Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 293
Totale: 293
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: Home
03: Home
04: News
05: Search
06: Stories Archive
07: Forums
08: Home
09: Home
10: News
11: Home
12: News
13: Home
14: Home
15: Forums
16: Home
17: Forums
18: coppermine
19: Home
20: Forums
21: News
22: Home
23: News
24: Home
25: Home
26: News
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Forums
38: News
39: News
40: Home
41: News
42: Home
43: coppermine
44: Home
45: Forums
46: Home
47: Home
48: Home
49: News
50: Home
51: News
52: Home
53: News
54: Forums
55: Forums
56: Home
57: Forums
58: News
59: News
60: Home
61: Home
62: News
63: Home
64: Forums
65: Home
66: News
67: Home
68: Home
69: News
70: News
71: News
72: Stories Archive
73: Home
74: coppermine
75: Home
76: Home
77: News
78: Home
79: News
80: Stories Archive
81: Home
82: Home
83: News
84: News
85: Home
86: Home
87: Forums
88: Home
89: Home
90: News
91: Home
92: coppermine
93: News
94: coppermine
95: Home
96: Stories Archive
97: Home
98: Home
99: Forums
100: News
101: coppermine
102: coppermine
103: coppermine
104: News
105: Home
106: Home
107: coppermine
108: Forums
109: Surveys
110: Home
111: coppermine
112: Your Account
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Forums
119: Home
120: News
121: Home
122: Home
123: News
124: Forums
125: Home
126: News
127: Home
128: Stories Archive
129: Home
130: Home
131: coppermine
132: News
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: News
138: Home
139: News
140: Home
141: Home
142: Stories Archive
143: News
144: News
145: News
146: Home
147: Home
148: Home
149: News
150: News
151: Home
152: News
153: Home
154: Home
155: Surveys
156: Your Account
157: News
158: Home
159: Stories Archive
160: Home
161: News
162: Home
163: coppermine
164: Forums
165: coppermine
166: coppermine
167: Forums
168: News
169: coppermine
170: Home
171: Home
172: coppermine
173: Home
174: News
175: News
176: Home
177: News
178: News
179: Home
180: Home
181: Home
182: News
183: Home
184: Home
185: News
186: Home
187: Home
188: Home
189: Forums
190: News
191: Forums
192: Home
193: News
194: Statistics
195: Search
196: coppermine
197: Home
198: coppermine
199: News
200: Home
201: Home
202: Top
203: Home
204: Home
205: News
206: Home
207: Forums
208: Home
209: Your Account
210: Home
211: News
212: coppermine
213: Forums
214: News
215: News
216: Home
217: Forums
218: Home
219: Stories Archive
220: Home
221: Home
222: News
223: coppermine
224: Home
225: Stories Archive
226: Home
227: Home
228: News
229: Contact
230: News
231: Home
232: Home
233: News
234: Home
235: Stories Archive
236: News
237: News
238: Search
239: Stories Archive
240: Home
241: News
242: Home
243: News
244: Home
245: Top
246: coppermine
247: Top
248: Surveys
249: Home
250: Home
251: Forums
252: Home
253: coppermine
254: News
255: News
256: Home
257: Home
258: Forums
259: Home
260: Stories Archive
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: Home
268: coppermine
269: Home
270: Stories Archive
271: Home
272: Home
273: coppermine
274: News
275: Home
276: coppermine
277: coppermine
278: Home
279: Home
280: Forums
281: Stories Archive
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Topics
288: Home
289: News
290: Your Account
291: News
292: Home
293: Forums

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9063
  · Viste: 1924418
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Anniversario della nascita di Primo Levi
Postato da Grazia01 il Martedì, 31 luglio @ 13:47:04 CEST (4611 letture)
In ricordo






Oggi, 31 luglio è l'anniversario della nascita di Primo Michele Levi.
Egli nacque a Torino il 31 luglio 1919 e morì, sempre a Torino l'11 aprile del 1987.
Scrittore, partigiano e chimico, autore di racconti, memorie, poesie e romanzi.
Nel 1943 venne catturato dai nazifascisti e quindi, nel febbraio dell'anno successivo, deportato nel campo di concentramento di Auschwitz. Il suo romanzo "Se questo è un uomo", che racconta le sue terribili esperienze nel lager nazista, è considerato un classico della letteratura mondiale.
Venne trovato morto nell'aprile 1987 alla base della tromba delle scale di casa sua, a seguito di una caduta; non è mai stato chiarito se la caduta che ne ha provocato la morte sia stata dovuta a cause accidentali o se sia stata un suicidio.


Vi propongo alcune sue poesie




Nulla rimane della scolara di Hiroshima

Poichè l'angoscia di ciascuno è la nostra
ancora riviviamo la tua, fanciulla scarna
che ti sei stretta convulsamente a tua madre
quasi volessi ripenetrare in lei
quando al meriggio il cielo si è fatto nero.

Invano, perché l'aria volta in veleno
é filtrata a cercarti per le finestre serrate
della tua casa tranquilla dalle robuste pareti
lieta già del tuo canto e del tuo timido riso.

Sono passati i secoli, la cenere si è pietrificata
a incarcerare per sempre codeste membra gentili.

Così tu rimani fra noi, contorto calco di gesso,
agonia senza fine, terribile testimonianza
di quanto importi agli dei l'orgoglioso nostro seme.

Ma nulla rimane fra noi della tua lontana sorella,
della fanciulla d'Olanda murata fra quattro mura
che pure scrisse la sua giovinezza senza domani:
la sua cenere muta é stata dispersa dal vento,
la sua breve vita rinchiusa in un quaderno sgualcito.

Nulla rimane della scolara di Hiroshima,
ombra confitta nel muro dalla luce di mille soli.

Vittima sacrificata sull'altare della paura.

Potenti della terra padroni di nuovi veleni,
tristi custodi segreti del tuono definitivo,
ci bastano d'assai le afflizioni donate dal cielo.

Prima di premere il dito, fermatevi e considerate.






L'approdo

Felice l'uomo che ha raggiunto il porto,
Che lascia dietro di sè mari e tempeste,
I cui sogni sono morti o mai nati,
E siede a bere all'osteria di Brema,
Presso al camino, ed ha buona pace.
Felice l'uomo come una fiamma spenta,
Felice l'uomo come sabbia d'estuario,
Che ha deposto il carico e si è tersa la fronte,
E riposa al margine del cammino.
Non teme né spera né aspetta,
Ma guarda fisso il sole che tramonta.

Leggi Tutto... | 5315 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La mia Bambina
Postato da brunouk il Domenica, 29 luglio @ 19:33:24 CEST (1098 letture)
Le poesie di Pegaso III
LA MIA BAMBINA







Allungo la mano in un trepido gesto
accarezzo quel viso novo di bimba
dolce è il suo tepore
nel mio sangue scorre,
ode alla vita
esplode in me sentimento eterno d’amore.

L’attimo fonde l’eternità del tempo.

Apre gli occhi, la mia bambina,
si accende una luce che splende nel buio,
stringo la sua piccola mano
promessa di padre:
“protetta per sempre, sarà la mia bambina”
viva dal nulla
voluta dall’atto d’amore.

Gli angeli cantano canzone di pace.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 290 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ho scritto il tuo nome
Postato da brunouk il Sabato, 28 luglio @ 21:42:53 CEST (1079 letture)
Le poesie di Pegaso III
Ho scritto il tuo nome

Ho scritto il tuo nome sulla sabbia
attendendo che sorga la luna e salga la marea.

Guardo l’onda
dolcemente accarezzare l’arenile
in un lento crescendo possesso
mentre il sole lentamente cala
prima d’addormentarsi
dona al cielo colori caldi
mentre brezza dal sapore d’alga e mare
mescola eterno preambolo gioco d’amore.

Nell’attimo sono l’onda,
brezza, alga e mare
tu spiaggia, sole e luna.

Voglio amarti nel ripetersi dell’onda
avvolto nel tuo vestito rosso
inebriato dal profumo e salsedine sapore
mentre tu luna sulla tua spiaggia mi attrai
per restare nella notte abbracciato a te.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pensieri e poesie sui figli
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 luglio @ 19:38:47 CEST (1492 letture)
Poesie tematiche 2012



Questa domenica ho scelto pensieri e poesie sui



FIGLI

ne esistono di famose già pubblicate in Casatea fra gli argomenti per autore,
ne ho scelte altre altrettanto famose e, a mio parere, altrettanto belle,
mi piacerebbe leggere quelle di vostro gradimento o da voi scritte.





Una figlia. Uno sbalordimento. Una perfezione. La cosa più nuova la mondo.
così piccola. Così piena di segreti. E ogni giorno porta nuove meraviglie: poichè
ogni sorriso, ogni gesto è un incanto. Ogni cosa è inattesa. Il suo volto si illumina
quando tu.. proprio tu, entri nella sua visuale. le tue canzoni la deliziano, solo tu
sei quella che la fa addormentare a carezze, allontanare le sue paure, portarla
dalle lacrime al riso. e' così bella, così divertente, così vivace, così decisa.
E ti ama con tutto il suo cuore. Chi ha avuto una figlia così cara, non ha fallito nella vita.

Pam Brown





Dal primo momento che la vidi, una creaturina rossa illuminata dal chiarore irreale della sala operatoria,
la amai con un'intensità alla quale, la vita, fino ad allora, non mi aveva preparata....

S.Cheever




La scala di cristallo

Bene, figliolo, voglio dirti una cosa
la vita per me non è stata una scala di cristallo.
Ci furono chiodi
e schegge
e assi sconnesse
e tratti senza tappeti sul pavimento,
nudi.
Ma per tutto il tempo
ho continuato a salire
e ho raggiunto pianerottoli
voltato angoli
e qualche volta ho camminato nel buio
dove non c'era uno spiraglio di luce.

Quindi, ragazzo, non tornare indietro.
Non fermarti sui gradini
perché trovi che salire è difficile.
Non cadere adesso
perché io vado avanti, amor mio,
continua a salire
e la vita per me
non è stata una scala di cristallo.

Langston James Hughes
Leggi Tutto... | 3079 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


luna maree e bellazza
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 luglio @ 19:43:52 CEST (1509 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno



Potete vangare gli oceani a vostro piacere, e passarvi l’erpice, se vi riesce, ma la luna regolerà le maree, e i venti modelleranno la loro superficie.

O. W. OLMES





Amare gli altri è una pesante croce.
Ma tu sei bella senza ghirigori,
ed il segreto della tua vaghezza
è l’enigma risolto della vita.
A primavera si sente il frullare dei sogni
ed il fruscio di novità e certezze.
Tu sei della stirpe di tali princìpi.
Come l’aria il tuo senso è spassionato.
E’ facile svegliarsi e veder chiaro,
spazzare dal cuore il pattume verbale
e vivere senza intasarsi in anticipo.
Tutto questo è una piccola scaltrezza.

BORIS PASTERNAK
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Essere "Maria"
Postato da brunouk il Venerdì, 27 luglio @ 07:56:50 CEST (1003 letture)
Le poesie di Pegaso III
Essere “Maria”

Viandanti,
industriali, mercanti,impiegati e operai,
onesti o ladri,
donne, uomini, bambini e...
”POETI”;
vi voglio raccontare:............

Vi è un “popolo” temprato dal tempo
variopinto in troppi colori,
poi riunito in un drappo arcobaleno dove “PACE”
è scritta in tutte le lingue.

Questa è una storia triste,
non ridete, non piangete
perché c’è chi ride e... piange più di voi.

Ricordate?
Di re, giudici e di gente
che visse mille e mille anni fa?
ricordate i nomi di buoni e cattivi?
tempi di balli e feste, banchetti e tornei,
lacrime e morte, croce e perdono,
ricordate?

Questa è una storia che non ha tempo
si ripete e ripete
come scala infinita
che sale in cielo.

Dio!, se pure esisti
perché non fermi la mano dell’uomo?
Dio!, se pure esisti
perché non fermi il tempo?

Qualcuno ha scritto,
per tramandare ai posteri,
racconta della vita di
“MARIA”
Fanciulla e poi Donna,
Lei ha accettato nel suo essere
il compito supremo di Madre
Unica e Uguale.
In nome di un unico perché
AMORE.

L’amore per il Padre e Figlio
tanto grande, incondizionato
da ergersi in:
“Esempio, monito e speranza”.

Maria è il Nome,
invocato, amato, deriso e tradito.

Così, nell’insieme del ricordo
“essere Maria”
tra amore e indifferenza,
tra gente e giudici
senza memoria e fede,
dal cuore arido,
laici nell’odio,
rinnova un perché?
di tanto “Amore”
disperso al vento.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Verrà la pioggia
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 luglio @ 13:45:34 CEST (1130 letture)
Le poesie e altro di Grazia V






Verrà la pioggia


Il sole risplende
sopra il cielo nero
l'opacità dell'aria
rende il cuore greve
ma verrà la pioggia
tornerà il sereno.

Una magia d'azzurro
disegnerà un arcobaleno
lo splendore restituirà
luminosità ai pensieri
cancellerà i timori.

Nell'anima divenuta lieve,
come farfalla in volo,
tornerà la speranza
che consola dentro
con un sorriso di cielo
un impeto d'amore
una promessa di vita.


Grazia
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L'amore è la chiave...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 luglio @ 21:34:38 CEST (916 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







L'amore è la chiave principale
che apre tutte le porte dell'impossibile.
Amore è rivelazione improvvisa:
il bacio è sempre una scoperta.

Anonimo


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Malattia e destino
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 luglio @ 09:22:03 CEST (1055 letture)
Recensioni III





“Crediamo che il tempo corra dal passato verso il futuro e non consideriamo che nel punto che noi chiamiamo presente si incontrato sia il passato che il futuro. Questo rapporto difficilmente immaginabile puo’ essere reso evidente dalla seguente analogia. Immaginiamo il corso del tempo come una linea diritta, un capo della quale corre in direzione passato, mentre l’altra estremità si chiama futuro.
Ora noi sappiamo però dalla geometria che in realtà non esistono linee parallele, perchè la curvatura sferica dello spazio fa si che ogni linea diritta, se noi la prolunghiamo all’infinito si chiude in un cerchio (teoria di Riemann). Quindi in realta ogni linea diritta è la sezione di un cerchio… questo vuol dire che noi viviamo sermpre in funzione del passato, o il nostro passato è stato determinato dal nostro futuro...
L’uomo viene al mondo con un corpo nuovo ma con una coscienza antica. Il livello di coscienza che porta con se è espressione di quanto appreso fino a quel momento.

da Malattia e destino
di Thorwald Dethlefsen, Rüdiger Dahlke
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il mio buongiorno
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 luglio @ 08:59:09 CEST (935 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno






Che gli uccelli dell'ansia e della preoccupazione
volino sulla vostra testa, non potete impedirlo;
ma potete evitare che vi costruiscano un nido.

Proverbio Cinese



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Bobby
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 luglio @ 20:31:12 CEST (1730 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca


Lo chiamavano tutti Bobby perchè tutti i cani che si incontravano per strada nei paesi di provincia si chiamavano così.
Non aveva una casa, una cuccia nè un posto fisso dove stare. Una volta lo vedevi nell’angolo tra la farmacia e la strada che portava dal giornalaio, un’altra volta stava sui gradini della chiesa e appena cercava di seguire una di quelle vecchie che alle sei del pomeriggio si avviavano per iniziare a recitare il rosario, Ferdinando il sacrestano lo cacciava via battendo i piedi per terra. Bobby scappava via, ma non per paura, ne sono convinto. Scappava per far credere a Ferdinando che anche fare il sacrestano aveva la sua bella dose di responsabilità.
I bambini che giocavano in piazza a volte lo prendevano a calci. Alcuni di loro riempivano buste di plastica con l’acqua della fontanina della piazza per lanciargliele addosso. Il cane scappava, ma poi si lasciava stringere in un angolo e si faceva bagnare tutto: Bobby non soffriva per questo: sapeva di far divertire quei ragazzi che da grandi non avrebbero più tirato buste piene d’acqua addosso ai cani ma forse avrebbero incontrato una donna che avrebbe impedito loro anche di sorridere.
Era un cane intelligente Bobby lo sapeva e non pretendeva che qualcuno gli dicesse che era un cane intelligente.
Da una sera di novembre non fu più visto in quella piazza. Il bidello del circolo dei pensionati, per alcuni giorni, gli portò da mangiare come sempre verso le tre del pomeriggio. Non vedendolo più per qualche giorno, rinunciò. Anche Ferdinando il sacrestano chiese in giro del cane. Per un po’ fu così, ma Bobby era davvero un cane intelligente e sapeva che per non dare dolore a volte è meglio morire lontano da quelle persone che magari vorrebbero anche dispiacersi e dire : – però è un peccato, gli mancava la parola !-
Così una notte di novembre Bobby si lasciò infilare in un cassonetto dell’immondizia da alcuni giovani che avevano voglia di bere e divertirsi e quando si ritrovò catapultato nel buio di un camion tra lattine, cartoni e cattivi odori, non volle abbaiare per non dare un dispiacere nemmeno a chi per mestiere raccoglie immondizie.
Così anche quella notte volle sorridersi addosso e farsi contento.
Si finse carta senza abbaiare.

Erri De Luca
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Doppia nostalgia
Postato da brunouk il Martedì, 24 luglio @ 14:34:01 CEST (1232 letture)
Le poesie di Pegaso III
Doppia NOSTALGIA

Terra lontana dalle molte promesse
nuova, diversa è tutta la veste,
vita, colori, profumo, grida e gente
tutto si fonde e confonde in un tremito
compresso nel profondo del cuore.

Stretto nel petto la nostalgia del ricordo;
non c’ è il rumore della città lontana
non c’ è l’amico che di mattino saluta
confusa la mente da uno strano silenzio.

Immobile siedo sulla roccia tagliente
davanti al mare che fonde nel cielo
guardo l’onda rotolare potente
infrangersi sulla spiaggia rovente
piccole bianche nubi spinte dal vento
danzano nel cielo sbiadito dal sole.

Solo, sperduto nell’immenso del tempo
chiudo gli occhi per ritrovarmi con lei
mentre m’avvolge con il suo calore d’amore
sprigiona sconosciuto vergine profumo
libero
fonde nell’aria limpida come cristallo
vola di fiore in fiore
come un’ape che di nettare s’inebria,
danza cantando allegra melodia
con la dolcezza stupita nel cuore
che batte e batte
mentre il tempo scivola via.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Romano Battaglia ci ha lasciato
Postato da Grazia01 il Lunedì, 23 luglio @ 07:54:52 CEST (1120 letture)
Pensieri e poesie di Romano Battaglia





E' morto nella sua Versilia.

Ieri, 22 luglio, Romano Battaglia ci ha lasciato, dopo una breve malattia, a Marina di Pietrasanta (Lucca), dov'era nato il 31 luglio 1933.
Giovanissimo, aveva iniziato la sua carriera di giornalista prima come inviato speciale della Rai, poi come autore e conduttore di numerose rubriche, tra cui la famosa ''Tg l'una''. Battaglia è stato animatore e conduttore della Versiliana per moltissimi anni, e da quello che era uno dei più famosi 'salotti' estivì sono passati attori e cantanti, scrittori e registi e, soprattutto, i politici della prima e della seconda Repubblica. Come scrittore Battaglia si è cimentato in quasi tutti i generi letterari: dalle poesie ai romanzi, ai libri per ragazzi. Moltissimi i premi che nel corso della sua carriera ha ricevuto sia come giornalista sia come scrittore.




Trascorriamo la vita sperando in un domani diverso che non verrà mai.
Accumuliamo denaro e case nella speranza che un giorno queste ricchezze
ci serviranno per vivere meglio, lasciamo passare il tempo
con la convinzione che tutto ciò diventi verità.
Ma la verità è nel nostro presente e non ci accorgiamo degli attimi che da soli
valgono un'intera esistenza per il loro significato.



Addio Romano...ci restano i tuoi pensieri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il cibo in poesia e prosa
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 luglio @ 21:59:08 CEST (1156 letture)
Poesie tematiche 2012


Il cibo in poesia e prosa





Il tema appare meno romantico del solito, ma senza dubbio anche il cibo dona emozioni...
...perche' il cibo e' poesia... il cibo e' vita di tutti giorni... scandisce le nostre giornate...
ci accompagna...

Sensazioni e stati d'animo si mescolano a sapori e profumi...
Non solo cibo ma anche vino... il buon vino e' protagonista ...il buon vino e' cultura e piacere...



E quando addentate una mela, ditele nel vostro cuore:
“I tuoi semi vivranno nel mio corpo,
E i tuoi germogli futuri sbocceranno nel mio cuore,
La loro fragranza sarà il mio respiro,
E insieme gioiremo in tutte le stagioni.”

KAHLIL GIBRAN




Dio fece il cibo, il diavolo i cuochi!
K. Gilbran



Opera buffa

"Dopo il non far nulla, io non conosco occupazione per me più deliziosa del mangiare, mangiare come si deve, intendiamoci. L'appetito è per lo stomaco ciò che l'amore è per il cuore. Lo stomaco vuoto rappresenta il fagotto o il piccolo flauto, in cui brontola il malcontento o guaisce l'invidia; al contrario, lo stomaco pieno è il triangolo del piacere oppure i cembali della gioia. Quanto all'amore, lo considero la prima donna per eccellenza, la diva che canta nel cervello cavatine di cui l'orecchio si inebria e il cuore ne viene rapito. Mangiare e amare, cantare e digerire: questi sono in verità i quattro atti di questa opera buffa che si chiama vita, e che svanisce come la schiuma di una bottiglia di champagne.
Chi la lascia fuggire senza averne goduto, è un pazzo."

G. Rossini




Lo si schiaccia dolcemente tra lingua e palato; lentamente fresco e delizioso, comincia a fondersi: bagna il palato molle, sfiora le tonsille, penetra nell’esofago accogliente e infine si depone nello stomaco che ride di folle contentezza.

G. Flaubert




In una delle pagine più celebri e citate della letteratura, il sapore e il profumo di una madeleine, grazie a un'improvvisa e travolgente sinestesia, riportano alla memoria di Marcel Proust la sua infanzia. Questa sensazione, e la necessità di trasformarla in scrittura, dà origine all'intero ciclo di Alla ricerca del tempo perduto, un romanzo dove le pagine legate al cibo sono assai numerose e intense: basti pensare al ruolo centrale di Francoise, la cuoca della zia Léonie, alla passione per il gelato dell'amata Albertine.

Anche l'altro grande romanzo che apre il Novecento letterario, l'Ulisse di Joyce, inizia illustrando i gusti del protagonista Leopold Bloom, certo assai meno raffinati di quelli di Proust: «Mr Leopold Bloom mangiava con gran gusto le interiora di animali e di volatili. Gli piaceva la spessa minestra di rigaglie, gozzi piccanti, un cuore ripieno arrosto, fette di fegato impanate e fritte, uova di merluzzo fritte. Più di tutto gli piacevano i rognoni di castrato alla griglia che gli lasciavano nel palato un fine gusto d'urina leggermente aromatica».

La simbiosi di parole e sapori non è un frutto della modernità: basti pensare, tra i capolavori della letteratura antica, a un «poema-mondo» come l'Odissea, che illustra ed esemplifica il variegato e complesso rapporto tra letteratura e cibo. Nel corso dei secoli questi intrecci si sono ulteriormente arricchiti, tanto che è possibile immaginare una molteplicità di percorsi di lettura sul tema dell'alimentazione.




Tempo verrà
di DEREK WALCOTT


Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell'altro,

e dirà: Siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato

per tutta la vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d'amore,

le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine.
Siediti. È festa: la tua vita è in tavola.




Ode al pomodoro
di Pablo Neruda

La strada
si riempì di pomodori,
mezzogiorno,
estate,
la luce
si divide
in due
metà
di un pomodoro,
scorre
per le strade
il succo.
In dicembre
senza pausa
il pomodoro,
invade
le cucine,
entra per i pranzi,
si siede
riposato
nelle credenze,
tra i bicchieri,
le matequilleras
la saliere azzurre.
Emana
una luce propria,
maestà benigna.
Dobbiamo, purtroppo,
assassinarlo:
affonda
il coltello
nella sua polpa vivente,
è una rossa
viscera,
un sole
fresco,
profondo,
inesauribile,
riempie le insalate
del Cile,
si sposa allegramente
con la chiara cipolla,
e per festeggiare
si lascia
cadere
l'olio,
figlio
essenziale dell'ulivo,
sui suoi emisferi socchiusi,
si aggiunge
il pepe
la sua fragranza,
il sale il suo magnetismo:
sono le nozze
del giorno
il prezzemolo
issa
la bandiera,
le patate
bollono vigorosamente,
l'arrosto
colpisce
con il suo aroma
la porta,
è ora!
andiamo!
e sopra
il tavolo, nel mezzo
dell'estate,
il pomodoro,
astro della terra,
stella
ricorrente
e feconda,
ci mostra
le sue circonvoluzioni,
i suoi canali,
l'insigne pienezza
e l'abbondanza
senza ossa,
senza corazza,
senza squame né spine,
ci offre
il dono
del suo colore focoso
e la totalità della sua freschezza.

Leggi Tutto... | 3337 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi è l'anniversario della nascita di Hemingway
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 luglio @ 18:57:56 CEST (1243 letture)
Racconti e altro di Hemingway




Nato il 21 luglio 1899 a Oak Park, Illinois, USA, Ernest Hemingway è lo scrittore simbolo del Novecento letterario, colui il quale ha saputo rompere con una certa tradizione stilistica riuscendo ad influenzare successivamente generazioni intere di scrittori.

da I quarantanove racconti

Andando dove dovete andare, facendo quel che dovete fare, vedendo quel che vi tocca vedere, lo strumento che usate per scrivere si rovina e si smussa. Ma preferisco che sia smussato e dovergli ridare forma e affilarlo di nuovo sulla mola,
sapendo di avere qualcosa da scrivere, anzichè averlo lucido e brillante e non aver niente da dire, averlo liscio e ben oliato, ma inutilizzato, in un cassetto. Adesso è necessario tornare a lavorar di mola. Mi piacerebbe vivere tanto da poter scrivere altri tre romanzi e venticinque racconti.
Ne so di quelli buoni.




I vecchi non diventano saggi, diventano attenti

Non lo disse ad alta voce perché sapeva che a dirle, le cose belle non succedono.

Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare

I bei libri si distinguono perché sono più veri di quanto sarebbero se fossero storie vere.

Oggi non è che un giorno qualunque di tutti i giorni che verranno,
ma ciò che farai in tutti i giorni che verranno dipende da quello che farai oggi.




Su un giornale

Su un giornale
Ho visto la foto di un manganello,
Coperto di borchie di ferro
E con un chiodo d'acciaio sulla punta.
Ho pensato:
Dio, farlo dondolare sarebbe proprio bello;
E avevo una gran voglia d'impugnarlo
E sentirlo scricchiolare sulla testa di qualche unno-
Preferibilmente disarmato -
E un altro
E un altro, e un altro.
Dio, non sarebbe bello?
- Sfondare il cranio,
- E vederne sprizzare il sangue come quando accoppano i manzi
al mattatoio?
Se gridasse "Kamerad",
Dài!
Lo stesso pomeriggio ho visto uno svedese,
Alto e biondo, la faccia di bambino,
Ubriaco, resisteva a tre poliziotti
Che cercavano di estrarlo dall'auto.
Il più grosso ha calato lo sfollagente sulla testa del ragazzo,
Con un colpo che si è sentito fino a qui;
Non il lugubre "bonf" di un manganello
Ma uno sparo
Poi tutti l'han percosso e lui è caduto,
L' hanno tirato su per una scala,
Col viso insanguinato che sbatteva, sbatteva, sbatteva,
Sui gradini.
Gesù! Sono io quello
Che voleva adoprare
Il manganello?


Ernest Hemingway
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


NON HA COLPA LA VITA
Postato da rosarossa il Venerdì, 20 luglio @ 21:31:21 CEST (977 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VIII










NON HA COLPA LA VITA



Sono una donna che fin dal primo vagito
con la vita pugna;
ma crescendo, lottando, sono riuscita finalmente
ad acchiapparla con forza per le corna e poi domarla.
Or non fa più le bizze come un tempo…
Sta buona e ferma.
Prima di agire mi consulta e ascolta i miei consigli e
i miei comandi.
Non è poi grama, sinceramente penso!
Che sia errato il nostro modo di gestirla e interpretarla?
A nostra discolpa la sposiamo col destino…
L’unico àlibi che d’accordo trova tutti, anche se
Ingiustamente; condannarla…



Rosarossa
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L'ospite incallito
Postato da Grazia01 il Venerdì, 20 luglio @ 19:38:24 CEST (1183 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca








L'ospite incallito


Bevo a chi è di turno, in treno, in ospedale,
cucina, albergo, radio, fonderia,
in mare, su un aereo, in autostrada,
a chi scavalca questa notte senza un saluto,
bevo alla luna prossima, alla ragazza incinta,
a chi fa una promessa, a chi l’ha mantenuta,
a chi ha pagato il conto, a chi lo sta pagando,
a chi non è invitato in nessun posto,
allo straniero che impara l’italiano,
a chi studia la musica, a chi sa ballare il tango,
a chi si è alzato per cedere il posto,
a chi non si può alzare, a chi arrossisce,
a chi legge Dickens, a chi piange al cinema,
a chi protegge i boschi, a chi spegne un incendio,
a chi ha perduto tutto e ricomincia,
all’astemio che fa uno sforzo di condivisione,
a chi è nessuno per la persona amata,
a chi subisce scherzi e per reazione un giorno sarà eroe,
a chi scorda l’offesa, a chi sorride in fotografia,
a chi va a piedi, a chi sa andare scalzo,
a chi restituisce da quello che ha avuto,
a chi non capisce le barzellette,
all’ultimo insulto che sia l’ultimo,
ai pareggi, alle ics della schedina,
a chi fa un passo avanti e così disfa la riga,
a chi vuol farlo e poi non ce la fa,
infine bevo a chi ha diritto a un brindisi stasera
e tra questi non ha trovato il suo.

Erri de Luca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Addio
Postato da brunouk il Venerdì, 20 luglio @ 09:45:41 CEST (983 letture)
Le poesie di Pegaso III
Addio

Dirti semplicemente addio
guardandoci negli occhi
lo sai, ti amo,
questo mio infinito amore
va oltre l’attimo dell’amplesso,
dove l’anima valica il tempo.

Rivedo,
immerso in leggera foschia,
il primo incontro
l’incanto del tuo leggiadro essere
avvolto nell’essenza sensuale
sicuro approdo, dove tutto è silenzio.

Ricordo,
sempre in cerca d’amore pas(edited)ero,
godendo in tempeste e giorni di sole,
in gesti e mutevoli pensieri,
poi
mi son visto in te, come di specchio riflesso,
tanto che dall’ora non son più lo stesso.

Oggi, sarebbe inutile mentire,
niente è rimasto dell’antico mio furore
quando istinti avventurieri
erano come vesti nuove da esibire.

Devo adattare, questo nuovo me stesso,
sopiti tutti i sogni di successo
sostituiti con altri dai contorni sbiaditi,
il fatto, che più mi duole,
d’improvviso, a questo divenire,
misurata in passi verso fredda meta,
mi commuovo nel dire addio all’ultimo mio sole,
e a Te, libera d’amare
non solo il mio riflesso.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Cose che passano...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 18 luglio @ 20:22:51 CEST (1016 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno









Nella vita le cose passano sempre, come in un fiume.
Anche le più difficili che ti sembra impossibile superare le superi,
e in un attimo te le trovi dietro alle spalle e devi andare avanti.
Ti aspettano cose nuove.

Nicolò Ammaniti
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sogni
Postato da Grazia01 il Martedì, 17 luglio @ 21:51:43 CEST (1035 letture)
Poesie della buonanotte II




Sogni


Tenetevi stretti ai sogni
perché se i sogni muoiono,
la vita è un uccello con le ali spezzate
che non può volare.

Tenetevi stretti ai sogni
perché quando i sogni se ne vanno
la vita è un campo arido
gelato dalla neve.

LANGDON HUGHES

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il mondo fa paura
Postato da Grazia01 il Martedì, 17 luglio @ 21:43:09 CEST (936 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno




Il mondo fa paura

Il mondo fa paura
ma in esso nuotano
in un immenso acquario
betulle volpi
torrenti di fiori
strade di campagna
e case di legno
e ancora i concerti di Brahms
e i valzer di Chopin.

JAROSLAW IWASZKIEWICZ

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Autoritratto
Postato da brunouk il Martedì, 17 luglio @ 12:45:26 CEST (1019 letture)
Le poesie di Pegaso III
Autoritratto

Un altro mattino leggermente turchino
un po’ diafano, chissà?
forse miraggio effetto Morgana,
sbadiglio assonnato,
espande, evapora all’istante,
mentre strana luce
su mimetica scala traspare.

Chi è quell’uomo che mi guarda?
emerge dallo specchio come sogno slabbrato
di un tempo rovescio carico d’imperfezioni,
ammalia i sensi in sublimare osmotica ricerca,
globo lattescente mi cattura, abisso anestetico,
lento, a fondo, una due, tre volte respiro,
mentre, condensa il vetro appanna,
goccia, come lacrima attratta dal nulla,
scorre sul volto riflesso in scarlatta tonalità
sospesa nel silenzio, si allunga lentamente,
lascia filtrare lampo iridato d’antico splendore.

Bruno! cosa fai? è presto fa freddo torna a letto,
guardo l’uomo, vecchio ti chiamano vai …,
mentre la goccia delinea improbabile meta,
si stacca, libera nell’aria risplende come diamante
mi chino, cerco d’afferrarla ma si frantuma
virando in mille riflessi filtrati da vetrose evanescenze.

Allungo lo sguardo, lo specchio riflette il vuoto,
tutto rallenta, naturale deriva ordina il tempo.

Mi ritrovo nell’azzurro del cielo
il globo infuocato del sole è alto all’orizzonte
amplifica uno spazio incontaminato,
ricompongo suadente ologramma
calata in platea deserta c’è lei,
d’altra vita s’innestano mimetici ricordi
ne seguo il ritmo in libertà emotiva
sfuma in dissolvenza nel silenzio di luce
che uno specchio non può riflettere.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Gelosia
Postato da brunouk il Lunedì, 16 luglio @ 08:38:47 CEST (999 letture)
Le poesie di Pegaso III
Gelosia

Rompi il silenzio
sospiro leggero della notte
scivola lento nei meandri nascosti del cuore
un oscuro pensiero
dipinto di nero
offusca l’azzurro del cielo.

S’insinua furtivo
non è folgore dalle spire di fuoco
che brucia, divora e uccide
ma freddo raggio di stella luccicante d’opale.

Vorrei gridare di rabbia
ma so benissimo di essere preda.

Nudo, tremante guardo nel buio,
nascosto rifugio del sospetto latente
come tarlo rode, scavando nascosto,
lo vedo danzare avvolto nel funereo lenzuolo
nella plumbea nebbia presagio del nulla
dubbio sottile come filo tagliente d’acciaio
partorito da ventre schifoso di ragno
stretto in spire, mi avvolge senza possibile fuga
in una prigione di ghiaccio.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 427 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L'INIZIO
Postato da brunouk il Domenica, 15 luglio @ 14:52:21 CEST (1155 letture)
Le poesie di Pegaso III
Garniano (lago di Garda)
L’INIZIO

Lontano………….
La,dove il tempo ha fatto il nido,
c’è un ricordo vivo
anima i sogni più belli
li la “ storia “ dell’amore è nata
in un’aurora fulgida di sole.

La brezza umida della notte
scompiglia l’ombra scura del monte
riflessa nell’acqua cheta del lago.

Come specchio che confonde gli occhi,
traspare la mia immagine
nel vetro della finestra aperta sul mondo,
verde buganvillea l’adorna
dalle spine sgorgano grappoli di petali rossi.

Lo sguardo affonda nella foschia
che lenta si leva verso il cielo.

Sento la sua voce, mormora leggera,
le mani volteggiano nell’aria
candido ansima il suo petto
rosate labbra
racchiudono come in uno scrigno
bianche perle preziose,
nel nero profondo
come la notte dei suoi occhi,
fulgide brillano argentate stelle,
dal suo corpo fiorisce
delicato profumo di petali di rosa.

Mia dolce maestra,
vedo il tuo volto e rivedo il mio…
bianco foglio dove hai scritto
storie di un tempo perduto
dove tempeste hanno temprato l’uomo,
un grido ha rotto il silenzio,
mentre l’alba accarezza i fiori
e l’arcobaleno incorona il cielo.

Hai preso il mio giovane cuore
con un gesto gli hai donato….. ,
le ali,
per volare con l’aquila
che libera volteggia alta nel cielo,
possenti pinne,
per nuotare nel blu dell’oceano
e tuffarmi con la grande balena,
indomito coraggio
per ruggire con il leone
nell’assolata savana.

Poi,con la dolcezza di un bacio,
avvolgendomi nel tuo dolce sorriso,
fondendo lo sguardo con il mio
la, ….
dove la luce delle stelle brilla senza tempo
mi hai donato l’amore eterno per la vita.



Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1207 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Finestre...nelle poesie
Postato da Grazia01 il Sabato, 14 luglio @ 14:21:59 CEST (1319 letture)
Poesie tematiche 2012





Le finestre sono gli occhi delle nostre case,
la vita scorre oltre i vetri, cambia il colore del cielo
entra il sole, l'aria, i rumori, vediamo chi passa e chi arriva, meditiamo aspettando la luna...
ho cercato poesie in cui le finestre fanno da cornice, eccole:





La finestra

La rosa rossa scivola lentamente,
per un istante interminabile è dell'aria,
poi si posa dondolando sul suo corpo,
tingendolo del suo colore vivo.
La mano che l'ha lasciata ora è appoggiata al vetro,
rigato dalla pioggia e dallo sguardo,
sotto la fronte appoggiata le lacrime, dell'amore che non può esistere.
L'amore dell'uomo si lascia vincere dalla stanchezza e scivola nel sonno,
l'amore della donna rimane vigile in attesa di un completamento,
avrebbe voluto il suo corpo avvolto tra le braccia,
e mani tenere sul volto al posto di questa pioggia,
e respirare al calore di un altro respiro,
invece del rimando freddo di una luce piovosa.
E le parole non esistono,
le parole muoiono in gola,
strozzate da troppi tentativi e
mani rapaci che scarnificano solo nel piacere.
L'amore delle donne è come il mare che lembisce la spiaggia,
spinto da un vento costante e
disposto ad apprezzare ogni insenatura.
L'amore dell'uomo è come guardare da un cannocchiale e
Spesso cambiare orizzonte.
Il tuo corpo trova un angolo tiepido ma distante,
la tua mente trova riposo nella rassegnazione,
la rosa rossa ritorna tra le tue dita.

De Bernardi Pompeo




Il mare

Affacciato alla finestra
del mio animo
guardo il mare:
una grande lacrima
posata sulla terra.

Marco Agazzi
Leggi Tutto... | 3739 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gustav Klimt 150° anniversario della nascita
Postato da Grazia01 il Sabato, 14 luglio @ 12:56:02 CEST (1098 letture)
ARTE II

Il 14 luglio 1862 nasceva a Baumgarten (Vienna) Gustav Klimt, il celebre pittore protagonista del movimento secessionista




“Chiunque voglia sapere qualcosa di me, deve osservare i miei dipinti.” Nel 2012 Gustav Klimt – uno dei più significativi pittori austriaci e rappresentate del movimento dello Jugendstil viennese – avrebbe compiuto 150 anni. L’Austria lo celebra con importanti mostre.


Mostre ed esposizioni su Klimt

Opere fondamentali di Klimt si trovano nella Galleria del Belvedere superiore di Vienna e al Leopold-Museum. La Secessione viennese espone il famoso Fregio di Beethoven nella collocazione in cui fu presentato per la prima volta al pubblico. Con 400 disegni, il Wien Museum detiene il patrimonio più grande al mondo per quanto concerne queste opere di Klimt risalenti a tutti i suoi periodi creativi e che, in occasione di una mostra temporanea, saranno per la prima volta esposte tutte al pubblico. Un’altra collezione molto esaustiva dell’opera klimitiana è in possesso del museo dell’Albertina di Vienna.

Venezia gli ha dedicato una delle mostre piu’ visitate della stagione (oltre 150.000 presenze), Milano un’altra importante rassegna, mentre Roma aspetta settembre per rendergli omaggio negli spazi del Museo Boncompagni Ludovisi: l’Italia celebra nei 150 anni dalla nascita il genio di Gustav Klimt tra i pittori piu’ amati dal pubblico e dal mercato dell’arte, dove i suoi capolavori raggiungono quotazioni stellari.
Leggi Tutto... | 6515 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Perché leggere i classici
Postato da Grazia01 il Venerdì, 13 luglio @ 19:22:24 CEST (1485 letture)
Riflessioni III



I classici sono quei libri di cui si sente dire di solito:

«Sto rileggendo...» e mai «Sto leggendo...»




Questo avviene almeno tra quelle persone che si suppongono «di vaste letture»; non vale per la gioventù, età in cui l'incontro col mondo, e coi classici come parte del mondo, vale proprio in quanto primo incontro.
Il prefisso iterativo davanti al verbo «leggere» può essere una piccola ipocrisia da parte di quanti si vergognano d'ammettere di non aver letto un libro famoso. Per rassicurarli basterà osservare che per vaste che possano essere le letture «di formazione» d'un individuo, resta sempre un numero enorme d'opere fondamentali che uno non ha letto.
Chi ha letto tutto Erodoto e tutto Tucidide alzi la mano. E Saint-Simon? E il cardinale di Retz? Ma anche i grandi cicli romanzeschi dell'Ottocento sono più nominati che letti. Balzac in Francia si comincia a leggerlo a scuola, e dal numero delle edizioni in circolazione si direbbe che si continua a leggerlo anche dopo. Ma in Italia se si facesse un sondaggio Doxa temo che Balzac risulterebbe agli ultimi posti. Gli appassionati di Dickens in Italia sono una ristretta élite di persone che quando s'incontrano si mettono subito a ricordare personaggi e episodi come di gente di loro conoscenza. Anni fa Michel Butor, insegnando in America, stanco di sentirsi chiedere di Emile Zola che non aveva mai letto, si decise a leggere tutto il ciclo dei Rougon-Macquart. Scoperse che era tutto diverso da come credeva: una favolosa genealogia mitologica e cosmogonica, che descrisse in un bellissimo saggio.
Questo per dire che il leggere per la prima volta un grande libro in età matura è un piacere straordinario: diverso (ma non si può dire maggiore o minore) rispetto a quello d'averlo letto in gioventù. La gioventù comunica alla lettura come a ogni altra esperienza un particolare sapore e una particolare importanza; mentre in maturità si apprezzano (si dovrebbero apprezzare) molti dettagli e livelli e significati in più. Possiamo tentare allora quest'altra formula di definizione:

Si dicono classici quei libri che costituiscono una ricchezza per chi li ha letti e amati; ma costituiscono una ricchezza non minore per chi si riserba la fortuna di leggerli per la prima volta nelle condizioni migliori per gustarli.
Leggi Tutto... | 12147 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ti AMO
Postato da brunouk il Venerdì, 13 luglio @ 18:43:45 CEST (1164 letture)
Le poesie di Pegaso I
Ti AMO

Ti ho detto ti amo
guardandoti negli occhi
mentre il tuo profumo
mi annebbiava la mente
e il cuore perdeva il suo ritmo
lasciando che la passione
occupasse il posto della ragione.
Invitante, calda
come giorno d’estate,
misteriosa,
come notte senza luna,
profonda,
come il mare senza fine,
sconvolgente, turbine
come uragano tropicale,
delicata,
come rosa di maggio,
splendente, preziosa
come diamante gioiello.
Quanto tempo sprecato
cercando l’amore sulle strade del mondo,
lontano, dove la luce del sole tormenta,
nelle caverne senza uscita e fondo,
risalendo il fiume fino la sorgente,
nell’albero spoglio attendendo primavera.
Sì, ho amato ogni attimo,
ogni filo d’erba, prato e savana,
sasso e roccia dell’imponente montagna,
l’onda dell’oceano infinito,
l’agile gazzella, l’aquila, la grande balena,
il sorriso di bimbo, aurora di nuova vita.
Così, salito all’apice del mondo
ho gridato al vento” vi amo”,
il vento ha rapito il grido e portato lontano.
Poi, silenzio di un mondo senza uguali,
meraviglioso, pieno di vita e grido
ma solo, sperso nel buio universo
come viandante senza meta,
tra stelle senza tempo, voce ed eco.
Tu sei il mio eco,
voglio prenderti per mano,
lasciare che l’attimo ci avvolga,
nell’attimo sussurrare ti amo,
basta che, non più solo,
anche tu mi dica ti amo.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ti amo...
Postato da Grazia01 il Giovedì, 12 luglio @ 21:46:37 CEST (871 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno





Ti amo: queste frasi d'amore che tanto si ripetono non sono mai le stesse.
Hanno lo stesso suono tutte quante, ma ha ciascuna una vita vergine e sola,
se riesci a coglierla. E non stancarti mai di ripetere le parole uguali:
proverai l'emozione che sente l'anima quando vede spuntar la prima stella e poi,
come la notte avanza, la vede ripetersi in altre stelle,
con diversi riflessi e un'unica anima.

Pedro Salinas
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Per un tuo sorriso
Postato da brunouk il Giovedì, 12 luglio @ 20:06:34 CEST (1304 letture)
Le poesie di Pegaso I
Per un tuo sorriso.

Come fresca brezza
che si tuffa a valle dall'alto del monte
portando con se il profumo del pino,
sei apparsa,
stagliata nella foschia dell'afa d'estate
immersa nella luce senza ombra
d' equinozio di sole
leggera come gazzella
elegante nella tua semplicità di donna
consapevole del dono che porti
alone di gioia per l’anima
sensuale sogno proibito
d’Adamo nel giardino dell’eden.

Un attimo, come d’ incanto,
al tuo passaggio il tempo si è fermato
il brusio si è spento
anche la rondine alta nel cielo tace
tutto è sospeso,
incantato dal tuo sorriso
donato dall’alba che t’ha dato la vita.

Cercavo colline tutte d’oro
per incoronarmi re,
ho camminato nel buio
per ritrovarmi nel rosso dell’aurora
di nuovi orizzonti,
scavato il cuore della terra
per carpire scintille di fuoco,
scrutato il profondo del mare
per fondermi nella vita,
ascoltato nenie misteriose
che raccontano di ieri
per conoscere il coraggio.

Ora, incantato, mi sono perso
nel profondo dei tuoi occhi.

Ti voglio stringere,
avvolgerti nel fuoco dell’amore
assieme, volare alto tra le stelle
dove il tempo non ha fine.

Tutto questo solo
per far mio il tuo sorriso.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 A tutte le donne [ 0 commenti - 7 letture ]
 "Fazzoletti Rossi" di Maria Facci [ 1 commenti - 16 letture ]
 Milano [ 0 commenti - 16 letture ]
 A volte [ 0 commenti - 9 letture ]
 Il giorno diventò piccolo [ 0 commenti - 11 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 21
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy