Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 272
Totale: 272
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: coppermine
03: Home
04: Statistics
05: coppermine
06: Search
07: Home
08: Stories Archive
09: Home
10: Home
11: Home
12: Stories Archive
13: Home
14: Home
15: Home
16: Stories Archive
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: News
23: Your Account
24: Home
25: Home
26: Search
27: Forums
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Stories Archive
33: News
34: Your Account
35: News
36: Home
37: Home
38: coppermine
39: Home
40: Stories Archive
41: coppermine
42: Forums
43: Home
44: News
45: Forums
46: coppermine
47: Your Account
48: coppermine
49: Home
50: Home
51: coppermine
52: coppermine
53: Home
54: Home
55: Home
56: coppermine
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: News
62: Home
63: Home
64: coppermine
65: Home
66: coppermine
67: Home
68: Home
69: Stories Archive
70: coppermine
71: Home
72: Your Account
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Forums
82: Home
83: Home
84: coppermine
85: Home
86: Stories Archive
87: Home
88: Home
89: Search
90: Home
91: Home
92: Forums
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: coppermine
102: News
103: News
104: Stories Archive
105: coppermine
106: coppermine
107: coppermine
108: Forums
109: Home
110: News
111: Search
112: Home
113: coppermine
114: Home
115: coppermine
116: News
117: News
118: Home
119: Home
120: Forums
121: Your Account
122: coppermine
123: Home
124: Forums
125: coppermine
126: Home
127: Home
128: News
129: Search
130: Home
131: Home
132: coppermine
133: Home
134: Home
135: News
136: Home
137: News
138: coppermine
139: Home
140: Stories Archive
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: coppermine
149: Home
150: Home
151: Stories Archive
152: News
153: Home
154: News
155: Home
156: Statistics
157: Your Account
158: News
159: Home
160: coppermine
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: coppermine
169: Home
170: Home
171: Home
172: Stories Archive
173: Home
174: Home
175: Home
176: Your Account
177: Home
178: Home
179: coppermine
180: News
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: coppermine
188: Home
189: Topics
190: Home
191: coppermine
192: Home
193: Home
194: coppermine
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Your Account
200: Home
201: Home
202: coppermine
203: Home
204: Home
205: Home
206: Stories Archive
207: Home
208: Home
209: News
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Forums
215: Home
216: coppermine
217: coppermine
218: News
219: News
220: News
221: Home
222: Home
223: Home
224: Stories Archive
225: News
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: News
231: Forums
232: Home
233: News
234: Home
235: Home
236: Home
237: Forums
238: Home
239: News
240: Home
241: coppermine
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: coppermine
248: Home
249: Home
250: Search
251: Home
252: News
253: News
254: Stories Archive
255: Home
256: Home
257: News
258: Home
259: coppermine
260: Home
261: Forums
262: Home
263: News
264: Home
265: coppermine
266: coppermine
267: coppermine
268: News
269: coppermine
270: Home
271: Home
272: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8988
  · Viste: 1918093
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
NESSUN PROCESSO ALLE STAGIONI
Postato da rosarossa il Martedì, 09 ottobre @ 17:33:03 CEST (891 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VIII







NESSUN PROCESSO ALLE STAGIONI

Calmo autunno la tua monotonia un po’ m’intristisce un
grigio velo copre pietosamente il mio cuore. Hai forse
colpa tu di questo autentico squallore? Eppure
nell’anima si alternano ricordi di remoti autunni colmi di
serenità e di gioia, quando sognando fra le braccia del
mio amore mi sembravano fiorenti primavere.
Oggi triste abbandonato e solo vedo tutto nero.
Giustifico, sfogo la mia angoscia
colpevolizzando ingiustamente le stagioni.
La primavera non ha coerenza, un po’ piove e poi risplende il sole. Perciò ritengo che mi fa stare male!
il caldo dell’estate brucia l’erba, l’afa quindi mi fa soffocare!
L’autunno con la sua mestizia mi fa annoiare.
L’inverno porta neve, gelo, costretto
sono intorno al focolare.
Vango e rivango dentro la mia mente in cerca di ricordi; sono tanti! Veramente tanti!
Li volto, li rivolto
Ma non riesume quanto cerco, quello che vorrei! .
Pochi sono lieti, i più sono
colpe da me commesse d’ incosciente
soffoco nel dolore, amarezze, e delusioni.
Rifletto, penso, mi convinco ;
che il sole, il grigio, il nero, è quel che pesa dentro,
La natura procede alternandosi perfetta
nei suoi ruoli e
che innocenti sono le stagioni.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Bocciolo
Postato da Grazia01 il Lunedì, 08 ottobre @ 20:56:45 CEST (1151 letture)
Le poesie e altro di Grazia V







Bocciolo

Fare l’amore
non sapendone nulla,
nascosti in un prato
carezze timide, un bacio
quel bacio diverso
dolcemente invadente
languido sorprendente.
Aspettarsi conoscersi
pensare a quel viso,
sognare per ore
tra emozioni confuse
e sogni d'amore
un amore che è solo
il bocciolo
di un piccolo fiore.


Grazia



Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Come una farfalla...
Postato da Grazia01 il Domenica, 07 ottobre @ 20:54:54 CEST (758 letture)
Un pensiero al giorno





Vorrei quasi che fossimo come farfalle e vivessimo appena tre giorni d'estate...
Tre giorni così con te li colmerei di tali delizie che cinquant'anni comuni non potrebbero mai contenere..."

John Keats





Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi 7 ottobre nacque Sohrab Sepehri
Postato da Grazia01 il Domenica, 07 ottobre @ 17:06:39 CEST (5005 letture)
Ricerche d'autore








Berit Hildre


Poesie di Sohrab Sepehri


“Se mi vieni a trovare
Vieni lentamente e con gentilezza
per non spezzare la fragile porcellana
Della mia solitudine.”


Berit Hildre

Dov’è la dimora dell’Amico?

Tu andrai in fondo a questo viale
che emergerà oltre l’adolescenza,
poi ti volterai verso il fiore della solitudine.
A due passi dal fiore, ti fermerai
ai piedi della fontana da dove sgorgano i miti della terra…Tu vedrai un bambino

arrampicato in cima a un pino sottile,
desideroso di rapire la covata del nido della luce
e gli domanderai: dov’è la dimora dell’Amico?

Nell’ora che il corpo sarà terra, la terra sabbia
e polvere la sabbia, nell’ora in cui
ogni cosa sarà polvere, perché temere?
Finiremo così, naturalmente,
come un fiore di campo,
come un fiore che dice:
“È già tempo di neve, amico mio,
e le stagioni prossime a finire”.
Siamo reti sospese
sull’abisso.

Questa poesia ha ispirato al regista Abbas Kiarostami il film omonimo:
Dov'è la casa dell'Amico? in cui il poeta è citato nei titoli di coda.


Berit Hildre

Notte chiara e solitaria

Ascolta!
L’uccello più lontano di questo mondo canta.
La notte è limpida, perfetta e ampia.
E sussurra la luna,
alle orecchie dei fiori,
alle orecchie dei ramoscelli.

Davanti alla scala,
immerso nelle essenze della brezza notturna,
una torcia in mano,
io sto lì.

Ascolta!
Le piste stanno chiamando i tuoi passi,
E i tuoi occhi non devono essere l’ornamento delle tenebre!
Lavati gli occhi,
indossa le scarpe
e vieni!

Vieni con me!

Vieni fino a quando le dita invisibili della luna ti metteranno in guardia!
Vieni fino a quando il Tempo si siederà al tuo fianco!
Vieni fino a quando il fragranza della notte assorbirà
per intero il peso delle tue membra!
E poi,
ascolta, e di nuovo ascolta!

Lo so,
se arriverai in questo modo,
ci sarà un saggio, non lontano,
che poi ti dirà :
- L’istante migliore della vita
è la notte che guardi dentro i tuoi occhi,
ed essi sono bagnati, sono umidi
perchè Amore li incide “.
Leggi Tutto... | 11789 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Santa Caterina, patrona d'Italia e d'Europa
Postato da Grazia01 il Sabato, 06 ottobre @ 19:53:59 CEST (935 letture)
ARTE II

Santa Caterina, patrona d'Italia e d'Europa





Il 29 aprile 1962, a conclusione del V centenario della canonizzazione di Santa Caterina, è stato inaugurato a Roma il monumento dedicato alla Santa, opera dello scultore Francesco Messina (1900 - 1995).
Sono molti i monumenti e i dipinti dedicati alla Santa, questo seppur di un artista contemparaneo, lo trovo molto bello, per la dolcezza dei lineamenti e della postura.




particolare

Santa Caterina da Siena è Patrona d'Italia insieme a San Francesco d'Assisi (nominata da papa Pio XII nel 1939) e Patrona d'Europa insieme a Santa Brigida di Svezia e Santa Teresa Benedetta della Croce (nominata da papa Giovanni Paolo II nel 1999). Inoltre è stata la prima donna, assieme a Santa Teresa d'Avila, ad aver avuto il titolo di Dottore della Chiesa Universale (nominata da papa Paolo IV nel 1970), che la Chiesa ha finora attribuito a soli 33 personaggi, riconosciuti come eminenti per quanto riguarda la riflessione teologica.
Leggi Tutto... | 2432 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA VIOLETTA
Postato da Grazia01 il Sabato, 06 ottobre @ 19:27:25 CEST (895 letture)
Poesie  e opere di Goethe




LA VIOLETTA


Una violetta stava sul prato
ignota e con il capo reclinato,
era una graziosa violetta.
Veniva una pastorella
il passo lieve, l'anima serena,
per la sua strada
giù per il prato, cantando.

Ah, pensa la violetta, vorrei tanto
essere il fiore più bello del creato,
ah, solo per un istante,
fino a che mi ha colto il mio amore
e mi ha stretto languida sul cuore!
Ah, soltanto, soltanto
per un breve quarto d'ora!

Ahimé, ahimé, venne la giovinetta
e non si diede cura della violetta,
anzi calpesta l'infelice.
Era lieta anche se cadeva e moriva:
se muoio, muoio tuttavia,
per causa sua, per causa sua,
qui ai suoi piedi almeno.


W. Goethe


Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi 4 ottobre si festeggia San Francesco d'Assisi
Postato da Grazia01 il Giovedì, 04 ottobre @ 13:08:52 CEST (1067 letture)
Poesie d'autore II



Il Santo di oggi 4 ottobre è San Francesco d'Assisi Patrono d'Italia





Francesco nacque ad Assisi nel 1181, nel pieno del fermento dell'età comunale. Figlio di mercante, da giovane aspirava a entrare nella cerchia della piccola nobiltà cittadina. Di qui la partecipazione alla guerra contro Perugia e il tentativo di avviarsi verso la Puglia per partecipare alla crociata. Il suo viaggio, tuttavia, fu interrotto da una voce divina che lo invitò a ricostruire la Chiesa. E Francesco obbedì: abbandonati la famiglia e gli amici, condusse per alcuni anni una vita di penitenza e solitudine in totale povertà. Nel 1209, in seguito a nuova ispirazione, iniziò a predicare il Vangelo nelle città mentre si univano a lui i primi discepoli insieme ai quali si recò a Roma per avere dal Papa l'approvazione della sua scelta di vita. Dal 1210 al 1224 peregrinò per le strade e le piazze d'Italia e dovunque accorrevano a lui folle numerose e schiere di discepoli che egli chiamava frati, fratelli. Accolse poi la giovane Chiara che diede inizio al secondo ordine francescano, e fondò un terzo ordine per quanti desideravano vivere da penitenti, con regole adatte per i laici. Morì nella notte tra il 3 e il 4 ottobre del 1228. Francesco è una delle grandi figure dell'umanità che parla a ogni generazione. Il suo fascino deriva dal grande amore per Gesù di cui, per primo, ricevette le stimmate, segno dell'amore di Cristo per gli uomini e per l'intera creazione di Dio.
Leggi Tutto... | 2684 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un nuovo giorno...
Postato da Grazia01 il Giovedì, 04 ottobre @ 11:48:53 CEST (994 letture)
Un pensiero al giorno






Ogni mattino è la premessa di un nuovo giorno. Liberiamo gli entusiasmi assopiti. Osserviamo il mondo, come se fosse tutto nuovo e sorridiamo al negoziante, come se non fosse per nulla scontata la sua presenza. E’ un nuovo giorno, tutto di nuovo accadrà, e accadrà comunque. Puoi solo scegliere se viverlo come un banale giorno qualunque, in cui tutto scorre e tu non ci sei, oppure, essere presente e parte di questo meraviglioso fluire che è la vita!

Anna Biason



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Perchè l'odio?
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 03 ottobre @ 15:24:33 CEST (800 letture)
Un pensiero al giorno



Se odi una persona odi qualcosa in lei che è parte di te. Ciò che non è parte di noi stessi non ci disturba, ho notato che l'odio nasce, vive e si consuma quasi esclusivamente nel passato. Si prova odio ricordando quello che ci è stato fatto. Solamente pensando a cosa ci è accaduto; l'odio quindi è un sentimento, sicuramente non positivo, che non vive nel presente ma si riperquote su di esso grazie al "ricordo", per chi vive di ricordi è più facile odiare. Non si è mai visto l’odio nuocere all'oggetto detestato, piuttosto si è visto l’odio consumare chi lo prova. Non è un sentimento che mi appartiene, non so odiare e ricambio questo sentimento con la compassione o l'indifferenza secondo la natura della persona che mi detesta.

Il male che facciamo non ci attira tante persecuzioni e tanto odio quanto le nostre buone qualità.
François de La Rochefoucauld
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La finestra aperta
Postato da Grazia01 il Martedì, 02 ottobre @ 19:35:45 CEST (728 letture)
Un pensiero al giorno




La prima cosa che faccio quando mi alzo la mattina è guardare fuori dalla finestra. Quando non c’è troppo freddo la spalanco e provo una sensazione liberatoria, è come salutare il giorno entrando a pieno titolo nella condivisione della vita.

Konstantinos Kavafis scrisse una poesia intitolata “Le Finestre”. La poesia è molto breve, ma si percepisce tutto il dolore di chi scrive: forse è meglio avere una casa senza finestre, ossia non sapere, poiché la luce che si spalancherebbe potrebbe farci scoprire cose peggiori dell’attuale oscurità.




Le finestre

In queste tenebrose camere, dove vivo
giorni grevi, di qua di là m’aggiro
per trovare finestre (sarà
scampo se una finestra s’apre). Ma
finestre non si trovano, o non so
trovarle. Meglio non trovarle forse.
Forse sarà la luce altra tortura.
Chi sa che cose nuove mostrerà.

Leggi Tutto... | 1751 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mi guardo bene dal tenermi in gola le parole
Postato da Grazia01 il Martedì, 02 ottobre @ 18:59:50 CEST (949 letture)
Poesie di Bukowski




Mi guardo bene dal tenermi in gola le parole: ho passato gran parte della mia vita a non dire le cose che volevo dire, e me ne sono pentito. La nostra natura ci impone di mandare messaggi subliminali, comunicare con i gesti, perchè abbiamo paura di esporci per come siamo. Anche a noi stessi. Quando tutto sarà finito sono sicuro che mi verrà concesso un minuto per ripensare a tutte le volte che volevo urlare cosa sentivo, ma sono stato zitto per paura di non essere capito, e rimpiangerò gli obbiettivi che ho abbandonato perchè il timore di fallire mi ha impedito di perseguirli. Questa vita è una puttana e probabilmente mi spezzerà il cuore, ma cazzo, sono innamorato. Va così, Rhum e Pera, perchè ci sono dei momenti forti che ti lasciano l’amaro in bocca, e altri talmente belli da farti dimenticare quel retrogusto sgradevole che ha la vita. Se davvero Dio mi odia, mi accorgerò di aver finito il succo di frutta soltanto dopo aver bevuto l’ultimo bicchiere di rhum, e resterà un cattivo sapore sul mio palato. Ma sarò troppo ubriaco per rendermene conto.



Charles Bukowski

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi, 2 ottobre nacque Andreas Gryphius
Postato da Grazia01 il Martedì, 02 ottobre @ 11:48:23 CEST (967 letture)
Ricerche d'autore






Nei sonetti di Gryphius, luterano di vasta cultura umanistica e scientifica, ci sono tutti i temi della letteratura barocca europea: il dolore e la maledizione dell'essere, la caducità e la vanità di tutte le cose in un mondo dominato dal peccato dall'errore e dal caso. Per l'uomo non c'è salvezza se non in un ordine divino che si intravvede a tratti e si rende manifesto nella forza e nella violenza del lamento. I temi della vanitas vanitatum, dell'esaltazione del rapporto con Dio, dell'identificazione della vera unica luce nella notte della morte, si accendono di nuovi bagliori nei suoi versi, considerati il capolavoro della lirica barocca, anche per l'abilità vertiginosa del gioco delle antitesi nei versi alessandrini, nella terzina, nella quartina.




Tutto è vanità

Ovunque ti volga, vedi nel mondo soltanto vanità!
Quanto uno oggi innalza, l'altro doman discalza:
laddove città sorgono si stenderà un gran prato
su cui un giovane pastore col gregge si diletta.
Quello che oggi è in fiore, presto sarà sciupato;
quello che è forte e fiero, sarà cenere ed ossa.
Nulla dura in eterno, né ferro né granito.
A fortuna che arride seguono tonanti lamenti.
La fama d'alte gesta è un sogno destinato a svanire.
Ed opporsi non deve un fragile mortale alla ruota del tempo.
Ahi, qual è mai la cosa che stimiamo preziosa.
Se non un vuoto nulla, ombre, polvere, vento;
se non un fior di campo che puoi scorgere a stento.
Eppur sull'Eterno nessun sa meditare.




A Eugenia

Perché ti meraviglia, o rosa delle vergini,
questo gioco del tempo, la rosa tra le dita,
che d'ogni rosa è sfida, se d'incanto svanisce?
Questa è la vita, Eugenia, così tutto perisce.
Or ben presto la Morte mieterà questo corpo;
i tuoi occhi, la gola, la fronte, questo seno, questo pegno
d'amore non certo in sabbia pura troverai sepoltura
e chi adesso ti onora con amore avrà di te paura.
Il sospirare è vano! ché non v'è nulla al mondo
che mantenga immutati e sostanza e colore;
fin dal concepimento siam votati al declino.
Cosa c'è di più bello del fiore della rosa?
Eppure quand'è ancora profumata, sfiorisce e discolora;
al pari noi dal nascere andiamo verso il Nulla.

Andreas Gryphius, Notte, lucente notte
Leggi Tutto... | 5989 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le farfalle in poesia
Postato da Grazia01 il Lunedì, 01 ottobre @ 21:39:15 CEST (1102 letture)
Poesie tematiche 2012




Le farfalle in poesia




La farfalla non conta gli anni ma gli istanti:

per questo il suo breve tempo le basta".

Tagore






La farfalla che svolazza intorno alla lampada finché non muore
è più ammirevole della talpa
che vive in una galleria oscura.

Gibran




Farfalla

Farfalla non soltanto non codarda,
ma temeraria, fatalmente cieca,
ciò che la fiamma alla Fenice nega
vuole, ostinata, serbi alle sue ali;
troppo tardi pentita per suo danno,
dallo splendore affascinata, viene
a ciò che brilla, e ambiziosa consegna
la mal vestita piuma a ciò che arde.
Giace gloriosa dove dolcemente
fossa le preparò minuscola ape,
somma felicità a errore sommo!
La mia ambizione non così lucente
nemico, ma più lieve, meno attivo,
cenere la farà, se brucia il fumo.

Luis de Gongora





La Farfalla

Nascere a primavera, morire con le rose,
sulle ali di uno zefiro nuotare nella luce,
cullarsi in grembo ai fiori appena schiusi,
in una brezza pura di profumi e d'azzurro,
scuotere, ancora giovane, la polvere alle ali,
volare come un soffio verso la volta infinita:
ecco della farfalla il destino incantato!
Somiglia al desiderio che non si posa mai,
che mai si sazia, ogni cosa sfiorando
per poi tornare al cielo,in cerca di piacere.

Alphonse De Lamartine
Leggi Tutto... | 3412 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ti osservo esistere in me
Postato da Marhiel il Lunedì, 01 ottobre @ 18:46:47 CEST (850 letture)
Un pensiero al giorno









Ti osservo in fausti andamenti, mia anima, mentre attraversi le incombenze dei giorni... ma ti sento accanto più dolente nel cammino delle ore infelici e giungo allora a te per tenderti la mano, per sorreggerti di sorrisi e gesti, per convincerti che avanzare con coraggio oltre è preziosità del tuo voler esistere in me!

Mariella Mulas

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ottobrata
Postato da Marhiel il Lunedì, 01 ottobre @ 18:38:14 CEST (1528 letture)
Le poesie di Mariella Mulas II







Panni lievi di bruma
su gocciole di prima rugiada
negli occhi
a confondere estensioni
su prati di gialli d’apparenza
spenti…
E foglie frastagliate morenti,
abbandonate su steli chini di un tempo
noncurante, sorvolano l’aria…
Ottobrata arriva a declinare forza di sole,
e a corteggiare eventi prossimi
freddi di torpore.
Si offre come un stanco passo
nel cielo sbiancato spesso d’azzurro,
e addormenta, in nenie di vento volubile
la terra delle radici
che hanno venerato quel tempo
di germogli, caldi di raggi.
Ma anche se rami sembrano aver scordato
fiori bianchi d’arancio, mostrano
pomi in abbozzi di profumi di smeraldo,
ora acerbe essenze di stretti spicchi,
promettenti addolcenti speranze.
Ottobre rivesti di te ogni anno del tuo esistere
e anche se appari, ogni volta, già ingombro
di malinconia d’autunno
nel lungo tuo adagiarti al giaciglio d’inverno,.
pure respiri ori di tempo,
e in me, per custodire come ogni volta,
all’ombrosità dei tuoi riflessi,


Mariella Mulas
Leggi Tutto... | 3 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Momo il selvaggio
Postato da Grazia01 il Domenica, 30 settembre @ 18:14:02 CEST (857 letture)
Un pensiero al giorno





Momo il selvaggio

Momo è un gatto che viene a trovarci quando siamo in montagna. E' un gatto selvatico e non si fida degli umani, però sa che noi abbiamo preso per lui una ciotola e che, appena arriviamo, cominciamo a servirlo di pasti regolari. Come la macchina si ferma e scendiamo, lui arriva di gran carriera e miagola rumorosamente, forse un saluto o un avviso per ricordarci della sua ciotola. Non si avvicina a noi a meno di un metro. Quando resto vicino alla ciotola lui si ferma e miagola in modo prolungato, un miaoooooooooo, come a dire vattene. Ho provato a porgerli dei pezzettini di cibo con la mano, ma anche se il desiderio e la fame sono tanti, non cede, emette un verso diverso, una specie di piccolo ruggito, invitandomi ad appoggiare il cibo a terra. Quando siamo sul terrazzo, seduti, lui si sdraia, sempre a un metro da noi, e tranquillamente fa toilette o sonnecchia, ma basta il gesto di alzarsi e si allontana di un ulteriore metro. E' proprio selvaggio, lo vedo nel prato quando va a caccia, proprio come un vero felino, con appostamenti, agguati e balzi improvvisi, ma contrariamente ai gatti domestici che spesso lo fanno per giocare, lui mangia le sue prede con gusto. I miei nipoti hanno scoperto la sua tana: è nella legnaia in fondo al prato. E' bellissimo guardarlo nei suoi movimenti agili e scattanti ed è anche buffo perché è curioso. A volte entra in casa entrando dalla porta finestra, si fa un giretto e poi esce restando in prossimità dell'entrata, sempre a patto che noi si stia seduti. Ormai sono un po' di mesi che ci conosce, non credo riusciremo mai ad addomesticarlo, anche perché non stiamo sempre lì. Forse è meglio così, è un guerriero che vuole vivere a suo modo, senza coccole nè fusa. Un vero piccolo selvaggio.

Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I ponti...
Postato da Grazia01 il Domenica, 30 settembre @ 08:33:01 CEST (823 letture)
Un pensiero al giorno





Mi piace pensare che nella vita gli uomini si impegnino a costruire ponti e non muri...il ponte e' simbolo di unione, significa"io mi avvicino a te...sto' con te, ti porgo la mano,stiamo vicini"...percio' amici..."costruiamo ponti....abbattiamo muri"...quei muri che ci separano, che ci allontanano l'uno dall'altro...che ci fanno sentire estranei. E' bello sentire l'unione tra di noi ,quella che ci fa percorrere il cammino della vita come fossimo davvero fratelli...



Buona domenica

Grazia


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi, 29 settembre nacque Miguel de Unamuno
Postato da Grazia01 il Sabato, 29 settembre @ 15:00:33 CEST (891 letture)
Ricerche d'autore




Di dentro


Non potere alle tenebre dar luce,
voce al silenzio!
Il mio dolore
il salmo del mistero canterebbe.
Nè poter dire quello che in un sacro
arcano muore,
prima ch’esso sia nato,
dentro il sepolcro-cuna dell’eterno!
Ove dura d’ambrosia il vostro aroma,
o fiori dell’inverno,
che innanzi che s’aprissero le vostre
corolle al sole
- dolce conforto ! -
tornaste ai campi
che Morte irriga coi suoi sparsi umori?
Cantar quel che non entra
in parole o in accenti è mia fatica
e qui dirti all’orecchio, amore mio,
il periplo del tuo cuore
con ritmo senza musica nè sillabe,
con tutto il suo silenzio!
La parola è terribile
ed è di malaugurio il suo potere.
Appena nasce, in Lei muore l’idea,
nel suo corpo sepolta,
come nel dare il pieno frutto muore
l’ansia dell’uomo.
La mia febbre toccandoti risvegli
la febbre del tuo seno,
e si fondano quindi i nostri ardori
in un solo desio.
Taci, amor mio, chiudi la fresca bocca,
così ti amo;
dove lasciò sua impronta la parola
non bene annida il bacio.
Taci, c’è un altro mondo
dentro quel che vediamo,
un mondo dove tessono le tenebre;
è tutto cielo.




Nel sognarti dormente...

Nel sognarti dormente molte volte
come non mai t'ho vista,
la brama dei miei occhi tanto accresci
che mi scordo di Te.

Chè sognandoti in intimo abbandono
non altro, se non donna,
nel vederti caduta dal tuo trono,
soccombere ti vedo.

Dentro il lungo mio sguardo un lungo bacio,
ma un bacio ch'è di morte,
che ti strugga ed in grazia d'esso sento
quel che acquistai perdendoti.




In queste sere grige

[...]
Fu ciò che fu ? Chissà ! …
La nave solca l’oceano infinito
e nei suoi cristalli,
tutti eguali,
non lascia traccia del suo errante solco
né orma nel suo grembo.
No, è soltanto,
la nave stessa, sì, rapida o lenta,
quella che conserva le onde che passarono,
o quelle che furono soltanto
sogni del mare.
Su questa nave non portiamo forse
ciò che solo sognamo
e sogno soltanto è stato ?
Dell’illusione al vento va la vela
e la scia annullata,
ma le onde, le brezze,
sorrisi dei mari e dei cieli,
di aneliti colmano la nave deserta
che non sa dove va.
E nel suo cammino, breve o lungo,
questi aneliti sono il suo carico:
ciò che sognamo è il nostro tesoro,
il nostro capitale,
l’oro di illusioni che guadagnamo,
ricchi di sogni,
e padroni solo dell’ideale.
Ricorda, dunque, o sogna tu, anima mia,
- la fantasia è la tua sostanza eterna -
ciò che non fu:
con le tue immagini diventa forte,
questo è vivere, il resto è morte.

Leggi Tutto... | 10052 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Oggi, 27 settembre nacque Tommaso di Ciaula
Postato da Grazia01 il Giovedì, 27 settembre @ 19:29:13 CEST (1001 letture)
Ricerche d'autore




LA VECCHIA


Ammiro la vecchia pazza,
la fanatica delle galline
che si barrica in casa,
e chiude e richiude finestre:
non vuole vedere la luna,
accende e riaccende candele,
dialetta con le ombre
e borbotta come una pentola rotta.
Ammiro la vecchia pazza
la fanatica della treccia
nel giardino accumula
immondizie e feccia,
la fanatica della scopa.
Topi e lenticchie
sbiadito è il drappo rosso
muore la vecchia nel fosso.
Ammiro la vecchia che annega nel fosso.







DIETRO LA PORTA


La mia ragazza
guarda la luna
mangia la mela.
Ieri notte non le potevo contare
i capelli nella lana,
la pallina rossa nella stanza
seminava sangue di gazzelle.
La mia ragazza
guarda la luna
mangia la mela.
Ieri notte ho contato
chilometri di rose sul suo corpo.
Dietro la porta
la canzone azzurra del vento,
dietro la porta
il fischio antico dello zappatore
e il canto tragico del gallo mattutino
arruffato di penne e di sogni.
Leggi Tutto... | 3151 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dialogo tra un moribondo e un uomo sano
Postato da Grazia01 il Giovedì, 27 settembre @ 08:46:40 CEST (1162 letture)
Testi e saggi di Voltaire II






Dialogo tra un moribondo e un uomo sano

In una città di provincia un tale era in agonia; un uomo in salute insultò i suoi momenti estremi e gli disse:
«Miserabile! pensa come me immediatamente, firma questo scritto, confessa che cinque proposizioni stanno in un libro che né tu né io abbiamo mai letto; abbraccia subito l'opinione di Lanfranc contro Bérenger, di san Tommaso contro san Bonaventura; abbraccia il secondo concilio di Nicea contro il concilio di Francoforte; spiegami immediatamente in che modo queste parole: "Mio Padre è maggiore di me" significano assolutamente: "lo sono grande quanto lui". «Dimmi in che modo il Padre comunica tutto al Figlio, salvo la paternità, o faccio buttare il tuo corpo nel carnaio; i tuoi figli non potranno ereditare, tua moglie sarà privata della sua dote, la tua famiglia andrà mendicando un pane che i miei pari le negheranno».
Leggi Tutto... | 2427 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A un tratto si sbrogliò
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 26 settembre @ 11:46:48 CEST (951 letture)
Poesie di Luzi







A un tratto si sbrogliò
e si sfece
il gomitolo
d'esistenze umane
e d'ogni specie.
Trascese al suo puro mattino
la terra ed il pensiero
di lei in me.
Rifulse,
sfolgorò un istante
quel profondo
inessere delle cose
in sé
ciascuna e tutte insieme
in una trasparente equalità.
Poi il tempo si riprese
tutto,
ma non quella fulminea eternità.

Mario Luzi


Biografia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Libero
Postato da brunouk il Mercoledì, 26 settembre @ 09:58:28 CEST (979 letture)
Le poesie di Pegaso II

Mi sono immerso nel tempo
l’ho atteso
guerriero intento alla lotta.

Uomo desideravo le stelle
accontentandomi del deserto
dove solo il Baobab
sa attendere.

A volte il guerriero
vince la battaglia
a volte si perde
negli occhi di una donna.

Ma, quando la stella dell’Orsa
nella notte risplende
allora il mio sogno
si alza dal deserto
alla cometa d’oriente
vola, non ha confini.

Dall’orizzonte
guardo l’amore e i suoi nemici
guardo l’ultima notte
senza paura
chiudo gli occhi
lascio che il mio destino
scorra nell’attimo
finalmente libero
d’essere.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Oggi, 25 settembre, nacque Mario Novaro
Postato da Grazia01 il Martedì, 25 settembre @ 21:06:23 CEST (1112 letture)
Ricerche d'autore






Aria di primavera

Giovine luce,
aria di primavera!
soffici nuvole bianche
ragnano il cielo puro:
chiama
la numerosa alterna
voce del mare.




Pentecoste

Pentecoste
campane del pomeriggio
lucido verde al sole
turchino di mare con sparse vele nuvole chiare
delle selve d’ulivi respiro mite

e le campane
con tocchi chiari blandi
oh come tutto sarebbe felice
se potesse vanire
nel blando suono
delle campane.
Leggi Tutto... | 2118 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il tempo che fu
Postato da brunouk il Martedì, 25 settembre @ 08:56:56 CEST (1015 letture)
Le poesie di Pegaso II









Sono tornato per entrare nel tempo
in uno stesso giorno d’estate
di un primo ricordo
nell’alba che nasce improvvisa
specchiandosi sulle acque chete del lago.

L’aria s’impregna del dolce tepore di vita
sciogliendo l’umida foschia della notte
leggera s’innalza fluttuando
distorcendo celate velate forme
emergono dal buio di un lontano passato.

L’immenso avvolge mentre l’attimo espande.

Libero nella gioia d’essere
lascio il freddo fremito di morte vibrare
nel tempo non mio che scorre.

Sono sceso dalla vetta del monte
nel mio mondo di silenziose attese
bambino che ride tra i fiori
dove tutto e pianura
le rocce nubi
l’amore è un canto di una vita senza età
ferma d’incanto
in un tempo che fu.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Verso la Luna
Postato da brunouk il Lunedì, 24 settembre @ 08:15:00 CEST (841 letture)
Le poesie di Pegaso II


In questo “unico” tramonto
cammino sulla spiaggia
dove l'onda accarezza l'arenile.

Vado in direzione della Luna
all'orizzonte sorge
tra bianca spuma e sbiadita nuvola.

Addio giorno!
mi hai visto “guerriero”
nella tua luce risalta l'errore
di chi, in maniera sbagliata,
esalta l'essere razza superiore,
vive, decantando ai quattro venti
i propri pregi.

Eppure, proprio i miei discepoli,
mi hanno sfidato nell'arte della spada
in breve combattimento, con pochi colpi
le loro armi giacevano a terra.

Perché?, mi hanno chiesto,
sapendo tanta superiorità
hai accettato la fida?
In realtà, nella sfida, loro
vogliono solo mantenere vivo il dialogo
per verificare fino a che punto
in guerra, solo raccontata
ho sviluppato l'abilità della vittoria.

Io “guerriero”, ora mastro
in passato ho affrontato battaglie
da dove, sempre, ho tratto insegnamento
molti di questi dolorosi
provocati dall'insistenza di una vittoria
troppo distruttiva nell'apparire
tanto da confondere il vinto con il vincitore.

Alla fine il sangue versato
si mescola, ha uno stesso colore
mentre la “storia” è raccontata
con unica lingua da unica parte
tanto che perfino “Dio” è coinvolto.

Tremate gente!,
“voi tutti “
siete solo un mio sogno
elaborato in un fulgido inizio
suggellato da un bacio d'amore.

Tra poco fermerò il tempo
spegnendo l'universo
e il vostro ricordo.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Oggi, 23 settembre nacque Jaroslav Seifert
Postato da Grazia01 il Domenica, 23 settembre @ 19:24:35 CEST (893 letture)
Ricerche d'autore




Prima che asciughino quei due
o tre baci


Prima che asciughino quei due o tre baci
sulla fronte
e qui e lí,
ti chinerai per bere
acqua d'argento dallo specchio,
e se nessuno ti starà a guardare
ti toccherai le labbra con la bocca.

C'è un tempo in cui piú svelto delle dita
che lo scultore passa sulla creta
il sangue impaziente ti modella
il corpo dal di dentro.

Forse stringerai tra le dita
i tuoi giovani capelli
e li solleverai sopra le spalle
perché somiglino piuttosto ad ali,
e davanti a loro prontamente correrai

dove proprio davanti agli occhi
e sul fondo estremo dell'aria
sta il grande, erto, conturbante
e dolce nulla,
che splende.




Ho veduto solo una volta

Ho veduto solo una volta
un sole così insanguinato.
E poi mai più.
Scendeva funesto sull'orizzonte
e sembrava
che qualcuno avesse sfondato la porta
dell'inferno.
Ho domandato alla specola
e ora so il perché.

L'inferno lo conosciamo, è dappertutto
e cammina su due gambe.
Ma il paradiso?
Può darsi che il paradiso non sia
null'altro
che un sorriso
atteso per lungo tempo,
e labbra
che bisbigliano il nostro nome.
E poi quel breve vertiginoso momento
quando ci è concesso di dimenticare
velocemente
quell'inferno.
Leggi Tutto... | 3959 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Fantasticamente Amore
Postato da brunouk il Domenica, 23 settembre @ 13:42:21 CEST (1258 letture)
Le poesie di Pegaso II


Solo fermarmi
chiudo gli occhi fluttuando
mentre allunga l’ombra della sera,
confuse connessioni
penso che amarti sia il mio universo.

Sei aggraziata mentre ti spogli
mi sussurri:
“questa notte è solo nostra”
Uno spazio/tempo a spirale
trasparente si estende
mentre scivolo nel non fare dell’attesa.

Intoni una canzone
motivetto dalle parole nitide fresche
ben accompagnano
lo scrosciar d’acqua della doccia
mi muovo
nel nascosto angolo dell’immaginazione
avvolge con il suo velo incantato
mi sento brinare in mille goccioline
s’uniscono, gelosamente trepide
intrufolano tra l’onda dei capelli
poi baciano i tuoi occhi belli
in gocce scarlatte sulle labbra tremano
poi, in bramosia d’amplesso, t’avvolgono
assorbono il dolce sapore di cosmetico
misto a crema d’ Aloe vera
in tripudio stimolano, accarezzano
in spasmodica esistenza orgasmica.

Ritmicamente ti muovi
assecondando l’oramai divenuta onda
nell’impeto ai tuoi piedi s’infrange
evaporando in ovattata nebbia
lentamente sale espandendo nell’aria
il morbido sapore della tua pelle
in un nuovo perenne richiamo d’amore.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


C'è un posto nel mondo
Postato da Grazia01 il Venerdì, 21 settembre @ 12:16:52 CEST (786 letture)
Poesie di Merini






C'è un posto nel mondo dove il cuore batte forte,
dove rimani senza fiato per quanta emozione provi;
dove il tempo si ferma e non hai più l'età.
Quel posto è tra le tue braccia in cui non invecchia il cuore,
mentre la mente non smette mai di sognare.


Alda Merini

Biografia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


NEL GIARDINO DEI SALICI
Postato da Grazia01 il Venerdì, 21 settembre @ 11:57:11 CEST (868 letture)
Poesie d'autore II









NEL GIARDINO DEI SALICI

Nel giardino dei salici ho incontrato il mio amore;
là lei camminava con piccoli piedi bianchi di neve.
Là lei mi pregava che prendessi l’amore come viene,
...così come le foglie crescono sugli alberi.
Così giovane ero, io non le diedi ascolto;
così sciocco ero, io non le diedi ascolto.
Fu là presso il fiume che con il mio amore mi fermai,
e sulle mie spalle lei posò la sua mano di neve.
Là lei mi pregava che prendessi la vita così come viene,
così come l’erba cresce sugli argini del fiume;
ero giovane e sciocco ed ora non ho che lacrime.


William Butler Yeats

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Povera anima
Postato da Grazia01 il Venerdì, 21 settembre @ 11:52:56 CEST (1060 letture)
Poesie e opere di Shakespeare









Povera Anima
Centro della Mia terra Peccaminosa
Incalzata da queste forze ribelli che Ti rivestono
perchè dentro languisci e soffri carestia?
dipingendo le tue mura esterne con cosi costoso sfarzo
Sostentati dunque.. Anima Mia
delle Privazioni del Tuo Servo
e lascialo languire per aumentare le tue scorte
Cosi.. Mi Nutrirò della Morte
..che si nutre degli Uomini..e..
Morta una Volta.. non Morirò più!


W . Shakespeare

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il cuore mi batte troppo forte [ 1 commenti - 109 letture ]
 L'ombra [ 0 commenti - 36 letture ]
 La rabbia senza l'orgoglio [ 1 commenti - 64 letture ]
 La vita al tempo del covid 19 [ 0 commenti - 65 letture ]
 INFANZIA LONTANA [ 0 commenti - 48 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 19
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy