Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 224
Totale: 224
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: coppermine
03: Stories Archive
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: News
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: News
17: Stories Archive
18: Home
19: News
20: Home
21: Forums
22: News
23: Forums
24: News
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: News
30: Stories Archive
31: News
32: coppermine
33: Home
34: coppermine
35: coppermine
36: Home
37: Home
38: Home
39: Stories Archive
40: News
41: Home
42: coppermine
43: News
44: Home
45: Home
46: Forums
47: Stories Archive
48: coppermine
49: Home
50: News
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: coppermine
57: coppermine
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: coppermine
70: News
71: coppermine
72: Your Account
73: Your Account
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: News
80: Home
81: News
82: News
83: Home
84: Search
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: Your Account
91: Search
92: Home
93: coppermine
94: News
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Stories Archive
100: Home
101: News
102: Home
103: coppermine
104: Home
105: News
106: Home
107: Home
108: Home
109: News
110: coppermine
111: Home
112: News
113: Home
114: coppermine
115: Stories Archive
116: Home
117: News
118: coppermine
119: coppermine
120: News
121: News
122: coppermine
123: Home
124: News
125: News
126: Home
127: News
128: Home
129: News
130: Forums
131: Home
132: Home
133: Search
134: Home
135: News
136: Stories Archive
137: Forums
138: Home
139: News
140: Forums
141: Home
142: Home
143: Home
144: coppermine
145: Stories Archive
146: News
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: News
156: Home
157: News
158: Home
159: Search
160: Home
161: Home
162: Stories Archive
163: Stories Archive
164: Stories Archive
165: Home
166: coppermine
167: Home
168: News
169: Home
170: News
171: Home
172: Stories Archive
173: coppermine
174: Home
175: News
176: Home
177: Search
178: Home
179: News
180: Home
181: coppermine
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: News
187: News
188: Stories Archive
189: Statistics
190: Home
191: Home
192: Home
193: Home
194: Search
195: Home
196: coppermine
197: Search
198: Search
199: coppermine
200: coppermine
201: Home
202: Home
203: Home
204: Your Account
205: News
206: Home
207: Home
208: News
209: Forums
210: Home
211: Home
212: News
213: Stories Archive
214: Home
215: News
216: Home
217: coppermine
218: Forums
219: Home
220: Home
221: News
222: Home
223: Home
224: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924737
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Madonna Annunciata
Postato da Grazia01 il Giovedì, 01 dicembre @ 20:18:36 CET (909 letture)
ARTE II


LA RAPPRESENTAZIONE COME PARTECIPAZIONE

Più d’ogni altro pittore del suo tempo, Antonello da Messina è sicuramente l’artista della “partecipazione umana”: nelle sue opere tutto è assolutamente reale, i personaggi sembrano acquisire la carnalità che gli è propria e lo spettatore, ben lungi dall’essere estraneo rispetto all’evento narrato, è invece attirato all’interno della rappresentazione stessa, per cogliere a fondo il senso misterioso che ivi si cela. Esempio massimo di questa sua vocazione artistica è sicuramente la “Madonna Annunciata” (1476): egli decide di abbandonare del tutto l’iconografia tradizionale, e dunque al posto dell’incontro fra l’Angelo e la Vergine, egli rappresenta solo quest’ultima, di modo che chi osserva possa diventare il secondo protagonista della scena. Il volto di Maria comunica un’assoluta dolcezza, ma il risoluto gesto della mano ne svela le reazioni emotive di fronte al momento dell’annuncio: allo stupore generato dal messaggio celeste e all’apprensione che quello le genera nell’intimo, sembra far seguito una serena accettazione del proprio destino. Il divino diventa così “umano” nel senso più alto del termine. E’ l’annunciazione che preferisco. Magnifica nella sua semplicità, lo sguardo limpido e assorto; immagino che l’Angelo sia arrivato mentre fosse intenta nella lettura del libro e che le pagine svolazzino per il movimento delle ali. Ogni volta che lo guardo trovo un nuovo particolare che mi affascina: l’ombra del mento, la mano appena levata in un gesto di difesa e la semplicità con cui accosta velo con l’altra mano. Una piccola, normale donna che riceve un grande annunzio.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il pensiero del giorno
Postato da Grazia01 il Giovedì, 01 dicembre @ 15:05:40 CET (766 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno
Il pensiero del giorno







Sognare di essere la persona che vorresti essere,
significa sprecare la persona che sei.

Buona giornata
Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il paesaggio del Rinascimento
Postato da Grazia01 il Giovedì, 01 dicembre @ 14:42:43 CET (1160 letture)
ARTE II
Il paesaggio del Rinascimento



Fra la fine del Medioevo e l'inizio del Rinascimento, emerge un soggetto che è davvero la rivalutazione piena del paesaggio: la Tebaide. Con questo termine s'indica la regione meridionale dell'Egitto che corrispondeva a una delle province in cui quel territorio era stato diviso sotto il regno di Diocleziano (284-305 d.C.), ossia l'area che gravitava intorno a Tebe, corrispondente alla zona sita a nord dell'odierna Assuan. Si trattava, in sostanza, di quell'area che era stata oggetto d'indagine, geografica e pittorica, anche nell'antichità, come testimonia il celebre mosaico nilotico oggi al Museo Archeologico Nazionale di Palestrina. Con Diocleziano era divenuta una diocesi, ma la denominazione di "Tebaide" era stata ampliata genericamente al deserto che si estendeva ai lati del Nilo, frequentato dai monaci che vi si stabilivano per esercitarsi nei diversi tipi d'ascesi. La regione, già dal III secolo, infatti, era stata il centro dell'anacoretismo, di cui furono grandi rappresentanti San Paolo di Tebe e Sant'Antonio il Grande, e quindi, dal IV secolo, lo fu del cenobitismo, di cui fu organizzatore e fondatore San Pacomio. È in questi luoghi che nacque il monachesimo orientale, importato in Occidente da San Benedetto (480-543).



Buffalmacco La strage degli anacoreti nella Tebaide. Camposanto, Pisa.

L’affresco ci trasporta tra i monti desertici dove vissero i santi anacoreti,
offrendo uno spaccato della vita meditativa a contatto con la natura.
Leggi Tutto... | 15402 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Una valigia
Postato da Letty il Mercoledì, 30 novembre @ 20:32:41 CET (5789 letture)
Le poesie di Letty - II





Una valigia... mi serve una valigia da spedire senza di me, lontano.
Voglio metterci dentro i miei ricordi più brutti, ma anche quelli più belli... perché anche quelli belli ora sono diventati tormento.
Vorrei una valigia... dove riporre i sogni, quelli che non ho mai sognato per troppa realtà.
Vorrei reinventare queste mani, che sono troppo vuote...
vorrei avere due occhi con colori diversi da questo bianco e nero...
vorrei una valigia... per metterci dentro quel che resta di me e spedirlo in un luogo felice... per ritrovare un sorriso che forse non tornerà mai più...

Letty
Leggi Tutto... | 5 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Amare...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 30 novembre @ 10:37:49 CET (1143 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno
Il pensiero del giorno






L’amore nasce involontariamente.
Può aumentare, diminuire, fino a dissolversi del tutto ma non si può imporre.
A volte ci piacerebbe amare una certa persona,
possiamo addirittura dire che quella persona ha tutte le qualità perché ci innamoriamo di lei
ma questo non accade.
Con uno sforzo più o meno grande ci si abitua a chiunque ma abituarsi non è amare.


Em Reyes


Buona giornata
Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Amore della vita
Postato da Grazia01 il Martedì, 29 novembre @ 23:20:03 CET (1172 letture)
Poesie di Gatto Alfonso





Amore della vita


Io vedo i grandi alberi della sera
che innalzano i cieli dei boulevards,
le carrozze di Roma che alle tombe
dell' Appia antica portano la luna.

Tutto di noi gran tempo ebbe la morte.
Pure, lunga la via fu alla sera
di sguardi ad ogni casa, e oltre il cielo
alle luci sorgenti ai campanili
ai nomi azzurri delle insegne, il cuore
mai più risponderà?

Oh, tra i rami grondanti di case e cielo
il cielo dei boulevards
cielo chiaro di rondini!

O sera umana di noi raccolti
uomini stanchi uomini buoni,
il nostro dolce parlare
nel mondo senza paura.

Tornerà tornerà,
d' un balzo il cuore
desto
avrà parole?
Chiamerà le cose, le luci, i vivi?

I morti, i vinti, chi li desterà?


Alfonso Gatto


Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pensiero verticale e quello laterale
Postato da Grazia01 il Martedì, 29 novembre @ 22:24:02 CET (1312 letture)
Letture varie III





Il pensiero verticale e quello laterale

Molti anni fa, ai tempi in cui un debitore insolvente poteva essere gettato in prigione, un mercante di Londra si trovò, per sua sfortuna, ad avere un grosso debito con un usuraio. L'usuraio, che era vecchio e brutto, si invaghì della bella e giovanissima figlia del mercante, e propose un affare. Disse che avrebbe condonato il debito se avesse avuto in cambio la ragazza.
Il mercante e sua figlia rimasero inorriditi della proposta. Perciò l'astuto usuraio propose di lasciar decidere alla Provvidenza. Disse che avrebbe messo in una borsa vuota due sassolini, uno bianco e uno nero, che poi la fanciulla avrebbe dovuto estrarne uno. Se fosse uscito il sassolino nero, sarebbe diventata sua moglie e il debito di suo padre sarebbe stato condonato. Se la fanciulla invece avesse estratto quello bianco, sarebbe rimasta con suo padre e anche in tal caso il debito sarebbe stato rimesso. Ma se si fosse rifiutata di procedere all'estrazione, suo padre sarebbe stato gettato in prigione e lei sarebbe morta di stenti. Il mercante, benché con riluttanza, finì coll'acconsentire. In quel momento si trovavano su un vialetto di ghiaia del giardino del mercante e l'usuraio si chinò a raccogliere i due sassolini. Mentre egli li sceglieva, gli occhi della fanciulla, resi ancor più acuti dal terrore, notarono che egli prendeva e metteva nella borsa due sassolini neri. Poi l'usuraio invitò la fanciulla a estrarre il sassolino che doveva decidere la sua sorte e quella di suo padre.
Leggi Tutto... | 5068 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Benvenuta in Casatea
Postato da Grazia01 il Martedì, 29 novembre @ 14:15:00 CET (965 letture)
Messaggi II


Un cordiale benvenuto a giulia,
ora Casatea è anche casa tua.
In attesa di vedere quanto vorrai proporre,
ti porgo i miei migliori saluti.

Grazia
a nome dello staff
Leggi Tutto... | 337 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I sogni....
Postato da Grazia01 il Martedì, 29 novembre @ 10:24:49 CET (821 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno
Il pensiero del giorno







I sogni si avverano:
se non esistesse questa possibilità
la natura non ci spingerebbe a sognare.



Buona giornata
Grazia


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LIBERA D’AMARE
Postato da Grazia01 il Martedì, 29 novembre @ 10:20:55 CET (1241 letture)
Poesie di Teasdale





LIBERA D’AMARE

Sono libera d’amare come un uccello che vola verso sud in autunno,
Rapido e deciso, non chiedendo alcuna gioia da un altro,
Felice di dimenticare tutte le passioni di Aprile
Prima che fosse libera d’amare.

Sono libera d’amare, e ascolto la musica leggermente,
Ma se lui tornasse, se mi guardasse profondamente,
Mi sveglierei,mi sveglierei e ricorderei
Che sono del mio amante.


Sara Teasdale

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pensiero del giorno
Postato da Grazia01 il Lunedì, 28 novembre @ 13:50:41 CET (889 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno
Il pensiero del giorno






Godi delle piccole cose, perchè un giorno ti guarderai indietro
e ti accorgerai che erano grandi.


Buona giornata
Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Benvenuto Jael
Postato da Grazia01 il Lunedì, 28 novembre @ 10:53:55 CET (914 letture)
Messaggi II


Un cordiale benvenuto a
Jael, ora Casatea è anche casa tua.
In attesa di vedere quanto vorrai proporre, ti porgo i miei migliori saluti.

Grazia
a nome dello staff
Leggi Tutto... | 349 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Parole di saggezza
Postato da Grazia01 il Domenica, 27 novembre @ 21:00:54 CET (1328 letture)
Testi e saggi di Voltaire I




Saggezza


Mentre il ventunesimo secolo è già iniziato,
scopriamo che il mondo è diventato più piccolo
e che i popoli della terra formano quasi una sola comunità.
Ci uniscono i gravi problemi che abbiamo di fronte:
la sovrappopolazione, l'esaurimento delle risorse naturali
e una crisi ambientale che minaccia l'aria, l'acqua, gli alberi
e il vasto numero di meravigliose forme di vita
che costituiscono il reale fondamento dell'esistenza
su questo piccolo pianeta che condividiamo.
Io credo che per affrontare queste sfide dei nostri tempi,
gli esseri umani debbano sviluppare
un maggior senso di responsabilità universale.
Ognuno di noi deve imparare a lavorare non solo per se stesso,
per la propria famiglia o per il proprio paese,
ma per il beneficio di tutta l'umanità.
La responsabilità universale
è la vera chiave della sopravvivenza umana.


Dalai Lama




Niente ci informa meglio su noi stessi che vedere di nuovo davanti a noi
cose prodotte da noi anni prima, per cui abbiamo la possibilità di osservarci
come si osserva un oggetto.

Johann Wolfgang Goethe
Leggi Tutto... | 2643 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'inganno
Postato da Grazia01 il Domenica, 27 novembre @ 10:52:30 CET (1006 letture)
Poesie racconti e fiabe di Gozzano



L'inganno

Primavera non è che s’avventuri
un’altra volta e cinga di tripudi
un’altra volta i rami seminudi,
tutti raggiando questi cieli puri?


Madre Terra, sei tu che trasfiguri
la vigilia dei giorni foschi e crudi?
O Madre Terra buona, tu che illudi
fino all’ultimo giorno i morituri!

Leggi Tutto... | 419 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Tu Paura, io Coraggio
Postato da Marhiel il Sabato, 26 novembre @ 22:47:56 CET (1257 letture)
Le poesie di Mariella Mulas II







Tu Paura, io Coraggio

Randagia sensazione
l’incubo dalle vesti lacerate
che percuote passi tremanti …
Arrivi nel buio di una luce
apparente tu, Paura …
Luce creduta a volte
amore chiesto,
sognato nell’impalpabile
mistero del cuore.
Mostro dai mille sguardi
penetranti l’angoscia, invece,
sai celarti lasciando presenza
e odore di quel che non sei,
né potrai mai essere ovunque
voglia imporre dominio
di mente, di sensi,
di volontà.

Leggi Tutto... | 924 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Oggi si celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.
Postato da Grazia01 il Venerdì, 25 novembre @ 22:55:35 CET (988 letture)
Letture varie III
Giornata della donna




Oggi si celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. La data venne stabilita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999, con la risoluzione numero 54/134, con un invito rivolto ai governi, alle organizzazioni internazionali e alle Ong ad organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema.

L’Assemblea Generale dell’Onu ha ufficializzato una data che fu in realtà scelta da un gruppo di attiviste, riunitesi nell’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi, tenutosi a Bogotà (Colombia) nel 1981. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio del 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leònidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

Il 25 novembre 1960 le sorelle Mirabal, mentre si recavano a far visita ai loro mariti in prigione, furono bloccate sulla strada da agenti del Servizio Militare di Intelligenza. Condotte in un luogo nascosto nelle vicinanze furono torturate, massacrate a colpi e strangolate, per poi essere gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente. L’assassinio delle sorelle Mirabal è ricordato come uno dei più truci della storia dominicana.

In Italia solo dal 2005 diversi Centri antiviolenza e Case delle donne hanno iniziato a celebrare questa giornata. Ma negli ultimi anni anche istituzioni e vari enti come Amnesty International festeggiano questa giornata attraverso iniziative politiche e culturali. Centinaia di iniziative in tutto il paese vengono organizzate in occasione del 25 novembre per dire no alla violenza di genere.


Leggi Tutto... | 2606 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UNA SPORCA STORIA
Postato da Grazia01 il Venerdì, 25 novembre @ 15:09:04 CET (1213 letture)
Scienze
La lotta alla sporcizia è sempre stata un impegno quotidiano, per il corpo e per la casa, anche quando questa era una caverna. Pure gli animali, del resto, sanno pulire. Tane e nidi vengono spesso sgombrati da deiezioni e avanzi di cibo. I felini si lavano leccandosi, gli elefanti fanno la doccia con la proboscide. Gli uccelli si bagnano e si lisciano le penne a lungo. Gli scimpanzé si puliscono il pelo reciprocamente (un comportamento definito groominga), passando in questo modo circa un quinto della loro vita.



Una casa di Amsterdam ritratta dal pittore Pieter de Hooch nel 1664.
Le case olandesi in questo secolo erano un modello di ordine e pulizia…
ma i parassiti restavano un problema. Le madri dovevano spidocchiare i figli.
Leggi Tutto... | 9875 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Prenditi la vita
Postato da Anonimo il Giovedì, 24 novembre @ 23:12:57 CET (1113 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II






PRENDITI LA VITA


E' da poco iniziato l'autunno

con i giorni sempre più corti

e con il riposo della natura.

Tra le mille cose gettate nel mio cassetto

e tra le pagine dorate non trovo

nulla di diverso..........

.......le stesse identiche parole..........

" non allentare mai la corda "

perchè non c'è nulla che pesa.

Al termine della scalata

non c'è la scalata

ma la sommità.

Al termine della notte

non c'è la notte

ma l'aurora.

E quindi lasciati conquistare

dai colori della vita

mentre il tuo cuore ascolta

le melodie dell'anima.




r.chesini

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il Dito e la Luna
Postato da Grazia01 il Giovedì, 24 novembre @ 23:06:11 CET (1202 letture)
Poesie della buonanotte II






Le stelle intorno alla luna bella
nascondono di nuovo l'aspetto luminoso,
quando essa, piena, di più risplende sulla terra...

Saffo



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Haihu ...tempo
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 23 novembre @ 14:54:27 CET (1160 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI







Lo specchio svela
il passare del tempo
Cuore non muta




Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Madonna Caterina di Giuseppe Bonaviri
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 23 novembre @ 14:43:37 CET (1140 letture)
Racconti IV



Una signora in gran pregio di corpo bellissimo, aveva come dama di compagnia Maria. Questa Madonna chiamata Caterina si era data alla vita di mondo, si dilettava in sollazzi, in chitarre, canzoni, e si nutriva d'uomini. Abitava un palazzo in un alto monte corrucciato dove nascevano le nuvole e le piogge burrascose, Basta. Caterina diceva. a quella buona innocente Maria: « Senti, ti devi affacciare al balcone e se vedi cavaliere errante, chiamalo». Quella s'affaccia, aspetta e vede infine un cavaliere giovane che camminava per erbe e erbette con l'avventurosa spada al fianco. Lo chiama: « Sentite, giovane, vi vuole parlare la mia Signora». Salì per lo scalone con statue che si inchinavano al suo passaggio, arrivò in cima, chiese: « Permesso? ». Il cavallo scalpitava nella corte con la criniera come orribil vento! Rispose Caterina: « Avanti, avanti». E quello: « Buon giorno, Madonna». « E come avete coraggio, bel giovane, di attraversare da solo i regni del re Herodes?» . « È mia ventura camminare per deserti e rocce.» Si misero a parlare, Caterina non l'ardiva di guardare. Poi, sentendosi fuoco nelle mani, fuoco nel viso, fuoco nelle gambe, tutto l'abbracciò e tutto lo baciò. Gli disse: « Volete restare con me questa sera?». Rispose il giovane cavaliere il cui elmo scintillava al sole morente: « Con tanto piacere».
Leggi Tutto... | 6383 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Torrente
Postato da Grazia01 il Martedì, 22 novembre @ 23:34:06 CET (1375 letture)
Poesie di Bertolucci





Torrente

Spumeggiante, fredda,
fiorita acqua dei torrenti,
un incanto mi dai
che più bello non conobbi mai;
il tuo rumore mi fa sordo,
nascono echi nel mio cuore.
Dove sono? Fra grandi massi
arrugginiti, alberi, selve
percorse da ombrosi sentieri?
Il sole mi fa un po' sudare,
mi dora. Oh questo rumore tranquillo,
questa solitudine.
E quel mulino che si vede e non si vede
fra i castagni abbandonato.
Misento stanco, felice
come una nuvola o un albero bagnato.

Attilio Bertolucci

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Haiku del mattino
Postato da Grazia01 il Martedì, 22 novembre @ 14:36:57 CET (1319 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI







Entra la luce
col profumo del caffè
Felice giorno


Grazia
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


LE TRAGEDIE
Postato da Grazia01 il Martedì, 22 novembre @ 14:14:09 CET (1132 letture)
Poesie e opere di Ugo Foscolo
LE TRAGEDIE




TIESTE
Scritta nel 1795, rappresentata il 4 gennaio 1797 al teatro S. Angelo di Venezia; ripresa nell'agosto 1808 al Carcano di Milano. Per questa seconda recita il Foscolo progettò alcuni rifacimenti, della cui estensione non si hanno indicazioni sicure. La tragedia fu stampata la prima volta nel volume X del Teatro moderno applaudito (Venezia, aprile '97), con un'appendice di Notizie storico-critiche, probabile opera della redazione.
Quattro i personaggi: Atreo, re d' Argo; Tieste, suo fratello; Ippodamia, loro madre (interpretata allora dalla celebre Anna Fiorilli Pellandi); Erope, moglie di Atreo.
Leggi Tutto... | 5041 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi, 21 novembre è la festa degli alberi
Postato da Grazia01 il Lunedì, 21 novembre @ 15:12:06 CET (1983 letture)
Testi e saggi di Voltaire I



Facciamo respirare i nostri territori! 19, 20 e 21 novembre unisciti alle nostre iniziative lungo la Penisola: piantiamo nuovi alberi, i polmoni del Pianeta. Gli alberi sono i polmoni del Pianeta producono ossigeno e assorbono anidride carbonica, il loro ciclo vitale è indispensabile per la sopravvivenza di tutte le specie. Per questo ogni anno li celebriamo con tantissime iniziative lungo la penisola: piantiamo giovani alberi e arbusti di diverse specie, è il nostro contributo per compensare le emissioni CO2, difendere la biodiversità dei territori, riqualificare zone degradate nelle nostre città.

www.legambiente.it



Una festa dedicata tutta a loro, ai più affascinanti esseri vegetali, gli alberi di cui purtroppo ci accorgiamo pochissimo nella vita di tutti i giorni. Non vediamo quanto siano fondamentali per la nostra vita e per quella del pianeta: gli alberi producono frutti, ossigeno, legno, ombra e umidità atmosferica e danno cibo e riparo agli animali e agli insetti, oltre a rendere fertile e solido il terreno in cui vivono grazie all’azione delle radici. Ma fanno tutto questo in assoluto silenzio. Non si lamentano nemmeno quando li feriamo senza rimedio. Sapevate che un’altissima percentuale di alberi in città muore a causa delle ferite che le auto infliggono ai tronchi nei parcheggi?




Come è d'uso, in Casatea, non potevano mancare poesie loro dedicate.


Alberi

Alberi,
eravate frecce
cadute dall'azzurro?
Che terribili guerrieri vi scagliarono?
Sono state le stelle?

Le vostre musiche vengono dall'anima degli uccelli,
dagli occhi di Dio,
da una perfetta passione.
Alberi!
Le vostre radici rozze si accorgeranno
del mio cuore sotto terra?


Federico García Lorca
Leggi Tutto... | 3699 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


SENZA DENARI NON TROVI L'AMORE
Postato da rosarossa il Domenica, 20 novembre @ 23:50:38 CET (1160 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VII





SENZA DENARI NON TROVI L'AMORE



Che triste amore!
Non ti potrò mai avere
ti cerco vagando fra cielo terra e mare,
ma solo lo sguardo mio ti può seguire
sei troppo in alto!
Io devo capire mi devo rassegnare,
non ho denari, per te non ho valore e
sempre più in alto ti vedo salire!
freme l'anima che invoca il tuo amore
mentre il cuore sento forte scalpitare.
Frena i tuoi impulsi cuore, devi ragionare
chi in basso vive;
giammai potrà toccar dorate ali!


Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


I giorni perduti
Postato da Grazia01 il Domenica, 20 novembre @ 23:46:48 CET (1084 letture)
Racconti IV


Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa villa, Ernst Kazirra, rincasando, avvistò da lontano un uomo che con una cassa sulle spalle usciva da una porticina secondaria del muro di cinta, e caricava la cassa sul camion.Non fece in tempo a raggiungerlo prima che fosse partito. Allora lo inseguì in auto. E il camion fece una lunga strada, fino all'estrema periferia della città fermandosi sul ciglio di un vallone. Kazirra scese dall'auto ed andò a vedere. Lo sconosciuto scaricò la cassa dal camion e, fatti pochi passi, la scaraventò nel vallone, che era ingombro di migliaia e migliaia di altre casse uguali. Si avvicinò all'uomo e gli chiese: "Ti ho visto portar fuori quella cassa dal mio parco. Cosa c'era dentro? E cosa sono tutte queste casse? "Quello lo guardò e sorrise: "Ne ho ancora sul camion da buttare. Sono i giorni."
Leggi Tutto... | 1386 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie, pensieri di Madre Teresa di Calcutta
Postato da Grazia01 il Sabato, 19 novembre @ 15:36:40 CET (1325 letture)
Testi e saggi di Voltaire I
Poesie di Madre Teresa di Calcutta


dedicate a chi crede in Dio oppure nell'uomo, alla vita, all'amore









Dai il meglio di te...

L'uomo è irragionevole, illogico, egocentrico
NON IMPORTA, AMALO
Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici
NON IMPORTA, FA' IL BENE
Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici
NON IMPORTA, REALIZZALI
Il bene che fai verrà domani dimenticato
NON IMPORTA, FA' IL BENE
L'onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile
NON IMPORTA, SII FRANCO E ONESTO
Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo
NON IMPORTA, COSTRUISCI
Se aiuti la gente, se ne risentirà
NON IMPORTA, AIUTALA
Da' al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci
NON IMPORTA, DA' IL MEGLIO DI TE









Trova il tempo..

Trova il tempo di pensare
Trova il tempo di pregare
Trova il tempo di ridere
È la fonte del potere
È il più grande potere sulla Terra
È la musica dell'anima.

Trova il tempo per giocare
Trova il tempo per amare ed essere amato
Trova il tempo di dare
È il segreto dell'eterna giovinezza
È il privilegio dato da Dio
La giornata è troppo corta per essere egoisti.

Trova il tempo di leggere
Trova il tempo di essere amico
Trova il tempo di lavorare
E' la fonte della saggezza
E' la strada della felicità
E' il prezzo del successo.

Trova il tempo di fare la carità
E' la chiave del Paradiso.


(Iscrizione trovata sul muro
della Casa dei Bambini di Calcutta.)

Leggi Tutto... | 4287 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


gioco di specchi
Postato da Grazia01 il Venerdì, 18 novembre @ 23:49:35 CET (1108 letture)
Poesie di Bukowski





gioco di specchi

Peter era un mostro, Peter era grasso, Peter
era scemo, Peter era goffo, Peter balbettava
e Peter inciampava e le ragazze ridevano di
Peter e i ragazzi lo punzecchiavano, e Peter
era costretto a restare a scuola dopo le lezioni
e a Peter cadevano gli occhiali e aveva le scarpe
slacciate e la camicia di fuori e vestiva come non
s'era mai visto e Peter sedeva sempre nell'ultimo
banco con il moccio che gli colava dal naso.

questo succedeva allora. cioè alle elementari e
alle medie, e il tempo passava
e passava e
Peter cambia ogni anno la sua fuoriserie e
ha sempre una ragazza nuova e graziosa e
non porta più gli occhiali ed è dimagrito,
sembra quasi bello comunque certo sicuro di sé,
ha una casa in Messico e una a Hollywood.
Peter commercia in arte e in borsa, parla
tre lingue, ha lo yacht e un jet e inoltre
qualche volta produce dei film.

chi lo conosceva allora non lo conosce
adesso.
è successo
qualcosa, che diavolo
è stato?

e la maggior parte dei fighi di allora
che ancora si vedono in giro
sono deformi, sconfitti, ingloriosi,
idioti, senzacasa, senili o
moribondi.

di rado va come ci aspettiamo che
vada.
per la precisione,
mai.



Charles Bukowski

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Elegia
Postato da Grazia01 il Giovedì, 17 novembre @ 23:46:20 CET (1203 letture)
Poesie di Gatto Alfonso



Elegia

Padre vinto nel sonno
oscuro e lontano,
il bambino ti sveglia con la mano.
Ancora nato nel tuo sogno chiede
ricordo dell'età che ti correva
giovane agli occhi,
mesto al sollievo della sua sembianza
non vuole che tu creda
la morte buia nell'eternità.
Era così soave il cielo intorno,
a respiro e a cadenza della sera
tu mi portavi in braccio al sonno
fresco di primavera.
Forse è questo la morte, un ricordare
l'ultima voce che ci spense il giorno.


Alfonso Gatto

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 27 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 23 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 30 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 497 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 72 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 26
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy