Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 82
Totale: 82
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: coppermine
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: News
19: Home
20: Home
21: Stories Archive
22: News
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: coppermine
31: Home
32: coppermine
33: Home
34: Stories Archive
35: coppermine
36: coppermine
37: News
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: coppermine
49: Home
50: Search
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: News
64: News
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Stories Archive
71: Search
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: News
82: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8939
  · Viste: 1792011
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
ODI
Postato da Grazia01 il Lunedì, 25 luglio @ 21:10:44 CEST (795 letture)
Poesie e opere di Alessandro Manzoni




ODI


IL 5 MAGGIO.

Fu pensata e composta tra il 17 e il 26 luglio 1821. La censura rifiutò il visto per la stampa: per riguardo all'autore, il censore in persona, il Bellisomi, si recò a restituirgli una delle due copie, non autografe, inviate per l'approvazione. Ma la copia che doveva rimanere in ufficio, come aveva previsto il Manzoni, ne usci e il testo dell'ode si diffuse. Il Goethe ne pubblicò una traduzione nel '22; l'anno successivo l'editore Marietti la stampava a Torino nel testo italiano. L'edizione definitiva, con lievi ritocchi, è nelle Opere varie.
Leggi Tutto... | 3474 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


CHIRURGO ARGUTO
Postato da rosarossa il Lunedì, 25 luglio @ 21:05:37 CEST (1931 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VI


CHIRURGO ARGUTO

Una volta ero io il miglior dottore,
il medico di tutte le chiamate,
le mie cure e le mie medicine
giovavano alle donne un po' malate.



Leggi Tutto... | 932 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Stranezze e Strane abitudini dei Poeti
Postato da Grazia01 il Domenica, 24 luglio @ 20:10:46 CEST (1242 letture)
ARTE II
Abbiamo pubblicato poesie strane e originali, ora proviamo a inserire le stranezze dei poeti.

Infatti i Sommi Poeti, famosi per le loro splendide opere letterarie, non sono però altrettanto noti per una vita sana, regolare e dentro gli schemi, di seguito una Top 5 sulle stranezze di questi illustri autori.



5) Vittorio Alfieri

Sembra che, il buon Vittorio, oltre ad aver collezionato, nel corso della propria esistenza in giro per l’Europa, più malattie veneree di Madonna, dopo la rappresentazione, nel 1775, della tragedia “Cleopatra”, giudicò immeritati gli applausi, e, per mettersi in grado di meritarne davvero, si diede a studiare con quella foga e quell’accanimento che resero proverbiale la sua forza di volontà. Leggenda o realtà che si facesse legare ad una sedia dal suo cameriere, dandogli ordine di non slegarlo per date ore e spesso ripeteva la famosa frase: “Volli, sempre volli, fortissimamente volli”.
Leggi Tutto... | 5638 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


PRIMO SINTOMO
Postato da rosarossa il Venerdì, 22 luglio @ 21:40:17 CEST (802 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VI






PRIMO SINTOMO

Piccola musa dai biondi capelli
t'incanta il mondo, non sai cos'è l'amore
parli alle nuvole, interroghi le stelle,
chiedi alla luna!

Leggi Tutto... | 764 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Come in una cattedrale
Postato da Grazia01 il Martedì, 19 luglio @ 22:05:32 CEST (1166 letture)
Poesie di Maria Luisa Spaziani






Come in una cattedrale


Entro in questo amore come in una cattedrale,
come in un ventre oscuro di balena.
Mi risucchia un'eco di mare, e dalle grandi volte
scende un corale antico che è fuso alla mia voce.

Leggi Tutto... | 696 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ci sono giorni...
Postato da Grazia01 il Lunedì, 18 luglio @ 21:44:21 CEST (822 letture)
Riflessioni III

Ci sono giorni memorabili nelle nostre vite in cui incontriamo persone che ci fanno fremere come ci fa fremere una bella poesia, persone la cui stretta di mano è colma di tacita comprensione e il cui carattere dolce e generoso dona alle nostre anime desiderose e impazienti una pace meravigliosa. Forse non le abbiamo mai viste prima e magari non attraverseranno mai più il sentiero della nostra vita; ma l'influsso della loro tranquillità e umanità è una libagione versata sul nostro malcontento, e sentiamo il suo tocco salutare come l'oceano sente la corrente della montagna che rinfresca le sue acque salate.

Helen Keller
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA VITA
Postato da Grazia01 il Venerdì, 15 luglio @ 08:37:43 CEST (1037 letture)
Poesie e prosa di Gibran I



La vita è un’isola in un oceano di solitudine: le sue scogliere sono le speranze, i suoi alberi sono i sogni, i suoi fiori sono la vita solitaria, i suoi ruscelli sono la sete. La vostra vita, uomini, miei simili, è un’isola, distaccata da ogni altra isola e regione. Non importa quante siano le navi che lasciano le vostre spiagge per altri climi, non importa quante siano le flotte che toccano le vostre coste: rimanete isole, ognuna per proprio conto, a soffrire le trafitture della solitudine e sospirare la felicità. Siete sconosciuti agli altri uomini e lontani dalla loro comprensione e partecipazione.
Leggi Tutto... | 3122 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


D'estate
Postato da Grazia01 il Giovedì, 14 luglio @ 22:12:22 CEST (1442 letture)
Poesie di Betocchi


D'estate


E cresce, anche per noi
l'estate
vanitosa, coi nostri
verdissimi peccati;


Leggi Tutto... | 674 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il colloquio della preghiera
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 13 luglio @ 21:25:15 CEST (983 letture)
Poesie di Thomas




Il colloquio della preghiera

Il colloquio delle preghiere sul punto d’esser dette
Dal bimbo che va a letto e dall’uomo per le scale



Leggi Tutto... | 1263 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LUCE DI UN SORRISO
Postato da rosarossa il Martedì, 12 luglio @ 21:40:37 CEST (1155 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VI


LUCE DI UN SORRISO



Il mio cuore batte forte come allora
quando bimbo sul gradino del portone
aspettavo il tuo arrivo



Leggi Tutto... | 590 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


A giorni alterni
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 luglio @ 21:27:06 CEST (927 letture)
Poesie di Maria Luisa Spaziani


A giorni alterni


A giorni alterni sono io la luna
e tu l'immensa terra che mi attira,
e questa notte tu, sei la luna
-io ti tengo al guinzaglio-
So che mi stai sognando, mi accarezzi,
i globuli lo sanno del mio sangue,
ogni mio nervo teso come un arco
o un'arpa eolia che vibra al respiro.


Maria Luisa Spaziani

Biografia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La "casta" di Internet
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 luglio @ 21:12:30 CEST (1036 letture)
Invenzioni e origini II



Una connessione veloce con Internet al giorno d’oggi è una cosa normale: la usiamo per fare ogni genere di attività, lavorare, inviare lettere e tenerci in contatto con gli altri, leggere le ultime notizie, fare operazioni bancarie, ordinare un libro o un paio di scarpe, informarci su qualsiasi argomento.
Collegarsi è facilissimo. Quasi tutti i personal computer recenti hanno un’interfaccia wireless; se ci si trova in una zona con una rete wireless aperta, come avviene spesso nei locali pubblici, negli alberghi, negli aeroporti, o se a casa si è installato un modem wireless, basta accendere il computer e si è subito su Internet senza dover fare niente. Il software si preoccupa di tutto: ricerca una rete, se necessario invia la password inserita la prima volta che ci si è connessi, richiede un indirizzo di rete con il quale comunicare con gli altri computer, gestisce l’invio e la ricezione dei pacchetti.
Leggi Tutto... | 3880 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le vacanze
Postato da Grazia01 il Venerdì, 08 luglio @ 21:39:34 CEST (848 letture)
Riflessioni III



Le tanto attese vacanze, alle porte per alcuni o in pieno svolgimento per altri, rappresentano nelle nostre vite così occupate, piene di scadenze e stress, un orizzonte di meritata pace e libertà. Un viaggio a ritroso che ripercorre il bisogno umano di spostarsi, passando da Gilgamesh a Marco Polo, analizzando le riflessioni di Aristotele e Karl Marx, per arrivare infine ai giorni nostri, e che conduce le coscienze verso una riflessione più profonda sulla necessità e le aspettative delle vacanze.
Ma le due o tre settimane di riposo tanto attese e bramate, che corrispondono per molti alla rottura con la routine del quotidiano, rappresentano veramente per l’uomo moderno la libertà di esprimere il proprio io, la propria creatività e le proprie passioni?
Leggi Tutto... | 998 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La dura prova
Postato da Grazia01 il Venerdì, 08 luglio @ 21:34:42 CEST (811 letture)
Poesie di Verlaine


La dura prova


La dura prova è ormai alla fine:
mio cuore, sorridi al domani.
Son passati i giorni angosciosi,
quando ero triste fino al pianto.
Anima mia, ancora un poco,
non stare a contare gli istanti.
Ho letto le parole amare,
e ho bandito le oscure chimere.
Gli occhi non possono vederla
a causa di un dovere doloroso,
l’occhio è ansioso di ascoltare
le note d’oro della sua voce tenera,
tutto il mio essere e il mio amore
acclamano il giorno felice
in cui, unico sogno, unico pensiero,
ritornerà da me la fidanzata.


Paul Verlaine

Biografia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Maria Luisa Spaziani
Postato da Grazia01 il Giovedì, 07 luglio @ 21:11:44 CEST (1287 letture)
Biografie IX


Maria Luisa Spaziani nasce a Torino nel 1924. La città di Torino compare pochissimo nella sua poesia; più presenti sono invece i paesaggi tra il Piemonte e la Liguria, e le campagne dell’astigiano, dove vive gli anni dello sfollamento. È lì che impara a conoscere «gli odori, i profumi, le scorze degli alberi, i ritmi della semina», e tutto questo la avvicinata al mondo dei contadini: «la raccolta delle patate — lei dice — è inebriante, perché viene fuori il sapore della terra viva». Una delle sue poesie più antiche, inserita nella silloge d’esordio, Le acque del Sabato (1954), racconta il paese della madre, Mongardino d’Asti:


Alberi nudi dentro un tempo nudo
sul cielo del paese di mia madre.
Dove s’ingorga l’acqua nei canali
tra l’erba rinsecchita
e la vite s’attorce nella bruma
con mani disperate. […]

Leggi Tutto... | 10303 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Riflessioni sul dolore
Postato da Grazia01 il Giovedì, 07 luglio @ 08:37:39 CEST (1226 letture)
Psicologia e salute I
“… Dunque, limitiamoci ad occuparci del dolore. Concedo loro e volentieri, che sia il peggior accidente della nostra esistenza; di fatto io sono un uomo che lo odia quant’altri mai e quant’altri mai lo fugge, per non aver avuto finora, grazie a Dio, grandi rapporti con esso. Ma sta in noi, se non annullarlo, per lo meno diminuirlo con la pazienza e, quand’anche il corpo ne fosse scosso, mantenere l’anima e la ragione ben salde …”
Michel de Montaigne, Saggi, I, 14 (1)





La corporeità di San Sebastiano è da sempre, nella Storia dell’Arte, una delle maggiori dimostrazioni di capacità di illustrare l’anatomia e la fisicità del corpo. La figura di San Sebastiano costituisce un’icona della rappresentazione del corpo che attraversa il tempo e le culture europee, unendo in modo indissolubile, nell’immaginario collettivo, la materia al dolore. Nel personaggio di San Sebastiano corpo e dolore sembrano essere legati da un vincolo ineludibile, in una forma di evoluzione, ma sarebbe meglio dire di diversificazione, che si trasferisce da Antonello da Messina ad Andrea Mantenga e oltre.
Rappresentare il dolore permette infatti delle visioni didascaliche e agiografiche che possono essere proposte come modelli positivi, nonostante alcune possibili ambiguità interpretative, come nella rappresentazione del santo operata da El Greco, in cui il dolore del corpo sfuma nella sensualità dell’immagine. Sempre naturalmente che il dolore non entri nella vita umana in modo assolutamente ingovernabile, inspiegabile e soprattutto improvviso.
Leggi Tutto... | 22641 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il desiderio
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 06 luglio @ 21:33:19 CEST (974 letture)
Poesie di Maria Luisa Spaziani



Il desiderio



Il desiderio è scivolare in sé,
è un ombelico interno che concentra
ogni energia, la rapida che preme
sul pettine ruggente della diga.



Leggi Tutto... | 796 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Benvenuto lino
Postato da Grazia01 il Martedì, 05 luglio @ 20:53:46 CEST (768 letture)
Messaggi II


Un cordiale benvenuto a lino, ora Casatea è anche casa tua.
In attesa di vedere quanto vorrai proporre, ti porgo i miei migliori saluti.

Grazia
a nome dello staff
Leggi Tutto... | 317 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Parole
Postato da Grazia01 il Lunedì, 04 luglio @ 20:59:12 CEST (1089 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI



Parole


Parole
lame nell'anima,
o piume nel silenzio
invadono la realtà
senza permesso


Leggi Tutto... | 535 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Poesia d'amore - Alfonso Gatto
Postato da Grazia01 il Lunedì, 04 luglio @ 20:51:34 CEST (1328 letture)
Poesie di Gatto Alfonso



Poesia d’amore


Le grandi notti d’ estate
che nulla muove oltre il chiaro
filtro dei baci, il tuo volto
un sogno nelle mie mani.


Leggi Tutto... | 733 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Notti d'estate
Postato da Grazia01 il Lunedì, 04 luglio @ 19:02:22 CEST (882 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI






Quando scende la notte e nel cielo d'estate
spunta una falce di luna,
circondata da una miriade di stelle,
chiniamo il capo di lato
e immaginiamo che l'universo ci sorrida,
abbracciandoci nella sua serena immensità

Grazia




commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Maturità e cambiamenti
Postato da Grazia01 il Domenica, 03 luglio @ 19:33:17 CEST (958 letture)
Riflessioni III


Spesso la raggiunta maturità e indipendenza dei figli coincide con il desiderio di molti di “rifarsi” una vita. Quasi avessero subito fino a quel momento una situazione che, venuti meno certi doveri, lascia posto a nuove cose. Certo, non è mai tardi per cambiare, si può ricominciare a tutte le età. Ogni trasformazione inizia, di solito, con un’indefinita scontentezza e un’inquietudine alla quale, il più delle volte, non sappiamo assegnare un nome. "Mi sento vuoto, perso, non ho più voglia di fare nulla, ho voglia di scappare, andare lontano dove non ci sono persone che conosco, lontano dal mio lavoro, lontano dai figli, dal mio ruolo…" A volte può essere il prendere coscienza che la vita che si sta portando avanti non fa sentire pienamente se stessi.
Leggi Tutto... | 2639 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Leonardo il pescatore
Postato da rosarossa il Sabato, 02 luglio @ 08:48:35 CEST (1061 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VI



Leonardo il pescatore



Mi chiamano Leonardo il pescatore
passo le notte in compagnia del mare.
Tramonta il sole,
mi cullano le onde nel mio andare
la notte avanza calma e silenziosa
s'accendono i pensieri come fari.


Leggi Tutto... | 979 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


IL PRIMO AMORE
Postato da Anonimo il Venerdì, 01 luglio @ 18:30:17 CEST (955 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II



IL PRIMO AMORE


L'ho vista un giorno alla fermata,

era sorridente e felice.

L'ho vista innamorata con gli occhi felici

e con le dita intrecciate.

Leggi Tutto... | 815 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Non chiedermi parole, oggi non bastano
Postato da Grazia01 il Giovedì, 30 giugno @ 21:04:57 CEST (1100 letture)
Poesie di Maria Luisa Spaziani



Non chiedermi parole, oggi non bastano




Non chiedermi parole oggi non bastano.
Stanno nei dizionari: sia pure imprevedibili
nei loro incastri, sono consunte voci.
È sempre un prevedibile dejà vu.
Vorrei parlare con te – è lo stesso con Dio –
tramite segni umbratili di nervi,
elettrici messaggi che la psiche
trae dal cuore dell’universo.
Un fremere d’antenne, un disegno di danza,
un infinitesimo battere di ciglia,
la musica-ultrasuono che nemmeno
immaginava Bach.

Maria Luisa Spaziani

Biografia




Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il bacio colpisce come la folgore
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 giugno @ 21:54:59 CEST (829 letture)
Poesie d'autore II


Il bacio colpisce come la folgore


Il bacio colpisce come la folgore,
l'amore passa come un temporale,
poi la vita torna a calmarsi come il cielo
e ricomincia come prima.
Si può ricordare una nuvola?


Guy de Maupassant



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Magia della vita
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 giugno @ 19:31:39 CEST (1072 letture)
Poesie e prosa di Gibran I


Magia della vita


In un campo ho veduto una ghianda:
sembrava così morta, inutile.



Leggi Tutto... | 547 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA PENTECOSTE
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 giugno @ 19:08:55 CEST (917 letture)
Poesie e opere di Alessandro Manzoni


LA PENTECOSTE

Madre de' Santi; immagine
Della città superna:
Del Sangue incorruttibile
Conservatrice eterna;
Tu che, da tanti secoli,
Soffri, combatti e preghi,
Che le tue tende spieghi
Dall'uno all'altro mar;
Leggi Tutto... | 3705 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


INNI SACRI
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 giugno @ 19:00:58 CEST (911 letture)
Poesie e opere di Alessandro Manzoni


INNI SACRI

Nei progetti del Manzoni, questi Inni, esplicito segno della sua nuova poesia, dovevano essere dodici: /Il Natale, L'Epifania, La Passione, La Risurrezione, L'Ascensione, La Pentecoste, Il Corpo del Signore, La Cattedra di S. Pietro, L'Assunzione, Il Nome di Maria, Ognissanti, I Morti.
Come si vede, tutte le feste più popolari dell'anno liturgico. Dei dodici solo cinque, si è detto, furono compiuti ed editi: Il Natale, La Passione, La Risurrezione, Il Nome di Maria, tra l'aprile 1812 e l'ottobre 1815; a questi si aggiunse La Pentecoste, sette anni più tardi.

IL NATALE. La nascita del Messia (nome da non cercare nella lirica, dove neppure si incontrano « Salvatore, Cristo, Gesù ») è rivissuta nello spirito della commemorazione liturgica e del Vangelo; e il significato è dichiarato in paragoni, interpretazioni, in tutto un sentimento di raccolta e stupefatta serenità diffuso in versi di rettorica insieme alta e umile, sempre suggestiva.
Leggi Tutto... | 3535 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La natura morta nel Medioevo
Postato da Grazia01 il Martedì, 28 giugno @ 21:38:39 CEST (3424 letture)
ARTE II
continua da

La natura morta nel Medioevo





Particolare del soffitto del Mausoleo di Santa Costanza, Roma.

Il bellissimo mosaico, del IV secolo, ritrae la santa e dei vendemmiatori, oltre a volute di pampini, esempi paleocristiani di "natura morta".
La decorazione, il cui tema si ritrova nell'arte bizantina, è una chiara allusione all'abbondanza della vita eterna.

La natura morta, o stile life, ossia "natura ferma", secondo la definizione dei Paesi nordeuropei, nasce in Italia e in Europa durante il XVI secolo e si sviluppa, assumendo i connotati di un vero e proprio genere pittorico, nel corso del XVII secolo. Esempi di natura morta si trovano già nelle pitture murali delle tombe egizie, nei mosaici romani e, come si è visto, nelle pitture pompeiane, ma la definizione vera e propria di genere autonomo si forma nell'ambito della pittura secentesca e compare in Italia soltanto nella seconda metà del XVIII secolo, in contrapposizione con la "natura vivente", definizione con cui ci si riferiva ai generi aulici, come la pittura religiosa, quella di storia (sacra e profana) e, per certi versi, il paesaggio. Secondo l'ipotesi di alcuni studiosi, la natura morta originerebbe da una ragione apparentemente molto semplice: quella di ritagliare, da uno stesso dipinto di grandi dimensioni, dettagli dello sfondo sufficientemente autonomi per realizzare più dipinti di piccole dimensioni. È un caso, questo, facilmente ravvisabile per quanto concerne alcune pale d'altare o dipinti di committenza privata che, a contorno della scena principale, presentano dettagli accuratamente rappresentati come, ad esempio, una tavola imbandita o un vaso di fiori posto su un davanzale.




Un particolare de La morte del cavaliere di Celano, realizzato da Giotto nella basilica Superiore di San Francesco, Assisi





Un particolare de L'ultima cena, affresco del XII secolo,
tutto giocato sui toni dell'ocra, Saint-Martin, Vicq sur Saint-Chartier


Nel Medioevo la natura morta non può essere considerata un genere autonomo, ma si possono ritrovare in molti casi rappresentazioni di oggetti e vivande all'interno di dipinti a soggetto religioso, e in particolare quando sono contemplate delle tavole imbandite.

Un genere nato per caso

Sicuramente in passato, per motivi di mercato, si usava ritagliare le grandi pale d'altare altrimenti invendibili in quattro, cinque o più pezzi, ricavandone ora una testa di cherubino, ora il busto di un santo, ora un'immagine del volto di Gesù. Anche i dettagli floreali devono aver seguito la medesima sorte, inaugurando un po' per caso la pittura di genere minore, come da sempre è stata considerata la natura morta. Ma questa spiegazione, sebbene saldamente ancorata a una prassi effettivamente in uso, non esaurisce le possibili interpretazioni di un tema che inevitabilmente suscita e merita considerazioni più approfondite. Basti infatti pensare alle pitture delle catacombe con i serti di frutta utilizzati in maniera decorativa e simbolica
(con riferimento all'abbondanza e alla prospettiva della vita eterna), oppure ai mosaici
paleocristiani, come i soffitti musivi del Mausoleo di Santa Costanza a Roma, per capire che il problema della genesi del genere "natura morta" è ben più complesso che il semplice paventato spezzettamento di un quadro più grande.
Leggi Tutto... | 9251 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Novembre [ 0 commenti - 22 letture ]
 DOVE SENTO LA PRESENZA DELLA MADONNA: (ESPERIENZA DI VITA E DI FEDE) [ 0 commenti - 15 letture ]
 Musica [ 0 commenti - 37 letture ]
 Addio settembre, benvenuto ottobre [ 0 commenti - 42 letture ]
 La cura della poesia [ 0 commenti - 42 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 14
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy