Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 190
Totale: 190
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: coppermine
04: Home
05: Home
06: Home
07: Stories Archive
08: Home
09: Home
10: Home
11: coppermine
12: Home
13: coppermine
14: Home
15: Home
16: News
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: coppermine
28: Home
29: Home
30: Home
31: Stories Archive
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Forums
37: Search
38: coppermine
39: Home
40: Home
41: Home
42: coppermine
43: Home
44: Home
45: Home
46: Your Account
47: Home
48: News
49: Home
50: coppermine
51: Search
52: Home
53: Home
54: Home
55: Topics
56: Home
57: coppermine
58: Home
59: coppermine
60: Home
61: Home
62: coppermine
63: Home
64: Home
65: coppermine
66: News
67: Home
68: Stories Archive
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Search
74: Your Account
75: Home
76: Home
77: Home
78: Search
79: coppermine
80: Home
81: Search
82: Search
83: Home
84: Stories Archive
85: Home
86: Home
87: Home
88: coppermine
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: coppermine
94: Home
95: Home
96: Home
97: coppermine
98: Home
99: Stories Archive
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: coppermine
107: Home
108: coppermine
109: Home
110: Home
111: Home
112: News
113: Home
114: Home
115: Home
116: Stories Archive
117: News
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: coppermine
123: Home
124: Home
125: Home
126: Home
127: Stories Archive
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Stories Archive
136: Search
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: News
146: Home
147: Home
148: Stories Archive
149: Home
150: Home
151: Home
152: coppermine
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: News
159: Home
160: coppermine
161: Stories Archive
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Stories Archive
167: Stories Archive
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: coppermine
176: Home
177: Home
178: News
179: Home
180: coppermine
181: Home
182: News
183: Home
184: News
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8849
  · Viste: 1576322
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Il dottor Siegfried Iseman
Postato da Grazia01 il Giovedì, 22 novembre @ 15:34:00 CET (971 letture)
Antologia di Spoon River


«Si direbbe che per Lee Masters la morte - la fine del tempo -
è l'attimo decisivo che dalla selva dei simboli personali ne ha staccato uno con violenza,
e l'ha saldato, inchiodato per sempre all'anima.»

Cesare Pavese



Il dottor Siegfried Iseman

Dissi, quando mi consegnarono il diploma,
dissi a me stesso che sarei stato buono
e saggio e caritatevole col prossimo;
dissi che avrei trasportato il Credo cristiano
nella pratica della medicina!
Ma, non so come, il mondo e gli altri dottori
subodorano ciò che si ha in cuore non appena si prende
questa magnanima risoluzione.
E il sistema è pigliarvi per fame
Da voi non verranno che i poveri.
Voi vi accorgerete troppo tardi che fare il dottore
non è che un modo di guadagnarsi la vita.
E quando siete povero e dovete reggere
il Credo cristiano e la moglie e i figli
tutto sulla vostra schiena, è troppo!
Ecco perché fabbricai l'Elisir di Giovinezza,
che mi portò alla prigione di Peoria
bollato come truffatore e imbroglione
dall'integerrimo Giudice Federale!

Edgar Lee Masters
Leggi Tutto... | 1745 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi 20 novembre è la Giornata dell'infanzia e dell'adolescenza
Postato da Grazia01 il Martedì, 20 novembre @ 09:51:28 CET (588 letture)
Un pensiero al giorno




Il 20 novembre, si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. La data ricorda il giorno in cui l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò, nel 1989, la Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, documento che enuncia per la prima volta, in forma coerente, i diritti fondamentali che devono essere riconosciuti e garantiti a tutti i bambini e a tutte le bambine del mondo.



I DIRITTI DEI BAMBINI

1. Il diritto all’eguaglianza senza distinzione o discriminazione di razza, religione, origine o sesso
2. Il diritto ai mezzi che consentono lo sviluppo in modo sano e normale sul piano fisico, intellettuale, morale, spirituale e sociale
3. Il diritto ad un nome e ad una nazionalità
4. Il diritto ad una alimentazione sana, alloggio e cure mediche
5. Il diritto a cure speciali in caso di invalidità
6. Il diritto ad amore, comprensione e protezione
7. Il d...iritto all’istruzione gratuita, attività ricreative e divertimento
8. Il diritto a soccorso immediato in caso di catastrofi
9. Il diritto alla protezione contro qualsiasi forma di negligenza, crudeltà e sfruttamento
10. Il diritto alla protezione contro qualsiasi tipo di discriminazione ed il diritto ad un’istruzione in uno spirito d’amicizia fra i popoli, di pace e di fratellanza.
Leggi Tutto... | 2612 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sogno impossibile
Postato da Grazia01 il Lunedì, 19 novembre @ 19:52:29 CET (994 letture)
Le poesie e altro di Grazia V





Sogno impossibile

Sogno un governo
formato d’anime pure
con veri sentimenti
per le umane venture,
ma vedo nei palazzi
solo gente dannata
senza sincere passioni
e la mente inquinata
che privi di pudore
mirano solo allo scranno
sprovvisti d’ogni ideale
a reggere godranno.
Forse fra loro esiste
qualche persona onesta,
ma dentro quel marasma
piega presto la testa
e se non cede lesta
ai loro malsani favori
coi loro giochi
senza scuse lo fanno fuori.
Mi chiedo se è il potere
a creare gli infami,
o se solo i corrotti
raggiungono i reami.

Grazia

Perdonatemi questa specie di strambotto
ma quando urge l'urlo lo devo liberare
non serve a nulla è solo un segnale.



Vabbe, ridiamoci su...


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Dentro i tuoi occhi
Postato da moirac il Domenica, 18 novembre @ 19:52:24 CET (861 letture)
Le poesie di Moirac





Guardo il tuo sguardo,
vedo una luce intensa,
che rispecchia il tuo animo..




Leggi Tutto... | 703 bytes aggiuntivi | 4 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.5


Ogni giorno nasce un artista...
Postato da Grazia01 il Sabato, 17 novembre @ 20:21:38 CET (639 letture)
Ricerche d'autore




Il 17 novembre del 1773 nacque il poeta Csokonai Vitéz Mihály .
Propongo due sue poesie e alcuni dipinti di pittore italiano Giuseppe Mascarini,
nato il 17 novembre del 1877



Richiesta rispettosa


Mi consuma il fuoco ardente
di questo immenso amore,
la medicina per la mia ferita
sei tu, bellissima piccola rosa!

Il vivace brillare dei tuoi occhi
è come fuoco che illumina l'alba,
cacciano via i miei pensieri
le tue lucide labbra.

Rispondi con parole angeliche
alla mia richiesta,
con mille baci d'ambrosia
ti pagherò per la risposta.

(Tartózkodó kérelem, 1803 )



Alla Speranza

Fata Morgana,
che inganni i mortali,
sembri divinità,
Speranza cieca, falsa!
Ti crea l'infelice
e ti adora come protettore.
Perchè mi inganni ancora?
Perchè mi sorridi?
Perchè il buon umore finto
mi instilli?
Resta dove sei,
mi hai sollecitato,
ti ho creduto
e mi hai ingannato!
Leggi Tutto... | 7732 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Web come candela accesa...
Postato da Grazia01 il Sabato, 17 novembre @ 13:18:30 CET (775 letture)
Un pensiero al giorno






Il web è una candela accesa nel terreno emotivo delle esistenze. Non genera esistenze virtuali, illumina esistenze stanche. E lo fa con uno strano chiarore, come quello che dà la luce di una candela. In tutta una stanza: mette a fuoco oggetti vicini, genera ombre ingannevoli un po' più lontano, lascia luoghi scuri e bui in altre zone della stanza. Ci conviviamo con i chiaroscuri di senso, con la parola scritta che ci tiene compagnia, con l'attesa che è quasi la trama rovesciata di un tappeto.... Penso al silenzio, alla scrittura che ti permette di dire cose difficili, e di capirle meglio mentre le scrivi. E penso a questo mondo di realtà e fantasmi di vite che condividiamo ogni giorno, e alla malinconia, alla saudade del web, che è diversa, perché è infinita, non è nel tempo e non è in un luogo. E' continua assenza e continua possibilità, comunicazione sempre presente, ma anche silenzio sempre presente. E' per questo che stare senza internet è come spegnere una candela che illumina stanze che non finiremo mai di conoscere.

Roberto Crotoneo

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Tutto può succedere.
Postato da moirac il Venerdì, 16 novembre @ 21:25:05 CET (725 letture)
Le poesie di Moirac




Quando meno te l’aspetti,
tutto può succedere,
come per magia,
tutto si trasforma…




Leggi Tutto... | 624 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Dino e Sibilla - Storia di un amore
Postato da Grazia01 il Venerdì, 16 novembre @ 21:01:23 CET (1106 letture)
Letture varie III





Dino Campana era un poeta. Un poeta un po' matto. Era nato a Marradi il 20 agosto del 1885. Suo padre era maestro elementare, la madre, molto cattolica, avrà un rapporto sempre difficile con il figlio. La sua presunta follia non gli impedirà di studiare e iscriversi all'università. Era inquieto, partiva e ritornava, fuggiva in Argentina, con viaggi di cui si sa poco ma che emergono dai suoi versi.



Forse non era poi così matto, almeno fino a un certo momento della sua vita. Sibilla Aleramo che in realtà si chiamava Rina Faccio era maggiore di lui, era nata nel 1876 ad Alessandria. Era una donna fatale, bella e famosa da quando aveva pubblicato un romanzo che in parte ne racconta la storia: Una donna. Simbolo per decenni del femminismo italiano, perché raccontava della violenza subita a 15 anni e del matrimonio riparatore; della presa di coscienza e del coraggio di lasciare poi quel marito violento e prepotente. Quando Campana la incontra lei ha quarant'anni, lui quasi 10 di meno. Lui ha già passato periodi difficili, ricoveri per gravi crisi depressive, alti e bassi e le sue condizioni di salute non sono buone. E' in cerca di un lavoro perché con la poesia non si vive affatto bene, vive in due stanzette in uno sperduto paesino dell'Appennino che si chiama Casetta di Tiara, con i pochi soldi che gli manda il padre.



E' il 3 agosto del 1916 quando Sibilla e Dino s'incontrano per la prima volta. Dalla corriera che s'inerpica al paese scende una donna in bianco con un grande cappello: si dirige verso Dino che l'aspetta appoggiato ad un muretto. Poco tempo prima lui gli aveva scritto dopo la lettura di Canti Orfici: “Chiudo il tuo libro, le mie trecce sciolgo”. Tra i due nasce una passione furibonda, e il termine furibondo non è casuale. Forse Dino, effetto da sifilide, sarebbe comunque impazzito del tutto, ma Sibilla ci mise del suo con un'arte e un metodo invidiabile. Va immaginato il contesto. Lui è un barbaro poeta, soffre di ossessioni, di cattivi pensieri, non dorme la notte: ha la percezione del suo grande talento, ma ha anche addosso una grande tristezza e una pacata gentilezza che gli permette ogni tanto di trovare spiragli in cui riesce a concepire più profondità di altri. Lei è sempre lei, sempre al centro delle cose, sempre al di sopra delle righe: quando scriveva, quando parlava, quando amava, quando viaggiava.
Un'eroina romantica delle lettere con un talento per il cattivo gusto, ma anche con un raro talento: il coraggio di vivere con generosità. Quando s'incontrano Dino non spera nemmeno di poter vivere una storia d'amore con questa donna mirabile, poi si lascia andare a quella che sarà la sua più grande passione. Lei ha tanti uomini, ma gli promette che esisterà solo per lui. Dino è attraversato dai venti freddi della sua mente, come li chiama lui. Dino conosce bene gli amanti di Sibilla. In quel periodo si chiamano Cardarelli, Carrà, Prezzolini, Soffici, Papini, per fare alcuni nomi. Lui viene travolto dalla gelosia e si trasforma e peggiora ogni giorno. E' un poema maledetto quello che stanno scrivendo. Si stabiliscono a Settignano da un'amica svedese che rimane sbigottita dalle violente liti. “Saremo un solo gemito” scrive Sibilla. Decidono di passare il Natale del 1916 a Marradi, il paese natale del poeta, in uno squallido albergo il Lamone. Qui accade qualcosa di sottile e terribile che peggiora ulteriormente la mente di Campana. Sibilla lo porta da uno psichiatra il quale spiega alla donna che la sua follia deriva dalla sua infezione e che non può fare nulla, e la mette in guardia contro il rischio di ammalarsi a sua volta.




E' il 21 gennaio 1917, e lei decide di non vederlo più ma non riesce a staccarsi completamente da lui e dopo qualche tempo comincia a scrivergli lettere appassionate. Lui le chiede di tornare da lui, lei risponde di no ma scrive: “Ti amo ancora”. Lei lo cerca ma poi fugge, fino a quando decide di lasciarlo davvero e di non scrivergli più, quando ormai Dino non è più in grado di scrivere e nemmeno di vivere. Fu internato in manicomio e non ne uscì più fino alla morte, nel 1932. Non sappiamo che amore fosse stato il loro se la vita li avesse aiutati. Lei scrisse che lui meritava il castigo: “Per le rose che furono calpestate presso l'orlo della mia veste. Io ch'ero la vita” Lui, due anni prima di morire scrisse in una lettera indirizzata ad un amico: “Tutto va per il meglio, nel peggiore dei mondi possibili”. Ma in quel peggior mondo possibile Sibilla non c'era più.
La Aleramo continuerà la sua attività di donna impegnata nella letteratura e nella politica, avrà altri amori, attraverserà il fascismo, nel secondo dopoguerra si iscriverà al PCI. Morirà nel 1960.
Leggi Tutto... | 4478 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


sulla democrazia...
Postato da Grazia01 il Giovedì, 15 novembre @ 21:40:59 CET (663 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni IV





Democrazia, dal greco, vuol dire potere del popolo. La democrazia nasce ad Atene, in una città dove il numero di uomini liberi rappresentava una netta minoranza sugli schiavi. Quella minoranza si diede delle regole e soleva riunirsi per decidere su importanti questioni della polis.



Oggi la democrazia è diventata l’unica forma di governo possibile in uno stato evoluto. Ci sono voluti molti secoli. Non tutti pensano tuttavia che il governo del popolo sia mai diventata una realtà. In molti casi, dietro alla parola democrazia continua a nascondersi un’oligarchia, anch’essa parola di origine greca, che vuol dire potere dei pochi, esercitato a vantaggio di interessi di una stretta cerchia di persone. Ciò che lamenta molta gente è proprio questo. Il potere viene esercitato da pochi a vantaggio dei propri interessi.
La tendenza alla concentrazione del potere nelle mani di pochi, è inevitabile. Un popolo che ha maturato nel corso della storia la consapevolezza dei propri diritti, deve fare sentire la sua voce quando le disparità diventano troppo evidenti.



Platone diceva.
“Ci sarà un buon governo solo quando i filosofi diventeranno re o i re diventeranno filosofi”
Per governare con giustizia è necessario che vi sia un distacco dagli interessi materiali come avviene per i filosofi.
La ricerca di quella che può essere la forma di governo che tratti tutti allo stesso modo è quasi ossessiva.
La stessa democrazia ha in se i germi della corruzione.
Il tempo ha confermato che aveva visto giusto proprio perché taluni caratteri della natura umana sono rimasti immutati nei secoli.
Leggi Tutto... | 1236 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I segreti d'Italia - Corrado Augias
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 novembre @ 19:46:47 CET (801 letture)
Recensioni V


Tra geni e lazzaroni, storie per capire l'Italia
È come un libro per i 150 anni dell'Unità d'Italia, ma che sia uscito solo l'anno successivo, quello che ci presenta ora Corrado Augias. L'autore ripercorre la storia di "questa penisola protesa nel Mediterraneo" guidato da una domanda che assilla lui e non solo: come mai questa è la terra dei geni e insieme dei lazzaroni, della bellezza senza pari e contemporaneamente degli scempi più imperdonabili? Per cercare una spiegazione Corrado Augias, con la sua consueta eleganza e cultura, parte dall'analisi di due libri che hanno fatto la storia del nostro Paese e sono parte della sua tradizione, "Cuore" di Edmondo De Amicis e "Il Piacere" di Gabriele D'Annunzio. Parte da questi romanzi Augias per attraversare i secoli e i luoghi della penisola, raccontandoci storie che secondo l'autore sono in qualche modo emblematiche ed esplicative del cammino che ci ha condotti fino ai giorni nostri, ad amare e a soffrire per questa Italia.



Corrado Augias
I segreti d'Italia
Editore Rizzoli - Pagg. 296, euro 19
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensieri di Pascal
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 novembre @ 19:21:33 CET (839 letture)
Riflessioni III




Noi non ci accontentiamo della vita che abbiamo in noi e nel nostro proprio essere: vogliamo vivere anche una vita immaginaria nel concetto degli altri, e in quest'intento ci sforziamo di "parere". Lavoriamo instancabilmente ad abbellire e a conservare il nostro essere immaginario, e trascuriamo quello vero. E, se possediamo tranquillità, o generosità, o fedeltà, ci preoccupiamo di farlo sapere, al fine di far attribuire queste virtù all'altro nostro essere, e saremmo disposti a staccarle da noi per congiungerle a esso; e acconsentiremmo persino a essere codardi pur di acquistare la fama di valorosi. Grande segno della nullità del nostro essere, quello di non sentirei soddisfatti dell' uno senza l'altro, e di scambiare spesso, l'uno per l'altro! Perché chi non morisse per conservare il proprio onore sarebbe infamato. Siamo cosi presuntuosi, che vorremmo essere conosciuti da tutto il mondo, e persino da quelli che verranno quando noi non ci saremo più; e siamo cosi vani, che la stima di cinque o sei persone che ci stanno vicine ci allieta e ci soddisfa.
La vanità è cosi radicata nel cuore dell'uomo, che un soldato, un villano, un cuoco, un facchino si vanta e può avere i suoi ammiratori; e anche gli stessi filosofi ne vogliono; e coloro che scrivono contro la vanità vogliono la gloria di aver scritto bene; e coloro che li leggono vogliono aver la gloria di averli letti. E io, che scrivo tutto questo, ho forse anch'io questo desiderio; e può darsi che coloro che mi leggeranno ...
La curiosità è solo vanità. La maggior parte delle volte si vuole sapere qualcosa solo per poterne parlare. Altrimenti non si viaggerebbe per mare, se non si potesse raccontarlo, e il piacere di vedere non basterebbe se non ci fosse la speranza di comunicarlo.

Blaise Pascal
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'anima
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 novembre @ 09:23:44 CET (793 letture)
Poesie e prosa di Gibran II




L'anima

La mia anima si alza come l'alba dal mio interno.
Nuda e leggera.
È come il mare agitato.
Il mio cuore getta lontano da sé i frantumi dell'uomo e della Terra.
Non mi attacco a ciò che si attacca a me
poiché desidero raggiungere quello che oltrepassa
le mie capacità.

Khalil Gibran


Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


NELL'ANIMA LA TECA DELL'AMORE
Postato da rosarossa il Martedì, 13 novembre @ 19:47:23 CET (654 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VIII








NELL'ANIMA LA TECA DELL'AMORE

Se l'alba del destino strappa brutalmente
quell'amor che nasce dal profondo e
l'anima lo lega al sentimento,
recide nel nascere un tenero fiore
che sogna di crescere vigoroso e sorridente
per diramare nel cuore, affondando radici in
quella vita che lo cura e lo ama per
renderla felice.
Anche se strappato e ferito
nella teca dell'anima risiede
amorevolmente custodito.
C'è chi convinto afferma che
qualche amore può essere peccato...
e per intimidire la coscienza,
e l'anima angosciare
si aggiunge l'aggravante:
" E' un peccato mortale! "
Ma se tale peccato nell'anima terrei
giuro che per " non perderlo e non cancellarlo"...
Fino all'ultimo respiro;
non mi confesserei!!!

Rosarossa
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Un giudice
Postato da Grazia01 il Martedì, 13 novembre @ 10:43:34 CET (745 letture)
Antologia di Spoon River







Il giudice Selah Lively



Immaginate di essere alto cinque piedi e due pollici
e di aver cominciato come garzone droghiere
finché, studiando legge di notte,
siete riuscito a diventar procuratore.
E immaginate che, a forza di zelo
e di frequenza in chiesa,
siate diventato l'uomo di Thomas Rhodes,
quello che raccoglieva obbligazioni e ipoteche
e rappresentava le vedove
davanti alla Corte. E che nessuno smettesse
di burlarsi della vostra statura, e deridervi per gli abiti
e gli stivali lucidi. Infine
voi diventate il Giudice.
Ora Jefferson Howard e Kinsey Keene
e Harmon Whitney e tutti i pezzi grossi
che vi avevano schernito, sono costretti a stare in piedi
davanti alla sbarra e pronunciare «Vostro Onore»-
Be' non vi par naturale
Che gliel'abbia fatta pagare?

Lee Masters


Un giudice


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Intervista a un suicida
Postato da Grazia01 il Lunedì, 12 novembre @ 13:21:05 CET (922 letture)
Poesie di Sereni





Intervista a un suicida



L’anima, quello che diciamo l’anima e non è
che una fitta di rimorso,
lenta deplorazione sull’ombra dell’addio
mi rimbrottò dall’argine.

Ero, come sempre, in ritardo
e il funerale a mezza strada, la sua furia
nera ben dentro il cuore del paese.
Il posto: quello, non cambiato – con memoria
di grilli e rane, di acquitrino e selva
di campane sfatte -
ora in polvere, in secco fango, ricettacolo
di spettri di treni in manovra
il pubblico macello discosto dal paese
di quel tanto…

Leggi Tutto... | 2186 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensiero
Postato da Grazia01 il Lunedì, 12 novembre @ 10:56:40 CET (714 letture)
Un pensiero al giorno







Perché è così che ti frega, la vita. Ti piglia quando hai ancora l'anima addormentata e ti semina dentro un'immagine, o un odore,
o un suono che poi non te lo togli più. E quella lì era la felicità. Lo scopri dopo, quand'è troppo tardi.
E già sei, per sempre, un esule: a migliaia di chilometri da quell'immagine, da quel suono, da quell'odore. Alla deriva.

Alessandro Baricco

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie e pensieri con l'anima
Postato da Grazia01 il Domenica, 11 novembre @ 20:25:23 CET (944 letture)
Poesie tematiche 2012






in pensieri, poesie e immagini





L’anima è la più angosciante spia che un nemico possa mandare
Emili Dickinson




L’anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci,
soprattutto perché provi un senso di benessere quando gli sei vicino.
Charles Bukowski




L’anima aiuta il corpo e in certi momenti lo solleva.
È l’unico uccello che sostenga la sua gabbia.
Victor Hugo



La storia nostra è storia della nostra anima;
e storia dell’anima umana è la storia del mondo.
Croce




Farò della mia anima uno scrigno
di Kahlil Gibran

Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora
per la tua bellezza,
del mio petto un sepolcro
per le tue pene.
Ti amerò come le praterie amano la primavera,
e vivrò in te la vita di un fiore
sotto i raggi del sole.
Canterò il tuo nome come la valle
canta l'eco delle campane;
ascolterò il linguaggio della tua anima
come la spiaggia ascolta
la storia delle onde.



Perche' ti amo
di Herman Hesse

Perche' ti amo, di notte son venuto da te
cosi' impetuoso e titubante
e tu non me potrai piu' dimenticare
l' anima tua son venuto a rubare.

Ora lei e' mia - del tutto mi appartiene
nel male e nel bene,
dal mio impetuoso e ardito amare
nessun angelo ti potra' salvare.
Leggi Tutto... | 2755 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Oggi nacque...ogni giorno nasce un artista
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 novembre @ 20:45:16 CET (897 letture)
Ricerche d'autore




Oggi, 9 novembre nacque Muhammad Iqbal, propongo alcune sue poesie
con alcuni dipinti di Charles Demuth, artista statunitenze di cui anche per lui
ricorre oggi l'anniversario della nascita.





Lo zefiro del mattino

Vengo dal vasto mare, dalle cime de' monti,
ma non conosco il luogo lontano dove sono nato.
Al triste uccello porto messaggi di Primavera,
in fondo al suo nido riverso gelsomini d'argento.
Rotolo sopra l'erba, e allo stelo del tulipano m'avvinghio,
e colori e profumi gli spremo nell'intimo seno;
e, a che non si pieghi a mie carezze il suo gambo,
soavissimo e lieve mi abbraccio al colle del fiore.
E quando il Poeta lamenta il dolor dell'Amica
alitando a fiotti, mi mescolo ai suoi melodiosi sospiri.

Muhammad Iqbal




SIAMO STATI CREATI, MA NON FINITI


Il desiderio gira a piedi nudi
nella pancia dell'uomo, e bussa:
desiderio di bere, di mangiare, di escreare
una volta per tutte le chiavi nel burrone.

Se ti chiudo la porta in faccia sono morto;
se ti apro è la fame
di come ti presenti - la tua forma,
e questa porta fa parte della mia.

Siamo stati creati, ma non finiti:
la musica è perfettibile nella canna
del flauto, ci vuole la falce e la lontananza
e il desiderio di danzare sul suo piede.



PATRIA

Patria sono un tuo paria
città sono un tuo apolide
strada sono una tua marchetta
lampione sono una tua ombra
corpo sono la tua ragione di esistere
se questo si chiama esistenza
io mi chiamo fuori.

Leggi Tutto... | 5730 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Peter Pan diceva che per volare serve un pensiero felice.
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 novembre @ 21:00:41 CET (838 letture)
Un pensiero al giorno







Dire “sono al settimo cielo” oppure “mi sento giù”, suggerisce inconfutabilmente l'idea che verso il cielo troviamo il benessere e al contrario verso terra la disperazione. L'idea mi porta alla mente il Paradiso e l'Inferno. Volare è sinonimo di libera gioia, infatti Peter Pan diceva che per volare serve un pensiero felice. Forse sono solo metafore linguistiche, eppure è vero che guardare la volta celeste ci produce un senso di appagamento.

Cosa significa ritrovarsi, nei sogni, liberi di librare nell'aria senza impedimenti, fluttuando come fossimo nello spazio o volando come fossimo uccelli? Il volo nei sogni indica sicuramente senso di libertà che si è o no raggiunto nella vita reale o si sta per raggiungere. Riuscire a volare non trovando nessun ostacolo, al di sopra di case, mari, fiumi, montagne, è una sensazione fantastica, e indica, secondo la lettura dei sogni, che la nostra anima interiore sta facendo notevoli passi in avanti verso una consapevolezza più accentuata.
Leggi Tutto... | 1340 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Frank Drummer
Postato da Grazia01 il Martedì, 06 novembre @ 21:07:49 CET (729 letture)
Antologia di Spoon River





Frank Drummer

Un matto

Tu prova ad avere un mondo nel cuore
e non riesci ad esprimerlo con le parole,
e la luce del giorno si divide la piazza
tra un villaggio che ride e te, lo scemo, che passa,
e neppure la notte ti lascia da solo:
gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro

E sì, anche tu andresti a cercare
le parole sicure per farti ascoltare:
per stupire mezz'ora basta un libro di storia,
io cercai di imparare la Treccani a memoria,
e dopo maiale, Majakowsky, malfatto,
continuarono gli altri fino a leggermi matto.

E senza sapere a chi dovessi la vita
in un manicomio io l'ho restituita:
qui sulla collina dormo malvolentieri
eppure c'è luce ormai nei miei pensieri,
qui nella penombra ora invento parole
ma rimpiango una luce, la luce del sole.

Le mie ossa regalano ancora alla vita:
le regalano ancora erba fiorita.
Ma la vita è rimasta nelle voci in sordina
di chi ha perso lo scemo e lo piange in collina;
di chi ancora bisbiglia con la stessa ironia
"Una morte pietosa lo strappò alla pazzia".


Lee Masters
Antologia di Spoon River



Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Tu, vita
Postato da moirac il Martedì, 06 novembre @ 20:48:29 CET (871 letture)
Le poesie di Moirac




Tu, vita



Tu che mi regali la gioia,
che mi stringi l’emozione,
fai apparire ogni cosa facile
in ogni momento difficile….




Leggi Tutto... | 726 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


8 euro
Postato da Grazia01 il Martedì, 06 novembre @ 17:37:15 CET (696 letture)
Un pensiero al giorno







“Mamma, quanto guadagni all’ora?” chiese un bambino a sua madre che tornava da lavoro.
La madre con tono severo rispose: “Non seccarmi, sono molto stanca”.
”Ma mamma”, insisteva il bambino, “per favore dimmi quanto guadagni all’ora”.
La madre allora gli disse: “8 euro per ora!”
“Mamma, puoi prestarmi allora 4 euro ?”chiese il bambino.
La madre si arrabbiò e rispose a suo figlio:”Allora era per questo che volevi sapere quanto guadagnassi? Vai a letto e non seccarmi bambino egoista”.
Durante la notte, ripensando a ciò che era successo la madre cominciò a sentirsi in colpa. Probabilmente suo figlio aveva bisogno di quei soldi per comprare qualcosa di importante.
Così andò nella camera del figlio e gli disse: ”ecco, qui ci sono i 4 euro che mi avevi chiesto”.
“Grazie mamma” rispose il bambino.
A questo punto prese degli altri soldi e disse: “Ora ho abbastanza soldi mamma. Ho 8 euro! Vuoi vendermi un’ora del tuo tempo?”

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un po' di ...tenerezza
Postato da Grazia01 il Lunedì, 05 novembre @ 22:24:35 CET (982 letture)
Le poesie e altro di Grazia V










Tenerezza

La tenerezza è una rosa che non costa niente
è senza spine profuma la vita riscalda le mente.
E’ un sorriso, un abbraccio, una parola cordiale,
è ascoltare condividere, è energia solidale.
La tenerezza è la parte delicata dell'amore
di desiderio e passione la sorella minore.
E' sapere vedere della vita splendori
è scoprirne i colori è gustarne i sapori.
Al calar della sera di quella ho bisogno
per veder la realtà velata in un sogno.



Grazia




>
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La collina
Postato da Grazia01 il Lunedì, 05 novembre @ 15:57:04 CET (785 letture)
Antologia di Spoon River










La collina

Dove sono Elmer, Herman, Bert, Tom e Charley,
l'abulico, l'atletico, il buffone, l'ubriacone, il rissoso?
Tutti, tutti, dormono sulla collina.

Uno trapassò in una febbre,
uno fu arso nella miniera,
uno fu ucciso in rissa,
uno morì in prigione,
uno cadde da un ponte lavorando per i suoi cari-
tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.

Dove sono Ella, Kate, Mag, Edith e Lizzie,
la tenera, la semplice, la vociona, l'orgogliosa, la felice?
Tutte, tutte, dormono sulla collina.

Una morì di un parto illecito,
una di amore contrastato,
una sotto le mani di un bruto in un bordello,
una di orgoglio spezzato, mentre anelava al suo ideale,
una inseguendo la vita, lontano, in Londra e Parigi,
ma fu riportata nel piccolo spazio con Ella, con Kate, con Mag-
tutte, tutte dormono, dormono, dormono sulla collina.

Dove sono lo zio Isaac e la zia Emily,
e il vecchio Towny Kincaid e Sevigne Houghton,
e il maggiore Walker che aveva conosciuto
uomini venerabili della rivoluzione?
Tutti, tutti, dormono sulla collina.

Li riportarono, figlioli morti, dalla guerra,
e figlie infrante dalla vita,
e i loro bimbi orfani, piangenti-
tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.

Dov'è quel vecchio suonatore Jones
Che giocò con la vita per tutti i novant'anni,
fronteggiando il nevischio a petto nudo,
bevendo, facendo chiasso, non pensando né a moglie né a parenti,
né al denaro, né all'amore, né al cielo?
Eccolo! Ciancia delle fritture di tanti anni fa,
delle corse di tanti anni fa nel boschetto di Clary,
di ciò che Abe Lincoln
disse una volta a Springfield.


Lee Masters
Antologia di Spoon River



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ORGOGLIO DEL VENTO
Postato da rosarossa il Lunedì, 05 novembre @ 15:42:06 CET (822 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VIII









L'ORGOGLIO DEL VENTO



Vento che con audacia deciso e prepotente
ovunque passi ferisci e distruggi quanto incontri.
Irrompi fra le nuvole nel cielo
mentre calme passeggiano, s' anneriscono
si gonfiano e la pioggia promettono con zelo.
Senza pietà le abbatti,infrangi, distruggi,
spingendole, in angoli sconosciuti poi accantoni.
Finita la lotta ritorna il sereno;
un pallido sole spia facendo capolino,
il vento calma la sua furente ira e si riposa.
Tutto intorno tace!
Mostra i suoi muscoli per incutere paura
soddisfatto e sorridente facendo l'occhiolino,
guarda la natura piegata e ferita,
Poi impettito spavaldo e spaccone, dice:
Di tutto e tutti sono io il più forte,
sono io il padrone!


Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Vento di ... poesia
Postato da Grazia01 il Domenica, 04 novembre @ 22:42:00 CET (744 letture)
Poesie tematiche 2012




Poesie nel...vento





Se riveli al vento i tuoi segreti,
non devi poi rimproverare al vento
di rivelarli agli alberi

Gibran



IL VENTO NELL'ISOLA

Il vento è un cavallo:
senti come corre
per il mare, per il cielo.

Vuol portarmí via: senti
come percorre il mondo
per portarmi lontano.

Nascondimi, tra le tue braccia
per questa notte sola,
mentre la pioggia rompe
contro il mare e la terra
la sua bocca innumerevole.

Senti come il vento
mi chiama galoppando
per portarmi lontano.

Con la tua fronte sulla mia fronte,
con la tua bocca sulla mia bocca,
legati i nostri corpi
all'amore che ci brucia,
lascia che il vento passi
senza che possa portarmi via.

Lascia che il vento corra
coronato di spuma,
che mi chiami e mi cerchi
galoppando nell'ombra,
mentre, sommerso
sotto i tuoi grandi occhi,
per questa notte sola
riposero, amor mio.

Pablo Neruda

Leggi Tutto... | 1521 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ernest Hyde
Postato da Grazia01 il Sabato, 03 novembre @ 22:36:50 CET (807 letture)
Antologia di Spoon River









Ernest Hyde

La mia mente era uno specchio:
vedeva ciò che vedeva, sapeva ciò che sapeva.
In gioventù la mia mente era solo uno specchio
in un vagone èhe correva veloce,
afferrando e perdendo frammenti di paesaggio.
Poi con il tempo
grandi graffi solcarono lo specchio,
lasciando che il mondo esterno penetrasse,
e il mio io più segreto vi affiorasse,
Poiché questa è la nascita dell'anima nel dolore,
una nascita con vincite e perdite.
La mente vede il mondo come cosa a sé,
e l'anima unisce il mondo al proprio io.
Uno specchio graffiato non riflette immagine -
e questo è il silenzio della saggezza.

Da Antologia di Spoon River
Edgar Lee Masters


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Cara Luna, da quando abbiamo posato il piede
Postato da Grazia01 il Sabato, 03 novembre @ 17:12:01 CET (748 letture)
Poesie d'autore II










Cara Luna, da quando abbiamo posato il piede



Cara Luna, da quando abbiamo posato il piede
su di te sei diventata ancora più misteriosa e lontana
e noi ti amiamo ancor più,
noi che oggi sappiamo
che un giorno tornerà la vita su di te
(perché ho scritto "tornerà"?),
che sarai un giorno ricoperta di verde
e saremo noi umani a fare questo,
noi accusati ora di inquinare, di avvelenare la terra
noi salveremo la terra e salveremo la luna,
con quanta nostalgia
ripenseremo allora a quando eri senza vita,
a quando eri bianca e povera, e a come eri bella,
a quando ancora non ti avevamo colonizzato
e ti guardavamo solo da lontano.

Claudio Damiani

Da Il fico della fortezza (Fazi, 2012)
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il passato...
Postato da Grazia01 il Venerdì, 02 novembre @ 17:21:32 CET (559 letture)
Un pensiero al giorno






Io non voglio cancellare il mio passato, perché nel bene o nel male mi ha reso quello che sono oggi.
Anzi ringrazio chi mi ha fatto scoprire l’amore e il dolore, chi mi ha amato e mi ha usato,
chi mi ha detto ti voglio bene credendoci e chi invece l’ha fatto solo per i suoi sporchi comodi.
Io ringrazio me stesso per aver trovato sempre la forza di rialzarmi e andare avanti, sempre.

Oscar Wilde




Ci sarà sempre una penna per scrivere il futuro
ma non ci sarà mai una gomma per cancellare il passato...


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


NO AL PIANTO SI A UNA PRECE
Postato da rosarossa il Venerdì, 02 novembre @ 16:02:08 CET (707 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VIII







NO AL PIANTO SI A UNA PRECE

No, alle lacrime no al dolore,
ma solamente una preghiera e un fiore.
Chi ci lascia per andar nell'aldilà,
Rinasce in un mondo assai migliore!
Nell'eternità.


Rosarossa
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Pannis angelicus [ 0 commenti - 5 letture ]
 I Ragazzi della via Pal [ 2 commenti - 26 letture ]
 LA STORIA DEGLI ANGELI DELL’AVVENTO [ 1 commenti - 23 letture ]
 Dicembre [ 0 commenti - 13 letture ]
 L'infinito... [ 0 commenti - 13 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy