Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 132
Totale: 132
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: coppermine
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: coppermine
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: News
25: Home
26: coppermine
27: coppermine
28: Statistics
29: coppermine
30: coppermine
31: Home
32: Home
33: Stories Archive
34: Home
35: Stories Archive
36: Home
37: coppermine
38: Stories Archive
39: Home
40: Home
41: Home
42: News
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Forums
49: Home
50: Home
51: coppermine
52: Home
53: Home
54: Home
55: Surveys
56: Home
57: coppermine
58: Home
59: Home
60: Home
61: coppermine
62: Home
63: Home
64: News
65: News
66: News
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Stories Archive
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: News
78: Home
79: News
80: Home
81: Home
82: Your Account
83: News
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home
89: coppermine
90: Home
91: Home
92: Home
93: Search
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: News
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Statistics
110: coppermine
111: Search
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: coppermine
117: News
118: Home
119: coppermine
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Search
125: Home
126: Stories Archive
127: Home
128: Home
129: Home
130: News
131: Home
132: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9085
  · Viste: 1925851
  · Voti: 432
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Alla sera
Postato da Grazia01 il Sabato, 24 settembre @ 21:11:45 CEST (961 letture)
Poesie e opere di Ugo Foscolo









Alla sera


Forse perché della fatal quïete
Tu sei l'imago a me sì cara vieni
O sera! E quando ti corteggian liete
Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquïete
Tenebre e lunghe all'universo meni
Sempre scendi invocata, e le secrete
Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme
che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme

Delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
Quello spirto guerrier ch'entro mi rugge.

Ugo Foscolo

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


GIARDINO D'AMORE
Postato da rosarossa il Venerdì, 23 settembre @ 20:33:47 CEST (1269 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VI




GIARDINO D'AMORE



Meraviglioso giardino fulgente di luce,
nel tuo cuore coltivo
le rose scarlatte, le verdi speranze,
i sogni incantati, ma durano poco!
Desta dai sogni finisce l'incanto
tu muti impietoso nel tempo e
spegni ogni gioia d'amore.
Non vedo più rose vermiglie;
il sole si cruccia,
non scalda, non brilla,non bacia la terra.
Petali morti giacciono sul suolo
che il vento d'autunno porta via lontano!
Petali morti, si, petali morti!
Ma sono ricordi vivi ed eloquenti che nel pensiero
conversano col cuore
indietro mi portano e con intermittenza
mi mostrano questo ingrato sentimento.
Un barlume di gioia, un mare di dolore!
Cos'è l'amore?
L'amore è un punto luce che abbaglia,
brucia, illumina la vita .
Quando finisce carbonizza il cuore o lascia
un'inguaribile ferita!


Rosarossa
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La Pulzella di Prescott
Postato da Paolo il Venerdì, 23 settembre @ 19:56:26 CEST (5639 letture)
Le opere di Paolo II
Sean Connery e Audrey Hepburn sono due bravi attori. Insieme, hanno recitato in ‘Robin and Marian’. Altri film si proiettano sugli schermi della Storia, più importanti. La Summa storica la scrive Dante che vede tutti al loro posto. ‘Julius Caesar’ è famoso, più che altro, per l’orazione funebre di Mark Anthony – Marlon Brando. ‘Junior Bonner’ è interpretato da Steve McQueen.


Leggi Tutto... | 12928 bytes aggiuntivi | 5 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La natura morta nel Settecento
Postato da Grazia01 il Venerdì, 23 settembre @ 10:16:06 CEST (1232 letture)
ARTE II
continua da

La natura morta nel Settecento

Dopo l'apice raggiunto durante il Seicento, i quadri di natura morta prodotti durante il Settecento risentono di una certa stanchezza compositiva e della mancanza di spunti originali. L’illuminismo fortemente contrastato delle tavole imbandite fiamminghe secentesche cede il posto a una maniera spesso ripetitiva e poco innovativa, con soltanto alcuni picchi di rilievo.




Luis Eugenio Meléndez, Natura morta con fichi, particolare, Louvre, Parigi,





Luis Eugenio Meléndez Natura morta, collezione privata.

Entrambi i dipinti sono solari, illuminati di viva luce, analoga a quella percepita dal pittore spagnolo a Roma e Napoli, città in cui ebbe modo di soggiornare a lungo.

La natura morta fiamminga tende a essere ripresa come modello di base per diventare ancor più ridondante e, in taluni casi, ai limiti del kitsch. Già a partire dalla seconda metà del Seicento, e ancor di più nel corso del Settecento, le opere si svuotano progressivamente del significato simbolico e moralizzante per assumere un carattere più propriamente decorativo. Molti sportelli e ante di mobili o armadi sono dipinti di natura morta adattati al nuovo supporto, e dunque ormai definitivamente relegati al rango di genere minore, anche se tra questo tipo di ornamento troviamo veri e propri capolavori, come due librerie di Giuseppe Maria Crespi e un paracamino di Jean-Baptiste- Siméon Chardin. Si possono ravvisare delle analogie con la funzione d'esercizi prospettici e trompe-I'oeil tipici delle tarsie lignee quattrocentesche, ma ormai il genere sembra essere appannaggio dei pittori "generisti" nel senso diminutivo del termine, pur annoverando esempi di prim'ordine come Luis Meléndez.
Leggi Tutto... | 3814 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il caso Jane Eyre
Postato da Grazia01 il Giovedì, 22 settembre @ 21:28:57 CEST (1029 letture)
Recensioni III

..”Ci sono due scuole di pensiero circa la consistenza del tempo. La prima sostiene che il tempo è altamente volatile e ogni più piccolo evento modifica il possibile futuro della terra. La seconda ritiene che il tempo sia rigido: nonostante ogni sforzo, rimbalzerà sempre verso un presente determinato. Quanto a me, non mi curo di queste frivolezze. Mi limito a vendere cravatte a chiunque ne voglia comprare…”

Jasper Fforde (Il caso Jane Eyre)
Leggi Tutto... | 2510 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


PAROLE
Postato da Grazia01 il Giovedì, 22 settembre @ 09:51:54 CEST (915 letture)
Poesie preferite






PAROLE


Vibrazioni
di una canzone senza musica,
a volte mute
nella nostra mente
a volte espresse
in uno scambio corale.
Note stridule,
dolci,
concitate,
pacate
in un concerto infinito
che non smetterà mai di suonare.


Iole
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Netta e silente ...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 21 settembre @ 19:02:30 CEST (1468 letture)
Poesie di Auden






Netta e silente nella
chiara luce di un mattino
d'ottobre, una domenica,
giace la grande città;
e io da una finestra
guardo oltre l'acqua il mondo
degli Affari con gli occhi
d'un innamorato.

Leggi Tutto... | 4006 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La notte parla
Postato da Marhiel il Mercoledì, 21 settembre @ 18:35:32 CEST (988 letture)
Le poesie di Mariella Mulas II








La notte parla…
Parla, di fronde
smosse dal vento,
di buio attraversato
da piccoli lumi
a riflettere misteri
nei soffi di aliti vaganti.
Parla... di battiti allegri
o pulsanti timori
nel gioco d’azzardo che è il vivere,
di emozioni nel tepore dell’amore,
o lungo vie spettrali di fuochi
per freddi attimi di sensi.
La notte parla,
ingombrante di sogni
nascosti nei cassetti
della coscienza,
di pudore di sorrisi
avvolti da timidezze
nel rincorrere illusioni
in affanno con il tempo.
La notte … sussurra..
nel silenzio della solitudine
ad aspettare l’alba
per alleviare il rumore di pensieri
e riconoscere il fiato
delle esistenze indifese
anche al sole,
e che vanno srotolandosi
come gomitoli,
spesso sfilacciati e nodosi,
sino alla fine,
consegnandole, ormai,
stanche di rassegnati sospiri
alle maglie oscure finali
dell’incombente destino.


Mariella Mulas

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L'onda
Postato da Grazia01 il Martedì, 20 settembre @ 19:40:57 CEST (848 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI








L’onda

Un’onda scura avanza minacciosa
fuggo per non esserne sommersa
siamo in tanti ad arrancare stanchi
le facce livide gli occhi ubriachi
manca l’energia, il fiato concentri
vorrei lasciarmi andare come fanno altri
avanzo con la forza della disperazione
lo sguardo non sa prender direzione
Dove trovare salvezza in questa nebbia?
Passa una nave con musiche e bandiere
ma non è per noi, gente senza potere
ci vedono e ridono delle nostre pene
siamo solo sardine in mezzo alle balene.


Grazia
Leggi Tutto... | 143 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Non sa, la barca, risalire il fiume.
Postato da Grazia01 il Martedì, 20 settembre @ 18:11:01 CEST (1268 letture)
Poesie di Maria Luisa Spaziani









Non sa, la barca, risalire il fiume.
Nessun vento contrasta la rapida.
Felicità, gonfiavi le mie vele.
Ora smorte ricadono in lamenti.

Ma sarebbero ancora le parole
l'essenziale energia. Quel silenzio
che sempre è il limo fertile del verso,
ora è puro veleno.


Maria Luisa Spaziani


Biografia
Leggi Tutto... | 143 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ugo Foscolo
Postato da Grazia01 il Martedì, 20 settembre @ 15:32:36 CEST (1460 letture)
Biografie IX



Nato nel 1778 a Zacinto, un’isoletta del Mar Ionio che era sotto il dominio di Venezia ma apparteneva al mondo greco, muore solo, senza nessun affetto in esilio in Inghilterra nel 1827. E’ ateo. Il padre forse era un aristocratico veneziano decaduto e diventato medico. La madre è Diamantina Spatis, greca. La nascita in un’isola greca, da madre greca avrà un grande significato nella vita del Foscolo. Famiglia sventurata: quando lui ha 10 anni muore il padre: è costretto a diventare responsabile della madre e dei fratelli (comincia a formarsi in lui il problema della figura del padre); si trasferisce a Venezia con tutta la famiglia: inizia a studiare più che altro come autodidatta: rimane colpito dalla letteratura e dalla filosofia classica; studia anche le tematiche approfondite dagli illuministi contemporanei; desideroso di gloria e di successo, amante del lusso e dei piaceri, attratto e affascinato dall’aristocrazia = avrà storie d’amore con bellissime nobildonne aristocratiche: lui però non era ricco ma affascinante e anticonformista (capelli rossi) e soprattutto molto dotto.
Leggi Tutto... | 2214 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il mio nome significa “luce” (fos) e “bile” (cholos)
Postato da Grazia01 il Martedì, 20 settembre @ 11:41:12 CEST (1031 letture)
Poesie e opere di Ugo Foscolo





“Or da che mi s’è fatta innanzi anche questa altra necessità trista di parlare di me, mi distrigherò di alcune … spinose minuzie, e che pur sono tenaci dove s’appigliano a conferire infamia al mondo”.
“Di volto non bello ma stravagante, e d’una aria libera, di crini non biondi ma rossi, di naso aquilino e grosso ma non picciolo e non grande: d’occhi mediocri ma vivi, di fronte ampia, di ciglia bionde e grosse e di mento ritondo. La mia statura non è alta, ma si dice che deggio crescere; tutte le mie membra sono ben formate dalla natura, e tutte hanno del ritondo e del grosso. Il portamento non scuopre nobiltà né letteratura, ma è agitato trascuratamente.”
Leggi Tutto... | 3177 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pergolato di glicini
Postato da Grazia01 il Domenica, 18 settembre @ 20:32:40 CEST (1496 letture)
Poesie di Negri




Il pergolato di glicini


Solaria,
il vento del sud scrolla e devasta
il tuo pergolato di glicini.
Ne piombano a terra i corimbi,
chicchi violetti di grandine,
pesanti d'un peso di morte.
Così a te traboccan dagli occhi,
nell'ora del torbido amore, le lacrime;
ma non si raccoglie il pianto d'amore,
non si raccolgono i fiori caduti del glicine.


Ada Negri

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


ADDIO SUL LUNGOMARE
Postato da Anonimo il Domenica, 18 settembre @ 18:18:06 CEST (1185 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa VI










ADDIO SUL LUNGOMARE

L'orizzonte già s'inbruna, s'increspa il mare.
Il cielo muta il suo colore azzurro vivo in grigio nero.
Sono impietrita dal dolore,
attonito lo sguardo mio ti segue,
veloce come freccia una vettura mi dà l'ultimo
saluto e si allontana.
Sei tu che voli per mai più tornare.
piange il cuore, vedo buio,
affonda nell'abisso il mio pensiero
s' imbeve l'anima di amaro sale
da te sperava solo un po' d'amore!
Mi lasci il tuo bonario sorriso e
in fondo al mare,
sepolto l'amore.


ROSAROSSA
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Strappi
Postato da Letty il Domenica, 18 settembre @ 18:06:32 CEST (1097 letture)
Le poesie di Letty - II








Vorrei cucire questi strappi che ho sull’anima,
ma non ho più il filo del tuo amore…
così apro le finestre del mio cuore
per lasciar entrare il vento a dondolarli un po’…
illudendomi ancora…


Letty
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


E' finita l'estate...
Postato da Grazia01 il Domenica, 18 settembre @ 17:00:32 CEST (983 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni IV

“E' finita l'estate amica mia” disse il colombaccio
“Parla per te” rispose la rondine, io non conosco autunno o inverno, non so cosa siano, vado sempre incontro alla primavera in attesa che i lunghi tramonti d'estate salutino i miei voli”.
”Vai sempre in cerca? tu la fedeltà non sai cosa sia!”
“Ti sbagli mio caro, nessuna è più di me fedele, nemmeno Penelope dalle bianche guance e dal peplo nero, ...proprio come le mie piume, a me volle somigliare; nessuna è più di me fedele, sempre torno al mio nido, non conosco l'abbandono o il tradimento”
“Eppure parti e vai sempre in cerca di nuove primavere”
“Vero, dunque tu fa che sia sempre primavera sulla punta delle tue ali e dei colori dell'estate tingi i tuoi voli, del suo alito caldo fammi sentire l'abbraccio, vedrai non partirò più”.

Mario Tommaso Carnevale Di Mugno
( La Rondine e il Poeta © MarioTCDm-Pontedoro)
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'urlo
Postato da Letty il Sabato, 17 settembre @ 19:45:35 CEST (826 letture)
Le poesie di Letty - II






C'è un urlo nascosto dentro di me
è lì che vorrebbe uscire
perché troppe cose non vanno
troppe volte la mia anima ha sanguinato
senza che mai nessuno si prendesse cura di lei...
c'è un pensiero chiuso dentro un cassetto
che si coccola tutti i miei sogni infranti
li accarezza dolcemente quasi a volerli consolare...
quell'urlo riaffiora tutte le volte che sento un no
che la tristezza si prende anche l'ultimo respiro...
ci sono parole che si sono perse tra i meandri del buio
in questi momenti in cui piove
dentro e fuori
momenti in cui l'unica cosa che puoi fare è ridere
ridere a crepapelle
per fingere
fingere
fingere
e allora senti montare dentro quell'urlo...
si prende tutto
esplode
immenso
ma rimane nascosto
mentre le lacrime scendono
e piove...

Letty
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


CHISSA’ SE VEDRO’ IL MIRACOLO
Postato da Grazia01 il Venerdì, 16 settembre @ 19:03:58 CEST (1248 letture)
Poesie di Baldo Bruno







CHISSA’ SE VEDRO’ IL MIRACOLO


Chissà se vedrò il miracolo,
un mondo con una sola bandiera!
Ma or tutto sembra un inganno,
non c’è nemmeno il cielo azzurro di vetro
ed una margherita bianca da sfogliare.
Che fa l’uomo?
Si è perso nel progresso dell’illusione
ove i sentimenti non potranno cercarci.


Baldo Bruno

Biografia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Victoria Ocampo a Rabindranath Tagore
Postato da Grazia01 il Venerdì, 16 settembre @ 10:18:57 CEST (1305 letture)
Lettere





Victoria Ocampo a Rabindranath Tagore

San Isidro, 6 gennaio 1925

Caro Gurudev,
Ieri sono andata a casa tua ( Miralrio ). Lo ammetto, non è stata una cosa molto saggia. Il tramonto faceva capolino sopra la scala e sapevo che mi stava aspettando nella tua stanza vuota. Uno spaventoso senso di solitudine mi ha perseguita da quando ho lasciato te e la Giulio Cesare, e speravo di raccogliere alcune briciole della mia recente felicità nella casa dove avrei vissuto. Ma le cose non possono confortare. Rendono tutto peggio.
Leggi Tutto... | 2158 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ad una donna
Postato da Anonimo il Venerdì, 16 settembre @ 10:08:08 CEST (1134 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II







Ad una donna


Per poco tempo accanto a te

quasi smarrito

rapito dai tuoi begli occhi

sento lieve ogni mia pena

ma il destino

a me sempre avverso

da te ad un tratto mi divise

e rimasero speranze i miei desideri.





r.chesini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.5


Paura d'invecchiare?
Postato da Grazia01 il Giovedì, 15 settembre @ 20:38:28 CEST (959 letture)
Riflessioni III


Le varie fasi della vita, il loro modo di viverle, il corretto rapporto con l’idea della morte sono fattori che influenzano in maniera sensibile la qualità della vita e quindi è giusto che abbiano un posto rilevante nelle nostre riflessioni. Nel De Senectute Cicerone diceva che “nessuno è tanto vecchio da non sperare di vivere ancora un giorno né alcuno tanto giovane da essere sicuro di vivere ancora un giorno”. In questa frase, che ricorda quella del bicchiere mezzo vuoto e mezzo pieno che ci consente di distinguere ottimisti da pessimisti, è racchiusa la propensione al timore di invecchiare e al panico che l’idea della morte può generare.
Leggi Tutto... | 4032 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


RACCOLTA DI CHIOCCIOLE - di Giuseppe Bonaviri
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 settembre @ 19:41:08 CEST (4620 letture)
Poesie d'autore I






RACCOLTA DI CHIOCCIOLE

Dopo che piovve abbondantissimamente
sull'altopiano in sassi crisopazi
e cantò la civetta dall'albero millicucco,
i due ragazzi e le tre bambine
andarono in cerca - con lumelli
di luna nel paniere -
di chiocciole, lumachelle e grilli.
Orlando giovane paladino errante
addormentato nella casa
per la finestrella mandava fortissimo
lo scintillio delle armi. La madre
dei ragazzi per l'aperta campagna
già in sera pregava la terra
e l'onnipotente Dio Macone.


Giuseppe Bonaviri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Balcone di Maurizio Cucchi
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 settembre @ 19:26:03 CEST (4836 letture)
Poesie d'autore I






Balcone
Seduto come un vecchio sul balcone
guardavo con invidia le volate
e poi le ricopiavo sul pavimento rosso.
Lei, forse offesa per la mia luna, mi diceva:
"Non c'è la mamma, ma è per poco.
Sembra che qui sei sulle spine,
ma perché?"

Perché c'è un arco chiaro, un'ala enorme
che ci tocca dentro, e io divento
quest'abulia sospesa e questo guscio
pieno di fessure.


Maurizio Cucchi
Leggi Tutto... | 2115 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Certi Argomenti - Giovanni Verga
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 settembre @ 16:07:57 CEST (1573 letture)
Racconti di Verga




Certi Argomenti

C'era un aneddoto che dopo più di un anno, faceva ancora le spese della conversazione alla tavola rotonda dell'Albergo di Russia, a Napoli, quando i tre o quattro ospiti che tutti gli anni solevano trovarsi al medesimo posto, dal cominciar del novembre alla fine di maggio, rimanevano faccia a faccia, col sigaro in bocca e i gomiti sulla tovaglia.
A quella medesima tavola s'erano incontrati un tale Assanti, uomo elegante ed uomo di spirito, ed una signora Dal Colle, donna elegante e donna di spirito, un po' civetta, capricciosa e bizzarra, sul conto della quale si raccontavano certe storielle singolari, ben inteso senza provarne una sola, e che veniva ad epoche fisse, come una rondine, da Baden, da Vienna o da Parigi.
Leggi Tutto... | 21361 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Naufraghi
Postato da Grazia01 il Lunedì, 12 settembre @ 20:16:31 CEST (1239 letture)
Poesie di Pozzi Antonia




Naufraghi


Naufraghi sugli scogli,
ognuno narra
a sè solo - la storia
di una dolce casa
perduta,
sè solo ascolta
parlare forte
sul deserto pianto
del mare -


Leggi Tutto... | 280 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


E nato all'improvviso...Oriana Fallaci
Postato da Grazia01 il Domenica, 11 settembre @ 09:14:46 CEST (1185 letture)
Letture varie III

È nato all' improvviso. È scoppiato come una bomba. Inaspettatamente come la catastrofe che il mattino dell'11 settembre 2001 ha incenerito migliaia di persone e dissolto due degli edifici più belli della nostra epoca: le Torri dello World Trade Center. La vigilia della catastrofe pensavo a ben altro: lavoravo al romanzo che chiamo il-mio-bambino. Un romanzo molto corposo e molto impegnativo che in questi anni non ho mai abbandonato, che al massimo ho lasciato dormire qualche mese per curarmi in ospedale o per condurre negli archivi e nelle biblioteche le ricerche su cui è costruito. Un bambino molto difficile, molto esigente, la cui gravidanza è durata gran parte della mia vita d'adulta, il cui parto è incominciato grazie alla malattia che mi ucciderà, e il cui primo vagito si udrà non so quando.
Leggi Tutto... | 2840 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


11 settemre 2001 - Ultimo a uscire
Postato da Grazia01 il Domenica, 11 settembre @ 08:31:07 CEST (1559 letture)
In ricordo

Quando sono entrato nel Dipartimento dei vigili del fuoco di New York, all'inizio degli anni '70, ogni volta che un pompiere moriva in servizio si usava trasmettere quattro volte di seguito una sequenza di cinque rintocchi di campana, attraverso il sistema interno di altoparlanti. Allora si fermavano tutti, qualunque cosa stessero facendo, per rispettare un minuto di silenzio mentre risuonava quella sequenza. Cinque rintocchi, quattro volte di seguito. Ogni volta che mi accadeva di sentirli, quel momento mi sembrava più dolce e nello stesso tempo più amaro della volta precedente, perché ogni suono di quella sequenza portava con sé il ricordo di tutti i vigili del fuoco morti in passato, insieme a quello di chi era caduto in servizio quel giorno. Negli ultimi tempi le campane sono cadute in disuso, perché ora possiamo contare su altri sistemi di comunicazione, ma il segnale rimane. Il richiamo dei« Quattro Cinque », trasmesso da un pompiere a un altro, segnalerà sempre la perdita di un fratello, e non c'è nulla che possa rimpiazzare quei rintocchi. Non dimenticherò mai il timbro mesto di quei cinque tocchi di campana, ripetuti quattro volte, che sentii suonare per dodici volte di seguito dopo il leggendario incendio del supermercato Waldbaum, a Brooklyn, nell'agosto del 1978, quando perdemmo dodici uomini in gamba, e tutte le caserme della città rimasero in silenzio mentre contavamo quei duecentoquaranta rintocchi. E non dimenticherò mai le campane che non abbiamo udito 1'11 settembre 2001, quando il nostro, paese piombò nel caos, la nostra città andò in rovina e 343 dei nostri fratelli morirono tra le macerie del World Trade Center. Non ci fu il tempo per far suonare le campane per quei valorosi soldati, e troppo pochi di noi erano rimasti per ascoltare quei rintocchi. «Non esiste gesto d'amore più grande che dare la vita per il prossimo », recita il motto che viene invocato ai funerali e alle cerimonie di commemorazione di vigili del fuoco; un tributo che è sempre echeggiato nelle caserme dei pompieri di New York, mentre risuonavano solenni quei rintocchi di campana.

da Ultimo a uscire di Richard Picciotto, pompiere di New York
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La rivincita degli incompresi
Postato da Grazia01 il Sabato, 10 settembre @ 20:11:28 CEST (1533 letture)
Letture varie III

La rivincita degli incompresi


Troppo timidi, troppo originali o spaventati dalle sfide? Tutti lo siamo. Risultato: finiamo per essere (o sentirci) sottostimati. Oggi è considerato un grande nome della letteratura italiana. Ma in vita non ebbe il riconoscimento che avrebbe desiderato: il suo unico romanzo venne pubblicato un anno dopo la sua morte.
Il libro era Il Gattopardo, e il suo autore Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Un grande ... incompreso: è rimasto famoso il giudizio di un altro scrittore, Elio Vittorini, che respinse il romanzo per l'editore Einaudi (spiegando a Tomasi, in una lettera, che lo trovava non "sufficientemente equilibrato nelle sue parti"), pur consigliando invece a Mondadori di assicurarsi il libro ... dopo una revisione dell'autore.
Leggi Tutto... | 15233 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Comportarsi come un bambino
Postato da Grazia01 il Sabato, 10 settembre @ 14:01:02 CEST (1202 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II


" La gioventù è una cosa meravigliosa. Che crimine rovinarla nei giovani"
(George Bernard Shaw)

Baudelaire descrisse il genio come la gioventù ritrovata. Aveva ragione: è il ragazzo che ha il V d. e
che è creativo non l'adulto.


Leggi Tutto... | 1722 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


quante volte... di Cesare Pavese
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 settembre @ 13:02:47 CEST (1489 letture)
Letture varie III

...ma quante volte avevo visto passare le carrette rumorose con su le sediate di donne e ragazzi, che andavano in festa, alla fiera, alle giostre di Castiglione, di Cossano, di Campetto, dappertutto, e io restavo con Giulia e Angiolina sotto i noccioli, sotto il fico, sul muretto del ponte, quelle lunghe sere d'estate, a guardare il cielo e le vigne sempre uguali. E poi la notte, tutta la notte per la strada si sentivano tornare cantando, ridendo, chiamando attraverso il Belbo. Quasi godevo se veniva un temporale, il finimondo, di quelli d'estate, e gli guastava la festa.
Leggi Tutto... | 1792 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Con il tempo ho imparato... [ 0 commenti - 10 letture ]
 Sognare [ 0 commenti - 9 letture ]
 addio Casatea [ 0 commenti - 100 letture ]
 Milano mia [ 0 commenti - 45 letture ]
 COME MUORE UN ANZIANO OGGI? [ 1 commenti - 74 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 27
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy