Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 172
Totale: 172
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Stories Archive
08: Home
09: Home
10: coppermine
11: Stories Archive
12: News
13: Forums
14: Stories Archive
15: Home
16: Home
17: Search
18: Home
19: Home
20: coppermine
21: Home
22: coppermine
23: Home
24: Home
25: coppermine
26: Home
27: News
28: coppermine
29: coppermine
30: Home
31: coppermine
32: coppermine
33: News
34: Home
35: Home
36: Home
37: Search
38: coppermine
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Forums
47: News
48: Stories Archive
49: Home
50: Home
51: Search
52: Home
53: Home
54: coppermine
55: Home
56: Home
57: coppermine
58: coppermine
59: Home
60: coppermine
61: coppermine
62: coppermine
63: coppermine
64: News
65: Stories Archive
66: Home
67: coppermine
68: coppermine
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Stories Archive
74: Home
75: Search
76: Statistics
77: Home
78: coppermine
79: Stories Archive
80: Home
81: Home
82: coppermine
83: coppermine
84: coppermine
85: News
86: Home
87: Search
88: Home
89: Home
90: Stories Archive
91: Home
92: coppermine
93: coppermine
94: Home
95: Home
96: Home
97: coppermine
98: Home
99: Home
100: Home
101: News
102: Stories Archive
103: Home
104: News
105: Home
106: News
107: Home
108: coppermine
109: coppermine
110: Home
111: Home
112: coppermine
113: Search
114: News
115: News
116: coppermine
117: Home
118: Home
119: coppermine
120: Home
121: coppermine
122: Home
123: Home
124: Home
125: Stories Archive
126: Home
127: coppermine
128: Home
129: Home
130: coppermine
131: Home
132: Home
133: coppermine
134: coppermine
135: Stories Archive
136: Stories Archive
137: Home
138: Home
139: Home
140: coppermine
141: coppermine
142: Home
143: News
144: Home
145: coppermine
146: Search
147: Home
148: Search
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Search
154: coppermine
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: coppermine
161: coppermine
162: Forums
163: coppermine
164: Home
165: Home
166: Home
167: coppermine
168: coppermine
169: Home
170: News
171: Home
172: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9085
  · Viste: 1925851
  · Voti: 432
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Albero spoglio
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 gennaio @ 10:03:43 CET (998 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno


- Vedo solo un fottutissimo albero spoglio e ne ho paura...
- Perché?
- Perché lo vedo ogni mattina, nel mio specchio.
- Non mirare sempre in alto. Guarda bene. Non li vedi?
- Cosa?
... - Giù, quei fili di speranza attorno all'albero...
- No, non li vedo.
- Chiudi gli occhi.
- Dio, è vero... sono lì... Così li vedo...
- E non ricordi come galoppava il tuo cuore quando si nutriva di uno di essi? Tu eri un cavallo alato capace di raggiungere nuvole dalla forme più strane e di far scendere da esse fiocchi di pura luce, tu eri capace di far passare l'arcobaleno nella cruna dell'ago del cuore di chi ti amava con una semplice parola o sguardo.
- Io ero tutto questo?
- Si, l'hai solo dimenticato.
- E quella piuma, cos'è quella piuma cui l'ombra va incontro?
- Non è un'ombra ma una parte del tuo cuore, la persona che hai amato di più. Sta andando a liberarsi dei pesi e di tutto il dolore che ha dovuto sostenere. Poserà lo zaino a terra, lo svuoterà dalle pietre e lascerà che la piuma
ci voli dentro. Soltanto allora ripartirà.
- Posso rivederla? stringerla?
- Il cielo ha solo striature d'azzurro. Quando sarà interamente di quel colore, tu la rivedrai.
- E tu chi sei?
- Soltanto quel filo di speranza che non avevi visto.


Carlo Bramanti
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La corriera
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 gennaio @ 21:40:37 CET (1172 letture)
Poesie di Luzi







La corriera


La corriera procede a strappi, muglia.
Chi nativo di qui ravvisa il giogo
cima per cima segue in lontanza
tutta l'azzurra cavalcata; il vento
profila i primi monti
bruciati dall'altezza,
fa livido il colore
più cenere che fiamma
che ha il querceto d'inverno
su queste terre d'altipiano,
sferza, ostacola i muli sulla tesa,
stride sui cumuli di brace. Gli altri,
chi recita il breviario a voce bassa,
chi sonnecchia, chi parla dei suoi traffici
di buoi, di lana, di granaglie e volge,
se volge, un occhio disattento al vetro.

Sediamo qui, persone nel viaggio,
smaniosi alcuni dell'arrivo, alcuni
volti tutti all'indietro, chi sospeso.
Il pecoraio mette in fila il branco,
lo stringe alle pareti del rialto,
libera il passo, la corriera avanza
e sballotta le teste e le cervici.

Chiudo e apro gli occhi sopra questo lembo
di patria, stretto contro lo schienale
ascolto questa gente, questo vento,
vivo per mediazione dei miei simili
più di quanto lo sia in carne ed ossa.


Mario Luzi
Leggi Tutto... | 744 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Benvenuta GIUSI!
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 gennaio @ 21:20:12 CET (1032 letture)
Messaggi II


Un cordiale benvenuto a GIUSI, ora Casatea è anche casa tua.

In attesa di vedere quanto vorrai proporre, ti porgo i miei migliori saluti.


Grazia

a nome dello staff
Leggi Tutto... | 320 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pensiero di oggi
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 gennaio @ 08:54:36 CET (932 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno









L'uomo è vittima di un ambiente
che non tiene più conto della sua anima.

C. Bukowski
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Amami
Postato da Letty il Lunedì, 23 gennaio @ 10:36:49 CET (1149 letture)
Le poesie di Letty - II

Non darmi ghingheri e piattini... non li voglio
non mi vedrai con tacchi e gioielli,
non frequento discoteche e non esigo ristoranti...
io voglio scegliere il colore delle tue lenzuola
voglio darti baci mozzafiato
voglio fare l'amore con le tue idee mentre mi parli di cosa mi cucini a cena
voglio il camino acceso
e il materasso per terra
lo scricchiolio delle assi del tuo pavimento mentre ci cammino scalza...
ho bisogno di aprire gli occhi e trovarti accanto a me
di abbracciarti e mettere il naso tra la scapola e il collo per respirare il profumo della tua pelle
Ho bisogno di pensarti addosso
mentre facciamo l'amore
e di sentirti tremare e vibrare dentro di me
amandoti fino alla fine dei miei respiri...


Letty
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Tutto nelle nostre anime
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 gennaio @ 21:51:35 CET (2107 letture)
Poesie sulla vita III






Tutto nelle nostre anime


Tutto nelle nostre anime
è governato da una mano misteriosa.
Incomprensibili, mute,
nulla sappiamo delle anime nostre.
Le più profonde parole
del sapiente c'insegnano
quello che ci insegna il sibilo del vento quando soffia,
o il suono dell'acqua quando scroscia.


Machado
Leggi Tutto... | 661 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie di Patrizia Cavalli
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 gennaio @ 13:57:13 CET (1479 letture)
Poesia al femminile II
Poesie di Patrizia Cavalli




Se ora tu bussassi alla mia porta
e ti togliessi gli occhiali
e io togliessi i miei che sono uguali
e poi tu entrassi dentro la mia bocca
senza temere baci diseguali
e mi dicessi "Amore mio,
ma che è successo?", sarebbe un pezzo
di teatro di successo.





Dopo anni tormenti e pentimenti
quello che scopro e quello che mi resta
è una banalità fresca e indigesta




Ora che sei partita
che sei sicuramente andata
lo devo riconoscere
non sono mutilata.
Farò una passeggiata
fino a via delle Grotte.


Leggi Tutto... | 2080 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Mattino alla finestra - Thomas Stearns Eliot
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 gennaio @ 12:55:36 CET (1190 letture)
Poesia inglese contemporanea






Mattino alla finestra

Sbattono piatti da colazione nelle cucine del seminterrato,
E lungo i marciapiedi che risuonano di passi
Scorgo anime umide di donne di servizio
Sbucare sconsolate dai cancelli che danno sulla strada.

Ondate brune di nebbia levano contro di me
Volti contorti dal fondo della strada,
Strappano a una passante con la gonna inzaccherata
Un vacuo sorriso che s’alza leggero nell’aria
E lungo il filo dei tetti svanisce.



Thomas Stearns Eliot
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pensiero ...la poesia è...
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 gennaio @ 12:49:42 CET (818 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno



La poesia è un lungo viaggio
e come davvero accade nei viaggi,
si frantuma, si ricompone
e alla fine, con fatica
parla.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesia haiku
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 gennaio @ 12:44:18 CET (1119 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI

Gelo d’inverno
ciocchi arroventati
Antica luce



Prova a guardare il video a tutto schermo, sentirai il calore Sorriso

Buona fine settimana



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ogni cuore ha le sue prigioni
Postato da Grazia01 il Venerdì, 20 gennaio @ 09:09:01 CET (1179 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno






A volte i problemi ci assalgono, prendono di mira le nostre debolezze, modificando il nostro carattere….Ci ritroviamo nel panico, ci abbandoniamo a noi stessi. Iniziamo a trascurarci e ad evitare qualsiasi contatto col il mondo che ci circonda. E come se ci costruissimo un mondo tutto nostro, dove le sole presenze sono rappresentate da noi ed il nostro problema. E’ bello pensare pero’ che non siamo gli unici ad avere problemi, al contrario non potremmo andare avanti. I problemi si presentano sotto diverse forme,quasi sempre non sono altro che il contrario della verità; li incontriamo quando abbiamo timore di qualcosa che ci possa spaventare o addirittura deludere o, peggio ancora che ci possa procurare dolore.
Leggi Tutto... | 853 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I due gentiluomini
Postato da Grazia01 il Giovedì, 19 gennaio @ 19:20:48 CET (1341 letture)
Racconti IV

Due signori che non si conoscevano si incontrarono lungo la via. Casualmente uno sfiorò l'altro con la manica. L'altro allora disse sottovoce, ma in modo che si sentisse: - Asino -. - Idiota, - rispose il primo. Allora l'altro disse: - Siete un beota, un demente, un porco: proprio un porco, un porco schifoso, un cialtrone, un ebete, una ignobile carogna, un cafone, un pidocchio! -. - E Voi, - rispose il primo, -
Voi credete ancora di essere una persona cococolta! Fatevelo dire, siete un idiota, un idiota, Ve lo dico, un bifolco, un vero bifolco, un porco, Voi siete un porco, un cane, Voi siete un cane, un orango, siete un orango. [ ... ] All'improvviso l'altro disse: - Vigliacco! - E il primo disse: - Vogliate perdonarmi, mi sono del tutto dimenticato di pesentarVi la mia fidanzata -. All'improvviso l'altro disse: - E io non
mi sono ancora presentato. Permettetemi, mi chiamo Meier -. Al che il primo disse: - Meier anch'io, presidente della Società incremento razze canine -. All'improvviso l'altro Meier disse: - Non volete farVi socio del nostro club per il miglioramento della cultura? Siete la persona che fa per noi, siete un uomo di nobili intenti -. Al che il primo Meier ri- spose: - Mi considero onorato di avere conosciuto una persona come Voi. lo e il mio cane siamo felici di diventare soci del suo club -. I due signori, allora, si recarono, con fidanzata e cane, nei locali del club per il miglioramento della cultura.

Brano del poeta dadaista tedesco Kut Schwitters
Leggi Tutto... | 629 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Che noia la poesia
Postato da Grazia01 il Giovedì, 19 gennaio @ 17:48:40 CET (1041 letture)
Recensioni III

Chi pensa che la poesia sia noiosa, inutile ed estranea alla nostra vita commette un errore. Perché in realtà il nostro cervello è letteralmente invaso da versi più o meno facili: dalle ninnenanne alle filastrocche, dalla pubblicità alle canzoni. Per quale motivo allora tanta gente proprio non sopporta la poesia? A questa domanda che cercano di rispondere Enzensberger e Berardinelli in un libro, dicendoci che cosa significa scrivere e leggere versi, spiegandoci secondo quali regole i poeti riescono a giocare meravigliosamente con le parole e fornendoci anche qualche indicazione sul «fai-da-te». Fra lettura e studio, ci viene suggerito, non dovrebbe esserci grande differenza: da Dante, il più difficile dei poeti, a Sandro Penna, in apparenza facile, leggere bene e con passione è già studiare.
La porta della poesia è sempre aperta: basta entrare.
Leggi Tutto... | 771 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un altro pensiero...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 18 gennaio @ 19:57:29 CET (1043 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno






L'unico modo di scoprire i limiti del possibile
è avventurarsi un poco oltre, nell'impossibile.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UNA LETTERA DI ASSUNZIONE SCRITTA DA LEONARDO
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 18 gennaio @ 19:52:41 CET (1086 letture)
Lettere
Nel 1482 Leonardo lascia Firenze e si trasferisce a Milano, alla corte di Ludovico Sforza detto il Moro: ha trent’anni, è un artista affermato, ed è alla ricerca di forti stimoli professionali (come la realizzazione di un colossale monumento equestre in bronzo per il padre di Ludovico, Francesco). Ci resterà fino al 1499. Prima di trasferirsi, l’artista aveva inviato al duca una lettera che è stata definita una vera e propria domanda d’assunzione. Una specie di curriculum, in cui si elencano tutte le sue abilità ordinate in dieci punti… nove dei quali sono usati per illustrare quanto sia bravo nell’ideare letali armi e macchine da guerra e solo uno, il decimo, presenta sinteticamente le sue qualità di artista. Un po’ strano per un uomo che è stato considerato un pacifista. Infatti nei suoi scritti ha definito più volte la guerra una “pazzia bestialissima”; e vicino al suo progetto di sottomarino, ideato per affondare le navi nemiche, ha scritto “e questo non lo pubblico o divulgo per le male nature delli omini”. C’è quindi chi pensa che nella lettera Leonardo abbia insistito sulle armi solo per far colpo sul duca, che in quegli anni turbolenti poteva considerare utile avere al suo servizio un esperto di macchine da guerra e strategia militare. In ogni caso ecco la lettera, trovata tra gli scritti del Codice Atlantico, conservato nella Biblioteca Ambrosiana di Milano. Accanto al testo leonardesco c’è un libero adattamento in italiano corrente.



Avendo, signor mio Illustrissimo, visto et considerato ormai ad sufficienzia le prove di tutti quelli che si reputano maestri et compositori de instrumenti bellici, et che le invenzione e operazione di dicti instumenti non sono niente alieni dal comune uso, mi exforzerò, non derogando a nessuno altro, farmi intender da V. Excellentia, aprendo a quella li secreti miei, et appresso offrendoli ad omni suo piacimento in tempi opportuni, operare cum effecto circa tutte quelle cose che sub brevità in parte saranno qui sotto notate (et anchora in molte più secondo le occurrentie de’ diversi casi etcetera):
Leggi Tutto... | 3039 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La diffidenza...
Postato da Grazia01 il Martedì, 17 gennaio @ 13:29:37 CET (1092 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno








...Sono ormai così corrotto dalla diffidenza che,
se qualcuno mi confessa che cosa gli piace o non gli piace,
non lo prendo affatto sul serio, o per meglio dire
considero ogni cosa semplicemente come testimonianza
dell’immagine che egli vuole dare di sé...

Milan Kundera

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensiero...
Postato da Grazia01 il Lunedì, 16 gennaio @ 14:11:43 CET (857 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno











Spesso è necessario riflettere sul perché siamo allegri
ma sappiamo sempre perché siamo tristi.






Buona settimana

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sorrideremo dei nostri vizi.
Postato da Grazia01 il Domenica, 15 gennaio @ 20:31:15 CET (1100 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca


Sorrideremo dei nostri vizi. Quali? Quelli di darci per scontati, come se dovessimo esserci sempre come il suono delle campane, come se dovessimo morire insieme ed essere nati insieme, sempre: vizio venuto perché un piccolo spago di giorni si sgomitolava e ci faceva ritrovare.
Povera abitudine: raro che uno si accorgesse che l'altro era cambiato dalla sera prima. Raro che ci si accorgesse che il suo umore metteva una pausa diversa tra il giorno già pronto e il buongiorno scambiato, che un sogno aveva sforzato gli zigomi, che un'ombra mai avuta cadeva dalla lampada sulla guancia. Sorrideremo del vizio che ci fa vedere uguali e capiremo i fitti nostri mutamenti e stupiremo che siano stati così numerosi.

Erri De Luca
dal libro "Non ora, non qui"
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


SINCERITà
Postato da rosarossa il Sabato, 14 gennaio @ 19:47:07 CET (1047 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VII





E' SINCERA

Un anima trafitta non può fingere,
non può vendere gioia,
non può ingannare!
L'istinto e la coscienza
fanno trasparire
quel dolore che urla dentro;
e quel che pensa.

Rosarossa
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Torre Alfina
Postato da fataorsetta il Sabato, 14 gennaio @ 19:43:23 CET (1462 letture)
Le poesie e altro di Fataorsetta I







La torre,
i suoi merli,
i passi scanditi
Leggi Tutto... | 339 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Bomarzo
Postato da fataorsetta il Sabato, 14 gennaio @ 19:36:32 CET (1128 letture)
Le poesie e altro di Fataorsetta I





Nel bosco incantato
di mitici eroi
dove forme
e leggende
Leggi Tutto... | 897 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


FORSE E' COLPA MIA SE IL CIELO E' BUIO
Postato da rosarossa il Sabato, 14 gennaio @ 19:18:56 CET (1067 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VII







FORSE E’ COLPA MIA SE IL CIELO E' BUIO


Nell’aria triste languido e lontano
Echeggia un flebile rintocco di campane.
Blocca il mio sguardo che vaga nel vuoto
Un orizzonte grigio, ed incolore
L’entusiasmo si fiacca, ogni energia si flette.
In candide perle di gelo,
lacrime di angeli si uniscono al mio pianto
al mio dolore;
silenziose, tremante, scendono dal cielo
chiuse in fiocchi di neve che gelano il cuore
Incentivano angoscia e malumore.
Andare oltre l’orizzonte a me è proibito,
varcandolo, forse troverei la luce
quella luce ch’è l’essenza dell’amore e
che il destino sempre mi ha negato
Sono sfinita, stanca!
Intorno tanto buio mi circonda, rifletto, penso!
Forse sono io che opaco il cielo.
Sono io che vedo tutto nero
forse è l’anima mia che cerca luce e incolla
i cocci di ricordi amari
sognando di unire la spezzata vita
che non potrò mai più restaurare.
Ho in mano la foto del mio primo amore!
Mi affaccio dal balcone e guardo il mare.
Ogni onda che bacia la riva, rivivo i brevi incontri,
attimi fuggenti di sospirato amore, attenta
a contare I minuti e i secondi
che avidamente rubavo alle ore.
Ogni rintocco di campana rievocava
un ricordo, una parola, un suo sorriso.
La delusione inaspettata inonda il cuore
il sogno mi abbandona .
Ma questo amore vivrà nella mia vita,
finchè i miei occhi vedranno ancor la luce.


Rosarossa
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Le banche e l'arte
Postato da Grazia01 il Sabato, 14 gennaio @ 19:05:59 CET (1326 letture)
Mostre e spettacoli



Il cuore di Milano, sede di spazi straordinari dedicati all'arte e alla cultura, si arricchisce di una nuova realtà in due palazzi storici affacciati su via Manzoni. Qui sono esposte le collezioni dell'800 d'Intesa San paolo e della Fondazione Cariplo. Curatore della rassegna Da Canova a Boccioni è Fernando Mazzocca, mentre Michele De Lucchi ha curato l'allestimento che accoglie opere di Canova, Hayez, Inganni, Gerolamo e Domenico Induno, Mosè Bianchi, Segantini, Previati, Boldini, Zandomeneghi, Boccioni e molti altri grandi nomi. Catalogo Skira.


Milano Gallerie d'Italia di Piazza Scala

mostra permanente

Tel. 800167619 www.gallerieditalia.com
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I pensiero di oggi
Postato da Grazia01 il Venerdì, 13 gennaio @ 10:39:05 CET (772 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno





Un giorno scoprii un piacere nuovo e proprio mentre lo sperimentavo,
un angelo e un diavolo si incontrarono alla mia porta e subito si diedero battaglia;
l'uno asserendo, che il mio piacere di nuovo conio, era un vizio
e l'altro una virtù... e ancora combattono.

Seneca
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


HO SEMPRE PENSATO di Bartolomeo Di Monaco
Postato da Grazia01 il Giovedì, 12 gennaio @ 21:44:59 CET (4511 letture)
Poesie d'amore I







HO SEMPRE PENSATO



Ho sempre pensato che fosse amore
quello che sento per te,
anche quel giorno che mi gridasti
di andarmene via
e la mia fantasia
ti tenne stretta a me.
Ti immaginavo per quella foresta,
ricordi?
che abbiamo sognato insieme
molte volte
e là ci dicevamo
le parole impossibili,
così dolci,
così leggere,
che non si trovano qui da noi
e tu mi capivi
ed io ti sentivo parlare
nel silenzio.
Leggi Tutto... | 1892 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gli occhi del cervello: fra visione e immaginazione
Postato da Grazia01 il Giovedì, 12 gennaio @ 11:02:39 CET (2226 letture)
Riflessioni III


“E’ un pugnale? (...) o sei soltanto un pugnale della mente, una creazione falsa che nasce dal cervello oppresso dalla febbre?” (W. Shakespeare, Macbeth, atto II, scena I).

“I nostri occhi ricevono vaghe immagini delle cose, rovesciate e distorte, e il risultato è che noi vediamo il mondo che ci circonda pieno di oggetti solidi e ben distinti gli uni dagli altri. Riusciamo a creare un mondo di cose dagli stimoli elementari che colpiscono la retina e questo è poco meno che un miracolo” (R. Gregory, Eye and Brain).

Che significa vedere?
La visione è il processo mediante il quale si scopre a partire da immagini che cosa è presente nel mondo e dove si trova esattamente.
Innanzi tutto per vivere, infatti, bisogna inquadrare le cose del mondo, e ciò si può fare in due modi, con calma e tranquillità oppure piuttosto rapidamente, per scappare in fretta. Infatti oltre alla classica via sensitiva che dagli occhi porta alle aree visive cerebrali, ve n’è un’altra più antica, che connette, in modo breve e agile, gli occhi e la parte inferiore del cervello. E’ quella che, senza che ne siamo consapevoli, ci fa scattare lo sguardo in direzione, ad esempio, di un corpo che s’avvicina di lato pericolosamente. Ciò permette alla fovea centrale della retina, l’area di maggiore acuità visiva, di concentrarsi sull’oggetto intravisto, identificarlo e decidere il da fare. E’ una sorta di riflesso di orientamento, un originario sistema d’allarme, che consente di ruotare collo, testa e bulbi oculari verso gli eventi potenzialmente più importanti, ed in ciò non c’è posto per la lenta coscienza, che sopravverrà solo dopo.
Anche la normale visione però una volta arrivata a destinazione nel cervello, si sdoppia in una via del che cosa e un’altra del come, funzioni chevengono svolte da due vie anatomiche distinte. La prima, diciamo così, ‘identifica’ gli oggetti mentre la seconda li ‘colloca’ e li sistema nello spazio.
Leggi Tutto... | 9437 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un pensiero...
Postato da Grazia01 il Giovedì, 12 gennaio @ 09:20:44 CET (1089 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno







La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro.
leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare.

Arthur Schopenauer
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pensiero del giorno
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 11 gennaio @ 11:18:03 CET (1480 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno





La più virile decisione che prendi ogni giorno
è di essere di buon umore

Voltaire

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Strani versi
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 11 gennaio @ 11:09:23 CET (950 letture)
Poesie originali e strane I
Curiosità poetiche





Persino i serpenti, che non hanno gambe,
possono tenere il passo,
come nel rondò per coro e strumenti di Sergio Tofano:


Elogio al serpente a sonagli

Il serpente a sonagli è un serpente
su per giù come gli altri serpenti:
se cammina però lo si sente
pei sonagli che fanno frastuon.

Per entrare, se torna a la tana,
campanello non suona o battente,
ma i sonagli gli fan da campana
e la moglie va aprirgli il porton.

Se gli accade talvolta che oda
i suoi nati frignare o strillare
fa schioccar due o tre volte la coda
ed acqueta i piccini a quel suon.

Se in un' ora di dolce abbandono
un motivo fischietta o canticchia
i sonagli quai nacchere picchia
e accompagna cosi la canzon.
Leggi Tutto... | 3013 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La mia Milano...storia
Postato da Grazia01 il Lunedì, 09 gennaio @ 14:34:30 CET (1425 letture)
Milano mia I
Zona 4 quella in cui vivo…storia



Prima di diventare Mediolanum, la città romana che con i suoi splendori era destinata a diventare Milano, il nostro territorio, una piana tra fiumi, rogge e acque risorgive, era abitato stabilmente da altre genti ancora più antiche. Proprio nella nostra Zona 4, in corso Indipendenza, sono state rinvenute tracce di un villaggio preistorico abitato da una popolazione preitalica a cui sono succeduti gli Etruschi, i Celti, i Liguri e altre popolazioni che si sono fuse a formare la nostra stirpe. In un trinceramento eseguito nel 1964 per la sistemazione idrica dei giardini di corso Indipendenza, sono stati ritrovati resti di manufatti - pietre levigate - riconducibili all'epoca Neolitica. A quando cioè l'uomo, che noi chiamiamo con una certa presunzione primitivo, conosceva il fuoco per cuocere le vivande e rendere più dure le punte delle lance e degli aratri e lavorava con cura e precisione le pietre di selce per foggiarne armi ed utensili. Accanto ai resti dell' insediamento neolitico scorreva uno dei numerosi fiumiciattoli tributari del Lambro che ancora in epoca tardo medievale veniva usato per scopi irrigui, appena fuori zona Monforte .Un primo richiamo storico è relativo all'area dell'attuale Porta Romana dove è stata accertata la presenza di una necropoli precristiana. Ma1a Porta della strada, che poi andrà come ora in direzione di Roma, era allora situata molto più verso il centro urbano, forse addirittura dove è l'attuale piazza Missori. Un altro riferimento storico, che risale forse agli ultimi anni dell'Impero Romano d'Occidente, è quello della Chiesetta di S. Giorgio "al pozzo bianco", di cui è documentata l'esistenza nel VI secolo. Se ne fa riferiento collocandone la presenza alla Noceta l'attuale Nosedo (latino nocetum, bosco di noci). Noceto era una località attraversata dalla via Romena, chiamata poi nel Medio Evo Strada Romea, l'antica arteria diretta a Roma in parte coincidente con l'attuale corso Lodi. Una menzione merita, per altri motivi, anche la località Porto di Mare: qui in epoca romana la roggia Vettabbia metteva in comunicazione la città con il mare attraverso il Lambro e il Po. Proprio nei pressi di dove è naufragato nel 1961 il "progetto del Consorzio del Porto e del canale navigabile Milano, Cremona, Po, Adriatico. Tornando ai riscontri storici della zona in epoca medioevale, è notevole il richiamo all' Arco di Porta Romana - trasformato in torre fortificata - teatro della lotta tra Comunali ed Imperiali nell'anno 1158. I primi, costretti alla resa, ricevono l'onore delle armi dell'Imperatore Barbarossa e possono poi tornare incolumi in Milano. Quando però la città, quattro anni più tardi, viene distrutta, molti milanesi si rifugiano a Nosedo, là proprio dove il Barbarossa farà edificare la sua zecca. Torneremo presto a parlare di quella Porta, con la sua storia millenaria.
Leggi Tutto... | 13529 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Con il tempo ho imparato... [ 0 commenti - 10 letture ]
 Sognare [ 0 commenti - 9 letture ]
 addio Casatea [ 0 commenti - 100 letture ]
 Milano mia [ 0 commenti - 45 letture ]
 COME MUORE UN ANZIANO OGGI? [ 1 commenti - 74 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 27
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy