Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 120
Totale: 120
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: coppermine
04: News
05: Home
06: Home
07: Home
08: Stories Archive
09: Home
10: Search
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: coppermine
16: coppermine
17: coppermine
18: News
19: News
20: Stories Archive
21: Home
22: coppermine
23: coppermine
24: Home
25: coppermine
26: Statistics
27: Home
28: News
29: Home
30: Home
31: News
32: Home
33: News
34: News
35: Home
36: Home
37: coppermine
38: Home
39: News
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: News
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: coppermine
52: Home
53: Home
54: Home
55: Stories Archive
56: Home
57: Home
58: News
59: Home
60: Search
61: News
62: coppermine
63: Home
64: Home
65: Home
66: Forums
67: Home
68: Home
69: News
70: News
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Search
76: Home
77: coppermine
78: News
79: Home
80: Home
81: Stories Archive
82: Home
83: News
84: Home
85: Stories Archive
86: Stories Archive
87: Home
88: Home
89: News
90: Home
91: Home
92: coppermine
93: News
94: Your Account
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: coppermine
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Stories Archive
113: Home
114: Home
115: Home
116: coppermine
117: Your Account
118: Home
119: Stories Archive
120: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9021
  · Viste: 1924041
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Fammi un ritratto del sole
Postato da Grazia01 il Giovedì, 02 febbraio @ 20:24:42 CET (936 letture)
Poesie e altro di Dickinson







Fammi un ritratto del sole



Fammi un ritratto del sole
Così che io possa appenderlo in camera mia
E possa fingere di scaldarmi
Mentre gli altri lo chiamano " giorno"!
Disegnami un pettirosso su un ramo
Così che io possa ascoltarlo mentre dormo
E quando cesserà il lavoro nei campi
Anch'io deporrò la mia illusione.

Dimmi se e' vero che fa caldo a mezzogiorno
Se sono i ranuncoli quelli che volano
O le farfalle quelle che fioriscono.
Poi, manda via il gelo dai prati
E scaccia la ruggine dagli alberi

Non debbano più tornare!


Emily Dickinson


Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il mio Angelo Custode: Caliel
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 01 febbraio @ 23:30:43 CET (1081 letture)
Un pensiero al giorno






Angelo custore

CALIEL


ANGELO CUSTODE DEI NATI DAL 16 AL 21 GIUGNO.

Questi nati possono pregarlo sempre,
gli altri nei giorni di reggenza che sono:
7 Aprile, 21 giugno, 4 Settembre, 15 novembre, e 26 gennaio.

Se l’ANGELO CALIEL appare nei Misteriosi Arcani della tua esistenza:

Ciò che pensi è giusto. Ti sarà resa giustizia.
Se stai vivendo nelle avversità, riceverai presto un aiuto.
La tua innocenza sarà riconosciuta. La persona è innocente.
Nel corso di un processo la verità risplenderà.
La persona con cui sei in relazione è giusta ed integra.
C’è in te un grande amore per la verità,
che ti porterà a conoscere la Legge del Mondo.
Dovresti intraprendere degli studi di diritto;
potresti diventare un grande avvocato, un grande giudice.
Leggi Tutto... | 1083 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il paesaggio nel Novecento
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 01 febbraio @ 14:12:54 CET (1164 letture)
ARTE II


Il paesaggio nel Novecento


Georges Braque - Case all'Estaque, Musée ational d'Art Moderne, Parigi

Diceva Paul Cézanne che il colore era il punto d'incontro fra il cervello e il mondo e, così, i suoi oli e i suoi acquerelli, dedicati alle vedute del monte Saint-Victoire, erano realizzati con tocchi di pennello che descrivevano, ciascuno autonomamente, ogni tono di luce e ogni momento cromatico. Questa parcellizzazione del colore che corrispondeva, necessariamente, alla resa dei vari piani che assumevano diversa collocazione spaziale e quindi tonale, venne interpretata dal Cubismo di Pablo Picasso, di Georges Braque e degli altri che aderirono al movimento nato nel 1908, in termini plastici. Per comprendere cosa s'intenda basterà ricordare il Panorama di Martigues dipinto da André Derain giusto nel 1908 (Kunsthaus, Zurigo), oppure Les arbres, realizzato da Braque nel 1908 e già decisamente cubista o, ancora, la Fabbrica a Horta de Hebro dipinta nel 1 909 da Picasso.



Georges Braque - Les erbres, Statens Museum for Kunst, Copenaghen

Una possibilità fra le altre

Il dato che emerge inconfutabile nella pittura del Novecento è che il paesaggio assume un nuovo valore cessando definitivamente di essere un genere pittorico come s'intendeva ancora nel XIX secolo. Queste divisioni, infatti, ancora larvatamente, possono recuperarsi anche in ambito impressionistico laddove Renoir si dedicò alla figura assai più di quanto non abbia fatto Monet che al paesaggio dedicò tutta la sua arte.



André Derain, Paesaggio, Neue Nationalgalerie, Berlino

Sostenitore dell'autonomia espressiva dell'immagine pittorica di fronte al dato oggettivo; usa un crornatismo acceso e innaturalistico costituito da colori puri e stesi à plat


Con il Novecento, il paesaggio divenne uno dei possibili terreni di applicazione delle nuove soluzioni stilistiche in quanto da considerarsi come uno degli aspetti di quella realtà che questo o quel movimento pittorico andavano a interpretare. Tutto questo, però, non significò che il tema del paesaggio fosse accantonato o considerato minore, semplicemente si proponeva come una delle frecce all'arco dell'espressività di ogni singolo pittore. Per tanto, ogni personalità interessata al tema fornì di esso una propria specifica interpretazione, secondo la propria sensibilità o la corrente di appartenenza. Intendiamoci bene, però, questo non vuoi dire che nel Novecento il paesaggio non abbia esercitato una funzione di stimolo per nuovi indirizzi stilistici; terreno di sperimentazione per autori e movimenti. Un esempio evidente è il cosiddetto Talismano che, sebbene dipinto da Paul Sérusie nel 1888, influì su tutta la poetica dei nabis (il movimento legato a Sérusier) nei primi due decenni del XX secolo. Il "Talismano", infatti, altro non è che il Bois d'Amour à Pont-Avent realizzato da Sérusier sotto la direzione di Gauguin che, passeggiando per questo parco (il Bois d'Amour, per l'appunto), e vedendolo dipingere gli consigliò gli straordinari accordi cromatici di cui il quadretto si fa testimone.



Paul Gauguin, Il giorno di Dio, Art Institut, Chicago.

Il dipinto, realizzato nel 1894 a Parigi, nell'intervallo tra due soggiorni a Tahiti, esprime compiutamente la poetica del pittore simbolista che si alimenta delle suggestioni dell'esotico e dell'ammirazione per una natura primigenia e idilliaca. La scelta dei colore non realistici, stesi a campiture piatte, influenzerà anche la ricerca dei fauves e degli espressionisti tedeschi.
Leggi Tutto... | 7248 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ella dimora insieme alla Bellezza
Postato da Grazia01 il Martedì, 31 gennaio @ 23:28:47 CET (934 letture)
Poesie di Keats






Ella dimora insieme alla Bellezza


Ella dimora insieme alla Bellezza,
la Bellezza che morir deve; e insieme
alla Gioia che tien sempre sui labbri
la mano a dire addio; presso al Piacere
che duole e in velen muta mentre sugge
ape la bocca. Sì, nel tempio stesso
del Piacere ha il sacrario la velata
Malinconia benché la veda solo
chi con strenua lingua sa schiacciare
contro al palato il grappolo di gioia;
l'anima di colui assaggerà
la tristezza inerente al suo potere,
e andrà fra i suoi trofei capi sospesa.


John Keats

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pensiero del buongiorno
Postato da Grazia01 il Martedì, 31 gennaio @ 11:49:50 CET (816 letture)
Un pensiero al giorno






"Il mondo è nelle mani di coloro
che hanno il coraggio di sognare
e di correre il rischio di vivere i propri sogni"


Paulo Coelho
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A le gatte de lo spedale di S. Anna di Torquato Tasso
Postato da Grazia01 il Lunedì, 30 gennaio @ 13:13:59 CET (973 letture)
Poesie originali e strane I





A le gatte de lo spedale di S. Anna
di Torquato Tasso

Come ne l'ocean, s'oscura e 'nfesta
procella il rende torbido e sonante,
a le stelle onde il polo è fiammeggiante
stanco nocchier di notte alza la testa,

così io mi volgo, o bella gatta, in questa
fortuna avversa a le tue luci sante,
e mi sembra due stelle aver davante
che tramontana sian ne la tempesta.

Veggio un'altra gattina, e veder parmi
l'Orsa maggior con la minore: o gatte,
lucerne del mio studio, o gatte amate,

Se Dio vi guadi da le bastonate,
se 'l ciel voi pasca di carne e di latte,
fatemi luce a scriver questi carmi.




Santa Anna era un ospedale-carcere di Ferrara dove il Tasso
fu rinchiuso dagli Estensi per 7 anni come pazzo.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensiero della sera
Postato da Grazia01 il Domenica, 29 gennaio @ 20:48:38 CET (787 letture)
Un pensiero al giorno


C'è un solo e unico scopo nella vita: testimoniare e comprendere per quanto possibile la complessità del mondo, la sua bellezza, i suoi misteri, i suoi interrogativi. Più si cerca di capire, più s'indaga, e più si apprezza la vita e ci si sente in pace col mondo. È questa la sostanza della vita. Tutto il resto si riduce a vacui passatempi. Se un'attività non si basa sull'amore o sulla conoscenza, non ha alcun valore. [...] Ci si può chiedere perché bisogna amare e imparare o perché sarebbe questo lo scopo della vita: voglio dire, come mai è stato deciso fare solo queste cose e con la massima dedizione? Una domanda stupida, non importa perché sia così. È così: lo scopo della vita è amare ed imparare.

Anne Rice
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Cosa ti porterò...
Postato da Letty il Sabato, 28 gennaio @ 23:18:50 CET (820 letture)
Le poesie di Letty - II





Cosa ti porterò... immagino sempre cosa ti porterò quando ci rivedremo.
Ho questa assurda convinzione che ci sia un continuo tra noi...
come se la mia anima ti appartenesse e la tua mi appartenesse
e allora penso a ciò che ti porterò quel giorno
se un fiore
o un peluche
o le mie stesse mani.
Penso... e nel frattempo ti amo, senza tempo, senza storia, senza idee
ti amo
come mai prima
e forse come mai dopo.


Letty
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Nati oggi
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 gennaio @ 13:59:33 CET (824 letture)
Un pensiero al giorno






Ci separammo così

Ci separammo così,
senza strette di mano.
Ce ne andammo come una cosa lasciata
a metà, come una sigaretta
o una limonata.

Perchè tu non fosti mai mia.
A me straniero, non donasti il tuo amore,
come le nuvole
non scaricano neve vergine
sui tropici,
ma la serbano per il Nord.



Ismail Kadare

(Argirocastro, 28 gennaio 1936)
scrittore, poeta e saggista albanese.




Mario Biondi

nome d'arte di Mario Ranno
(Catania, 28 gennaio 1971),
cantante e compositore italiano


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensieri e parole
Postato da Anonimo il Sabato, 28 gennaio @ 13:43:22 CET (1042 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II



PENSIERI E PAROLE


Possedere non è amore

perdonare non è amore

giudicare non è amore.

La vita è condivisione

la vita è donare

la vita è ricevere.

Ed è la mente che governa

ma poi anche il corpo chiede.

Lui che è formato di spirito e carne

uniti dove c'è amore

meretrice dove c'è solo carne.
Leggi Tutto... | 861 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


27 gennaio - giorno della memoria
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 gennaio @ 14:01:28 CET (1241 letture)
In ricordo
27 gennaio - Giorno della memoria

La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945, quando le truppe sovietiche dell'Armata Rossa, nel corso dell'offensiva in direzione di Berlino, arrivarono presso la città polacca di Oświęcim (maggiormente nota con il suo nome tedesco di Auschwitz), scoprendo il suo tristemente famoso campo di concentramento e liberandone i pochi superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondo l'orrore del genocidio nazista.



Con il termine Shoah venne ufficialmente indicato lo sterminio degli ebrei operato dai nazisti. Questo vocabolo venne usato per la prima volta nel 1938 nella Palestina sottoposta al mandato britannico durante una riunione del Comitato Centrale del Partito Socialista, in riferimento al pogrom della cosiddetta “Notte dei Cristalli”.




Nella parola Shoah, voce biblica che significa “catastrofe, disastro”, è implicito che quanto è accaduto non ha alcun significato religioso, contrariamente a ciò che richiama il termine olocausto, spesso usato, che rinvia a un’idea di sacrificio di espiazione. La Shoah è piuttosto un genocidio, ovvero un’azione criminale che, attraverso un complesso e preordinato insieme di azioni, è finalizzata alla distruzione di un gruppo etnico, nazionale, razziale o religioso.




INFERNO

La Divina Commedia sarebbe
un’opera di grande sensazione
se Dante, invece che all’Inferno,
fosse stato nei campi di concentramento.

Halina Szuman, Auschwitz, 1944




LETTERA ALLA MADRE
frammento

[…] Fili elettrici, alti e doppi,
non ti lasceranno mai più rivedere tua figlia, Mamma.
Non credere alle mie lettere censurate,
ben diversa è la verità; ma non piangere, Mamma.

E se vuoi seguire le tracce di tua figlia
non chiedere a nessuno, non bussare a nessuna porta:
cerca le ceneri nei campi di Auschwitz,
le troverai lì. Ma non piangere — qui c’è già troppa amarezza.

E se vuoi scoprire le tracce di tua figlia
cerca le ceneri nei campi di Birkenau:
saranno lì — Cerca, cerca le ceneri
nei campi di Auschwitz, nei boschi di Birkenau.

Cerca le ceneri, Mamma — io sarò lì!

Monika Dombke, Birkenau, 1943
Leggi Tutto... | 1944 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Buongiorno!
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 gennaio @ 11:14:56 CET (927 letture)
Un pensiero al giorno





Ogni mattina è una giornata intera
che riceviamo dalle mani di Dio.
E' un capolavoro di giornata che viene
a chiederci di essere vissuto.
Se potessimo frugare il mondo e vedere
questo giorno elaborarsi e nascere dal
... fondo dei secoli, comprenderemmo il
valore di un solo giorno umano.

M. Delbrel



Se accanto a te c'è qualcuno che soffre,
piangi con lui. Se c'è qualcuno che è felice,
ridi con lui. L'amore vede e guarda, ode
e ascolta. Amare è partecipare,
completamente, con tutto l'essere.
Chi ama scopre in sè infinite risorse
di consolazione e compartecipazione.
Siamo angeli con un'ala sola: possiamo
volare solo se ci teniamo abbracciati.

B. Ferrero




E PER UNA SERENA GIORNATA
La vita è lunga: camminiamo insieme.
La vita è difficile: aiutiamoci a vicenda.
La vita è piena di gioia: condividiamola.



Buona giornata


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il mondo oltre la baia
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 gennaio @ 10:22:01 CET (1019 letture)
Recensioni III

Il mondo oltre la baia
di Beverly Jensen

La baia spazzata dal vento, il fragore dell’oceano, il sapore delle patate e delle aringhe, la vastità e la solitudine. Una fattoria abbarbicata alla dura terra è il mondo di Avis e Idella, sorelle diversissime tra loro, unite forse solo dalla voglia di fuggire, evadere, trovare nuove strade e nuovi mondi. Il fratello maggiore Dalton, solitario e introverso. L’amata madre che muore dando alla luce la piccola Emma, il padre che si ritrova con quattro figli, sperduto in un luogo conosciuto ed amato, ma complicato e rude. Beverly Jensen ci regala una storia familiare densa di sapori, odori, emozioni. Le vite di Idella e Avis, ma anche quelle dei loro cari, scorrono di fronte ai nostri occhi, ora impetuose ed incontrollabili, ora pacate e solari, ora oscure e ferite.
Leggi Tutto... | 2857 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'AMICIZIA E'UN DONO
Postato da rosarossa il Giovedì, 26 gennaio @ 00:01:37 CET (1055 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VII










L'AMICIZIA E' UN DONO

L'amicizia è un sentimento nobile e sincero,
arricchisce l'anima di gioia e di calore
rischiara la vita, esorta ad amare
l'affetto abbraccia, conforta il dolore.
E' un sentimento su cui contare
perchè è un vero legame d'amore!
L'amicizia è affinità assoluta,
sorride gioiosa, è sempre vicina
dà buoni consigli tiene per mano.
L'amicizia non è egoismo,
ma un prezioso spontaneo dono



Rosarossa
Leggi Tutto... | 143 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Devo paragonarti ad un giorno d’estate?
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 gennaio @ 23:51:26 CET (1164 letture)
Poesie e opere di Shakespeare








Devo paragonarti ad un giorno d’estate?


Devo paragonarti ad un giorno d’estate?
Tu sei più amabile e i più temperato:
venti forti agitano i boccioli di maggio,
e il periodo d’estate ha un termine troppo breve;
qualche volta troppo caldo l’occhio del cielo brilla,
e spesso è il suo dorato aspetto velato;
ed ogni cosa bella dal bello una volta declina,
per caso o perché la natura cambia il suo corso mutevole;
ma la tua eterna estate non svanirà,
ne’ perderà il possesso di quel bello che tu possiedi;
ne’ la Morte si vanterà che tu vaghi nella sua ombra,
quando in versi eterni al tempo tu cresci:
fin quando gli uomini potranno respirare o gli occhi vedere,
fin quando vive questo, e questo dà vita a te.


W.Shakespeare
Biografia

Leggi Tutto... | 143 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il paesaggio nell'Ottocento
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 gennaio @ 15:11:47 CET (1091 letture)
ARTE II


Il paesaggio nell'Ottocento

La straripante personalità di William Turner, vissuto a cavallo fra il XVIII e il XIX secolo, non può essere inserita in alcuno dei movimenti che animarono lo scenario artistico fra i due periodi storici, anche perché la sua pittura ebbe delle formidabili anticipazioni che lo portarono ai confini dell'informale, un movimento della seconda metà del Novecento che sembra preannunciato da molte delle opere del pittore inglese.



William Turner; Veduta di Orvieto, Tate Gallery, Londra.

Il paesaggio è per l'artista inglese uno dei soggetti prediletti:
attraverso un uso sapiente del colore e della pennellata
riesce a creare vedute di rara suggestione.


Tuttavia, quel che qui interessa sottolineare è che Turner rifondò l'idea stessa di paesaggio, con una capacità di resa spaziale che a volte toglie il fiato, come nel caso del Mattino fra le alture di Coniston nel Cumberland. La veduta a strapiombo su una gola montana, attraversata da un torrente, è caratterizzata da una luminosità contrastata e contiene in nuce (giacché l'opera è del 1798) tutti gli elementi di quello che sarà il Turner maturo, ossia quello degli anni Trenta e Quaranta del XIX secolo. Già in opere come il Lago di Nemi, Paesaggio italiano (probabilmente Civita di Bagnoregio), questa tendenza allo scolorire delle forme in mere campiture di colore si fa ben presente e costituisce la novità di Turner che realizza queste vedute come se fossero evocazioni dall'anima. La capacità di fare del paesaggio la metafora di qualcos'altro, ossia di un sentimento, però, la ritroviamo anche in un altro grande artista dell'inizio dell'Ottocento: Caspar David Friedrich.



Caspar David Friedrich, Il naufragio della "Speranza", Kunsthalle, Amburgo.

La grande piramide di ghiaccio crea nello spettatore
l'illusione di trovarsi all'interno della scena,
protagonista inconsapevole di eventi più grandi di lui.

L'artista tedesco trasfigura tutto quel che tocca donandogli una dimensione trascendente. Così, la luce di un'alba (La luce del mattino, 1808, Volkwang Museum, Essen) evoca la nascita della vita e il dischiudersi del primo giorno della Creazione, mentre quella di un tramonto (Due uomini in riva al mare al tramonto, 1807, Nationalgalerie, Berlino) rimanda alla conclusione dell'esistenza. Tutto in Friedrich è grandioso perché ogni sasso, ogni elemento del paesaggio rimanda a un cosmo animato da una divinità immanente, senza alcuna forzatura rispetto alla naturalezza dell'immagine.



Caspar David Friedrich, Viagiatore sul mare di nebbia, Kunsthalle, Amburgo

Nei suoi paesaggi la natura, vera protagonista incontrastata,
è immortalata in tutti i suoi aspetti:
cosmo animato da una divinità immanente.
Leggi Tutto... | 11667 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Albero spoglio
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 gennaio @ 11:03:43 CET (891 letture)
Un pensiero al giorno


- Vedo solo un fottutissimo albero spoglio e ne ho paura...
- Perché?
- Perché lo vedo ogni mattina, nel mio specchio.
- Non mirare sempre in alto. Guarda bene. Non li vedi?
- Cosa?
... - Giù, quei fili di speranza attorno all'albero...
- No, non li vedo.
- Chiudi gli occhi.
- Dio, è vero... sono lì... Così li vedo...
- E non ricordi come galoppava il tuo cuore quando si nutriva di uno di essi? Tu eri un cavallo alato capace di raggiungere nuvole dalla forme più strane e di far scendere da esse fiocchi di pura luce, tu eri capace di far passare l'arcobaleno nella cruna dell'ago del cuore di chi ti amava con una semplice parola o sguardo.
- Io ero tutto questo?
- Si, l'hai solo dimenticato.
- E quella piuma, cos'è quella piuma cui l'ombra va incontro?
- Non è un'ombra ma una parte del tuo cuore, la persona che hai amato di più. Sta andando a liberarsi dei pesi e di tutto il dolore che ha dovuto sostenere. Poserà lo zaino a terra, lo svuoterà dalle pietre e lascerà che la piuma
ci voli dentro. Soltanto allora ripartirà.
- Posso rivederla? stringerla?
- Il cielo ha solo striature d'azzurro. Quando sarà interamente di quel colore, tu la rivedrai.
- E tu chi sei?
- Soltanto quel filo di speranza che non avevi visto.


Carlo Bramanti
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La corriera
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 gennaio @ 22:40:37 CET (1115 letture)
Poesie di Luzi







La corriera


La corriera procede a strappi, muglia.
Chi nativo di qui ravvisa il giogo
cima per cima segue in lontanza
tutta l'azzurra cavalcata; il vento
profila i primi monti
bruciati dall'altezza,
fa livido il colore
più cenere che fiamma
che ha il querceto d'inverno
su queste terre d'altipiano,
sferza, ostacola i muli sulla tesa,
stride sui cumuli di brace. Gli altri,
chi recita il breviario a voce bassa,
chi sonnecchia, chi parla dei suoi traffici
di buoi, di lana, di granaglie e volge,
se volge, un occhio disattento al vetro.

Sediamo qui, persone nel viaggio,
smaniosi alcuni dell'arrivo, alcuni
volti tutti all'indietro, chi sospeso.
Il pecoraio mette in fila il branco,
lo stringe alle pareti del rialto,
libera il passo, la corriera avanza
e sballotta le teste e le cervici.

Chiudo e apro gli occhi sopra questo lembo
di patria, stretto contro lo schienale
ascolto questa gente, questo vento,
vivo per mediazione dei miei simili
più di quanto lo sia in carne ed ossa.


Mario Luzi
Leggi Tutto... | 744 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Benvenuta GIUSI!
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 gennaio @ 22:20:12 CET (883 letture)
Messaggi II


Un cordiale benvenuto a GIUSI, ora Casatea è anche casa tua.

In attesa di vedere quanto vorrai proporre, ti porgo i miei migliori saluti.


Grazia

a nome dello staff
Leggi Tutto... | 320 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pensiero di oggi
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 gennaio @ 09:54:36 CET (878 letture)
Un pensiero al giorno









L'uomo è vittima di un ambiente
che non tiene più conto della sua anima.

C. Bukowski
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Amami
Postato da Letty il Lunedì, 23 gennaio @ 11:36:49 CET (1071 letture)
Le poesie di Letty - II

Non darmi ghingheri e piattini... non li voglio
non mi vedrai con tacchi e gioielli,
non frequento discoteche e non esigo ristoranti...
io voglio scegliere il colore delle tue lenzuola
voglio darti baci mozzafiato
voglio fare l'amore con le tue idee mentre mi parli di cosa mi cucini a cena
voglio il camino acceso
e il materasso per terra
lo scricchiolio delle assi del tuo pavimento mentre ci cammino scalza...
ho bisogno di aprire gli occhi e trovarti accanto a me
di abbracciarti e mettere il naso tra la scapola e il collo per respirare il profumo della tua pelle
Ho bisogno di pensarti addosso
mentre facciamo l'amore
e di sentirti tremare e vibrare dentro di me
amandoti fino alla fine dei miei respiri...


Letty
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Tutto nelle nostre anime
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 gennaio @ 22:51:35 CET (1711 letture)
Poesie sulla vita III






Tutto nelle nostre anime


Tutto nelle nostre anime
è governato da una mano misteriosa.
Incomprensibili, mute,
nulla sappiamo delle anime nostre.
Le più profonde parole
del sapiente c'insegnano
quello che ci insegna il sibilo del vento quando soffia,
o il suono dell'acqua quando scroscia.


Machado
Leggi Tutto... | 661 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie di Patrizia Cavalli
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 gennaio @ 14:57:13 CET (1391 letture)
Poesia al femminile II
Poesie di Patrizia Cavalli




Se ora tu bussassi alla mia porta
e ti togliessi gli occhiali
e io togliessi i miei che sono uguali
e poi tu entrassi dentro la mia bocca
senza temere baci diseguali
e mi dicessi "Amore mio,
ma che è successo?", sarebbe un pezzo
di teatro di successo.





Dopo anni tormenti e pentimenti
quello che scopro e quello che mi resta
è una banalità fresca e indigesta




Ora che sei partita
che sei sicuramente andata
lo devo riconoscere
non sono mutilata.
Farò una passeggiata
fino a via delle Grotte.


Leggi Tutto... | 2080 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Mattino alla finestra - Thomas Stearns Eliot
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 gennaio @ 13:55:36 CET (1048 letture)
Poesia inglese contemporanea






Mattino alla finestra

Sbattono piatti da colazione nelle cucine del seminterrato,
E lungo i marciapiedi che risuonano di passi
Scorgo anime umide di donne di servizio
Sbucare sconsolate dai cancelli che danno sulla strada.

Ondate brune di nebbia levano contro di me
Volti contorti dal fondo della strada,
Strappano a una passante con la gonna inzaccherata
Un vacuo sorriso che s’alza leggero nell’aria
E lungo il filo dei tetti svanisce.



Thomas Stearns Eliot
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pensiero ...la poesia è...
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 gennaio @ 13:49:42 CET (744 letture)
Un pensiero al giorno



La poesia è un lungo viaggio
e come davvero accade nei viaggi,
si frantuma, si ricompone
e alla fine, con fatica
parla.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesia haiku
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 gennaio @ 13:44:18 CET (1000 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI

Gelo d’inverno
ciocchi arroventati
Antica luce



Prova a guardare il video a tutto schermo, sentirai il calore Sorriso

Buona fine settimana



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ogni cuore ha le sue prigioni
Postato da Grazia01 il Venerdì, 20 gennaio @ 10:09:01 CET (1135 letture)
Un pensiero al giorno






A volte i problemi ci assalgono, prendono di mira le nostre debolezze, modificando il nostro carattere….Ci ritroviamo nel panico, ci abbandoniamo a noi stessi. Iniziamo a trascurarci e ad evitare qualsiasi contatto col il mondo che ci circonda. E come se ci costruissimo un mondo tutto nostro, dove le sole presenze sono rappresentate da noi ed il nostro problema. E’ bello pensare pero’ che non siamo gli unici ad avere problemi, al contrario non potremmo andare avanti. I problemi si presentano sotto diverse forme,quasi sempre non sono altro che il contrario della verità; li incontriamo quando abbiamo timore di qualcosa che ci possa spaventare o addirittura deludere o, peggio ancora che ci possa procurare dolore.
Leggi Tutto... | 853 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I due gentiluomini
Postato da Grazia01 il Giovedì, 19 gennaio @ 20:20:48 CET (1234 letture)
Racconti IV

Due signori che non si conoscevano si incontrarono lungo la via. Casualmente uno sfiorò l'altro con la manica. L'altro allora disse sottovoce, ma in modo che si sentisse: - Asino -. - Idiota, - rispose il primo. Allora l'altro disse: - Siete un beota, un demente, un porco: proprio un porco, un porco schifoso, un cialtrone, un ebete, una ignobile carogna, un cafone, un pidocchio! -. - E Voi, - rispose il primo, -
Voi credete ancora di essere una persona cococolta! Fatevelo dire, siete un idiota, un idiota, Ve lo dico, un bifolco, un vero bifolco, un porco, Voi siete un porco, un cane, Voi siete un cane, un orango, siete un orango. [ ... ] All'improvviso l'altro disse: - Vigliacco! - E il primo disse: - Vogliate perdonarmi, mi sono del tutto dimenticato di pesentarVi la mia fidanzata -. All'improvviso l'altro disse: - E io non
mi sono ancora presentato. Permettetemi, mi chiamo Meier -. Al che il primo disse: - Meier anch'io, presidente della Società incremento razze canine -. All'improvviso l'altro Meier disse: - Non volete farVi socio del nostro club per il miglioramento della cultura? Siete la persona che fa per noi, siete un uomo di nobili intenti -. Al che il primo Meier ri- spose: - Mi considero onorato di avere conosciuto una persona come Voi. lo e il mio cane siamo felici di diventare soci del suo club -. I due signori, allora, si recarono, con fidanzata e cane, nei locali del club per il miglioramento della cultura.

Brano del poeta dadaista tedesco Kut Schwitters
Leggi Tutto... | 629 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Che noia la poesia
Postato da Grazia01 il Giovedì, 19 gennaio @ 18:48:40 CET (922 letture)
Recensioni III

Chi pensa che la poesia sia noiosa, inutile ed estranea alla nostra vita commette un errore. Perché in realtà il nostro cervello è letteralmente invaso da versi più o meno facili: dalle ninnenanne alle filastrocche, dalla pubblicità alle canzoni. Per quale motivo allora tanta gente proprio non sopporta la poesia? A questa domanda che cercano di rispondere Enzensberger e Berardinelli in un libro, dicendoci che cosa significa scrivere e leggere versi, spiegandoci secondo quali regole i poeti riescono a giocare meravigliosamente con le parole e fornendoci anche qualche indicazione sul «fai-da-te». Fra lettura e studio, ci viene suggerito, non dovrebbe esserci grande differenza: da Dante, il più difficile dei poeti, a Sandro Penna, in apparenza facile, leggere bene e con passione è già studiare.
La porta della poesia è sempre aperta: basta entrare.
Leggi Tutto... | 771 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un altro pensiero...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 18 gennaio @ 20:57:29 CET (944 letture)
Un pensiero al giorno






L'unico modo di scoprire i limiti del possibile
è avventurarsi un poco oltre, nell'impossibile.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Attenzione alle anime intense, profonde e antiche [ 0 commenti - 13 letture ]
 I dialetti [ 0 commenti - 9 letture ]
 La trama di "Ettore Fieramosca" di Massimo d'Azeglio [ 0 commenti - 19 letture ]
 ROGGIA VECCHIA (detta anche Rusa Végia) [ 0 commenti - 8 letture ]
 Una bella storia [ 0 commenti - 6 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy