Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 617
Totale: 617
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: News
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Stories Archive
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: Stories Archive
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Top
79: coppermine
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Stories Archive
88: Home
89: coppermine
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: News
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: coppermine
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: coppermine
127: Home
128: Home
129: coppermine
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: Stories Archive
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: coppermine
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Search
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: Home
192: Home
193: Home
194: Home
195: Top
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Stories Archive
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: Home
238: Home
239: Your Account
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: coppermine
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Search
275: Home
276: Home
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Search
287: Home
288: Home
289: Home
290: Home
291: Forums
292: Home
293: Home
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: coppermine
300: Home
301: Home
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Forums
312: Home
313: Home
314: Home
315: coppermine
316: Stories Archive
317: Home
318: Home
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: Contact
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: Home
337: Home
338: Home
339: Home
340: coppermine
341: Home
342: Home
343: coppermine
344: Home
345: Home
346: Home
347: coppermine
348: Home
349: Home
350: Home
351: Home
352: Home
353: Home
354: Home
355: coppermine
356: Home
357: Home
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: Home
364: Home
365: Home
366: Home
367: Home
368: coppermine
369: Home
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: Home
376: Home
377: Home
378: Home
379: Home
380: Home
381: Home
382: Home
383: Home
384: Home
385: coppermine
386: Home
387: coppermine
388: Home
389: Home
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: Home
395: Home
396: Search
397: Home
398: Home
399: Home
400: Home
401: Home
402: Home
403: Home
404: Home
405: Home
406: Home
407: coppermine
408: Home
409: Home
410: Home
411: Home
412: Home
413: Home
414: Home
415: Home
416: Home
417: Home
418: Home
419: Home
420: Home
421: Home
422: Home
423: Home
424: Home
425: Home
426: Home
427: Home
428: Home
429: Home
430: Home
431: Home
432: Home
433: Home
434: Home
435: Home
436: Home
437: Home
438: Home
439: Home
440: Home
441: Home
442: Home
443: Home
444: News
445: Home
446: Home
447: Home
448: Home
449: Home
450: Home
451: Home
452: Home
453: Home
454: Stories Archive
455: Home
456: Home
457: Home
458: Home
459: Home
460: Home
461: Home
462: Home
463: Home
464: Home
465: Home
466: Search
467: Home
468: Home
469: Home
470: coppermine
471: Home
472: Home
473: Home
474: Home
475: Home
476: Home
477: Home
478: Home
479: Home
480: Home
481: Home
482: Home
483: Home
484: Home
485: Home
486: Home
487: News
488: Home
489: Home
490: Home
491: Home
492: coppermine
493: News
494: Your Account
495: Home
496: Home
497: Home
498: Home
499: Home
500: Home
501: Home
502: Home
503: Home
504: Home
505: Home
506: Home
507: Home
508: Home
509: Home
510: Home
511: Home
512: Home
513: Home
514: Home
515: Forums
516: Home
517: Forums
518: Home
519: Home
520: Home
521: Home
522: Home
523: Home
524: Home
525: Home
526: Home
527: Home
528: Home
529: Home
530: Home
531: Home
532: Home
533: Home
534: Home
535: Home
536: News
537: Home
538: Home
539: Home
540: Home
541: Home
542: Home
543: Search
544: Home
545: coppermine
546: Home
547: Home
548: Home
549: Home
550: Forums
551: Home
552: Home
553: Home
554: Home
555: Home
556: Home
557: Home
558: Home
559: Home
560: Home
561: Home
562: Home
563: Home
564: Home
565: Home
566: Search
567: Home
568: Home
569: Home
570: Home
571: Home
572: Home
573: Home
574: Home
575: Home
576: Home
577: Home
578: News
579: Home
580: Home
581: Home
582: Home
583: Home
584: Home
585: Home
586: Home
587: Home
588: Home
589: Search
590: Home
591: Home
592: Home
593: Home
594: Home
595: Home
596: News
597: Home
598: Home
599: News
600: Home
601: Home
602: Home
603: Home
604: Home
605: Home
606: Home
607: Home
608: Search
609: Home
610: Home
611: Home
612: Home
613: Home
614: Home
615: Home
616: Home
617: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924523
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
NEVE DI MARZO
Postato da rosarossa il Lunedì, 18 marzo @ 18:53:06 CET (1061 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VIII









NEVE DI MARZO

Che meraviglia!
E’ un piacere osservare la neve nel mese di marzo
pennellare di bianco i prati, le folte siepi e gli alberi in fiore.
Volteggiando nell’aria arriva graziosa leggera
ricamando la natura per abbellire il già vistoso abito
per l’imminente arrivo
alla signora regina primavera.


Rosarossa

Leggi Tutto... | 4 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Nino Oxilia, non solo un poeta
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 marzo @ 22:19:33 CET (2124 letture)
Poesie crepuscolari








Nino Oxilia


Giornalista per la Gazzetta di Torino, fu scrittore, poeta e sceneggiatore di cinema. Divenne celebre con la commedia Addio giovinezza! (1911; scritta con Sandro Camasio), che anche diresse nella prima delle 4 versioni cinematografiche. Erano sue pure le parole della canzone Giovinezza, che poi sarebbe stata usata come inno fascista. Morì nell'offensiva che seguì alla ritirata di Caporetto.




Targa sulla sua casa di Torino


NINO OXILIA
CANTÒ NELLA VITA E NELL'ARTE
LA GIOIA DIVINA DELLA GIOVINEZZA
E ALLA DIFESA DELLA PATRIA
L'OFFERSE
CON LA POESIA EROICA DEL SACRIFICIO
NATO IN QUESTA CASA IL 13 NOVEMBRE MDCCCLXXXIX
CADDE COMBATTENDO SUL MONTE TOMBA
IL 18 NOVEMBRE MCMXVII
TORINO
QUI NE RICORDA IL NOME E L'OPERA
DI POETA E SOLDATO

CATELLA


POESIE





Ò visto

Ò visto la folla per le vie,
la folla passare gaia.
Ma più gaia di tutti
era una bimba
che aveva trovato il modo
di comprarsi una bambola...
Leggi Tutto... | 5521 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un amore in concerto
Postato da Paolo il Domenica, 17 marzo @ 20:15:17 CET (674 letture)
Ricerche d'autore







Salutiamo ancora una volta Linda Neill. Potrete ritrovarla su Facebook insieme ai suoi ‘Poets Without Fears – Poeti Senza Paure’ Sudafricani: nel nostro piccolo, però, ce la caviamo anche noi. Il Critico Senza Paura ci scrive gli Auguri Pasquali da Torino con biglietto di Piazza San Carlo: così lontana da Johannesburg, dove lui ha vissuto per tre anni e l’Autrice continua a vivere, e a scrivere. Qui sotto vi proponiamo una sua ulteriore poesia.

Leggi Tutto... | 2338 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La poesia giapponese
Postato da Grazia01 il Sabato, 16 marzo @ 21:25:11 CET (881 letture)
Ricerche d'autore


Poesia giapponese






Protofemminista, pacifista, riformatrice sociale, poetessa. Questo fu Akiko Yosano, una delle voci più famose e controverse della poesia giapponese nella prima metà del Novecento. Figlia di un ricco mercante di Sakai, nella prefettura di Osaka, nacque nel 1878; iniziò a pubblicare i suoi tanka su Myōjō, rivista letteraria, di cui era editore il suo futuro marito Tekkan Yosano. Il suo poema “Kimi Shinitamou koto nakare” (Tu non morirai), fu musicato e divenne inno di protesta durante la guerra russo-giapponese. Akiko fondò poi una scuola per l’educazione femminile e divenne paladina dei diritti delle donne. Morì a 63 anni nel 1942.




Le sue poesie sono dei tanka, la forma più antica della poesia giapponese, anteriore agli haiku che vanno tanto di moda adesso. Il tanka consiste in cinque versi formati rispettivamente di 5, 7, 5, 7 e 7 sillabe; la terzina iniziale è chiamata kami-no-ku (frase superiore), il distico finale è detto shimo-no-ku (frase inferiore).





IL PIANTO DELLA GIOVINEZZA

La mia giovinezza
è presso a finire
simile a una pianura docile
che, subita, spiombi
nel mare




Amore o sangue?
tutta la primavera
è in questa peonia che mi ossessiona,
scende la notte, sono sola,
sola senza una poesia.





Dopo il bagno
mi guardo nello specchio,
e, osservando il mio corpo,
sento che ancora rimane qualcosa
di ieri: un certo sorriso...





Per punire
gli uomini dei loro peccati infiniti
Dio mi ha dato
questa pelle chiara
questi lunghi capelli neri.





Che essere umano
potrebbe punirmi?
Non è il candore del mio braccio,
che accolse la sua testa,
degno di un dio?





Mezzo vestita
di una seta leggera
dal colore rosso pallido...
non pensare male: di' loro
che si sta godendo la luna...





Colombe
dal tetto della pagoda
i petali dei ciliegi cadono
nel vento di primavera –
scriverò la mia canzone sulle loro ali.





Via Lattea:
a letto, con lui,
apro la tenda
e guardo come, all’alba,
si separano due stelle.

Leggi Tutto... | 1327 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Una foto rara
Postato da Grazia01 il Venerdì, 15 marzo @ 21:57:37 CET (813 letture)
Messaggi II











Uno scatto raro del 1979 con gli ultimi tre Papi:
Francesco, Benedetto XVI e Giovanni Paolo II

Papa Francesco ha gli occhi buoni, mi piace molto.

Grazia
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La fotografia
Postato da Grazia01 il Venerdì, 15 marzo @ 21:49:45 CET (677 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno





Quando guardi una fotografia non vedi solo uno scatto, ma la capacità che ha l’uomo di riuscire a fermare il tempo, con una semplice creazione, la fotografia ferma i secondi, ferma il momento, cattura le emozioni, perché la nostra esistenza è una lunga pellicola, e possiamo fermarla quando vogliamo per riguardare le scene migliori.

Ejay Ivan Lac

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ogni giorno nasce un poeta
Postato da Grazia01 il Giovedì, 14 marzo @ 22:08:41 CET (691 letture)
Ricerche d'autore








Ogni giorno nasce un poeta, anche il 14 marzo nacquero dei poeti

eccone alcuni


il 14 marzo 1823 nacque il francese




Théodore de Banville


....Ma che sia
un eroe sublime o grottesco,
O Musa che dia la caccia agli avvoltoi
O s'abbassi a far qualche esercizio
sulla corda funambolesca,

Tribuno,profeta o pagliaccio,
sempre sfugge con sdegno
le vie che la folla frequenta;
Lui cammina sulle fiere sommità
O sulla corda ignobile: però
Ben al di sopra dei volti della folla....

(....)

Più lontano!Più in alto! Vedo ancora
Speculatori con occhialini d'oro
E critici, e belle signorine,
e realisti in fiamme.
Più in alto! Più lontano! Aria! Azzurro!
Un paio d'ali! Un paio d'ali! D'ali!

Alfine, dal suo abietto palcoscenico,
Il clown saltò su in alto...
Sfondò perfino il soffitto di tela
Al rullar del tamburo, al suon del corno
E - il cuore divorato dall'amore -
andò a fare capriole fra le stelle.


Théodore de Banville (1856)
Leggi Tutto... | 3050 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Buon compleanno Moira
Postato da Grazia01 il Giovedì, 14 marzo @ 20:43:43 CET (1030 letture)
Messaggi II









Tanti affettuosi auguri di
Buon compleanno a





cento di questo giorni
alla tua età, è un augurio che si può ancora fare tranquillamente

hai scritto

Quando meno te l’aspetti,
tutto può succedere,
come per magia,
tutto si trasforma…

e poi

Quando sei triste
pensa a ciò che
ti piace fare
e regalati
un sorriso



usando le tue stesse parole
ti auguro una vita piena di soddisfazioni e di sorrisi


Grazia

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un cane per amico
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 13 marzo @ 18:46:53 CET (653 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno







CANE

"Arrivi a casa. Il cane si precipita contro. "Dove sei stata? Sei stata via così tanto. Mi sei mancata, mancata, mancata. Ti amo, ti amo, ti amo. Cosa c'è nella borsa? Qualcosa per me? Oh fammi leccare il tuo orecchio. Oh, fammi mordicchiare i tuoi guanti. Sei a casa!"
o "La porta si spalanca - e la sua faccia si illumina di gioia incredula. "Ma allora sei un cane sciocco. Non è forse vero che sei un cane sciocco? Ti ho detto che non sarei stata via tanto>>, dice, rivolgendosi a un contorcimento di dorso, un turbinio di zampe, uno sferzare di coda, un balzare, un dimenarsi, una lingua ciondolante. Il mondo è ritornato ad essere interessante".







Non sottovalutare la consolazione che un cane ti sa offrire:
non parla, ma con tocchi leggeri, testate, struscii,
ti dimostra il suo amore e cerca di distoglierti dal tuo dolore.

Pam Brown





Il genere umano è attratto dai cani perché sono così simili all'uomo; affezionati, confusi, facilmente delusi, avidi di divertimento, grati per ogni gentilezza e per la minima attenzione.

Pam Brown




assomiglia a Teo


In questo luogo
giacciono i resti di una creatura
che possedette la Bellezza ma non la Vanità
la Forza ma non l’Arroganza
il Coraggio ma non la Ferocia,
e tutte le Virtù dell’Uomo senza i suoi Vizi.
Quest’elogio, che non sarebbe che vuota Lusinga
sulle Ceneri di un Uomo,
è un omaggio affatto doveroso alla memoria di
Boatswain, un Cane,
che nacque in Terranova nel maggio del 1803
e morì a Newstead Abbey
il 18 novembre 1808.


Lord Byron


e questo a Willy

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


come le stagioni...
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 marzo @ 22:47:01 CET (935 letture)
Poesie e prosa di Gibran II






Il tuo dolore è lo spezzarsi del guscio che racchiude la tua capacità di comprendere.
E se potessi mantenere il cuore sospeso in costante stupore ai quotidiani miracoli della vita,
il dolore non ti sembrerebbe meno meraviglioso della gioia; e accetteresti le stagioni del tuo cuore,
come hai sempre accettato le stagioni che passano sui tuoi campi.

Kahlil Gibran

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Fabio Aguzzi
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 marzo @ 21:04:01 CET (987 letture)
ARTE II


FABIO AGUZZI
La serenità della trasparenza



Autoritratto

Uno degli aspetti più misteriosi e affascinanti della creazione artistica è il rapporto tra l'opera e chi l'ha prodotta. Non è un rapporto di perfetta corrispondenza, come se il creatore avesse prodotto una copia di se stesso, o un suo riflesso in forma d'arte; non è di estraneità, considerato che l'autore è, rispetto alla sua opera, una sorta di matrice, un'origine. Esiste, insomma, tra i due termini, qualcosa che sembra una deviazione, o la rottura di un legame biunivoco.




Ecco allora che un uomo apparentemente tetro di carattere, o privo di umore, può rivelarsi nell’atto creativo un artista ricco d’ironia, dallo spirito straordinariamente lieve. All'opposto, non sono rari i casi di psicologie solari soltanto in superficie, ma che in realtà racchiudono abissi di malinconia e visioni tragiche.



Come si capisce da quanto racconta Max Brod di Kafka; che pare avesse un buon carattere e considerasse i suoi scritti degli esperimenti letterari assolutamente umoristici. Nel caso dei pittori quest’ambiguità del rapporto si fa sentire con assoluta immediatezza tutte le volte che li si conosce di persona, magari dopo aver ricevuto da una loro mostra un effetto forte e con poche incrinature. Mi è successo quando ho incontrato Fabio Aguzzi per la prima volta, conoscendone la poetica austera ed essenziale, basata su una tavolozza dai toni grigi, nebbiosi.

Leggi Tutto... | 4872 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il destino
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 marzo @ 15:20:40 CET (812 letture)
Poesie tematiche III





in pensieri e poesie



Dicono che le coincidenze e le occasioni siano le forme che assume il destino per non farsi riconoscere, ma se davvero il nostro destino fosse già segnato, indipendentemente dalla nostra volontà, non dovremmo far altro che lasciare che la nostra vita scorra, seguendo il suo corso...e che ne sarebbe del libero arbitrio? Credere o no nel destino? Incide notevolmente all'inizio della nostra vita, secondo al contesto sociale e familiare in cui veniamo al mondo, e ai geni che ereditiamo. E poi? E' uno dei grandi interrogativi della vita a cui non c'è risposta.
Io lo vedo come un grande fiume, con tutte le sue correnti, le sue anse e i cambiamenti di percorso, le sue esondazioni e le sue secche. in cui noi siamo immersi, a monte c'è il passato, a valle c'è il futuro.




"In genere il destino si apposta dietro l'angolo, come un borsaiolo, una prostituta o un venditore di biglietti della lotteria, le sue incarnazioni più frequenti. Ma non fa mai visite a domicilio. Bisogna andare a cercarlo

Zafon





Chi non si ferma adesso, subito, non si ferma mai più. Quello che fai, lo farai sempre. Devi rompere una volta il destino. Devi uscire di strada, e lasciarti affondare nel tempo...

Cesare Pavese




Il destino è spesso una comoda giustificazione per illuderci che tutto quanto accade non dipende da noi, ma da una forza misteriosa capace di trasformare i sogni in realtà e le nostre azioni in un fallimento.



Romano Battaglia

Destino. Misteriosa entità che dovrebbe controllare tutte le sorti umane e che viene invocata soprattutto da chi sbaglia per scusare il proprio insuccesso e dai tiranni per giustificare i propri crimini.

Ambrose Bierce




Io ero un parto della natura lanciato verso l'ignoto,
forse verso qualcosa di nuovo o forse anche verso il nulla,
lasciare che si sviluppasse dal profondo, obbedire al mio destino
e far mia la sua volontà, questo era il mio compito.

Herman Hesse - Demian




La potenza del pensiero

La potenza del pensiero
muta il destino.
L’uomo semina un pensiero
e raccoglie un’azione;
semina un’azione
e raccoglie un’abitudine;
semina un’abitudine
e raccoglie un carattere;
semina un carattere
e raccoglie un destino.
L’uomo costruisce il suo avvenire
con il proprio pensare ed agire.
Egli può cambiarlo
perché ne è il vero padrone.


Swami Sivananda
(1887-1963)
uno dei più grandi maestri di Yoga del ventesimo secolo,
la figura che ha ispirato i Centri Sivananda Yoga Vedanta.
Leggi Tutto... | 4373 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Fra le braccia della luna...
Postato da Grazia01 il Sabato, 09 marzo @ 21:51:24 CET (769 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno












Questa sera son caduto fra le braccia della luna e non mi riesce più di ritornare giù ma non mi importa mica tanto qui si sta davvero bene ed ora ho voglia di cantare e di suonare. Ho soltanto una camicia, tanto vecchia quanto basta ma ne avanza per coprire le mie spalle e ho soltanto un tamburello per rubare il tempo al cuore e accompagnare queste mie rime stonate. Qui il colore non ha peso e ti perdi in mille strade fra i racconti di poeti e viaggiatori, qui la noia non ha casa ed ogni sera c'è una festa ed ogni volta c'è un motivo per brindare...

Ratti della Sabina



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


8 marzo
Postato da Grazia01 il Venerdì, 08 marzo @ 22:36:48 CET (953 letture)
Poesie tematiche III


Inno alle donne





Victor Hugo scriveva:
“Se Dio non avesse fatto la donna non avrebbe fatto il fiore”




Inno alle donne



ALLE DONNE
Che hanno tanto da dire,
e sono pronte a farlo;
Che non vogliono stare un passo indietro,
perchè non lo meritano;
Che lavorano fuori e dentro,
ma sono contente lo stesso ;
Che non si fermano mai,
e continuano a credere;
Che hanno talento,
e lo vogliono dimostrare ;

ALLE DONNE
Che vogliono fare politica;
Che sono forti e coraggiose;
Che guardano dritto negli occhi;
Che cercano, amano e credono ;
Che hanno sempre il sorriso;
Che hanno una occupazione precaria;
Che cercano un'idea per sognare;
Che vivono intensamente ogni momento;

ALLE DONNE
Che rivendicano i propri spazi;
Che sperano nelle avventure collettive;
Che non subiscono i compromessi ;
Che non sono tutte uguali;

ALLE DONNE
Che ridono, piangono e ascoltano;
Che credono ai figli;
Che vivono secondo il momento;
Che sono sole,
Che sanno accontentarsi,

ALLE DONNE
Che lottano, resistono e ogni tanto vincono;
Che sono pronte, decise e forti;
Che amano senza chiedere nulla in cambio .

A TUTTE LE DONNE
AMICHE, TENACI, COMBATTIVE, GIOIOSE,
COMPLICI E SOLIDALI



Daniela Accurso
Leggi Tutto... | 3118 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Anima di donna (8 Marzo)
Postato da Marhiel il Venerdì, 08 marzo @ 16:32:47 CET (1015 letture)
Le poesie di Mariella Mulas II








Anima di donna

Cerca l'anima
quel punto efficace
che la isoli
dalle macchie
del divenire inerme.
E aggrappa sguardi
sulle sincerità
volte a riguardi
sempre solenni
per un franco sorriso
d'esistenza.
Non vorrà sentire martoriato
da scherni o da offese
il suo sorriso,
il suo voler apparire sfrontata,
o intimidita, dai languori.
Vivrà l'anima libera
nei sentimenti congeniali
al suo essere spontanea
d'emozione,
e nell'ardire a che la vita
le renda sempre e solo giustizia
nel suo voler avanzar fiera.


Marhiel
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Donna
Postato da Grazia01 il Venerdì, 08 marzo @ 16:22:55 CET (575 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno









Donna

Donne piccole come stelle
c'è qualcuno le vuole belle
donna solo per qualche giorno
poi ti trattano come un porno.
Donne piccole e violentate
molte quelle delle borgate
ma quegli uomini sono duri
quelli godono come muli.
Donna come l'acqua di mare
chi si bagna vuole anche il sole
chi la vuole per una notte
c'è chi invece la prende a botte.
Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori
donna cosa succederà
quando a casa non tornerà.
Donna fatti saltare addosso
in quella strada nessuno passa
donna fatti legare al palo
e le tue mani ti fanno male.
Donna che non sente dolore
quando il freddo gli arriva al cuore
quello ormai non ha più tempo
e se n'è andato soffiando il vento.
Donna come l'acqua di mare
chi si bagna vuole anche il sole
chi la vuole per una notte
c'è chi invece la prende a botte.
Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori
donna cosa succederà
quando a casa non tornerà

Mia Martini





commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'orizzonte
Postato da Grazia01 il Giovedì, 07 marzo @ 22:07:16 CET (737 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno








Sfuggire all'incertezza è un ingrediente fondamentale, o almeno il tacito presupposto, di qualsiasi immagine composita della felicità. È per questo che una felicità «autentica, adeguata e totale» sembra rimanere costantemente a una certa distanza da noi: come un orizzonte che, come tutti gli orizzonti, si allontana ogni volta che cerchiamo di avvicinarci a esso.
Zygmunt Bauman

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


E' nata !
Postato da Anonimo il Giovedì, 07 marzo @ 19:18:54 CET (695 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II









E' nata !



Il fiume nasce da poche gocce d'acqua

il giorno si colora poco a poco fino a

portarci infuocato in mezzo al cielo il Sole,

ma tu , Notte , hai perso una Stella

e non cercarla in cielo perchè è qui

in mezzo a noi

......la sentirai piangere,ma saranno lacrime di gioia

...... avrà fame, ma troverà cibo,giochi ed abbracci,

.......avrà sonno ma troverà dove dormire

ma ciò che avrà sempre saranno

quelle mani che l'avvolgeranno

e la condurranno laggiù dove l'orizzonte

si perde nell'infinito per raggiungere

una splendida felicità

accompagnata sempre dal loro amore.



r.chesini

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Nati il 7 marzo
Postato da Grazia01 il Giovedì, 07 marzo @ 14:07:41 CET (1355 letture)
Poesie e opere di Alessandro Manzoni




Il 7 marzo del 1785 nacque a Milano Alessandro Manzoni.
e il 7 marzo del 1869 nacque a Nantes il pittore Paul Émile Chabas,
ecco alcuni dipinti del pittore ad accompagnare i brani del grande Manzoni



Dio non turba la gioia dei suoi, se non per preparare una cosa più grande.



Non sempre ciò che vien dopo è progresso.



Ma noi uomini siam in generale fatti così:
ci rivoltiamo sdegnati e furiosi contro i mali mezzani,
e ci curviamo in silenzio sotto gli estremi;
sopportiamo, non rassegnati, ma stupidi,
il colmo di ciò che da principio avevamo chiamato insopportabile.

da "I promessi sposi"




E s'inoltrava in quell'età così critica,
nella quale par che entri nell'animo quasi una potenza misteriosa,
che solleva, adorna, rinvigorisce tutte l'inclinazioni, tutte l'idee,
e qualche volta le trasforma, o le rivolge a un corso impreveduto.

da "I promessi sposi"



L'uomo, fin che sta in questo mondo, è un infermo
che si trova su un letto scomodo più o meno,
e vede intorno a sé altri letti, ben rifatti al di fuori, piani, a livello:
e si figura che ci si deve star benone.
Ma se gli riesce di cambiare, appena stà accomodato nel nuovo,
comincia, pigiando, a sentire, qui una lisca che lo punge,
lì un bernoccolo che lo preme: siamo insomma, a un di presso,
alla storia di prima.




L'Onda

Come scorrea la calda sabbia lieve
Per entro il cavo della mano in ozio
Il cor sentì che il giorno era più breve

E un'anzia repentina il cor massalse
5 Per l'apprezzar dell'umido equinozio
10 Che offusca l'oro delle spiagge salse

Alla sabbia del tempo urna la mano
Era clessidra il cor mio palpitante
l'ombra crescente dogni stelo vano
Quasi ombra d'ago in tacito quadrante.
Leggi Tutto... | 2906 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'inganno
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 06 marzo @ 11:25:18 CET (1278 letture)
Recensioni II





La nostra vita collettiva, gli accadeva di pensare, è ridotta a un tale livello di barbarie da non avere uguali nel mondo. Il nostro è un paese dove i giudici vengono fatti saltare con la dinamite e si torturano i bambini sequestrati. Abbiamo avuto governi che hanno provocato il disastro economico, pur di assicurarsi la sopravvivenza, che hanno fatto dello Stato uno straccio e portato città e regioni al punto in cui la stessa idea di democrazia è diventata un inganno.
Crediamo di esserci abituati piano piano e che tutto questo non ci faccia più effetto. Non è vero, non è così, la barbarie l'abbiamo ricacciata giù, nel profondo di ognuno di noi, l'abbiamo metabolizzata trasformandola in ansia, in aggressività, in paure irragionevoli. o, nel mio caso, in risentimento. Dovrei forse sentirmi in colpa per questo? Scrollò la testa leonina e, insieme, tutti quei fastidiosi pensieri.
Leggi Tutto... | 1718 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mariangela Gualtieri
Postato da Grazia01 il Martedì, 05 marzo @ 23:54:21 CET (876 letture)
Ricerche d'autore






Mariangela Gualtieri

Quando non si può attingere a una cassetta degli attrezzi, quando mancano una laurea in lettere (una laurea tout court), nozioni di metrica, conoscenza approfondita delle figure retoriche, leggere poesia diventa un vero e proprio esercizio di libertà. Si apre un libro, ci si riempie dello spazio bianco in cui galleggiano quelle poche parole scelte e disposte secondo un ordine ben preciso, ci si libera delle catene temporali che tradizionalmente inchiodano l’occhio alla pagina piena della prosa e si decide, più o meno scientemente, di affidarsi a un linguaggio e a un sentire che si nutrono proprio di questo incontro. Capita nella vita che ci si imbatta in qualcuno o in qualcosa che si riconosce immediatamente come familiare. A me è capitato con la poesia di Mariangela Gualtieri: nata in terra romagnola, dopo una laurea in architettura, decide di dedicarsi alla parola recitata, fondando con Cesare Ronconi nel 1983 il Teatro della Valdoca, e alla parola in versi. Io mi sono innamorata dei suoi versi d’amore. L’ho incontrata per caso, durante uno dei miei giri in rete.




Mio dolce

Sii dolce con me. Sii gentile.
E’ breve il tempo che resta. Poi
saremo scie luminosissime.
E quanta nostalgia avremo
dell’umano. Come ora ne
abbiamo dell’infinità.
Ma non avremo le mani. Non potremo
fare carezze con le mani.
E nemmeno guance da sfiorare
leggere.
Una nostalgia d’imperfetto
ci gonfierà i fotoni lucenti.
Sii dolce con me.
Maneggiami con cura.
Abbi la cautela dei cristalli
con me e anche con te.
Quello che siamo
è prezioso più dell’opera blindata nei sotterranei
e affettivo e fragile. La vita ha bisogno
di un corpo per essere e tu sii dolce
con ogni corpo. Tocca leggermente
leggermente poggia il tuo piede
e abbi cura
di ogni meccanismo di volo
di ogni guizzo e volteggio
e maturazione e radice
e scorrere d’acqua e scatto
e becchettio e schiudersi o
svanire di foglie
fino al fenomeno
della fioritura,
fino al pezzo di carne sulla tavola
che è corpo mangiabile
per il mio ardore d’essere qui.
Ringraziamo. Ogni tanto.
Sia placido questo nostro esserci -
questo essere corpi scelti
per l’incastro dei compagni
d’amore. nei libri.

Leggi Tutto... | 2591 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


...dolore
Postato da Grazia01 il Domenica, 03 marzo @ 14:01:42 CET (1566 letture)
Letture varie III





In un racconto di Antonio Tabucchì contenuto ne Il tempo invecchia in fretta, uno scrittore racconta del suo dolore alla schiena, un dolore fisico che, lo scopriamo leggendo, gli deriva dalle posture da lui assunte nello scrivere, di quanto queste incidano sì sulla sua colonna vertebrale, ma probabilmente sulla sua (e sulla nostra) esistenza. Un «malato di letteratura», lo definisce il suo medico, di una condizione che, come le posizioni che lui assume per scrivere, si confonde nell'intrico ingarbugliato dell'atto del suo scrivere e di quello del suo vivere. Verità del dolore e finzione della letteratura si mischiano dunque, come la realtà e le parole scritte per raccontare, e provocano e narrano quella sofferenza che, in fondo, è uno dei temi "classici" della letteratura. La scrittura è, ci pare dire Tabucchi, uno dei pochi e inevitabili modi di mettere le mani nella fragilità della condizione umana, là dove, Leopardi ce l'ha ben insegnato, il dolore è una delle sue parti costitutive. Forse quella stessa spina dorsale che lo scrittore del racconto tabucchiano non riesce a governare. L'uomo contemporaneo non ama molto che gli si ricordi questa fragilità. Lanciato sulla superficie della realtà e abbacinato dalla spettacolarizzazione di ogni proprio ambito, anche privatissimo, preferisce pensare che la morte e il dolore non lo riguardino, o comunque, quando questo accade, che il fastidioso inghippo debba essere risolto da medici, da stregoni, specialisti o da chi per loro. Ma l'arte continua a mettere le mani dentro questa materia fastidiosa, a ricordarci, come succedeva non molto tempo fa, che nascita, sofferenza, morte ci appartengono direttamente, che le vicende spesso dolorose dell'esistere tracciano, (sono la spina dorsale?) significano le nostre vite...
Leggi Tutto... | 3196 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Cuore e batticuore
Postato da Anonimo il Domenica, 03 marzo @ 10:12:48 CET (1729 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II








Cuore e batticuore



L' orecchio appoggiato sul tuo petto

dove il silenzio è più forte

dei giardini abbandonati

sento in profondità un cuore che batte

due occhi chiusi abbassati

una lacrima che scende

la mia mano che cerca la tua

vicina al mio petto.

Tutto sembra fluire nell'infinito gioco

del non farsi scoprire innamorati

nella dilagante gioiosa voglia di vivere

mentre si disperdono i segreti dell'anima

ferita e sanguinante d'amore.

Solo il silenzio viene rotto dal suono

di una campana forse preludio

di un giorno di festa.



R. Chesini

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


LA NOSTRA ERA
Postato da rosarossa il Domenica, 03 marzo @ 10:02:37 CET (1515 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VIII








LA NOSTRA ERA

Se anche le meteore piovono sul capo
senza che nessuno sappia niente, è perché
hanno imparato dai nostri governanti
che in quest’era tutto si può fare sulla terra.
senza paura, senza alcun permesso;
“ basta preservar le signorie”…
Si può distruggere anche il mondo
colpendo solo la povera gente.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Lacrime
Postato da Letty il Domenica, 03 marzo @ 10:00:49 CET (1413 letture)
Le poesie di Letty - II








Lacrime

Si raccolgono lacrime dai miei occhi
nei giorni impervi,
nel grigio furore di questi miei pensieri,
lungo quei confini che varco e che nessuno vede
in quei ricordi che vanno e vengono, solitari e spietati...
tu allunghi la mano e tenti di asciugarle
ma io faccio sempre un fatidico passo indietro
negandoti questo privilegio
quelle lacrime per me son troppo preziose
e non hanno ancora scelto in che mano andare.

Letty


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Marzo in poesa
Postato da Grazia01 il Sabato, 02 marzo @ 22:48:41 CET (1489 letture)
Poesie tematiche III

in poesia



Marzo è il mese da tutti chiamato pazzerello, proprio per i suoi cambiamenti... di umore.
E' scherzoso come un giovane esuberante: sembra volersi divertire alle nostre spalle.
Niente paura: c'è sentore di violette nell'aria: esse sono spuntate sulle prode dei fossi e il prato è costellato di margherite e di primule.




Proverbi e saggezza popolare

Per San Benedetto
la rondine sotto il tetto.
Per l'Annunziata è finita l'invernata.
Se Marzo non marzeggia,
Aprile non verdeggia.



Gelo marzolino rattrista il contadino.



Quando canta il merlo siamo fuori dall'inverno.



Marzo sbirro e banderuola prende il verno per la gola.



Marzo molle, gran per tre zolle.
Marzo asciutto gran da per tutto.




Fiorita di marzo
di Ada Negri

La fioritura vostra è troppo breve,
o rosei peschi, o gracili albicocchi
nudi sotto i bei petali di neve.
Troppo rapido il passo con cui tocchi
il suolo, e al tuo passar l'erba germoglia,
o Primavera, o gioia de' miei occhi.
Mentre io contemplo, ferma sulla soglia
dell'orto, il pio miracolo dei fiori
sbocciati sulle rame senza foglia,
essi, ne' loro tenui colori,
tremano già del vento alla carezza,
volan per l'aria densa di languori;
e se ne va così la tua bellezza,
come una nube, e come un sogno muori,
o fiorita di Marzo, o Giovinezza...
Leggi Tutto... | 1856 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Salvo
Postato da Grazia01 il Sabato, 02 marzo @ 14:32:31 CET (1620 letture)
ARTE II




Aveva esposto 14 dipinti, e non ne rimase invenduto nemmeno uno. Se a quella mostra, allestita alla fine del 1981 dal mercante Paul Maenz in Lindenstrasse 20 a Colonia, il pittore italiano Salvo avesse presentato altre sue opere, avrebbe indubbiamente venduto anche quelle. Salvo, uno degli artisti nuovi, che da qualche anno ha riscoperto il gusto di dipingere con olio e pennello, ha reso concordi critici e mercanti su un punto: ha una spiccata personalità, ed è nato pittore. Ha inoltre una qualità rara sopporta bene e senza presunzione il successo. Altri pittori della sua generazione (è nato il 22 maggio del 1947 a Leonforte, nella provincia di Enna), che attualmente godono come lui di un vasto favore di critica e di mercato a livello internazionale, si considerano ormai definitivamente entrati nella storia dell'arte. Salvo, invece, si ritira in se stesso come un riccio. Non ama parlare del suo passato, sorride filosoficamente sul suo presente, ha ambizioni riposte per il futuro, ma con abilità dialettica nasconde molte cose di sé. Non ama l'autobiografia, non dice mai "io". Ha una bella famiglia, una giovane moglie e una figlia.



Salvo è ovviamente il diminutivo di Salvatore, ma il cognome rimane un mistero: lui sostiene che non è bello, ma che è facile scoprirlo sulla guida telefonica di Torino. Il nome per un artista ha una sua importanza d’immagine. Nonostante le indagini, comunque, il cognome di Salvo non è venuto fuori. Abita a Torino in una bella casa che non ha pretese di lusso a pochi passi dal Po. Lo studio in cui dipinge è nel salotto, dove abitualmente riceve gli amici. L'arredo è composto soprattutto da tanti libri.
Parlare con lui, a volte, è disperante. Come definisce il suo modo di pensare? In tre parole che non ammettono replica: "Esercizio della critica". Cos'è per lui la perfezione? Non ha dubbi: «La veduta del cerchio perfetto, in cui tutti i punti sono veramente equidistanti fra loro». Perché ha dipinto una serie di tele dedicate' a San Giorgio? «È stato valido per centinaia di anni, spero che lo sia ancora per due mesi». Cosa significa per Salvo un dipinto divertente? «Che sia gradevole a vedersi. La gradevolezza è un concetto di difficile definizione, perché spesso una cosa gradevole, vista tutti i giorni, diventa sgradevole». E perché rifiuta il discorso autobiografico? «Dipende dal tipo di autobiografia. In qualche modo ciò che può essere mostrato, non deve essere detto». Salvo è venuto con la famiglia a Torino quando era giovanissimo. Forse, dieci, dodici anni. Si è fatto da solo, senza spinte. Ha iniziato bussando subito alla galleria giusta, quella del torinese Gian Enzo Sperone, che nel 1968 aveva nella sua scuderia bei nomi di artisti come Michelangelo Pistoletto, Mario Merz, Gilberto Zorio, Giovanni Anselmo e Alighiero Boetti.
Leggi Tutto... | 5555 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Alessandro Baricco
Postato da Grazia01 il Venerdì, 01 marzo @ 22:32:29 CET (1831 letture)
Letture varie III





Scrittore tra i più conosciuti e amati dai lettori di narrativa in Italia, Alessandro Baricco nasce a Torino il 25 gennaio del 1958. Si forma nella sua città sotto la guida di Gianni Vattimo, laureandosi in Filosofia con una tesi di Estetica e studia contemporaneamente al conservatorio dove si diploma in pianoforte. L'amore per la musica e per la letteratura, ispirano fin dall'inizio la sua attività di brillante saggista e di narratore.



Immagini di Giuseppe Dangelico, meglio conosciuto come Pino Daeni (Bari, 8 novembre 1939), pittore impressionista italiano.Dopo un periodo italiano, dal 1960 al 1979, durante il quale il suo lavoro è apparso in diverse importanti mostre, nel 1979 emigrò sotto il patrocinio della Galleria Borghi che gli ha dato la possibilità di presentare i suoi lavori a New York e Boston. Importante è la sua innovativa interpretazione dei piaceri semplici della vita. La sua capacità di catturare i movimenti e le espressioni dei suoi soggetti lo ha portato ad avere commissionati anche ritratti privati.





Tutto li stupiva: in segreto, anche la loro felicità.

Alessandro Baricco




Disse che bisognava stare attenti quando si è giovani perché la luce in cui si abita da giovani sarà la luce in cui si vivrà per sempre.Così bisognava stare attenti alla cattiveria perché da giovani sembra un lusso che ti puoi permettere, ma la verità è un’altra, e cioè che la cattiveria è una luce fredda in cui ogni cosa perde colore, e lo perde per sempre.

Tre volte all’alba




Mi ha detto che secondo lui la gente vive per anni e anni, ma in realtà è solo una piccola parte di quegli anni che vive davvero, e cioè negli anni in cui riesci a fare ciò per cui è nata. Allora, lì, è felice. Il resto del tempo è tempo che passa ad aspettare o a ricordare. Quando aspetti o ricordi, mi ha detto, non sei né triste né felice. Sembri triste, ma è solo che stai aspettando, o ricordando. Non è triste la gente che aspetta, e nemmeno quella che ricorda. Semplicemente è lontana.

“Questa Storia”





Sarebbe tutto più semplice se non ti avessero inculcato questa storia del finire da qualche parte, se solo ti avessero insegnato, piuttosto, a essere felice rimanendo immobile. Tutte quelle storie sulla tua strada. Trovare la tua strada. Andare per la tua strada. Magari invece siamo fatti per vivere in una piazza, o in un giardino pubblico, fermi lì, a far passare la vita, magari siamo un crocicchio, il mondo ha bisogno che stiamo fermi, sarebbe un disastro se solo ce ne andassimo, a un certo punto, per la nostra strada, quale strada? Sono gli altri le strade, io sono una piazza, non porto in nessun posto, io sono un posto.



Lasciami andare a vedere il sogno, la velocità, il miracolo, non fermarmi con uno sguardo triste. Questa notte lasciami vivere laggiù sull’orlo del mondo, solo questa notte poi tornerò.

Alessandro Baricco

Buonanotte e buon fine settimana

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Notte
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 27 febbraio @ 21:52:09 CET (1900 letture)
Le poesie e altro di Grazia V











Notte

Un sentimento sale dalla gola
una lacrima si ferma fra le ciglia
calda come un'emozione
salata come il mare
alchimia perfetta di passione
splendente come una stella
più preziosa di un diamante
una vivida stilla radiosa
testimonianza d'un amore
che ferma per un attimo il tempo
invade di luce ogni universo
ammirata dagli astri e dalla luna
che nella notte sorride fra le nubi.
L'anima s'eleva fino al cielo
cerca nei sogni rincorsi nel giorno,
le immagini più intime
che appaghino ora
il suo riposo.

Grazia

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il 26 febbraio 1802 nacque Victor Hugo
Postato da Grazia01 il Martedì, 26 febbraio @ 22:50:08 CET (13285 letture)
Poesie e opere di Victor Hugo









Victor Marie Hugo nacque a Besançon il 26 febbraio del 1802 e morì a Parigi il 22 maggio del 1885. E'stato un poeta e un grande drammaturgo francese, fi anche saggista, scrittore, aforista, artista visivo, statista e attivista per i diritti umani, considerato il padre del Romanticismo in Francia. Seppe tenersi lontano dai modelli malinconici e solitari che caratterizzavano i poeti del tempo, riuscendo ad accettare le vicissitudini non sempre felici della sua vita per farne esperienza esistenziale e cogliere i valori e le sfumature dell'animo umano. I suoi scritti giunsero a ricoprire tutti i generi letterari, dalla poesia lirica al dramma, dalla satira politica al romanzo storico e sociale, suscitando consensi in tutta Europa.





... aveva un vecchio cappello
la giacca
logora .
L' acqua gli passava
attraverso le scarpe .
E le stelle
attraverso
l' anima .




Faccio tutto ciò che posso

Faccio tutto ciò che posso
perché il mio amore
non ti disturbi,
ti guardo di nascosto,
ti sorrido quando non mi vedi.
Poso il mio sguardo
e la mia anima ovunque
vorrei posare i miei baci:
sui tuoi capelli,
sulla tua fronte,
sui tuoi occhi,
sulle tue labbra,
ovunque le carezze
abbiano libero accesso.

Victor Hugo
Leggi Tutto... | 3571 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 13 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 14 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 14 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 229 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 54 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 25
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy