Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 241
Totale: 241
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Search
07: coppermine
08: Stories Archive
09: Home
10: coppermine
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: News
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: coppermine
22: coppermine
23: News
24: coppermine
25: Home
26: Home
27: News
28: Search
29: Home
30: coppermine
31: News
32: Home
33: Home
34: Home
35: Stories Archive
36: Stories Archive
37: Home
38: Home
39: coppermine
40: Home
41: Home
42: News
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: coppermine
48: Stories Archive
49: Home
50: Home
51: Search
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: coppermine
57: Home
58: coppermine
59: coppermine
60: coppermine
61: Home
62: coppermine
63: Search
64: News
65: Home
66: News
67: Home
68: Stories Archive
69: coppermine
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Forums
77: Home
78: Home
79: Stories Archive
80: coppermine
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: News
86: Home
87: Home
88: News
89: coppermine
90: Home
91: News
92: coppermine
93: Your Account
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: Search
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: coppermine
104: coppermine
105: coppermine
106: Home
107: Home
108: coppermine
109: Home
110: coppermine
111: Home
112: Home
113: Home
114: coppermine
115: coppermine
116: coppermine
117: Home
118: coppermine
119: News
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: coppermine
126: Stories Archive
127: Home
128: Home
129: Home
130: Search
131: Home
132: Search
133: Home
134: Stories Archive
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: coppermine
141: coppermine
142: Home
143: Home
144: Home
145: Search
146: Home
147: Home
148: Home
149: Search
150: Home
151: Search
152: News
153: Home
154: Home
155: coppermine
156: Home
157: Search
158: Home
159: Stories Archive
160: Stories Archive
161: Home
162: Home
163: Home
164: coppermine
165: Home
166: Home
167: coppermine
168: Search
169: Home
170: Home
171: Stories Archive
172: Stories Archive
173: News
174: Home
175: News
176: Home
177: Stories Archive
178: coppermine
179: coppermine
180: coppermine
181: coppermine
182: News
183: coppermine
184: Home
185: Home
186: coppermine
187: Home
188: coppermine
189: Home
190: Home
191: Home
192: Home
193: coppermine
194: Home
195: Home
196: Home
197: coppermine
198: News
199: Forums
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: News
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Stories Archive
210: News
211: Forums
212: Home
213: Search
214: Home
215: coppermine
216: Stories Archive
217: Forums
218: News
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Forums
229: Stories Archive
230: Home
231: Home
232: Search
233: Home
234: Home
235: coppermine
236: Home
237: Your Account
238: Stories Archive
239: Home
240: Home
241: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9005
  · Viste: 1923919
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
LA NATURA MORTA NEL NOVECENTO
Postato da Grazia01 il Venerdì, 14 ottobre @ 19:26:24 CEST (1212 letture)
ARTE II
continua da

La natura morta nel Novecento




Pablo Picasso, Natura morta con toro, collezione privata.

L’artista spagnolo rielabora il tema introducendo un elemento come il teschio del toro che, per quanto macabro, è in linea con le tradizioni del Paese d'origine.

Tra i maggiori interpreti della fine dell'Ottocento, quando la rivoluzionaria stagione delle avanguardie (Cubismo, Espressionismo, Futurismo, Dadaismo, Surrealismo) è ormai alle porte, trova un posto di rilievo Paul Cézanne, il quale predilige dipingere frutta e tavole imbandite durante il periodo maturo della sua carriera artistica, Il gusto della pittura di carattere intimista, racchiusa nel microcosmo provenzale dentro cui Cézanne trascorre una vita intera, si sposa con una spinta propulsiva che genererà poi le prime avanguardie, Cubismo in testa. Proprio i pittori cubisti dedicano speciale attenzione al tema della natura morta: Picasso, Delaunay, Braque, lo spagnolo Juan Gris e altri realizzeranno molti dipinti sulla traduzione simultanea su più piani prospettici di oggetti, fiori, frutta e strumenti musicali attraverso la scomposizione dei piani, Infine, il ritorno alle atmosfere contemplative si ripropone, nel contempo, con personalità come Henri Matisse e la tendenza al decorativismo.




Georges Braque, li tavolo del musicista, Museum fur Gegenwartskunst, Basilea.

Il pittore francese propone scomposizioni geometriche dello spazio, rotazioni e molteplici angoli visivi.


La pittura pura

Con la mutata scena sociale, con l'ormai consolidata crisi della figura dell'artista, con la caduta della grande committenza pubblica, religiosa e laica, il tema della natura morta torna a ricoprire di significato l'attività di molti dei protagonisti del Novecento italiano ed europeo. Uno dei maggiori esponenti italiani, autore quasi esclusivamente di nature morte, è Giorgio Morandi. Le sue opere, siano olii su tela o acqueforti, i primi giocati sulla variazione delicata ma raffinatissima di toni grigi e beige, le seconde articolate su una fitta rete di segni incisi, bottiglie e vasi, generalmente disposti secondo uno schema ripetitivo, caratterizzano una particolare attitudine del pittore bolognese che oggi definiremmo minimalista. Spogliata dei suoi significati simbolici, la natura morta di Giorgio Morandi, così come la natura morta del Novecento in generale, incarna definitivamente la pittura pura per eccellenza, lontana ormai dalla necessità vincolante della narrazione e prova provata dell'art for art's sake, ossia dell'arte per l'arte, per citare una massima di Oscar Wilde, Mario Mafai, esponente di spicco della scuola romana di via Cavour degli anni Quaranta e Cinquanta, realizza tra le più belle nature morte con fiori secchi che il Novecento ricordi. Sospesi su di uno sfondo privo di riferimenti reali, i fiori secchi di Mafai capovolgono il senso stesso del tema: dalla necessità di rappresentare la realtà nelle sue forme più articolate e complesse, le nature morte novecentesche appaiono spesso svincolate da un contesto reale o quotidiano, in cui l'inquadramento prospettico è spesso mancante e lo spazio è tutto dedicato alla ricerca pittorica, unico dato realmente significativo.



Henri Matisse, Interno rosso, Musée National d'Art Moderne Centre Georges Pompidou, Parigi.

In questa tela dell'artista francese il colore si impone in assoluto come elemento autonomo e significante.
Leggi Tutto... | 9353 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


STANCO CUORE
Postato da rosarossa il Giovedì, 13 ottobre @ 18:46:19 CEST (1080 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VI







STANCO CUORE

Riposa finalmente vecchio cuore
stanco sfinito deluso e tormentato.
Non batti forte, non impazzisci,
non cerchi più l'amore!
Nella culla del silenzio dormi,
rassegnato giaci
fra le braccia del tuo angelo custode,
sostenuto dall'anima
serenamente trovi la dolcezza
che cercavi e che la terra
crudelmente ti ha negato.
Vai pure in alto cuor mio e lascia
il tuo fardello di dolore;
troverai quanto sulla terra hai sublimato,
l'amore puro, la serenità, la vera pace!



Rosarossa
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Io Ti conosco io sò chi sei
Postato da Anonimo il Giovedì, 13 ottobre @ 08:19:12 CEST (1084 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II






Ti canto una canzone
con un mandato in mano
non sono un derelitto
ma un Comandante vero
nero come il carbone
mentre quello tutto verde
è il padre di una trota
pescata dentro il Pò.
Ed io che sono nessuno
canto l'estate che si farà autunno
e così mentre libero vaga
il pensiero mio
vedo Te
avvolta in uno scialle
Verde come la rabbia
Bianco come la neve
Rosso come il fuoco
ma bello è il Tuo nome
dimenticato da chi non Ti ama.



r.chesini
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Anniversario della nascita di Eugenio Montale
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 12 ottobre @ 20:38:15 CEST (1695 letture)
Poesie di Montale



Ricordo di Eugenio Montale nell'anniversario della nascita

12 ottobre 1896




Non Chiederci La Parola


Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.

Ah l'uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l'ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!

Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.


Eugenio Montale

Biografia


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie di Erri De Luca
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 12 ottobre @ 19:59:57 CEST (1307 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca


Poesie di Erri De Luca




Due


Quando saremo due saremo veglia e sonno
affonderemo nella stessa polpa
come il dente di latte e il suo secondo,
saremo due come sono le acque, le dolci e le salate,
come i cieli, del giorno e della notte,
due come sono i piedi, gli occhi, i reni,
come i tempi del battito
i colpi del respiro.
Quando saremo due non avremo metà
saremo un due che non si può dividere con niente.
Quando saremo due, nessuno sarà uno,
uno sarà l'uguale di nessuno
e l'unità consisterà nel due.
Quando saremo due
cambierà nome pure l'universo
diventerà diverso.



Leggi Tutto... | 4005 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie degli indiani d'america
Postato da Grazia01 il Martedì, 11 ottobre @ 20:08:58 CEST (1328 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America
Poesie degli indiani d'america







Una poesia si specchia in una pietra di turchese e
li si ferma per un attimo.
Poi ricomincia a vagare,
per dare vita forse ai colori di un disegno
ricamato su una coperta.
I giunchi, raccolti li vicino,
vengono intrecciati da abili dita e
diventano un cesto:
la sua forma ricorda la volta del cielo.
Un pezzo di legno è lavorato:
da lui si ricaverà un'opera che dimostrerà
quale armonia ci sia fra legno e
intagliatore.
Leggi Tutto... | 9845 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lettera di Foscolo a Antonietta Fagnani Arese
Postato da Grazia01 il Lunedì, 10 ottobre @ 08:13:04 CEST (1268 letture)
Poesie e opere di Ugo Foscolo

Sabato, prima di desinare, (1801)


Tu sei certa dunque ch’io t’amo, o celeste creatura ? Oh!…si, io t’amo quanto posso amare; il mio cuore non può reggere più alla piena di tante sensazioni. Io sento la passione onnipotente dentro di me…eterna! Si io t’amo.
Io sperava da’ tuoi baci un qualche ristoro; ma io invece ardo ognor più…Il sorriso è fuggito dalle mie labbra; e la profonda malinconia che mi domina non mi lascia se non quando io ti vedo…e ti vedo venire così amorosa verso di me a farmi confessare come, ad onta di tanti mali, la vita è preziosa. Ma io …tremo! Che farai di me ora che sei sicura del tuo potere ? Mi abbandonerai tu alle lagrime e alla disperazione ? ti raffredderai tu con me ? –
Leggi Tutto... | 2583 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il sole splende per tutti
Postato da Grazia01 il Domenica, 09 ottobre @ 20:21:26 CEST (1300 letture)
Poesie di Prevert






Il sole splende per tutti



Il sole splende per tutti, non splende nelle prigioni,
non splende per quelli che lavorano in miniera,
quelli che tolgono le scaglie ai pesci
quelli che mangiano la carne cattiva
quelli che fabbricano gli spilli per i capelli
quelli che soffiano le bottiglie vuote che altri berranno piene
quelli che tagliano il pane col coltello
quelli che passano le vacanze nelle officine
Leggi Tutto... | 1894 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Maria Theresia, kaiserin
Postato da Paolo il Venerdì, 07 ottobre @ 19:41:59 CEST (1164 letture)
Le opere di Paolo II
Dopo due tanghi, cambiamo idea. Il valzer. In Italiano, la parola ‘cavaliere’ sfuma nel significato. Abbiamo ricevuto, regalo di compleanno per il 30 settembre, ‘The Pale Rider’ con Clint Eastwood.



Leggi Tutto... | 3933 bytes aggiuntivi | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Nobel letteratura 2011 Tomas Tranströmer
Postato da Grazia01 il Giovedì, 06 ottobre @ 19:51:32 CEST (1668 letture)
I Nobel della letteratura I
Anche quest'anno previsioni e scommesse sono state puntualmente smentite: il premio Nobel per la letteratura è andato al poeta svedese Tomas Tranströmer.



Lo ha annunciato oggi l'Accademia Svedese spiegando nella motivazione che "attraverso le sue immagini dense, limpide, offre un nuovo accesso alla realtà".
Nato 80 anni fa a Stoccolma, è considerato il maggior poeta svedese vivente: ma "fuori casa" il suo nome dice poco, per quanto sia già stato nella lista dei candidati al Nobel lo scorso anno. Ora invece tutto il mondo sa che dalla Svezia non arrivano solo gialli alla Larsson e Mankell.

POETA-PSICOLOGO

Oltre a scrivere poesie, Tranströmer è stato anche uno psicologo impegnato nel sociale. Ha lavorato con disabili e nelle carceri minorili, con detenuti e tossicodipendenti. Attività svolte fino al 1990 quando è stato colpito da un ictus che ha gli ha gravemente compromesso la capacità di parlare. Nonostante la malattia Tranströmer ha continuato a scrivere. E soprattutto a suonare il piano, passione che dopo la malattia ha coltivato con una sola mano, la sinistra.


In suo omaggio propongo alcune delle sue poesie tradotte da Franco Buffoni

Sera-mattina

L’albero della luna è marcito e si sgualcisce la vela.
Il gabbiano volteggia ebbro lontano sulle acque.
E' carbonizzato il greve quadrato del ponte. La sterpaglia soccombe all’oscuritá.
Fuori sulla scala. L’alba batte e ribatte sui
cancelli granitici del mare e il sole crepita
vicino al mondo. Semiasfissiate divinità estive brancolano nei vapori marini.
Leggi Tutto... | 2986 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


John Trudell - Heart taker
Postato da Letty il Mercoledì, 05 ottobre @ 20:01:51 CEST (3908 letture)
Poesie d'amore I
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La natura morta nell’ottocento
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 05 ottobre @ 19:35:08 CEST (1502 letture)
ARTE II
La natura morta nell’ottocento

continua da




Édouard Manet, Colazione sull'erba, particolare, Musée d'Orsay, Parigi.
I contrasti decisi contribuiscono a dare plasticità a questa celebre opera dell'impressionista transalpino.

Solo nell'Ottocento, con la crisi del modello accademico, i pittori di cavalletto - in particolare gli impressionisti in Francia - riprenderanno il genere della natura morta con interesse rinnovato. Durante questo secolo si delineano in modo sempre più evidente i due grandi filoni dell'arte che poi subiranno una vera e propria frattura con l'avvento delle avanguardie. Pittori realisti, da una parte, come Courbet, e precursori degli impressionisti dall'altra, come Manet, procedono in senso opposto rispetto all'esasperazione della maniera ufficiale, preferendo un ripiego su temi e modi lontani dalle maestose e ormai decadenti celebrazioni del potere. Nello scenario a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo, quando Jacques Louis David realizza l'enorme tela con L'incoronazione di Napoleone, Francisco Goya dipinge, per esempio, una serie di piccole nature morte a fondo scuro, con gli oggetti inquadrati in primo piano da una luce sagomata e diretta, caratterizzate da un'atmosfera buia e drammatica e inoltre opere come Il tacchino morto, al Prado di Madrid, o il celebre Tranci di salmone.



Francisco Goya, Orillas del Manzanares, particolare, Museo del Prado, Madrid.
Il pittore spagnolo preferisce invece impiegare tratti essenziali e delicati colori accostati tono su tono,

Una poetica intimista
Questi soggetti sostituiscono il secentesco memento mori con la presenza, altrettanto inquietante, dell'animale macellato (tema sicuramente desunto dalla magistrale lezione di Carracci prima e di Rembrandt poi), oppure de La trota presa all'amo di Courbet, che pare la metafora della tragica esperienza della Comune parigina (1870-1871) per la quale lo stesso artista subì non solo un linciaggio morale, ma patì, prima, diversi mesi di carcere e poi, l'esilio per essersi opposto, insieme a tutta la città, al potere monarchico costituito. Il carattere prettamente intimista di queste opere era lontano però dalle ambizioni della pittura dei pompiers. Un genere questo prediletto dalla committenza pubblica, che privilegiava i soggetti storici, proponendo attente ricostruzioni di avvenimenti realmente accaduti, si pensi alle tele del francese Léon Coginiet, oppure a quelle di William-Aphe Bouguereau, che guardano, però, anche, alla mitologia, o, ancora a quelle dell'inglese Alma-Tadema che miscelano sapientemente le due tematiche. Grande protagonista del revival della natura morta nell'Ottocento, dunque, è Gustave Courbet, che, esponente di spicco delle correnti realistiche, trova in soggetti come i fiori e la frutta un veicolo ideale per esprimere la sua poetica di osservazione attenta della realtà quotidiana. Tra le nature morte più suggestive, Mele e melagrane in un piatto, alla National Gallery di Londra, e il Tavolo con fiori e frutta, alla Norton Simon Foundation di Pasadena, certamente spunti di rilievo per le successive "tavole con frutta" di Cézanne.



Éduard Manet, Vaso con peonie, Musée d'Orsay, Parigi.
Il quadro rappresenta un chiaro esempio di come l'artista francese utilizzi il colore stendendolo per grandi macchie giustapposte.
Leggi Tutto... | 8649 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IO NE HO ANCORA
Postato da Grazia01 il Martedì, 04 ottobre @ 21:08:48 CEST (1351 letture)
Poesie e pensieri di Indiani d'America
Il metodo sociale che distingue nettamente la cultura indiana da quella dell'uomo bianco è che la prima pone l'uomo come parte integrante dell'intero Creato in cui la Terra occupa un posto, così si attiene al rispetto delle leggi naturali e della Creazione.
La seconda invece pone l'uomo come "signore del creato" e di conseguenza lo autorizza ad assoggettare, sottomettere, addomesticare, tutto ciò che può;
fino ad arrivare a distruggere ciò che non è in grado di capire e di accettare.
Per capire appieno la loro sensibilità e l'armonia che li legava profondamente alla Terra, vi suggerisco di leggere attentamente le prossime liriche, tutte dedicate a momenti rituali collettivi di vita quotidiana e di preghiera, i cui confini non erano delimitati.




In questa lirica trovo sintetizzato lo spirito di questo grande e generoso popolo.


IO NE HO ANCORA

Non posso
immaginarmi
un popolo senza casa,
eppure io vedo
ogni giorno
come vagano senza meta,
come dei disperati
cercano radici e cose
che dovrebbero dare un senso alla loro vita.
Povero uomo bianco
nella tua violenza
nel tuo splendore
in tutto il tuo benessere
hai perduto la tua eredità
ora tu vuoi la mia
allora prendila,
io ne ho ancora.


John Twobirds Arbuckle
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La poesia salverà il mondo
Postato da Grazia01 il Martedì, 04 ottobre @ 20:36:31 CEST (967 letture)
Poesie di Walt Whitman






La poesia salverà il mondo

Il mondo sottomarino,
Foreste al fondo del mare, i rami, le foglie,
Ulve, ampi licheni, strani fiori e sementi,
folte macchie, radure, prati rosa,
Variegati colori, pallido grigio verde,
Leggi Tutto... | 996 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Segni
Postato da Letty il Martedì, 04 ottobre @ 18:30:16 CEST (783 letture)
Le poesie di Letty - II






Ho contato i giorni incappucciati di brina

in una notte che pareva non finisse mai

li contavo segnandoli sul muro della mia solitudine

un segno dopo l'altro

le pareti di quella stanza semi buia sembravano non avere un inizio e neppure una fine

nell'eterno scorrere dei miei pensieri sparsi

un segno dopo l'altro

un minuto dopo l'altro...

cosa avrei visto nel momento in cui sarebbe tornata la luce?

che mi sarebbe rimasto di quell'attimo buio durato una vita?

Solo tanti segni bianchi...


Letty
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L’importanza di essere onesti
Postato da Grazia01 il Lunedì, 03 ottobre @ 16:11:00 CEST (4462 letture)
Psicologia e salute I
Non fa notizia, ma è il pilastro di qualunque comunità umana. Ecco da dove nasce il valore dell'onestà e come lo si difende.
E’ il fondamento di ogni società, da quelle piccole degli indios che abitano la foresta amazzonica a quelle delle megalopoli in cui dominano i giganti della finanza. Porta alla fiducia negli altri, non solo negli affari, ma anche nei rapporti di coppia, fra genitori e figli, fratelli, sorelle, amici e colleghi. Stiamo parlando dell'onestà, fondamento del "contratto sociale" che caratterizza le comunità umane, un valore universale che gli esseri umani ma non solo loro) sono chiamati a rispettare in ogni tipo di società. Certo, i comportamenti disonesti non mancano: oltre a furti e rapine, ci sono gli scandali finanziari come quello Parmalat, ci sono la corruzione, le truffe, l'evasione fiscale (in Italia tocca i 300 miliardi di euro) e tanti altri reati.

Black list.
A ricordarcelo, ogni anno giunge puntuale la speciale classifica di Transparency International a sulla percezione della corruzione, con 178 Paesi censiti. Nell'ultima rilevazione, relativa al 2010, la Danimarca figura come il Paese più onesto, insieme con Singapore e Nuova Zelanda, seguiti da Finlandia, Svezia, Canada, Olanda e Australia. I'Italia è al 67° posto, dopo il Ruanda e prima della Georgia.




In altre parole, l'onestà non è scontata, ma va da sempre difesa in ogni società attraverso le leggi, le prescrizioni religiose e la riprovazione dei cittadini. Nell'antico Egitto, per esempio, i disonesti potevano anche cavarsela in vita, ma non avrebbero superato la "pesatura dell'anima", una prova divina che decideva chi avrebbe proseguito la sua esistenza nell'aldilà e chi sarebbe stato invece sbranato dalla dea Maat. Anche oggi, in Africa, la disonestà, in particolare verso parenti e antenati, è scoraggiata dalla credenza in forze magiche punitive.
Ma l'onestà e la fiducia reciproca non si mantengono solo grazie al deterrente delle punizioni umane o divine: la loro forza è che garantiscono grandi vantaggi. Sono i presupposti fondamentali di ogni alleanza politica, di ogni contratto, di ogni commercio, senza dimenticare il microcosmo delle relazioni fra i singoli individui. Per vivere ed avere successo in una struttura sociale, insomma, bisogna essere affidabili. La disonestà alla lunga non paga, almeno per la maggioranza dei "furbi". Sociologi e antropologi concordano: la disonestà fa notizia, mentre dell'onestà, enormemente più diffusa, si parla poco perché è la normalità, il cemento del patto sociale.
Leggi Tutto... | 6629 bytes aggiuntivi | 6 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Anima
Postato da Letty il Domenica, 02 ottobre @ 16:39:32 CEST (758 letture)
Le poesie di Letty - II
Un'anima vola più in alto di qualsiasi pensiero
lo fa quando si eleva per amore
la forza di un'anima si misura in quello che trasmette intorno a sé
nel silenzio della sua musica interiore
nel potere delle sue carezze silenziose
nel potere consolatorio dei suoi sorrisi
è un crescendo, una marea, un uragano che travolge e coinvolge
solo chi, nel silenzio, in uno sguardo trova la porta per il suo infinito

Letty

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La poesia non è morta
Postato da Grazia01 il Sabato, 01 ottobre @ 09:17:23 CEST (1379 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni IV


Molti pensano che la poesia sia morta,
uccisa dalla società dell'informazione,
dall'indifferenza e dalla frenesia della vita moderna...
Ma, finché anche solo un piccolo
frammento di essa vivrà dentro di noi,
la poesia non sarà mai morta davvero.

Leggi Tutto... | 947 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'Aquila dello Wyoming
Postato da Paolo il Venerdì, 30 settembre @ 13:40:34 CEST (917 letture)
Le opere di Paolo II
Nel 1985, ‘Tangos – l’exilio de Gardel’ fece sentire l’amaro degli Argentini a Parigi. Nel 1992, ‘Unforgiven’ fece vincere l’Oscar a Clint Eastwood. ‘The Eagle’ continua a sorvolare il nostro mondo.



Leggi Tutto... | 3305 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


JACOPO ORTIS
Postato da Grazia01 il Venerdì, 30 settembre @ 12:00:35 CEST (1701 letture)
Poesie e opere di Ugo Foscolo


LE OPERE

Il culto della patria, del vero e della bellezza, «l'orrore per la popolare licenza e il coraggio contro il potere assoluto spirano da ogni parola da me scritta».





JACOPO ORTIS

Nel Piano di studi il Foscolo annuncia tra le "prose originali" l'opera Laura, lettere; il proposito è ribadito in uno scritto dell'aprile 1796 all'amico Paolo Costa. Questo "libretto", di cui non rimane altra traccia, può essere considerato il primo abbozzo del futuro, e ben diverso, Ortis. Il sostrato di fatti, pensieri, emozioni che dovevano maturare in Laura possono essere indicati nel suicidio "immotivato" dello studente Gerolamo Ortis (Venezia, 29.III. 1796) ; forse nell'amore per la Teotochi Albrizzi; nella propria tormentata e malinconica solitudine; nell'amara constatazione della sconfitta delle passioni nobili e generose. In momenti di profonda infelicità l'animo sensibile avverte il dolore altrui, e vi si accosta con affetto progressivo. Su questo ordito si doveva intessere il romanzo, sentimentale, nella struttura e nello stile prossimo a due successi editoriali del secolo, La nouvelle Héloise e il Werther.
Leggi Tutto... | 6726 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Cuore di donna
Postato da Grazia01 il Venerdì, 30 settembre @ 08:34:45 CEST (1227 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni II



Cuore di donna

Ci sono donne che camminano controvento da una vita. Ci sono donne che hanno occhi profondi e sconosciuti come oceani. Ci sono donne che cambiano pelle per amore..Ci sono donne che donano il loro cuore, per poi ritrovarsi a raccattarne i cocci da sole...Ci sono donne che in silenzio fanno ballare la propria anima su una spiaggia al tramonto...Se ti fermi un istante le puoi sorprendere, mentre lottano contro il proprio istinto...Mentre fanno passeggiare il proprio dolore a piedi nudi, affrontando onde che ad ogni mareggiata sono sempre più minacciose...Ci sono donne che chiudono gli occhi, ascoltando una musica lenta,che rende ancora più salate le loro lacrime...Ci sono donne che con orgoglio ma con il nodo in gola, rinunciano alla felicità...
Leggi Tutto... | 1451 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensiero triste
Postato da Letty il Giovedì, 29 settembre @ 20:17:25 CEST (860 letture)
Le poesie di Letty - II






Che sapore ha un pensiero triste?
Ha il gusto della nostalgia di un sentimento.
Ha il gusto del buio, che cammina sulle rotaie dei ricordi, come tanti vagoni legati da mani intrecciate.
Sa di petrolio e di veleno...
sa di te



Letty
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


DONDOLIO - Luigi Pirandello
Postato da Grazia01 il Giovedì, 29 settembre @ 20:10:15 CEST (1118 letture)
Racconti e poesie di Pirandello








DONDOLIO

Dalla branda, sospesa tra due rami
d’un denso antico olivo saraceno,
gli ultimi ascolto tenui richiami
degli uccelli e il frinire assiduo duro
dei grilli, tra le stoppie, nel sereno
crepuscolo morente. Or sí or no,
nel lento moto, gli occhi mi punge, tra il fogliame oscuro,
lo sfavillio d’un piccolo remoto
astro ch’io non vedrò forse mai piú, tra tanti altri perduto.
E mentre mi spauro alle plaghe pensando ultime, donde
la luce di quel mondo a me proviene,
ecco, una fogliolina me l’asconde;
mi scosto, e un’altra volta lo saluto.


Liugi Pirandello

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Appuntamento 8 ottobre: stelle cadenti
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 28 settembre @ 15:21:04 CEST (1469 letture)
Scienze
Dalle 8 di sera, con cielo limpido, in Italia potremo osservare centinaia di stelle cadenti. Perché?
E che cosa sono?
La "fine" che arriva dal cielo potrebbe essere molto più vicina del famigerato 2012 . È la stessa Nasa ad attirare l'attenzione su quanto potrebbe accadere 1'8 ottobre, ma l'allarme non riguarda per fortuna le nostre vite: a essere in pericolo saranno solo i satelliti, con possibili conseguenze per le previsioni meteo e per la tv satellitare. La causa? Un bombardamento di polveri dallo spazio che durerà circa 7 ore e potrebbe produrre - secondo gli scienziati - una delle più spettacolari notti di stelle cadenti delle ultime decadi.


Leggi Tutto... | 5656 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La cometa
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 28 settembre @ 09:00:43 CEST (946 letture)
Poesie di Maria Luisa Spaziani







La cometa

Quel mio amore per lui aveva ali di cera
lunghe le ali sembravano eterne
battevano il cielo sicure, sfioravano picchi,
puntavano al sole con nervature nervine.

Fuse le ali ormai mi ricrescono dentro,
soltanto ora perdute mi diventano vere,
e ai cuori incauti grido: la passione è un fantasma
troppo importante, uomini, per potersi incarnare.

Chiomate vaganti comete di Halley, presagi
disastri prodigi che infiammano e gelano il sangue,
nessuno osi fissarvi, si arrischi a sfiorare
coaguli di pura lontananza - morgane.



Maria Luisa Spaziani

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il colonnello Slade
Postato da Paolo il Mercoledì, 28 settembre @ 08:41:02 CEST (964 letture)
Le opere di Paolo II
A forza di raccontare film del passato, ci viene voglia di presente. Partiti da ‘Scent of a Woman’ arriviamo, niente meno, che a ‘The Eagle’.


Leggi Tutto... | 2771 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


È abbastanza
Postato da Grazia01 il Martedì, 27 settembre @ 18:51:04 CEST (833 letture)
Poesie di Teasdale






È abbastanza

È abbastanza per me di giorno
Camminare sulla stessa terra luminosa con lui
Abbastanza che su di noi di notte
Lo stesso grande tetto di stelle sia buio.
Non ho alcuna cura di legare il vento
O posare un ostacolo sul mare
È abbastanza sentire il suo amore
Che soffia come musica su di me.


Sara Teasdale


Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La conoscenza di sé
Postato da Grazia01 il Martedì, 27 settembre @ 16:59:55 CEST (944 letture)
Riflessioni III

La conoscenza di sé

I problemi del mondo sono così colossali, così estremamente complessi, che per comprenderli e risolverli bisogna affrontarli in maniera molto semplice e diretta; ma, la semplicità, la risolutezza, non dipendono da circostanze esterne, né da particolari pregiudizi e umori. La soluzione non si può trovare attraverso conferenze e progetti, né può consistere nella sostituzione dei vecchi capi con nuovi capi, o altre misure simili. La soluzione è da cercare invece alla fonte del problema, ossia nel responsabile della malvagità, dell'odio e dell'enorme incomprensione che esiste fra gli esseri umani. Il responsabile di tale malvagità, la fonte di tutti questi problemi, è l'individuo, siamo voi e io, non il mondo così come siamo abituati a raffigurarcelo.
Leggi Tutto... | 16870 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lacrime di cristallo
Postato da Letty il Martedì, 27 settembre @ 08:59:51 CEST (880 letture)
Le poesie di Letty - II





Contempla le mie lacrime di cristallo
brillano con la luce della luna in mille sfavillanti colori...
peccato che in quella meraviglia l'unica cosa che vedo io è il mio dolore...


Letty
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Fermati, amico
Postato da Grazia01 il Lunedì, 26 settembre @ 18:35:14 CEST (895 letture)
Poesie sulla vita I








Fermati, amico

Fermati, amico:
del celato profumo della vita
ti voglio dire.

La vita non ha filosofie,
né sottili sistemi di pensiero.

La vita non ha religioni,
né adorazione in santuari profondi.

Leggi Tutto... | 892 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il nostro gioco del calcio [ 1 commenti - 11 letture ]
 Poesie di Giuseppe Conte [ 1 commenti - 25 letture ]
 Poesie di Andrea Zanzotto [ 0 commenti - 21 letture ]
 Se ne vanno [ 0 commenti - 16 letture ]
 Via Domiziana [ 2 commenti - 44 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 19
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy