche solo il pensiero di sobbarcarsi la fatica di una difficile fuga.
Il coniglio cominciò a battere i denti.
"Ma che idea è mai questa! Siete impazziti tutti quanti?"
Furono invece d'accordo e lo proclamarono ad alta voce i gruppi dei fagiani, dei tacchini e delle anatre.
Il maiale si trovava più lontano. Non aveva sentito niente.
La gallina lo chiamò.
Il maiale si limitò a voltare pigramente solo la testa verso di lei, seduto com'era tra i suoi porcellini.
Allora la gallina lo scosse con un urlo.
Gli gridò che non era tempo di poltrire, e che trascinasse fino a lei e agli altri compagni quella ingombrante massa di lardo.
"Proprio a te" gli disse, sventolandogli le ali sul viso quando gli fu davanti "dovrebbero interessare questi nostri discorsi, che sei il più ricercato alla tavola del padrone. Non vedi che sei bell'e pronto per il fuoco della sua cucina?"
"Non mi merito affatto i tuoi rimproveri" la redarguì molto sorpreso il maiale, che già si era disteso, però, e sbadigliava.
Leggi Tutto... | 14659 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gli uomini sono fatti per intendersi
Postato da Grazia01 il Martedì, 28 maggio @ 19:00:39 CEST (745 letture)
Poesie sulla vita III










Gli uomini sono fatti per intendersi


Gli uomini sono fatti per intendersi
per comprendersi amarsi
hanno figli che saranno padri d'uomini
hanno figli senza casa senza patria
che reinventeranno le case
che reinventeranno gli uomini
e la natura e la patria
quella di tutti gli uomini
quella di tutti i tempi.

Paul Eluard

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La cosa splendida...
Postato da Grazia01 il Martedì, 28 maggio @ 11:44:25 CEST (931 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno




La cosa splendida del parlare con gli occhi
è che non ci sono mai errori grammaticali.
Gli sguardi sono frasi perfette.

A. Sorge



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La montagna nelle poesie
Postato da Grazia01 il Lunedì, 27 maggio @ 20:06:37 CEST (12482 letture)
Poesie tematiche III





Abbiamo pubblicato molte poesie sul mare, sul suo fascino, i suoi colori, le atmosfere, gli odori.
E' meraviglioso il mare, lo adoro e lo guarderei per ore...
ma per una volta voglio proporre delle poesie e dei pensieri sulla








Un paese di pianura per quanto sia bello, non lo fu mai ai miei occhi.
Ho bisogno di torrenti, di rocce, di pini selvatici, di boschi neri, di montagne,
di cammini dirupati ardui da salire e da discendere, di precipizi d'intorno
che mi infondano molta paura.

Jean-Jacques Rosseau




Temperato d'estate; ricca la vegetazione digradante per varietà di colori dal fosco rossastro dei faggi, che coprono fitti la parte superiore del monte, e dal verde intenso dei castagni e dal cupo degli abeti e dei cerri sottostanti, al cinereo degli olivi e al verde chiaro dei vigneti sparsi lungo il pendio fino al piano.... All'ombra degli antichi castagni, per i luoghi più solitari, nella pace dei meriggi estivi, sulle praterie ondulate sparse di muschio, ove luccicano serpeggiando vene chiarissime, fra le grandi scogliere, sparse di licheni, pare aliti ancora un'aura di leggende.

Giacomo Barzellotti





L'aria vi è purissima; il clima aspro d'inverno, piacevolmente
Vieni, crudel, vieni e vedi la pressura
dei tuoi gentili, e cura lor magagne,
e vedrai Santafior com'è sicura.

Dante Alighieri, Purgatorio, canto VI




IL CUORE LIMPIDO DELLA MONTAGNA

L'uomo della pianura quassù
cerca il tempo passato
e la sua identità.
La purezza è rimasta intatta
nelle pieghe remote
del volto della montagna.
Il cuore della montagna aveva un battito profondo
come il cuore del montanaro
battevano in accordo,
come ali di farfalla.
L'alba richiama zampilli d'acqua,
dai ruscelli
nascosti nell'intrigo dei pini
rovescia zaffate di luce
sulle vecchie lose
cementate dalle lente stagioni.
La luce del giorno
scopre un muro,
una porta cigolante.
Da quella porta
un tempo correva lo sguardo
sull'arco immenso che la valle
aprendosi al cielo
lasciava scoprire.
Oltre il manto dei boschi
volavano, nubi, farfalle,
fagiani di monte.
Dietro quella porta
si intravvede controluce
un tavolino massiccio di noce
con il cesto del pane raffermo,
pane scuro di segala.
Una ciotola vuota,
latte raggrumato,
mezza candela spenta

E. Dulevant
Leggi Tutto... | 2753 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Il peso di Liz Moore
Postato da Grazia01 il Lunedì, 27 maggio @ 13:59:45 CEST (756 letture)
Recensioni II



Il peso è addosso ad Arthur Opp, ex insegnante che l'11 settembre 2001 ha deciso di chiudersi in casa e di non uscire più. Pesa ducecentoventi chili e tutto quello di cui ha bisogno lo ordina su internet. L'unico rapporto che Arthur ha con l'esterno è uno scambio epistolare con una sua ex allieva, Charlene. Una ragazza disadattata e fragile come lui che un giorno gli confessa di avere un figlio. Si chiama Kel, gli scrive. Per quale motivo adesso Charlene gli ha confidato di questo figlio? Perché ha bisogno di lui e vuole vederlo? Nessuno da anni entra in casa sua ed è costretto a chiamare una ditta per ripulirla e metterla in ordine, da renderla presentabile, almeno la casa… La ditta gli manda una ragazza, Jolanda, con la quale Arthur inizia lentamente a prendere confidenza, fino a diventare amici. Pure lei è una disadattata. Anche Kel non è messo benissimo. Nonostante lui e Arthur Opp appartengano a mondi e generazioni diverse, sono accomunati dall'affetto per Charlene, diventata alcolizzata, e soffrono lottando insieme per tentare di riscattarla alla vita. Alcune opere ci ricordano che la vita non è quasi mai uguale alle visioni da Mulino Bianco. Un romanzo toccante, delicato e sincero. Liz Moore è riuscita a trattare argomenti sensibili senza strappare via nulla, regalandoci un romanzo dolce, ma capace di toccare profondamente il lettore. Struggente e doloroso, ma anche ricco di speranza e di un amore che valica i legami di sangue e di comune amicizia. A me è piaciuto e difficilmente dimenticherò questi personaggi così veri, delineati magnificamente dall'autrice. Liz Moore è una scrittrice e una musicista, questo è il suo secondo libro, quello che le ha dato il meritato successo.

Grazia


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un saluto
Postato da Grazia01 il Venerdì, 24 maggio @ 18:43:05 CEST (652 letture)
Messaggi II





Sono i montagna, 1000 metri circa, ieri pomeriggio ho preso il sole e anche se andava e veniva, ieri sera, non ero prioprio scottata ma ero rossa come un'aragosta eppure stamattina...sorpresa, ho aperto la finestra e...nevicava, non un piccolo nevischio, cadevano fiocchi grossi come in pieno inverno. Avevo rimesso i vasi dei fiori sul terrazzo e piantato nuove piantine nel pratino, erano completmente sommersi dalla coltre bianca. Che strano tempo quest'anno! Ora c'è il sole e la neve almeno qui è scomparsa: a Milano dicono" Quando il sole si volta indietro (indrè) domani abbiamo l'acqua ai piedi (pè)" Spero che non nevichi ancora, anche perchè, dato la stagione, abbiamo cambiato le gomme, e non abbiamo montato quelle da neve.
Anche la connessione è un po' disturbata, per il momento vi saluto e vi auguro un buon fine settimna.

Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nati il 21 maggio - Robert Creeley
Postato da Grazia01 il Martedì, 21 maggio @ 19:26:46 CEST (635 letture)
Ricerche d'autore




Il 21 maggio 1926 nacque Robert Creeley, poeta statunitense († 2005)





IL POSTO


... Verticale di falco -
oppure adattamento della mente
alla vista - memoria?
Aria inalleviata - invissuta?
Ricominciato, ri-
comincia il gioco
di nuvola, l'erta
d'inaspettato picco,
il posto a posto -
ancora com'è stato.
Torna indietro un giorno,
prendi ogni cosa, prendi tempo
e ripassa tutto
ancora, vertiginoso
sentiero, ridicolo, incerto
uccello, indistinta, lanuginosa
nebbia - o pietra che
sembra esser sospesa in
impercettibile sostanza
là, o qui,
nel pensiero? Pensare così
è già questo un posto
impensato, che poi
diventa il mondo.


Robert Creeley
Leggi Tutto... | 6353 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nati il 21 maggio - Libero de Libero
Postato da Grazia01 il Martedì, 21 maggio @ 18:53:03 CEST (810 letture)
Ricerche d'autore




Il 21 maggio 1903 nacque Libero de Libero,
poeta e critico d'arte italiano († 1981)



Non importa essere grandi poeti, ma poeta che deve raccontare le proprie radici; la vita della sua gente




Solstizio

È un veliero la mia vita
dall’infanzia segnata sulla mano,
e l’ancora è dentro la terra.
Perciò nel mio sonno
alberi fanno verde cielo
e sono oscuri i semi
dell’estate mia.
Se m’è fatica svegliarmi,
quale gallo mi rinnegherà?
Fossi nato da una pianta
a fianco avrei il genitore.

Leggi Tutto... | 2645 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nati il 21 maggio - Sebastiano Satta,
Postato da Grazia01 il Martedì, 21 maggio @ 18:47:30 CEST (634 letture)
Ricerche d'autore




21 maggio 1867 nacque Sebastiano Satta,
poeta, scrittore e avvocato italiano († 1914)



Sardegna

Dolce, o capanna, quando agli uragani
la selva si querela e si dispoglia,
riparar nel tuo nido, sulla spoglia
d'un montone, e parlar di caccia e cani.
Ma più dolce, se ridano i lontani
fuochi dai poggi, e palpiti ogni foglia,
alla sera indugiar sulla tua soglia
erbosa, tra il brusio largo dei piani.
Sulla giogaia pendono ghirlande
di stelle: van le greggi per profonde
serenità, fra luccicar di fonti.
Poi nell'ombra un nitrito! Ché già grande
tra mormorii di rivoli e di fronde,
s'alza la luna a benedire i monti.


Sebastiano Satta



Il poledro


Maraviglia a vederlo! la cervice
stellante tra la nitida criniera
erse il poledro, schiusa la narice
ai soffi ardenti della primavera.
Nessun dei giovinetti, audace schiera
di ardimenti e di prove sfidatrice,
osava premer quella groppa nera
come il tormento e correr la pendice.
Gloria a chi primo lo cavalca! - disse
il vecchio: ai giovinetti tremò il cuore:
allor nella criniera gli confisse
egli l'artiglio e, saldo in groppa come
un drago, sparì via col corridore
dritto il bel capo tra le grigie chiome.





Sebastiano Satta

Il poeta nacque a Nuoro il 21 maggio 1867 dall'avvocato Antonio Satta e da Raimonda Gungui. A soli cinque anni perdette il padre e la madre dovette quindi provvedere con sacrificio (sola/ e triste come l'aquila selvaggia/che nutre i figli sulla rupe) ad allevare il piccolo Sebastiano e il fratello di lui, Giuseppino, divenuto poi alto funzionario al Ministero della Giustizia. Consegue la laurea in legge a Sassari nel 1894, lavorando fin dal 1890 come giornalista presso il quotidiano L'Isola. Nel 1908 si ammala, lascia l'attività forense a causa della paralisi; privo della possibilità di parlare ma intellettualmente ancora perfettamente capace, dedica il resto della sua vita a scrivere poesie. Non è un personaggio che ha avuto molta fama a livello nazionale ma in Sardegna ha una sua importanza; soprattutto i nuoresi lo ricordano per la sua capacità di stare vicino alle persone più umili cogliendo problemi, vizi e virtù del popolo barbaricino di quel periodo. Durante il servizio militare a Bologna ebbe modo di avvicinarsi alla poesia di Carducci della quale fu molto influenzato. Satta ha raccontato la vita sarda e quella nuorese con occhi critici; infatti era avvocato, giornalista, cultore della lingua e cultura sarda e autore di poesie, fra le quali resta molto cara ai nuoresi Su battizzu (il battesimo in lingua sarda) eseguita in canto dal Coro di Nuoro. Nel comune di Nuoro, dove morì nel 1914, è presente una piazza monumentale intitolata a Sebastiano Satta. La piazza venne costruita nel 1967 dallo scultore Costantino Nivola.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mário de Sá-Carneiro nacque il 19 maggio 1890
Postato da Grazia01 il Domenica, 19 maggio @ 20:01:19 CEST (682 letture)
Ricerche d'autore









RELITTO

Ah, che mi mettano sotto le coperte
e che non mi facciano nient'altro...
Che la porta della mia stanza resti sempre chiusa,
che né si apra per te se andrai là!

Lana rossa, letto soffice. Tutto ben tappato...
Nessun libro, nessun libro sul comodino...
solo fate che abbia accanto a me
dolci all'uovo e una bottiglia di Madeira.

No, non voglio altro; neppure dei giocattoli.
Per cosa? Anche se me li dessero non saprei giocare...
Che vogliono fare di me con questi turbamenti e paure?
Non sono fatto per le feste. Lasciatemi! Fatemi riposare!...

Sempre notte nella mia stanza. Le tende tirate,
e io rannicchiato a dormire, al calduccio - che amore!...
Sì: restare sempre a letto, senza muovermi, creare muffa -
almeno sarebbe il riposo assoluto...Storie! sarebbe la vita migliore.

Se mi fanno male i piedi e non so camminare dritto,
perché devo insistere ad andare nei salotti, da Lord?
Dai!, che la mia vita per una volta si accordi
con il mio corpo, e si rassegni a non avere grazia...

A che mi serve uscire, se mi costipo subito?
E chi posso aspettare, con la mia delicatezza?
Smetti di illuderti Mario! Un buon piumone, un fuoco -
e non pensare al resto. E' già abbastanza, con franchezza...

Lasciamo perdere. In nessun posto la mia ansia mi porterà.
Perché allora dovrei andare di qua e di là, in un'inutile corsa?
Abbiate pena di me, Accidenti! Portatemi all'infermeria!
Cioé: in una camera singola che mio padre pagherà.

Giusto. Una stanza d'ospedale, igienica, tutta bianca, moderna e tranquilla;
a Parigi, è preferibile, a causa della leggenda...
Da qui a vent'anni forse la mia letteratura si capirà;
e poi essere mezzo matto a Parigi va bene, ha un certo stile...

Quanto a te, amore mio, puoi venire il giovedì,
se vuoi essere gentile, domandare come sto.
Però nella mia stanza tu non entri, neanche con le migliori maniere:
niente da fare, mia cara. Il bambino dorme. Tutto il resto è finito.

Mário de Sá-Carneiro


Traduzione di Alessandro Ghignoli
Leggi Tutto... | 3264 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'occhio del coniglio
Postato da Grazia01 il Domenica, 19 maggio @ 16:44:38 CEST (836 letture)
Recensioni II






L'ho letto tutto d'un fiato senza potermi fermare. la scrittura, apparentemente asciutta, rende visibili i contesti e in certe pagine ho sentito l'odore della salsedine. Due storie che s'intrecciano e si raggiungono, divise fra una Milano d'altri tempi e vacanze in barche a vela; con poche pennellate Bianca sa descrivere benissimo i personaggi. La protagonista è una donna speciale, con esperienze e capacità fuori dal comune, non apprezzata e amata abbastanza da un compagno eterno Peter Pan, con cui condivide gli anni e le esperienze migliori della sua vita, una vita piena, senza banalità. Un leggero velo d'ironia nasconde, senza peraltro riuscirci, una profonda sensibilità. Molto bello. Da non perdere.

qui la versione e book

L'occhio del coniglio


credo di avere scoperto una scrittrice di talento
Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La gelosia
Postato da Grazia01 il Sabato, 18 maggio @ 10:13:35 CEST (1305 letture)
Psicologia e salute III


I cosiddetti femminicidi così in aumento in questo periodo, mi hanno indotto a inserire un articolo sulle teorie di Russel che trovo illuminanti, in modo particolare quando descrive le antiche società patriarcali. Forse gli uomini, alcuni uomini, non accettano di non poter più esercitare il proprio potere sulla loro donna?



La gelosia
Russell mostra una grande lucidità nel cogliere le nostre dinamiche emozionali. Sa benissimo quanto sfaccettato è l'animo umano e quindi non si ferma a rapide catalogazioni di sentimenti. Una particolare attenzione egli comunque dedica alla gelosia. E questo per almeno due ragioni. Innanzi tutto l'illustre filosofo conosce molto bene tale sentimento per ragioni personali. La sua relazione con lady Ottoline Morrell è stata caratterizzata da intense sessualità, intimità e dedizione vissute all'insegna della gelosia. In secondo luogo, la gelosia per lui rappresenta un terreno d'elezione per comprendere le origini della nostra morale sessuale. E soprattutto per capire il modo in cui di solito affrontiamo la questione del tradimento all'interno del rapporto di coppia. Russell è personalmente convinto che «l'infedeltà non deve ostacolare la felicità e di fatto non l'ostacola, se moglie e marito hanno tanto buon senso da non abbandonarsi a scene melodrammatiche di gelosia. Possiamo andare anche oltre e dire che le parti in causa dovrebbero saper indulgere a eventuali capricci passeggeri purché rimanga intatta la profondità del reciproco affetto»



Ma è altrettanto certo che la morale sessuale si trova all'origine di quella marcata rigidità con cui affrontiamo l'infedeltà del partner. Approfittiamo di queste convinzioni di Russell per entrare in merito al tema della gelosia: un argomento che ci fa comprendere quanto intessuta di affettività sia ogni espressione del nostro essere.



Lo sguardo geloso
È difficile immaginare quante persone sono segretamente tormentate dalla gelosia. Ma se volessimo fare una statistica della percentuale delle persone gelose ci scontreremmo con diverse difficoltà. Innanzi tutto, sotto la rubrica «gelosia» dovremmo porre una tale varietà di sue forme e manifestazioni che rischieremmo di perderci in un labirinto di distinzioni. Si può essere gelosi della propria intimità, degli oggetti posseduti, dell'amore di un partner, dell'affetto dei genitori, del passato della persona amata e così via. Secondariamente, molte volte la gelosia si intreccia con altri sentimenti, per esempio l'invidia, tanto da non essere più facilmente identificabile. E se interrogassimo i soggetti che vivono un sentimento di gelosia, difficilmente riceveremmo delle risposte chiare sul loro modo di vivere tale esperienza. Forse un primo approccio per comprendere la gelosia consiste nel notare una differenza molto intuitiva nello sguardo rivolto all'oggetto d'amore. L'innamorato «premuroso» cerca di cogliere nel volto della persona amata quei segnali che indicano i suoi desideri. Soppesa le sue espressioni corporee, cerca di penetrare nel fondo della sua anima attraverso i suoi occhi. E questo allo scopo di farle cosa grata con qualche regalo particolare che soddisfi anche la minima attesa. Il suo sguardo attento è positivo e costruttivo, non ha nulla di poliziesco o di inquisitorio.

Leggi Tutto... | 9395 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Buon fine settimana
Postato da Grazia01 il Venerdì, 17 maggio @ 21:57:23 CEST (572 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno







I sogni cedono il posto alle impressioni di un nuovo giorno
come lo splendore delle stelle cede alla luce del sole.

Sigmund Freud





Buonanotte e felice fine settimana

Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Riflessioni sulla mente
Postato da Grazia01 il Venerdì, 17 maggio @ 08:45:48 CEST (802 letture)
Psicologia e salute III




Riflessioni sulla Mente

Alla domanda di come si può conoscere se stessi Goethe risponde:
"Mai con la meditazione ma con l'azione. Cerca di fare il tuo dovere e saprai subito che cosa vali".
(Goethe J.W. Massime e riflessioni, Theoria, 1985)



La stabilità
In principio era la stabilità. Nulla era in movimento, ciò che si muoveva era 'spinto'. Cadevano frane dai monti, rotolava neve dai pendii, scendeva pioggia dal cielo, la polvere volava nel vento, scivolava il ghiacciaio, sputava lava il vulcano e il mare batteva gli scogli. Ma le pietre, l'acqua, la polvere, la lava, il mare devono essere mosse per muoversi. Tutto può tornare calmo e tranquillo, stabile, fermo. Poi qualcosa cominciò a muoversi senza essere mossa. Tra tutte queste cose stabili, una struttura si dispose in maniera peculiare, o almeno così si può speculare. Una caratteristica rarissima. Tuttavia come una serie di numeri a caso può uscire se giocati per milioni d'anni, ecco che uscì. Uno stampo, un pezzo di un puzzle, una sagoma; e quando un complesso vicino ha forma adattabile, tenderà ad attaccarsi. Questo processo, mirabilmente descritto da Dawkins, potrebbe continuare, dando luogo a un impilaggio progressivo. E' così che si formano ad esempio i cristalli. Oppure le due catene potrebbero separarsi, e allora si avrebbero due replicanti, ciascuno dei quali può a sua volta fare altre copie. “Quello che importa è che di colpo nel mondo fece ingresso una nuova specie di stabilità” (R. Dawking, Il gene egoista, oscar Mondadori,1995, p. 9).



L'azione
Un gene preso da solo non serve a nulla. Deve trovarsi in ambienti idonei per avere un senso. L'unità della vita non è il gene ma un insieme di geni: la cellula. La sua autosufficienza è dimostrata dal fatto che la maggior parte degli organismi della Terra sono microorganismi unicellulari. Consideriamo ad esempio un batterio, l'E. Coli: il più studiato di tutti gli animali. Non possiede il pensiero eppure va a cercarsi il cibo. Con cosa? Con l'azione. Fra le tante imprese evolutive, gli antenati dell'E. Coli inventarono la ruota. Una serie di flagelli e due tipi di movimento, uno in modo 'disordinato' e l'altro invece in una sola direzione. Il primo è alla cieca, da tutte le parti, ma se incontra ad esempio una maggiore concentrazione di zucchero, allora passa al movimento continuo. Un comportamento esattamente analogo ma opposto è determinato dalla presenza di sostanze dannose. E' così che sopravvive, muovendosi (G. Cairns-Smith, Mente e Coscienza, G. Fioriti, 2000, Roma, p. 94). Certo il nostro cervello e noi stessi siamo enormi comunità di cellule, le cose sono più complesse. Oltre il 99,99% delle informazioni genetiche è racchiuso nel nucleo: la Biblioteca Principale della cellula. I mitocondri sono piccoli organuli che producono il combustibile: l'ATP. Essi contengono il resto delle informazioni sotto forma di piccoli “libricini”. Negli esseri umani, per esempio, l'informazione genetica (nucleare) è sotto forma di 46 enormi molecole del DNA, che forniscono un’enorme capacità informativa, scritta nel suo linguaggio di 4 simboli. Queste molecole del DNA costituiscono, insieme ad altro, i cromosomi. Tutte le cellule dell'organismo s’informano reciprocamente di quello che fanno, si ha una sorta di network di comunicazione.
Leggi Tutto... | 6550 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Buon pomeriggio
Postato da Grazia01 il Giovedì, 16 maggio @ 12:51:24 CEST (2178 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno


Anche oggi piove, questo mese di maggio sembra proprio che ci voglia togliere una fetta della bella stagione, quella più gradevole, con giorni azzurri e notti tiepide. Gli agricoltori devono ritardare la semina perché i terreni sono troppo bagnati. Pare che il cielo pianga, su questo povero mondo, pieno d'ingiustizie e atrocità. Speriamo nel domani e consoliamoci con un caffè.




Buon pomeriggio
Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A TE MAMMA DI TUTTE LE MAMME
Postato da rosarossa il Mercoledì, 15 maggio @ 21:17:08 CEST (641 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX









A TE MAMMA DI TUTTE LE MAMME

Fulgida, bella, nella roccia appari
tergi ogni lacrima consoli ogni cuore in quella vallata santa
di preghiera pur nel dolore sproni Tu a cantare.
Tu da Lourdes Vergine bella attiri il mondo col tuo sorriso
ai nostri cuori splendida Stella illumini la via del paradiso.
In estasi sostiamo;
al tuo splendore, l’anima si ritempra nella fede
lo spirito vola lassù al Divino Amore,
il cuor più duro converte alla preghiera.
Su questa terra di dolore e di amarezza sommersi dalla
colpa e dal peccato, con fede viva ti chiede aiuto,
stringendoci al tuo cuore immacolato.
Da un mondo iniquo dove infuria l’uragano, l’umanità
impaurita a te, si china.
Ho! Dolce Mamma!
tendi a noi la mano!
Salvaci nel regno tuo Regina.

Lina Rondinelli

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Dire sì ai vostri sogni
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 15 maggio @ 21:15:04 CEST (658 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno







Dire sì ai vostri sogni e alle vostre aspirazioni apre una porta dentro di voi mettendovi in connessione con la forza della vita stessa. Quando dite sì, superate la vostra paura e meschinità e permettete a voi stessi di percepire, identificare e intraprendere quello che la vita vi sta chiamando a fare, quelle attività che rendono felice il vostro cuore e danno significato alla vostra esistenza su questo pianeta. Molte persone sono intrappolate nella loro comoda esistenza, giocano sul sicuro perché hanno paura di dire sì a qualcosa di più grande.Dedicate questo preciso istante a pronunciare a voce alta la parola Sì. Ditela con vigore… Assaporate la forza del Sì!

Lisa Nichols

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Na matina de domenega
Postato da Grazia01 il Martedì, 14 maggio @ 21:22:36 CEST (1194 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II







Na matina de domenega


l'altra domenega matina

me cascà i oci su na biondina

tanto carina che se ciamava

Carolina

la gavea le braghe in pingolon

e ho pensà che forse l'era

par darla via apena che la pol !!!!!

ma mi che son come S.Tomaso

che se non toco non ghe credo

na man gò slongà

ma ho ciapà un sciaffon che

el ma sveià !!!!!!!!!!!

….........l'è proprio vera che

le spose iè tute stesse........

…....non le te lassa

gnanca sognar !!!!!!!!!!!!!!




un giorno qualunque.....tanto l'è stesso!!!


Roberto Chesini

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La pace è dentro al cuore
Postato da Grazia01 il Martedì, 14 maggio @ 09:17:30 CEST (1380 letture)
Riflessioni III




La pace è dentro al cuore

L’opera di Dante Alighieri è di valore universale per le risposte che egli elargisce in ogni àmbito della convivenza civile.
Molti uomini illustri devono una parte della loro formazione, non soltanto linguistica, al sommo poeta ritenuto il primo intellettuale laico europeo.
Roberto Assagioli (1888-1974), fondatore della psicosintesi, dopo l’esperienza personale adottò la Divina Commedia come saggio spirituale per la guida dei suoi pazienti. Il suo metodo, noto in campo scientifico, ha conseguito eccellenti risultati.



«Dante, che visitò tutti i regni dell’esperienza umana, conobbe il meglio e il peggio della natura umana. Per lo psichiatra moderno, il poeta visionario era un maestro realistico di illuminazione che, sei secoli prima che Assagioli si dedicasse a liberare gli altri dalle loro prigioni interiori, aveva dedicato il proprio lavoro a condurre le future generazioni dall’infelicità alla beatitudine».
L’Alighieri intravide in Virgilio il profeta inconsapevole di Cristo, nonché suo personale. Dentro il profugo Enea, alla ricerca di pace e d’amor patrio, si cela l’esule fiorentino. Non è un caso se, fin dai primi significativi canti dell’Inferno, si erge maestosa la figura di Francesca da Rimini là condannata a motivo della sua tragica passione.
Infatti, con ammirevole delicatezza nonostante la disperazione, a dimostrazione della sua gratitudine Francesca annuncia al poeta che se le fosse concesso chiederebbe per lui a Dio quella pace che le è stata negata:

«O animal grazioso e benigno
che visitando vai per l’aere perso
noi che tignemmo il mondo di sanguigno,
se fosse amico il re dell’universo,
noi pregheremmo lui per la tua pace,
poi ch’hai pietà del nostro mal perverso…» (Inf. V, 88-92).

Nella similitudine che illustra l’appartenenza alla sua città, l’eroina d’amore sottolinea ancora come la pace di cui godono pure i fiumi va tolta a lei e al suo compagno:

«Siede la terra dove nata fui
sulla marina dove il Po discende
per aver pace co’ seguaci sui…» (V, 97-99).
Leggi Tutto... | 10163 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UN SOGNO EPICO
Postato da rosarossa il Lunedì, 13 maggio @ 12:13:00 CEST (801 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX









UN SOGNO EPICO

Mi perdo nel verde azzurro dei tuoi occhi,
due gocce che hai rubato al grande mare.
Statuario è il corpo, la tua chioma bionda
mi bloccano non riesco a respirare.
Non distinguo se fai parte delle fate o delle donne.
Sembri, o sei venere che nasce dalle onde?
Mi avvicino piano ti vorrei parlare!
Il mare s’ingrossa e mi allontana,
ti circondano gli dei affettuosi e protettivi
si chiude una conchiglia e ti nasconde.
La brezza ti culla sulla scia di un’onda.
Abbandonato, deluso e sognante
mi scuote il tuo saluto, il tuo sorriso,
Ho! mia sirena!
Apro le braccia per stringerti sul cuore
svanisce il sogno più non vedo niente
quell’angelo di autentico splendore,
rimarrà sempre dentro la mia mente.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La Farfalla
Postato da Grazia01 il Lunedì, 13 maggio @ 12:10:14 CEST (919 letture)
Poesie d'autore II






La Farfalla

Nascere a primavera, morire con le rose,
sulle ali di uno zefiro nuotare nella luce,
cullarsi in grembo ai fiori appena schiusi,
in una brezza pura di profumi e d'azzurro,
scuotere, ancora giovane, la polvere alle ali,
volare come un soffio verso la volta infinita:
ecco della farfalla il destino incantato!
Somiglia al desiderio che non si posa mai,
che mai si sazia, ogni cosa sfiorando
per poi tornare al cielo,in cerca di piacere.

Alphonse De Lamartine

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mario Nannini, un sogno spezzato...
Postato da Grazia01 il Lunedì, 13 maggio @ 09:29:17 CEST (803 letture)
ARTE II


Un sogno spezzato




Mario Nannini, coetaneo del grande Ottone Rosai, visse soltanto ventitre anni, fu un irregolare del Futurismo e morì di spagnola sul più bello, quando il suo sogno di dare vita a un movimento futurista pistoiese stava forse per realizzarsi: “e s'immagina a quali conseguenze avrebbe saputo arrivare”, come scrive Parronchi.



Forse perché il suo sguardo “sapeva estrarre dal mare delle soprastrutture lo spirito che animava le forme nuove”.Nannini credette nella sua pittura con determinazione e ostinazione, resistendo alle feroci critiche materne, e imparò il mestiere disegnando, a carboncino, “scabre figure di campagna”. Credette nella pittura e nell'Italia, che stava in quegli anni fronteggiando la Prima Guerra Mondiale, vale a dire la durissima prova da cui, per dirla con Parronchi, tante illusioni dovevano sfumare e tante speranze riformarsi. Nannini credette nella sua arte e nella sua nazione ma venne dimenticato per tanto tempo, post mortem.



Scriveva Parronchi che il Futurismo, inteso nel suo spirito originale, assolutamente marinettiano, aveva valore proprio per il suo potere comunicativo e irradiante, per il suo carattere di febbre collettiva per cui non si poteva proprio non farne parte. E l'impatto ch'esso ebbe su artisti come Nannini fu molto netto: si trattò d'un “sommario incitamento a rompere con l'accademia e a buttarsi nell'avventura”. Nannini puntò all'essenza pittorica della nuova dottrina: a essa sembrava voler essere assolutamente fedele.
Leggi Tutto... | 2451 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Fai bei sogni...
Postato da Grazia01 il Domenica, 12 maggio @ 21:57:51 CEST (651 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno







Se un sogno è il tuo sogno, quello per cui sei venuto al mondo,
puoi passare la vita a nasconderlo dietro una nuvola di scetticismo,
ma non riuscirai mai a liberartene.
Continuerà a mandarti dei segnali disperati,
come la noia e l’assenza di entusiasmo,
confidando nella tua ribellione

Massimo Gramellini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Auguri a tutte le mamme
Postato da Grazia01 il Domenica, 12 maggio @ 09:10:44 CEST (1187 letture)
Poesie tematiche III



Auguri a tutte le







anche alla mia che non c'è più
e che sempre mi protegge da lassù




La parola "MADRE" è nascosta nel cuore
e sale alle labbra nei momenti di dolore e di felicità,
come il profumo sale dal cuore della rosa e si mescola all'aria chiara.

Kahlil Gibram




“… Tu sei di tua madre lo specchio,
ed ella in te rivive
il dolce aprile del fior
dei suoi anni…”

William Shakespeare




La Madre

E il cuore quando d'un ultimo battito
avrà fatto cadere il muro d'ombra
per condurmi, Madre, sino al Signore,
come una volta mi darai la mano.

In ginocchio, decisa,
Sarai una statua davanti all'eterno,
come già ti vedeva
quando eri ancora in vita.

Alzerai tremante le vecchie braccia,
come quando spirasti
dicendo: Mio Dio, eccomi.

E solo quando m'avrà perdonato,
ti verrà desiderio di guardarmi.

Ricorderai d'avermi atteso tanto,
e avrai negli occhi un rapido sospiro.

Giuseppe Ungaretti *1929*
Leggi Tutto... | 3037 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


GRAZIE MAGGIO
Postato da rosarossa il Venerdì, 10 maggio @ 08:16:57 CEST (630 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX








GRAZIE MAGGIO

Maggio sfoggia l’armonia dei suoi colori e l’aria è serena.
Siamo nel pieno della primavera!
Sui prati verdi voli di farfalle, giulive passano da fiore in fiore
Passeggio su e giù per l’aia, nella mia campagna
osservando silenziosa la natura,
che si compone nell’attender della sera.
Il sole tacito tramonta e va a dormire nel fastoso mantello decorato
rosso acceso, di vari ricami disegnato.
Do’ l’acqua alle rose lungo il vialetto che porta al cancello,
sulla panchina mi rilasso ad aspettare che nel buio
si accendano le stelle, in mezzo
alla natura alzare gli occhi, per dire “ grazie maggio “
per guardare il cielo quant’è bello!

Rosarossa

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Maternità [ 0 commenti - 28 letture ]
 Se saprai starmi vicino [ 0 commenti - 17 letture ]
 Indovinami, indovino [ 0 commenti - 28 letture ]
 il tempo [ 0 commenti - 25 letture ]
 Buone Feste [ 0 commenti - 16 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 24
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy