Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 334
Totale: 334
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Stories Archive
09: Home
10: News
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Forums
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Forums
30: Home
31: coppermine
32: Home
33: News
34: coppermine
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Search
41: Home
42: coppermine
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: coppermine
53: Home
54: Home
55: Search
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Search
63: Home
64: Forums
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: News
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: coppermine
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: coppermine
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Search
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: coppermine
100: Stories Archive
101: Home
102: Stories Archive
103: Home
104: coppermine
105: Home
106: Statistics
107: News
108: News
109: News
110: News
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Stories Archive
117: Home
118: Home
119: coppermine
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Your Account
130: Home
131: Home
132: News
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: News
146: Search
147: Home
148: coppermine
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Stories Archive
156: Home
157: Home
158: coppermine
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: coppermine
167: Home
168: Home
169: Search
170: Home
171: Home
172: News
173: Stories Archive
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Search
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: Home
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: coppermine
198: Home
199: Home
200: Home
201: News
202: Home
203: Home
204: coppermine
205: coppermine
206: Search
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: News
216: Home
217: coppermine
218: Stories Archive
219: Home
220: Home
221: coppermine
222: Home
223: News
224: Home
225: News
226: Home
227: Home
228: Search
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: News
242: Home
243: Stories Archive
244: Home
245: Home
246: Forums
247: Home
248: Stories Archive
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: News
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: coppermine
266: Home
267: Home
268: Home
269: Home
270: News
271: Home
272: Home
273: Stories Archive
274: Home
275: Home
276: Home
277: Home
278: Search
279: News
280: Home
281: Tell a Friend
282: Home
283: coppermine
284: Home
285: Home
286: coppermine
287: Home
288: Home
289: Home
290: Home
291: News
292: News
293: Home
294: Surveys
295: News
296: News
297: News
298: Home
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: coppermine
309: Home
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: Home
316: Search
317: Home
318: Stories Archive
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: Search
325: Home
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: News
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9049
  · Viste: 1924122
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
La rivincita degli incompresi
Postato da Grazia01 il Sabato, 10 settembre @ 20:11:28 CEST (1407 letture)
Letture varie III

La rivincita degli incompresi


Troppo timidi, troppo originali o spaventati dalle sfide? Tutti lo siamo. Risultato: finiamo per essere (o sentirci) sottostimati. Oggi è considerato un grande nome della letteratura italiana. Ma in vita non ebbe il riconoscimento che avrebbe desiderato: il suo unico romanzo venne pubblicato un anno dopo la sua morte.
Il libro era Il Gattopardo, e il suo autore Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Un grande ... incompreso: è rimasto famoso il giudizio di un altro scrittore, Elio Vittorini, che respinse il romanzo per l'editore Einaudi (spiegando a Tomasi, in una lettera, che lo trovava non "sufficientemente equilibrato nelle sue parti"), pur consigliando invece a Mondadori di assicurarsi il libro ... dopo una revisione dell'autore.
Leggi Tutto... | 15233 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Comportarsi come un bambino
Postato da Grazia01 il Sabato, 10 settembre @ 14:01:02 CEST (993 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II


" La gioventù è una cosa meravigliosa. Che crimine rovinarla nei giovani"
(George Bernard Shaw)

Baudelaire descrisse il genio come la gioventù ritrovata. Aveva ragione: è il ragazzo che ha il V d. e
che è creativo non l'adulto.


Leggi Tutto... | 1722 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


quante volte... di Cesare Pavese
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 settembre @ 13:02:47 CEST (1447 letture)
Letture varie III

...ma quante volte avevo visto passare le carrette rumorose con su le sediate di donne e ragazzi, che andavano in festa, alla fiera, alle giostre di Castiglione, di Cossano, di Campetto, dappertutto, e io restavo con Giulia e Angiolina sotto i noccioli, sotto il fico, sul muretto del ponte, quelle lunghe sere d'estate, a guardare il cielo e le vigne sempre uguali. E poi la notte, tutta la notte per la strada si sentivano tornare cantando, ridendo, chiamando attraverso il Belbo. Quasi godevo se veniva un temporale, il finimondo, di quelli d'estate, e gli guastava la festa.
Leggi Tutto... | 1792 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il rogo dei libri di Bertolt Brecht
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 settembre @ 09:18:52 CEST (5817 letture)
Poesie d'autore I





Il rogo dei libri



Quando il regime ordinò che in pubblico fossero arsi
i libri di contenuto malefico e per ogni dove
furono i buoi costretti a trascinare
ai roghi carri di libri, un poeta scoprì
- uno di quelli al bando, uno dei meglio - l'elenco
studiando degli inceneriti, sgomento, che i suoi
libri erano stati dimenticati. Corse
al suo scrittoio, alato d'ira
e scrisse ai potenti una lettera.
Bruciatemi!, scrisse di volo, bruciatemi!
Questo torto non fatemelo! Non lasciatemi fuori! Che forse
la verità non l'ho sempre, nei libri miei, dichiarata? E ora voi
mi trattate come fossi un mentitore! Vi comando:
bruciatemi!


Bertolt Brecht
(trad. di F.Fortini)



Purtroppo la storia dei libri messi all'indice anche senza il rogo, continua, a gennaio se ne parlò ma non fu diffusa la notizia in televisione (ad eccezione forse del Tg3) e poco se ne è parlato sulla carta stampata, non ne sò molto di più per cui mi astengo dal commentare oltre, solo mi pare ormai evidente che in questo paese sia in atto la sistematica censura di quelle voci che si levano contro "il potere".
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Io scrivo di Orhan Pamuk
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 settembre @ 08:32:38 CEST (4740 letture)
Poesie d'autore I


Io scrivo



Io scrivo perché sento il bisogno innato di scrivere!
Scrivo perché non posso fare un lavoro normale, come gli altri.
Scrivo perché voglio leggere libri come quelli che scrivo.
Scrivo perché ce l’ho con voi, con tutti.
Scrivo perché mi piace star seduto in una stanza a scrivere tutto il giorno.
Scrivo perché posso sopportare la realtà soltanto trasformandola.[/
Scrivo perché tutto il mondo conosca il genere di vita che abbiamo vissuto,
che viviamo io, gli altri, tutti noi a Istambul, in Turchia.
Leggi Tutto... | 2462 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La memoria dei bambini di Silvio Ramat
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 settembre @ 16:33:54 CEST (4113 letture)
Poesie d'autore I







La memoria dei bambini


La memoria dei bambini,
finch'è intera, trattiene fotogrammi
che in un anno o anche meno, sotto l'ombra
della vita, saranno puro oblio.
Leggi Tutto... | 841 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il lustrascarpe di Louis Sepùlveda
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 settembre @ 15:56:59 CEST (1089 letture)
Racconti IV

...Su una panchina della piazza c’era un bambino, un ragazzino curvo come un vecchio. Non doveva avere più di dieci anni e piangeva disperato.
«Che ti è successo, signorino?» domandò il Selvaggio.
Tirando su col naso ci raccontò che gli avevano rubato la cassetta degli attrezzi con tutti i guadagni della giornata e non aveva il coraggio di tornare a casa.
Il Selvaggio disse che dovevamo fare qualcosa e chiamò un altro lustrascarpe.
«Amico, prendo a noleggio la tua cassetta per un’ora, con tutto quel che c’è dentro.»
Leggi Tutto... | 3040 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lode della dialettica di Bertolt Brecht
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 settembre @ 12:24:45 CEST (4055 letture)
Poesie d'autore I








Lode della dialettica


L'ingiustizia oggi cammina con passo sicuro.
Gli oppressori si fondano su diecimila anni.
La violenza garantisce: Com'è, così resterà.
Nessuna voce risuona tranne la voce di chi comanda
e sui mercati lo sfruttamento dice alto: solo ora io comincio.
Ma fra gli oppressi molti dicono ora:
quel che vogliamo, non verrà mai.
Leggi Tutto... | 565 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poeta
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 07 settembre @ 16:26:05 CEST (1410 letture)
Poesie e altro di Dickinson








Poeta

Se faccio una classifica -
Prima metto il poeta -
Poi il sole, poi l’estate -
Poi il cielo di Dio -
E la lista è completa.


Leggi Tutto... | 560 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


da Manon Balletti a Giacomo Casanova
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 07 settembre @ 08:25:10 CEST (1033 letture)
Lettere





da Manon Balletti a Giacomo Casanova

(Parigi, fine Agosto 1757)


Domenica a mezzanotte

Mi rendo sempre più conto della tenera amicizia che provo per voi, mio caro Casanova; ora più che mai. La vostra lontananza mi dà un grande dolore che non so esprimere a parole.
Sono cosi accasciata da non averne la forza. Non so rassegnarmi alla triste idea che siate lontano da me, che per due interi mesi non vi potrò vedere e non avrò neppure vostre notizie.
Queste melanconie mi opprimono, mi gelano il cuore. Non devo pensarci; ahimè!, mio caro amico, se lo facessi mi priverei della gioia di testimoniarvi la mia amicizia.
Leggi Tutto... | 2895 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Esempi
Postato da Grazia01 il Martedì, 06 settembre @ 21:00:19 CEST (1031 letture)
Poesie di Pozzi Antonia






Esempi

Anima, sii come il pino:
che tutto l'inverno distende
nella bianca aria vuota
le sue braccia fiorenti
e non cede, non cede,
nemmeno se il vento,
recandogli da tutti i boschi
il suono di tutte le foglie cadute,
gli sussurra parole d'abbandono;
nemmeno se la neve,
gravandolo con tutto il peso
del suo freddo candore,
immolla le fronde e le trae
violentemente
verso il nero suolo.
Leggi Tutto... | 1217 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA NATURA MORTA NEL SEICENTO
Postato da Grazia01 il Domenica, 04 settembre @ 20:00:08 CEST (3375 letture)
ARTE II
continua da

LA NATURA MORTA NEL SEICENTO






Particolare della tela di Georges de La Tour, La Maddalena penitente, Louvre, Parigi.
Il soggetto è ambientato in un interno domestico rischiarato appena da una lampada a olio che illumina i semplici e umili oggetti della stanza.


Mentre il Manierismo si diffonde in tutta Europa lungo l'arco del Cinquecento, l'attenzione al dettaglio e alla descrizione naturalistica dal vero si sviluppa prevalentemente in due luoghi: le Fiandre, in particolare ad Anversa, e il Nord Italia. I due poli europei sono al centro di questo rinnovato sguardo verso la natura e le già citate opere di Leonardo e Jacopo Ligozzi serviranno da spunto essenziale per il diffondersi della pittura a scopo illustrativo, da cui la natura morta discende per analogia. Una spinta decisiva allo sviluppo a quest'ultimo genere pittorico nel Nord Europa dipese dalla Riforma protestante che, sia pure all'interno del contesto e della cultura cristiani, impattò pesantemente sulla vita e sulle scelte degli artisti, in precedenza impegnati a soddisfare committenze di carattere religioso; la grande produzione d'arte sacra fiamminga tardoquattrocentesca già ricordata ebbe così a subire un brusco arresto. Uno dei cardini della Riforma voluta da Martin Lutero (1483-1546) fu, infatti, l'abolizione del culto dei santi e dei riti liturgici, nonché quella delle immagini sacre, possibile tentazione di idolatria.



Jan Davidsz de Heem, Natura morta.
Un ritorno al gusto fiammingo in quest’enorme composizione in cui l'artista olandese rende con scrupolosa minuzia e grande virtuosismo una tavola imbandita con cibi, frutta e persino un variopinto pappagallo.


L'effetto della Riforma

Una così drastica rivoluzione religiosa si ripercosse sulla produzione artistica nordeuropea, sino a quel momento animata da numerosissimi dipinti di soggetto sacro, ricchi di secondari elementi descrittivi dalla tipologia più svariata: oggetti, vasi con fiori, frutta, libri e strumenti musicali, animali e piante. Gli artisti provenienti dalle Fiandre, maestri eccellenti della pittura a olio e illustratori di grande pregio, furono così sottoposti a un repentino giro di vite e ripiegarono sulla produzione di piccoli dipinti destinati a una fruizione privata. La natura morta divenne quindi più facilmente commerciabile e meno suscettibile di attacchi per ragioni di culto delle immagini, motivo per cui molti degli artisti rivolsero la loro attenzione verso soggetti non sacri. Come si vede, il mero espediente del ritaglio non è l'unico fattore a spiegare la nascita della natura morta in quanto tale, mentre le ragioni dell'affermarsi di questo genere pittorico, soprattutto in area nordeuropea, derivano dai profondi mutamenti religiosi e sociali che questi Paesi si trovarono ad affrontare durante il XVI secolo. La nuova scena religiosa apportò un cambiamento drammatico anche per quel che concerneva il ruolo dell'artista: inibito nella necessità di misurarsi con la complessità compositiva di scene sacre, mitologiche o di pubblica rappresentanza, il pittore "riformato" è costretto a operare lontano dai riflettori della magniloquente arte di corte per rivolgere l'attenzione verso un mondo minore, d'importanza apparentemente inferiore, che però nasconde il muto linguaggio degli oggetti e comunica un suo fascino segreto la cui armonica simmetria s'annida tra un fatto e l'altro della quotidianità. Tutto questo avvenne in un momento di particolare prosperità dei Paesi Bassi, e quindi del mercato dell'arte, che si rivolgeva prevalentemente alla nuova classe borghese. Ne derivò una risposta alla domanda di una produzione artistica rinnovata talmente esuberante da determinare una vera e propria esplosione del genere "natura morta" durante tutto il Seicento.



Pieter Claesz, Natura morta, particolare, Suermondt Ludwig Museum, Aquisgrana.
Il tema delle "tavole imbandite", ricche di cibi e vasellame è molto diffuso soprattutto in Nord Europa, dove intere famiglie di pittori si specializzano in questo genere.


Nel corso del secolo, infatti, questo tema raggiunge altissimi livelli in materia di composizione, profondità e complessità di significati, per penetrare all'interno degli oggetti e leggerne i segnali silenziosi di comunicazione col mondo degli uomini. Molte delle composizioni di natura morta sono da considerarsi come istantanee ante litteram di un momento fissato nel presente dell'artista, secondo un singolare gioco di ruolo tra lo spettatore e il pittore.



Willem Kalf, Natura morta, particolare, Rijksmuseum, Amsterdam.
Leggi Tutto... | 16411 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Tocca a te
Postato da Anonimo il Sabato, 03 settembre @ 12:09:39 CEST (1036 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II


Tocca A TE




E' bello guardare due

col cuore che batte forte

come un contrabasso

vestiti proprio da sposi
Leggi Tutto... | 681 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.66


da Giovanni Verga a Dina
Postato da Grazia01 il Venerdì, 02 settembre @ 18:35:41 CEST (996 letture)
Lettere

Mendrisio, 29 Agosto 1900

Tante, tante cose ti vorrei dire che mi si affollano alla mente e mi gonfiano in cuore e che diventano fredde e sciocche nella carta.
Questo solo ti dico, che ti ho ancora e sempre dinanzi agli occhi, e ti accompagnano in ogni ora della tua giornata, e sento che mi manca la più cara e la miglior parte di me stesso.
Leggi Tutto... | 1806 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il senso della vita per Erri De Luca
Postato da Grazia01 il Giovedì, 01 settembre @ 20:25:12 CEST (942 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca

Le domande sono sassi buttati nell'acqua, producono risposte che si allontanano a onde dalla loro causa. La felicità è un agguato, uno può tenderlo tutta la vita e accorgersi alla fine che la felicità non stava nella cattura ma nella tensione di preparare la trappola dell'appuntamento. Oppure accorgersi che quello che ha chiamato felicità raggiunta, era una fregatura mascherata. Sulla felicità non si costruisce una polis e nemmeno una stanza, solo si possono produrre scintille brevi e irripetibili. Una felicità prolungata è una narcosi.
Leggi Tutto... | 2240 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


E tu m'ascolterai...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 31 agosto @ 21:22:27 CEST (1535 letture)
Poesie di Gatto Alfonso




E tu m'ascolterai...


In quel grande silenzio dove arriva
l'alba dai porti delle nebbie, ai vetri
d'una casa straniera, io parlerò
della vita perduta come un sogno
e tu m'ascolterai dentro al tuo freddo
chiudendo gli occhi a poco a poco, azzurra.

Poi sopra il mondo scenderà la pace
delle tue mani, finalmente illesa
senza paura d'essere turbata.
E crederemo di portar con noi
con le prime speranze un'altra vita:
al soffio della voce ormai lontana
come la luna morta del mattino.


Alfonso Gatto

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Afferrami alla vita
Postato da Grazia01 il Martedì, 30 agosto @ 19:43:48 CEST (1117 letture)
Poesie di Pozzi Antonia






Afferrami alla vita,
uomo. La cengia è stretta.
E l'abisso è il risucchio spaventoso
che ci vuole assorbire.

Leggi Tutto... | 855 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Antonia Pozzi
Postato da Grazia01 il Martedì, 30 agosto @ 19:13:12 CEST (1166 letture)
Biografie IX

Antonia Pozzi


Figlia di Roberto, importante avvocato milanese e della contessa Lina Cavagna Sangiuliani, nipote di Tommaso Grossi, scrive le prime poesie ancora adolescente. Studia nel liceo classico Manzoni di Milano, dove inizia con il suo professore di latino e greco, Antonio Maria Cervi, una relazione che, a causa dei pesanti ostacoli frapposti dalla famiglia Pozzi, verrà interrotta dal Cervi nel 1933, procurandole la depressione - «e tu sei entrata / nella strada del morire», scrive di sé in quell'anno - che contribuirà a condurla al suicidio.
Leggi Tutto... | 3055 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Disastro interiore
Postato da Grazia01 il Martedì, 30 agosto @ 12:35:16 CEST (904 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI


Disastro interiore

Non posso scegliere
ancora, la lava
trabocca infuocata
la terra vacilla,
l’acqua travolge.
Stremata e confusa
nell’angolo tremo.
Non scelgo più niente
ho fermato la mente.


Grazia
Leggi Tutto... | 537 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I promessi Sposi
Postato da Grazia01 il Lunedì, 29 agosto @ 19:15:13 CEST (1175 letture)
Poesie e opere di Alessandro Manzoni



A Parigi il Manzoni legge, nel '19-20, l'lvanoe di Walter Scott, e si entusiasma nella scoperta della più vasta possibilità che il romanzo offre, rispetto al teatro, di rappresentare un momento della storia, e i sentimenti, le azioni, la cultura degli uomini, grandi e no, di quel momento. Il 24 aprile 1821 interrompe l'Adelchi e stende i primi due capitoli, Il curato e Fermo. E’ poi la volta dell'Introduzione. Ritorna sulla tragedia, che conclude; e il Fermo e Lucia - questo il titolo del progetto - attese la primavera successiva per riprendere la crescita. Anche perché le fonti da studiarsi, per comprendere il Seicento, erano molte.
Leggi Tutto... | 5128 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Res amissa
Postato da Grazia01 il Domenica, 28 agosto @ 20:15:13 CEST (1054 letture)
Poesie di Caproni




Res amissa


Non ne trovo traccia.
......
Venne da me apposta
(di questo sono certo)
per farmene dono.
.......
Non ne trovo più traccia.
.......

Rivedo nell'abbandono
del giorno l'esile faccia
biancoflautata...

La manica
in trina...

La grazia,
così dolce e allemanica
nel porgere...
Leggi Tutto... | 767 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il momento dell'aurora di Paulo Coelho
Postato da Grazia01 il Sabato, 27 agosto @ 13:31:15 CEST (1042 letture)
Racconti IV






Un rabbino riunì i suoi allievi e domandò loro:
“Come possiamo conoscere il momento preciso in cui finisce la notte e comincia il giorno? ”
“Quando, a una certa distanza, siamo in grado di distinguere una pecora da un cane, ” disse un ragazzino.
“In verità, si può affermare che è ormai giorno quando, a una certa distanza, siamo in grado di distinguere un olivo da un fico, ” replicò un altro allievo.
“Non sono soluzioni particolarmente convincenti. ”
“Qual'è la risposta giusta allora? ” domandarono tutti.
e il rabbino disse:
“Quando si avvicina uno straniero e noi lo confondiamo con un nostro fratello, ponendo fine a ogni conflitto. Ecco, questo è il momento in cui finisce la notte e comincia il giorno. "

Paulo Coelho
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A molti
Postato da Grazia01 il Giovedì, 25 agosto @ 23:54:42 CEST (1371 letture)
Poesie di Achmatova





A molti

Io sono la vostra voce, il calore del vostro fiato,
il riflesso del vostro volto,
i vani palpiti di vane ali...
fa lo stesso, sino alla fine io sto con voi.

Leggi Tutto... | 634 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Una piccola parola traboccante
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 24 agosto @ 21:36:09 CEST (1122 letture)
Poesie e altro di Dickinson




Una piccola parola traboccante
Che qualcuno, udendola, aveva investito
Di Ardore o di Lacrime,
Benché Generazioni passino,
Tradizioni maturino e decadano,
Come eloquente appare


Emily Dickinson
Leggi Tutto... | 672 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A Robert Schumann da Clara Wieck
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 24 agosto @ 18:56:49 CEST (1105 letture)
Lettere

A Robert Schumann da Clara Wieck

Lipsia 15 agosto 1837
Mi chiedi solo un semplice "si"? Una parola cosi' piccola - ma cosi' importante.
Come potrebbe un cuore colmo di amore ineffabile qual'e' il mio non dire questa piccola parola con tutte le sue forze?
La dice e la mia anima piu' segreta non fa che bisbigliarti.
Potessi descriverti le pene del mio cuore, le molte lacrime - oh no! Forse il destino vorra' che ci rivediamo presto e allora...
Le tue proposte mi paiono rischiose, ma un cuore innamorato non tiene conto dei pericoli.
Ancora una volta ti dico "si" che Iddio voglia trasformare il mio diciottesimo compleanno in un giorno di afflizione? Oh no! Sarebbe troppo orribile. Inoltre da tempo sento che "deve essere cosi'", nulla al mondo mi persuadera' ad allontanarmi da cio' che ritengo giusto e dimostrero' a mio padre che un cuore giovanissimo puo' anche essere risoluto nei suoi propositi.

Clara
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lu munaciello di Matilde Serao
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 24 agosto @ 16:06:36 CEST (1399 letture)
Leggende e fiabe III

Lu munaciello

La quale istoria fu così. Nell'anno 1445 dalla Fruttifera Incarnazione, regnando Alfonso d'Aragona, una fanciulla a nome Catarinella Frezza, figlia di un mercatante di panni, si innamorò di un nobile garzone, Stefano Mariconda. E come è usanza d'amore, il garzone la ricambiò di grandissimo affetto e di rado fu vista coppia d'amanti, egualmente innamorata, egualmente fedele. E ciò non senza molto loro cordoglio, poiché per la disparità delle nascite, che proibiva loro il nodo coniugale, grande guerra ferveva in casa Mariconda contro Stefano - e Catarinella, in casa sua, era con ogni sorta di tormenti dal padre e dai fratelli, torturata. Ma per tanto e continuo dolore, che si può dire gli amanti mangiassero veleno e bevessero lagrime, avevano ore di gioia ineffabile. A tarda notte, quando nei chiassuoli dei Mercanti, non compariva viandante veruno Stefano Mariconda, avvolto nell' oscuro mantello, che mai sempre protesse ladri ed amanti, penetrava in un andito nero ed angusto, saliva per una scala fangosa e dirupata, dove era facile il pericolo della rottura del collo, riesciva sopra un tetto e di là scavalcando, terrazzo per terrazzo, con una sveltezza ed una sicurezza che amore rinforzava, arrivava sul terrazzino, dove lo aspettava, tremante dalla paura, Catarinella Frezza.
Leggi Tutto... | 11664 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesia-pioggia di Carta Piccinini
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 24 agosto @ 00:08:50 CEST (1193 letture)
Poesia al femminile I





Poesia-pioggia


La poesia è pioggia gentile
che disseta e ristora.
La voce sua piana
placa e conforta;
racconta storie d'amore,
alimenta sogni nel cuore.

Leggi Tutto... | 837 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Eclissi
Postato da Grazia01 il Martedì, 23 agosto @ 23:35:59 CEST (1115 letture)
Leggende e fiabe III




Questa favola racconta dell’amore impossibile fra Sole e Luna e del loro ’incontro d’Amore che si chiama Eclissi…Un giorno Luna, triste e sola nel cielo implorava con una preghiera Dio, affinche’ le facesse incontrare il suo Sole: "Mio Dio... concedimi di vederlo solo per un attimo....solo pochi secondi per poterlo abbracciare , solo un istante... per dirgli quanto lo amo... e poter sfiorare le sue labbra con un bacio..." Ma i giorni passavano, Luna continuava la sua preghiera... tanto che un giorno Dio decise di lasciarla di arrivare fino a Sole...
Leggi Tutto... | 1924 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La storia della matita di Paulo Coelho
Postato da Grazia01 il Domenica, 21 agosto @ 21:00:57 CEST (985 letture)
Racconti IV




La storia della matita

Il bambino guardava la nonna che stava scrivendo la lettera. A un certo punto, le domandò:
“Stai scrivendo una storia che è capitata a noi? E che magari parla di me. ”
La nonna interruppe la scrittura, sorrise e disse al nipote:
“È vero, sto scrivendo qualcosa di te. Tuttavia, più importante delle parole, è la matita con la quale scrivo. Vorrei che la usassi tu, quando sarai cresciuto. ”
Leggi Tutto... | 1586 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lago in calma di Antonia Pozzi
Postato da Grazia01 il Domenica, 21 agosto @ 20:51:49 CEST (1197 letture)
Poesie di Pozzi Antonia







Lago in calma


No. Non si può salire: il vuoto enorme
grava su noi, quella gran luce bianca
arde e consuma l'anima.
Non vedi come prone
stanno le cime e come densi i pini
nella valle precipitano?
Leggi Tutto... | 1037 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 9 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 10 letture ]
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 13 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 29 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 33 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy