Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 395
Totale: 395
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Surveys
03: Forums
04: Search
05: Home
06: Home
07: Home
08: News
09: News
10: Home
11: coppermine
12: Home
13: Home
14: News
15: Home
16: Home
17: News
18: Home
19: Forums
20: News
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Surveys
31: Home
32: Your Account
33: coppermine
34: coppermine
35: Home
36: Home
37: Forums
38: Home
39: Stories Archive
40: Forums
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: News
46: coppermine
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: coppermine
53: Home
54: Home
55: News
56: Home
57: coppermine
58: Home
59: Home
60: Home
61: coppermine
62: Home
63: News
64: Home
65: Home
66: Home
67: coppermine
68: Home
69: coppermine
70: Home
71: News
72: coppermine
73: Home
74: Stories Archive
75: Home
76: coppermine
77: coppermine
78: Home
79: News
80: Home
81: Home
82: News
83: News
84: Home
85: Stories Archive
86: Home
87: Home
88: News
89: Home
90: coppermine
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Stories Archive
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: News
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Stories Archive
113: Forums
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: News
122: coppermine
123: coppermine
124: Home
125: coppermine
126: Home
127: News
128: Home
129: Stories Archive
130: News
131: Home
132: coppermine
133: Home
134: Forums
135: Home
136: coppermine
137: coppermine
138: Home
139: Home
140: Home
141: Forums
142: Home
143: Forums
144: Home
145: Home
146: News
147: Home
148: Your Account
149: Home
150: Home
151: News
152: coppermine
153: coppermine
154: Home
155: Home
156: News
157: coppermine
158: News
159: Home
160: News
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Groups
172: coppermine
173: News
174: Home
175: Home
176: Home
177: News
178: coppermine
179: Home
180: News
181: Home
182: Forums
183: News
184: Forums
185: Home
186: Home
187: coppermine
188: Home
189: Home
190: Home
191: Home
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: News
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: coppermine
208: News
209: coppermine
210: Home
211: Search
212: coppermine
213: Home
214: Home
215: Home
216: coppermine
217: Search
218: Home
219: Home
220: Home
221: News
222: News
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: News
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: coppermine
237: News
238: Home
239: coppermine
240: Home
241: coppermine
242: coppermine
243: Home
244: Home
245: Home
246: Stories Archive
247: Home
248: Home
249: Stories Archive
250: coppermine
251: Search
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: coppermine
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: News
266: Home
267: Home
268: Home
269: Home
270: Home
271: coppermine
272: Home
273: Home
274: News
275: Home
276: coppermine
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: coppermine
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Forums
288: Home
289: Home
290: Home
291: coppermine
292: Home
293: Home
294: Home
295: Forums
296: Home
297: Home
298: Home
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: coppermine
308: Home
309: Statistics
310: Home
311: News
312: Home
313: Home
314: Home
315: Home
316: News
317: Home
318: coppermine
319: Home
320: Stories Archive
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: News
327: Home
328: coppermine
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: coppermine
337: Home
338: Home
339: Stories Archive
340: Home
341: coppermine
342: Home
343: Home
344: coppermine
345: Home
346: Home
347: Home
348: Home
349: News
350: coppermine
351: Your Account
352: Home
353: Home
354: Home
355: Home
356: Home
357: Home
358: Stories Archive
359: Home
360: Home
361: Home
362: coppermine
363: Home
364: Forums
365: Home
366: Home
367: Home
368: Home
369: coppermine
370: Home
371: Home
372: Home
373: Forums
374: Home
375: coppermine
376: Home
377: Home
378: Home
379: Home
380: Home
381: Home
382: Search
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: News
388: Home
389: Home
390: Home
391: News
392: News
393: Home
394: Home
395: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9047
  · Viste: 1924120
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Pace
Postato da brunouk il Sabato, 11 agosto @ 17:30:26 CEST (882 letture)
Le poesie di Pegaso II






Una notte,
un cielo stellato
e poi... l’alba.

Sipario
rosso fuoco
di un regno prezioso
dal nome soave
Aurora.

É un regno segreto
sperduto nel ricordo
chiuso tra le pagine
di un antico libro illustrato.

Nemmeno i nostri vecchi
ricordano di quando
quell’aurora non era un sogno,
un sogno dipinto
sugli arazzi del cielo
mentre il vento
fuggito dal monte
porta il profumo dei fiori, quaggiù.

É un regno lontano
dove l’usignolo canta
la sua magica alba
sulle note del mormorio
dell’acqua limpida del ruscello.

Un regno dove


stampata sull’arcobaleno
incorona il mondo dal colore del topazio
disperso nel vuoto del tempo
e nel buio della memoria.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il viaggio
Postato da brunouk il Venerdì, 10 agosto @ 11:24:00 CEST (860 letture)
Le poesie di Pegaso II








È tempo di riprendere il mio
“Viaggio”
nell’azzurro
sospinto da un vento leggero
oltre ogni spazio nel tempo infinito
dopo l’inutile brusio di voci senza eco
udite nel lento ritorno della risacca
ossidate da amori senza poesia
dettagli di vite senza scopo
come sabbia che scorre
tra le dita di una mano.

Non c’è rimpianto
per un palcoscenico
da iridescenti aloni
specchiati nel nulla
come diafano miraggio
riflesso su sdrucite lenzuola
da un corpo di donna in epidermici amori
note acide d’impalpabili sogni.

Nel ricordo di un inizio
filtrato,sospeso in nebbioso orizzonte,
ma nato nel libero essere
brillante ologramma d’alba
dai liquidi raggi di sole.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Chi è la più cliccata del reame?
Postato da brunouk il Giovedì, 09 agosto @ 20:17:52 CEST (918 letture)
Le poesie di Pegaso II
Chi è la più cliccata del reame?

Lo schermo è acceso
non ti resta che attendere in silenzio
l’apparire del tuo viso
definito in Pixel multistrato.

Gli occhi fluttuando tra bagliori,
satina dettagli atemporali ricordi,
connessione confusa volutamente nascosta
dipinta maschera in vuoto ossessivo.

Eppure insperati cromatismi di dolcezza
mitigano naturale stanchezza,
ha nostalgia dell’estate
accentuata dal sole che palpita.

Vivo, dilata nello spazio sottile,
del tuo deserto urbano,
fragile emozione trasparente
sciolta in musica chill-out
liquide note vibrano mescolando
in diacroniche visioni realtà confuse
in uno spazio dai colori ardenti
orizzonti di quotidiani paesaggi,
si confondono con fantastici di altrui retaggio
tanto da sentirli sulla pelle tuoi.

Metafisici sogni
producono involucri in serie limitata,
volti senza linfa, corpi senza testa
orbite scavate si perdono in simulacri trofei
in magica scena di René Magritte.

Ti abbandoni all’eco brusio prodotto dalla mente
alla disperata ricerca d’impossibile appiglio
nel nulla trasparente
brilla, muove iridescenti aloni rifratti dal reale
lo schermo in se è incapace di offrire amore,
s’apre in accecanti lampi
preludio d’antico ossessivo magico rito,
come Grimilde ti specchi nel tuo nulla
mentre con altezzosa voce domandi:
“monitor, monitor delle mie brame
chi è la più cliccata del reame?”

La risposta è sancita da freddi numeri
che rifuggi senza alcuna speranza di realtà.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Tommaso Landolfi
Postato da Grazia01 il Giovedì, 09 agosto @ 12:56:52 CEST (859 letture)
Poesie d'autore II


Ricorre oggi l'anniversario di nascita di Tommaso Landolfi







Benché scarsamente noto al grande pubblico, complice una lingua assai ricercata e barocca ma anche una certa distanza dalle tendenze letterarie italiane sia prima della guerra sia del dopoguerra, è considerato uno degli scrittori italiani di maggior rilievo del Novecento.
Nacque a Pico, in provincia di Frosinone, il 9 agosto 1908 da famiglia nobile. Nel 1932 si laurea in lingua e letteratura russa all'Università di Firenze discutendo una tesi sulla poetessa Anna Achmatova. Sempre a Firenze collabora a diverse riviste quali Letteratura e Campo di Marte.
Nel 1937 esce la prima raccolta di racconti, precedentemente apparsi su riviste, Dialogo dei massimi sistemi.
Calvino sull'atteggiamento di Landolfi scrive:
«Il rapporto di Landolfi con la letteratura come con l'esistenza è sempre duplice: è il gesto di chi impegna tutto se stesso in ciò che fa e nello stesso tempo il gesto di chi butta via.»
Il demone del gioco, assieme ad altri motivi autobiografici, sono al centro delle opere diaristiche La bière du pécheur (1953), Rien va (1963) e Des mois (1967). Nel 1975 vince il premio Strega con A caso.
È stato collaboratore fisso del settimanale Oggi di Arrigo Benedetti (1939-1941). Più tarde sono invece le collaborazioni con Il Mondo di Pannunzio e il Corriere della Sera.

Si spegne a Ronciglione, presso Roma, l'8 luglio 1979.




Ecco alcuni suoi versi:

Non trovo conforto
Se non nelle distorte
Battute
D’una musica perduta.
La prosa m’opprime:
Non la parola che dirime,
Mi giova,
Ma l’avventurosa prova
Del verso gettato al vento





Credevo allora d’essere in esilio
E che un prossimo giorno
Avrei potuto far ritorno
Al mio reame sconfinato, e tutto
Che qui m’era rapito
O rimaneva inascoltato -
Soavità, bellezza,
Amore, gioia, tenerezza,
Gloria, potenza - mi sarebbe reso.
Oggi ben so che questo,
Questo e non altro è il sordo regno mio

Tommaso Landolfi
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La "mia" Venezia
Postato da brunouk il Mercoledì, 08 agosto @ 12:06:41 CEST (870 letture)
Le poesie di Pegaso III



La mia Venezia






De ricordi na piova
vardo e foto de mia Venesia
xé festa ancuó
el canalasso xé pien de gondole
a sto mondo no gh'è cità più bela,
paron de casa el se in piazza
con i so colombi inamorai
el se specia par na bricola.

Un fià de bavesela e co' un fià de luna
la gondola che fà la nina-nana al gondolièr
no gh'è nesun che resista al to incanto
el mar, le cale sconte, i rii e l'altana
Venezia mia, ti sa sfantar pene dal cuor
in ti una stéla
come el ganser tien in dela riva i so fiol.

------------------------------------------
La mia Venezia
Di ricordi una pioggia,
guardo le foto della mia Venezia
è festa oggi
il canal Grande è pieno di gondole
in questo mondo non c’è città più bella
Il campanile di S. Marco è in piazza
con i suoi colombi innamorati
si specchia come un palo nelle acque della laguna.

Un lieve venticello e un filo di luna
la gondola fa la ninna nanna al gondoliere
non c’è nessuno che resiste all’ incanto,
Il mare, calli nascoste, i canali e le terrazze,
Venezia mia fai svanire ogni pena dal cuore
in te brilla una stella
da sempre guida da te tutti i tuoi figli.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 182 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Dieter Schlesak
Postato da Grazia01 il Martedì, 07 agosto @ 19:11:48 CEST (3436 letture)
Poesie d'autore II


Dieter Schlesak, poeta e scrittore rumeno, nacque a Sighisoara, il 7 agosto del 1934



a casa posso essere solo qui -
in volo,
come se allora fossi stato nell'aria
e mi fossi fermato sospeso
fra le mie patrie sulla linea di confine,
nonostante tutti quegli spari
però, un uccello non sono.

Dieter Schlesak




A Dieter Schlesak - poeta, romanziere e saggista di lingua tedesca nato in Romania, dunque sassone di Transilvania, emigrato poi in Germania e da molti anni stabilitosi in Italia - ci si può accostare da diverse prospettive, che seguono e segnano il suo percorso allo stesso tempo umano e letterario-culturale.



Una prima prospettiva è quella della letteratura in lingua tedesca quale letteratura delle minoranze etnico-linguistiche, prospettiva relativa al periodo in cui Schlesak viveva ancora in Romania dove, dopo aver condotto studi di germanistica, aveva svolto l'attività di redattore della rivista "Neue Literatur" - aspetto, questo, che illustra anche la particolare cultura da cui questo autore proviene, quella dei sassoni di Transilvania, di forte impronta mitteleuropea, in quanto austroungarica prima e romena dal 1918.
Leggi Tutto... | 2311 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lasciami respirare
Postato da Grazia01 il Martedì, 07 agosto @ 15:34:39 CEST (1125 letture)
Poesie di Baudelaire





Lasciami respirare

Lasciami respirare a lungo, a lungo, l’odore dei tuoi capelli,
affondarvi tutta la faccia, come un assetato nell’acqua di una sorgente,
e agitarli con la mano come un fazzoletto odoroso,
per scuotere dei ricordi nell’aria.
Se tu sapessi tutto quello che vedo! tutto quello che sento!
tutto quello che intendo nei tuoi capelli! La mia anima viaggia
sul profumo come l'anima degli altri viaggia sulla musica.
I tuoi capelli contengono tutto un sogno,
pieno di vele e di alberature:
contengono grandi mari, i cui monsoni
mi portano verso climi incantevoli,
dove lo spazio è più bello e più profondo,
dove l’atmosfera è profumata dai frutti.
dalle foglie e dalla pelle umana.
Leggi Tutto... | 1152 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mi improvviso "poeta"
Postato da brunouk il Martedì, 07 agosto @ 13:43:10 CEST (1107 letture)
Le poesie di Pegaso III

Mi improvviso "poeta"

Scivolo lentamente nella consapevolezza,
mi perdo in un leggiadro vortice
schegge impalpabili di sogni;
pini arroccati su rocce ordinate,
salici piegati su giardini d’acqua,
membrane di pareti danzano
nella luce filtrata del risveglio
spalmando azzurro spazio
nel silenzio di sole in sfumata dissolvenza.

Emozione libera mimetici ricordi,
antiche forme d’altre vite
profili discrepanti in epidermici amplessi
gesti amplificati di riti quotidiani
in semplice libertà emotiva d’esercizio,
seguo il ritmo nella tentata seduzione.

Ricompongo il tuo volto
emerge da una notte avara di sguardi
tra stelle in suadenti ologrammi
il tuo ricordo è un fiore profumato
fatto d’incanto di un respiro
rimasto sospeso nell’aria
un sogno evanescente
nel morbido dolce sapore dell’amore.

Mi manchi,
traccio nuove mete da rinate energie
ricostruisco spazi, in questa distanza
m’improvviso poeta
scrivo parole sfumate nei colori,
evaporano come lampo d’estate.

Dalle mie labbra sgorga la parola:
“ti amo”
in petali di rosa racchiusa
la confino in questo foglio
che mai giungerà a te.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Saluti
Postato da Grazia01 il Lunedì, 06 agosto @ 12:28:47 CEST (977 letture)
Messaggi II





Un saluto affettuoso dalla vacanza in montagna
agli amici di Casatea
anche una mandria all'alpeggio può essere poesia
il panorama e il cielo lo sono senz'altro



ciao


Grazia


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Due minuti e quaranta
Postato da brunouk il Lunedì, 06 agosto @ 11:40:17 CEST (953 letture)
Le poesie di Pegaso III



Due minuti e quaranta






Ho voglia di fermarmi
nell’aria sfumare
cedo al ristagno di una calda stagione
distratto, sedotto dall’iridescente miraggio
carico di cromatica sensuale visione
fragile emozione trasparente
accentuata da raggi di sole.

Scivolo in uno spazio delicato
da un tenue rosa puro
esalta il tuo essere donna
mentre sullo schermo danzi
tra mille margherite fiorite.

Con rinnovato stupore,
riavverto dolce melodia
sillabe sussurrate
baci in seducenti accenni d’amore
mentre le tue braccia m’avvolgono
coinvolgendomi tra liquide note
accentuate dal ritmo palpitante del cuore.

Tutto solo dueminutiequaranta
premo il tasto repeat
riappari tra note e silenzio
come realtà sfocata
di un solo fotogramma.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il tempo
Postato da brunouk il Domenica, 05 agosto @ 19:33:16 CEST (946 letture)
Le poesie di Pegaso III
IL TEMPO





Fermati tempo non vedi che muoio
con troppi rimpianti nel cuore
e il verde dei prati negli occhi.

Troppe cose non fatte
troppe non dette.

Freddo è il mio letto
lei è oramai lontana
persa per nulla in un folle disegno
lacrima nasce nel ricordo fugace
si perde nel nulla
nascosta da un inutile orgoglio.

Fresco, vivo
il suo profumo
dal manto aleggia leggero
lo specchio riflette il vuoto silenzio
sussurro al vuoto, parole dolci d’amore
cose mai dette chiuse nel petto.

Scorre il ricordo
acceso da un suo dolce sorriso,
struggente è il rimpianto
per le carezze non fatte.

L’odore della notte
s’insinua dall’anta socchiusa
nero è il sudario
copre ogni cosa.

Sola
la stella brilla nel buio
splendente gioiello
dono d’eterno amore.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Mezzo secolo dalla morte di Marilyn Monroe
Postato da Grazia01 il Domenica, 05 agosto @ 19:09:23 CEST (4150 letture)
In ricordo








E’ passato mezzo secolo da quel 5 agosto del 1962 quando Norma Jane Baker, meglio conosciuta come Marilyn Monroe venne trovata morta all’età di 36 anni, in circostanze ancora misteriose, nella sua casa di Los Angeles, ma il suo mito supera ogni ricorrenza conservando ancora, a distanza di 50 anni, il ruolo di icona sexy del cinema hollywoodiano.Su di lei è stato detto molto. Ma non tutto. Probabilmente sarà impossibile capire fino in fondo la personalità di un personaggio così complesso e tormentato. A 50 anni dalla sua morte la si considera ancora un po´ oca, un po´ bomba sexy, ma anche donna intelligentissima e psicologicamente fragile.



Regna sulla scena degli incantesimi di massa oggi, a 50 anni dalla tragica scomparsa, come ieri, nei giorni della travolgente gloria mediatica. E’ il Mito che abbraccia tutti i miti dei tempi moderni:la Bellezza e il Sesso, la Seduzione e la Fama, il Desiderio e l’Angoscia, la Solitudine e la Paura. Ne abbiamo fatto un idolo, l’abbiamo capita assai poco come essere umano. Quante analisi le sono state dedicate, giudizi osannanti (tanti) o critici (pochi), senza mai superare la soglia di facili banalità e la solida consistenza di bolle di sapone...




disse:


"Non posso farmi condizionare dalle regole, io vivo le mie emozioni!"




“La gente non mi vede! Vede solo i suoi pensieri più reconditi e li sublima attraverso di me,
presumendo che io ne sia l'incarnazione."



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La voce a te dovuta di Pedro Salinas
Postato da Grazia01 il Sabato, 04 agosto @ 12:09:00 CEST (2036 letture)
Poesie d'autore II








La voce a te dovuta

Pubblicata nel 1933, questa raccolta si colloca in un momento centrale, di piena maturità di Pedro Salinas. Attraverso i suoi settanta componimenti scorre un intero poema d'amore compatto nel suo tessuto tematico e sentimentale, intervallato di silenzi che sono solo pause di respiro. Anche un canzoniere, dunque, ove l'amore si esplica in una continuità di ricerca quasi sperimentale, in una ripresa continua di motivi combinati fra loro, in un linguaggio sottilmente rinnovato, aperto alla trasformazione fantastica. Un lavoro capillare, nascosto, ma di grande suggestione per chi sa percepire le segrete sonorità della poesia.




Ecco alcuni brani da
"La voce a te dovuta"


Tu vivi sempre nei tuoi atti,
con la punta delle dita
sfiori il mondo, gli strappi
aurore, trionfi, colori,
allegrie: è la tua musica.
La vita è ciò che tu suoni.

Dai tuoi occhi solamente
emana la luce che guida
i tuoi passi. Cammini
fra ciò che vedi. Soltanto. [...]



E mai ti sei sbagliata,
solo una volta, una notte
che t'invaghisti di un'ombra
- l'unica che ti è piaciuta -.
Un'ombra pareva.
E volesti abbracciarla.
Ed ero io.
Leggi Tutto... | 5930 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dove finisce l'universo
Postato da brunouk il Sabato, 04 agosto @ 11:27:08 CEST (849 letture)
Le poesie di Pegaso III




Dove finisce l’universo








Il lento respirare delle stelle
ipnotico lontano luccichio,
assisto al silenzio
mi culla
docilmente si estende
espande, soffio sospiro,
nel tempo infinito.

Anestetico abisso
rovescia introversi spazi
dimensione suadente
carismatico, sfuggente ideogramma
incide il nero antracite
di una platea cristallizzata
scabra d’amore.

Percepisco solo schegge luminose
ibernate nel gelo siderale
in assoluto cromatico contrasto
riflette lucidi frammenti.

Pietosamente mi avvolgono
seducente delirio implode
proiettandomi
la …
dove finisce l’universo.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Prati
Postato da Grazia01 il Venerdì, 03 agosto @ 20:31:01 CEST (1155 letture)
Poesie di Pozzi Antonia













Prati

Forse non è nemmeno vero
quel che a volte ti senti urlare in cuore:
che questa vita è,
dentro il tuo essere,
un nulla
e che ciò che chiamavi la luce
è un abbaglio,
l'abbaglio supremo
dei tuoi occhi malati -
e che ciò che fingevi la meta
è un sogno,
il sogno infame
della tua debolezza.

Forse la vita è davvero
quale la scopri nei giorni giovani:
un soffio eterno che cerca
di cielo in cielo
chissà che altezza.

Ma noi siamo come l'erba dei prati
che sente sopra sé passare il vento
e tutta canta nel vento
e sempre vive nel vento,
eppure non sa così crescere
da fermare quel volo supremo
né balzare su dalla terra
per annegarsi in lui.


Antonia Pozzi

Biografia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ho molto da dimenticare
Postato da brunouk il Venerdì, 03 agosto @ 14:16:16 CEST (859 letture)
Le poesie di Pegaso III





Ho molto da dimenticare



Ho molte cose da dimenticare
plo/pu plo/pu plo/pu plo/pu …
conto: 1/2/3/.87/88 in un solo minuto.

È il mio cuore che batte, …
tremiliardi/duecentoottantatremilioni
novecentoquarantottomila/e ottocento
plo/pu plo/pu plo/pu plo/pu …
come un sordo tonfo ed eco rimbomba,
ho molte cose da dimenticare
per non sentire più il rombo del cuore.

Sto guardando tra le palme e palme
sono curve verso l’oceano
stanche di una lotta infinita,
seduto a poca distanza
a sentire la furia dell’onda
mentre il tramonto accoglie l’ombra.

Sono stanco, non ho voglia di muovermi,
non temo la sera, preludio del buio,
mi sembra che impolvera l’anima.

Il cuore trascende il ruggito del sentire
torbido tumulto traveste il tempo
poi, in un attimo lo accarezza
s’immerge e va, … senza più meta
se non solo la …
dove c’è la stella
che di luce eterna brilla.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Buon compleanno Isabel
Postato da Grazia01 il Giovedì, 02 agosto @ 20:38:46 CEST (866 letture)
Poesia al femminile II









Sul destino di questo bizzarro mondo
nascono fiori aridi e terribili
spinosi nel cuore i sentimenti
che dolcissime albe, dalla notte
ancora avvolte di nebulose nostalgie,
riportano nel cuore corroso dalla vita.

Ed io attendo sul prato di ginestre
ma tu, incredibile, non giungi.
Per prenderti la mano ti raggiungo,
e dalla tua rassegnata indifferenza
mi porgi in cambio petali e sorrisi
- logora vita, mia anima, mio tutto! –
che hanno l'amaro sapore di un addio.


Isabel Allende

Isabel Allende Llona è nata a Lima il 2 agosto 1942.
Leggi Tutto... | 604 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Notte ai tropici
Postato da brunouk il Giovedì, 02 agosto @ 16:47:37 CEST (1328 letture)
Le poesie di Pegaso III
Notte ai tropici

Non vi è notte più bella
non vi è cielo più bello
se non visto dall'apice del mondo.

Sono li
perso in un tempo solo sognato
seduto attonito
che guardo
l'immenso universo stellato
come un manto m' avvolge
anche la luna, in questa notte,
ha lasciato la luce alle stelle
disegnano mitiche figure
di tutto lo zodiaco....
la!
figure nate dall'incubo dell'uomo;
Andromeda, Aquila, Ara,
Argo Navis, Carian, Puppis,
Vela, Ariga, Bootes, Canis,
Cassiopea, Corvus, Cygnus,
Draco, Hercules, Hydra, Lepus, Lupus,.....
La!
Il navigante ha nominato per non perdere la via;
Ursa Major, Ursa Minor........

Brillano lucenti nel tempo infinito
in un palcoscenico muto da tanto splendore
il cuore batte l'attimo sfuggente
di una vita che guarda e non sa dare
mentre le stelle per sempre
saranno lì a guardare.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La città è deserta...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 01 agosto @ 20:38:00 CEST (1172 letture)
Poesie di Maria Luisa Spaziani






La città è deserta, il ferragosto
convoca gli abitanti chissà dove.
Disperato, da ore un cane ulula.
Ululo anch’io per fargli compagnia.

Non sono brava nelle lingue. Quale
messaggio, a caso, gli ho comunicato?
Ulula meno, non ulula più.
Forse notizie buone che aspettava.


Maria Luisa Spaziani
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Anniversario della nascita di Primo Levi
Postato da Grazia01 il Martedì, 31 luglio @ 13:47:04 CEST (4499 letture)
In ricordo






Oggi, 31 luglio è l'anniversario della nascita di Primo Michele Levi.
Egli nacque a Torino il 31 luglio 1919 e morì, sempre a Torino l'11 aprile del 1987.
Scrittore, partigiano e chimico, autore di racconti, memorie, poesie e romanzi.
Nel 1943 venne catturato dai nazifascisti e quindi, nel febbraio dell'anno successivo, deportato nel campo di concentramento di Auschwitz. Il suo romanzo "Se questo è un uomo", che racconta le sue terribili esperienze nel lager nazista, è considerato un classico della letteratura mondiale.
Venne trovato morto nell'aprile 1987 alla base della tromba delle scale di casa sua, a seguito di una caduta; non è mai stato chiarito se la caduta che ne ha provocato la morte sia stata dovuta a cause accidentali o se sia stata un suicidio.


Vi propongo alcune sue poesie




Nulla rimane della scolara di Hiroshima

Poichè l'angoscia di ciascuno è la nostra
ancora riviviamo la tua, fanciulla scarna
che ti sei stretta convulsamente a tua madre
quasi volessi ripenetrare in lei
quando al meriggio il cielo si è fatto nero.

Invano, perché l'aria volta in veleno
é filtrata a cercarti per le finestre serrate
della tua casa tranquilla dalle robuste pareti
lieta già del tuo canto e del tuo timido riso.

Sono passati i secoli, la cenere si è pietrificata
a incarcerare per sempre codeste membra gentili.

Così tu rimani fra noi, contorto calco di gesso,
agonia senza fine, terribile testimonianza
di quanto importi agli dei l'orgoglioso nostro seme.

Ma nulla rimane fra noi della tua lontana sorella,
della fanciulla d'Olanda murata fra quattro mura
che pure scrisse la sua giovinezza senza domani:
la sua cenere muta é stata dispersa dal vento,
la sua breve vita rinchiusa in un quaderno sgualcito.

Nulla rimane della scolara di Hiroshima,
ombra confitta nel muro dalla luce di mille soli.

Vittima sacrificata sull'altare della paura.

Potenti della terra padroni di nuovi veleni,
tristi custodi segreti del tuono definitivo,
ci bastano d'assai le afflizioni donate dal cielo.

Prima di premere il dito, fermatevi e considerate.






L'approdo

Felice l'uomo che ha raggiunto il porto,
Che lascia dietro di sè mari e tempeste,
I cui sogni sono morti o mai nati,
E siede a bere all'osteria di Brema,
Presso al camino, ed ha buona pace.
Felice l'uomo come una fiamma spenta,
Felice l'uomo come sabbia d'estuario,
Che ha deposto il carico e si è tersa la fronte,
E riposa al margine del cammino.
Non teme né spera né aspetta,
Ma guarda fisso il sole che tramonta.

Leggi Tutto... | 5315 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La mia Bambina
Postato da brunouk il Domenica, 29 luglio @ 19:33:24 CEST (1094 letture)
Le poesie di Pegaso III
LA MIA BAMBINA







Allungo la mano in un trepido gesto
accarezzo quel viso novo di bimba
dolce è il suo tepore
nel mio sangue scorre,
ode alla vita
esplode in me sentimento eterno d’amore.

L’attimo fonde l’eternità del tempo.

Apre gli occhi, la mia bambina,
si accende una luce che splende nel buio,
stringo la sua piccola mano
promessa di padre:
“protetta per sempre, sarà la mia bambina”
viva dal nulla
voluta dall’atto d’amore.

Gli angeli cantano canzone di pace.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 290 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ho scritto il tuo nome
Postato da brunouk il Sabato, 28 luglio @ 21:42:53 CEST (1070 letture)
Le poesie di Pegaso III
Ho scritto il tuo nome

Ho scritto il tuo nome sulla sabbia
attendendo che sorga la luna e salga la marea.

Guardo l’onda
dolcemente accarezzare l’arenile
in un lento crescendo possesso
mentre il sole lentamente cala
prima d’addormentarsi
dona al cielo colori caldi
mentre brezza dal sapore d’alga e mare
mescola eterno preambolo gioco d’amore.

Nell’attimo sono l’onda,
brezza, alga e mare
tu spiaggia, sole e luna.

Voglio amarti nel ripetersi dell’onda
avvolto nel tuo vestito rosso
inebriato dal profumo e salsedine sapore
mentre tu luna sulla tua spiaggia mi attrai
per restare nella notte abbracciato a te.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pensieri e poesie sui figli
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 luglio @ 19:38:47 CEST (1483 letture)
Poesie tematiche 2012



Questa domenica ho scelto pensieri e poesie sui



FIGLI

ne esistono di famose già pubblicate in Casatea fra gli argomenti per autore,
ne ho scelte altre altrettanto famose e, a mio parere, altrettanto belle,
mi piacerebbe leggere quelle di vostro gradimento o da voi scritte.





Una figlia. Uno sbalordimento. Una perfezione. La cosa più nuova la mondo.
così piccola. Così piena di segreti. E ogni giorno porta nuove meraviglie: poichè
ogni sorriso, ogni gesto è un incanto. Ogni cosa è inattesa. Il suo volto si illumina
quando tu.. proprio tu, entri nella sua visuale. le tue canzoni la deliziano, solo tu
sei quella che la fa addormentare a carezze, allontanare le sue paure, portarla
dalle lacrime al riso. e' così bella, così divertente, così vivace, così decisa.
E ti ama con tutto il suo cuore. Chi ha avuto una figlia così cara, non ha fallito nella vita.

Pam Brown





Dal primo momento che la vidi, una creaturina rossa illuminata dal chiarore irreale della sala operatoria,
la amai con un'intensità alla quale, la vita, fino ad allora, non mi aveva preparata....

S.Cheever




La scala di cristallo

Bene, figliolo, voglio dirti una cosa
la vita per me non è stata una scala di cristallo.
Ci furono chiodi
e schegge
e assi sconnesse
e tratti senza tappeti sul pavimento,
nudi.
Ma per tutto il tempo
ho continuato a salire
e ho raggiunto pianerottoli
voltato angoli
e qualche volta ho camminato nel buio
dove non c'era uno spiraglio di luce.

Quindi, ragazzo, non tornare indietro.
Non fermarti sui gradini
perché trovi che salire è difficile.
Non cadere adesso
perché io vado avanti, amor mio,
continua a salire
e la vita per me
non è stata una scala di cristallo.

Langston James Hughes
Leggi Tutto... | 3079 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


luna maree e bellazza
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 luglio @ 19:43:52 CEST (1498 letture)
Un pensiero al giorno



Potete vangare gli oceani a vostro piacere, e passarvi l’erpice, se vi riesce, ma la luna regolerà le maree, e i venti modelleranno la loro superficie.

O. W. OLMES





Amare gli altri è una pesante croce.
Ma tu sei bella senza ghirigori,
ed il segreto della tua vaghezza
è l’enigma risolto della vita.
A primavera si sente il frullare dei sogni
ed il fruscio di novità e certezze.
Tu sei della stirpe di tali princìpi.
Come l’aria il tuo senso è spassionato.
E’ facile svegliarsi e veder chiaro,
spazzare dal cuore il pattume verbale
e vivere senza intasarsi in anticipo.
Tutto questo è una piccola scaltrezza.

BORIS PASTERNAK
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Essere "Maria"
Postato da brunouk il Venerdì, 27 luglio @ 07:56:50 CEST (997 letture)
Le poesie di Pegaso III
Essere “Maria”

Viandanti,
industriali, mercanti,impiegati e operai,
onesti o ladri,
donne, uomini, bambini e...
”POETI”;
vi voglio raccontare:............

Vi è un “popolo” temprato dal tempo
variopinto in troppi colori,
poi riunito in un drappo arcobaleno dove “PACE”
è scritta in tutte le lingue.

Questa è una storia triste,
non ridete, non piangete
perché c’è chi ride e... piange più di voi.

Ricordate?
Di re, giudici e di gente
che visse mille e mille anni fa?
ricordate i nomi di buoni e cattivi?
tempi di balli e feste, banchetti e tornei,
lacrime e morte, croce e perdono,
ricordate?

Questa è una storia che non ha tempo
si ripete e ripete
come scala infinita
che sale in cielo.

Dio!, se pure esisti
perché non fermi la mano dell’uomo?
Dio!, se pure esisti
perché non fermi il tempo?

Qualcuno ha scritto,
per tramandare ai posteri,
racconta della vita di
“MARIA”
Fanciulla e poi Donna,
Lei ha accettato nel suo essere
il compito supremo di Madre
Unica e Uguale.
In nome di un unico perché
AMORE.

L’amore per il Padre e Figlio
tanto grande, incondizionato
da ergersi in:
“Esempio, monito e speranza”.

Maria è il Nome,
invocato, amato, deriso e tradito.

Così, nell’insieme del ricordo
“essere Maria”
tra amore e indifferenza,
tra gente e giudici
senza memoria e fede,
dal cuore arido,
laici nell’odio,
rinnova un perché?
di tanto “Amore”
disperso al vento.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Verrà la pioggia
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 luglio @ 13:45:34 CEST (1097 letture)
Le poesie e altro di Grazia V






Verrà la pioggia


Il sole risplende
sopra il cielo nero
l'opacità dell'aria
rende il cuore greve
ma verrà la pioggia
tornerà il sereno.

Una magia d'azzurro
disegnerà un arcobaleno
lo splendore restituirà
luminosità ai pensieri
cancellerà i timori.

Nell'anima divenuta lieve,
come farfalla in volo,
tornerà la speranza
che consola dentro
con un sorriso di cielo
un impeto d'amore
una promessa di vita.


Grazia
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L'amore è la chiave...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 luglio @ 21:34:38 CEST (909 letture)
Un pensiero al giorno







L'amore è la chiave principale
che apre tutte le porte dell'impossibile.
Amore è rivelazione improvvisa:
il bacio è sempre una scoperta.

Anonimo


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Malattia e destino
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 luglio @ 09:22:03 CEST (1045 letture)
Recensioni III





“Crediamo che il tempo corra dal passato verso il futuro e non consideriamo che nel punto che noi chiamiamo presente si incontrato sia il passato che il futuro. Questo rapporto difficilmente immaginabile puo’ essere reso evidente dalla seguente analogia. Immaginiamo il corso del tempo come una linea diritta, un capo della quale corre in direzione passato, mentre l’altra estremità si chiama futuro.
Ora noi sappiamo però dalla geometria che in realtà non esistono linee parallele, perchè la curvatura sferica dello spazio fa si che ogni linea diritta, se noi la prolunghiamo all’infinito si chiude in un cerchio (teoria di Riemann). Quindi in realta ogni linea diritta è la sezione di un cerchio… questo vuol dire che noi viviamo sermpre in funzione del passato, o il nostro passato è stato determinato dal nostro futuro...
L’uomo viene al mondo con un corpo nuovo ma con una coscienza antica. Il livello di coscienza che porta con se è espressione di quanto appreso fino a quel momento.

da Malattia e destino
di Thorwald Dethlefsen, Rüdiger Dahlke
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il mio buongiorno
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 luglio @ 08:59:09 CEST (922 letture)
Un pensiero al giorno






Che gli uccelli dell'ansia e della preoccupazione
volino sulla vostra testa, non potete impedirlo;
ma potete evitare che vi costruiscano un nido.

Proverbio Cinese



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Bobby
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 luglio @ 20:31:12 CEST (1717 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca


Lo chiamavano tutti Bobby perchè tutti i cani che si incontravano per strada nei paesi di provincia si chiamavano così.
Non aveva una casa, una cuccia nè un posto fisso dove stare. Una volta lo vedevi nell’angolo tra la farmacia e la strada che portava dal giornalaio, un’altra volta stava sui gradini della chiesa e appena cercava di seguire una di quelle vecchie che alle sei del pomeriggio si avviavano per iniziare a recitare il rosario, Ferdinando il sacrestano lo cacciava via battendo i piedi per terra. Bobby scappava via, ma non per paura, ne sono convinto. Scappava per far credere a Ferdinando che anche fare il sacrestano aveva la sua bella dose di responsabilità.
I bambini che giocavano in piazza a volte lo prendevano a calci. Alcuni di loro riempivano buste di plastica con l’acqua della fontanina della piazza per lanciargliele addosso. Il cane scappava, ma poi si lasciava stringere in un angolo e si faceva bagnare tutto: Bobby non soffriva per questo: sapeva di far divertire quei ragazzi che da grandi non avrebbero più tirato buste piene d’acqua addosso ai cani ma forse avrebbero incontrato una donna che avrebbe impedito loro anche di sorridere.
Era un cane intelligente Bobby lo sapeva e non pretendeva che qualcuno gli dicesse che era un cane intelligente.
Da una sera di novembre non fu più visto in quella piazza. Il bidello del circolo dei pensionati, per alcuni giorni, gli portò da mangiare come sempre verso le tre del pomeriggio. Non vedendolo più per qualche giorno, rinunciò. Anche Ferdinando il sacrestano chiese in giro del cane. Per un po’ fu così, ma Bobby era davvero un cane intelligente e sapeva che per non dare dolore a volte è meglio morire lontano da quelle persone che magari vorrebbero anche dispiacersi e dire : – però è un peccato, gli mancava la parola !-
Così una notte di novembre Bobby si lasciò infilare in un cassonetto dell’immondizia da alcuni giovani che avevano voglia di bere e divertirsi e quando si ritrovò catapultato nel buio di un camion tra lattine, cartoni e cattivi odori, non volle abbaiare per non dare un dispiacere nemmeno a chi per mestiere raccoglie immondizie.
Così anche quella notte volle sorridersi addosso e farsi contento.
Si finse carta senza abbaiare.

Erri De Luca
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 11 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 20 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 17 letture ]
 Mattino di settembre [ 0 commenti - 28 letture ]
 Un giorno tu ti sveglierai [ 0 commenti - 60 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy