Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 123
Totale: 123
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: Home
03: News
04: Home
05: Home
06: Forums
07: Home
08: Home
09: coppermine
10: News
11: coppermine
12: Home
13: Statistics
14: coppermine
15: Home
16: News
17: News
18: coppermine
19: coppermine
20: News
21: Forums
22: Home
23: Stories Archive
24: Home
25: Search
26: News
27: coppermine
28: News
29: Home
30: News
31: News
32: News
33: News
34: News
35: News
36: News
37: News
38: Home
39: Home
40: Home
41: coppermine
42: coppermine
43: Home
44: Stories Archive
45: coppermine
46: coppermine
47: Search
48: Forums
49: Home
50: Home
51: Surveys
52: Home
53: Home
54: News
55: News
56: Home
57: Home
58: Home
59: News
60: Home
61: coppermine
62: Home
63: News
64: Search
65: News
66: coppermine
67: Home
68: coppermine
69: Forums
70: Home
71: coppermine
72: coppermine
73: coppermine
74: Home
75: Stories Archive
76: coppermine
77: News
78: Home
79: News
80: News
81: coppermine
82: Surveys
83: Home
84: Home
85: Home
86: Forums
87: Home
88: coppermine
89: Home
90: Home
91: coppermine
92: Home
93: News
94: News
95: Home
96: Home
97: Statistics
98: coppermine
99: Home
100: coppermine
101: Statistics
102: Home
103: Home
104: coppermine
105: Forums
106: Home
107: News
108: News
109: Home
110: News
111: Home
112: Search
113: News
114: News
115: coppermine
116: Home
117: coppermine
118: News
119: Home
120: Home
121: coppermine
122: Home
123: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8982
  · Viste: 1908479
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Da "la Montagna incantata" di Thomas Mann
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 16 novembre @ 13:57:18 CET (892 letture)
Letture varie III

(…) Castorp sapeva perché ascoltava Settembrini, non proprio espressamente, ma lo sapeva. C'era quasi un senso del dovere, al di là della irresponsabilità del turista e ospite in vacanza che non oppone resistenza a nessuna impressione e non respinge le cose, ben sapendo che domani o posdomani aprirà di nuovo le ali e ritornerà alla vita usata: qualcosa dunque come un precetto di coscienza, e, per essere precisi, il precetto e il monito di una coscienza sudicia lo inducevano ad ascoltare l'italiano, tenendo le gambe accavallate e il “Maria Mancini” tra le labbra, o salendo, in tre, dal Quartiere inglese verso il Berghof.
Leggi Tutto... | 10228 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Descrizione del modo tenuto da Sergio Casaleggio nello scalare le Montagne
Postato da Paolo il Mercoledì, 16 novembre @ 13:40:55 CET (1232 letture)
Le opere di Paolo II
Nel 1514, Niccolò Machiavelli s’innamora di una ragazza che se lo merita. Così scrive a Francesco Vettori e c’è da starsene. Che cosa volete che gliene fregasse di rientrare in politica! Tuttavia, si scrivono tante cose e poi non c’è da meravigliarsi se si fanno citazioni.


Leggi Tutto... | 1629 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Incontro
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 16 novembre @ 10:33:05 CET (1086 letture)
Poesie di Lorca



Incontro


Né tu né io siamo
in condizione
d'incontrarci.
Tu ... per quel che già sai.
lo l'ho amata tanto!
egui quel sentierino.
~ elle mani,
ho i buchi
dei chiodi.
on vedi come sto
sanguinando?
on guardare mai indietro,
vattene lentamente
e prega come me
San Gaetano,
ché né tu né io siamo
in condizione
d'incontrarci.


Federico Garcia Lorca

Biografia



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Avere...o...Essere
Postato da Anonimo il Mercoledì, 16 novembre @ 09:53:02 CET (1180 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II




Avere ....o.....Essere


io ho,
e io sono,
tu hai
e io sono,
egli ha
e io sono,
noi abbiamo
e io sono,
voi avete
e io sono,
essi hanno
e io sono,
ma non dimenticare
che il tuo avere
lo hai in usufrutto
mentre il mio essere
nessun ladro lo potrà rapire.


r.chesini
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pioggia in letteratura, idilli e tragedie
Postato da Grazia01 il Martedì, 15 novembre @ 21:13:31 CET (1468 letture)
Letture varie III


Colazione da Tiffany, il famoso bacio sotto la pioggia

Le 5 pagine memorabili della storia della letteratura

L’acqua piovana ispira di tutto: malinconie proustiane, idilli dannunziani,] tragedie verghiane, pure allegrie para-palazzeschiane, surrealismi marqueziani. Non c'è pioggia più lunga e molesta, nei romanzi, di quella che cadde su Macondo per quattro anni, undici mesi e due giorni. Le brevi tregue dell'acqua erano solo «annunci di rincrudimento», al punto che l'umidità persistente fece spuntare fiori negli ingranaggi delle macchine agricole e crescere filetti di zafferano sulla biancheria bagnata. L'atmosfera era tale da produrre una sorta di effetto Magritte: “I pesci sarebbero potuti entrare dalle porte e uscire dalle finestre, nuotando nell'aria delle stanze». La pioggia fantastica di Cent'anni di solitudine doveva servire a lavare delle sue follie e tragedie il paese del fu colonnello Buendia, ma il suo risultato sarà ben diverso e tutta quell'acqua finirà per sprofondare ancora di più il paese nell'abisso del nulla. Ma lasciamo stare le piogge apocalittiche, ne vediamo troppe, anche nella realtà.

Leggi Tutto... | 9254 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ninnananna
Postato da Grazia01 il Martedì, 15 novembre @ 20:52:26 CET (1030 letture)
Poesie di Auden




NINNANANNA


Posa il capo assopito, amore mio,
umano sul mio braccio senza fede;
tempo e febbri avvampino e cancelliano
ogni bellezza individuale, via
dai bambini pensosi, e poi la tomba
attesta che effimero è il bambino:
ma finch'è spunti il giorno mi rimanga
tra le braccia la viva creatura,
mortale sì, colpevole, eppure
per me il bello nella sua interezza.

Leggi Tutto... | 2451 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Tramontana
Postato da Letty il Martedì, 15 novembre @ 16:10:03 CET (881 letture)
Le poesie di Letty - II





Note stanche sulle tue ore stanche...

dove ci ritrovavamo ugualmente

eppure quella tramontana oggi, su questa spiaggia mi taglia il viso!

fa freddo...

ma senza te è un freddo che non ha consolazione

sono venuta a portare il tuo ricordo qui, su questa sabbia

in riva a questo mare... lo lascio in custodia a lui

perché so che lui ne avrà più cura di me...

io domani non torno a prenderlo...


Letty
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Verso il giorno del Ringraziamento
Postato da Paolo il Martedì, 15 novembre @ 00:13:07 CET (1103 letture)
Le opere di Paolo II
Machiavelli non voleva insegnare né al Principe né al popolo: non sicuro di potere analizzare la Storia, almeno voleva raccontarla bene. Mayflower è una nave che fa vela nell’Atlantico e arriva in America. La terra da buoni frutti e l’ultimo giovedì di novembre si ringrazia il Signore, si fa festa in famiglia e si mangia il tacchino. Quest’anno è il 24 del mese, Santa Flora di Cordova dall’indomabile volontà.



Leggi Tutto... | 2505 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il paesaggio nel Medioevo
Postato da Grazia01 il Lunedì, 14 novembre @ 17:28:28 CET (1575 letture)
ARTE II
Il paesaggio nel Medioevo




Particolare dell'affresco proveniente dalla sala da pranzo della Villa di Livia a Prima Porta, attribuito al pittore Ludius.

Attribuita al pittore Ludius (o Studius), la pittura murale proveniente da quella che era la sala da pranzo (un triclinio estivo) della dimora di Livia Drusilla, moglie dell'imperatore Augusto (27 a.C. - 14 d.C.), correva lungo tutte le pareti dell'ambiente che si concludeva con una volta a botte, la cui decorazione a stucco è oggi conservata in minima parte.
Il soggetto è arboreo e l'intento è quello di simulare il pranzo in un giardino, o, come avrebbero detto gli antichi Greci, in un paradeisos.



Particolare del mosaico di Sant'Apollinare in Classe, Ravenna.

Ci sono diverse piante: prima di tutto rose, pini, palme, alberi da frutto, melograni e susini; poi gli uccellini che svolazzano da un ramo all'altro, salvo quello che sta in una gabbietta. Si vuole che i commensali abbiano tutte le comodità:
il fresco delle piante, il gusto della frutta da cogliere e perfino il canto degli uccellini. Un vero paradiso! Ossia, un vero giardino, perché questo vuoi dire la parola greca ricordata poc'anzi. Si capisce allora che a modelli del genere ci s'ispirò quando, con il Cristianesimo,
nacque la necessità di rappresentare il Paradiso, ossia il giardino, che altro non è se non paesaggio
reso ancor più educato ed elegante dalla vigile mano dell'uomo.



Mosaici esterni della Grande Moschea di Damasco.

Quinte arboree erano uno scenario entro il quale le architetture di città stilizzate
spuntano in un paesaggio ubertoso, che richiama esempi della pittura romana e bizantina.
Leggi Tutto... | 13710 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Come fu che il leopardo si procurò le macchie di Rudyard Kipling
Postato da Grazia01 il Domenica, 13 novembre @ 22:50:07 CET (1047 letture)
Racconti IV



Nei giorni in cui tutto ebbe inizio, Tesoro Mio, il Leopardo abitava in un luogo chiamato «Prateria Alta». Ricorda, non la «Prateria Bassa» o la «Prateria Selvaggia» e nemmeno la «Prateria Brulla», ma la calda, spoglia e luminosa Prateria Alta, dove vi era esclusivamente sabbia, roccia color della sabbia e ciuffi di erba giallognola-rossiccia. Lì vivevano anche la Giraffa, la Zebra, l'Antilope, il Cudù e l'Antilope sudafricana. Ed erano tutti dello stesso colore marroncino-giallo-rossiccio. Ma il più marroncino-giallognolo-rossiccio di tutti era il Leopardo: un grande felino il cui pelo si mimetizzava perfettamente con l'unico colore marroncino-giallognolo-grigiastro della Prateria Alta. E questo era un bel guaio per la Giraffa, la Zebra e tutti gli altri, perché il Leopardo si appostava dietro a una roccia o a un ciuffo d'erba marroncino-giallognolo-grigiastro e, non appena la Giraffa o la Zebra o l'Antilope o il Cudù o il Cervo o il Camoscio passavano nei pressi, li sorprendeva con un balzo e li azzannava. E non c'era proprio via di scampo! C'era anche un Etiope con archi e frecce (allora era un uomo dal colorito giallognolo-marroncino-grigiastro), che viveva nella Prateria Alta col Leopardo. I due andavano sempre a caccia insieme, l'Etiope con i suoi archi e le sue frecce, e il Leopardo unicamente con i suoi artigli e i suoi denti ... tanto che la Giraffa, l'Antilope, il Cudù, la Quagga e tutti gli altri animali non sapevano più dove rifugiarsi, Tesoro Mio. Proprio non lo sapevano!
Leggi Tutto... | 11535 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I viaggi di Paolo
Postato da Paolo il Domenica, 13 novembre @ 00:12:58 CET (1026 letture)
Le opere di Paolo II
Il paese dei balocchi non è così pericoloso per la trasformazione dei suoi abitanti. I prodotti della trasformazione sono al servizio di un padrone poco raccomandabile. In questo consiste il peggio per i nostri somarelli.


Leggi Tutto... | 2057 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ascolto in poesia, pensieri e immagini
Postato da Grazia01 il Sabato, 12 novembre @ 15:53:21 CET (2573 letture)
Testi e saggi di Voltaire I
L'ascolto in pensieri e poesie




Parlare è un mezzo per esprimere se stessi agli altri.
Ascoltare è un mezzo per accogliere gli altri in se stessi.


Wen Tzu, testo classico taoista



Sapere ascoltare è una delle capacità più importanti che una persona possa avere.
E' vitale per chiunque voglia comunicare con altre persone.
La capacità di prestare ascolto è la più importante di tutte le doti di comunicazione.
Più importante dell' eloquenza. Più importante di una voce suadente.
Più importante ancora della facilità di scrittura.
E' proprio dalla buona capacità di ascoltare che inizia la comunicazione efficace.




Nell'Incontro,l'Armonia tra il Parlare e l'Ascoltare
può sostenere la Melodia della Vita.
Gli obiettivi raggiungibili ascoltando portano ad un arricchimento personale,
in un sostegno al nostro interlocutore perché trovi da solo
le risposte ai suoi problemi o entrambi contemporaneamente;
in tutti i casi conviene aspettare il proprio turno ascoltando e poi parlare.








Questa non è una poesia, ma una bellissima canzone.

Ascolta

"Se un temporale ti ha fermato sulla strada
in qualche posto in cui nessuno passa mai,
se un improvviso arcobaleno ti fa quasi pensare che quella è la firma di Dio,
ascolta il vento asciugare l'erba, senti cantare il sole.
Ascolta i vecchi che hanno voglia di ballare
e sopra un ponte le bugie di un pescatore
e le domande di un bambino appena nato che crede a qualunque risposta gli dai
Ascolta l'uomo e le sue distanze,
la fame e le speranze.
Nel primo traffico dell'aurora senti nell'aria la primavera,
ascolta, guarda respira.
Senti la gente svegliarsi piano,
fare l'amore anche con nessuno,
ascolta quello che siamo, quanto odiamo, quanto amiamo.
Quando lo stadio spegne i fari e va a dormire
ascolta i sogni che la gente porta via,
se la ragazza fra la pioggia e il marciapiede
t'insegna la sola canzone che sa,
ascolta l'acqua e la sua memoria, l'uomo e la sua miseria.
Ascolta quello che hai dentro al petto
e che non hai mai detto!
Prima di metter le mani addosso
a chi ti ha solo capito male,
ascolta dentro te stesso.
Senti pregare chi non ci crede
e le poesie di un carabiniere,
ascolta, fatti stupire, cambiare, guarire.
Ascolta quello che hai dentro al petto
e che non hai mai detto."




Leggi Tutto... | 2973 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA VOCE di Lalla Romano
Postato da Grazia01 il Venerdì, 11 novembre @ 20:31:53 CET (1062 letture)
Poesia al femminile I




LA VOCE

Come impauriti colombi si levano a volo
quando un fanciullo ha gettato tra essi per gioco
manciate di grano;

ma subito tornano lievi e felici a posarsi
ad uno ad uno sul prato e si sazian del cibo:
così i miei pensieri

la cara tua voce disperde se giunge inattesa,
tanto assomiglia al timore la gioia improvvisa
che viene da amore.

Lalla Romano
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LE GRAZIE
Postato da Grazia01 il Venerdì, 11 novembre @ 20:06:31 CET (1025 letture)
Poesie e opere di Ugo Foscolo

LE GRAZIE
La composizione di questa opera, che è il capolavoro incompiuto del Foscolo, si estende per circa un ventennio. Già nella Chioma di Berenice infatti sono reperibili pochi versi anticipatori; e in un volume miscellaneo dedicato alle sculture raccolte nell'Abbazia di Woburn (Londra, 1822) era inserito (pp. 7-23) un articolo del Foscolo (che sarà edito in italiano solo nel '72: Di un antico inno alle Grazie. Dissertazione) dove si leggono vari frammenti, tra cui l'intero episodio conclusivo, "il velo delle Grazie" (frammenti tutti ristampati nell'edizione Silvestri del Tieste, Milano, 1825).
Leggi Tutto... | 3812 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Le sfumature del grigio
Postato da Grazia01 il Venerdì, 11 novembre @ 18:00:21 CET (946 letture)
Riflessioni III



Raramente la realtà si presenta in modo netto:bianca o nera. Chi sa riflettere, anche a rischio di apparire incerto, spesso riesce più degli altri a prendere la decisione giusta. In tempi veloci come i nostri, l'indecisione non gode buona fama. Nella storia e in letteratura brillano invece esempi di grandi, grandissimi indecisi. Il più illustre è senza dubbio Amleto (Essere o non essere ... ), ma anche Giuseppe Mazzini si trovò, a un certo punto della sua vita, nella «tempesta del dubbio».
Leggi Tutto... | 2574 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesia haiku
Postato da Grazia01 il Venerdì, 11 novembre @ 17:19:52 CET (720 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI





Ventaglio rosso
abbracciato al ramo
Intimo addio

Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'erba
Postato da Grazia01 il Giovedì, 10 novembre @ 23:24:45 CET (1005 letture)
Poesie di Gatto Alfonso



L'erba


L'erba, il silenzio, il muovere dell'ombra
Soli, nel pianto tuo della mattina,
l'erba, il silenzio, il muovere dell'ombra
e gli steli del vento. Il tuo sollievo
è di vederti calma nell'attesa
ch'io giunga da lontano, il tuo riposo
è la speranza d'incontrarci a sera
per caso in un inverno.
Lasciarti per sparire,
per essere il tuo cielo dove guardi
senza rimorsi, avere il tuo rimpianto,
la tua memoria, le tue mani vuote...
Forse è più dolce piangermi che avermi.


Alfonso Gatto

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ritaglio
Postato da Letty il Giovedì, 10 novembre @ 19:21:40 CET (755 letture)
Le poesie di Letty - II



Ti ritaglierò da un soffio di vento...
perché ad esso appartieni...
nell'autunno in cui ti trovai...

Letty
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Buon compleanno Alessandro!
Postato da Grazia01 il Giovedì, 10 novembre @ 19:00:57 CET (1102 letture)
Messaggi II


Oggi è il compleanno del maggiore dei miei figli. Ogni volta che ricorre uno dei loro compleanni, non posso fare ameno di ricordare che quel giorno c’ero anch’io, e ritorno con la memoria a quei momenti. Non rammento gli attimi di dolore e paura, ricordo solo quelli di gioia. Gioia pura udire il primo vagito, sentirmi dire che è un bambino sano, e vederlo finalmente, dopo averlo immaginato per tanti mesi, poterlo “conoscere”. Guardavo quel visetto ancora arrossato, quelle minuscole mani, che si allagavano come a cercare un appiglio. Tesoro mio! Pensavo a quale trauma stesse vivendo, scaraventato in una dimensione nuova, piena di rumori, di odori e luci sconosciute. Raramente i bambini appena nati sono belli, a me sembrava meraviglioso e mi sentivo miracolata per aver avuto un tale dono. Allora non si usava far entrare i padri in sala parto e ho sempre pensato a come sia profondamente diversa l’esperienza del diventare genitore per un padre. Guardavo ogni centimetro del suo corpicino, come fosse un’opera d’arte, annusavo il suo profumo e lo tenevo appoggiato al cuore, affinché sentisse ancora per un po’ quel suono che gli aveva fatto compagnia prima di nascere. Avevo ventidue anni, ero ben consapevole della responsabilità che quella nascita comportava, ma era nata con essa una forza che prima non sapevo nè immaginavo di avere.

Auguri Alessandro!

Mamma Grazia
Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Delle similitudini di Franz Kafka
Postato da Grazia01 il Giovedì, 10 novembre @ 00:30:44 CET (2254 letture)
Riflessioni III


Delle similitudini


Molti si lamentano che le parole dei sapienti siano sempre e soltanto similitudini che però non si possono applicare alla vita d’ogni giorno, la sola che possediamo. Quando il saggio dice: «vai di là» non intende che si debba passare dall’altra parte della via – cosa che si potrebbe anche fare, se mettesse conti di andarci – ma intende qualche «di là» favoloso, qualcosa che non conosciamo, che nemmeno lui saprebbe indicare meglio e che pertanto qui non ci può giovare affatto.
In fondo tutte queste similitudini dicono soltanto che l’Inconcepibile è inconcepibile, e questo si sapeva. Ma altre sono le cose che ci affaticano ogni giorno.
A questo punto uno disse : «Perché vi opponete? Se seguiste le similitudini, voi stessi diverreste similitudini, e quindi sareste liberi del travaglio quotidiano».
Un altro disse:«Scommetto che anche questa è una similitudine». Disse il primo: «Hai vinto».
Disse il secondo: «Ma purtroppo soltanto nella similitudine».
Disse il primo:«No, nella realtà; nella similitudine hai perduto».



Leggi Tutto... | 2661 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il sogno di Cesare
Postato da Paolo il Giovedì, 10 novembre @ 00:25:05 CET (841 letture)
Le opere di Paolo II


In ‘Edipo Re’’, si avvicina il momento della verità. In tema d’incesto, Giocasta tratta quello onirico che un figlio può compiere con propria madre. La risoluzione è per l’inconscio. L’inganno della realtà è tragico. Quello che accade nei sogni, non lo è mai.






Charles Francois Jalabert
Leggi Tutto... | 2864 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Malata...
Postato da Letty il Giovedì, 10 novembre @ 00:16:40 CET (685 letture)
Le poesie di Letty - II





A volte raccatto la mia anima a piangere in un angolo lacero del mio cuore
vorrei asciugarle gli occhi e calmare i suoi singhiozzi
vorrei allungare le braccia e stringerla per placare il dolore che le provocano gli altri
vorrei essere quel tanto che basta bastarda per poterla "vendicare"
ma mentre ascolto il suo pianto
sento il mio viso bagnato...
e mi ricordo...
ricordo che per quanto volessi staccarmi dal mondo
il mondo è sempre dietro il muro...
e mi ammala...


Letty
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La passeggiata
Postato da Grazia01 il Martedì, 08 novembre @ 23:28:16 CET (1413 letture)
Poesie di Achmatova



La passeggiata

La piuma urtò il tetto del calesse.
Io lo guardai negli occhi.
Il cuore si struggeva, non sapendo nemmeno
la causa della pena.

Sera senza vento, avvinta di tristezza
sotto l’arco del cielo nuvoloso,
il Bois de Boulogne pareva
tracciato a china in un album antico.

Aroma di benzina e di lillà,
una guardiga quiete...
Di nuovo egli toccò le mie ginocchia
con la mano che quasi non tremava.




Anna Andreevna Achmatova

1913

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA CONGIURA DELLE GALLINE di Natalia Ginzburg
Postato da Grazia01 il Lunedì, 07 novembre @ 18:42:02 CET (1329 letture)
Letture varie III
Non so se qualcuno della mia generazione ha letto, nell'infanzia, i romanzi di Tommaso Catani, nelle edizioni Salani per i bambini. I libri delle edizioni Salani per bambini costavano, se non sbaglio, cinque lire al volume, erano rilegati in tela azzurra, e avevano in copertina un disegno di due ragazzetti in vesti ricamate che sedevano a leggere su un sofà. I romanzi di Tommaso Catani erano quattordici; e avevano disegni e illustrazioni del pittore Carlo Chiostri.

Leggi Tutto... | 8278 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il sogno di Paolo
Postato da Paolo il Lunedì, 07 novembre @ 12:33:09 CET (1234 letture)
Le opere di Paolo II
Paolo sogna di incontrare ragazze in contesti fatiscenti. Una di esse, un’antica compagna di scuola, è assente ma Paolo è di nuovo alla scuola per lei. Egli si offre di ospitarla a Malamocco, insediamento lagunare al riparo dai barbari. Un’altra ragazza presente, più elegante dell’assente ma meno fresca, dimostra cultura e Paolo intuisce che è figlia di un’insegnante. La ragazza assente, ora, è insegnante anch’essa: il tempo è passato.



Leggi Tutto... | 1771 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Marie Curie
Postato da Grazia01 il Lunedì, 07 novembre @ 12:31:19 CET (1264 letture)
Invenzioni e origini II





Google dedica un altro doodle ad una donna,
una donna che ha subito distinguersi dalla massa per le sue ricerche e le sue scoperte.
Marie Curie, questo il suo nome.
Il doodle di oggi celebra il 144° anniversario della sua nascita e, per l’occasione, si trasforma.
Leggi Tutto... | 1189 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gli indiani d'America
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 novembre @ 23:14:21 CET (1091 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America
CI FU UN TEMPO IN CUI IL NOSTRO POPOLO COPRIVA LA TERRA TANTO QUANTO LE ONDE DI UN MARE INCRESPATO DAI VENTI COPRIVAMO I LORO FONDALI COPERTI DI CONCHIGLIE ORA, PERO' QUESTO TEMPO E PASSATO E' DA MOLTO E CON ESSO E SVANITA ANCHE LA POTENZA E LA FORZA DI QUESTA TRIBU' OGGI QUESTE COSE SONO TRISTI RICORDI E BASTA

(Seattle)






Gli uomini vanno e vengono come le onde del mare.
Persino l’uomo bianco, il cui Dio cammina con lui e gli parla da amico ad amico,
non può essere esonerato dal destino comune.
Noi possiamo essere fratelli, dopotutto; staremo a vedere.
Una cosa sappiamo, che l’uomo bianco potrà forse scoprire un giorno:
il nostro Dio è lo stesso Dio.
Ora voi potete pensare che Egli vi appartenga,
così come volete possedere la nostra terra, ma non è così.
Egli è il Dio dell’uomo e la Sua compassione
è uguale sia per l’uomo rosso che per quello bianco.






FINCHE’ LE ROCCE
(Canto Sioux)



I miei parenti pensano di separarmi
dalla ragazza che amo.
Abbiamo giurato di amarci
Per tutta la vita.
I loro ordini sono inutili: noi ci vedremo
finché dura il mondo.
Si, dicano e facciano quello che vogliono,
noi ci vedremo finché le rocce restano.
Siedo qui, da dove posso vedere
l’uomo che amo.
La nostra gente vuol essere severa con noi,
ma io lo vedrò finché il mondo dura.
Qui rimarrò, a guardare
l’uomo che amo.

Leggi Tutto... | 1299 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Destino! Che albero invisibile e infinito
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 novembre @ 22:08:13 CET (1201 letture)
Poesie di Juan Ramón Jiménez





Destino! Che albero invisibile e infinito




Destino! Che albero invisibile e infinito
dà il tuo frutto, che l'anima
a volte raccoglie, matur0?

Quali di queste idee sono i tuoi rami,
di questi sentimenti sono i tuoi fiori,
di queste canzoni sono i tuoi uccelli,
di questi sorrisi i tuoi profumi?

Cosa alimenta le tue radici?
In che modo, da dove, come in questo limone
dalla mia finestra, tu entri
nella nostra stanza più interna



-- Juan Ramòn Jiménez

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Resti
Postato da Letty il Domenica, 06 novembre @ 20:24:45 CET (866 letture)
Le poesie di Letty - II





Guardarti attraverso il velo della mancanza

guardarti come se dovessi tornare da un momento all'altro

attenderti paziente sotto la pioggia dei miei pensieri

sfilando i giorni dal calendario, seguendo le ore sempre più speranzosa...

i giorni passano, ma tu resti

le foglie cadono, ma tu resti...

non ho mai amato così tanto...



Letty
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


TUTTO QUANTO.....
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 novembre @ 15:55:29 CET (1215 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni IV







Tutto quanto concerne l'Anima
si svela spontaneamente
ed ogni sforzo razionale
non fa che allontanarla.
Questo perche' la sua natura
non e' fenomenica.
Si coglie col cuore
come una poesia,
come un'opera d'arte.
Si sente, si ama
ma nessun concetto,
come ombra fugace,
è ad essa adeguato".

Jalal al-Din Rumi
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 INFANZIA LONTANA [ 0 commenti - 11 letture ]
 Ezio Bosso ci ha lasciato [ 0 commenti - 13 letture ]
 La trama di "Kim" di Rudyard Kipling [ 0 commenti - 20 letture ]
 Circolo di Lettura Vaccheria Nardi: Antonio Scurati [ 0 commenti - 44 letture ]
 La vita è come un caleidoscopio [ 0 commenti - 12 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 18
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy