Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 80
Totale: 80
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Stories Archive
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: News
08: Home
09: News
10: Home
11: Home
12: Home
13: News
14: News
15: Home
16: News
17: Stories Archive
18: Home
19: Home
20: Home
21: News
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Stories Archive
28: Stories Archive
29: Home
30: News
31: Home
32: Groups
33: Home
34: Home
35: Home
36: coppermine
37: Stories Archive
38: News
39: Home
40: coppermine
41: Home
42: Stories Archive
43: Home
44: Home
45: News
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: News
52: Home
53: News
54: News
55: Home
56: Home
57: Home
58: News
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Statistics
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: News
78: Stories Archive
79: coppermine
80: Statistics

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924523
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
La Danza degli gnomi
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 febbraio @ 21:28:30 CET (1005 letture)
Poesie racconti e fiabe di Gozzano


a proposito di gnomi (poesia di Rosarossa), ecco una bellissima favola di Guido Gozzano

"La Danza degli Gnomi"




Quando l'alba si levava,
si levava in sulla sera,
quando il passero parlava
c'era, allora, c'era... c'era...



... una vedova maritata ad un vedovo. E il vedovo aveva una figlia della sua prima moglie e la vedova aveva una figlia del suo primo marito. La figlia del vedovo si chiamava Serena, la figlia della vedova si chiamava Gordiana. la matrigna odiava Serena ch'era bella e buona e concedeva ogni cosa a Gordiana, brutta e perversa.
La famiglia abitava un castello principesco, a tre miglia dal villaggio, e la strada attraversava un crocevia, tra i faggi millenari di un bosco; nelle notti di plenilunio i piccoli gnomi vi danzavano in tondo e facevano beffe terribili ai viaggiatori notturni.
La matrigna che sapeva questo, una domenica sera, dopo cena, disse alla figlia:
- Serena, ho dimenticato il mio libro di preghiere nella chiesa del villaggio: vammelo a cercare.
- Mamma, perdonate... è notte.
- C'è la luna più chiara del sole!
- Mamma, ho paura! Andrò domattina all'alba...
- Ti ripeto d'andare! - replicò la matrigna.
- Mamma, lasciate venire Gordiana con me...
- Gordiana resta qui a tenermi compagnia. E tu va'!
Serena tacque rassegnata e si pose in cammino. Giunse nel bosco e rallentò il passo, premendosi lo scapolare sul petto, con le due mani.
Leggi Tutto... | 7558 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


HO SOGNATO
Postato da rosarossa il Sabato, 25 febbraio @ 21:00:27 CET (859 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VII







HO SOGNATO

Stanotte ho sognato di andare a ritroso
in un mondo incantato,
un passato remoto ove un vasto orizzonte
di azzurro e di rosa
al mio sguardo si apre.
Candide margherite, fiori di colori variegati
ricamano un verde tappeto che la terra copre
E’ un vastissimo prato!
Sulla verde erbetta gocce di rugiada brillano
come cristalli puri caduti
dalle tasche di gnomi e di splendide fate
che passeggiando fra i viali guardavano
le aiole fiorite tenendosi per mano estasiati,
gioiosi innamorati!
Questo è quanto da bimba pensavo,
questo è quello che nel ricordo è ancora vivo e che vorrei.
Dov’è andata la bella favola che mamma raccontava!...
Che credevo fosse vera, ed ho sognata?...



Rosarossa

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Evento
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 febbraio @ 20:44:27 CET (1093 letture)
Mostre e spettacoli





Alberghi Del Libro d'Oro


Roma, Hotel Rimini, 3 Marzo 2012:

scrittori, illustratori, pittori, fotografi, anche solo appassionati... vi aspettiamo numerosi!

Sarà presente GIUSEPPE DI BERNARDO, autore e disegnatore di Diabolik,
che ha tra l'altro gentilmente confezionato per l'evento
il bellissimo disegno che vedete, in veste di testimonial e giudice di gara.

Alberghi del libro d'oro
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Di te
Postato da Letty il Venerdì, 24 febbraio @ 23:24:44 CET (1262 letture)
Le poesie di Letty - II






Di te mi resteranno quei gesti che non potrò condividere con nessun altro.
Di te mi resterà il profumo di mare...
l'odore inconfondibile di boscaglia...
la follia di un treno preso alla cieca in un giorno di novembre...
la pioggia sul vetro della macchina...
un telefono che squilla a cui non risponderai...
ecco...
di te mi resterà il silenzio.


Letty
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pensiero
Postato da Grazia01 il Giovedì, 23 febbraio @ 23:15:17 CET (1058 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno






Desidero riavere il balcone fiorito,
fermarmi alla sera a controllarne i colori, togliere le foglie ingiallite,
riempire l'innaffiatoio verde e irrorare dolcemente la terra che ha sete.
Li guardo crescere, i miei fiori come fossero creature, li nutro, li guardo orgogliosa,
è un momento sorridente alla fine del mio giorno.
La natura ci offre doni meravigliosi, basta saperli vedere, e saperne godere.
Coraggio, la primavera non è lontana, prepariamo i nostri piccoli capolavori,
ci faranno compagnia per molti mesi...sono le poesie del creato.

Grazia


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il paradigma di Forrest Gump
Postato da Grazia01 il Giovedì, 23 febbraio @ 22:56:03 CET (1085 letture)
Riflessioni III






Elogio alla mediocrità e all’errore creativo.

Voi tutti mi auguro abbiate visto l’omonimo film con uno stellare Tom Hanks protagonista; ed ora chiedetemi cosa c’entra questo con un piccolo saggio di filosofia e propaganda spicciola?
In un qualunque scritto è basilare avere un filo conduttore che lega insieme tutte le singole parti, e per me questo “fil rouge” è stato il particolare carattere di questo singolare personaggio, la cui visuale della vita, così distante da quella dei cosiddetti “normodotati”, è invece pregna di una sconfinata umanità che lascia senza parole.
Egli non guarda quelle che sono le sovrastrutture create dalla società per condizionare il pensiero dell’uomo, perché per lui non esistono, della vita lui prende soprattutto gli aspetti positivi, ma anche in quelli negativi egli vede, non tanto il buono, quanto la ineluttabilità necessaria per portare a quella accettazione del vivere, che invece colpisce profondamente tutti quelli che gli stanno accanto, distruggendoli, “Paradossalmente infatti se avesse pensato come una persona normale non avrebbe, forse, realizzato nulla di straordinario. Si ha anche l'impressione che Forrest in realtà sappia esattamente ciò che succede intorno a lui, ma che il suo cervello lo registri come superfluo; vediamo, nel corso del film, che per lui contano solo due cose: l’amore, e mantenere le promesse.” Wikipedia
Piacerebbe anche a me levarmi da dosso questo fardello preconfezionato da altri e vedere le cose del mondo per quello che effettivamente sono, infatti questo mio umile scritto ricalca la mia personale idea che se riconosci quali sono i processi che altri usano per il tuo “condizionamento” forse, e dico forse perché queste tecniche sono in continua mutazione per impedirne la reperibilità, potrai aggirarli.
Leggi Tutto... | 24466 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


]DALL'INVERNO ALLA PRIMAVERA
Postato da Grazia01 il Giovedì, 23 febbraio @ 22:00:25 CET (809 letture)
Poesie sulla natura e l'universo






DALL'INVERNO ALLA PRIMAVERA

Quando l'inverno muore lentamente nella primavera,
nelle sere di quei bei giorni limpidi, lieti, senza vento,
su cui si tengono spalancate per le prime volte le finestre
e si portano sulle terrazze i vasi dei fiori,
le città offrono uno spettacolo gentile e pieno d'allegrezza e di poesia.
A passeggiare per le vie si sente, di tratto in tratto, sul viso,
un'ondata d'aria tiepida, odorosa.
Di che? di quali fiori? di quali erbe? Chi lo sa!


Edmondo De Amicis
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Storia di una donna, poetessa e scrittrice
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 22 febbraio @ 21:11:40 CET (882 letture)
Poesia al femminile II


Oggi 22 febbraio ricorre l’anniversario della nascita di Nedda Falzolgher




Nedda Falzolgher detta Nil, nasce il 26 febbraio 1906 a Trento, quando quella parte del territorio è ancora sotto il dominio austriaco. Il padre era un bancario e la madre di ricca famiglia. Primogenita, sensibile, intelligente, vive nei primi anni una vita serena e gioiosa. La bimba cresce bene fino all’età di cinque anni, quando inattesa la disgrazia viene a stravolgere il suo destino: è colpita da paralisi infantile, o più comunemente detta, poliomielite. Ella si sente attratta per vocazione naturale verso la scrittura e la poesia; vocazione che rappresenta per il suo spirito sofferto una specie di resurrezione.



“Nil non poteva andare verso le cose, ma le cose venivano a lei a cimentare la sua forza e la sua gioia, e tutto la investiva e subito l’abbandonava, lasciando segni di grazia sulla sua anima con il moto dell’onda marina che scrive parole di vita su tutta la riva” (da Il libro di Nil).
Leggi Tutto... | 4008 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Concorso di poesia "Significar per rime"
Postato da Grazia01 il Lunedì, 20 febbraio @ 14:24:35 CET (1472 letture)
Messaggi II


Il concorso di poesia si articola in cinque sezioni:

Sezione A : scuole primarie
Sezione B : scuole secondarie di l ° grado
Sezione C: scuole secondarie di 2° grado
Sezione D: adulti
Sezione E : lingua inglese

Regolamento

In conformità alla L. 675/96 sulla tutela dei dati personali, La informiamo che l’invio delle poesie, al fine di partecipare al concorso, implica l’integrale accettazione delle condizioni tutte del bando di concorso nonché in particolare:

L’associazione sarà autorizzata a diffondere, a mezzo stampa o per via elettronica, i lavori premiati, segnalati e/o comunque ritenuti degni di pubblicazione senza che necessiti un ulteriore consenso da parte dell’autore e che gli venga corrisposto compenso alcuno. Le poesie ed ogni altro materiale inoltrato all’associazione, ancorché non autorizzato, non verrà restituito.

In conformità alla L. 675/96 sulla tutela dei dati personali, i dati forniti verranno utilizzati ai fini dello svolgimento del concorso.

Titolare del trattamento dei dati personali è l’associazione stessa. Responsabile del trattamento è il presidente dell’associazione. Agli autori potrà essere richiesto, in qualsiasi momento l’aggiornamento dei dati stessi e/o la loro cancellazione.

La richiesta di cancellazione prima del termine del predetto concorso comporterà la rinuncia allo stesso.

Si concorre inviando da una a tre poesie inedite, che non siano mai state pubblicate in libri, raccolte, riviste, giornali locali etc” scritte in lingua italiana (salvo lo sezione E), con un massimo di 30 versi ciascuna, in sei copie dattiloscritte di cui solo una dovrà riportare nome, cognome, data di nascita, indirizzo, numero di telefono e possibilmente e-mail dell’autore,

Il testo e i titoli delle poesie dovranno essere in times new roman, corpo l 2, senza l’utilizzo di ulteriori elementi grafici (disegni, decorazioni, word art)

Gli elaborati dovranno pervenire dal 27 febbraio al 3 marzo presso lo Biblioteca Civica “Simona Orlandi” di San Donato Milanese in Via Martiri di Cefalonia, 51/B nei seguenti orari:

- tutti i giorni (dal 27 febbraio al 2 marzo) dalle ore 16,00 alle ore 19,00 – Sabato 3 marzo solo dalle ore 10,00 alle ore 12,30

Leggi Tutto... | 1802 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensiero della sera
Postato da Grazia01 il Venerdì, 17 febbraio @ 22:29:05 CET (846 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno








L'Amore, come l'Energia, non può essere distrutto.
Ovunque l'Amore riesca ad esprimersi
nel mondo dimensionale,
esso lascia incisi nella struttura dell'Universo
i segni della trasformazione emozionale,
simili a tratteggi multicolori impressi nell'Etere.
Quando due esseri si sono amati,
quando in una qualsiasi parte del mondo
un gruppo di individui ha condiviso un'espressione d'Amore,
non importa se ieri o diecimila anni fa,
ed è possibile riviverlo."


Anonimo indiano d'america


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nati oggi
Postato da Grazia01 il Venerdì, 17 febbraio @ 22:07:16 CET (794 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno




Nati oggi



Gustavo Adolfo Domínguez Bastida
più noto come Gustavo Adolfo Bécquer
(Siviglia, 17 febbraio 1836 – Madrid, 22 dicembre 1870),
è stato un poeta e scrittore spagnolo.



Oggi la terra e i cieli mi sorridono.
Oggi arriva nella mia anima il sole.
Oggi l'ho vista...
... l'ho vista e mi ha guardato.
Oggi credo in Dio!




"Che cos'è la poesia?", dici mentre fissi
la mia pupilla con la tua pupilla blu.
"Che cos'è la poesia? E tu me lo domandi?
Poesia... sei tu!"


Leggi Tutto... | 5467 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


PROSPETTIVA
Postato da Grazia01 il Giovedì, 16 febbraio @ 23:15:48 CET (1223 letture)
Poesie di Saba







PROSPETTIVA



La gente in fretta dirada.
Filari
d'alberi nudi ai lati del viale,
in fondo là dove campagne sfumano,
si avvicinano - pare - in una stretta.
E v'entra un poco di quel cielo lilla
che turba e non consola.
Breve sera,
troppo, in vista, tranquilla.


Umberto Saba

Biografia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Appuntamento con Miriam
Postato da Grazia01 il Giovedì, 16 febbraio @ 21:17:38 CET (1059 letture)
Poesie e racconti di Ballerini Miriam II


In bocca al lupo Miriam!

Mille auguri da Casatea

e eltrettanti da me
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La musica nella poesia
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 15 febbraio @ 21:38:03 CET (981 letture)
Poesie tematiche 2012



La musica nella poesia






Traversare un paese


Traversare un paese... e lì vedere
cheti fanciulli ridestarsi a un soffio
di musica e danzare. S'allonta
forma o colore: un sogno. Viva resta
la dolce persuasione di una fitta
rete d'amore ad inquietate il mondo


Sandro Penna



Tzigane

Mi formicola dentro
La prepotente tenerezza
Di questa musica
Tzigana.

Essa spazza via i miei segreti
Le falsità
I compromessi legati come anelli
In un turbine

Di gioia e mi sento uomo.
Lascio
Il costume di ogni giorno
Appeso a un carrozzone.

Ballo
E intorno a me facce
Pure
Come l'argento primitivo della luna.


Stelvio Mestrovich
Leggi Tutto... | 1422 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Stella nascente
Postato da Grazia01 il Martedì, 14 febbraio @ 23:32:19 CET (984 letture)
Poesia al femminile II







Stella nascente



Ogni bambino
è una stella nascente
grandi sono i suoi occhi
sorgenti inesauribili di amore
racchiuso nell'orizzonte
di un abbraccio infinito
mai più la paura,
la fame, l'ingiustizia
appariranno scolpite
sulle bianche pagine
del libro della sua
fragile esistenza


ROSEMARY JADICICCO
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La canzone di Marinella...vera poesia
Postato da Grazia01 il Lunedì, 13 febbraio @ 23:30:42 CET (4727 letture)
Video




La canzone di Marinella


Questa di Marinella è la storia vera
che scivolò nel fiume a primavera
ma il vento che la vide così bella
dal fiume la portò sopra una stella
Sola senza il ricordo di un dolore
vivevi senza il sogno di un amore
ma un re senza corona e senza scorta
bussò tre volte un giorno alla tua porta
Bianco come la luna il suo cappello
come l'amore rosso il suo mantello
tu lo seguisti senza una ragione
come un ragazzo segue un aquilone
E c'era il sole e avevi gli occhi belli
lui ti baciò le labbra ed i capelli
c'era la luna e avevi gli occhi stanchi
lui pose le sue mani suoi tuoi fianchi
Furono baci e furono sorrisi
poi furono soltanto i fiordalisi
che videro con gli occhi delle stelle
fremere al vento e ai baci la tua pelle
Dicono poi che mentre ritornavi
nel fiume chissà come scivolavi
e lui che non ti volle creder morta
bussò cent'anni ancora alla tua porta
Questa è la tua canzone Marinella
che sei volata in cielo su una stella
e come tutte le più belle cose
vivesti solo un giorno, come le rose
E come tutte le più belle cose
vivesti solo un giorno, come le rose.

Fabrizio De Andrè
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Haiku febbraio
Postato da Grazia01 il Lunedì, 13 febbraio @ 21:41:09 CET (1119 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI


Haiku febbraio



Voce di mamma
ninnananna intona
Luna sorride




Fronte sudata
spalando neve alta
Fatica scalda.


Piccolo haiku dedicato a i tanti volontari
che hanno offerto la loro disponibilità
in questi giorni di forte disagio per molte regioni. Grazie!
Leggi Tutto... | 458 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


AMICIZIA E' AMORE
Postato da rosarossa il Domenica, 12 febbraio @ 11:08:52 CET (1099 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VII





SAN VALENTINO

L’AMICIZIA E’ AMORE


L’amicizia è vero amore e non ha un santo.
L’amicizia vera non ha ombra
te la trovi vicina nella gioia
ti consola nell’angoscia,
ti dà grande sollievo nel dolore.
Ogni qualvolta la cerchi La vedi,
la senti, la trovi già al tuo fianco!


Rosarossa
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Addio Whitney Houston
Postato da Grazia01 il Domenica, 12 febbraio @ 10:24:58 CET (4646 letture)
In ricordo






E' morta la cantante Whitney Houston, era nata il 9 agosto 1963 a Newark, New Jersey

Quante cose si cercano nella vita: soldi, fama e ricchezza. ma quando si dice che troppo spesso i soldi non fanno la felicità ma che essa va cercata dentro di noi è vero. Lei una donna straordinaria, una voce unica, eccezionale bellezza, ma qualcosa le mancava, forse l'amore o una mano che tenesse forte la sua. Quando abbiamo tutto attorno a noi ma solo un grande vuoto dentro è come se tutto mancasse...
Ciao Whitney ...ciao dolce voce ... sorridi , sorridici ancora ...adesso è la mano nostra .. se pur virtuale e solo guidata dal pensiero , che stringe la tua ... un unico grande coro a proteggerti come in "The Bodyguard"!



Leggi Tutto... | 2661 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Cinque favolosi anni!
Postato da Grazia01 il Venerdì, 10 febbraio @ 21:54:16 CET (988 letture)
Messaggi II


A Paola e Giulia
che oggi compiono
cinque anni.



Due gemme preziose
le guance come rose
lunghi riccioli d'oro
oh quanto vi adoro!
Le risate argentine
son musiche divine
allegre e birichine
due splendide bambine!





Tanti auguri piccoline
dalla vostra nonna
che vi ama moltissimo
e ha il cuore colmo,
traboccante
d'infinito amore e tenerezza.

nonna Dada
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


nevica
Postato da Anonimo il Venerdì, 10 febbraio @ 14:34:06 CET (1246 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II







NEVICA



Adesso è inverno e bianchi petali

scendono dal cielo :

forse oltre le nubi è già primavera.

Nella vita di ogni giorno osserva

anche le cose minute perchè

così accendi il fuoco degli altri

col tuo fuoco

ed apri il cuore degli altri

col tuo cuore.
Leggi Tutto... | 539 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


BAMBOLE CHE HANNO TUTTO
Postato da Grazia01 il Venerdì, 10 febbraio @ 14:22:35 CET (983 letture)
Poesie e racconti di Gianni Rodari





BAMBOLE CHE HANNO TUTTO

La mia bambina ha una bambola,
la sua bambola ha tutto:
il letto, la carrozzina, i mobili della cucina
... e chicchere e posate e scodelle,
e un armadio con i vestiti sulle stampelle in folla,
e un automobile a molla
con la quale passeggia per il corridoio quando le scarpe le fanno male.
La mia bambina ha una bambola
e la sua bambola ha tutto,
persino altre bamboline più piccine
anche loro con le loro scodelline, chiccherine, posatine...
E questa è una storiella divertente
ma solo un poco,
perché ci sono bambole che hanno tutto
e bambini che non hanno niente.


Gianni Rodari

Biografia
Leggi Tutto... | 573 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le foibe, nel giorno del ricordo
Postato da Grazia01 il Venerdì, 10 febbraio @ 14:07:59 CET (1200 letture)
In ricordo


Le foibe sono cavità carsiche di origine naturale con un ingresso a strapiombo. È in quelle voragini dell’Istria che fra il 1943 e il 1947 sono gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani.
La prima ondata di violenza esplode subito dopo la firma dell’armistizio dell’8 settembre 1943: in Istria e in Dalmazia i partigiani slavi si vendicano contro i fascisti e gli italiani non comunisti. Torturano, massacrano, affamano e poi gettano nelle foibe circa un migliaio di persone. Li considerano “nemici del popolo”. Ma la violenza aumenta nella primavera del 1945, quando la Jugoslavia occupa Trieste, Gorizia e l’Istria. Le truppe del Maresciallo Tito si scatenano contro gli italiani. A cadere dentro le foibe ci sono fascisti, cattolici, liberaldemocratici, socialisti, uomini di chiesa, donne, anziani e bambini. Lo racconta Graziano Udovisi, l’unica vittima del terrore titino che riuscì ad uscire da una foiba. È una carneficina che testimonia l’odio politico-ideologico e la pulizia etnica voluta da Tito per eliminare dalla futura Jugoslavia i non comunisti. La persecuzione prosegue fino alla primavera del 1947, fino a quando, cioè, viene fissato il confine fra l’Italia e la Jugoslavia.
Leggi Tutto... | 1736 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Immaginiamo una società senza religioni
Postato da Grazia01 il Giovedì, 09 febbraio @ 22:58:55 CET (844 letture)
Riflessioni III

Qual è il modello di società che ci risulta essere per esperienza storica, per intuizione o per sensibilità interiore quello più propizio ad assicurarci quei beni e valori fondamentali per la vita collettiva quali pace, libertà, serenità, solidarietà, rispetto reciproco e possibile minimizzazione delle disuguaglianze e della sofferenza? La storia umana è ricca di tentativi molto diversi: l’ideale anarchico, l’utopia comunista, la democrazia elettiva, il principe illuminato che ama il suo popolo, il despota onniregolatore di Orwell, il patriarcato super allargato e tanti altri. E tutti hanno dovuto fare i conti con le esigenze imposte dall’Io della specie umana.
Leggi Tutto... | 2252 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lettera da Benjamin Franklin a Madame Brillon
Postato da Grazia01 il Giovedì, 09 febbraio @ 22:48:12 CET (852 letture)
Lettere






Lettera da Benjamin Franklin a Madame Brillon


10 Novembre 1779

Che differenza, cara amica, fra voi e me. Voi trovate in me innumerevoli difetti, laddove io ne vedo in voi solo uno (ma forse è colpa dei miei occhiali). Voglio dire questa specie di avarizia che vi porta a cercare il monopolio su tutti i miei affetti, e non concedermene alcuno per le gentili signore del vostro paese.Pensate che sia impossibile per il mio affetto (o la mia tenerezza) essere diviso senza essere sminuito ? Vi ingannate, e dimenticate il piacevole modo in cui mi avete placcato.Rinunciate ed escludete tutto quello che può essere carnale dal vostro affetto, permettendomi solo alcuni baci, civili e onesti, come potreste permettere ai vostri cuginetti. Che cosa ricevo di cosi speciale da impedirmi di dare lo stesso alle altre, senza togliere quello che appartiene a voi?… Il dolce suono che le vostre abili mani traggono dal pianoforte può essere goduto da venti persone allo stesso tempo senza per nulla diminuire il piacere che voi cosi cortesemente intendete per me, e io potrei, con altrettanta ragione, domandare al vostro affetto che a nessun altro orecchio se non al mio sia concesso il fascino di questi dolci suoni.

Benjamin Franklin
Leggi Tutto... | 279 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi che ti aspettavo
Postato da Grazia01 il Giovedì, 09 febbraio @ 13:13:15 CET (1783 letture)
Poesie di Cardarelli







Oggi che ti aspettavo

Oggi che t'aspettavo
non sei venuta
e la tua assenza so quel che mi dice
la tua assenza che tumultuava
nel vuoto che hai lasciato
come una stella
dice che non vuoi amarmi
quale un estivo temporale s'annuncia
e poi s'allontana
così ti sei negata alla mia sete
l'amore sul nascere
ha di questi improvvisi pentimenti
silenziosamente ci siamo intesi
amore, amore
come sempre
vorrei coprirti di fiori
e d'insulti.


VINCENZO CARDARELLI

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Capire gli altri...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 08 febbraio @ 10:40:00 CET (903 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno








Rimane il fatto che, in ogni modo,
capire bene la gente non è vivere.
Vivere è capirla male,
capirla male e male e poi male e,
dopo un attento riesame, ancora male.
Ecco come sappiamo di essere vivi:
sbagliando.



Philip Roth
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Antiche ferite
Postato da Grazia01 il Martedì, 07 febbraio @ 22:30:29 CET (887 letture)
Poesia al femminile II








Antiche ferite



Il tuo amore
è un unguento sottile
che lambisce e cura le cellule lise
balsamo magistrale
per le mie antiche ferite di donna



ROSEMARY JADICICCO

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Bicentenario della nascita di Charles Dickens
Postato da Grazia01 il Martedì, 07 febbraio @ 22:08:17 CET (1381 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno

La Gran Bretagna festeggia oggi il bicentenario della nascita di Charles Dickens, uno dei più grandi scrittori della letteratura inglese i cui romanzi sono diventati classici intramontabili. Sono previste celebrazioni in tutto il paese, da Londra a Portsmouth, dove Dickens nacque il 7 febbraio 1812 (morì a Gad’s Hill l’8 giugno 1870)
Leggi Tutto... | 4807 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


BIANCO SPETTACOLO
Postato da rosarossa il Martedì, 07 febbraio @ 13:38:35 CET (1201 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VII







Bianco spettacolo


Spettacolo raro si pone stamane al mio sguardo
la terra è coperta di bianco e gli alberi s’intonano al candore.
Guardando le casette del villaggio, qualche camino fuma sopra i tetti,
la neve sui balconi e le finestre
scende, in svariate forme si compone, poi si ghiaccia
le case adorna di pregiati cristalli e di merletti.
Un passerotto con occhi tristi infreddolito s’aggira intorno
vuol procacciare cibo, ha tanta fame, ma nulla trova;
scuote il capino e pensa: c’è una coltra bianca che
tutto nasconde e sotterra in questo giorno!.
Con vanità la neve ondeggia nell’aria baldanzosa
sospinta da un giocarellone venticello
che allegro e divertito sollecita e incentiva
della lenta danza il cadenzato passo.
Arriva al suolo stanca ma tranquilla; si stende e si riposa
coprendo la terra d’ immacolato manto e
molto orgogliosa la mostra a noi tutti
vestita da sposa .



Rosarossa
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 12 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 12 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 13 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 226 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 54 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 25
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy